La ragnatela

Con un micidiale unodue Giorgio Israel mette al tappeto la scuola finlandese.

In fondo però il suo bersaglio è un altro: assaltare in sancta sanctorum dei test, un sistema le cui risultanze internazionali glorificano proprio quella scuola.

La pars destruens di Israel è convincente. Oltretutto non sarò certo io ad opporre resistenza quando nel mirino ci sono le presunte armi miracolose della burocrazia.

Peccato che la pars construens sia deboluccia e, non per niente, confinata sempre in un angolino. A quanto pare ci toccherebbe restare ancorati ad occhiuti ispettori incaricati di saggiare la qualità delle nostre scuole somministrando la giustizia dall’ alto del loro “sapere riconosciuto”. Un po’ come adesso, insomma.

Detto in altri termini: insegnanti che controllano altri insegnanti. Chi si presume “sappia” che verifica il sapere di chi si presume “sappia”.

Balza alla mente la domanda canonica: ma chi controlla i controllori?

E per restare ancora nell’ ambito delle verità proverbiali aggiungo: ma non lo sa Israel che “cane non morde cane”?

A puntello della malferma costruzione viene invocata anche l’ “auto-responsabilità dell’ insegnante”. Ma così facendo si costruisce sulle sabbie mobili, l’ auto-responsabilizzazione funziona bene con i Santi, in altri ambiti sarebbe meglio non contarci troppo.

Le intenzioni di Israel sono per la verità lodevoli, lui vorrebbe una scuola con l’ insegnante al centro. Ma non è la scuola di adesso? I sindacati che spadroneggiano e contro cui inveisce a ragione lo stesso Israel cosa sono se non i rappresentanti degli insegnanti? Già, è vero, lui vorrebbe mettere al centro l’ “insegnante buono” ma l’ “insegnante buono” più che la soluzione è il problema. Come identificarlo? Anche chi ha contribuito a plasmare il deprecabile panorama odierno era impegnato a lastricare quella strada, salvo accorgersi che conduceva all’ inferno.

Israel ha ragioni forti, i suoi critici altrettanto, siamo all’ impasse?

Non direi, siamo invece alla soluzione più naturale: smettiamola di fissare ossessivamente la nostra attenzione sulla scuola e spostiamola sulla società.

Il sistema è complesso quanto puo’ esserlo un’ intricata ragnatela, in questi casi si agisce efficacemente solo agendo su fili distanti dall’ epicentro dei guai.

Spingiamo allora per una società giusta e meritocratica, è facile (!?), basta ambire ad una società libera con politici insensibili alla moltitudine di piagnistei mascherati da “rivendicazione di diritti”. Il resto lo faranno le famiglie, sarà loro interesse optare per la scuola più adatta ai figli. Saranno loro a “selezionare”, a “valutare”, a “scremare”… lo faranno senza l’ uso cieco di esoterici marchingegni burocratici poco affidabili, lo faranno sgombre dal velo obnubilante di un patente conflitto d’ interessi. 

kindra-clineff-gate-with-spider-web-the-breakers-newport-ri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...