Una risonanza non si nega a nessuno.

Mi sono occupato di una paziente di 23 anni che aveva sofferto per lunghi mesi di dolori alla schiena prima che un neurologo le prescrivesse una risonanza magnetica, aspettandosi un’ ernia al disco. Ho trovato invece un cancro alle ovaie espanso fino alla spina dorsale… La paziente, sottoposta ad un impegnativo intervento chirurgico e ad una massiccia chemioterapia, è stata curata dalla provvidenza…

 

Dr. Mark Siegel

Per capire cosa sia la Sanità oggi bisogna innanzitutto ficcarsi in testa questo concetto: praticamente tutti gli esami medici esistenti potrebbero essere in qualche modo decisivi per curarvi, anche se quasi sicuramente saranno inutili. Lo stesso dicasi per la consultazione degli specialisti.

Aggiungo solo che sia gli esami che i servizi resi dallo specialista hanno costi elevati… di più!

Tutto cio’ è un portato dell’ abbondanza: ieri non esistevano queste possibilità e non esistevano quindi nemmeno tutti i problemi connessi all’ abbondanza.

Una volta il mondo era più semplice: per le infezioni c’ erano gli antibiotici, per le malattie più gravi le vaccinazioni. Il resto non era granché e si poteva anche crepare in pace.

Visto come stanno le cose, la cura si trasforma puntualmente in un inferno per il budget di chi si affida al principio di precauzione, e in campo sanitario il bias della precauzione è diffusissimo. Se poi, come dice Hanson, la spesa sanitaria è diventata essenzialmente “segnale del prendersi cura”, il baratro finanziario è dietro l’ angolo!

Fare o non fare un esame?

La razionalità imporrebbe calcoli astrusi e innaturali (alberi di probabilità, indicizzazioni, formule di bayes…). Meglio allora lasciarla perdere ed affidarsi al principio di precauzione. Così ragionano un po’ tutti in questo ambito.

Se nel 2011 dite ad un medico: “questo è il tuo paziente, sta male, esegui la diagnosi e la terapia che ritieni più opportune”, lui sarà facilmente in grado di giustificare la spesa di un’ autentica fortuna, e lo farà senza indugio, specie se lo minacciate con possibili denunce qualora fallisca nell’ intento.

L’ abbondanza ci ha messo in crisi, siamo all’ angolo.

Tutto sommato l’ Europa riesce ancora a porre un freno a questa deriva poiché l’ accesso alle cure e agli esami non è libero ma razionato tramite l’ intermediazione del medico. Un noto primario ebbe a dire in un’ eloquente intervista: “il governo ci dica qual è il budget e noi medici ci adegueremo”. Parole sante che spiegano bene come funziona da noi. Il medico è un sacerdote intermediario riconosciuto dal Potere che somministra la “credenza” e controlla il popolo dei malati.

Anche i “segnalatori” più indefessi si tranquillizzano se il loro “medico di fiducia” non ordina certi esami.

Skeletor_rootcanal

Ma gli USA, essendo un paese libero, hanno un accesso libero alle cure: paga l’ assicurazione.

E si capisce allora come la spesa sanitaria sia esplosa: quando tizio si ammala si presenta dal medico e chiede di essere curato, poiché il conto verrà saldato dall’ assicurazione, il medico si sbizzarrisce, le uniche statistiche che avrà in testa sono quelle relative alle denunce di malpractice.

Cresce la spesa, cresce il costo dell’ assicurazione, crescono i non assicurati.

D’ altra parte, che gli americani godano di maggiori cure mediche non è poi così evidente. Al margine il miglioramento in termini di salute (e minor sofferenza) è minimo. Gran parte della spesa serve a “segnalare il prendersi cura”. Il colpo di grazia, poi, lo dà uno stile di vita insalubre. L’ osservatore dei dati resta confuso e pensa ad una cattiva organizzazione del sistema, non parliamo poi dell’ osservatore “ideologizzato”.

Eppure, la maggiore quantità e qualità dell’ offerta sanitaria d’ oltreoceano sembra un dato ormai acclarato.

Per carità, una domanda così forte di “salute” ha anche aspetti positivi: gran parte dell’ innovazione nel settore si finanzia ormai quasi esclusivamente su quel libero mercato, l’ unico nel mondo che tiri veramente. Noi europei in questo siamo free rider che campano da decenni importando i frutti del dinamismo yankee in campo sanitario.

Al mercato non si puo’ rinunciare, pena l’ immobilismo.

Come rimediare?

Fare in modo che il malato paghi anche di tasca sua: alzare la franchigia assicurativa lasciando che le compagnie si occupino solo di eventi catastrofici (sopra i 30.000 euro?). Insomma, trasformare la “copertura dei costi sanitari” – ora incentivata in vari modi – in una vera “assicurazione sanitaria”.

***

Ottima lettura il libro scritto sul tema da Arnold Kling: crisi d’ abbondanza. Fa il punto con chiarezza su cos’ è e come funziona la sanità oggi nel mondo. Per chi invece vuole trepidare ed indignarsi anziché capire, non resta che stare al palo dell’ aneddotica scandalista in stile Gabanelli/Lucarelli. Con tutti i fari puntati sulla scena del delitto.

Annunci

One thought on “Una risonanza non si nega a nessuno.”

  1. non so valutare il quadro generale, ma a proposito di risonanze porto solo un piccolo contributo, che traggo dal mio recente incontro col fisico che studia le radiazioni:
    “i rifiuti degli ospedali in Italia costituiscono il grosso delle scorie radioattive”
    Radioisotopi per diagnosi medica /radioisotopi per terapia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...