La vita è sacra?

Il quinto comandamento sembra proprio il più semplice:

non uccidere

In altri termini: la vita è sacra.

Ma lo è davvero sempre?

Quando mi pongo questa domanda non penso all’ aborto, alla legittima difesa o alla pena di morte, ma a qualcosa di ancor più radicale, qualcosa che sembra mettere davvero in questione la sacralità della vita.

***

Parliamo di trapianto dei cervelli. Per entrare in atmosfera propongo un primo caso semplice semplice.

Giovanni e Giuseppe sono due gemellini nati con parecchi problemi. Giuseppe ha il cervello gravemente lesionato ed è praticamente un bambino morto. Giovanni ha un cervello funzionante ma un corpo martoriato. I medici, con l’ assenso dei genitori, decidono di trapiantare il cervello di Giovanni sul corpo di Giuseppe (ormai morente) migliorando decisamente le sue condizioni di vita.

Il caso presentato non sembra comportare problemi: i genitori potranno consolarsi con il bambino sopravvissuto, ovvero Giovanni. Che si tratti di lui non ci piove, il cervello porta con sé tutto il vissuto della persona (psicologia, esperienze, talenti…).In altri termini, il cervello è quasi sempre seguito dall’ identità.

Giuseppe ci ha lasciato, pace all’ anima sua. Nessuno ha ucciso nessuno. La vita è sacra. Il quinto è rispettato.

Ma veniamo ad un caso un po’ più delicato.

Nascono tre gemellini con gravi problemi: Giovanni, Giuseppe e Giacomo. Giuseppe e Giacomo hanno un emisfero cerebrale lesionato, mentre il corpo di Giovanni è gravemente compromesso. Si decide così di disconnettere i due emisferi del cervello di Giovanni e trapiantare il primo nel corpo di Giuseppe in sostituzione di quello danneggiato. Il secondo andrà a Giacomo. Siamo stati fortunati, i trapianti sono compatibili.

Al termine di questa operazione avremo due bambini sani, ma chi sono? Il loro cervello è un misto proveniente da soggetti diversi.

Sarei portato a dire che i due sopravvissuti sono Giuseppe e Giacomo. Dopo tutto mezzo cervello è ancora loro e nel trapianto sono i riceventi.

Ma se i due bimbi sono Giuseppe e Giacomo, Giovanni non c’ è più. L’ abbiamo ucciso nell’ operazione violando il quinto. Eppure non ci sentiamo in colpa, forse le cose non stanno proprio così.

Terzo caso.

Stessa situazione del secondo, senonché Giuseppe e Giacomo stanno morendo, il loro cervello è compromesso. Si decide di espiantarlo e di trapiantare un emisfero cerebrale di Giovanni sul corpo di Giuseppe, e l’ altro sul corpo di Giacomo. Forse già sapete che si puo’ vivere abbastanza bene anche con un solo emisfero opportunamente supportato.

Ma chi sono i due sopravvissuti? Boh. Io direi che sono due soggetti nuovi: Gerardo e Gianluca.

Anche in questo caso Giovanni è fatto fuori senza tanti sensi di colpa. Oppure no? Oppure dovremmo averne?

Giovanni a quanto pare è morto, dobbiamo considerarlo tale anche se Gerardo e Gianluca vivono con il suo cervello.

[Se vivere con mezzo cervello di Giovanni ti conferisce l’ identità di Giovanni, allora esisterebbero due Giovanni e la persona non sarebbe individuata. Mmmmm… ma come potremmo pensare anche solo al Giudizio Universale se davvero esistessero persone “non individuate”. No, al credente ripugna l’ ipotesi dei “due Giovanni”, meglio metterla da parte]

L’ abbiamo dunque ucciso. Ma questa morte conta? quella vita era sacra? Il nostro destino è l’ inferno per aver violato il quinto?

twin

p.s. Il trapianto del cervello ancora non è fattibile ma non si puo’ escludere che in futuro lo sia. Inoltre il cervello è effettivamente diviso in due emisferi che hanno funzionamento autonomo e in teoria si possono disconnettere. Nella realtà i due emisferi poggiano su una base comune, possiamo ipotizzare che questa base sia in futuro riproducibile artificialmente o anch’ essa separabile. Cio’ detto, aggiungo che le molte difficoltà tecniche ancora esistenti sono irrilevanti per chi affronta l’ enigma etico proposto.

Annunci

2 pensieri riguardo “La vita è sacra?”

  1. Ma se i due bimbi sono Giuseppe e Giacomo, Giovanni non c’ è più. L’ abbiamo ucciso nell’ operazione violando il quinto. Eppure non ci sentiamo in colpa, forse le cose non stanno proprio così.
    Dipende da quanto era compromesso il corpo di Giovanni. Se fosse comunque stato in grado di sopravvivere, il problema è identico a quello di buttare il ciccione sui binari per salvare i passeggeri del treno. Una vita sacrificata per salvarne due. La risposta non potrà essere diversa da quella che daremmo a problema del trolley. Altrimenti non si tratterebbe di null’altro che di un “ordinario” espianto di organi.

    L’altro caso non mi interessa: il problema di legare l’identità all’organo cervello non mi coinvolge. L’identità è qualcosa di più ampio e complesso. Ovviamente trovo inaccettabile l’affermazione Se vivere con mezzo cervello di Giovanni ti conferisce l’ identità di Giovanni, allora esisterebbero due Giovanni e la persona non sarebbe individuata. Dopo l’operazione, infatti, esisterebbero due identità distinte e, se il problema è il giudizio finale, ognuno dei due individui verrebbe giudicato per la somma di quello che ha fatto prima dell’operazione (e il giudizio sarebbe lo stesso) e dopo l’operazione (e i giudizi sarebbero differenziati). Esattamente come avverrebbe se riuscissimo in un’operazione, altrettanto assurda, quale quella di clonare un individuo adulto (vedi “Il sesto giorno”, filmone col mitico Schwarzenegger).

  2. Infatti anche il “caso del ciccione” crea problemi (ormai classici): la maggior parte delle persone a tavolino (con rapporto 1:5) lo sacrificherebbe ma chiamate poi a spingerlo fisicamente sotto il treno si rifiuta inorridita.

    Cuore e ragione divergono.

    Così pure nel (secondo) caso dei trapianti: la ragione ci frena avvertendoci che stiamo sacrificando Giovanni ma il cuore ci spinge a farlo, forse perché in fondo di lui preserviamo ugualmente il cervello anche se separato e su due corpi distinti.

    Non capisco bene invece la tua posizione sul terzo caso.

    Sono d’ accordo con te nel ritenere che le persone debbano restare “individuate”, mi sembra di averlo detto (da notare che Parfitt pur combattuto si dissocia).

    Ma se vogliamo che sia così, allora con la ragione dobbiamo ammettere di aver sacrificato Giovanni. Per Parfitt, e forse anche per il nostro cuore, le cose non stanno proprio così: Giovanni in qualche modo strano sopravvive nel suo nuovo corpo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...