Tutti i guai di chi sbaglia metafora

Curioso, la crisi sui mercati ha mandato in tilt innanzitutto i critici del mercato.

Dapprima si sono animati subodorando il momento propizio per sferrare un attacco a colpo sicuro ma la dolorosa scoperta che le armi in mano erano obsolete o  spuntate li ha resi pigri, riluttanti all’ approfondimento, rabbiosi e inclini alla rissa verbale.

E non parlo solo della vuotaggine caciarona dei no-global-spacca-vetrine e del loro allucinato “altro mondo possibile”, ho in mente anche la semplicioneria di compassati personaggi sia di destra che di sinistra da sempre nostalgici del dirigismo dei bei tempi e a disagio nel muoversi e nel comprendere una società liberale retta da fili invisibili, una società che non capiscono mai bene come faccia a tenersi in piedi  in assenza di burattinai.

Di seguito, a titolo d’ esempio preclaro, riporto una zoppicante analisi zeppa di vieti slogan del solitamente lucido Giorgio Israel. Parlo dunque di persona stimabile. E’ un formulario compilato diligentemente e vale la pena scorrerlo, un mesto repertorio di mezze verità strumentali alla polemica virulenta, un catalogo di stereotipi forse in grado mezzo secolo fa di innescare fruttuosi dibattiti ma che oggi appare più che altro come la stanca riproposizione di una critica pigra e dai contenuti vaghi, l’ ideale cioè per posizionarsi comodamente tappandosi orecchie e cervello.

professor_farnsworth_sculpture_by_artanis_one-d42eua9

D’ altro canto qui i malintesi si susseguono con ritmo incalzante andando a comporre un canovaccio esemplare; tanti birilli messi così ordinatamente in fila invitano allo strike e la sfida di una replica è appetitosa anche per il suo valore didattico di esercitazione.

La crisi del 2008 suscitò pungenti critiche alla capacità di previsione della teoria economica, che oggi si ripropongono.

Né quello che accadrà tra un mese, né quello che accadrà domani è alla portata delle capacità predittive della teoria economica

. Eppure la politica è sempre più dominata dalla tecnocrazia, che si tratti di agenzie di rating o di “esperti” che, pur incapaci di previsione, dispensano ricette per superare la crisi.

Non occorre essere marxista né keynesiano per ammettere che la teoria economica del cosiddetto “mainstream” è un galeone affondato, perché sono in crisi i suoi capisaldi teorici. Il primo è che il mercato lasciato a sé stesso va spontaneamente in equilibrio. Lo si presenta come un asserto “normativo”: lasciate libero il mercato e tutto va a posto. Peccato che non esista un solo risultato teorico che lo convalidi: al contrario, ogni risultato va in senso opposto. Quanto alle pratiche concrete, basti pensare al fallimento dei modelli matematici che da un trentennio sono stati costruiti sulla convinzione che i mercati finanziari siano controllabili e sul secondo capisaldo del “mainstream”: è “razionale” il soggetto economico che conosce perfettamente il funzionamento del sistema e agisce in modo assolutamente egoista, massimizzando il proprio profitto. La versione moderna di questa concezione è la teoria delle “aspettative razionali”, ovvero delle attese dei soggetti economici di fronte a eventi che influiscono sulle loro decisioni. Se i soggetti si comportano “razionalmente” l’economia s’indirizzerà verso gli eventi che essi “razionalmente” si aspettano. In definitiva, da un’idea di razionalità quanto mai discutibile si ricava il precetto che farebbe evolvere l’economia in modo determinato e prevedibile: comportatevi “razionalmente” e la realtà sarà “razionale”. Negli anni settanta gli economisti matematici Fisher Black e Myron Scholes e l’ingegnere Robert Merton formularono un modello matematico che traduceva tale visione ispirandosi ad analogie con la meccanica statistica. Esso mirava a descrivere l’andamento nel tempo di prodotti finanziari (come un portafoglio di azioni o obbligazioni) e di opzioni definite su di essi.  Le ipotesi irrealistiche del modello – per esempio, che le attività finanziarie si spalmano nel tempo per frazioni arbitrariamente piccole di prodotti finanziari – sono state accettate come prescrizioni adeguate a prevedere e controllare il mercato finanziario. Si è fatto credere che bastasse implementare nei computer il modello di Black-Scholes-Merton per realizzare il sogno di un’economia “razionale” e mezzo mondo finanziario ha operato in tal modo.

Ricordate il crack della finanziaria Long Term Capital Management nel 1998? Era l’occasione per concludere che il mondo è fatto da uomini che non hanno conoscenze perfette e non si comportano come robot, che non esiste una legge meccanica di equilibrazione del mercato, che il primato nel governo della società e dell’economia è della politica e non della tecnocrazia e della sua pseudoscienza. Nessuno se n’è dato per inteso.

Eppure qualcuno l’aveva detto, proprio un protagonista di oggi, che sul declassamento dell’economia statunitense da parte dei “tecnici” della Standard & Poors avrebbe fatto una fortuna. Nel corso di una audizione al Congresso USA (15 settembre 1998), il finanziere George Soros dichiarò quanto segue:

«Il riorientamento dovrà iniziare riconoscendo che i mercati finanziari sono intrinsecamente instabili. Il sistema capitalista globale è fondato sulla convinzione che i mercati finanziari lasciati a sé stessi, con i loro strumenti, tendono verso l’equilibrio. Questa convinzione è falsa. I mercati finanziari sono portati verso gli eccessi e se una successione di rialzi e di ribassi si verifica al di là di un certo limite, non si tornerà mai al punto di partenza. Invece di agire come un pendolo, i mercati finanziari hanno agito, soprattutto di recente, come una palla di demolizione, colpendo un’economia dopo l’altra. Si parla molto dell’eventualità di imporre una disciplina di mercato, ma imporre la disciplina del mercato significa imporre l’instabilità e quanta instabilità può essere tollerata dalla società? La disciplina del mercato deve essere integrata con un’altra disciplina: mantenere la stabilità dei mercati deve essere il fine delle politiche pubbliche».

Sono parole che fotografano in modo impressionante gli eventi attuali e dicono che in tanti anni non si è appreso nulla. Si paventa il ritorno a ricette socialiste o keynesiane. Ma un equivoco – evidente nel dibattito seguito all’articolo di Marcello Veneziani – sta nel fatto che essere liberali non significa – al contrario! – credere che non esista un ruolo della soggettività, o che essa debba essere ridotta alla parodia della razionalità come infinita preveggenza e illimitato egoismo. Tantomeno è intrinseco al liberalismo concepire l’economia come un sistema fisico governato da leggi cieche che garantirebbero l’equilibrio. Questo gretto scientismo è estraneo a una concezione liberale in cui la centralità del soggetto fonda il primato della politica. Al contrario, scientismo e tecnocrazia uccidono il ruolo della politica e sono consoni a visioni totalitarie.

In questi giorni si levano voci da ogni parte circa i rischi che corre l’economia reale schiacciata da un’economia finanziaria che vale (oltretutto virtualmente) molto di più e detta legge alla politica economica pretendendo di rappresentare il giudizio “oggettivo” del mercato. Si parla di rischio per una democrazia e una politica sempre più deboli di fronte a tecnocrazie sempre più prepotenti e prive di legittimazione. È il momento di capire che la posta in gioco è la fine del primato delle ideologie tecnocratiche, a tutti i livelli, soprattutto a quello culturale. La politica deve avvalersi delle (autentiche) competenze, non subordinarsi passivamente ad esse. Altrimenti, la palla di demolizione continuerà nella sua opera implacabile e autodistruttiva, tra una predica e l’altra degli “esperti”. Il compito primario della politica deve essere quello di difendere a tutti i costi l’economia reale e puntare sulle forze produttive e non parassitarie, perché una società che avvilisce i soggetti effettivamente produttivi e li abbandona a processi “spontanei” (che di fatto non lo sono affatto) non riesce a suscitare le forze morali e la spinta etica che sole possono rivitalizzare la società e garantirle un futuro. (leggi tutto)

Nel precedente pezzo è facile individuare almeno una dozzina di fraintendimenti a cui spesso la libellistica anti-mercato ricorre a meri fini strumentali confondendo le idee a chi tenta in buona fede di farsene una. Cerco di isolarli uno ad uno nelle righe che seguono anche se so bene che domani, aprendo il giornale, sono destinato a patire la cocente frustrazione di leggere chi ripeterà la litania da capo.

Le crisi

A volte sembra che i nostri commentatori mettano allegramente insieme le varie crisi che stiamo vivendo riducendole ad una senza tanto pensarci su. Far di tutta l’ erba un fascio è sviante e un po’ di prudenza non guasterebbe:

Unfortunately, not everyone is talking about the same crisis.  Some are talking about the housing bubble/crash, some are talking about the late 2008 financial crisis, and I believe both groups have the 2011 unemployment crisis in the backs of their minds (otherwise why is the debate seen as being so important?)… But the link between the housing bubble and the severe financial panic is much weaker than people realize.  And the link between the severe financial panic and high unemployment in 2011 is almost nonexistent.

Previsioni.

Se non fossimo stremati bisognerebbe ripetere per l’ ennesima volta che il senso dell’ esistenza dei mercati risiede proprio nella loro imprevedibilità. Infatti, se esistesse una casta di esperti in grado di predirne gli esiti che senso avrebbe raccomandarne il ricorso? In un certo senso la sconfitta dell’ esperto è da valutare come una vittoria del mercato.

Perfetta informazione.

Se non avessimo il latte alle ginocchia insisteremmo con pazienza a far presente che il concetto di “perfetta informazione” è probabilistico. Di conseguenza, anche su cio’ che conosciamo molto approssimatamente possiamo dire di essere “perfettamente informati. Ho la sensazione che chi legge le perentorie quanto frettolose righe di Israel difficilmente possa intuire il reale contenuto dell’ espressione.

Egoismo.  

Anche l’ homo economicus è solo una convenzione metodologica ed è davvero spossante puntualizzare di nuovo che il raffazzonato riferimento operato ad arte nell’ articolo non aiuta nessuno a capire di che si sta parlando.

L’ homo economicus ha delle preferenze e una ragione attraverso cui le persegue, solo in questo senso è un “egoista”. Ammettiamo che tra le sue preferenze rientri la felicità del prossimo: farà di tutto per perseguirla anche se la cosa costa cara. Strano egoista! Dalla caricatura di Israel avete forse percepito che l’ altruismo di sostanza è perfettamente compatibile con l’ egoismo metodologico? Scommetto di no visto che trattasi di una caricatura fatta per ridicolizzare e non per capire.

Razionalità. 

Tra le preferenze dell’ homo economicus potrebbero esserci, tanto per dire, anche comportamenti irrazionali. In questo caso sarebbe perfettamente razionale comportarsi irrazionalmente in taluni frangenti. Chi si attiene al “fantoccio” abbozzato da Israel troverebbe a dir poco singolare che comportamenti irrazionali caratterizzino la condotta di un agente “perfettamente razionale”. Ma in tali paradossi cade proprio perché i fantocci assemblati con l’ imperizia furbetta dei faziosi non  consentono di capire alcunché.

Infallibilità. 

L’ homo economicus nella versione fantozziana di Israel è “perfettamente informato”, “perfettamente egoista” e “perfettamente razionale”. Detto questo l’ ingenuo in buona fede che legge fiducioso concluderà che un uomo del genere è necessariamente infallibile nelle decisioni che prende. Come ci rimarrà costui nell’ apprendere che la nozione di homo economicus è compatibile con quella di operatore che sbaglia di continuo senza mai azzeccarne una? L’ ipotesi dell’ homo economicus è infatti un’ ipotesi relativa alla configurazione statistica degli errori e non a particolari talenti o psicologie. Non aspettatevi che il cruciale concetto emerga anche solo per sbaglio nel fazioso resoconto di Isreal.

Detto questo, chi ha capito cosa sia il mercato ha capito anche che esiste un solo modo serio per criticarlo: fornire un algoritmo per far soldi sistematicamente giocando in borsa. I critici competenti almeno provano ad avanzarne una parvenza ma quella riportata è una critica piazzaiola che ha ben poco di serio. 

LCTM.

Dove attingere poi le forze per ribadire ancora che il fallimento di un operatore di mercato (LCTM) non equivale al fallimento del mercato? Il mercato non fallisce se fallisce un’ impresa. Anzi, fallisce se non produce un numero adeguato di fallimenti d’ impresa.

Per sprecare un rigo entrando nel merito, pur sapendo benissimo che è l’ ultima cosa che interessa, mi limito a far osservare che Israel confonde l’ ipotesi dell’ efficienza dei mercati finanziari (EMH) con le teorie per prezzare le attività finanziarie (CAPM): se si fallisce operando con CAPM cio’ non compromette in alcun modo EMH.

Ultima cosa: le posizioni assunte da LTCM si sono rivelate vincenti nel lungo periodo. Questa variabile (“lungo periodo”) non è specificata nel modello teorico, tanto è vero che ironicamente si dice rivolgendosi a chi pretende di battere il mercato: “il mercato è razionale ma lo diventa il giorno dopo che cessa la vostra solvibilità”.

Conclusione: chi liquida il modello con supponenza fanfarona mischiando nozioni eterogene dimostra solo di non conoscerlo a fondo. 

Equilibrio economico.

Passiamo all’ annosa questione dell’ “equilibrio economico”. Israel disorienta il lettore già sfiancato con un passaggio contraddittorio nel quale, dopo aver affermato che la teoria mainstream postula l’ equilibrio efficiente dei mercati, sostiene che non esiste un risultato teorico di tale portata. Ma allora cosa cavolo dice la teoria? Dopo averle fatto dire tutto è il contrario di tutto è facile proseguire affermando quel che si crede in completa balia del proprio arbitrio e dei propri umori.

La teoria ortodossa, in effetti, ci parla dei fallimenti del mercato, ma anche di fallimenti della politica (cosa che naturalmente Israel salta a pié pari visto che rivendica una “nuova centralità della politica”) per concludere che in genere, laddove applicabili, le soluzioni competitive si fanno preferire. Un atteggiamento troppo umile per un nemico che s’ intende accusare d’ arroganza. Meglio taroccare le sue posizioni inventandosi una trombonata come quella dei “mercati assolutamente razionali, informati e efficienti”.

Ciliegina: l’ azione del mercato viene comunemente definita di distruzione creativa. Come conciliare allora “distruzione” ed “equilibrio”? Arduo problema, ma solo per chi ha in mente la versione naif di equilibrio, quella spacciata per comodità da Israel al solo fine di irriderla.

Soros.

Se non fossimo senza fiato inviteremmo poi a prendere con le molle i consigli di un capitalista ora sulla cresta dell’ onda che invita a bloccare le dinamiche dei mercati sotto una valanga di regole che immobilizza più di una colata di cemento, il conflitto d’ interesse è palpabile. E’ come invocare “l’ arimo” quando si sta soccombendo. Israel si mette sotto i piedi il primo comandamento di chi si occupa del mercato: difendere il capitalismo dai capitalisti. 

Tecnocrazia.

Ora però vorrei occuparmi di un altro svarione e chiedo: ma chi è il tanto odiato “tecnocrate” se non un regolamentatore dei mercati?

Il banchiere centrale, tanto per fare un esempio, è il tecnocrate chiamato a mettere ordine nel mercato del credito. L’ authority antitrust è il tecnocrate che limita le concentrazioni in qualsiasi settore.

Come si può allora accumunare nella stessa condanna i mercati e i suoi regolamentatori chiamati a porre paletti?

Boh. Pensavo che la regolamentazione dei mercati fosse l’ alternativa al mercato selvaggio.  Ma forse, come alternativa, si ha in mente piuttosto la Corea del Nord.

Israel sembra qui aver dimenticato il cruciale discrimine tra competizione e concorrenza, tra “mercato” e pseudo-mercati disegnati a tavolino, il che significa procedere sprovvisti della più elementare bussola.

Keynes.

Ma le cose sembrano stare ancora peggio: come si puo’ sprezzare la figura del tecnocrate per poi ammiccare a politiche keynesiane? Non risiede proprio nel “fine tuning” keynesiano il trionfo della tecnocrazia?

Oltretutto, mostrare in piena crisi da deficit una certa simpatia per approcci deficit spending è a dir poco intempestivo.

Meccanicismo.

Il peccato originale di Israel è quello di confondere il mercato con un meccanismo razionale, quasi fosse una macchina, dimenticando (forse perché non lo ha mai saputo) che se mai esistesse un’ istituzione che si oppone recisamente ad ogni soluzione razionalistica dei problemi sociali, questa è il mercato. Il mercato sostituisce l’ Intelligenza Unica del tecnico con una moltitudine d’ intelligenze le più disparate. Quanti guai puo’ procurare una metafora sbagliata.

I ragionieri.

Non si puo’ nemmeno dire  che Isreal compia lo strafalcione in buona compagnia visto che la suo fianco si ritrova l’ incartapecorita partita doppia del rag. Massimo Mucchetti (qui Piero Ostellino cerca pazientemente di introdurre il giornalista all’ ABC dell’ opera del mai letto e sempre citato a sproposito Adam Smith).

La fisica.

Di questo passo c’ è d’ aspettarsi una denuncia a breve contro l’ interferenza dei fisici nelle vicende internazionali seguita da un richiamo alla politica affinché riprenda la sua centralità limitando il pervasivo ruolo della forza di gravità.

Annunci

4 pensieri riguardo “Tutti i guai di chi sbaglia metafora”

  1. Mi unisco entusiasta al tuo lamento.

    E’ avvilente e rivelatorio che certe leggi escono da questo governo.

    Il caso dei libri è ben scelto, perché quella è una legge meditata e contrattata.

    Per l’ emergenza di oggi le cose stanno diversamente. Siamo talmente sull’ orlo del baratro che a questo punto tradire l’ ideologia è l’ ultimo dei problemi. Arrivo a dire che, nell’ impossibilità materiale di “tagli”, anziché tante cineserie avrei preferito un bel “tassone” su tutti. Perlomeno passa il messaggio.

  2. Sbroccobill e socio “oh-quanto-è-illiberale-la-legge-sulle-sconto-dei-libri-signora-mia”.
    Come disse quel tale: “siete due cretini:fatevene una ragione”

  3. Ric, che dici, illiberalmente cassiamo l’idiota commento di questo “F” o lo lasciamo lì a monumento della sua imbecillità?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...