fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Cosa cerchi in un libro?

Stile!

C’ è altro?

Peeps Dioramas

altre miniature stilizzatee altre ancora…

Per me era scontato, parlo dei libri con velleità artistiche (romanzi, racconti, poesia…). Da profano non riesco davvero a capire le alternative a questa risposta.

L’ autore di un’ opera non “la possiede” proprio perché l’ opera consiste nello stile e chi è (o si è) dotato di uno stile non è detto che disponga anche di un’ interpretazione adeguata. A volte manca persino di una coscienza precisa in merito.

Cosa c’ è oltre allo stile?

Chi ha stile puo’ dire qualsiasi cosa e il giudizio sulla sua opera sarà sempre: bello! Persino di un libello antisemita si puo’ dire “bello!”.

Certo, anche l’ originalità e la genealogia conta: se X ha lo stesso stile di Y ma lo precede nel tempo, la cosa non è del tutto irrilevante. 

Sinceramente non riesco a capire cosa possa esistere oltre allo stile.

Ecco, visto che è sempre meglio leggere un saggio con lo spirito di chi ricerca delle risposte a domande già chiare, quando leggo libri di critica letteraria lo faccio con in testa questo assillo: cosa c’ è oltre allo stile?

Non crediate infatti che la questione non sia dibattuta.

Gabriele Pedullà:

Scrittori, bisogna avere stile!

In un amore felice (Adelphi), l’ultimo libro di Guido Ceronetti, esibisce un sottotitolo apparentemente bislacco: «Romanzo in lingua italiana». La replica si offre spontanea già tra gli scaffali della libreria: e in quale altra lingua dovrebbe mai esprimersi un narratore cresciuto a sud delle Alpi? Ma ovviamente si tratta di una provocazione. Ceronetti ci sta dicendo che lui, a differenza di tanti connazionali, continua a scrivere nell’idioma del suo Paese e non in una simil-lingua, senza stile e senza musica, che ricorda piuttosto le cattive traduzioni dall’inglese.
Beninteso, la battaglia in difesa di una prosa sontuosa, in cui si serbi memoria della tradizione letteraria e ci si diverta a giocare con le parole per scovare nuovi significati, non ha nulla di particolarmente originale. Il Novecento, per esempio, ha sperimentato in tutte le sue asprezze la lotta tra quelli che Tomasi di Lampedusa chiamava gli «scrittori grassi» e gli «scrittori magri». Si tifava per gli uni o per gli altri, con la medesima passione con cui si sosteneva un partito politico. Eppure – gaddiani o hemingwayani, rondisti o espressivisti, asiani o atticisti – tutti, ma proprio tutti, sapevano che di opzioni stilistiche sempre e comunque si trattava. Inutile scappare. Lo stile poteva farsi invisibile, promettere una presunta oggettività come sinonimo di visione diafana e assenza di pregiudizi: ma lo faceva, appunto, in quanto stile. Se c’è anzi un’idea che il Ventesimo secolo ha combattuto con speciale veemenza, questa è stata proprio la convinzione che lo stile fosse un abito con cui di volta in volta rivestire un corpo già formato. Niente più forma & contenuto, insomma: se non come coppia di fratelli siamesi, inoperabili perché provvisti di un solo cuore e di un unico apparato respiratorio.
Come ci sono i sostenitori dello «stato minimo», così sono esistiti sempre i fautori dello «stile minimo». Ma nelle loro dichiarazioni di poetica «lo stile non mi interessa» non voleva dire altro che «non ho bisogno di fuochi d’artificio, il vero stilista lavora nel profondo, proprio dove lo si vede meno». Il contesto nel quale si colloca la battuta polemica di Ceronetti appare invece, per la prima volta, mutato. Da qualche tempo, infatti, l’affermazione che lo stile non ha alcuna importanza per giudicare del valore di un romanzo ricorre sempre più spesso nelle recensioni di critici autorevoli. Lo afferma la celebre anglista a proposito dell’ultimo bestseller su commissione e lo ripete il giovane intellettuale impegnato per parlare del gothic novel di un coetaneo. Ma si tratta, a ben vedere, di un atteggiamento più generale, quasi una vox populi (che, come le promette il proverbio, aspira a tramutarsi in una vox Dei): l’impressione che, nella ricezione di un libro, lo stile stia diventando semplicemente irrilevante.
Il tratto più vistoso di questa tendenza è che, mentre nel Novecento i narratori anti-stilisti si riconoscevano per lo stile minimo, i loro eredi esibiscono piuttosto un espressionismo forzato e volontaristico. Metafore azzardate, similitudini sgradevoli pensate per catturare al volo l’attenzione di chi legge, continue ridondanze al limite del pleonasma… Lo si nota particolarmente con i romanzieri di genere (gli anti-stilisti per eccellenza, se badiamo alle loro dichiarazioni di poetica), i quali nel Novecento si attenevano a una prosa quanto più semplice possibile, per non stancare il lettore, mentre oggi non fanno che sovraccaricare la pagina di fuochi d’artificio. Con l’obiettivo, è chiaro, di inseguire un pubblico distratto e un poco frettoloso, forse nella speranza di tenere testa alla iperstimolazione dello spettatore che da trent’anni caratterizza il cinema contemporaneo.
Qualcuno potrà persino rallegrarsi di tale mutamento, che è anche un ritorno al passato. Prima del culto romantico del genio e dell’eccesso, per secoli lo stile è stato innanzitutto sinonimo di controllo, e i grandi teorici della retorica hanno sempre temperato la vecchia massima secondo cui “lo stile è l’uomo” con la constatazione che ogni scrittore provetto deve anzitutto saper dominare i propri strumenti e adattare il tono alla situazione. Una pratica che, appunto, richiede per prima cosa quella autodisciplina di cui proprio gli anti-stilisti di oggi sembrano difettare.
Questo vale per gli scrittori. Nei critici l’inconsueta disponibilità a disfarsi della nozione di stile ha invece una diversa origine. Qui si direbbe che l’estetica letteraria stia semplicemente entrando nell’orbita delle arti visive. Il pregiudizio antistilistico sembra nascere infatti dalla tendenza a interpretare la pubblicazione di un’opera letteraria con le stesse categorie con cui giudicheremmo una performance, vale a dire un puro gesto estetico, senza produzione (se non, al limite, nella forma surrettizia del video o delle fotografie che la documentano): un gesto che si esaurisce in se stesso e che punta tutt’al più a suscitare scandalo nel circuito della comunicazione. Ma che per questo, a condizione che qualcuno reagisca, può prescindere completamente dallo stile.
Consapevolmente o inconsapevolmente, la ridefinizione del campo artistico messa in atto negli anni Sessanta è giunta oggi a influenzare anche la letteratura. Se un romanzo e un poema sono solo un gesto, è inutile interrogarsi troppo sul loro stile: il loro significato sarà tutto nel progetto che li sorregge, o al massimo nella loro sintomaticità sociale, secondo la formula ben nota per cui a tanto maggiore scandalo (o, nel caso della letteratura, a tante più copie vendute) deve corrispondere necessariamente tanto maggior valore – link

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: