fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Handel remix

Nella strapazzata versione dell’ Hallelujah di Phil Kline, il riconoscimento del cadavere di Handel non emerge grazie ai profili ma al sapiente sovrapporsi dei campi.

Tono su tono, grigio su grigio, ecco spuntare all’ orizzonte un nuovo strano assemblaggio del capolavoro. E’ lui!

Dal big bang ai buchi neri, dal fiat lux all’ apocalisse, dall’ alta fedeltà al grado zero del suono andata e ritorno. Avanti e indreé. Un bel viaggetto senza rete tra accelerazioni e sospensioni.

Il buio, l’ opacità, l’ indistinto, la lontananza, lo smog, le presenze ectoplasmatiche… tutta roba difficile da sgombrare in questo disco. Unica oasi in cui l’ opprimente cortina sembra alzarsi per incanto, la pastorale di Paul Lansky. Le generose inserzioni (nastri, elettronica, percussioni) riescono miracolosamente a preservare equilibri e trasparenza.

Tirando le somme: si salvano 2 pezzi su 11. Un po’ pochino per rimettere di nuovo nel lettore questo cd arrivato in casa mia da molto lontano. Se ne riparla (forse) tra qualche anno. Per ora lo consegno alla polvere del salotto.

Genealogia: Matthew Herbert.

rothko_red_over_dark_blue

http://www.goear.com/files/externalpl.swf?file=45bab21

AAVV – Messiah remix

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: