fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

We, the middlers

Hal Herzog – Some we love, some we eat, some we hate

Hal Herzog si stizzì non poco quando seppe della voce che girava sul suo conto. Qualcuno andava dicendo in giro che servisse gattini vivi come regolare pasto al suo pitone. Nintemeno!

La goccia che fece traboccare il vaso fu l’ offesa telefonata di una collega dal carattere fumantino che militava nel movimento per i “diritti degli animali”. Che fatica calmarla e ricondurla alla ragione. Si conoscevano da tempo e lei avrebbe dovuto sapere che una diceria del genere non poteva che essere infondata.

Era indignato e fuori di sé. Ma cosa aveva mai innescato una simile macchina del fango contro di lui? Il suo pitone del resto era un cucciolo e non sarebbe mai stato in grado di ingollare nemmeno una mosca.

Solo dopo qualche giorno, al termine della buriana, realizzò che il “cucciolo” sarebbe presto cresciuto e avrebbe dovuto servirgli bestiole vive come pasto, se non proprio gatti comunque roba del genere!

Un minuto prima era indignato alla sola idea, un minuto dopo la trovava del tutto naturale, vi si era rassegnato e l’ aveva accettata come inevitabile. Oggi non c’ era nulla di male a fare cio’ che fino a ieri reputava non solo sbagliato ma disonorevole. Che telefonasse pure il padreterno, lui lo avrebbe messo al suo posto.

Ma com’ è possibile una giravolta del genere?

Stranito ed esaltato per quanto successo, capiva che il suo destino era segnato: si sarebbe dedicato a studiare i rapporti tra uomini e animali. Oggi è la maggiore autorità in materia.

Se uno ha voglia di pensare, infatti, la cosa migliore è pensare agli animali e a come noi ci relazioniamo con loro, argomento in grado di svalvolare anche studiosi intrepidi che non escono mai a mani vuote dalle loro ricerche! Lo intuiva già l’ antropologo Claude Lévi Strauss che indirizzava in quella direzione i suoi studenti più dogmatici.

Sono rapporti carichi di incongruenze, paradossi, irrazionalità. Un vero spasso per il curioso, un vero inferno per il moralista con la mania delle caselle.

Bambini e animali, che ginepraio! Capisco che Diana trascini ovunque i suoi piedi di piombo, si è fatta le ossa negli ambiti più ostici che esistano in tema di morale. I libertari, poi, considerano i due interregni come cosa a sé espellendoli oculatamente dai loro trattati.

Non a caso Herzog, maturata una certa esperienza, si iscrisse al club dei “We, the middlers” il cui motto è all’ incirca: “con gli animali, sii onesto e fai come ti senti”. Le battaglie campali non si addicono a questo ambito.

Lo so, come morale non è granché, ma a quanto pare non c’ è di meglio a disposizione.

Se per questioni morali mangi il vitello ma non i cani (non te la senti proprio), la tua morale è davvero scombiccherata; ma non dartene pena: ripeto, in giro non c’ è proprio niente di più “rigoroso”.

Se passi la giornata a stigmatizzare chi giudica il prossimo dall’ aspetto esteriore e poi sei il primo che con gli animali discrimini in base all’ aspetto (che carino!), non sentirti un verme: difficile in questo campo trovare criteri più sensati delle semplici “sensazioni”.

Interagire con i delfini è una buona terapia? I padroni assomigliano ai loro cani? Chi ama i cani ha una personalità differente da chi ama i gatti? I bambini che torturano gli animali hanno qualcosa che non va? Perché sperimentare su gattini che soffrono e non su bimbi anacefalici che non soffrono?
Perché persone fondamentalmente buone fanno agli animali cose fondamentalmente cattive? Perché ci sono così pochi vegetariani? Perché i nazisti avevano la fissa di proteggere gli animali? Cosa si prova a essere un pipistrello? Perché non mangiamo i nostri cuccioli una volta che sono morti (come razionalmente fanno i coreani)?

E non parliamo del “trolley problem”, ricordate? Sacrifichereste un uomo innocente per salvare dieci bimbi? E se doveste ucciderlo a coltellate voi stessi? Come cambiano le risposte se introduciamo gli animali? Sacrifichereste i cuccioli compagni della vostra vita per salvare un mero sconosciuto? E uno sconosciuto per salvare gli ultimi cento gorilla di montagna rimasti sulla terra?

Se trovate interessanti queste domande e volete sapere cosa dice la scienza in merito correte a comprare il libro. Anche e soprattutto perché le risposte sono ancora più interessanti.

I “We, the middlers” non ti danno mai soddisfazione, prendiamo il caso dell’ antropomorfizzazione, ovvero la tendenza a umanizzare la natura.

beitz-500x741

Occhio a non cadere in trappola: il perenne sorriso dei delfini significa che si divertono a girare in piscina intorno alla boa? (no, solo somatismo e istinto). Lo sbadiglio del babbuino significa che si annoia? (no, vuole mostrarvi i denti). Lo sfregamento del gattino sullo stinco vuol dire che si è affezionato? (no, significa che siete una “sua” proprietà). Il fare contrito del vostro cane quando lo sgridate significa che prova un senso di colpa? (no, lo terrebbe anche in assenza di colpe).

Ma occhio a non esagerare in senso opposto: Herzog, alla luce di una serie di sperimentazioni vividamente descritte, propone un “antropomorfismo critico”. E’ d’ altronde iscritto al club “we, the middlers”. 

Tutto è “critico” nel mondo di Herzog, quindi non cercate conferme alle vostre ricette in questo libro, non cercatene nemmeno di alternative, godete dei mille aneddoti, godete del rigore e delle bibliografie più aggiornate su ogni argomento… e chi puo’ goda pure nello scoprire come soluzioni che credeva univoche hanno sempre una doppia faccia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: