fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Il Mondo in eredità

Eric Kaufmann – Shall the Religious Inherit the Earth?

In generale si crede che il mondo e l’ Occidente stiano diventando più secolarizzati e laici. I fatti, però, puntano in ben altra direzione: i culti e le pratiche religiose vanno diffondendosi come non mai.

Per dirla in modo semplice, questo libro getta luce su come l’ idea religiosa stia lentamente (ri)conquistando il pianeta, una cosa abbastanza sorprendente per chi osserva le cose dalla nostra – anomala – postazione.

Istruzione e ricchezza lavorano infatti per espellere dio dalla società, ma la demografia lavora in senso opposto, e, a quanto pare, tra i due fattori non c’ è partita.

[… se il Camillo Langone su cui ci siamo accapigliati fosse incidentalmente venuto in contatto con le tesi di Kaufmann, si sarebbe accorto che la sua propaganda, qualora avesse un improbabile effetto sulla generalità dei lettori, ritarderebbe la “presa del potere” da parte dei suoi amati crociati…]

Le famiglie “devote” fanno più figli, molti di più. Non è una novità, è così da sempre: sono gli altri che hanno smesso di procreare. Nessuna cultura al mondo, del resto, è mai esistita riuscendo a stare lontana dai templi per più di due generazioni. La libertà libertina si svela spesso essere una catena che rattrista l’ uomo.

Yeong-Deok Seo

… altre tristezze “in catene”…

Figuriamoci che alla fine degli anni settanta si parlava di “morte della fede”. Neanche il tempo di pensarci su ed ecco ripartire ovunque – da Khomeini a Reagan – il revival globale della religione. Desecularisation of the world, God’ s century, Gog is back… i libri dove si commenta un macro fenomeno per altri versi in sordina non mancano certo per chi vuol farsi un’ idea in tema.

Mormoni, Amish, ebrei ortodossi, pentecostali, mussulmani, evangelici, metodisti, battisti, testimoni di Geova, la regola è sempre quella: i religiosi sono più prolifici, anche a parità di reddito e istruzione. Gli esiti demografici, del resto, parlano chiaro.

Lo stesso vale per i cattolici, anche se le sfumature sono differenti, ma sappiamo bene come tra i cattolici italiani allignino forme di meta-ateismo.

Ora però il quadro necessita di essere completato con un breve cenno a sette fatti facili facili da capire.

1. I rispettivi tentativi di conversione falliscono regolarmente. Difficile ripudiare idee con cui siamo cresciuti. A cio’ si aggiunge che oggi certi atteggiamenti religiosi vengono assunti in esplicita opposizione frontale all’ ateismo più aggressivo. Una volta scavato il solco, nessuno avrà più la capacità di saltarlo. Bandita la violenza, la vittoria finale non potrà mai basarsi dunque su una conquista esterna ma su una crescita endogena.

2.La religione è un fattore che conferisce identità e nell’ era della globalizzazione uniformante noi consideriamo particolarmente prezioso differenziarci. Pensate solo al fatto che oggi Parigi e Londra sono i luoghi più “devoti” nei loro paesi, molto più che le campagne intorno! Non è mai stato così, lo strano fenomeno si deve al fatto che in quei luoghi si concentra una popolazione eterogenea. Più varietà, più culto.

3. Persino chi ridimensiona l’ influsso famigliare sui figli è disposto ad ammettere che l’ ideologia respirata o inoculata in famiglia coastituisce una robusta eredità che passa di padre in figlio.

4. L’ affinità ideologica è un propellente per i matrimoni.

5. I secolarismo del Novecento (fascismo, nazismo e socialismo) hanno combattuto la religione con la violenza, ma, per questioni ideologiche,  questa è una via che le società moderne non possono più permettersi. Anche il controllo forzoso delle nascite ripugna alla mentalità moderna. Tutt’ al più ci si permette di drogare artificialmente i tassi di natalità con incentivi monetari, ma con esiti comunque scadenti.

6. In un mondo ricco le scelte valoriali predominano sulle scelte materiali.

7. Società più variegate arricchiscono l’ offerta religiosa e la competizione tra chiese; spesso, infatti, il raffreddamento spirituale è dovuto a un’ offerta asfittica e monopolistica. L’ Europa è maestra: l’ allergia al pluralismo è veicolo di ateismo.

Sono fatti particolarmente importanti perché inceppano l’ argomento portante dei teorici “secolaristi”: le famiglie religiose fanno più figli ma quei figli cresceranno in società moderne e sono quindi destinati a perdere la loro fede.

La legge per cui al crescere di ricchezza e istruzione corrisponda un declino della religiosità, sembra oggi revocata in dubbio per i motivi elencati. Un’ occhiata alle seconde generazioni di immigrati è quanto mai utile per comprendere il destino di Europa, Australia o Giappone, tanto per sconfinare rispetto a paesi la cui via è tracciata senza ambiguità. Ma c’ è di più: l’ istruzione, specie nei paesi in via di sviluppo, non sembra proprio promuovere valori come la democrazia o la laicità, quanto piuttosto forme identitarie quali il nazionalismo etnico o la religiosità. 

A queste considerazioni se ne aggiunge una più inquietante: il fertility gap tra laici e religiosi si ripropone all’ interno dei gruppi religiosi avvantaggiando i fondamentalisti.

[… non parliamo poi se domani al fertility gap dovessimo aggiungere il mortality gap: c’ è da pensare che allo sdoganamento del suicidio le code per accomodarsi sulla sedia elettrica siano composte prevalentemente da atei depressi….]

skull3-500x650

La grassa e iper-laica Europa trema, come prepararsi a vivere l’ assedio prossimo venturo?

Potrebbe imitare l’ eccezione USA facendola diventare regola: lì religione e modernità convivono bene e questo sembra un antidoto contro il fondamentalismo. D’ altronde, quel modello ispira di fatto i più promettenti paesi in via di sviluppo.

I fatti ci dicono che per istruzione e ricchezza gli USA sopravanzano anche l’ Europa, tuttavia la religione fiorisce, spesso in forme strane, accanto ai suoi tradizionali “nemici”. Perché?

Perché gli USA sono una “società rischiosa”, devi “arrangiarti”, il welfare è ridotto al minimo.

Il rischio favorisce sia l’ istruzione che la ricchezza. Ma anche la religione, che, come noto, costituisce una forma motivazionale efficiente, nonché una rete sociale di prim’ ordine. Ma un ambiente rischioso conserva e valorizza virtù come la generosità, spesso abbinata a un credo religioso.

Due aspetti caratterizzano infatti il secolarismo: la separazione tra peccato e reato da un lato e il bando della generosità privata dall’ altro. Gli USA accolgono il primo ingrediente ma, contrariamente al Vecchio Continente, respingono il secondo. Solo negli Stati Uniti la pietà religiosa è ancora un sentimento che si coltiva non per un estetismo di facciata ma perché a essa s’ intende demandare la tenuta sociale del Paese.

Saprà l’ Europa combattere il fondamentalismo divenendo una società più rischiosa?

Difficile visto quanto sia già difficile farle digerire il connubio tra scienza e fede.

E all’ impresa non aiutano certo le idolatrate superstar del neo-ateismo come Richard Dawkins, Sam Harris, Cristopher Hitchens e Daniel Dennett: la fobia per ogni religione che veicola la loro propaganda ci consegna dritti dritti nelle mani dell’ intolleranza fondamentalista.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: