fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Le ingiustizie della guerra giusta

Forse a causa del fatto che riflettere seriamente sulla politica estera di una nazione mi procura emicranie lancinanti, ne approfitto ogni volta per tagliare la testa al toro e farmi bello auto-etichettandomi come “pacifista”.

Magari un pacifista insolito: che non andrà mai e poi mai a una “Marcia della Pace”, che non sventolerà mai bandiere arcobaleno, che è disposto a negoziare i suoi principi con insolita facilità tanto è perseguitato dai “se” e dai “ma”; un pacifista tiepido, dunque.

Mi rendo conto che una figura del genere appare ossimorica visto che l’ immagine consueta del pacifista coincide con quella dell’ indomito crociato votato a cadere sul campo pur di difendere la sua nobile causa.

Al contrario, il mio pacifismo anodino si riduce a questa domanda: “quanti danni secondo te puo’ fare la guerra X?” seguita da una replica che prescinde dalla risposta fornita di volta in volta da Tizio o da Caio: “per me di più”. Dopodiché, non è detto a priori che non parta volontario.

La mia indole radicale qui tentenna, più che per i libri di storia letti, per i film sulla II guerra mondiale visti, pressoché tutti univoci nell’ inscenarla come una guerra giusta. Di fronte a questa propaganda ben orchestrata il mio pacifismo presenta crepe evidenti e, nel tentativo inane di restaurarlo, cerco di ricordare innanzitutto a me stesso le ingiustizie della guerra giusta. 

… tra il 1945 e il 1950 l’ Europa è stata testimone del più massiccio episodio di “migrazione forzata”, e forse del più grande spostamento di masse umane nella storia dell’ uomo. Si aggira tra i 12 e i 14 milioni il numero di civili di lingua tedesca – per lo più donne, vecchi e ragazzi sotto i 16 anni – deportati a forza dai loro luoghi di nascita in Cecoslovacchia, Ungheria, Romania, Yugoslavia e Polonia dell’ est… questa massa enorme di persone fu poi lasciata tra le macerie di una Germania in fiamme dopo l’ occupazione alleata affinché si arrangiasse come meglio poteva… il numero di coloro che morirono di stenti in seguito a carestie, malattie, percosse ed esecuzioni non è noto, sebbene stime prudenti ci dicono che circa 500.000 persone persero la vita nel corso dell’ operazione…

… cio’ che più disturba, tuttavia, è che a decine di migliaia perirono in seguito ai maltrattamenti subiti nella vasta rete di campi di concentramento dediti al lavoro forzato allestita dagli alleati in tutta l’ Europa sud orientale… molti dei quali, per esempio  Auschwitz e Theresienstadt, non erano altro che vecchi campi nazisti mantenuti in attività ancora per anni dopo la guerra… Ironicamente, a qualche centinaio di chilometri da quei posti infami, i criminali nazisti sopravvissuti venivano portati davanti alla corte di Norimberga per essere processati con l’ accusa di “… deportazione e altri atti contrari all’ umanità commessi contro la popolazione civile…”, il tutto sotto l’ insegna della lotta contro “i crimini contro l’ umanità” … tutto cio’ suona beffardo visto che, secondo ogni parametro ragionevole di giudizio, dobbiamo considerare le “espulsioni” di cui ho detto come una delle più disastrose violazioni dei diritti umani della storia recente…

ariana

… piccola ariana in campo di concentramento…

… nonostante esistano ancora dei sopravvissuti ai crimini, nonostante siano stati commessi in tempo di pace e nel cuore del continente più popoloso del pianeta, rimane questo un episodio stranamente dimenticato da tutti (tranne che dai tedeschi)…

… contraddicendo la retorica ufficiale la quale sostiene che la II guerra mondiale fu intrapresa per salvaguardare le popolazioni civili dalle operazioni belliche, inclusi i civili tedeschi, dobbiamo concludere che migliaia di ufficiali alleati, di burocrati e di tecnocrati collaborarono attivamente alla realizzazione di programmi che, quando posti in essere dai loro nemici, non si esitava a denunciare come contrari a tutti i principi di umanità…

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: