fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Il ciellino e i suoi nemici.

Il Cattolico Ciellino aspira a divenire un Uomo Completo dal punto di vista spirituale e mondano.

Vasto programma, vediamo di considerare solo la seconda parte, quella mondana.

In ambito mondano Uomo Completo è colui che produce e consuma. Non si puo’ consumare senza produrre, se ci si limitasse al consumo si diverrebbe presto ostaggio dei produttori.

L’ Uomo Completo produce secondo criteri di efficienza e consuma secondo criteri cristiani, ovvero secondo criteri che valorizzano i bisogni dell’ altro.

Qui uso il termine “consumo” in senso lato per indicare l’ uso finale che vogliamo fare delle nostre risorse, in questo senso la carità cristiana è una modalità di consumo.

Quanto più si è efficienti, tanto più si produce. Quanto più si produce, tanto più si consuma. Quanto più si ha da consumare, tanto più si puo’ aiutare l’ altro.

Mi sembra una logica semplice da capire.

Domenica, per esempio, è stata la giornata del Banco Alimentare: se i ciellini avessero organizzato le operazioni in modo ancor più efficiente, avrebbero raccolto una quantità di derrate ancora più ingente potendo aiutare più persone.

Una persona razionale dice: speriamo l’ anno prossimo di fare meglio, e tra due anni di fare meglio ancora visto che l’ efficienza si trasforma in carità.

Acerrimo nemico del Ciellino è il Cattolico Sociale (o Pauperista), costui auspica che l’ uomo di fede si concentri esclusivamente sul “consumo” uniformandosi ai precetti cristiani della povertà.

Produttività, denaro, finanza, efficienza sono concetti che corrompono le nostre fragili menti e da cui l’ uomo religioso deve girare al largo per dedicarsi alla meditazione spirituale e all’ ascolto di Uomini e Profeti su Radio Tre. Al limite è consentito esporsi a qualche pagina del Cardinale Martini.

Certo, produttività, denaro, finanza ed efficienza sono concetti che non possiamo completamente espellere dal nostro mondo, qualcuno dovrà occuparsene, qualcuno dovrà pur produrre i beni che noi elargiamo alla nostra mensa mistica. Lasciamo che a farlo sia l’ Altro, ovvero l’ Uomo che ci Completa e che si sacrifica (involontariamente) per noi.

Negli eventi recenti che hanno intaccato l’ onorabilità di molti preminenti personaggi ciellini il Cattolico Sociale (o Pauperista) non trova che conferme alla sua visione.

baguet

Ma per capire meglio la figura del Cattolico Pauperista bisogna avere una teoria della povertà volontaria. La cosa migliore, in questi casi, consiste nel rivolgersi alla scienza.

Cosa ci dice chi ha studiato in lungo e in largo il sentimento della povertà volontaria nella storia? Quali sono le sue scaturigini? Sentiamo Peter Leeson:

… nelle società primitive in cui predominava un’ “economia di rapina” e dove era alto il rischio di saccheggio e schiavizzazione poteva risultare razionale impoverirsi volontariamente attraverso gesti pubblici eclatanti e non falsificabili in modo da trasformare se stessi o la propria comunità in una preda meno ambita evitando così di dover sopportare i costi di una guerra di difesa… la strategia dell’ auto-impoverimento e dell’ erosione volontaria di parte delle proprie ricchezze era dunque funzionale alla conservazione delle medesime… la strategia dell’ auto-impoverimento spiega molti fenomeni spesso ritenuti irrazionali: i sacrifici umani, i monumenti tombali maestosi (es. piramidi), la sepoltura con le proprie ricchezze, il rifiuto verso lo sviluppo possibile in molti paesi poveri… Zomia, Zingari, monaci medioevali, Esseni… cio’ che caratterizza questi soggetti non è tanto una preferenza particolare in tema di povertà, quanto una spiccata vulnerabilità alla predazione esterna tale per cui l’ auto-impoverimento si presenta a costoro come una strategia disponibile e poco costosa volta alla difesa efficiente dei diritti di proprietà minacciati… 

Questa teoria della povertà volontaria è nota come “conspicuous destruction” e si lega a doppio filo con la credenza religiosa poiché è proprio tramite la precettistica religiosa che si creano i giusti incentivi affinché il singolo partecipi all’ auto-impoverimento della comunità.

In questo senso è lecito un pensiero malizioso: il cattolico sociale (o pauperista) è dominato da paure ancestrali più che da un autentico amore per la povertà in sé.

L’ ambiente mutato ci fa ritenere del tutto irrazionale il suo approccio, oggi come oggi è molto più sensato puntare sull’ efficienza massimizzando la ricchezza da spendere “cristianamente” piuttosto che sacrificarla in nome di una purezza che ci renda inappetibili al predatore.

Sempre tenendo conto che i predoni – ovvero l’ altro nemico – non si sono estinti del tutto e spesso usano armi molto più raffinate che in passato. 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: