fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Papa Gregorio

Parlare di tasse è oggi il miglior modo per parlare di etica.

Lo stratagemma retorico funziona perché illumina anche il profano sui nodi fondamentali da sciogliere in una materia tanto delicata.

E’ anche un modo per farsi capire senza tanti giri di parole, il che non guasta.

Pensate solo alla dottrina sociale della Chiesa: se è peccato non pagare la giusta tassa, cosa dobbiamo considerare come tale?

C’ è chi apprezza certe ambiguità strategiche e chiede di non andare oltre nei chiarimenti, alcune espressioni quali “giustizia terrena” e “dignità della persona” sono più che sufficienti a indirizzare il fedele.

E se invece fossimo di fronte a un semplice buco da colmare prima o poi?

Bè, non sarebbe facile porci mano, richiederebbe come minimo un’ Enciclica quando non un Concilio.

E se proprio devo sognare l’ Enciclica della svolta la sogno informata al tenore di questo documento prodotto dall’ economista Gregory Mankiw. Si parla di etica Just Desert e quel che segue è la parafrasi di un estratto.

JUST DESERT

AGNOSTICISMO E UTILITARISMO 

La questione che desidero prendere in considerazione è la seguente: quanto devono contribuire gli economisti al dibattito intorno al concetto di giusta tassazione?

Una possibile risposta è non molto. C’ è infatti chi ritiene che ogni discussione intorno alla redistribuzione ottimale delle ricchezze sia ad appannaggio dei filosofi politici e morali. Noi economisti, al limite, potremmo stimare il costo di una tale redistribuzione – cioè, l’ impatto negativo sull’ efficienza che avrebbe un tentativo di perseguire maggiore equità. Ma alla fin fine scegliere il punto d’ equilibrio tra efficienza ed equità spetta alla politica (o all’ etica), come economisti dovremmo dichiararci agnostici e ritirarci in buon ordine.

La letteratura sulla tassazione ottima, tuttavia, prende una diversa china. Anziché restare agnostici, i lavori in questa area adottano una particolare prospettiva politica: l’ utilitarismo. Cioè, si assume non solo che gli individui massimizzino la loro utilità ma che anche la società nella sua interezza sia chiamata a fare lo stesso.

Per l’ economista un approccio del genere è del tutto naturale. Innanzitutto perché utilitarismo ed economia condividono una tradizione intellettuale comune. Un’ altra ragione sta nel fatto che l’ utilitarismo sembra una naturale estensione dei principi economici all’ intera società. Oltretutto, la filosofia utilitarista consente di utilizzare molti sofisticati strumenti analitici già impiegati con successo altrove.

Tuttavia l’ approccio utilitarista è afflitto da parecchi inconvenienti. Chiunque abbia frequentato un corso di filosofia si sarà imbattuto in una sfilza di casi tesi a metterne in luce i difetti. Una situazione classica è quella in cui da un ponte presso la stazione osservate un vagone che avanzando fuori controllo è destinato a investire un gruppo di bambini. Potreste salvarli solo spingendo giù il grassone che sta proprio lì di fianco facendolo finire sotto le ruote del vagone in corsa, il vostro eventuale sacrificio sarebbe inutile considerata la stazza minima. Quel che si chiede è se siete disposti ad uccidere il grassone per salvare i bambini. Un utilitarista non avrebbe problemi a farlo, ma molti si sentirebbero in forte disagio nell’ accettare questa soluzione.

Esempi del genere sono molto divertenti ma non penso abbiano una grande utilità pratica. Ha senz’ altro senso testare la teoria per confrontarla con l’ intuizione, tuttavia ritengo che certe esperienze siano troppo distanti dalla nostra vita ordinaria. Puo’ darsi che la nostra resistenza nell’ uccidere il grassone non sia data da un rifiuto dell’ utilitarismo ma dal fatto che siamo immersi in una situazione talmente inusuale da non riuscire ad averne piena contezza. In vita mia, per esempio, non mi sono mai trovato ad avere a che fare con un vagone fuori controllo che minacci dei bambini, figuriamoci se penso all’ ipotesi del ponte e del grassone. Per valutare se l’ utilitarismo sia o meno una buona filosofia preferirei prendere in considerazione situazioni più vicine alla vita quotidiana.

L’ UTILITARISMO SU SCALA GLOBALE

Lasciate allora che proponga qualcosa di meno lontano dalla nostra esperienza. Immaginate un candidato al Parlamento che proponga una tassa del 33% sul reddito del contribuente medio con un gettito da destinare interamente ai paesi del terzo mondo. La trovate una buona idea?

Penso proprio di no. Lo dico perché non ho mai conosciuto un candidato che osasse proporre qualcosa del genere. Del resto gli aiuti che mandiamo al terzo mondo rappresentano una fetta infinitamente inferiore del PIL e cio’ nonostante non si puo’ certo dire che siano investimenti popolari, quando c’ è da tagliare si comincia da lì sapendo bene della blanda opposizione che s’ incontrerà. Persino chi propone di aumentarli si guarda bene dall’ avvicinare percentuali in doppia cifra.

Eppure se fossimo degli utilitaristi dovremmo vagliare attentamente una proposta del genere. In accordo con la logica utilitarista non si farebbe altro che imporre una tassa pari al 33% a carico di alcune tra le persone più ricche del mondo e girarne gli introiti verso alcune tra le persone più povere del mondo, una logica che accettiamo volentieri in altri contesti.

La logica utilitarista non offre ragioni valide per dare una qualche rilevanza ai confini nazionali. Se in virtù della logica utilitarista trasferiamo dagli italiani più ricchi agli italiano più poveri, in base agli stessi principi sarebbe ancora più sensato trasferire dagli italiani ai gahnesi.

Ritengo però che molti sostenitori della tassazione progressiva su scala nazionale non siano disposti ad accettare questo stringente passaggio logico.

LA TASSAZIONE DELL’ ALTEZZA COME TASSAZIONE OTTIMA

Lasciate che vi dia un altro esempio di come la logica utilitarista conduca a conclusioni che mettono a disagio la persona comune.

Nel 1897 Francis Edgeworth sottolineò che compito di un pianificatore utilitarista sarebbe stato quello di eguagliare l’ utilità marginale di ogni membro della comunità. La logica sottostante è elementare: si toglie a chi perde poca felicità per dare a chi guadagna di più sempre in termini di felicità; dopodiché si procede in questo modo finché tutti posseggono la medesima “felicità marginale” (o utilità marginale) e nessun trasferimento ulteriore sia in grado di aumentare la felicità complessiva. Gli individui più dotati saranno anche i più tassati e il gettito girato come sussidio per i meno dotati.

Fu James Mirrles a porre l’ accento sul fatto che noi non abbiamo accesso alle variabili chiave per risolvere il problema. Come possiamo individuare i soggetti più dotati? Quel che possiamo osservare è giusto il reddito monetario del cittadino, una variabile che segnala sia i talenti che lo sforzo generato per produrre ricchezza. In queste condizioni il pianificatore deve ridimensionare i suoi obiettivi poiché redistribuire troppo potrebbe minare gli incentivi a porre in essere sforzi produttivi. Queste considerazioni sono entrate ormai a buon diritto nella teoria standard della tassazione ottima.

James Mirrles assunse il reddito quale unica variabile osservabile che avesse una qualche attinenza con la produttività potenziale del soggetto tassato. Questa assunzione, tuttavia, oltre a presentare gli inconvenienti di cui si è detto è anche molto approssimativa. In un mio recente lavoro ho utilizzato il modello utilitarista ortodosso di Mirrlees per esplorare il potenziale ruolo di un’ altra variabile: l’ altezza del contribuente.

L’ aggancio teorico è chiaro: l’ approccio utilitarista tende a valorizzare ogni variabile che sia correlata con le capacità contributive innate del soggetto. Scovare variabili correlate in modo diretto è utile perché consente di tassare senza disincentivare il lavoro.

L’ aggancio empirico è altrettanto evidente: l’ altezza di una persona è statisticamente correlata con le sue doti.

Lo studio mostra che sostituendo al sistema attuale una tassa sull’ altezza dei contribuenti migliorerebbe i conti nazionali in modo consistente. Molte persone però non abbraccerebbero mai con entusiasmo l’ idea di tassare di più i cittadini più alti. Il nostro studio ha registrato più che altro incredulità o divertimento. Questa reazione è proprio cio’ che rende un simile lavoro intrigante. Una tassa sull’ altezza, infatti, è l’ inesorabile conseguenza di un approccio utilitarista alla tassazione una volta che si tiene conto dei dati empirici. Se rigettiamo le conclusioni dobbiamo necessariamente rivedere le premesse.

JUST DESERT

Diversamente dal caso del grassone da sacrificare, le due politiche appena considerate potrebbero essere adottate domani mattina se solo lo volessimo. L’ Italia potrebbe girare un terzo delle sue entrate fiscali verso i paesi poveri e il nostro Parlamento potrebbe deliberare una riforma fiscale incentrata sull’ altezza come base imponibile. Ci sarebbero molti motivi per dissociarsi ma io vorrei proporre come ragione principale il fatto che la nostra intuizione etica si discosta dai principi utilitaristici.

Tra i filosofi c’ è una lunga tradizione che rigetta l’ utilitarismo come base per la giustizia redistributiva. Robert Nozick scriveva così nel suo famoso libro del 1974 Anarchy, State and Utopia:

… nelle nostre società non siamo nella posizione del bambino che riceve una fetta di torta da chi è intento a tagliarla aggiustando le dosi. Non c’ è un distributore centrale né una persona o gruppo di persone titolato a controllare tutte le risorse scrutinandone la distribuzione. Cio’ che ciascuno di noi riceve lo riceve da altri che a lui danno in cambio di qualcosa oppure lo riceve a titolo di dono. In una società libera molte persone posseggono molte risorse e le nostre proprietà emergono in seguito a una miriade di scambi…

Nonostante il prestigio di libro e autore sia ampiamente riconosciuto, è difficile oggi vedere questa visione filosofica come particolarmente influente nel lavoro analitico degli economisti, forse perché promettenti vie alternative all’ utilitarismo sono tutt’ altro che ovvie. Ovvero, se rigettiamo l’ utilitarismo come base per la tassazione, ci si chiede come possa essere rimpiazzato a livello di impalcatura normativa.

Propongo questo principio: alle persone spetta cio’ che si sono meritate. A una persona che contribuisce maggiormente alla ricchezza di una società spetterebbe un reddito maggiore in modo che tale reddito rifletta il suo contributo. Una società dovrebbe tollerare la ricchezza di un contribuente non per evitare di disincentivarne la produzione ma per non togliere a quel contribuente cio’ che a lui è dovuto sulla base del merito. Questo approccio rispecchia, credo, cio’ che Robert Nozick, Milton Friedman e altri scrittori liberali avevano in mente. Potremmo chiamare questo principio Just Desert.

Sono giunto a queste conclusioni osservando il comportamento della gente verso le persone ricche. La mia sensazione è che difficilmente la gente si sente offesa quando la ricchezza premia soggetti che se la sono guadagnata. Quando vediamo Steven Spielberg confezionare un blockbuster, Steve Job lanciare un iPod, David Letterman ordire scherzi divertenti e J.K. Rowling eccitare coi suoi libri schiere di ragazzini, difficilmente obiettiamo sui milioni che incamerano nel frattempo. Le ricchezze che ci fanno arrabbiare sono quelle che derivano dalle manipolazioni del sistema: il CEO che briga con il comitato esecutivo grazie alle opache relazioni personali di cui gode e il banchiere la cui azienda sopravvive in virtù dei salvataggi pubblici non sembrano meritare i bonus milionari che incassano così di frequente. Il pubblico percepisce quei compensi (correttamente o meno) come sproporzionati rispetto al contributo sociale di queste figure. In altri termini, se noi prendiamo l’ attitudine del pubblico come un segno delle nostre intuizioni morali, allora vediamo bene come non sia necessario porre al centro l’ utilità marginale di ciascun soggetto quanto piuttosto la relazione che lega compenso e contributo fornito.

La teoria del just desert ci dà un’ interpretazione differente del cosiddetto equilibrio di mercato. Di solito noi economisti diciamo che l’ equilibrio di mercato fornisce un’ allocazione efficiente delle risorse senza però essere necessariamente equo. Forse il nostro giudizio è troppo sbrigativo, d’ altronde è la stessa teoria economica a dirci che in equilibrio ciascuno riceve per quel che produce. In altri termini, ciascuna persona riceve per quel che è il suo contributo nella produzione di beni e servizi.

LA TEORIA DELLA TASSA GIUSTA

Adesso mi occuperò delle conseguenze di quanto detto sulla distribuzione ottimale del carico fiscale. Qualcuno potrebbe concludere che se ognuno di noi ottiene dal mercato quanto merita non c’ è spazio per imposte progressive. Si potrebbe pensare che un governo non è necessario oppure che sarebbe sufficiente una “quota d’ iscrizione” per finanziare un governo minimo, il che costituirebbe senz’ altro un allontanamento radicale dalla situazione odierna. Ma io non penso che questa ipotesi sia necessariamente corretta. Ci sono molti elementi che rendono un mercato imperfetto e che chiedono di essere rimossi al fine di ottenere un’ accettabile situazione di just desert.

Penso innanzitutto a tasse pigouviane. Se una persona si guadagna da vivere imponendo esternalità negative ai suoi vicini trovo giusto che debba in qualche modo risarcirli mediante il pagamento di una tassa sulle esternalità da girare ai danneggiati poiché il suo reddito disponibile non rispecchia fedelmente il suo contributo. Una tassa pigouviana non solo rende l’ economia più efficiente ma anche più equa.

Lo stesso dicasi per i sussidi pigouviani, anch’ essi sono la logica conseguenza della teoria just desert. Se qualche attività, come per esempio la ricerca scientifica di base, esibisce esternalità positive, il governo dovrebbe aiutarla. Una tassa sui beneficiati da girare ai ricercatori non solo aumenterebbe l’ efficienza ma riprodurrebbe l’ equivalenza tra compensi e contributi.

Poi c’ è il problema dei beni pubblici quali la difesa, la polizia e i tribunali. Questi beni devono essere in qualche modo finanziati e il costo è giusto che ricada su chi li usa di più.

Le tasse pigouviane e il finanziamento dei beni pubblici conduce presumibilmente a un sistema fiscale in cui chi ha di più paga di più poiché chi ha proprietà più estese beneficia maggiormente di un servizio di difesa della proprietà.  In realtà non potremmo escludere a priori nemmeno che un sistema di tassazione progressivo sia coerente con una teoria della giustizia just desert.

E che dire dei trasferimenti ai poveri? Nella misura in cui le persone hanno a cuore la sorte dei più bisognosi anche l’ aiuto ai poveri potrebbe configurarsi come un bene pubblico. In altri termini, poiché tutti vorremmo alleviare le sofferenze dei più bisognosi il governo potrebbe farsene carico per evitare comportamenti opportunistici.

La prospettiva presentata dovrebbe risolvere le situazioni che imbarazzano l’ utlitarista. Il motivo per cui gli italiani si preoccupano maggiormente dei loro connazionali piuttosto che degli stranieri sta nel fatto che ogni uomo si preoccupa innanzitutto del suo vicino. In questo senso l’ aiuto agli italiani bisognosi puo’ essere considerato un bene pubblico mentre gli aiuti ai paesi poveri molto meno. Ma questa prospettiva spiega anche l’ avversione a una tassa sull’ altezza: se i benefici che si hanno dai servizi governativi crescono con il reddito e non con le capacità possedute, cessa ogni esigenza di rintracciare variabili correlate alle capacità personali.

DOMANDE DIFFERENTI

La prospettiva just desert porta a porsi domande differenti. L’ utilitarista è interessato a misurare l’ aumento la felicità del contribuente al crescere del suo reddito, nonché quanto la tassazione disincentivi i suoi sforzi volti alla produzione del reddito stesso. Il teorico just desert non esclude il valore di queste considerazioni ma le reputa fuorvianti se assunte come punto di partenza di ogni ragionamento intorno alle tasse. Preferisce chiedersi innanzitutto se il reddito di una persona rifletta il suo contributo alla produzione di ricchezza e, in secondo luogo, quanti benefici incamera dai servizi governativi.

Non c’ è modo per stabilire quale dei due approcci prevalga. Non essendo una questione di economia positiva i crudi dati non risolvono il conflitto e l’ ultima parola spetta alla nostra intuizione morale.  

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: