Film visto ieri: L’ imbalsamatore

… mi fa andar via il latte…

Con questa laconica scusa Sara si è dapprima rifiutata di affiancarmi nella visione.

Tuttavia si sbagliava, nonostante le carcasse di uomini e animali abbondino, siamo ben distanti dal film horror.

Il genere resta indefinito. Resta indefinita persino la relazione di fondo che lega i due protagonisti e muove tutta la storia: boss/affiliato? maestro/allievo? padre/figlio? amante/amante?

Che il mare non bagni Napoli, qui lo si vede chiaramente. La costiera amalfitana è lontana anni luce.

imbalsamatore-575x452

Lui, il bellissimo Valerio, sceglierà la bellissima Deborah o il perverso nano gay cinquantenne? Il fascino del tassidermista sembra avere lentamente la meglio sia su Valerio che su di me. Deborah e Sara non hanno parole.

Allo Zoo l’ incontro fatale.

 

Un napoletano solfeggiato dall’ inizio alla fine come meglio non si potrebbe produce un effetto/realtà che nemmeno la musica patinata riesce a guastare (Rava, un po’ meno eco, per la miseria!).

Garrone è il meglio su piazza e con lui non ha senso smettere, quindi presto ci toccherà anche Reality.

Tuttavia non sono arrivato a questo film pedinando il regista. Mi ero invece appassionato al processo subito da Lucio Fulci (e produzione) in seguito alla bollente scena in cui la Bouchet nuda seduceva un bambino. Gli imputati se la cavarono egregiamente poiché riuscirono a dimostrare che il bambino ripreso di spalle era in realtà un nano. Per la precisione Ernesto Mahieux, ovvero l’ “imbalsamatore” di trent’ anni dopo.

Advertisements

6 pensieri riguardo “Film visto ieri: L’ imbalsamatore”

  1. ma pensa, non conoscevo il retroscena del nano.
    Il film lo ricordo molto bello visualmente, esteticamente (Garrone nasce pittore, artista), ma la recitazione e quindi la credibilità dei personaggi era molto discontinua… Come sempre nei film italiani. Dove grandi attori, magari di stampo teatrale, sono accostati a cani e sciampiste, con tutto il rispetto per queste due ultime categorie. La vicenda e il contesto li ricordo poco, tassidermia a parte, ma erano interessanti e abbastanza avvincenti. Da rivedere.
    Di Garrone ho visto ultimamente uno dei primi lungometraggi “Estate romana” (esilarante, per chi conosce unn po’ quel mondo di velleitari artistoidi alternativi romani), e poi l’altro “Primo amore” (aka Il cacciatore di anoressiche, da una storia vera).

  2. Anche qui siamo dalle parti dell’ amore anomalo. Perversione e autenticità di sentimento formano uno strano miscuglio.

    Anche la recitazione approssimativa di “Valerio” produce uno strano effetto: l’ “effetto Troisi”. Hai presente l’ intonazione del napoletano timido? Nel suo caso quel che c’ è di artefatto nella recitazione qui non guasta perché sembra riprodurre gli artifici patetici che la timidezza usa per schermirsi.

    Nel caso di Deborah, invece, la difesa sarebbe disperata.

  3. eh, davéro. Con quell’accento romano doveva èsse tipo de Brescia. See, addio.
    Neanche Valerio se poteva sentì, vicino a quell’attore nato dell’imbalsamatore.
    Il solito vizio degli italiani di non dare importanza alle piccole cose concrete importanti.
    Vengono prima le idee, l’estro, l’ispirazione, ecc.

  4. Cremona.

    E poi non è neanche bella come dico nel post. Con quel “muso” rifatto; quando scoppia la lite sono sicuro che Peppino usi una perfetta “parolilla” napoletana per etichettarlo, solo che non la capisco nonostante gli innumerevoli rewind/forword (chi mi aiuta?).

    Intanto ho ricostruito mentalmente la fonte dell’ episodio del nano. Mi chiedevo dove avessi sentito per la prima volta quella storia. Ma certo, non poteva essere che lui: Giuseppe Sansonna a Melog.

  5. peppino le dice “cu chillu muss’ rifatt, chillu muss a form e pucchiacc'”
    La “pucchiacca” in napoletano è la vagina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...