La parabola della pedagogia

Scritta unicamente a mio uso e consumo, sia chiaro.

  1. Aristotele: è doveroso formare il carattere morale del ragazzo inculcando un’ etica basilare fatta di: 1) rispetto (dell’ altro e della sua proprietà), 2) lealtà (alla parola data), coraggio (voglia di intraprendere con l’ altro) 3) buone maniere (non approfittarsi del diritto alla libertà) 4) temperanza (self contro e successo sono legati a doppio filo). il bambino, secondo Aristotele, è un “barbaro da civilizzare”. Tra noi e gli animali spicca una differenza: noi possiamo trasmettere la nostra cultura, loro devono ricominciare sempre da capo, tanto è vero che noi andiamo avanti e loro restano fermi.
  2. La pedagogia aristotelica è condivisa un po’ da tutti nella storia: greci, romani, illuministi, romantici, vittoriani. Nel novecento il paradigma muta.
  3. Si realizzano eccessi che trasformano il metodo di Aristotele in un metodo “zero-tollerance”: qui l’ educatore si allontana dal discente  trasformandosi da civilizzatore in punitore distante.
  4. L’ accusa della pedagogia progressista scatta immediata ma non prende di mira la sopravvenuta lontananza del genitore quanto cio’ che viene chiamato indottrinamento se non “lavaggio del cervello”. Tuttavia, “violentare” il carattere di una persona è possibile solo se la persona è autonoma, cosicché viene postulata l’ autonomia del bambino.
  5. L’ alternativa proposta: “value clarification“. Il bambino è competente, autonomo, bisogna solo presentargli dei valori etici e lui procederà alla scelta. Fondamentale mantenere le distanze per non influenzarlo.
  6. Il metodo della “value clarification” crea, implicando la distanza dell’ adulto, ansia e paure. Si cerca di rimediare puntando sull’ autostima: premi per tutti e complimenti continui.
  7. Il metodo dell’ autostima fomenta il narcisismo, si cerca un recupero di Aristotele.
  8. Ma i valori di Aristotele non  soddisfano l’ ideologia progressista, cosicchè si cerca di sostituirli con 1) democrazia 2) tolleranza 3) legalità 4) educazione di genere 5) politically correct…
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...