Umiliati ed offesi

Cosa distingue un’opinione legittima da un’opinione ingiuriosa?

Non sono un giurista, affronto la questione armato solo di buon senso nella speranza che sia la giurisprudenza a seguire il buon senso e non viceversa.

L’ingiuria e la diffamazione colpiscono l’onore di una persona.

Un tempo l’onore era tutto, serviva a costruire il bene fondamentale della fiducia. Una persona disonorata era una persona condannata ai margini della società.

Oggi è lo stato che si occupa di adempiere a questa funzione, per esempio: è lo stato che si occupa di far adempiere i contratti stipulati, non dobbiamo più affidarci esclusivamente sull’onore della controparte; l’onore personale cessa così di essere  un bene cruciale. Tuttavia, il nostro cervello questo non lo sa, si è formato in quello sterminato periodo storico/preistorico che chiamiamo “era dell’onore” e ce lo dobbiamo tenere così com’è, lui ci fa soffrire quando riceviamo un’ingiuria che ci disonora, anche se poi i danni materiali sono minimi. Chi offende quindi deve pagare, per usare un’analogia: se domani un robot farà quello che oggi  facciamo con le mani, non per questo deve passarla liscia chi contro la nostra volontà ci dovesse amputare la ormai inutile appendice.

L’ingiuria crea un’offesa e quindi un danno psicologico che andrebbe risarcito alla vittima.

Se l’offesa è volontaria la punizione deve scattare senza attenuanti.

Non nego che per gli accertatori isolare l’intenzione sia un’operazione delicata: se ti dico “scemo” è perché voglio offenderti o perché penso che tu sia scemo e intendo esprimere questa mia opinione? l’intenzione è qualcosa di interiore che non si puo’ osservare, non ci resta che raccogliere indizi indagando su tono, luogo, tempo, contesto eccetera.

Ma leviamo di mezzo il “caso facile” e concentriamoci sull’offesa come danno collaterale dell’ “opinione ingiuriosa”. Il dubbio di un dovere al risarcimento persiste, anche qui basta una semplice analogia: se faccio un incidente automobilistico sono chiamato a risarcire anche in assenza di intenzionalità.

I danni psicologici però sono particolari: diversamente da quelli derivanti da un incidente automobilistico riguardano l’intimità di una persona, cosicché quantificarli è ostico. Anche per questo si limitano i casi di risarcimento; la regola generale potrebbe essere questa: solo quando è possibile contrattare in anticipo con le potenziali vittime si è tenuti poi a risarcire per i danni psicologici eventualmente prodotti.

Un esempio vale più di mille parole:

Un tale va in una chiesa cattolica e nell’attesa che entri l’officiante, ad assemblea composta, sale sull’altare brandendo il microfono per dire: “cattolici, vi considero dei bigotti e oltretutto degli ignoranti, siete la causa prima dei ritardi dell’Italia, senza di voi il paese andrebbe 100 volte meglio!”. La cosa turba comprensibilmente l’animo di molti. Magari l’autore della piazzata pensa veramente quel che dice e di fatto sta solo esprimendo un’opinione che ha tutto il diritto di coltivare, quel che non si capisce bene è il perché debba prendersi la briga di andare ad espletare questa esigenza in una chiesa, ben sapendo che gente la frequenta, ma anche di scegliere un momento clou del rito in cui si è intrufolato. Se proprio voleva esprimersi in quella sede avrebbe potuto farsi invitare, e in effetti, dietro invito, si deve ritenere che quelle sue parole non producano alcun danno risarcibile, specie se è noto come il Nostro la pensi sui cattolici e sui ritardi dell’Italia.

Ancora sul trattamento giuridico del danno psicologico.

Dopo una serata allegra Joe droga Mary e la violenta in presenza di Jane. Quando Mary rinviene torna a casa con la sua amica e dopo qualche giorno viene resa edotta  da Jane su quanto accaduto quella sera. Ne rimane comprensibilmente sconvolta e chiede a Joe un risarcimento per i danni psicologici subiti (in assenza di danni fisici). Lo ottiene. Motivo: se Joe aveva tanta voglia di farlo con Mary avrebbe potuto anche chiederglielo! C’era cioè la possibilità di un contratto preventivo.

opinion2

Ma torniamo alle opinioni che “violentano”, quando il contratto preventivo è impossibile o diseconomico?

  1. DISCORSI PUBBLICI. Ogni volta che Gad Lerner apre bocca mi sento violentato dentro, non avrebbe potuto avvisarmi di quanto stava per dire? Bè, mentre la violenza è reale, la possibilità di avvisarmi è improbabile. Se la platea è generica risulta difficile filtrare l’audience potenzialmente vulnerabile, cosicché la libertà di parola diventa la regola anche quando offende alcuni ascoltatori.
  2. DISCORSI ASTRATTI. Se voglio fare la mia tirata anti-cattolica chi devo contrattare per ottenere il nulla osta? Chi rappresenta “i cattolici”? Che numero di telefono devo fare?
  3. DISCORSI DIALETTICI. Ci sono sedi in cui esiste un contratto implicito che ci autorizza ad esprimerci in modo franco. In questi caso l’opinione ingiuriosa è lecita, almeno tra i partecipanti al dibattito.
  4. DISCORSI MINIMI. Io non sono nessuno e le offese che posso arrecare con le mie opinioni sono minime. In queste condizioni un contratto preventivo, con tutti i costi di transazione che comporta, sarebbe diseconomico.
  5. DISCORSI PRIVATI. Nelle conversazioni private l’opinione ingiuriosa ha una circolazione talmente ristretta che il danno procurato è minimo cosicché il contratto preventivo diventa diseconomico.
  6. DISCORSO COMMERCIALE. Chi “vende” le sue opinioni si ritiene che lo faccia al miglior offerente, per cui i danni procurati sono bilanciati dai benefici arrecati (è il principio della concorrenza: i competitori si danneggiano tra loro, chi puo’ negarlo, ma il beneficio prodotto eccede questo danno). In questi casi il contratto preventivo è implicito.
  7. DISCORSI SITUAZIONALI. Talune espressioni, specie se pronunciate in certe occasioni, sono diventate tanto stereotipate da non avere più la capacità di offendere, in questi casi il contratto preventivo è diseconomico. Talvolta nei talk si sente dire quando si raggiunge il calor bianco “sei sempre in campagna elettorale”, come a voler significare che certi attacchi personali sono implicitamente ammessi solo in certe occasioni come la campagna elettorale.
  8. DISCORSI COMUNI. Posso rievocare con entusiasmo la mangiata di pesce fatta ieri e offendere a morte l’interlocutore vegano, tuttavia non mi sembra che il mio comportamento sia colpevole vista l’eccezionalità della circostanza. C’è sempre qualcosa che offende qualcuno e a volte è giusto considerare che chi offende lo fa senza colpa. In altri termini: l’offesa deve essere prevedibile usando la normale diligenza.
  9. … spazio a disposizione per chi vuol continuare.

Si noti un’ omissione problematica: il DISCORSO OGGETTIVO. In fondo anche quello puo’ offendere, ad ogni modo giudicare sulla presenza di un’offesa punibile è più facile che giudicare sull’oggettività di un’opinione.

Così come, al contrario, un’opinione trascurata resta pur sempre un’opinione. Al limite, se offendo un tale esprimendo un’opinione non argomentata, questo fatto sarà rilevante come indizio per poter dire che volevo offendere più che esprimermi.

Esercizi:

  1. L’opinione di David Irving e Robert Faurisson merita di essere condannata per “negazionismo”?
  2. Bossi che in un comizio dice “térun” a Napolitano è condannabile?
  3. Erri De Luca che dice “la TAV va sabotata” è condannabile?
  4. Marine Le Pen, Michel Houellebecq e Oriana Fallaci meritano la condanna per “islamofobia”?
  5. Chi si infiltra nelle manifestazioni di piazza per sabotarle esprimendo un’opinione controcorrente merita una condanna?
  6. Santoro invita Brunetta in studio e nel finale lo espone ad una vignetta cprrosiva di Vauro che lo offende. Condanniamo?
  7. Vauro pubblica sul suo giornale satirico una vignetta offensiva su Brunetta, che denuncia. Condannare?
  8. Vauro pubblica su un giornale di partito una vignetta offensiva su Brunetta, che denuncia. Condanniamo?
  9. Il prof. di psicologia che sa di avere in classe un’ allieva che ha subito violenza sessuale parla dei maniaci come di gente con risposte eccessive a quello che resta un istinto naturale dell’uomo. L’allieva rimane offesa e denuncia. Condanniamo?

Soluzioni: no-no-no-no-sì-sì-no-boh-no (precisazione: per la condanna s’intende comunque necessaria la querela di parte).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...