fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

La Madonna in Via del Corso

Il Papa diserta le vie dello shopping con la papamobile e Feltri accusa: ipocrita! Predichi la povertà ma capeggi una Chiesa ricca.

Gli anti-pauperisti insorgono compatti a difesa della Chiesa ma come spesso capita fanno il lavoro a metà.

alexey-kondakov-02

Ci sono infatti almeno due motivi perché chi ama i poveri non debba demonizzare troppo la ricchezza:

  • essere ricchi ci consente di aiutare i poveri direttamente;
  • vivere da ricchi ci consente di aiutare i poveri indirettamente.

Il primo punto è parola di Gesù, il secondo degli “economisti dello sviluppo” (Gesù, da uomo del suo tempo,  in merito ha taciuto come ha taciuto sulla teoria della relatività).

Il primo punto incarna il riflesso condizionato degli anti-pauperisti, ma purtroppo è anche il più superficiale. Il secondo è più pregnante, ma anche il più negletto.

L’ aiuto di cui al primo punto, quando si concretizza nell’elemosina di “pesci”, ha un difetto grave: è piuttosto miope e concentrato sul breve periodo. In caso di emergenze è forse l’unica forma d’intervento sensata, ma deve anche essere chiaro che resta una toppa precaria. Altre volte, quando l’oggetto dell’elemosina sono le “canne da pesca” (ben più costose del pesce), risulta fin troppo presuntuoso: vorrebbe divinare il futuro pianificandolo, magari per costruire scuole – ha l’ossessione delle scuole – mentre sogna un mondo ideale dove quelle scuole un giorno serviranno sul serio. Peccato che quel mondo non c’è e forse non ci sarà mai.

Il vero aiuto è allora il secondo. La storia ci ha fatto fare esperienze costruttive in merito e ora ne sappiamo un po’ di più, qualche esempio: Taiwan e la Corea del Sud (milioni di persone) sono usciti dalla povertà ed entrati nel “primo mondo” non certo grazie alla carità di qualche benefattore che si è messo a costruire scuole a tutto spiano ma perché hanno investito producendo e vendendo beni (molti di lusso) al primo mondo, il quale si peritava di smerciarli nelle demoniache vie dello shopping. Una volta innescato il business sono arrivate scuole (mirate) a valanga, e senza bisogno di tanti amorevoli benefattori.

Libero commercio e libera immigrazione sono la vera mano tesa dei ricchi verso i poveri.

Mentre l’elemosina calata dall’alto crea dipendenza del povero verso il ricco, il libero flusso di persone e merci crea una sana dipendenza reciproca. Poiché non puo’ esserci vero aiuto senza vera “inclusione”, l’aiuto del secondo tipo diventa l’unico su cui la persona generosa e razionale finisce per puntare.

Resta però un ostacolo: molte volte l’aiuto più efficace non è intenzionale. E’ lo scafista onesto a dare una mano concreta ai reietti, ma lo fa per denaro. E’ l’imprenditore (e il consumatore) nostrano a dare un’opportunità agli ultimi del pianeta ma lo fa solo perché ne trae una convenienza.

Puo’ esistere un bene salvifico se compiuto in modo non intenzionale? Ne dubito, ma sviluppare una coscienza retta su questo punto non ha nulla a che vedere con la condanna di una condotta in sé benefica.

In altri termini, ci si puo’ arricchire con una coscienza che danna oppure con una coscienza che salva: se è così lavoriamo sulle coscienze e non sull’atto di arricchirsi, anche e soprattutto perché è un atto materialmente benefico per tutti, poveri in testa. Ecco allora una buona definizione di “pauperismo”: pauperista è chi confonde l’atto con la coscienza, chi confonde negozi e consumismo.

Al buon cristiano interessano i poveri e cerca di aiutarli. Come? Con amore, ma anche efficacemente. Nel momento in cui si accorge che lo strumento adottato è controproducente – magari perché gli viene detto dall’ “economista dello sviluppo” – non insiste oltre su quella via, sa bene che l’amore non giustificherebbe tale ottusità. Cambia via, soprattutto quando la mutata strategia gli consente comunque di conservare il bene più prezioso: il suo amore.  

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: