fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

La dottrina ballerina

La Chiesa Cattolica è relativista?
 
Sulla pena di morte ha cambiato idea.
 
Sulla schiavitù ha cambiato idea.
 
Sull’usura ha cambiato idea.
 
Sulla libertà religiosa ha cambiato idea.
 
Su Galileo ha cambiato idea.
 
Sulla sottomissione della donna all’uomo ha cambiato idea.
 
Sulla guerra ha cambiato idea.
 
Sull’ “extra ecclesiam…” ha cambiato idea.
 
Ha cambiato idea quasi su tutto. Poi ha ricambiato idea.
 
Ma come può un soggetto infallibile essere relativista?
 
Bè, anche sull’infallibilità ha cambiato idea🙂
 
Una dottrina piuttosto ballerina.
 
aa
 
Ma attenzione, non si può dire che c’è “cambiamento“, bisogna dire che c’è “progresso“.
 
Se ci fosse davvero “cambiamento”  una (consistente) scissione conservatrice erediterebbe il titolo di legittima “Chiesa di Cristo”: la continuità si sposa meglio con la conservazione che con il cambiamento.
 
Lo stesso concetto di infallibilità rafforza il rompicapo: condizione necessaria affinchè il Papa possa dirsi infallibile è che non “cambi” l’insegnamento passato. Può aggiornarlo, reinterpretarlo, contestualizzarlo, evolverlo, ampliarlo, incasinarlo, chiosarlo, orientarlo… ma non può “cambiarlo”.
 
Giochi di parole? Viene il dubbio di fronte a rivolgimenti oggettivi.
 
Devo ammettere che la filosofia relativista è più schietta: poiché tutto è interpretazione, cambiare idea equivale a cambiare interpretazione. Se la Chiesa fosse davvero relativista sarebbe in una botte di ferro.
 
aaa
 
Ma le affinità tra relativisti e cattolici vanno oltre.
 
Il relativista adora il “contesto“. Tuttavia, anche il Cattolico lo tira sempre in ballo: nelle parole di un Papa (non ricordo chi) “… la dottrina va rinnovata nelle sue espressioni… alla luce del contesto pastorale in cui verrà applicata…”.
 
Il relativista va matto per concetti come quello di “esistenza“,  tant’è che a lungo lo abbiamo chiamato “esistenzialista”.
 
Ma il cattolico non è da meno. Papa Francesco: “… la dottrina della Chiesa non va ridotta a qualcosa di meramente regolativo e informativo, espungendone il carattere vissuto e trasformativo…”.
 
Il relativista non crede alla verità, per cui, a suo parere, il linguaggio ha una funzione meramente performativa: un’affermazione è “giusta” sulla base delle conseguenze che produce.
 
L’ “opzione pastorale” del cattolico assomiglia molto al “linguaggio performativo”: quel che dici è giudicato dal bene che sviluppa presso il tuo prossimo.
 
Non lasciatevi ingannare: anche chi proclama di avere dei dogmi immutabili può essere un relativista di fatto, basta non dare loro alcun contenuto concreto.
Se affermo che mi preme “la dignità umana” e poi decido di volta in volta cosa intendo con con quella espressione sono di fatto un relativista.
 
Poi ci sono i dogmi “irrilevanti”: se un relativista nei fatti mi dice poi di credere fermamente nella “triangolarità dei quadrati” devo forse cessare di crederlo un relativista?
 
Ma come si può essere relativisti e allo stesso tempo infallibili?
 
In teoria si puo’: chi è infallibile non è onnisciente, può sempre dire di aver cambiato idea a causa di nuovi saperi venuti alla luce, oppure grazie ad un approfondimento che prima aveva trascurato. Senza contare che ogni  ripensamento può essere contrabbandato come “evoluzione interpretativa”.
 
Oltretutto, il cattolicesimo si ritiene la religione dell’Uomo non della Regola, in questo senso puo’ permettersi di essere “relativista” sulle regole.
Eppure, il cattolico ostenta valori forti, addirittura “non negoziabili”.
 
Bè, secondo me il relativista non gli ostenta quanto il cattolico ma, parlando francamente, se proprio dovessi “negoziare” preferirei farlo con quest’ultimo. Il “relativista” (… animalista, liberista, ambientalista, comunista, decostruttivista…) spesso mi si presenta nelle vesti dell’ invasato incazzoso, sembra decisamente risoluto nelle posizioni che prende.
 
Eppure il cattolico crede ad un Dio con tanto di maiuscola!
 
Mi chiedo cosa impedirebbe al relativista di fare altrettanto. Nietzsche, il padre di tutti i relativisti, per esempio, credeva al superomismo, qualcosa di molto vicino alla divinità. Dio e Io, sotto certe condizioni, sono parenti stretti. Provate a chiedere a Scalfari che ci ha scritto un librone!
 
Ma, al di là della retorica, allora, cosa differenzia  il cattolico dal relativista?
I tradizionalisti dicono appunto la tradizione: l’ onere della prova spetta a chi vuole cambiare, nulla del genere presso i relativisti.
 
Vero ma… alt, calma… “onere della prova“?! Ma allora l’ultimo tribunale è la ragione!
 
aaaa
 
Ecco allora cosa differenzia il cattolico dal relativista: la fede nella ragione.
 
Non c’è solo la militanza, c’è anche e soprattutto la riflessione imparziale. Inoltre: la militanza è innanzitutto discussione e riflessione in compagnia di chi la pensa diversamente.
 
I cambiamenti di cui sopra sono legittimi purché frutto di una riflessione razionale che l’uomo aggiorna in base a cio’ che vede, ed ogni giorno vede cose nuove.
 
Discutere sulla verità con pretese oggettive è sempre sensato. Piano allora a condannare le astrazioni perché ragione e astrazione si implicano necessariamente.
 
Ricordiamocelo allora, detronizzata la ragione ci resta in mano solo un relativismo mascherato sotto formule di circostanza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: