Evviva i poveri

Ricchi e poveri hanno sistemi valoriali molto differenti.

Il povero rispetta l’autorità, il genitore, le gerarchie, le convenzioni sociali. Ha un forte senso dell’onore, della parola data e della vergogna. Coltiva il valore del lavoro duro, dell’ industriosità, della forza di volontà, dell’autocontrollo, della frugalità, del risparmio, del denaro. Investe molto sulla famiglia, sul clan, sulle relazioni personali ravvicinate. È religioso, moralista, ha un forte senso  del bene e del male, del merito e della giustizia: in questo senso predilige il rigore all’indulgenza.

Il ricco è individualista, cosmopolita, egalitarista, tollerante, indulgente, modaiolo, ateo, disinteressato, altruista, amante delle discussioni, della partecipazione politica e dell’intrattenimento. Esalta l’autonomia dell’individuo, la libera scelta, la creatività e la curiosità.

poor

In che rapporto stanno questi valori con la ricchezza?

Ipotesi: i primi servono a costruirla i secondi a godersela. Guai se si invertissero: il gap tra ricchi e poveri andrebbe fuori controllo.

In questa luce acquisisce un senso compiuto la strana espressione evangelica per cui: “gli ultimi saranno i primi“. Non risuona ora molto più chiara?

Anche le sconcertanti parole di Papa Francesco – “fate dei poveri i vostri maestri” – verrebbero ricondotte alla ragione.

Tre letture per saperne di più sui valori dei ricchi e quelli dei poveri.

1) Gert Hofstede e Michael Minkov: “Cultures and Organizations: Software of the Mind”.

2)  Yuriy Gorodnichenko and Gerard Roland: “Which Dimensions of Culture Matter for Long-Run Growth?”.

3) Michael Minkov: “Cross-Cultural Analysis: The Science and Art of Comparing the World’s Modern Societies and Their Cultures”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...