Credo o conosco? Questo è il problema…

Io credo che…

Io so che…

C’è differenza tra le due espressioni?

Oggi sappiamo di no ma a lungo non è stato così.

Si pensava che “conoscere” fosse qualcosa di differente rispetto al fatto di “avere una credenza”.

“Conoscere” era tipico del pensiero scientifico, “credere” di quello religioso (ma non solo).

Sarà per questo (l’eterna guerra scienza-fede) che bel bar-facebook la distinzione viene continuamente riproposta come se il problema non fosse stato già risolto dichiarando impossibile una simile distinzione.

Oggi infatti sappiamo che tutti i saperi concreti sono di natura probabilistica e che la probabilità ha una radice soggettiva ineliminabile.

Ai tempi in cui si riteneva possibile una demarcazione si diceva che la conoscenza (per esempio quella scientifica) era una “credenza giustificata”. Oggi invece sappiamo che esistono “credenze giustificate” che non costituiscono conoscenza, il che fa crollare ogni velleità a distinguere.

Al crollo contribuì in modo decisivo la spallata di Edmund Gettier concretizzatasi in un articolo di poche pagine. Non so se sia più inquietante o rassicurante sapere che una diatriba millenaria sia stata risolta da un articoletto di poche pagine. Comunque  è stato così: dopo aver letto quelle pagine praticamente tutti sono rimasti convinti delle sue tesi cessando ogni approfondimento.

26369_edmund_gettier

Ecco cosa faceva presente Gettier:

Immaginiamo che Smith nutra una forte credenza nei confronti della proposizione f (riferita al suo amico Jones), dove f = Jones possiede una Ford nuova di zecca.

 

Smith ha inoltre solide giustificazioni per alimentare la sua credenza: Jones, per esempio, ha sempre posseduto una Ford in passato e ha più volte espresso la sua passione per le Ford, nonché l’intenzione di ricomprarne un’altra. Inoltre, Smith ha visto Jones proprio oggi girare con una Ford nuova fiammante. guarda caso dopo che qualche giorno fa ha rottamato la sua vecchia auto.

In realtà – noi sappiamo – la Ford con cui gira Jones è presa a noleggio, non è sua anche se non si puo’ negare che sia nuova fiammante.

Tuttavia, piccolo particolare, proprio l’ altra settimana Jones ha vinto una Ford nuova fiammante alla lotteria, che al momento, però, è dal meccanico per un’ ultima revisione in attesa del varo.

A partire da queste premesse, si viene a creare una situazione di questo tipo circa f:

1) f è vera;

2) f è giustificata;

3) Smith afferma f (credenza vera e giustificata) senza conoscerne il contenuto.

L’esperimento mentale mostra quindi che la definizione di conoscenza come credenza vera e giustificata sia come minimo incompleta.

Sembra cruciale “conoscere” anche le giustificazioni di una credenza ma così si crea un regresso infinito, come mostra facilmente Gettier.

Alla fine, per evitare il regresso, bisogna concludere che sia la CREDENZA che la CONOSCENZA si fondano sull’ evidenza e tra i due atti non esiste una differenza epistemologica di rilievo.

Ecco, meglio ricordarlo a chi in modo facilone dà per scontata la divisione tra sapere scientifico e sapere religioso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...