Appello ai giovani: lasciate perdere la politica!

La politica ci fa ragionare male.

Inquina le nostre facoltà cognitive. Altro che religione. Chi crede nella forza della ragione sarebbe meglio la trascurasse.

E’ quello che sostiene più o meno esplicitamente Dan Kahan nel saggio “Politically Motivated Reasoning Paradigm

Un caso clamoroso

… Citizens… are less sharply divided today over the justice of progressive taxation (Moore 2015) than over the evidence that human CO2 emissions are driving up global temperatures (Frankovic 2015)…

In altri termini: le questioni di valore (progressività tassazione) dividono meno che le questioni di fatto (pericolosità del global warming, del nucleare, della libera circolazione delle armi, della deterrenza della pena di morte…).

Un altro caso

… Democrats and Republicans argue less strenuously about whether states should permit “voluntary school prayer” (General Social Survey 2014) than about whether allowing citizens to carry concealed handguns in public increases homicide rates or instead decreases them…

Insomma: sui valori c’è speranza di mettersi d’accordo ma sui fatti proprio no.

In altri termini ancora, la scienza fomenta più litigi della religione.

Molto strano poiché pensavamo che l’arbitrio fosse favorito dalla religione e sconfitto dalla chiarezza delle scienze.

Precisiamo: questa strana inversione dei ruoli è vera solo quando la questione fattuale ha conseguenze nelle policy. La rilevanza politica di una questione ci modifica il cervello.

Si ha un bel dire “partiamo dai fatti”, sono proprio i fatti il terreno di scontro…

… These are admittedly complex questions. But they are empirical ones…

Quando le evidenze sono meno evidenti dei valori, allora tutto è possibile.

La sperimentazione sul campo ha registrato un numero notevole di questioni fattuali in cui la forbice del dissenso è tale da far impallidire le diatribe sui valori…

safety of deep geologic isolation of nuclear wastes, the health effects of the HPV vaccine for teenage girls; the deterrent impact of the death penalty, the efficacy of invasive forms of surveillance to combat terrorism

Come si spiega la cosa? Con il paradigma del “politically motivated reasoning” (PMR). Cos’è il PMR?…

… policy relevant fact has come to assume a widely recognized social meaning as a marker of membership… groups can be expected to conform…

Aderire a certe posizioni ci iscrive in un gruppo. Poco importa se quelle questioni abbiano un contenuto fattuale che dovrebbe orientare le scelte di una persona ragionevole in un senso o nell’altro.

La scienza puo’ ben poco in un mondo dove il PMR predomina. Questo esperimento è un classico…

… In the study, the subjects… were shown pictures and CVs of scientists, all of whom had been trained at and now held positions at prestigious universities and had been elected to the National Academy of Sciences… The subjects were then asked to indicate how strongly they disagreed or agreed that each one of them was indeed a scientific expert on a disputed societal risk… The positions of the scientists on these issues were manipulated, so that half the subjects believed that scientist held the “high risk” position and half the “low risk”… The direction and strength of the subjects’ assessment of the expertise of each scientist turned on out to be highly correlated with whether the position attributed to the scientist matched the one that was predominant among individuals sharing the subjects’ cultural out-looks…

Tipico grafico che descrive esperimenti del genere:

pmrp2

In altre parole: un esperto è esperto se la pensa come noi (in certe materie sensibili), e il suo curriculum vale ben poco.

Rimedi?

Quello che viene in mente per primo: studiare, imparare a leggere i numeri, le statistiche i modelli quantitativi…

Sbagliato! Cio’ che si chiama “high numeracy” è irrilevanti in questo genere di distorsioni. Anzi, le amplifica.

Un esempio ben noto sulla questione “quanto è pericoloso il libero accesso alle armi?”…

… subjects highest in Numeracy more accurately construed complex empirical data on the effectiveness of gun control laws but only when the data, properly interpreted, supported the position congruent with their political outlooks…

In altri termini: la dimestichezza con i numeri serve solo ad indebolire le ipotesi “scomode” introducendo una sofisticazione ulteriore. Le ipotesi “comode” vengono invece assunte vere così come sono.

L’intelligenza, anziché correggere le distorsioni del pensiero si mette al loro servizio rafforzandole.

In questo senso, il profano schierato politicamente è più sensibile al consenso scientifico dello scienziato professionale schierato politicamente.

Conclusione

… politically motivated reasoning, far from reflecting too little rationality, reflects too much

Il problema non è l’ignoranza dell’elettore militante visto che la scienza dell’esperto militante crea distorsioni anche peggiori.

Il problema allora non puo’ essere che la militanza.

La scienza vale a poco se non è accompagnata dall’amore per la verità. Ma la nostra capacità “amorosa” è limitata, almeno a giudicare da come l’amore per la verità conviva male con l’amore per il partito.

A questo punto la vera soluzione è chiara: lasciar perdere la politica. Difficile infatti innamorarsi della politica senza innamorarsi di una posizione politica.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...