Il senso della vita

Maps of Meaning: The Architecture of Belief by JORDAN B. PETERSON

Guardo mia figlia e penso a quanto la amo.

Questo amore “dà senso” alla mia vita.

Non solo: per vivere io ho bisogno di senso, non è un ornamento, è l’essenziale.

E oserei generalizzare: per vivere l’uomo ha bisogno di senso.

Ma cosa significa “dare senso”, oppure “avere senso”?

Significa che posso “affermare“.

Che posso “affermare con sicurezza“.

Che posso “affermare con sicurezza” qualcosa di originale e importante.

Il dubbio sarà anche necessario ma non dà senso alla mia vita poiché manca l’elemento della certezza. Dubbio e incertezza, quando sono autentici e non un manierismo, mi lasciano sconvolto, senza equilibrio.

Affermare una banalità – per quanto certa – non dà senso alla mia vita, perché una banalità non è mai originale. Una banalità non mi illumina su chi sono.

Le affermazioni gratuite non danno senso alla mia vita. Devo avere una scala di valori in cui alcuni si collocano sopra, altri sotto. Per i primi sono disposto a pagare un prezzo.

Affermare qualcosa di originale con certezza e che ritengo importante conferisce “senso” alla mia vita perché mi conferisce identità.

Senso e identità vanno insieme.

***

Problema 1: per affermare con certezza devo rimuovere i dubbi. Come posso fare?

Problema 2: per affermare qualcosa di originale e importante ho bisogno di una controparte che si distingua da me e dal mio gruppo.

Problema 1+2: controparte e dubbio si fondono nella figura del Nemico. Oppure nella figura del Male.

Il Male, con la sua alterità, instilla dubbi e al contempo si pone come come controparte. Il Male, da un lato mi serve (come controparte), dall’altro va annichilito (in quanto portatore di dubbio).

Il senso porta con sé il Male e la Guerra. Ma il senso è per noi come l’ossigeno, non possiamo rinunciarvi. Che fare?

C’è la soluzione liberale: moltiplicare i nemici in modo da depotenziarli. Fare tante piccole guerre – magari abituandosi – è meno disastroso che ingaggiare una grande guerra.

Le società libere sono questo: tanti nemici in libera circolazione che mi lanciano le loro piccole sfide ogni giorno.

La società tirannica è il contrario: protezione garantita a tutti e formazione di un unico grande nemico esterno.

***

Se c’è un modo inefficace per difendere la religione è dire che dà senso alla vita.

E’ inefficace poiché non c’è certo scarsità di senso. Basta un figlio per dare un senso alla vita.

Non c’è certo scarsità di dei. Jung dice: il valore che metti in cima a tutti è il tuo Dio. Solo il nichilista assoluto non ha un Dio…

… Jung’s propositions was that whatever a person values most highly is their god. If people think they are atheistic, it means is they are unconscious of their gods…

***

Jordan Peterson non pensa che l’uomo sia razionale, ovvero che aggiorni le sue credenze sulla base delle anomalie in cui s’imbatte. Tende piuttosto a preservare il suo equilibrio reinterpretando le anomalie che disturbano il suo sistema di credenze in modo da “assorbirle”.

Per il benessere dell’ uomo l’equilibrio delle credenze è essenziale. Detto questo, quando le anomalie si accumulano e si fanno ineludibili, subentra una crisi che sposta l’equilibrio su un punto differente. E’ un processo doloroso e spesso fatale, si preferisce morire tenendosi strette le vecchie mappe di senso.

Il paradigma non è allora quello della razionalità bayesiana ma quello degli “equilibri punteggiati“.

***

Così come abbiamo bisogno di senso, abbiamo bisogno di protezioni contro il non-senso…

… Something we cannot see protects us from something we do not understand. The thing we cannot see is culture… The thing we do not understand is the chaos that gave rise to culture…

Nella nostra testa ci facciamo delle mappe mentali di senso. A volte servono per vivere nel mondo, altre volte per descriverlo

… The world can be validly construed as forum for action, or as place of things….

La cultura umanistica si concentra sulle prime…

… The former manner of interpretation-more primordial, and less clearly understood-finds its expression in the arts or humanities, in ritual, drama, literature and mythology…

La cultura scientifica sulla seconda…

… The latter manner of interpretation-the world as place of things-finds its formal expression in the methods and theories of science…

In realtà ciò che si realizza in concreto è un mix

… No complete world-picture can be generated without use of both modes of construal. The fact that one mode is generally set at odds with the other means only that the nature of their respective domains remains insufficiently discriminated….

Ma soprattutto si realizza un doppio inganno: chi costruisce per vivere pensa di descrivere. Chi vorrebbe descrivere si sta creando una comoda casa in cui vivere…

… Adherents of the mythological worldview tend to regard the statements of their creeds as indistinguishable from empirical “fact,” even though such statements were generally formulated long before the notion of objective reality emerged. Those who, by contrast, accept the scientific perspective—who assume that it is, or might become, complete-forget that an impassable gulf currently divides what is from what should be…

La scienza è la nostra religione contemporanea. Al ruolo conoscitivo si affianca quello terapeutico. Senza le sicurezze della scienza la salute mentale di molti è in pericolo. Per questo a volte è difesa tanto rabbiosamente.

***

La mappa mentale ci regala senso e identità, va difesa con i denti. Le dissonanze cognitive ci rendono impermeabili a molte fastidiose evidenze, e questo costituisce una forma di protezione della mappa…

… Human beings are prepared, biologically, to respond to anomalous information—to novelty. This instinctive response includes redirection of attention, generation of emotion (fear first, generally speaking, then curiosity), and behavioral compulsion (cessation of ongoing activity first, generally speaking, then active approach and exploration)…

***

Mito, religione, ideologia, scienza… tutto è mappa di senso che va difeso dal male, ovvero da evidenze anomalie.

E non pensiate che per gli scienziati sia diverso: per cambiare paradigma spesso occorre attendere le generazioni successive.

La censura è una forma di protezione sociale. Proibire l’eresia, proibire l’hate speech, ridurre il pluralismo nelle università… la mappa di senso va preservata…

… The philosophy attributing individual evil to the pathology of social force constitutes one such partial story… Although society, the Great Father, has a tyrannical aspect… the also shelters, protects, trains and disciplines the developing individual…

La legalità è per l’adulto ciò che la mamma è per il bambino…

… Subjugation to lawful authority might more reasonably be considered in light of the metaphor of the apprenticeship. Childhood dependency must be replaced by group membership…

Si realizza uno scambio: io società proteggo la tua mappa e tu membro aderisci alla mia contribuendo così a rafforzarla. E’ uno scambio proficuo per tutti…

… membership provides society with another individual to utilize as a “tool,” and provides the maturing but still vulnerable individual with necessary protection (with a group-fostered “identity”)…

Il ruolo del conformismo consiste nel realizzare questo scambio cruciale…

… The capacity to abide by social rules, regardless of the specifics of the discipline, can therefore be regarded as a necessary transitional stage in the movement from childhood to adulthood…

La disciplina è un altro fattore implicato…

… Discipline should therefore be regarded as a skill that may be developed through adherence to strict ritual, or by immersion within a strict belief system or hierarchy of values…

Relativismo e tirannia possono felicemente convivere: un ordine purchessia ma rigoroso!…

… Adoption of this analytic standpoint allows for a certain moral relativism, conjoined with an absolutist higher-order morality. The particulars of a disciplinary system may be somewhat unimportant. The fact that adherence to such a system is necessary, however, cannot be disregarded…

Quante volte abbiamo notato sbigottiti la furia del relativista? Altro che nichilismo! Se c’è qualcuno che difende con i denti la sua verità è il relativista.

***

Per quanto genitori, dissonanze cognitive, censura, politically correct, legalità ci proteggano, prima o poi l’incontro con il diverso, con l’anomalia con il nonsense arriva…

… integrated morality lends predictability to behavior, constitutes the basis for the stable state, and helps ensure that emotion remains under control. The emergence of anomaly constitutes a threat to the integrity of the moral tradition governing behavior and evaluation. Strange things or situations can pose a challenge…

A volte arriva per un mutato contesto: una siccità, un cambiamento climatico, un mercato del lavoro che richiede donne, una rivoluzione sessuale, clonazione. Fenomeni epocali che spingono per una revisione della mappa, la pressione delle anomalie si fa irresistibile…

… A prolonged drought, for example, destructive at the social level—or the occurrence of a serious illness or disability, destructive at the personal—can force the reconstruction of behavior and the reanalysis of the beliefs that accompany, follow, or underlie such behavior…

I bambini da oggi si possono fabbricare in laboratorio? Ecco lo straniero (il nonsense) che bussa alla nostra porta…

… The appearance of a stranger—or, more commonly, a group of strangers—may produce a similar effect…

Lo straniero puo’ sorgere anche all’interno, nella forma di “strane idee” o di eresia…

… Cultures may be upset internally, as well, as a consequence of the “strange idea”—or, similarly, by the actions of the revolutionary…

L’astrazione facilita questo processo.

Il pensiero “lontano” spaventa a prescindere, è oltraggioso anche quando si limita a descrivere. Ipotizzare, per esempio, un mondo in cui gli uomini verranno costruiti in laboratorio spaventa già di per sé. Parlare di un mondo di cloni è provocatorio. L’immortalità realizzata è un pensiero stupido. Chi possiede la capacità di ragionare per astrazioni e insiste nel farlo è un nemico della società, le sue ipotesi iperboliche ci tolgono terreno da sotto i piedi, ci portano sull’orlo della vertigine, ci ricordano la nostra fragilità…

… the capacity to abstract has also undermined the stability of moral tradition. Once a procedure has been encapsulated in image—and, particularly, in word—it becomes easier to modify, “experimentally”; but also easier to casually criticize and discard… Our capacity for abstraction is capable of disrupting our “unconscious”—that…

L’ipotesi astratta, l’esperimento mentale, lascia un vuoto in chi ascolta assumendo che il qui ed ora sia praticamente tutto…

… Such disruption leaves us vulnerable to possession by simplistic ideologies, and susceptible to cynicism, existential despair, and weakness in the face of threat…

Il sapere contemporaneo ci fa comprendere la fragilità delle istituzioni passate: la danza della pioggia! (ah ah ah…). Ma ci lascia nell’ignoranza sulla loro fondamentale funzione protettiva. Poi è chiaro che – azzoppati da questa ignoranza – anziché pensare alla scienza come scienza la pensiamo né più né meno come una moderna danza della pioggia…

… We are conscious enough to destabilize our beliefs and our traditional patterns of action, but not conscious enough to understand them. If the reasons for the existence of our traditions were rendered more explicit, however, perhaps we could develop greater intrapsychic and social integrity. The capacity to develop such understanding might help us use our capacity for reason to support, rather than destroy, the moral systems that discipline and protect us…

***

In questa morsa la società umana elabora due modelli: il primo è quello dell’eroe esploratore…

… He faces the unknown with the presumption of its benevolence—with the (unprovable) attitude that confrontation with the unknown will bring renewal and redemption…

L’eroe accetta la sfida e si confronta con lo straniero.

Il secondo è il fascista, che si arrocca e respinge il Nemico ad oltranza…

… This “spirit of unbridled rationality,” horrified by his limited apprehension of the conditions of existence, shrinks from contact with everything he does not understand. This shrinking weakens his personality, no longer nourished by the “water of life,” and makes him rigid and authoritarian, as he clings desperately to the familiar, “rational,” and stable. Every deceitful retreat increases his fear; every new “protective law” increases his frustration… The fascist wants to crush everything different, and then everything…

Due personalità, una curiosa…

… Anomalies manifest themselves on the border between chaos and order, so to speak, and have a threatening and promising aspect. The promising aspect dominates, when the contact is voluntary, when the exploring agent is up-to-date—when the individual has explored all previous anomalies, released the “information” they contained, and built a strong personality…

Una paurosa

… The threatening aspect dominates, when the contact is involuntary, when the exploring agent is not up-to-date—when the individual has run away from evidence of his previous errors, failed to extract the information lurking behind his mistakes…

Come educatori dobbiamo puntare su una gioventù eroica…

… Pursuit of individual interest means hearkening to this spirit’s call, journeying outside the protective walls of childhood dependence and adolescent group identification, and returning to rejuvenate society. This means that pursuit of individual interest—development of true individuality—is equivalent to identification with the hero…

I benefici dell’eroismo…

… Such identification renders the world bearable, despite its tragedies, and reduces neurotic suffering, which destroys faith, to an absolute minimum…

Messaggio: rischia la sicurezza, affronta lo sconosciuto.

***

Cosa c’è di più diseducativo del politically correct o del trigger warning? Nulla, sono l’emblema della fascistizzazione educativa.

Ma il peggio è la battaglia sulla parità di genere linguistica che in alcuni stati assurge a legge.

I giornali andrebbero classificati in due categorie: quelli che usano la parola sindaca e quelli che la evitano.

Un’altra retorica fascistoide è quella intorno alla Misericordia.

Chi è contro le donne? Nessuno. Chi è contro i neri? Nessuno. Chi è contro la compassione? Nessuno.

Solo lo Straniero, solo il Mostro puo’ opporsi a donne, neri e bisognosi.

Dal momento che io sto con le donne, neri e bisognosi… chi è contro di me non puo’ che essere un Mostro che va annichilito poiché minaccia non me ma l’intero ordine sociale.

Chi non vede chiaro sulla retorica della Misericordia è un intrallazzone in combutta con il lato oscuro dello Ior.

E’ questo il paradigma che politically correct, trigger warning, linguaggio di genere e retorica della misericordia instaurano nella società. Evitano una partizione che dia dignità a tutte le squadre in campo per fascistizzare una parte e mostrificare l’altra.

Chi si appella alla Misericordia e alla Giustizia Sociale sta accumulando armamenti. Attenzione!

***

Jordan Peterson lancia l’allarme avendo studiato Germana nazista e Unione Sovietica: come mai cittadini normalissimi hanno costruito un mondo degli orrori?…

… I concentrated on Nazi Germany and the Soviet Union. I was particularly interested in what led people to commit atrocities in service of their belief…

Perché? Perché?

Prima di un giorno della memoria andrebbe istituito un giorno della comprensione…

… The motto of the Holocaust Museum in Washington is “we must never forget.”… People don’t understand the Holocaust, and they don’t understand what happened in Russia…

Tu che mi stai leggendo saresti stato un nazista. Ti è chiaro? Se non ti è chiaro è del tutto inutile per te “ricordare” qualcosa che non hai “capito”…

… One of the things that I’m trying to convince my students of is that if they had been in Germany in the 1930s, they would have been Nazis. Everyone thinks “Not me,” and that’s not right…

Come inizia l’orrore? Come è iniziato il Nazismo, come è iniziato il Comunismo? Con la purezza linguistica. Con l’ossessione di domare cio’ che è spontaneo per natura. Con la visione per cui la “cultura giusta” si costruisce dalla cabina di regia. Chi si batte per un linguaggio asessuato dovrebbe ricordarlo…

… Part of the reason I got embroiled in this [gender identity] controversy was because of what I know about how things went wrong in the Soviet Union. Many of the doctrines that underlie the legislation that I’ve been objecting to share structural similarities with the Marxist ideas that drove Soviet Communism. The thing I object to the most was the insistence that people use these made up words like ‘xe’ and ‘xer’ that are the construction of authoritarians. There isn’t a hope in hell that I’m going to use their language, because I know where that leads…

Cosa c’è di più ingovernabile e di più spontaneo del linguaggio? Nulla.

Ebbene, chi è pronto a governare il linguaggio è pronto a governare tutto, dettagli compresi.

Chi poi vorrebbe annullare il senso profondo di maschi e femmina, chi vorrebbe fare tabula rasa di cio’ che è radicato nella nostra biologia, allora è davvero temibile nella sua ingenuità…

… Social constructionism is the doctrine that all human roles are socially constructed. They’re detached from the underlying biology and from the underlying objective world…

La libertà di espressione garantisce chi parla ma anche chi ascolta. La censura è una spada che uccide da ambo i lati…

… compelled speech is unacceptable for two reasons. One is to protect the rights of the speaker, the other is to protect the rights of the listener. The listener has the right to be informed and instructed without being unduly influenced by hidden sources. If your speech is compelled, it isn’t YOU who is talking, it’s some other entity that’s compelling your speech…

Passare dall’offesa intenzionale a quella oggettiva è il salto del fosso: nel momento in cui posso proibire cio’ che mi offende soggettivamente – anche quando non c’è nessuna intenzione offensiva – il gioco è fatto, l’intera società è nelle mie mani. Il sogno di un duce…

… They say ‘what you said hurt my feelings’ – and this is part of the assault on the objective world – your intent is irrelevant. My subjective response is the determining factor…

Mi hai offeso perché non mi hai chiamato “Sua Maestà”…

… So we shouldn’t call someone ‘your majesty’ just because they ask for it?…

***

Il senso porta identità ma l’identità è impoverita se frutto di mera immaginazione: l’identità si contratta nel mondo, si scende a patti, il mondo non puo’ essere abolito a suon di censure linguistiche…

… They say that your identity is nothing more than your subjective feeling of what you are. Well, that’s also a staggeringly impoverished idea of what constitutes identity. It’s like the claim of an egocentric two-year old, and I mean that technically…

L’identità è negoziazione

… Your identity isn’t just how you feel about yourself. It’s also how you think about yourself, it’s what you know about yourself, it’s your educated judgement about yourself. It’s negotiated with other people if you’re even vaguely civilized because otherwise no one can stand you. If your identity isn’t a hybrid of what you are and what other people expect, then you’re like the kid on the playground with whom no one can play…

Dire “Misericordia” è rifiutarsi di negoziare il proprio posto nel mondo. Quando si ha sempre ragione, la ragione non puo’ venire negoziata…

… The social justice people are always on the side of compassion and ‘victim’s rights,’ so objecting to anything they do makes you instantly a perpetrator. There’s no place you can stand without being vilified, and that’s why it keeps creeping forward…

Se poi sostituisci la Misericordia al Risentimento, ottieni il Comunismo. La mentalità è la medesima: fascisti (che hanno sempre ragione) contro Mostri…

… The thing is if you replace compassion with resentment, then you understand the authoritarian left…

***

La premessa dei costruzionisti sociali: il linguaggio è eterodiretto, dobbiamo scardinarlo e sostituirlo mettendo le mani sulla cabina di regia…

… Assigned identity is oppression. Assigned identity is the identity that’s assigned to you by the power structure – the patriarchy. The only reason the patriarchy assigns you a status is to oppress you. And so the language that frees you from that status is revolutionary language…

La libertà di espressione è importante poiché consente una lotta accettabile, un nemico accettabile, un confronto accettabile. Ci fa crescere poiché ci dice che il mondo de-fascistizzato è pieno di stranieri e di anomalie con cui fare i conti. Ci evita una lotta mortale, un nemico letale, un confronto abrasivo…

… This is why free speech is so important. You can struggle to formulate some argument, but when you throw it out into the public, there’s a collective attempt to modify and improve that. So with the hate speech issue – say someone’s a Holocaust denier, because that’s the standard routine – we want those people out there in the public so you can tell them why they’re historically ignorant, and why their views are unfounded and dangerous…

La discussione è curativa. Ma la discussione è difficile. Tuttavia, diventa sempre più difficile per chi cresce nella bambagia del trigger warning

… The conversations that are the most curative are simultaneously the ones that are most difficult and most dangerous. Most normal people will not have those conversations…

A volte si divorzia perché non si è mai discusso, perché non si è mai visto che per neutralizzare una battaglia letale bisogna combatterne mille a basso potenziale…

… That’s why so many marriages dissolve. People don’t like to have those conversations…

Giudica un uomo dalla verità che tollera…

Nietzsche say: ‘you can judge a man’s spirit by the amount of truth he can tolerate.’…

E i violenti? Tacitarli peggiora le cose…

… What happens when that truth actually does contribute to violence against groups? You pick your poison, and free speech is the right poison. There are groups that advocate for hate, but that’s not the issue. The issue is whether repressing them makes it better or worse. I would say that [repressing them] just makes it worse….

***

Eric Falkenberg ha visto nelle mappe di senso di Peterson un paradigma per le crisi economiche.

Cos’è una crisi economica? Essenzialmente un evento imprevisto che spiazza i nostri piani.

Spiazza le nostre mappe di senso.

Un’anomalia ineludibile.

Gli operatori spiazzati si paralizzano, le loro mappe vanno revisionate. L’attività economica langue.

Come se ne esce: esplorando il mondo nuovo, incontrando la Straniero che ci viene incontro, ricostruendo nuove mappe di senso.

L’esplorazione. L’avventura. Missione improba per una società di bamboccioni che si offende a morte se non dici “sindaca”.

t

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...