Gli strani numeri della Caritas

È difficile sentire la Caritas dire che i poveri stanno diminuendo, o la FAO dire che sempre meno gente soffre la fame, o l’ OMS minimizzare i rischi di una pandemia, o l’IPCC rassicurarci sui rischi del riscaldamento globale.

Al contrario: il loro mestiere sembra consistere nel lanciare allarmi

… perchè la Caritas preferisce denunciare l’esistenza di 8 milioni di poveri anzichè dirci quante persone ha fatto uscire dalla miseria?…

Ma perché?

Risposta possibile…

… queste istituzioni vivono di sussidi e devono di mostrare che si tratta di soldi ben spesi…

Una seconda risposta…

… bisogna sensibilizzare il pubblico per una buona causa…

Perché se i poveri in Italia sono 3 milioni la Caritas deve dire che sono 8?…

… perché usa i dati della povertà relativa… (per cui è “povero” chi guadagna meno della metà del reddito mediano)… anziché quelli della povertà vera (per cui è povero chi non guadagna abbastanza da poter acquistare un paniere di sussistenza)…

Svelato il trucco, veniamo a considerazioni più generali.

Il novecento è pieno di degnissime cause che proprio per il loro disprezzo della realtà sono finite in tragedia…

… non è che questo vizietto di rappresentare i mali come invincibili produce rassegnazione?…

Le ricerche sulla partecipazione politica

… si è scoperto che la partecipazione politica si fonda sulla sensazione di poter cambiare le cose… il senso di impotenza conduce verso il privato e il qualunquismo…

Chi si occupa di povertà nel mondo si limita a lanciare allarmi mantenendo il vizietto di non accennare mai ai grandi successi ottenuti nel recente passato. Poiché l’allarmismo è continuo, rassegnarsi è la reazione più naturale.

Luca Ricolfi: Illusioni italiche

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...