Come lucertole che pulsano sulla ghiaia

Seamus Heaney. Terra di palude. Poesie. (Italian Edition)

***

le cose che potevano sommarsi o venir meno.

Note:OGGETTI SENZA MATERIA

la curva solitaria e astratta di treni distanti

Note:PENSIERI INVOLONTARI

adatti alla scomodità.

Note:RESOCONTO DI UNA GIOVENTÙ

… che fa girare il mondo senza far fiorire nessuno…

L’INAPPAGANTE CIVILTA’ DEL CONTRATTO

Peso squadrato dall’aspetto innocuo, finché non provi a sollevarla… Nera scatola di gravità,

Note:L’ OSTINATA REALTA’ DELLE VALIGIE

La sofferenza passiva fa andare in tondo il mondo.

Note:UNA PASSIVITA’ DINAMICA

Rifiutare l’altra guancia. Lanciare la pietra.

Note:ODIO

il potere del potere non esercitato

Note:POTENZA DELL ASTENSIONE

Due aspetti in ogni questione, certo, certo…. ma ogni tanto, schierarsi è la sola cosa a cui si può ricorrere e senza discolparsi o compatirsi.

Note:MILITANZA SCUSATA

Il suonatore di cornamusa che arriva da lontano sei tu

Note:AGNIZIONI

che svolgi senza fine il tuo bordone

PRATO DI SERA

ti tiri su tra due mucche finché non passa il tuo turno, e ti riscuoti al tanfo dello sterco, chiedendoti: “Questo é tutto? Come era all’origine, ora e per sempre?”

CICLO

il restare a casa di chi s’ appoggiava allo stipite

BAMBOCCIONE

ebrezza del duty-free

GIOIE DEL VIAGGIATORE INESPERTO

una lucertola che pulsa sulla ghiaia

ESTATE

Nessuno di noi parlava. Le pozzanghere attendevano.

BUCO

Amava gli errori ispirati

BOBBY SANDS

lo scintillio dell’acqua frettolosa e bassa,

RUSCELLETTO

La sua canzone semplice, crepitante contro la pala… Le tue canzoni, quando le canti ad occhi chiusi come fai sempre, sono come una strada familiare di cui sapevamo in passato ogni curva

CANZONETTA

la sua compagnia era intima e confortante come una medicina che non sentivi agire.

LA SEDIA DEL POETA

Leonardo disse: il sole giammai vide un’ombra.

LEONARDO

Sangue viscoso e opaco sulle nocche del muratore, come marmellata di prugne

EDILIZIA

E i mattoni traballavano, assestandosi, battuti e allineati.

MURO

Era tutto un gettare, spalmare, spianare, scintillare finché non la lavava e la riponeva via nel fodero

Note:CAZZUOLA

“Negli anni quaranta, quando ero il primo figlio di una famiglia in perenne aumento, nella contea rurale di Derry

DEMOGRAFIA

i suoni notturni del cavallo che scalpitava nella stalla sotto il muro della stanza da letto si mescolavano ai suoni delle conversazioni degli adulti provenienti dalla cucina.”

CAMERETTA SONORA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...