La catechesi di Giacomo Biffi. Parte quarta: l’enigma del male

Un tema ostico. Obbiettivo: mettere ordine in pensieri già maturati in noi. Nessuno può diventare adulto senza aver pensato il male.

Male: ciò che ci suscita disgusto e sofferenza.

Euripide a Zeus: o sei stupido o sei ingiusto. Ecco il problema del male in estrema sintesi.

Leopardi: tutto è male. Il male esiste ma non si spiega.

Genesi: il Dio di Abramo è anche un Dio creatore. Ecco allora che già si profila il nostro problema: un Dio buono che crea il male.

Possibile giustificazione: nel male il carattere si tempra. Geremia.

In Genesi il male vince. Il male è più ingegnoso e intraprendente rispetto al bene. Il male dà prosperità.

La contraddizione del Dio buono che introduce il male è in parte risolta con la disubbidienza di Adamo: il male è frutto della libertà umana.

Il male è così sovrabbondante sulla terra che Dio si pente della creazione e manda il diluvio. Poi capisce che “punire” è inutile. Proverà a modificare le cose con l’amore.

Dio sfrutta la malvagità umana per adempiere ai suoi progetti. E questa è un altra funzione del male.

Il Dio biblico è collettivo: punisce nei figli le colpe dei padri. Il male è allora una punizione agli uomini intesi in senso lato e non in senso specifico.

Contro questa mentalità i primi a ribellarsi saranno Geremia e Ezechiele. Quest’ultimo introdusse in nuce il principio della responsabilità personale.

Giobbe ed Ecclesiaste introducono il male senza colpa diretta come ingiustizia a cui si chiede ragione a Dio.

Gli amici di Giobbe: o l’uomo non soffre, o ha peccato, o Dio è ingiusto. Ma Giobbe sente false queste alternative.

A Giobbe che si lamenta Dio non risponde e chiede sottomissione.

La scoraggiante vicenda di Giobbe ci fa capire che l’unica via d’uscita sta nell’ introdurre quella dimensione ultraterrena che manca agli ebrei e che comincerà a fare capolino in Daniele e nei Maccabei

Nel deutero Isaia viene presentato il concetto per cui il dolore del giusto riscatta il peccatore.

Conclusione: per vincere l’assurdità del male bisogna introdurre una dimensione ultraterrena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...