La prima lezione di don Giussani sul senso religioso

Quella prima lezione l’ho metabolizzata per 34 anni finché si è trasformata in qualcosa di diverso. E’ diventata più prosaica, non potrebbe essere mai letta con profitto in nessuna Scuola di Comunità ciellina, si è probabilmente mutata in un banale buon senso che non interessa nessuno, ma è comunque rimasta (la stessa cosa non puo’ dirsi per le altre lezioni impartite in quell’Università). A mente libera, senza la preoccupazione di tradire o di travisare, dico apertamente quel che mi è restato dentro, espongo al pubblico ludibrio la striminzita pianta che ha fatto crescere quel semino destinato sicuramente a più grandi imprese, ma tant’è. Lo faccio poi nei limiti che impone la stilistica contemporanea, ovvero senza superare le cinquanta righe, facendo in modo che possano essere lette anche da un bambino e interessare chi non sa nulla e non vuole saper nulla di Giussani. E sempre nelle cinquanta righe ci aggiungo molto del mio.

***

In quella prima lezione Giussani diceva che l’uomo è un essere che desidera l’infinito, e quindi destinato all’ insoddisfazione eterna. Noi uomini – e qui già sento che cominciano le interferenze – ci adattiamo a tutto e ben presto quel “tutto” ci lascia indifferenti, cosicché vogliamo di più. Potremmo anche avere un Picasso in tinello che nel giro di una settimana diventerebbe per noi invisibile.

L’errore fondamentale dell’ingenuo: “quando avrò di più, avrò meno bisogni”. No, stupido: “quando avrai di più, vorrai di più”. Il bisogno sembra crescere con il possesso, i poveri dovrebbero donare ai ricchi poiché tra noi sono loro i più “bisognosi”. 🙂

Vogliamo di più, vogliamo di più: la dipendenza è ovunque, non riguarda i drogati ma la natura umana.

Ora, le favole sono bugie che raccontano la verità e molti miti sono favole che raccontano proprio questa verità con cui Giussani esordiva: il vaso di Pandora, Adamo ed Eva, Tantalo… Forse per questo Giussani era tanto amante della letteratura (con relativa cotta per un Leopardi che citava a raffica).

Il problema è insolubile, ma perché esiste? Perché diavolo è così difficile essere appagati? Perché siamo creature imperfette. Noi cattolici parliamo di Peccato originale. Sul “perché esiste?” Giussani non andava oltre ma io nel tempo l’ho fatto togliendomi qualche soddisfazione.

Insomma, la spiegazione più convincente che ho trovato sarebbe questa: tutti i vizi hanno alla loro base un bene, l’attrazione per il glucosio ci assicura calorie, anche se implica golosità. Il riposo ci garantisce un recupero di energie, anche se spesso sfocia nella pigrizia. L’amore per il rischio ci conduce a grandi imprese, ma anche ai tavoli del casinò. La curiosità ci garantisce conoscenza, ma anche molti guai. La rabbia ci assicura il rispetto degli altri, ma accende risse inutili. Eccetera: non siamo perfetti e il bene che accumuliamo nelle nostre dispense in parte marcisce assicurandoci, tra gli altri inconvenienti, l’ insoddisfazione perenne di cui si diceva. Il nostro cervello ha molte imperfezioni perché molto sofisticato, ma le imperfezioni possiamo vederle ovunque nei nostri organi: gli occhi, tanto per dire, vedono bene in molti casi ma in altri sono vittime di miraggi. Si chiama, ripeto, peccato originale, puo’ parlarne il religioso come lo scienziato, entrambi dicono fondamentalmente la stessa cosa, entrambi su questo punto aderiscono alla medesima teologia.

Potremmo chiamarlo anche “problema del desiderio”, per arginarlo le emozioni chiedono aiuto alla ragione. Come gestirlo visto che non possiamo eliminarlo? Mentre Giussani a questo punto ti proponeva la sua via, la ragione te ne propone 5, la prima punta sull’azione:

1. Aumenta continuamente la tua produttività e potrai permetterti consumi crescenti.

Le altre proposte si concentrano sulla gestione del desiderio.

2. Prendi coscienza del problema: la consapevolezza non risolve ma attenua la gravità del male.

3. Applicati a filosofie particolarmente versate su questo punto: stoicismo, epicureismo, buddismo…

4. Appartati limitando la tua conoscenza del mondo: cio’ che non si conosce non si desidera. Anche scegliere i giusti amici è importante (viene in mente la “compagnia” di giussaniana memoria).

5. Dirigi correttamente questo eccesso di desiderio. Per esempio verso la conoscenza, oppure verso la religione (la via privilegiata da Giussani, e a cui prometteva di dedicare la seconda lezione).

Risultati immagini per lezione di don giussani

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...