La politicizzazione del cibo

Si puo’ essere amici dell’ambiente stando a tavola, ovvero attraverso le nostre scelte culinarie?

Secondo il Tyler Cowen di “An Economist Gets Lunch: New Rules for Everyday Foodies”, la risposta è affermativa. Ma bisogna stare attenti, molto attenti.

A cosa?

All’ideologia.

***

Ci sono diversi modi di essere “verdi”.

C’è l’ambientalista fricchettone, per esempio l’attore Ed Begley…

… Ed tries not to fly at all, but when he must he purchases a $5.95 carbon offset to reverse the carbon impact of his trip. Since 1990 Ed has hooked up his bicycle exercise machine to a battery, which he uses for toasting bread. He also claims he has reduced his weekly waste to a physical size that would fit inside a glove compartment, mostly by eliminating paper from his life. He has a wind turbine attached to his home and he hosts a TV show on living green, called Living with Ed and shown on Planet Green…

C’è il tipo innovativo, Matthias Gelber…

… Working out of Malaysia, Matthias promotes the idea of green cement. He claims that traditional forms of cement are responsible for 6 to 7 percent of CO2 emissions and for more than 10 percent of the emissions coming out of China…

C’è anche chi diventa “verde” per avidità, esempio il CEO di Wal Mart Mike Duke…

… Starting in 2005, Wal-Mart found comprehensive energy savings in their trucking, refrigeration, energy, lighting, and other store operations… All of this was done in the name of corporate profit…

Ci sono poi i Pigmei dell’ Africa centrale…

… many Pygmies still live as hunters and gatherers. Most Pygmies, at least the ones who have stayed in Pygmy communities, do not own anything beyond what they can carry on their backs…

Loro sono i più “verdi” in assoluto, anche se il loro stile di vita ha degli inconvenienti…

… Pygmy life expectancy is somewhere between 16 and 24 years…

***

La domanda: chi imitare tra questi campioni?

In molti cercano di portare la questione a tavola: cosa mangiare per essere amici del pianeta?

Quando scatta questa domanda, un attimo dopo scatta la politicizzazione del cibo…

… Advice on how to “eat green” or “live green” is plentiful, but too often the comments are marred by broader political agendas…

Ti accorgi subito che la gente non vuole “salvare il pianeta” ma vuole “sentirsi bene”. La dimensione del cibo poi si presta molto ad accogliere atteggiamenti religiosi.

Guarda solo i film sul cibo (ne sono usciti parecchi in questi ultimi anni), cio’ che colpisce è il disprezzo per i gusti altrui…

… bestselling movies on food, such as Super Size Me, Food, Inc., and The Future of Food, they share a common feature: a snarky and somewhat self-righteous approach to the choices that other human beings make in markets, most of all with their food…

L’ambientalista tipo è poco interessato all’ambiente e molto ai moralismi.

***

La gente non vuole avere sensi di colpa, l’ ascetismo dei “verdi” ha questo scopo.

Le loro pratiche sono faticose insinuare il dubbio che siano uno spreco di energie è doloroso per chi è coinvolto. Ma chi insinua questo dubbio? Essenzialmente chi non fa altrettanto e si disinteressa della cosa. Ecco allora trovato un nemico da colpire.

Ma la psicologia ci dice che c’è di più: chi si lava la coscienza, forte della purificazione ricevuta, si sente anche autorizzato ad essere cattivo altrove. E’ un po’ una compensazione, quasi che il nostro livello di cattiveria sia dato, se non si esprime qui, si esprimerà altrove.

Consumare il “biologico” ci fa essere peggiori in altri ambiti…

… A consumer psychology study conducted by Nina Mazar and Chen-Bo Zhong found that consuming “green products” does not make us better people. If anything, buying green products seems to encourage individuals to be less moral… That is, once they had assuaged their consciences with some green behavior, they became more rapacious and more self-seeking in other contexts… Once we’ve done something good, we too often relax…

A volte questi “altri ambiti” sono le crociate fatte con la bava alla bocca contro chi “non consuma biologico”.

***

La gente – in generale – non vuole “salvare il pianeta”, vuole iscriversi ad un club che le dia un’identità e voglia di vivere.

Per esempio, non vuole assolutamente iscriversi al “club della plastica”. Che schifo!…

… people don’t like the idea of buying plastic… Its manufacture requires petroleum products and it is a symbol of excess consumerism…

Ma la plastica, almeno per il pianeta, è quasi sempre meglio di carta e cartone, che non godono della sua cattiva fama…

… Yet plastic is often more environmentally friendly than paper or cardboard…

Persino del vetro

… Glass, for your bottles, consumes a lot of energy in its production and transportation. Plastic just sits there and reminds you of the excesses of modern commercial society…

Chi la evita si concentra troppo sul club e troppo poco sul pianeta!

I sacchetti di plastica spesso sono meglio delle borse della spesa, almeno di quelle di stoffa…

… Under some plausible estimates it takes four times as much energy to manufacture a paper bag than a plastic bag, and it takes 98 percent less energy to recycle a pound of plastic than a pound of paper… Still, plastic seems to have a less harmful environmental impact—much less harmful—than does paper… cotton bag has to be reused 171 times before it “breaks even” with the environmental impact of the plastic… and… don’t switch to paper…

***

C’è poi la tribù del chilometro zero, quelli che fanno l’orto, quelli che vogliono salvare il pianeta mangiando “locale”. Faccio il nome di Slow Food ma la moda impera ovunque.

Anche in questo caso il desiderio di affiliazione predomina rispetto agli slogan di facciata.

L’energia consumata nel trasporto è una minima parte rispetto a quella necessaria per la produzione

… The shipping of food is only a small part of its total energy cost…

Secondo Rich Pirog viaggiamo mediamente sull’ 11%…

E’ la produzione che pesa…

… The most comprehensive study comes out of Carnegie Mellon University and was done by Christopher L. Weber and H. Scott Matthews… environmental impact of food comes from its production, not its transportation…

Il colpevole, se proprio vogliamo focalizzarci sui viaggi, è il trasporto aereo

… The real culprit here is food that is flown in, as flying is an especially environmentally unfriendly activity…

Consigli…

… In other words, eat turnips rather than asparagus, which is often flown in by plane. Go hardy because the hardy items can be farmed in a lot of different climates and probably they are not flown in. Good root vegetables are kale, carrots, parsnips, and leeks…

Anche i fiori viaggiano in aereo, evitate quelli.

Oppure tagliate sulla carne: una bistecca in meno alla settimana compensa una vita di chilometro-zero…

… The Weber and Matthews Carnegie Mellon study, mentioned above, found that shifting your eating away from red meat, one day a week, does more for the environment than eating all locally sourced foods for all of your meals…

Il chilometro zero, inoltre, incentiva trasporti inefficienti

… Buying from a local farmer can mean that he makes a two-hour extra truck drive… The local farmer is also shipping a smaller number of units, and so the per unit energy cost of his supply can be relatively high… When it comes to protecting the environment, local isn’t always better and very often it is worse…

Ma il punto generale è: se è la produzione a pesare sul bilancio energetico, allora meglio consumare i prodotti coltivati laddove è più facile farli crescere, anche se queste località sono lontane da noi….

… What would it mean to live in the American Southwest and eat all of your food locally, given that you are surrounded by a large desert?… subsidized water systems… The environment is better off if the residents of Albuquerque import most of their food from far away…

Si perché consumare le fragole locali a maggio son capaci tutti… 🙂

Per il pianeta è meglio il locale in frigo per un anno (come accade spesso) o il fresco che viaggia per nave? La domanda è retorica…

… Sometimes the local apple is put into refrigerated cold storage for several months, which of course consumes energy. It would be better to buy a fresher apple, sent by boat from further abroad…

***

Lo Slow Food ha un’altra fissa: boicottare la Monsanto

… April Dávila, a youthful writer from southern California, saw the movie Food, Inc. and decided she would boycott the Monsanto Corporation for an entire month… She read an academic paper showing that GMOs cause some toxic effects in rats…

Ma non è affatto facile!…

… “Monsanto count: Breakfast was clean, but my entire lunch is questionable. The avocado and cucumber were organic, but that doesn’t mean not Monsanto, the tortilla and hummus are big question marks. The rice was Lundberg, so I know that’s some Nonsanto [sic] goodness and the chard was organic, but again, not sure of its seed source, so could be Monsanto.”…

In più, molte cose targate Monsanto fanno solo bene al pianeta…

… Monsanto products may feed millions of starving people, require fewer herbicides, and may be more robust under conditions of climate change…

Ma il discorso sui boicottaggi è più generale: andrebbero evitati, non funzionano.

Ma quando funzionano?…

… boycotts usually work best when the boycotted producer isn’t very profitable. Boycotts work least well when the producer is making a lot of money… Unless the boycott mobilizes most or all of the relevant consumers in the world, which is very hard to do…

Il boicottaggio favorisce il consumo degli altri. Insomma, non solo bisogna convincere gli altri a non consumare ma bisogna convincerli a non farlo in presenza di prezzi calanti! Missione impossibile. Esempio classico…

… Imagine that a group of consumers boycotts New Zealand lamb, on the grounds that it costs a lot of energy to ship that lamb around the world. The United States and the Arab world are two of the major export markets for New Zealand lamb. If enough consumers in the United States stop eating this lamb, under some assumptions about the structure of the market, and how the market works, the price of the lamb will fall. And what will then happen to lamb purchases in the Arab world? They will go up…

Brayden King della Northwestern University, massimo esperto in boicotaggi. Con chi funzionano? Con le imprese in declino e con una buna reputazione

… boycotts are most likely to succeed when they are directed against declining companies with good reputations…

Ma un’azienda debole e che magari in passato ha fatto bene non è il massimo come obbiettivo per i moralisti…

… This analysis—in particular the recommendation to focus a boycott on the more marginally profitable corporations—runs counter to our moral intuitions…

Le tanto odiate multinazionali – per i motivi suddetti – sono comunque i soggetti più ostici, hanno mercati in tutto il modo…

… If the corporation is truly profitable, it will probably end up selling the product no matter what—boycott or not—unless the entire world joins the boycott, which hardly ever happens…

***

L’intervista concessa da Tyler Brûlé al Financial Time offre un ottimo esempio di coscienza lavata…

… REPORTER: Do you feel bad about your carbon footprint? BRÛLÉ: On balance, I don’t think my carbon footprint is particularly large. I do fly an enormous amount, but I don’t own a car, I walk most places in London and opt for trains over aircraft where possible (in Europe and Japan)…

Il punto è che in tema ambientale non possiamo fidarci delle nostre intuizioni. È difficile vedere il reale costo delle nostre azioni. Rispettare l’ambiente diventa un mestiere a tempo pieno

… It’s hard for consumers to “see” the real environmental costs of a lot of their decisions. Memorizing facts about bunches of bananas, boats, and boycotts will not do it…

Il problema numero uno è la nostra ignoranza. E quando ci si solleva un pochino con grande sforzo informativo, dopo qualche mese la sua conoscenza è obsoleta…

… Most people, even well-informed people, don’t have a good sense of how much an afternoon drive in a Mercedes contributes to the climate change problem, relative to buying a batch of flown-in asparagus or subbing in a steak for a chicken breast…

Soluzioni?

Uni pensa: mettiamo sull’etichetta di ciascun prodotto quanto incide sull’ambiente.

A parte la costosità dell’operazione, la cosa non funziona. I prezzi informano molto di più delle etichette…

… The more fundamental problem is that labels do not encompass the same economy-wide information that is communicated by the price…

Esempio…

… foodstuff grown close to the city might receive a favorable label, because of its low transport costs. But putting the food close to the city pushes commuters further out and the net effect will not be so good for the environment…

Altro esempio: supponiamo che un locale in città offra un aperitivo “verde”, con tanto di etichetta ad hoc 10 e lode. Noi tutti sensibili al global warming il sabato pomeriggio convergiamo su quel locale privilegiandolo rispetto agli altri. Tutto bene? No, perché quel locale non ha i doppi vetri e deve usare più gasolio per il riscaldamento. Oppure ha il personale che viene da fuori e usa l’auto tutti i giorni. Sia come sia la nostra scelta ecologista fa prosperare un locale che nel complesso inquina più di quello accanto. Se ci affidassimo ai prezzi la musica cambierebbe: una carbon tax aumenterebbe il costo del riscaldamento e degli stipendi, e quindi anche quello dell’aperitivo. Con prezzi simili le nostre “fregole verdi” si raffredderebbero e ci rivolgeremmo alla concorrenza, ma questo nostro comportamento guidato da criteri non ambientalistici finirebbe per giovare anche all’ambiente!

Del resto, guardare i prezzi e solo i prezzi è ciò che facciamo di solito…

… I never try to figure out the cheapest way for someone to make a suit for me, rather I compare the price of the good with its final quality… Prices are important, in large part, because most of us cannot see very far behind the price…

Vogliamo memorizzare tutte le informazioni sulla coltivazione delle banane e sul loro trasporto via nave oppure affidarci ai prezzi?

Affidarci ai prezzi significa istituire una carbon tax

… In this context, relying on prices means taxing fossil fuels and it also means higher taxes on meat, which through methane emissions (e.g., cow farts) contribute to climate change problems…

Una volta che la tassa è in vigore potrete essere “verdi” disinteressandovi delle questioni ambientali. Ma forse è proprio questo che infastidisce l’ambientalismo religioso.

Unico problema

… The tax does involve an informational burden on the government… That is a problem, because governments don’t always get those decisions right… Still, it is a more manageable problem…

Un altro problema risiede nella necessità di uno sforzo congiunto

… Ideally a carbon tax should be done in conjunction with other major polluters, most of all China, the world’s number one carbon polluter at the moment…

Introdurre una carbon tax non dovrebbe essere politicamente impossibile: i nostri paesi invecchiano, andiamo verso periodi di austerity, nuove tasse e nuovi tagli di spesa sono all’orizzonte. Ecco, quando saremo chiamati a queste dolorose decisioni ricordiamoci della carbon tax.

Esempio di riforma fiscale

… If we wish, we could offset a higher carbon tax with a lower corporate income…

Austerity e ambiente sono buoni amici…

… The people who are preaching fiscal austerity—and mean it—are some of the best friends of the environment, whether they know it or not. They are the ones paving the way for a carbon tax…

Altri consigli sparsi…

… Greater efforts to support green forests abroad and other carbon sinks…. Cut back on requirements for minimum parking to accompany suburban developments; minimum parking requirements encourage car use and sprawl… Ease zoning restrictions on high-density construction in urban areas. City dwellers are less likely to have cars or to travel long distances and thus they are “greener.”… Eliminate all subsidies to large agribusiness… We are subsidizing cow farts… Phase out water subsidies, which encourage inefficient agriculture… Give up refined sugar as much as you can… Wash more dishes by hand… Use plastic cutlery and paper plates… Minimize the number of car trips…

E poi non sprecate il cibo. Non tanto per darlo ai poveri ma perché il cibo nella spazzatura fermenta ed inquina come poche altre sostanze.

 

 

 

 

 

Annunci

Come trovare un buon posto dove mangiare?

Qualche dritta dall’economista Tyler Cowen (The Rules for Finding a Good Place to Eat – An economist get lunch).

L’obbiettivo è quello di ottimizzare il rapporto qualità/prezzo in assenza di informazioni precise. Ottimizzare la qualità è troppo semplice: basta la guida Michelin).

Per “degustare” chiedete pure al gourmet ma per “scovare” chiedete invece all’economista e al sociologo.

***

Se qualcuno dice di aver fatto una buona colazione al bar dell’ospedale un certo scetticismo è giustificato…

… “I went to a hospital cafeteria the other day and ate a fantastic lunch.” No you didn’t. Hospital cafeterias are not profit centers for hospitals nor significant elements in their overall reputation…

Nessuno va all’ospedale in cerca di buone colazioni, di conseguenza sarà difficile che qualcuno perda tempo ad offrirle. Inoltre la concorrenza tra ospedali è scarsa, la colazione non è quindi nemmeno un’arma concorrenziale.

***

A tavola la materia prima conta, e la materia prima costa…

… The American restaurants with excellent fresh ingredients—the ones good enough to serve naked on a plate—commonly cost fifty dollars and up for dinner…

L’esempio del MASA dice tutto…

… New York’s Masa is commonly regarded as one of the best restaurants in the United States and it is arguably the best sushi place. The chef-owner has hired a personal fish shopper in the Tsukiji fish market in Tokyo and that shopper rushes the fish to the airport to take a direct flight to New York City, namely JAL 006. Once the fish clears customs, a van driver calls Masa and tells them what time the catch will be arriving. The basic prix fixe dinner at Masa goes for $450…

Se il vostro budget è modesto meglio evitare i piatti dove la materia prima conta troppo…

… Avoid dishes that are ingredients-intensive. Raw ingredients in America—vegetables, butter, bread, meats, and so on—are below world standards. Even most underdeveloped countries have better raw ingredients than…

Puntare su creatività e assemblaggio

… Go for dishes that are composition-intensive…

Naturalmente questo consiglio dipende da dove vi trovate…

… In Haiti and Thailand, I’ve seen fishermen on their boats pulling out the fish or conch from the sea while I am eating the morning catch for lunch. It doesn’t need an amazing sauce or an innovative preparation to be superb… but… The United States is a country where the human beings are extremely creative but the tomatoes are not extraordinarily fresh…

Persino in città ci sono posti strategici, almeno un tempo c’erano…

… In the old days, Parisian restaurants located themselves near butchers so as to receive choice cuts, entrails, and innards quickly and easily…

Lontani dai posti strategici meglio: arricchire, cambiare, combinare

… Let’s say I am in a Bolivian restaurant in suburban America. There’s a good chance I will ask for the silpancho, a specialty of the Cochabamba region. There is a plain steak in the dish, but it’s not just sitting out there on the plate. Underneath are rice and potatoes, and piled on top is scrambled egg, tomatoes, onions, and, on the side, green chili sauce. The sauce is not to be missed. The steak does not have to be that good for the overall meal to be delicious…

Ci sono poi ingredienti che viaggiano meglio di altri, puntare su quelli…

… Some raw ingredients travel well, such as dried chili peppers and seed-based spices… But trying to replicate Bresson chicken, Turkish eggplant, or Hong Kong scallops is going to be much, much harder because those ingredients are harder to preserve across long journeys. They have to be refrigerated or frozen and they arrive battered and somewhat tasteless, unless you pay to have them flown in and handled by specialists…

***

Ma torniamo al bar dell’ospedale. Perché la sua qualità è presumibilmente bassa?: perché la gente è lì per andare all’ospedale non al bar. E’ l’ospedale che finanzia il bar non viceversa (cross-subsidation).

Facciamo un esempio eloquente di cross-subsidiation: avente mai mangiato a Las Vegas?…

… The very best Las Vegas restaurants are located well behind the casinos and slot machines, not in front of them. The hope is that people will stop and gamble on their way to and from the good food….

Qui alcuni ristoranti finanziano i Casinò (la gente va a mangiare e poi già che è lì fa una puntatina), altri sono finanziati dal Casinò (ci vanno i giocatori in pausa pranzo). I primi stanno semi-nascosti sul retro, e sono quelli di qualità. I secondi stanno in bella vista di fronte al Casinò, e sono pessimi.

***

Come si mangia in aereo?

Prima della deregolamentazione, quando i prezzi erano molto alti, si mangiava bene (anche l’aragosta), era un modo per attrarre i clienti. Ce n’erano pochi e venivano contesi, alla fine l’aragosta faceva la differenza. Nessuno va in aereo per mangiare – esattamente come nessuno va all’ospedale per fare colazione – ma qui la concorrenza spietata fa la differenza…

… When prices of air flights were held artificially high by law, before deregulation in the 1970s, airline food was often excellent. They served lobster to attract more customers, and they knew they could make up for the lobster by charging the higher regulated fare they were forced to charge… the desire to compete for high-fare passengers forced the airlines to make the service as good as possible and that included delicious food…

Con la deregolamentazione la concorrenza si fa sui prezzi.

***

La cross-subsidiation non è universale, a volte siamo in presenza di pura vendita, per esempio nel caso dei distributori automatici. In Giappone si vende molta roba tramite i distributori. Qual è la qualità in questi casi?…

… The vending machine shows you what food looks like when there is no cross-subsidy. When you are buying food from a vending machine, it is a relatively pure transaction. You give up the money; you get the food. There’s no décor, no service, no ancillary products, no nothing, other than the swap of specified assets. And what do we know about food from vending machines? It’s reliable but it’s hardly ever special….

Un caso classico di cross-subsidiation al ristorante sono le bevande. Chiedetevi da dove vengono i soldi del ristorante…

… Restaurants make a lot of their money off the drinks…

Il business plan del ristorante…

… In essence, they are supplying food as a kind of window dressing to lure customers in for some other purpose, namely high-priced liquids. It might seem that if you don’t buy the drinks, and don’t mind settling for plain tap water, you can’t lose…

Una simile strategia implica mark up elevatissimi sulle bevande

… you pay $2.50 for the drink, and it seems that the Coke itself costs the restaurant less than twenty cents… A markup on a beer can run up to 500 percent…

Le bevande sono un modo per attuare discriminazioni di prezzo

… High prices for drinks are often a form of price discrimination, an economic term which refers to the extraction of additional money from the people willing to pay more for the product…

Come funziona questa strategia?…

… The market for dining therefore has (at least) two kinds of buyers. The first kind is highly price-sensitive and takes the time to shop around for bargains; this includes remembering how much the drinks cost. The second set of buyers is less price-sensitive and more inclined to pay the bill without remembering how much the drinks added on. These customers pay more attention to upfront costs—the main items on the menu—than to delayed costs, such as the final tally with the drinks. A lot of these people are pretty wealthy and a lot of them are prone to spend a lot of money. In any case, high prices for drinks will induce some of the latter customers to spend more money, while the more price-sensitive customers concentrate their buying on the better-bargain, lower-margin items—namely, the food and not the drink—and thus they are not scared away from the restaurant. In essence, the wealthy and the myopic are the friend and supporter of the non-drinking gourmand…

In questo senso il cliente attento prospera sulle spalle di quello disattento.

Non è detto, per esempio, che nei posti turistici si mangi sempre male, basta stare attenti ad evitare certe voci, specie le bevande: il turista è il classico cliente disattento, quindi ristoranti e clienti attenti possono sfruttare la sua presenza massiccia.

Se stiamo attenti alle bevande – per esempio evitando i vini – si puo’ pranzare anche in ristoranti di lusso: i ricconi sono clienti particolarmente disattenti.

A volte lo sfruttamento dei clienti meno attenti è istituzionalizzato, facciamo il caso del vecchio saloon

… Looking back in history, formerly you could take advantage of this cross-subsidy far more than is possible today. For instance nineteenth century saloons took the drinks cross-subsidy to an extreme by offering, literally, a free lunch to their customers. Once food supply became liberated from local farmers and hunters, such free lunches became common. The hope, of course, was that they would make the money back on the drinks…

Ancora oggi c’è l’happy hour! C’è gente (clienti attentissimi) che si fa una mappa dei locali della città per consumare in modo itinerante al minor prezzo possibile.

Ma il sovrapprezzo sulle bevande costituisce anche un affitto del tavolo

… the markup on drinks is in part a fee for using the table so long and also it is a way to charge for the décor of the restaurant… They do not set an egg timer on the table…

Chi finita la cena viene pressato con il classico e ripetuto “desidera altro?” del cameriere, alla fine ordina da bere, ovvero cio’ su cui il ristoratore ha già predisposto l’affitto del tavolo occupato…

… It’s hard to just sit there and order nothing when they keep on asking you to spend more money and everyone else is doing the same…

Più l’ambiente è figo, più il semplice “stare” si paga salato…

… I’ve also noticed that restaurants with wonderful views or innovative décor charge an especially high amount for the drinks…

***

Così come il caffè dell’ospedale non è il massimo, allo stesso modo non lo sono i popcorn del cinema…

… Cross-subsidies help explain why the food is so often so bad in movie theaters. The food subsidizes the movies…

Motivo? Cross-subsidiation.

L’origine dei popcorn al cinema…

… Popcorn entered American movie theaters in the 1930s in the midst of the Great Depression. Popcorn sales kept many theaters afloat that otherwise might not have survived…

Oggi la vendita dei popcorn (e simili) rende così bene che i grandi distributori lasciano alle sale solo quella pretendendo tutto l’incasso dei biglietti…

… Theaters in contrast make a lot of their money from selling popcorn… The incentive of the movie theater is to charge a low price for the movie, and a high price for the popcorn. The low movie price lures in viewers/eaters and the theater doesn’t much miss out on the movie revenue anyway…

Per mangiare bene quando si va al cinema evitare le multisale e il pubblico giovane: le multisale fanno cross-subsidiation a manetta e il pubblico giovane va lì solo per il film…

… If you want to eat well in a movie theater, your best shot is to go to an “indie” theater, which shows foreign films, offbeat movies, and attracts an older and more mature audience, all of which point to better taste in food. Furthermore, compared to traditional multiplexes, indie theaters keep a higher proportion of their ticket revenue…

***

Starbucks ha rivoluzionato il consumo del caffè negli USA ma con la trasformazione in catena si è badato di più al profitto, occorreva un prodotto che finanziasse il caffè. Ed ecco entrare in scena il latte….

… Today the store specializes in sweet, milk-based beverages, many of which are associated with the coffee idea in some indirect manner or other. We’re now in a setting where the quality and above all the availability of this coffee is subsidized by the milk and the sugar…

La gran parte dei prodotti con cui fa soldi Starbucks potete prepararvelo a casa con un costo dimezzato…

… If you like milk and sugar, however, you’re paying through the nose—in part to prop up the coffeelike infrastructure of the store—and maybe you should consider mixing the two at home for the desired effect. Just a whole lot cheaper…

***

I ristoranti dove si mangia bene sfruttano i lavoratori

… First, quality food is cheaper when there is cheap labor available to cook it…

Mi spiego meglio: se non si investe molto sul personale probabilmente si sta investendo sulla cucina.

Pochi camerieri che trottano procurandosi un gran mal di gambe sono un buon segno per il cliente. Se cominciate a vedere parcheggiatori, guardarobieri… diffidate. Se i camerieri sono ragazzini in nero, ottimo segno. Se sono vecchi in livrea… diffidate.

… The polar opposite case is when you see a restaurant replete with expensive labor. There’s a valet parking attendant, a woman to take your coat, a wine maître d’, a floor manager, a team of waiters, a manager to greet you, and so on…

I lavoratori più sfruttati sono senz’altro i familiari. E infatti la conduzione familiare di solito offre discreta qualità a buon prezzo.

***

Cosa ordinare? Chiedi al cameriere, ma fai bene la domanda…

… One of the most important strategies in dining is asking the waiter or waitress what to get. It is important to phrase the question properly…

L’errore da evitare…

… So don’t just ask the waiter “What should I get?” The waiter will likely direct you to the most high-margin item on the menu, and even more likely to want to get rid of you quickly so as to move on to his next task…

C’è sempre della roba avanzata da sbolognare…

Chiedete piuttosto: “qual è il vostro miglior piatto?”.

Poi, più che valutare cosa vi dice il cameriere, valutate come ve lo dice. Una risposta rapida e sicura è buon segno, potete seguire il consiglio…

… One way to proceed is to ask the waiter “What is best?” I am then happiest when the waiter does not hesitate to tell me what is best. “The venison with the spaetzle is best, sir,” is the sort of answer that warms my heart. I get more nervous when the waiter responds: “All of our menu items are good.” Another problem is when you hear: “Best? That depends on what you like. It’s hard for me to say.”…

I tentennamenti e i “dipende” sono pessimo segno…

… The bottom line is that these waiters have never been given firm instructions by a quality boss or chef, or those instructions have been summarily forgotten. It’s a bad sign for the whole restaurant…

Se volete scegliere personalmente e non avete le idee chiare seguite la regola “brutto&sconosciuto”, c’è sempre una compensazione. Brutto: la voce di menù più sciatta (se il cliente non deve essere allettato evidentemente c’è della sostanza). Sconosciuto: probabilmente è una specialità.

***

Evitare i ristoranti che presumibilmente pagano un affitto elevato. In altri termini: evitate i ristoranti in centro…

… If a restaurant cannot cover its rent, it is not long for this world. Over half of all restaurants close in the first three years of operation, so this is not a small problem… Of the four three-star New York City restaurants listed in the 2011 Michelin guide (Le Bernardin, Per Se, Daniel, and Jean-Georges), all four are in a thin strip of midtown Manhattan, not too far from Lincoln Center. These restaurants are near the homes of millionaires and billionaires…

La logica è sempre la stessa: chi paga un alto affitto non ha risorse per investire su un buon rapporto qualità prezzo in cucina.

Naturalmente, in centro ci sono ristoranti dalla qualità stratosferica. Ma quelli, oltre ad avere prezzi stratosferici, li conoscono tutti, sono rinomati, e poi sono sulla guida Michelin.

Come sopravvive un ristorante in centro? Puntando sulla massa e sui marchi (non sulla cucina)…

… A high-rent store typically attracts a large number of paying customers per hour, charges high markup on its goods, or both. Otherwise there is no way to make the rent payments every month…

I ristoranti bruttini, decentrati, che pagano poco affitto sono i più promettenti. Se poi sono proprietari delle mura siete a cavallo…

… A lot of low-rent places are ugly, but still they might have good food and they are especially likely to have cheap food that isn’t junk food…

La legge è questa:

Most fine restaurants are in high-rent areas, but most restaurants in high-rent areas are far from fine

I migliori sono in centro ma in centro è difficile trovarne uno buono.

In periferia la qualità mediana (non media) si alza, questo facilità la sorte di chi gironzola affamato senza informazioni…

… Most of the important new, cheap ethnic restaurants serving everything from Colombian food to classic Italian are burgeoning in Queens, Brooklyn, and the Bronx…

La crisi economica, diminuendo gli affitti, migliora la vita di chi va al ristorante…

… One upshot of this is that the recent Great Recession has been good for a lot of foodies. Rents are stable or falling rather than rising…

C’è poi anche una “periferia in città”. Sono quelle vie centrali in cui si insedia la fresca immigrazione…

… One good way to find a tasty and cheap meal is to seek out low-rent areas near higher-rent customers… The larger the number of restaurants serving the same ethnic cuisine in a given area, the more likely the food they serve is good. Why? Restaurants that are competing against each other can’t rest on their laurels…

Di solito le sorprese positive a livello di ristorante si trovano contigue a negozi scannati che vendono chincaglierie

… It is common to see good ethnic restaurants grouped with midlevel or junky retail outlets, and often the best food trucks are in quite inconspicuous locales… Do you see something ugly? Poor construction? Broken plastic signage? A five-and-dime store? Maybe an abandoned car? If so, crack a quiet smile, walk in the door, and order…

Lì i ristoranti sono buoni (affitti bassi) ma sono quasi tutti etnici.

Morale: se devi pranzare in centro cercati una via degradata dove si concentrano i negozi etnici e mangia in un ristorante da quelle parti…

I ristoranti che pagano l’affitto più basso sono gli ambulanti. Il mondo del cibo per strada offre molte occasioni…

… The ultimate low-rent venue is the food truck. New York City, Portland, Oregon, and Austin, Texas, have started allowing food trucks to sell their wares, and it has greatly improved food in those cities. No longer is street food a bad pretzel or fatty hot dog; food trucks bring diners authentic Mexican tacos, homemade sausages, dim sum, Vietnamese bánh mi sandwiches, and hundreds of other delicacies… My favorite local food truck is Las Delicias, which parks on Route 50, Arlington Boulevard, Falls Church (near my house), every Sunday afternoon, and serves Bolivian specialties from the Cochabamba region…

Deregolamentare la distribuzione per strada di cibo, ecco una riforma tosta per migliorare il rapporto qualità/prezzo a tavola…

… If we wanted to improve American food, and make it much cheaper, I have a suggestion: Let’s deregulate the food trucks and the other street vendors, provided they can show enough responsibility to get an open-to-all license competition…

Chi ha bassi affitti, inoltre,  puo’ sperimentare

… Low-rent food venues can experiment at relatively low risk. If a food idea does not work out, the proprietor is not left with an expensive building, fancy décor, or a long-term lease…

Con affitti bassi, tutti possono provarci…

… Lower rents also mean that more people can try their hand at starting a restaurant and marketing the family cooking…

***

Torniamo alla domanda chiave: dove mangiare bene? Siate umili, chiedete

… Meta-rationality means recognizing your limitations and realizing that very often the best information is in the hands of other people…

In questo senso le competenze sociologiche (a chi chiedere?) valgono più di quelle culinarie (cosa significa mangiar bene?)…

… some knowledge of social science is often more useful than is a knowledge of food…

Chiedete a chi ama mangiare e ha un’età tra i 35 e i 55 anni. I giovani non perdono tempo a “mangiar bene”, hanno di meglio da fare. I vecchi sono murati nelle loro abitudini, inoltre escono poco.

Chiedete a chi si muove e per lavoro mangia spesso fuori…

… Ask people who are geographically mobile in their professions and thus accustomed to eating out and collecting information about food…

Ai miei tempi si diceva: segui i camionisti. Vero! Ma segui anche gli agenti di commercio ecc.

Quando registro le fatture degli agenti a cui tengo la contabilità mi annoto sempre i ristoranti dove pranzano.

Chiedete ai tassisti.

Se cercate su google non utilizzate mai stringhe generiche…

… If you’re asking Google, put a “smart” word into your search query. “Best restaurants Washington” will yield lots of information…

… ma stringhe intelligenti, tipo…

… something more specific instead, like “best Indian restaurants Washington,”… Google “Washington best cauliflower dish,” even if you don’t want cauliflower…

Se consultate le recensioni concentratevi su quelle lunghe e positive (tre, quattro stelline su cinque).

Prima di entrare nel locale cercate di giudicare i frequentatori, è fondamentale…

… If you are looking to judge a restaurant, and can’t find anyone reliable to ask, my suggestion is to take a look at who goes there…

Evitate le risate: chi già offre grande socialità di solito non ha bisogno di offrire grande cucina…

… When I’m out looking for food, one of my fears is to come across a restaurant where the people are laughing and smiling and appearing very sociable… Don’t get me wrong. There is nothing wrong with having fun, but it’s not the same thing as good food. So many restaurants “get by”—and charge reasonably high prices—by creating social scenes for drinking, dating, and carousing. They’re not using the food to draw in their customers…

Mangiate pure nei posti fighi, ma limitatevi ai primi sei mesi dall’apertura…

… If you are going to visit such restaurants, go in the first four to six months of their operation, though not the first two weeks when they are still working out the kinks in their kitchen routine…

Donne belle? Alla larga…

… I also start to worry if the women in a restaurant seem to be beautiful in the trendy “eye candy” sense, as they are at Zengo. For me that’s another danger sign… It is often best when the people in a restaurant look a little serious or even downright grim…

Gente un po’ sguaiata? Qualche bestemmione che parte ogni tanto? Buon segno: si sente a casa, probabilmente sono clienti abituali. Il ristorante con clienti abituali merita…

… In a lot of restaurants, it is a propitious omen if the diners are screaming at each other and appear to be fighting and pursuing blood feuds. It’s a sign they are regular customers and that they feel at home in the restaurant…

In montagna andavo in un ristorante frequentato nella zona bar dalla vociferante gente del paese che giocava anche a carte nei tavolini rivolgendosi con confidenza a cameriere e barista. Ottimo segno: la gestione del ristorante è ben conosciuta, ben integrata nel tessuto sociale, sa come muoversi, come procurarsi la materia prima, come risolvere al meglio i suoi problemi..

Naturalmente, alla larga dai turisti (vedi eccezione più sopra)…

… if you are walking in Florence, and you see a restaurant full of guidebook-clutching British tourists, catching an early dinner at six P.M., you need to run the other way…

La massima: la clientela ci dice più cose sul ristorante che lo chef

… Quality customers are often more important for a restaurant than is a quality chef…

All’inizio Mc Donald’s ha fatto di tutto per selezionare la clientela: voleva famiglie non giovani stazionari. L’arredo spartano e scomodo serviva a quello…

… When McDonald’s first started to expand, in the 1950s, it took great pains to be a “family restaurant.” Ray Kroc designed the restaurants to discourage teenage loitering. He didn’t want the outlets to be too comfortable or too “cool.” He didn’t want the restaurants to have pinball or newspaper boxes or telephone booths or candy and cigarette machines or to look like teenage trouble spots. He wanted rapid turnover and he wanted people to come and go in the normal course of their day. McDonald’s thus made its designs deliberately antisocial, the opposite of today’s Starbucks. At the time, it was well known that teenage loitering had helped make many drive-ins unprofitable. McDonald’s is a family restaurant and it looks and feels the same way….

Il ristorante frequentato dai locali è quello che offre più garanzie. Volete un buon kebab? Andate nei locali dove ci sono le barbe, dove si parla solo arabo a volume elevato… e dove alla parete c’è un’immagine del Profeta.

cibo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il gioco delle tre carte

Il libero mercato è meraviglioso poiché realizza ogni momento il miracolo dello scambio: una delle poche attività umane dove quasi sempre tutti ci guadagnano.

Lo scambio è il contrario della stupidità, ovvero quella roba che danneggia tutti. Ma si contrappone anche alla guerra: quell’interazione dove, se va bene, ci guadagna una sola delle parti coinvolte.

In questo senso il mercato puo’ ben dirsi il contrario della politica.

Tuttavia, quando tutti ci guadagnano il problema diventa: come guadagnare di più?

Sul mercato per guadagnare più della controparte esiste un metodo sicuro, almeno se siete il venditore: il gioco delle tre carte.

Non conosco un venditore professionista che non lo usi.

Il nome “scientifico” del gioco delle tre carte è “discriminazione di prezzo”, il nome figo del gioco delle tre carte è “cross-subsidiation”.

Avete appena messo mano al portafoglio (negozio, ristorante, cinema, edicola, aeroporto, ferrovie, noleggio…) e i conti non vi tornano? Oppure non riuscite a spiegarvi bene qualcosa? Vi sentite soddisfatti ma anche un po’ straniti?

Il motivo è sempre quello: siete stati sottoposti al  gioco delle tre carte.

La responsabile è sempre lei: la discriminazione di prezzo.

Anche se la conosci non riuscirai mai ad evitarla, tuttavia vale la pena di conoscerla un po’ meglio tanto per capire di che (dolce) morte si muore tutti i giorni.

***

Al bar il caffè costa 1 euro.

Ma io lo pagherei anche 2, specie oggi.

Se il barista mi addebitasse 2 euro sarebbe un vero affarista poiché io pagherei senza fiatare e lui guadagnerebbe il doppio. Ma lui non lo fa.

Evidentemente, se lo facesse, perderebbe gran parte della sua clientela che evidentemente non ha i miei gusti.

D’altronde, non puo’ esporre un cartello in cui si dice: “caffè 2 euro (1 euro per chi non è disposto a pagare di più)”.

Forse domani sarà possibile vedere cartelli siffatti perché alla porta d’ingresso ci sarà una macchina scanner neuronale che dirà chi è disposto a pagare il caffè 2 euro. Il cartello sarà di questo tenore. “caffè: 2 euro per chi entrando accende la luce rossa; 1 euro per chi accende la luce verde”.

Ma oggi una macchina scanner neuronale del genere non esiste per cui bisogna inventarsi qualcos’altro per discriminare i clienti e fare affari.

Il marchingegno oggi a disposizione dei negozianti è il gioco delle tre carte. Senza gioco delle tre carte molti esercizi chiuderebbero domani, parlo dei negozietti di paese come dei colossi del web. Come funziona?

Basta creare diverse combinazioni di prodotti e venderle ognuna separatamente col suo prezzo.

Il concetto di fondo è questo: visto che sei già qui ed hai concluso un affarone, perché non concludi anche un affarino? Il non-detto: così io chiudo due affari anziché uno.

Pensate solo alle combinazioni possibili con tre prodotti. Ci sono i tre prodotti venduti separatamente, poi c’è la tripletta, e infine ci sono tre possibili coppie.

Ogni coppia è presentata come un’occasione rispetto alla vendita singola e la tripletta come una super occasione rispetto al prodotto singolo e come un’ occasione semplice rispetto alle coppie.

Ordinate da McDonald’s e capirete cosa intendo.

Attraverso molteplici combinazioni il cliente meno attento va in confusione.

Cosa intendo? Meglio fare un esempio, però solo due prodotti, altrimenti vado in confusione anch’io.

Prendiamo allora due prodotti: 1) il giornale e 2) il libro.

Poniamo che il giornale costi 1 euro e la combinazione giornale+libro 1.50. Il libro da solo costa invece 0.7.

Ammettiamo che per me potenziale acquirente il giornale valga da solo 1.50 e il libro 0.20.

Se compro solo il giornale (affare A) guadagno 0.5. Se compro la combinazione (affare B) guadagno invece 0.2 (1.50+0.2-1.50).

L’affare A è migliore dell’affare B ma nella fretta – specie se non sono un cliente molto attento – potrei confondermi e concludere l’affare B.

Cosa facilità questa “confusione”? Il fatto che anche l’affare B, in fondo, è per me conveniente!

Potrei aggiungerci il fatto che l’alternativa sarebbe quella di andare in libreria e comprare ora mi risparmierebbe un viaggio.

Questo è il punto chiave: il gioco delle tre carte che si intende qui non è quello del truffatore alla stazione che vi spenna, qui si rispetta la logica dello scambio: essere tutti più felici. Solo che dopo il gioco delle tre carte il venditore è ancora più felice e io un po’ meno felice di quel che avrei potuto essere.

L’affare B, naturalmente, fa la gioia del giornalaio che l’ha predisposto per discriminare quei clienti che valutano il giornale ben sopra il suo prezzo di 1 euro dai clienti che non intendono andare oltre l’euro. Tra i primi, infatti, ci sarà pure qualcuno incline a confondersi.

Ammettiamo che questa situazione si ripeta per molte persone, potremmo dire che “il giornale finanzia i libri”. Capito ora da dove deriva l’espressione “cross-subsidiation”?

Ma lo stesso identico ragionamento puo’ farsi a prodotti invertiti, avendo in mente l’amante di libri (che non ama i giornali) e che valuta il libro ben sopra i 0.7, ovvero sopra il suo prezzo “spacchettato”. In questo caso – qualora abbocchi all’amo della “combinazione” –  diremo che è il libro a finanziare il giornale. Si noti che il giochetto non comporta nessun rischio d’impresa visto il cambio dei prezzi conserva tutti i clienti.

Mettiamoci nei panni del venditore, la combinazione di prodotti:

1) non cambia la vita a chi “non abbocca”, che resta nostro cliente acquistando i prodotti spacchettati esattamente come se le combinazioni non esistessero. Pensate solo al cliente attento che valuta il giornale 1.10 e il libro 0.30. Compra il giornale singolo e se ne torna a casina tutto contento.

2) Migliora la vita ad alcuni clienti che hanno certe preferenze e che godono di uno sconto. Si perché le combinazioni sono occasioni vere, non specchietti per le allodole. Pensate solo al cliente che valuta il giornale 1 euro e il libro 0.6. Con la combinazione fa un affare, si porta a casa un libro che non avrebbe mai comprato altrimenti. .

3) Offre un’occasionissima ai clienti che valutano il giornale 1.2 e il libro 0.9. Costoro sono quelli che guadagnano di più. Il venditore con loro perde perché  avrebbe venduto con maggior profitto i beni spacchettati.

4) Consente ai clienti che “abboccano” di uscire comunque soddisfatti dal nostro negozio.

Cosa vuoi di più dalla vita? La macchina scanner? Ma per quella bisogna aspettare.

Insomma: il venditore non perde i vecchi clienti, ne guadagna di nuovi, incrementa gli affari con i clienti meno attenti. Per contro offre un’occasione non necessaria ai clienti del tipo 3.

Due considerazioni:

1) il gioco delle tre carte non è un automatismo, una macchina da soldi che funziona col pilota automatico, va applicata valutando bene la natura della clientela, un fiuto imprenditoriale è quindi sempre necessario.

2) Per l’esistenza di clienti tipo 2 e 3 il negoziante non potrà mai essere accusato di essere un profittatore truffaldino. Non solo – come dicevamo prima – chi “abbocca” guadagna pur sempre qualcosa ma ci sono anche dei clienti per cui il gioco delle tre carte fatto dal venditore costituisce una fonte di risparmio effettivo. D’altronde, anche il baro della stazione centrale perderà pure con qualche cliente, ma in media ci guadagna.

***

Domanda: sono i ristoranti a finanziare i casinò o viceversa?

Las Vegas fornisce la risposta: entrambi i casi sono validi.

A Las Vegas ci sono ristoranti di qualità eccelsa, di solito sono sul retro dei Casino, un po’ nascosti. Uno deve conoscerli per andarci e fare una grande cena. Poi, già che è lì, fa una puntatina al Casinò.

Questi ristoranti finanziano il Casinò.

Ma Las Vegas è piena anche di ristoranti mediocri, di solito sono ben in vista di fronte al Casinò. Chi gioca si prende una pausa e va lì a cenare.

In questo caso è il Casinò a finanziare il ristorante.

***

Domanda: sono gli aiuti agli agricoltori del Terzo Mondo a finanziare i prodotti equo-solidali o sono i prodotti equo-solidali a finanziare gli aiuti agli agricoltori del Terzo Mondo?

La mia impressione è che siano gli aiuti a finanziare i prodotti. Al punto che la vendita equo solidale è spesso un affare, tanto è vero che entra nei supermercati: il finanziamento degli aiuti è tale che una parte cospicua puo’ essere trattenuta dall’intermediario.

***

Sono i popcorn a finanziare i film o viceversa?

Qui è ovvio: sono i film a finanziare i popcorn.

Quello che sfugge è l’entità del finanziamento. Ormai siamo arrivati al punto che i multisala non guadagnano più niente col film (i produttori pretendono l’intero incasso), guadagnano solo con i popcorn.

***

Un caco di scuola di finanziamento incrociato lo riscontriamo al ristorante, il classico posto dove le bevande finanziano i cibi: di solito il cliente disattento si concentra sul prezzo della pastasciutta o della bistecca.

 

 

EXPO 2015: nutrire il pianeta.

L’ Expo 2015 affronta il tema dell’alimentazione e quindi, indirettamente, anche quello eterno della fame sul pianeta terra. Le prime 15 cose che mi vengono in mente nel merito:

  1. Rallegriamoci: abbiamo vissuto nel periodo storico in cui la fame nel mondo ha raggiunto il picco di minimo, e anche in quello dove la velocità di decremento del fenomeno ha raggiunto il suo picco di massimo. Un filotto niente male, non resta che augurarsi di prolungare il trend.
  2. Tuttavia, la fame nel mondo continua a rappresentare un problema. Anzi, “il problema” per chi ragiona sull’ alimentazione del pianeta (con buona pace degli obesi che reclamano attenzione).
  3. Diffidate di chi a questo punto attacca col refrain della “sovra-popolazione”: le città – più popolose – sono molto meno colpite delle campagne, non a caso la migrazione degli “affamati” va dalle seconde alle prime.
  4. Diffidate di chi attacca la solfa del “colonialismo“: tra i paesi poveri, quelli che hanno conosciuto il colonialismo non sono certo messi peggio degli altri, anzi…
  5. Una causa certa della fame è la guerra, e il miglior vaccino contro la guerra sono i commerci, la rendono costosa. Per i paesi autarchici le guerre sono a buon mercato, avendo tutto in casa rinunciano a poco. Come mai la Francia è diventata l’emblema del pacifismo nel corso dell’invasione irachena per poi trasformarsi in una nazione rapace quando si è trattato di invadere la Libia? Perché con l’ Iraq intratteneva fitti commerci, con la Libia no. Per i paesi affamati, allora, meno sussidi e più commercio: le loro politiche agricole sono disastrose, i sussidi garantiti spesso sono sussidi a inefficienti politiche autarchiche, con l’aggravante che l’autarchia corrobora la bellicosità di governanti desiderosi di stornare l’attenzione dei governati dal crescente impoverimento. Un paese in guerra, oltrettutto, diventa ancora più bisognoso e “meritevole” di sussidi. E’ un circolo vizioso da cui non si esce.
  6. Altra causa delle crisi più recenti: il signor Chang (ex contadino cinese), prima coltivava la terra, oggi si è trasferito in città diventando più ricco. Prima produceva parecchi prodotti alimentari e ne consumava pochi, oggi non ne produce affatto e ne consuma molti di più rispetto a prima. Il mondo è pieno di signori Chang. Al netto delle follie dell’etanolo, la recente impennata dei prezzi si deve all’arricchimento dei più poveri. Speriamo che il buon Dio ci mandi ancora tanti problemi di questo genere. L’ Egitto soffre? Già, soffre i prezzi elevati perché la sua economia è stagnante ma, ricordiamolo sempre, se soffre tanto è perché altri paesi – più aperti – si sono arricchiti e domandano molto più cibo di prima.
  7. La vostra mente è affollata di preoccupazioni e volete trattenerne una sola da rimuginare con calma, magari quella fondamentale su un tema come questo? Allora pensate alla produttività agricola nel mondo e a come migliorarla: dopo la rivoluzione verde di Norman Barlaug a cui dobbiamo i successi di cui al punto 1, le cose si sono un po’ impiantate: è auspicabile una seconda rivoluzione verde, e qui come allora un ruolo centrale sarà necessariamente giocato dall’agro-business e dalle multinazionali di settore. Mettiamo allora la strada in discesa a chi ha già fatto bene e puo’ fare ancora meglio, invochiamo chiarezza nei diritti di proprietà, specie in quei paesi sempre pronti all’”esproprio proletario”.
  8. Altra riforma: più strade. Che i governi si occupino di fare il loro mestiere anziché giocare a Robin Hood, la gente muore di fame non per mancanza di cibo ma per mancanza di strade: non si riesce a scovarla e a raggiungerla prontamente nelle remote contrade dove abita. Un km di strada carrozzabile salva più vite che un kg di mais.
  9. Altra riforma: cassare le soluzioni fallimentari. Per esempio: via i sussidi ai “bisognosi”: sostengono culture inefficienti, anche ambientalmente, culture che richiedono molta irrigazione sottraendo acqua a chi ne ha bisogno per sopravvivere.  Il “bisognoso” ha bisogno in primis che venga valorizzato il suo lavoro: il commercio, per esempio, spinge a concentrarsi sulle culture più adatte al luogo in cui si opera, sostituiamo il libero commercio all’elemosina che fa le piaghe purulente, riprendiamoci il frutto di una generosità pelosa e rinunciamo invece ai dazi: se la destra sapesse i guai che combina la sinistra lo faremmo subito.
  10. Diffidate di chi vede nella democrazia la soluzione di tutti i mali. La democrazia senza capitalismo è zoppa. Ok, la democrazia sensibilizza verso il problema perché “gli affamati” votano, ma poi produce cattive politiche, basta pensare al deleterio controllo dei prezzi durante le carestie. Inoltre, sebbene la democrazia tamponi l’ effetto pernicioso delle carestie non sembra all’ altezza di debellare la fame: l’ India è sempre stata la più grande democrazia del pianeta ma anche il paese più “affamato”. Solo le recenti riforme capitalistiche hanno invertito una tendenza consolidata da decenni.
  11. Altra riforma: largo agli OGM. Non hanno mantenuto tutte le promesse ma restano comunque una soluzione produttiva, nutriente ed economica. Paradosso: dagli anni 90 vengano consumati senza conseguenze dannose negli USA, il paese più ricco del pianeta, e sono invece banditi nei paesi più poveri, dove sarebbero più utili. Motivo? Il capriccetto di un continente invecchiato male: l’Europa. Sì perché se il masochismo europeo colpisse solo i suoi abitanti poco male, purtroppo per vie oblique colpisce anche i derelitti: 1) molte ONG chiudono il rubinetto dei sussidi a chi apre quello degli OGM ma soprattutto 2) perché aprire agli OGM quando una scelta del genere ostruirebbe lo sbocco sui mercati europei?
  12. Allarme: occhio ai fanatici slow food e KM0. Mangiare locale puo’ costare caro, soprattutto a terzi, soprattutto se bisognosi e meritevoli. E’ buona cosa, innanzitutto, rammentare che i trasporti (i “mangiatori locali” si vantano di abbatterli) incidono giusto un 3/10% sul costo del prodotto; inoltre, i trasporti a KM0 esistono comunque, non solo, sono più frequenti e spesso meno efficienti. Ma il vero punto è un altro: poiché la nostra dieta è varia, se la si vuole coprire con cibi a KM0 dobbiamo dedicarci a culture inadatte per il nostro ambiente, inefficienti quanto inquinanti. Tuttavia, questo resta un lusso che possiamo anche permetterci noi occidentali, lo capisco, ci sono anche hobby più costosi. Il fatto è che costringiamo a fare altrettanto anche coloro con cui ci rifiutiamo indirettamente di commerciare, ovvero i paesi poveri; per loro “cultura inefficiente” significa cultura da sussidiare e da irrigare in modo sovrabbondante. Tutta acqua sottratta a chi nel villaggio accanto muore di sete. Ricordatevi che il miglior modo di esportare acqua a buon mercato è attraverso “un pomodoro”: se consentite ad un paese di vendere il prodotto che coltiva in modo più efficiente – e quindi di concentrare i suoi sforzi su quello – consentirete anche di risparmiare quell’acqua che è vita per i derelitti. Ma i KM0 da quell’orecchio non ci sentono. Non è cattiveria, in un certo senso è analfabetismo economico che impedisce di calcolare le conseguenze dannose di un vezzo che magari nasce anche con buone intenzioni. Speriamo che EXPO sia un’occasione per riflettere.
  13. Volete approfondire? Non interpellate missionari e ONG, vedono le cose troppo da vicino. Non interpellate i giornalisti, vedono le cose troppo da lontano. Consultate chi si dedica allo studio del fenomeno da una vita cercando di interpretare la massa di dati che oggi abbiamo a disposizione in abbondanza, chi viene dal mondo accademico, chi ha fama di indipendenza e non lavora per dare titoli ai giornali.

expo