>Io e Gino Strada

>Io e lui, a quanto pare, siamo gli ultimi pacifisti in circolazione.

All’ epoca dell’ invasione in Iraq temevo le motivazioni dell’ impresa perchè, una volta brandite dei “buoni” di sinistra e considerata la loro tendenza naturale alla “crociata”, sarebbero servite, rivedute e corrette, per far guerre a tutto spiano in giro per il mondo.

Ci siamo, ora la dottrina Bush ha vinto (anche se non lo si puo’ dire), e si comincia con la Libia.

David Rieff sul punto:

… The Western intervention in Libya – justified in moral terms – will be remembered as a war conceived by liberal intellectuals, and cheered on by liberal intellectuals…

Il fatto poi che qualcuno la chiami “guerra umanitaria” mi stimola solo ad aggiungere la tag “linguaggio pervertito” al presente post.

>Venerdì di quaresima

> “Fish is fish” è una fiaba in cui Lionni racconta la storia di un vivace pesciolino che, avendo imparato presto il “giro del fumo” nel suo stagno, è ora tremendamente interessato a quanto accade sula terra ma, poichè puo’ respirare solo nell’ acqua, vede questo suo desiderio frustrato, almeno finchè non fa amicizia con un girino destinato a diventare rana: lui, scorazzando sulla terra, potrà compiere cio’ che è impedito al piccolo pesce e riferire tutto cio’ che vede. Proprio come nei piani, il girino, ormai diventato rana, fa la spola tra i boschi e lo stagno imbastendo mille racconti ricchi di particolari: uccelli, mucche, uomini. Sul libro delle fiabe questi “esseri” sono illustrati come se li raffigura l’ intelligenza del simpatico discente, ovvero, grandi pesciotti a cui vengono aggiunti qua e là i particolari riportati dalla rana: gli uomini sono dei pescioni che camminano sulla coda, gli uccelli sono pesci con le ali, e le mucche sono pesci che brucano l’ erba. Il punto forte di questa fiaba consiste nell’ illustrare bene i pericoli costituiti dalla conoscenza pregressa e le interferenze distorsive spesso cagionate all’ apprendimento di nuove cose.

AAVV – How the people learn.

Ho letto questo libro che offre una completa panoramica degli studi scientifici su come apprende la mente umana.

Una cosa mi ha colpito: è incredibile come sia difficile “trasferire” la propria conoscenza. Chi conosce molto bene A non è detto che parta avvantaggiato qualora si debba imparare B: e questo persino quando A e B sono campi del sapere molto vicini tra loro! Direi di più: spesso la conoscenza pregressa è un ostacolo.

Il libro (voluminoso) purtroppo ha uno stile accademico che alla lunga annoia un profano come me. La parte più capace di trattenere l’ attenzione sta nella messa in scena degli esperimenti, ce ne sono a bizzeffe, specie in materia di “trasferimento” della conoscenza:

– Un tale deve imparare dei “numeri” a memoria, con il tempo diventa fortissimo e ne riesce a memorizzare anche una ventina. Ma se di punto in bianco si passa alle “lettere”, ecco che puo’ batterlo anche un principiante.

– A dei tizi forniti di contenitori viene assegnato il compito di trasportare certi quantitativi d’ acqua: con il tempo diventano sempre più esperti nel dosare i carichi; ma quando con gli stessi strumenti il compito cambia radicalmente, ecco che in una competizione con dei novellini perdono regolarmente;

– La mamma di un ricercatore famoso faceva la sarta e adattava i modelli con tecniche empiriche molto raffinate e di sua invenzione: lo stesso figlio si rompeva la testa per poterle ricostruire logicamente; una volta che il figlio testò le abilità geometriche e topologiche della mammina fu sorpreso da tanata pochezza;

– bisgna conquistare un Forte nemico, ci sono molti fragili ponti intorno ad esso. Come fare? Semplice: basta suddividere la truppa in molte pattuglie poco numerose e attaccare indirizzando ogni pattuglia su un ponte diverso. C’ è un tumore inoperabile circondato da tessuti fragili, come programmare la chemio per renderla meno invasiva possibile? Semplice, basta indirizzare deboli dosi attaccando su tutti i fronti. Ebbene, nel corso della stessa lezione agli studenti di medicina, tra le altre cose, fu raccontata la prima parabola. Al termine fu posta invece l’ ultima domanda. Scena muta.

– Gli studenti afro-americani con capiscono le frazioni se spiegate con la “torta di mele”; le capiscono invece subito se spiegate con la potato-pie. Bè, qui sono stato un po’ sintetico ma vi assicuro che è una storia illuminante.

Dalla lettura del libro si ripassano verità facilmente intuibili: che studiando bisogna verificare spesso quel che si è appreso e bisogna farlo in contesti differenti, che la conoscenza va gerarchizzata intorno a poche “big ideas”, che l’ insegnante deve innanzitutto conoscere la propria materia; che l’ esperto differisce dal novizio perchè sa vedere i problemi prima ancora che risolverli. C’ è molto anche sui bambini: con loro è utile fare molte domande retoriche, nascondere e tirar fuori oggetti in continuazione… in fondo tutta roba di buon senso…

Ecco perchè i problemi legati al “trasferimento” della conoscenza colpiscono tanto: sono forse l’ unica conclusione decisamente controintuitiva e merita quindi di essere rimuginata.

Chi sa “A” non parte avvantaggiato quando si tratta di conoscere “B”. Mmmmmmmm… questo mi detta almeno un paio di considerazioni.

1. Forse chi sa A non parte avvantaggiato allorchè deve intraprendere una nuova conoscenza, ma poichè in genere crede di esserlo, cio’ lo rende presuntuoso. In molti casi direi che questa presunzione costituisce addirittura uno svantaggio! D’ altronde ai nostri giorni da chi sentiamo sparare le più enormi stronzate?: da intellettuali in gita turistica fuori dal loro seminato. Scienziati che s’ improvvisano teologi o artisti che preconizzano scenari politici danno spesso un pessimo spettacolo e svalutano ingiustamente arte e scienza agli occhi del popolo più umile che li ascolta basito improvvisare su materie dove in realtà sono incompetenti.

2. A scuola conosciamo “A” ma poi nella vita ci serve sapere “B”. Mi chiedo, in assenza di “trasferimento del sapre”, in assenza di quell’ arte nota come “imparare ad imparare”, qual è l’ utilità della scuola? La cosa più logica è pensare che la scuola ci alleni al sacrificio (mentale), esercizio in effetti sempre utile. In un certo senso la scuola è una specie di Venerdì di quaresima; strano, vista la logica affine, che il primo istituto goda di tanta buona stampa mentre il secondo, nella mentalità comune, passa come roba da medioevo.

>Ada Negri

>

Non posso seriamente dedicarle un post. Non ho letto praticamente nulla di lei. Molto ormai è addirittura non più pubblicato. Sono stato di recente a Motta Visconti e, per entrare a visitare una chiesa candidata ad un possibile concerto, ho attraversato il piccolo museo a lei dedicato, poiché vi è stata maestra per un paio d’anni. Piccolo ma emozionante, racconta di un personaggio di rara umiltà e umanità.

Sono riuscito a rubare uno scatto ad uno dei documenti esposti. Una lettera ad un “illustre amico”, che le aveva posto la più banale delle domande che si possono porre ad un artista. La posi analoga anch’io, più giovane ed immaturo, quando mi trovai faccia a faccia con Carlo Maria Giulini. Il quale, ovviamente, non seppe dare una chiara risposta. Chiedere ad un artista quale sia la sua opera preferita è come chiedere ad una madre quale dei suoi figli prediliga. Infatti Ada, con diplomazia, non risponde.

Interessante però è la sua descrizione della genesi delle sue opere. “Una volta, venne chiesto ad un bambino in che modo egli credeva d’essere stato messo al mondo. Egli riflettè un poco; e, invece di tirare in ballo il solito cavolo o la soltia rosa, disse: «Sono venuto». Così io direi dei libri: «Vengono come la nascita, come l’amore, come la malattia, come la morte.»” E poi prosegue con una descrizione ispirata della genesi di alcune sue opere. E conclude dicendo che il libro che sta scrivendo le piacerebbe tenerselo per sé. “Non mi crede? Pazienza.”.

Avete letto qualcosa di suo? Consigli?

AdaNegri

>Lo sbadiglio del drago

>

Eliogabalo fu l’ imperatore adolescente che, straniato dalla realtà e offeso dal banale, regnò a Roma tra il 218 e il 222, divorziò dalla moglie perchè le scoprì una macchia sul corpo; sovrano insignificante, sempre sovraccarico di ornamenti, sempre circondato da parassiti, sempre in preda a fole convulse, dette prova di lascivia e crudeltà cercando di non contaminarsi mai con sentimenti umani e dedicandosi con protervia al lusso sfarzoso e allo sperpero; con le sue rutilanti fantasmagorie seppe sedurre nel primo Novecento europeo i poeti più barbari come quelli più estenuati. Nel corso di una delle sue incursioni da travestito nella suburra finì finalmente ucciso e gettato dapprima in una cloaca, poi nel Tevere.

Splendore e angoscia di un uomo-bambino che scelse di vivere all’ interno di una ghirlanda.

Antonin Artaud prese a modello l’ imperatore pedofilo per mettere a fuoco il suo sogno amorale e per ispirare in modo consono la straripante voglia di infierire sul mondo facendolo a pezzi in modo da stornare il rancore che covava verso di sè e restituire così all’ innocente i colpi ricevuti dalla vita. In gioventù leggevo esaltato le agitate pagine su cui il francese riversava il suo balbettio paranoico, anche per questo Eliogabalo è una vecchia conoscenza.

Oggi, più smaliziato e scevro da bollori, leggo invece quelle che alla esangue canaglia dedica ill raffinato Stefan George, tutto teso a sublimare l’ arbitrio e la crudeltà in intransigente estetismo.

Per godere della lettura è necessario realizzare un transfert che ci proietti sulle vette di un narcisismo annoiato capace di tutto, intorno alla cima più elevata non scorgiamo che “oggettistica” varia messa lì per titillare i nostri sensi; guidati da un esasperato senso estetico assembliamo con ogni sorta di artifici un nostro mondo che la sovversione di ogni morale renderà incomparabilmente più bello di quello reale; in questo anfratto ci rifugiamo, è la tana del Drago, qui possiamo sagomare materie inanimate come il diaspro, il cristallo, il topazio, l’ alabastro, o la trascolorata carne umana dei sudditi adoranti; possiamo poi far implodere il tutto in un’ orgia fusionale da cui stillare per spremitura l’ anelato “fascino dell’ inorganico”. Sono tanti e tali le materie che si giustappongono in sequela mentre lo sguardo ruota, che dobbiamo impreziosire il lessico ritoccandolo di continuo per enumerare con dovizia il catalogo merceologico.

Usciti fugacemente all’ aria aperta subito si gonfia in noi una coscienza dolorosa che ci appesantisce, che ci dissuade presto dall’ agire, che ci fa abortire ogni progetto di rinsavimento, che ci spinge a fuggire una terra sfibrata dal sole in ricerca di ombreggiati sopori lenitivi da far cadere sulle “palpebre ardenti”: fuga alla ricerca di una pace assonnata in cui rinserrarsi. E’ lo sbadiglio del Drago, e segnala più vanità più che viltà.

Solo l’ astio per il prossimo istiga ancora un tumulto vitalistico, una chiamata alla vita che si manifesta in una beffarda dissipazione; le ultime energie se ne vanno mortificando e irridendo crudelmente l’ impresentabile plebe. Nelle viscere della volgare marmaglia vorremmo leggere il futuro che ci attende dopo il suicidio. In questo modo sentiamo il bisogno di distrarci dall’ oppressione dell’ esistenza, così facciamo l’ ultimo volo nell’ aria calda che ammorba un mondo in cui non vogliamo più mischiare il nostro respiro con quello altrui.

Chiusi nel nostro laboratorio accumuliamo esperimenti stralunati in cerca di quei doni riservati ai pochi. Esempio: la mattanza dei mansueti fanciulli assopiti al termine del sereno e beato connubio omosessuale li sottrae al severo giudizio della società e procura all’ eletto una quadruplice gioia: in primo luogo si assapora la solennità biblica di un rito mortifero perpetrato senza emozioni, in secondo luogo solo con l’ oltraggio alla purezza infantile ci si avvicina veramente ad essa potendone intrattenere commercio, in terzo luogo si previene con l’ omicidio il malcontento di una vita grama, schernita dall’ incomprensione e ammorbata dalle rampogne; in quarto luogo conquistiamo il privilegio di assistere allo spettacolo unico del dolore che attanaglia i parenti gelando questi esseri vili ancorati senza scampo ad una morale ordinaria.

Riemersi da questo viaggio al termine della notte ci chiediamo cosa riscatti tanta nefandezza?

Penso alla visione dell’ arte come rito religioso e anti-sociale. L’ ostentato sprezzo dell’ artista per ogni forma di vita pratica. L’ illuminata denuncia indiretta dell’ arte come antitesi al vivere civile; e uno spirare sotto l’ auspicio di poesie finalmente sgravate da ogni opulenza e riconciliate con la semplicità del mondo così come lo intuiamo quando un certo “IO”, ovvero il nostro vero nemico, non è lì a guardarlo e a ripensarlo ossessivamente.

Stefan George – Algabal – Casa Editrice Le Lettere

>La regola aurea

>E’ raro in Italia imbattersi in un liberale, vagano sparuti qua e là senza incontrarsi mai: se hai studiato in scuole statali, se ti sei specializzato in università statali, se ascolti la programmazione culturale della TV e della Radio di Stato, è probabile che l’ indottrinamento ricevuto avrà fatto effetto rendendoti refrattario ai valori liberali.

Sarebbe un peccato, allora, incontrarsi senza riconoscersi, vale la pena di testare chi hai di fronte.

Ma esiste qualcosa di simile allo scanner all’ aereporto?, all’ esame del sangue?, qualche procedura che si concluda con esiti chiari: positivo? Si accomodi a destra. Negativo? A sinistra, prego.

Ognuno elabora i suoi strumenti, io, per bollare il mio interlocutore, cerco di portare il discorso sulle armi da fuoco. Come ci si posiziona in merito? Su questo tema cruciale si simpatizza o si avversano le soluzioni proibizioniste?

La filosofia del liberale è chiara e puo’ essere compressa in due parole: liberty first. Detto meno sinteticamente: quando mancano solide prove che la libertà di Tizio nuoccia ai suoi vicini, allora… “liberty first“.

Il porto d’ armi offre proprio un caso paradigmatico: l’ evidenza (ormai ne esiste una montagna) sembra stabilizzata nel segnalare un certo beneficio sociale del libero porto d’ armi. Niente di che, non mi meraviglio che taluno contesti questa poco solida correlazione; a dir la verità non mi interessa nemmeno visto che quel che sicuramente non si riesce a provare, per quanto si vogliano torturare i numeri, è l’ esistenza di un chiaro danno.

Insomma, un caso di scuola a cui applicare il precetto “liberty first“. Non così per la mentalità totalitaria, in quel caso: “safe-first” e conseguente conculcamento dei diritti – anche dei più elementari – in nome dlla sicurezza.

In merito metto qui il link ad un devastante saggio di Mike Huemer, qualcosa che sembra davvero assomigliare all’ ultima parola sull’ argomento, se mai se ne possa immaginare una.

Forse la lettura è un po’ impegnativa ma c’ è tutto, sia sull’ argomento specifico delle armi, sia su quello allargato all’ ideologia.

Le grandi questioni che si trova ad affrontare l’ umanità – abbiamo appena discusso del nucleare – portano l’ analista onesto a dire che “le cose sono complesse“, da cui deriva il conseguente “liberty first“.

Nella discussione pubblica il liberale ha dunque una strategia spesso vincente a disposizione: brandire gli strumenti più avanzati dell’ economia per dimostrare che le cose sono più complesse di come appaiono, dopodichè puo’ concludere con il suo dogma: liberty first. Se la discussione fosse una partita di calcio direi che il liberale, avendo a disposizione due risultati su tre, è chiamato a sfruttare tale vantaggio.

Ho parlato di economia non a caso: l’ economia è quella disciplina che si occupa delle scelte tenendo conto dell’ ambiente (“eco”), ovvero di tutto cio’ che ci circonda. E’ chiaro allora che le scelte economiche più interessanti siano quasi sempre complesse offrendo così terreno favorevole alla soluzione liberale.

>Meditazione libertaria sull’ Amaca del 20.3.2011

>La signora Cinzia Cracchi salì agli onori delle cronache per via del suo movimentato fidanzamento con l’ ex sindaco di Bologna Delbono;e di alcune vacanzea spese delle casse pubbliche. Ora ha deciso di candidarsi per le elezioni comunali, in una lista civica, a nome delle “donne maltrattate” (?!). Ben al di là della sua vicenda, tutto sommato trascurabile, viene da domandarsi sulla base di quale equivoco una persona già esposta a poco piacevoli vicende intenda replicare la sua faticosa esposizione allo sguardo pubblico. Una campagna elettorale non è davvero il massimo per chi volesse recuperare serenità ed equilibrio, e come si suole dire: farsi dimenticare. La signora non è sola. Incarna, anzi, una diffusa tendenza: quella di chi diventa famoso non per merito o talento o impegno civico, e di questa fama così opaca e discutibile si innamora al punto da volerla mettere a profitto. È come se una foto sul giornale, una ripresa televisiva, insomma il famoso quarto d’ ora di celebrità, fosse una droga. Salvarsi sparendo, e dunque riconsegnando a se stessi la propria vita, è evidentemente una via preclusa ai contemporanei. Una volta esposti, non importa se per meriti o demeriti, si cerca di mantenere la scena a tutti i costi. È una sindrome, la fama, che non conosce cura.

In effetti sembra proprio che i politici più ne combinano, più rischiano di essere eletti. Ma la fama negativa puo’ essere messa a frutto? Cerco di distinguere in merito il mondo della politica dal mondo del lavoro.

A volte la fama negativa di cui godono certi personaggi ha poco a che vedere con il compito che sono chiamati a svolgere, in questi casi solo il “moralista” puo’ farsene un cruccio. Usciamo freschi freschi dall’ affaire dell’ Olgettina e sappiamo come funzionano questi meccanismi. Sul lavoro le cose non vanno molto diversamente. Anzi, il moralismo fa ancora meno presa: se il Sig. Ferrero tradisce la moglie è secondario per me, l’ importante è che continui a fare la Nutella buona come l’ ha sempre fatta.

Scendiamo ora più nel merito, parliamo di corruzione: è sorprendente come la fama di corrotto non intacchi le fortune del politico italiano. Forse perchè si sa che un certo grado di corruzione puo’ far bene, o quantomeno è inevitabile: d’ altronde tutti i grandi politici della Storia sono stati dei corrotti. Sul lavoro è diverso, la fama di corrotto ti distrugge: chi comprerebbe più da Bernard Madoff? Chi comprerebbe più creme da Vanna Marchi? Non mi servo dal noto frodatore.

La politica è anche il regno dell’ ideologia, la cosa conta: se Tizio ha fama d’ incapace ci passo sopra, purchè faccia sventolare alta la bandiera con i miei colori preferiti. I costi della sua incapacità mi toccheranno solo in minima parte. Ma sul lavoro è diverso: i costi dell’ incapacità dei miei collaboratori me li sorbisco per intero e l’ ideologia diventa in questi frangenti trascurabile.

Noto che in certi reality i personaggi negativi diventano delle star. La cosa è spiegabile, guardare la TV è solo un passatempo: per hobby posso anche essere incuriosito da quella casinista di Loredana Bertè, ma non ci vorrei mai lavorare insieme, non vorrei neanche averla come vicina di pianerottolo! Ecco, noi trattiamo allora la politica come trattiamo gli hobby più marginali. Ma c’ è un modo per avvicinare il mondo della politica a quello del lavoro? Probabilmente sì, ma lasciamo perdere.

Naturalmente, dopo aver ammesso che la “politica” è qualcosa a cui non è sensato dare un grande peso, bisogna agire di conseguenza. Ovvero, bisogna pensare ad un paese fondato sul lavoro anzichè sulla politica. Tuttavia le cose per ora non stanno così: la politica resta centrale.

Cosicchè assistiamo continuamente allo spettacolo di chi dà centralità alla politica per poi meravigliarsi di come la “fama negativa” dei politici non nuoccia loro. Questo per dire: non stupiamoci dell’ abbondanza di sermoni: la predica moralista è l’ ultima arma in mano all’ incoerente. E da noi, d’ incoerenti, ce n’ è a frotte.

>La questua trascurata

>… si riflette poco sull’ abusato confronto tra la televisione di ieri e quella di oggi… perchè la TV di ieri sembra migliore di quella odierna? In parte perchè in passato era così al centro della scena mediatica da condizionare tutti i media alternativi… oggi quel “meglio” è facilmente reperibile altrove e la televisione deve re-inventarsi… ma ci sono soprattutto altri due fattori… in primo luogo, la TV di ieri era fatta da professionisti del mondo dello spettacolo e si rivolgeva alla media borghesia: era una televisione da salotto, per il salotto… la Tv di oggi invece è fatta soprattutto per la gente comune e si rivolge di preferenza alle fasce più deboli della popolazione… la trash TV trasferisce in video le storie di persone comuni, facendole uscire dall’ anonimato in cui tirano avanti, portandole alla ribalta e facendole esplodere… la gente qualunque ha diritto di apparire e trova qui il suo mondo espressivo… si realizza così una forma di terapia dell’ escluso: anche il poveraccio ha diritto di mostrarsi, di dire la sua, di segnalare la sua presenza… direttamente o per interposta persona…oggi certa produzione televisiva è culturalmente bassa perchè si rivolge ad un pubblico periferico… il servizio pubblico era chiamato a svolgere una funzione educativa… paradossalmente la televisione contemporanea, dopo aver abbandonato le mire pedagogiche, svolge oggi una funzione educativa ancora maggiore includendo e rendendo protagoniste… fasce realmente marginalizzate, periferiche, più deboli per censo, per istruzione, per tenuta psicologica… è una reale ed efficace pedagogia senza la nobilitazione di un progetto pedagogico… nel frattempo la media e alta borghesia già socialmente realizzata trova il suo corrispettivo nelle reti a pagamento in grado spesso di offrire con continuità una nicchia di prodotti qualitativi ora disponibili con una continuità sconosciuta al passato…

Aldo Grasso – Prima lezione sulla televisione – Laterza.

Anche qui come altrove la libertà dai monopoli produce il solito effetto: ampliare lo spettro dell’ offerta includendo tutti: polenta taragna per gli sdentati emarginati che stanno in fondo e caviale per le élites dalla papilla degustativa sensibilissima.

Mi vengono in mente in treno quei semi analfabeti straccioni che passano il viaggio sfogliando avidamente la stampa gratuita ormai dimentichi di essere saliti per la questua o la rapina. Certi convogli sembrano biblioteche per gli zingari. Ssssst… non disturbare il popolo Rom che legge. Se devo essere sincero è la prima volta che nei loro riguardi ho percepito una qualche forma concreta di “integrazione”. Altro che “programmi di recupero”.