Baci a occhi aperti

La carezza degli arpeggi fender è sempre dalla parte del pelo e alla fine non la senti nemmeno più. Il timbro secco del violino elettrificato imita quei pacchiani sintetizzatori che tanti anni fa imitavano i violini banalizzandoli.

Forse succede qualcosa d’ imprevisto, un piccolo incendio, ma in lontananza, al di là dei muri del giardino, e a noi poveri ascoltatori che in punta dei piedi allunghiamo il collo ci fanno subito “circolare” per condurci alla bacheca dove dove giace un freddo pensiero, quasi fosse il cadaverino di una farfalla sotto vetro.

Julia Feld come riempiremo le librerie al tempo dell' e-book

 

L’ acquarello in coopertina è una promessa non mantenuta, il bacio al passato, caro Caleb, stavolta l’ hai dato a occhi aperti.

Genealogia: Brian Eno.

http://www.goear.com/files/externalpl.swf?file=68a74cb

Itsnotyouitsme (Caleb Burhans, Grey McMurray) – Walled Gardens

Annunci

Solleviamo il velo

Certo! I vicoli di Napoli sono sempre uno scrigno di sorprese, chiunque lo sa.  Non sto a dilungarmi sul fatto che ci puoi trovare di tutto, quello che ti puoi aspettare, ma che, nell’Anno Domini 2011, non ti credevi di trovare, e quello che si rivela una vera sorpresa. Poi c’è la sorpresa non sorpresa: uno dei monumenti più visitati della città, su cui un noto conduttore televisivo ci avrà sicuramente ricamato alcune delle puntate  del suo asfittico programma. Prima di giungere a destinazione, rigorosamente pedibus calcantibus, è d’obbligo l’incontro con qualche sciura del posto che, sgabello-munita, segue annoiata la tv accesa nel suo basso con soppalco (ultima trovata immobiliare, per altro non proprio originale, atta a conciliare necessità e mancanza di spazio con l’anelito a coltivare i rapporti sociali): “Andate a vedere ‘o Cristo velato?” “Sì, perchè?” “Essiggnore mio: sta chiuso! Al martedì fanno vacanza. Tornate domani” “Eggià, stasera c’abbiamo il traghetto e domani siamo a Palermo” Scrollata di spalle: “E allora buon viaggio, altro non posso dirvi”. Chiuso il discorso, giri l’angolo scornato per vedere se non t’ ha preso per i fondelli e realizzi che non t’ha preso per i fondelli. Con buonapace dei tuoi ragionamenti esoterici che ti hanno spinto a evitare la visita alla città di lunedì per ovvi motivi non proprio esoterici.

Niente di male, la vedremo al ritorno. E al ritorno puntuali (quasi, visto il ritardo di 3 ore accumulato dalla nave) ci presentiamo al box office per il rituale meno simpatico per chi come noi mantiene un’anima da scrooge. Sborsati gli euri fatali ci avviamo all’entrata e mò se volete ve la vedete dal sito dedicato (sempre che non ci siate già stati). A voi il commento.

Dopodichè per esorcizzare la botta che v’ha ‘mpressiunato c’è la NCCP.

p.s. un particolare curioso: chi ha musicato la “Tammurriata nera”  è la stessa persona che ha musicato “La leggenda del Piave”.

8 principi per pensare il mondo “da destra”

Ormai mi sembra chiaro, gli unici intellettuali “di destra” sulla piazza sono gli economisti (e “chi pensa come loro”).

Ma come pensano? Ecco gli 8 capisaldi:

1. People Face Tradeoffs

2. The Cost of Something is What You Give Up to Get It

3. Rational People Think at the Margin

4. People Respond to Incentives

5. Trade Can Make Everyone Better Off

6. Markets Are Usually a Good Way to Organize Economic Activity

7. Governments Can Sometimes Improve Market Outcomes

8. A Country’s Standard of Living Depends on Its Ability to Produce Goods and Services

All’ apparenza ci vorrebbe poco a convincere i “colleghi”, si tratta solo d’ invitarli a pensare razionalmente l’ interazione tra individui.

A quanto pare la resistenza maggiore si produce una volta arrivati al punto 4. Una volta che sentono la parola “egoismo” cominciano a fantasticare sull’ avidità vampiresca del genere umano e li abbiamo persi per sempre.

Per la conversione dell’ infedele dire che “gli incentivi contano” è una cattiva mossa, lo spiegano bene Jeffrey e Shterna Friedman nel loro recente saggio su “Critical Review”: “Capitalism and the Jewish Intellectuals”. Fortunatamente esistono alternative:

Q: Why are so many Jews hostile to capitalism when, as Milton Friedman argued, it is the one system that breaks down discrimination against Jews and allows them to thrive?

A: Because many Jews, particularly the ones we hear from, are intellectuals, and intellectuals are hostile to capitalism.

Q: Why are so many intellectuals hostile to capitalism?

A: Because many intellectuals do not have first-hand knowledge of economics. They have heard that “incentives matter,” and this confirms their impression that capitalism is based on greed. Even intellectuals with training in economics take away from “incentives matter” the message that “we” (meaning intellectuals making policy) should manage, or at least tweak, everyone else’s incentives.

Q: How would you break down that hostility to capitalism?

A: By de-emphasizing “Incentives matter” and instead emphasizing that “unintended consequences matter.” That is the message of Adam Smith. It is the message of Hayek. Once we embed people in complex economic and political systems, selfish intentions can turn out well (because of competition), and good intentions can turn out badly (because of imperfect knowledge).

e anche oggi la polvere è fatta

Contrabbasso besciamella

Il mondo visto come un coro in cui tutti, senza saperlo e guidati da una mano invisibile, intonano la stessa canzone. In questo caso a far da collante, anzi da besciamella, è il filamentoso contrabbasso di Florent.

Tape Generations

link

A proposito di coretti messi su da chi ascolta e all’ insaputa dei coristi, Glenn Gould ebbe a dire che durante le sue solitarie colazioni mattutine al bar riusciva e sentire come il chiacchiericcio degli astanti facesse emergere qualcosa di molto simile alle sue amate fughe bachiane.

Genealogia: Marcello Panni, Steve Reich, Ermeto Pascoal

http://www.goear.com/files/external.swf?file=6477951

Florent Ghys – Baroque tardif: soli

Le brutte prediche di Barbara Spinelli

Alla ricerca di riferimenti esistenziali, anelo a una figura da poter seguire, da pedinare; spero d’ imbattermi in una musa in grado d’ instradare la mia riflessione.

In questi casi, parla l’ esperienza, puo’ essere persino più utile confrontarsi col pensiero che sentiamo più distante, più antitetico al nostro; detto in altri termini, viene buono anche un contro-maestro.

In passato avevo scelto Michele Serra, ma un odioso sentimento di leggera simpatia mi legava pur sempre a costui. Come negare certe sapide uscite, come non apprezzare la sua facilità di linguaggio. Era quello un sentimento imbarazzante che neutralizzava l’ ispirazione.

Riprovo allora con Barbara Spinelli, all’ epoca messa da parte per la sua verbosità confusa che sottraeva energie all’ analista. Di certo la sua natura mi si confà: ogni volta che apre bocca sento chiara la sensazione che ha perso l’ occasione per tacere, e siccome questo accade da anni, penso ormai che lei sia il mio uomo.

Inoltre, in questo caso, non c’ è certo il rischio di venir fregati dalla simpatia: un moralismo in continua spola tra il saccente e il pedante ci mette in salvo su quel versante. Nemmeno lo stile potrà mai reclamare indulgenze; quel procedere sciatto, da verbale dell’ arma, che di tanto in tanto s’ interrompe per inzupparsi in un lirismo mellifluo o imbrattarsi con un’ apostrofe ottocentesca, un afflato di seconda mano che si gonfia col mantice dell’ odio covato dietro le quinte.

Due gli aspetti sgradevoli della scelta, il primo: sento che ci toccherà spesso incrociare il Berlusca visto che la Nostra si sente come un cristo inchiodato alla croce dal centurione brianzolo.

In secondo luogo devo mestamente notare l’ ineluttabile espressione prolissa, la chiara preferenza a esternare in forma “sbrodolata”; non riesce proprio a fare altrimenti. Cosicché tocca estrapolare, il che, non lo nego, puo’ essere una faticaccia.

Ok, adesso partiamo.

IL SOSTEGNO che i vertici della Chiesa continuano a dare a Berlusconi è non solo uno scandalo, ma sta sfiorando l’incomprensibile. Che altro deve fare il capo di governo, perché i custodi del cattolicesimo dicano la nuda parola: “Ora basta”?… Ha a suo fianco la lettera di Paolo ai Corinzi: “Vi ho scritto di non mescolarvi con chi si dice fratello, ed è immorale o avaro… leggi tutto

Immaginatevi la Spinelli che chiede al Papa di intervenire contro i disordini sessuali di Vendola, noto pederasta. Magari sottoponendo citazioni evangeliche (che non mancano di certo).

Bene, il primo intervento è già finito, alla prossima.

L’ astenuto

Molti si meravigliano di una mia paziente serenità di fronte alle difficoltà comuni della vita, e quasi me la rimproverano. C’ è pure chi me ne chiede la ricetta.

Non so darla. Alcune esperienze dei tempi andati mi hanno chiaramente dimostrato come, tra le difficoltà variissime che ognuno incontra sul proprio cammino, sia assai arduo scegliere quelle contro cui è più ragionevole abbattersi. Forse per questa difficoltà il mio animo a preso l’ abitudine di astenersi.

Il nostro scrittore più fascistone fu anche il più “parigino”, non ambiva certo all’ arditezza quanto a una vita facile e molle in cui declamare i suoi mots d’ esprit, in cui seguire indisturbato la catena divagante dei suoi pensieri, in cui togliersi lo sfizio di proferire osservazioni dalla precisione magistraturale.

La sua prosa a zig zag è una passeggiata distratta in cui, sopra pensiero, si finisce per mancare regolarmente la fermata del tramvai. Altre volta invece si gonfia trasformandosi in una rotonda orazione pronunciata in assenza di pubblico, solo nella propria testa. Strano fascista sempre in fuga, abituato a salvarsi solo a forza d’ imprevisti; strano fascista che odia la civiltà dell’ appuntamento, che anela alla disgregazione e al frammento (da sempre più congeniale all’ estemporaneo), che dilaziona ripiegando su soluzioni a interim, che non sa mai uscire dal provvisorio, che monta e rimonta le sue frasi sotto i vostri occhi quando ormai la storia doveva essere già bella e confezionata da un pezzo.

Sempre elegante, azzimato, zeppo di scrupoli spagnoleschi, ostenta quel falso sussiego che rende simpatico il dandy. Come si fa a essere così poco seri senza ridere mai? Alla sua età, poi! Dal quell’ aplomb emanano scherzi insospettabili che procurano secche risatine da un minuto secondo. Le sue verità sono piccolissimi scogli in un mare di sogni e chimere che presto prenderanno il sopravvento. Eppure quelle presenze sono ineludibili e fanno sì che il Nostro si sia sempre considerato  un “realista”. La pretesa puo’ essere anche accolta, purché si integri il tutto con l’ aggettivo corretto: molti scelsero “magico”, io opterei per “beffardo”. Un micro-realista beffardo. Di quella schiatta ho già piacevolmente incontrato Landolfi, tanto che non l’ ho più lasciato.

Quanta poca vita in così tanta arte; se ne infiltra giusto l’ essenziale, ci entra di riflesso grazie a un gioco di specchi e giace mummificata, svuotata dei visceri e riempita di balsami.

Narratore di avventure invisibili non scriveva per uomini troppo semplici, quelli che son capaci di andare da casa alla trattoria senza incontrare nulla; ma nemmeno per quelli troppo complicati, che, sotto l’ influenza deleteria d Dumas, pretendono nello stesso tragitto d’ imbattersi in almeno tre o quattro duelli.

Alcuni lampi.

Con tono di rimpianto:

… vorrei avere vent’ anni… li ho anche avuti se è per questo, ma all’ epoca non lo sapevo…

Schernendo la donnina infagottata:

… non avevo mai visto arrossire un cappotto grigio…

Un nome sentito per caso in tram: “Zolfanelli”:

… un caso improvviso e imprevisto, mi portava d’ un tratto la conoscenza di una realtà: “la Zolfanelli”…

Perchè evitare il Savini in Galleria:

… troppe persone intelligenti…

Necessità di “avere un proprio momento”:

… era mia abitudine fare un cenno al tramvai nonostante fossi proprio accanto a una “fermata obbligatoria”…

Sul tram, seduto, occhi bassi…

… ogni due piedi un’ anima…

Ineffabile monumento di sciocchezza, abisso d’ imbecillità, immenso disastro. Penso alle prime parole rivolte alla ragazza incontrata sul tram preso a rotta di collo avendo persino scordato di acquistare le sigarette:

… scusi, le do noia se fumo?… No.

Umiliato, dopo la discesa della bella, fissando le carruggiule (manici per gli astanti)…

… in quel momento disoccupate, dondolavano beffardamente ridendo di me…

Nell’ atto di citare Aristotele:

… Aristotele, che dovrò talvolta pur citare, diceva…

Nell’ atto di citare un tale:”

… “Ah”… Luigi LuzzatiOpere complete”…

Graphic novel:

… le mie labbra le dissero: “ho molto piacere di vederla, si accomodi”. Il mio pensiero diceva: “che diavolo vorrà”…

Dentro la testa del pigro:

… il mio pensiero, che è abituato ad accudire tranquillamente gli affari propri in perfetta indipendenza da quello che dico e che faccio…

Capello lungo tinto con l’ henné rinvenuto sul risvolto della giacca del marito:

… luogo davvero critico… dove le donne amano appoggiare la testa negli abbracci più teneri…

Di certo il sognatore non è tagliato per la lotta e il conflitto:

… non so mai dire di no, per fortuna il destino mi ha fatto maschio…

Dopo aver cercato Garbagnarini per giorni:

… dopo mezzanotte incontrai G. e lo attaccai con un originalissimo… “come mai da queste parti”…

Dopo aver impostato il lavoro nelle prime ore della mattina:

… mi concessi il resto della giornata per riposare…

Nell’ atto di allungare all’ amata un oggetto ottenuto con sforzi eroici e che fino a ieri sembrava preziosissimo:

… glielo porsi… ella riuscì (inverosimile raffinatezza delle donne) a prenderlo in modo che io non m’ accorsi se sapeva di prenderlo, se operava in stato di coscienza o di estasi… con poche fredde sillabe annullo le acute fatiche di una settimana… il ghiaccio si era incrinato e io sprofondavo nella fessura…

Inattendibile avvertenza:

… questo romanzo non è una commedia ma una tragedia, ci tengo ad avvertirne i lettori fin d’ ora perchè non risentano l’ urto troppo violento dall’ incontro inaspettato con il drammatico… abbandoneremo il tono troppo sorridente delle precedenti avventure per gettarci a capofitto nella crudele serietà della vita…

Trucchi allo spaccio per ottenere doppia razione:

… vi si ripassa dopo un po’ una seconda volta, con faccia imperturbata e animo trepidante…

Dodicesimo motivo per rollarsi personalmente le sigarette:

… le falangi superiori delle dita acquistano e mantengono più durevole color tannico che è l’ ambizione di ogni fumatore cosciente, e costituisce fortissima seduzione presso le fanciulle appena uscite dal collegio…

Ventiseiesima:

… offrirete a signore intelligenti sigarette inumidite con il vostro umore… le conseguenze mediate e immediate di un tale fatto possono avere sviluppi incalcolabili…

Perché farsi una sigaretta è il miglior modo per scroccarne una:

… i fumatori comuni sono tipi nervosi… non solo non tollerano di non trovarsi pronta in tasca la solida rotondità di una sigaretta preconfezionata da palpare un attimo e subito brutalmente accendere… ma nemmeno sopportano di vedere in altri quei calmi indugi e quella placidità spirituale che sono la marca dell’ autosigarettista. Soffre nevrastenicamente, colui, nel vedere gli elementi della bisogna sparsi e tremolanti sulle vostre malsicure ginocchia… finché il cumulo di sofferenze vince su qualsiasi avarizia: “ma lasci stare, prenda una di queste!”…

orango che fuma

Il metodo più eroico per dimezzare il fumo:

… fumare sei mesi e astenersi gli altri sei… (copyright Nitti)…

Come insultare una donna (nel caso di specie la tabaccaia che rifiuta freddamente il pacchetto supplementare):

… stupida catechetica custode della lettera di uno stupido e catechetico diritto… ostacolo insormontabile alla facilità della vita… acida, magra, repellente e olivastra zitella con gengive giallastre perennemente mostrate in un ghigno d’ odio verso l’ umanità in generale e la mascolinità fumante in particolare… con quelle occhiate che sono come uno sputo… con quale soddisfazione questa testa nera dai pochi capelli tirati e mal pettinati investe il ritardatario con il suo “finite!”…

Giovane, ingenuo, in trasferta a Napoli… appena dopo aver scoperto che lo stipendio concordato non è poi così scontato:

… la mia ansia si accrebbe a dismisura dopo alcune allocuzioni partenopee della signora decaduta che mi affittava la stanza…

Flemmatici alla ricerca disperata di un lavoro:

… “Cercasi professore di albanese parlato per ore serali. Rivolgersi scc. ecc.” Ore serali… era il posto fatto per me. C’ era anche la condizione dell’ albanese: ma io sono sempre stato dell’ avviso che per insegnare i principi di una lingua a chi non la sa affatto basti impararli di mano in mano che si insegnano…

Passa una donna cicciona:

… con tutta la grazia di sui era capace la sua pinguedine…

Prima della fuga:

… tutte le mie disgrazie non mi turbavano… vi assistevo come si assiste ad uno spettacolo non troppo interessante, pronti ad andarcene alla prima pausa…

  Massimo Bontempelli – La vita intensa

Il liberismo promuove il benessere della donna?

Mi sa proprio di sì 

musa

Bè, però… guarda che correlazione non è causazione… guarda che senza democrazia… guarda che mischi le cose…

A sì?

This empirical analysis seeks to determine which institutional arrangement, capitalism or democracy, tends to be more effective at improving women’s well-being and promoting gender equality in society. Country-specific indexes measuring the degree of economic freedoms that exist within the market and the degree of political rights that exist within a democracy are used in a panel data analysis to explain the observed levels of various quality of life measures reflecting issues that are relevant to women. These empirical results indicate that capitalism often has a stronger beneficial impact on many aspects of women’s well-being and gender equality in society