fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Cattolici e pena di morte

Chi pensa che sia legittimo punire il criminale e allo stesso tempo che la punizione debba essere proporzionale al danno procurato con quel crimine, allora non puo’ pensare alla pena di morte come a qualcosa di intrinsecamente illegittimo. Punto.

E’ da qui che parte la difesa della pena di morte fatta dal cattolico Edward Feser.

Si parte ricordando le tre funzioni della pena: 1) far giustizia 2) correggere 3) produrre deterrenza…

… Traditionally, the aims of punishment are threefold: retribution, or inflicting on a wrongdoer a harm he has come to deserve because of his offense; correction, or chastising the wrongdoer for the sake of getting him to change his ways; and deterrence, discouraging others from committing the same offense…

Ma “fare giustizia” resta la funzione fondamentale

… it also means that retribution— inflicting a harm that is deserved— must always be part of any act of punishment, even if it is not the only part….

In altri termini: se una pena giusta non puo’ correggere, noi la applichiamo lo stesso. Se una pena giusta non produce deterrenza, noi la applichiamo lo stesso.

D’altro canto: se una pena ingiusta corregge, noi la evitiamo. Se una pena ingiusta crea un’adeguata deterrenza, noi non la applichiamo.

Per questi motivi possiamo concludere che la funzione retributiva è la funzione fondamentale.

La punizione giusta è proporzionale alle colpe…

… Now, what a wrongdoer deserves as punishment is a harm proportionate to his offense…

A volte la proporzionalità è impossibile, ma non per questo il principio si estingue

… Sometimes inflicting such punishments would be impossible (a mass murderer cannot be executed multiple times), or would do more harm than good…

La proporzionalità impossibile deriva da un limite intrinseco alla severità delle pene materialmente comminabili, il che rende evidente il perché la sua presenza non sia limitante nel nostro caso: chi si oppone alla pena di morte lo fa perché la ritiene troppo severa, non troppo poco severa.

Alcuni fanno notare che la precisione nella proporzionalità è sempre dubbia, ma anche qui il principio non è scalfito…

…Even if it were claimed that a single murder would not merit it, it is not difficult to imagine crimes that would. Ten murders? Ten murders coupled with the rape and torture of the victims? Genocide? If wrongdoers deserve punishment and the punishment ought to be proportional to the offense, then at some point we are going to reach a level of criminality for which capital punishment is appropriate at least in principle…

Se un omicidio non vi basta per infliggere la pena di morte, optate pure per dieci omicidi, il principio della sua legittimità resta.

Il fatto che la pena di morte sia legittima in principio non significa che sia opportuna in pratica

… Obviously, questions might be raised about whether capital punishment is advisable in practice, even if it is allowable in principle…

I cattolici che si oppongono alla pena di morte lo fanno in nome della salvaguardia della dignità umana

… appeals to what he calls the “Essential Dignity View” of human beings, according to which “human beings… possess dignity, or excellence, in virtue of the kind of being they are… On this basis, Tollefsen concludes that “it is always wrong intentionally to kill a human person,”… Tollefsen notes that a defender of capital punishment might claim that a guilty person has lost his dignity. But the defender certainly need not say this…

Chi si oppone dice: “chi è a favore implicitamente afferma che il colpevole non ha più una sua dignità umana”.

Sbagliato. Al contrario, considerare il colpevole una persona libera e responsabile implica l’affermazione della sua dignità. Solo gli animali, infatti, non sono punibili…

… On the contrary, to regard a person as deserving of punishment is implicitly to affirmhis dignity as a human being, for it is to acknowledge that he has free will and moral responsibility, unlike a robot or a mere animal…

Il cattolico che si oppone si chiede: ma cosa merita la pena di morte?…

… Tollefsen also suggests that there are difficulties in determining which offenses merit capital punishment…

Qui siamo di nuovo sul tema della precisione: poiché è impossibile essere precisi, si sospenda il giudizio.

Ma ce lo si puo’ chiedere anche avendo in mente 15 anni di carcere, eppure questo non delegittima il carcere…

… We do not need to settle the question of whether an embezzler deserves fifteen years in prison or only ten in order to know that imprisonment as such can be a legitimate punishment…

Altra obiezione cattolica: come possiamo essere per la pena di morte e contro l’aborto?

Innocenza e colpevolezza della vittima fanno la differenza, è abbastanza evidente…

…What is intrinsically wrong is the intentional killing of an innocent human being. That is why, contrary to what Tollefsen insinuates, those who oppose abortion and euthanasia but support capital punishment are perfectly consistent in their thinking…

Tirando le somme, chi si oppone alla pena di morte ha solo un modo per farlo: rinnegare la proporzionalità della pena…

…The crimes of serial killers like Jeffrey Dahmer and Ted Bundy, or of genocidal dictators like Hitler or Stalin, are obviously far worse than those of someone guilty only of (say) a single, painless murder or treason. Given the principle of proportionality, then, they merit a harsher penalty. Of course, in practice, such a penalty might be impossible to inflict: there is no way to execute a Bundy or a Hitler more than once. Hence, in practice, a sadistic mass murderer may end up receiving the same punishment as someone guilty of a single murder. On Tollefsen’s view, however, the worst of these offenses ought never, even in principle, to be punished more severely than the others; they do not entail a penalty proportional to their gravity…

In caso contrario, l’esito è l’incoerenza

… In short, the legitimacy of punishment entails desert, and desert entails proportionality; hence, to deny proportionality is implicitly to deny desert, and thus to deny the legitimacy of punishment. Though Tollefsen affirms the legitimacy of punishment explicitly, he denies it implicitly insofar as he denies the principle of proportionality…

Eppure l’oppositore rivendica il fatto che ci siano atti intrinsecamente immorali

… Rape, he correctly notes, is “intrinsically wrong” and thus “not available as an option for punishment…

Noi non stupriamo lo stupratore. Perché?

Vediamo più da vicino il caso dello stupratore…

… Rape, however, essentially involves several harms— there are the humiliation and bodily harm inflicted on the victim, but there is also the sexual perversion and sadism by which the rapist harms his own character. Now to indulge in such sexual perversion and sadism is intrinsically immoral; and therefore rape is intrinsically immoral, even if carried out as a punishment… the principle of proportionality… it implies, at most, only that a rapist deserves the humiliation and bodily harm he has inflicted on others…

Lo stupratore danneggia una vittima (stupro) e anche se stesso (perversione), la proporzionalità riguarda il primo danno, non il secondo; se nel punire in modo proporzionale il secondo effetto è evitabile, è giusto evitarlo: per questo non stupriamo lo stupratore ma ricorriamo ad altre pene che preservano la proporzionalità senza indulgere nella perversione e quindi creare ripercussioni spiacevoli su chi punisce. Nel caso dello stupro è possibile agire in questi termini. Al contrario, nel caso della pena di morte, la rinuncia ad infliggerla è una rinuncia alla proporzionalità.

Altro argomento degli oppositori: la vita è un bene primario

… while “instrumental goods” such as “liberty and money” may be taken away from an offender in punishment for his offense, a “basic or intrinsic” good such as human life cannot be…

Risposta: la libertà forse no? Cos’è una vita senza libertà?…

… After all, life by itself can’t be what gives human beings their dignity; plants and non-human animals also have life, and yet Tollefsen would not deny that it is legitimate to kill them… Tollefsen regards this liberty as a “merely instrumental” good, the taking away of which is not contrary to human dignity!… Given that it is our capacity for rationality and free choice that affords us our special dignity, liberty of action would seem to be no less basic and intrinsic a good than life is…

Altra obiezione: ma se uccido non posso “correggere”…

… The reader writes: I would think that even if the retributive goal of punishment would prescribe death for the perpetrator, capital punishment could still be (and, I think, is) illegitimate in theory, let alone in practice, because it neutralizes the second goal of punishment, rehabilitation. It is in this sense — neutralizing the possibility of rehabilitation — that capital punishment seems to me to most completely attack the dignity of the criminals in that it robs from them any possibility of making amends for their crimes…

Risposta, la compatibilità non è richiesta, qui si rinvia al discorso della funzione retributiva come funzione primaria: noi incarceriamo anche gli incorreggibili

… punishment has three purposes– retribution, rehabilitation, and deterrence– does not entail that each of these purposes must be realized in a given act of punishment in order for that act to be morally legitimate. For example, we may justly imprison a recidivist thief even if we know from experience that he is extremely unlikely to change… the fact that a given act of capital punishment may not fulfill all of the ends of punishment does not by itself suffice to make that act morally illegitimate…

E poi: a volte, è proprio infliggendo una pena proporzionale che il colpevole prende atto della gravità delle proprie colpe…

… Second, while there is obviously a sense in which capital punishment can prevent rehabilitation, there is also a sense in which it actuallyfacilitates rehabilitation. How so? Consider first that a wrongdoer cannot truly be rehabilitated until he comes to acknowledge the gravity of his offense. But the gravity of an offense is more manifest when the punishments for that offense reflect its gravity… In short, a society in which capital punishment is at least on the books– in which it is at least officially acknowledged that those guilty of the worst crimes are deserving of death, even if that penalty is never in fact inflicted– is a society more likely to foster rehabilitation, not less likely… Moreover, merely having the death penalty on the books may be insufficient to convey the gravity of the worst crimes. An actual execution now and again may be necessary convey this gravity, and thus to facilitate rehabilitation…

Questo non significa che l’opera riabilitativa non sia un buon motivo per limitare l’uso della pena di morte.

Altra obiezione: con la pena di morte facciamo un’altra vittima, il boia

… your article appears to forget the person responsible for carrying out the punishment, the executioner. I thought that you were headed in this direction when you mentioned not inflicting rape on rapists; it seems to me that, from a purely retributive perspective, the rapist might deserve rape. And the most compelling reason for not raping him is the effect on the humanity of the person responsible for carrying out the punishment. Similarly, throughout history, we have sought ways to minimize the effects of execution on the executioner…

E’ una variazione sul tema dello “stupro” affrontato sopra: giusto tenerne conto, finché non si pregiudica il principio di proporzionalità della pena

… Capital punishment is just the taking of someone’s life, where the person has lost his right to that life. There is no additional factor involved that would give the act anything of the moral character of murder, in the way that raping a rapist would involve acts that have part of the moral character of rape…

Per esempio, il caso della tortura

… What if we merely tortured the rapist, leaving the sexual aspect out…

Lecita in via di principio ma pericolosa e da evitare sempre poiché si puo’ farlo senza pregiudicare la proporzionalità della pena…

… I would say that he does deserve it, but I would agree that we should still not inflict such a punishment on him. Why not? The reason is that the moral hazards involved in such a practice are too great. Human beings naturally tend to recoil at inflicting pain on others or causing them bodily damage. The reason nature has given us such feelings is that it is, in general, good for us to avoid inflicting pain…

La pena di morte ci desensibilizza? Anche le operazioni chirurgiche, se è per questo…

… Since capital punishment is no more inherently wrong than surgery or police work are, neither is desensitizing oneself to executing the guilty any more inherently wrong than desensitizing oneself to performing heart surgery…

Passiamo ad un tema più psicologico: perché molti cattolici oggi si oppongono alla pena di morte?

Recentemente una seconda visione della legge naturale ha preso piede anche nel mondo cattolico (John Finnis ne è il maggior artefice)…

… On the one hand, there is what we might call the “traditional” or “classical” natural law theory, one of the key assumptions of which is that ethics crucially depends on certain traditional metaphysical theses, such as realism about universals (of the sort historically associated with Plato and Aristotle), a belief that there are final causes in nature, and so forth. On the other hand, we have what has come to be known as the “new natural law theory,” which tries to reconstruct a broadly natural law approach to ethics without appealing to any of these metaphysical assumptions… John Finnis… For the “new natural law” approach, it isn’t that determining the content of morality crucially depends on knowing whether there really is a God or whether we really have immortal souls… rather, what is crucial is that we have a need for religious fulfillment of some broadly defined sort…

Secondo questa visione i precetti etici valgono indipendentemente dalla realtà metafisica sottostante.

I cattolici che si oppongono alla pena di morte credono in Dio ma scollegano la sua esistenza da molte riflessioni morali che conducono.

E’ possibile farlo, sia chiaro, ma imprudente poiché la cosa ha conseguenze impreviste, se non sul piano logico, su quello psicologico.

In particolare, se una vita terrena viene vista senza la sua dimensione ultraterrena potrebbe assumere un’ importanza persino eccessiva inducendo a giudizi distorti…

… Now if the “new natural law theory” is poorly interpreted as strictly entailing hostility to capital punishment, it is, as I suggested earlier, not too hard to see why its advocates might nevertheless be tempted to such hostility. If you limit yourself in your moral reasoning to this-worldly considerations, it is not surprising if you might inadvertently come to overestimate the value of life in this world… Life in this world cannot be a basic good, at least not in the sense required for Chris’s argument, if its point is preparation for life in the next world…

E’ un paradosso ma il materialista finisce per sovrastimare la vita umana: è tutto quel che ha!

In certi cattolici c’è un ateismo strisciante e un’idolatria della vita biologica fine a se stessa…

… While “new natural law” theorists are certainly not atheists, and while a commitment to theism is not strictly necessary to the moral defense of capital punishment, there does seem to be at least a psychological and sociological connection between hostility to capital punishment and a kind of “practical atheism,”… naturally tends to lead to a desire to extend the natural lifespan, even of murderers, as far as possible and at all costs…

Il concetto di natura umana è mutato nei secoli: per i moderni la vita biologica vale più della vita libera

… The medievals emphasized individual guilt, and therefore individual responsibility. Moderns minimize or even deny individual responsibility or guilt, dissolving human agency into the nexus of physical causation, obsessing over our “collective responsibility” for this or that, and emphasizing “structural” rather than personal elements of justice and social life…

Da qui una certa ossessione per il concetto di dignità del vivente a prescindere…

… True, the rhetoric of “human dignity” has increased in modern times; indeed, modern people simply won’t shut up about it, even as they kill their own unborn children by the millions and live lives of depravity unimaginable to previous generations. If medieval people talked less about their own dignity, it is because they were more concerned about God’s dignity; if modern people talk more about it, it is because they are more concerned with themselves…

Anche per questo l’insegnamento tradizionale della Chiesa in tema di pena di morte è sempre stato per un’accettazione della sua piena legittimità…

… The constant teaching of the Church has always been, not only that capital punishment is in principle legitimate, but also that it is in principle legitimate precisely as a means of securing retributive justice…

Almeno fino alla svolta di Giovanni Paolo II

… John Paul II’s views on this subject were a departure from traditional Catholic attitudes, which have always upheld not only the in-principle legitimacy of the death penalty, but also its appropriateness in many practical circumstances…

Una svolta a cui si sono fatte le pulci in modo autorevole…

… “If the Pope were to deny that the death penalty could be an exercise of retributive justice, he would be overthrowing the tradition of two millennia of Catholic thought, denying the teaching of several previous popes, and contradicting the teaching of Scripture (notably in Genesis 9: 5-6 and Romans 13: 1-4). I doubt whether the tradition is reversible at all, but even if it were, the reversal could hardly be accomplished by an incidental section in a long encyclical [i.e. John Paul II’s Evangelium Vitae] focused primarily on the defense of innocent human life. If the Pope were contradicting the tradition, one could legitimately question whether his statement outweighed the established teaching of so many past centuries.” (National Catholic Register March 24-31, 2002)…

… e convincente, se è vero come è vero che l’insegnamento del Papa è stato interpretato dai più solo come “prudenziale”…

… John Paul II’s view must be interpreted as a prudential judgment (with which, again, Dulles happens to agree)– a fallible application of traditional principles to contingent circumstances, not a denial of traditional principles…

tumblr_meap7yQxnZ1qzamioo1_1280

In lode della musica commerciale: da Bach ai Beatles.

È un capitolo della più vasta opera  “In lode della cultura commerciale“, scritta da Tyler Cowen.

Partiamo allora col dire che nessuna arte è varia come la musica poiché nessuna arte come la musica è stata interessata da continui rivolgimenti nelle tecniche di creazione e diffusione del prodotto  finito: corti, mecenati, chiese, spartiti in stampa, elettricità, radio, elettronica, web…. molti fattori incidono sul tipo di musica che l’uomo fa e ascolta…

… I Beatles, il cui lavoro è costruito sulle tecniche di registrazione sonora in studio, si uniscono così al mercato musicale che ricomprende anche Beethoven, il cui lavoro è invece funzionale alla notazione su carta… la stampa ha diffuso la musica classica presso le famiglie borghesi e l’elettricità ha disseminato in tutte le case  il rock and roll… i campionamenti sonori ci regalano sia il rap che Karlheinz Stockhausen…

Nessuna altra arte conosce variazioni tanto ampie per fama, ricchezza e stile dei suoi protagonisti.

Ma è un’arte particolare anche per altri motivi: nulla di più facile che avere un gusto musicale

… molte persone non hanno una gran biblioteca… e nemmeno vanno spesso al museo… tuttavia, quasi tutti sviluppano un gusto musicale… la passione per la musica è universale… diversamente dalla letteratura o dalle arti visive possiamo consumarla anche lavorando, conversando o guidando… è molto frequente essere fruitori occasionali di musica…

D’altra parte, ci sono molte musiche a dir poco ostiche

… in ambito musicale sono stati creati alcuni tra i meno accessibili prodotti della nostra cultura… alcune composizioni non sono decifrabili senza la dovuta preparazione e ascolti ripetuti… anche chi legge James Joyce con relativa dimestichezza spesso trova “doloroso” l’ascolto di Elliott Carter o Pierre Boulez…

Ma cosa è diventata la musica con la sua crescente commercializzazione? La tesi di fondo…

… accessibilità, quantità e diversità della proposta musicale hanno subito un’ impennata una volta che le nuove tecniche di registrazione e la radio sono state introdotte… la riproducibilità meccanica dell’opera d’arte ha toccato la musica più che le altre arti ampliando confini e qualità specifiche…

Alcuni “pessimisti culturali” come Robert Frank e Philip Cook ritengono che nella musica come altrove siamo entrati nella società del “chi vince prende tutto”, il che implicherebbe una maggior omologazione dei gusti. Ma forse la verità va esattamente in senso opposto: diversità, eterogeneità e incommensurabilità sono oggi più comuni che mai…

… la meccanizzazione della musica ha consentito ad artisti marginali di prosperare raggiungendo un pubblico particolare che prima non poteva essere contattato… in questo senso la riproducibilità dell’opera musicale spinge ad una sempre maggiore diversità culturale…

***************************

Vediamo più da vicino come  fiorisce la musica occidentale e come la sua storia si intreccia con la tecnologia…

… come molte arti occidentali anche le radici della musica affondano nel Rinascimento… un ruolo da protagoniste lo giocarono le chiese del nord est francese e dei Paesi Bassi… Dufay, Ockeghem, Desprez, Isaac… sono i campioni della musica sacra polifonica… da notare che francesi e fiamminghi operavano nelle città commercialmente più prospere d’Europa… parliamo quindi della musica di società commerciali…

Letteratura e polifonia

… le sorti di letteratura e polifonia sono intrecciate fin dall’inizio… la diffusione delle musiche polifoniche richiedeva affinamento nella notazione musicale e nella relativa stampa dei codici…

Chi pagava?…

… i finanziamenti destinati alla musica erano esigui rispetto a quelli indirizzati verso la pittura… i musicisti dipendevano da chiese, corti o governi municipali, in questo senso non potevano vendere la loro opera…

Il mercato musicale a quei tempi…

… il mercato musicale era relativamente  fiacco… l’opera musicale non era nè durevole, nè riproducibile… la stampa degli spartiti era troppo complessa per decollare a pieno regime… non restava che vendere le performance singole ma si trattava pur sempre di eventi unici  costosi e quindi rari…

Al contrario, un dipinto  poteva essere venduto, posseduto: il quadro era un “bene privato”. Non sorprende che il musicista, per quanto valente, fosse uno “straccione” rispetto al pittore affermato…

… i musicisti maggiori dell’epoca guadagnavano meno dei pittori e godevano anche di un prestigio sociale inferiore… Monteverdi è considerato da molti il più grande compositore a cavallo tra 500 e 600… nonostante questo non riuscì mai a trattare coi mecenati da una posizione di forza… Lasciò Mantova da povero in canna nonostante ventun anni di servizio continuato… solo a 46 anni conseguì una certa sicurezza finanziaria grazie alle nomine ottenute a Venezia… la patria della musica commerciale…

La risorsa dei musicisti era la mobilità geografica… “guadagnare con i piedi”,,,

… molti franco-fiamminghi ricevettero offerte da corti straniere, specialmente dall’Italia, potendo così migliorare la loro paga e la loro sicurezza lavorativa…

In questo senso la Germania era il territorio ideale in cui lavorare….

… in epoca barocca la Germania, con le centinaia di municipalità autonome, diventò il paradiso dei musicisti itineranti…

Centinaia di municipalità autonome non costituiscono una privatizzazione dell’arte ma quasi…

… Schutz, J.S. Bach e Telemann si avvantaggiarono della decentralizzazione politica tedesca spostandosi di frequente per migliorare la loro condizione economica e non solo…

J.S. Bach

… lavorò dapprima per la chiesa di Arnstadt in un impegno che si rivelò gravoso… il coro era scarso… i musicisti poco preparati e lazzaroni… uno di loro aggredì persino l’esigente Maestro prendendolo a bastonate… Bach trovò il modo di spostarsi a Muhlhausen, ma qui la paga era bassa e la fede prevalente pietista (Bach era luterano)… Bach riuscì infine a spostarsi presso la corte ducale di Weimar raddoppiando il suo salario… ma quando nel 1715 le regole mutarono, Bach prese atto della sua libertà diminuita e cercò di andare a Cothen… a Weimar tentarono di trattenerlo minacciando anche prigione e confino… ma Bach ebbe la meglio e riuscì a partire… in passato Ambrosius, il padre di Bach, era stato costretto a restare contro la sua volontà a Eisenach ma ora la condizione dei musicisti era in qualche modo migliorata… nel 1723 Bach finì alla corte di Lipsia dove scrisse molti capolavori sacri… ma si lamentava continuamente dei doveri extramusicali… tipo rendere servile omaggio alla nobiltà locale… un cruccio ulteriore era l’ignoranza musicale dei suoi datori di lavoro e la scadente qualità dei cantanti locali…

Bach andò dove lo portava il denaro, ogni sua mossa  era volta a migliorare la propria condizione materiale…

… i mercanti di Lubecca cominciarono a finanziare concerti organistici indipendenti da quelli della chiesa… Bach trasse vantaggio dal mercato dei concerti pubblici solo in età avanzata… quando sentì la prime frustrazioni lavorative presso la corte e la chiesa di Lipsia si rivolse per uno sfogo al Collegium Musicum, un’organizzazione privata dedita all’organizzaziine di concerti pubblici…

J.S. Bach era attento al portafoglio, anche se non può dirsi che se la passasse male…

… a Lipsia la paga era di 70.000 dollari del 1995… Bach poteva però  presiedere anche al servizio musicale dei funerali… da qui le sue lamentele per il calo della mortalità in città… ma Bach si dava da fare per arrotondare gli introiti con attività supplementari: matrimoni, inaugurazioni e commercio di strumenti musicali… spesso investiva il ricavato di questi extra per comprarsi l’esenzione da compiti ingrati fissati per contratto, come l’obbligo di tenere lezioni di latino…

Ma il vero musicista commerciale dell’epoca fu Georg Friederich Telemann…

… fu leader nella commercializzazione della musica tedesca dedicandosi in modo massiccio ai concerti pubblici… puntò sulla media alta borghesia di Francoforte e Amburgo riuscendo ad affrancarsi da mecenati oppressivi… Telemann iniziò l’opera di emancipazione della musica tedesca grazie al mercato, un’opera che Beethoven completò…

La scuola di Mannheim (Carl Philipp Emanuel Bach, Johann Stamiz…)…

… molti di loro lavoravano a tempo pieno  per il pubblico… non dipendevano né da una Chiesa né da un Signore… sfruttando questa libertà creativa andarono oltre le consuete forme barocche sviluppando la moderna sinfonia e spianando la strada a Haydn e Mozart…

All’ epoca comporre per soldi non era una vergogna ma la normalità…

… i paesi privi di grandi compositori prestigiosi, come l’Inghilterra, li importavano dietro offerte lucrose… Handel e Haydn furono tra le star che approdarono in terra d’Albione…

Roger Norrington su Handel…

… il Messiah fu scritto per denaro… Handel era quel che oggi definiremmo un compositore commerciale… se oggi fosse vivo probabilmente di dedicherebbe ai jingles della pubblicità…

Ma il paradiso della musica commerciale, almeno nel 700, era l’Italia, in particolare Venezia

… l’opera italiana era il concerto pubblico più diffuso… a Venezia il primo teatro d’opera fu costruito nel 1637… gli spettacoli erano offerti a fine di lucro… zero sussidi… 125000 abitanti, 6 teatri d’opera attivi per 30 settimane l’anno…

L’ inferno della musica commerciale era la Francia…

… in opposizione a Italia, Germania e Austria, la musica francese del 700 era controllata dallo stato… tramite l’ Accademia Musicale di Francia fondata nel 1570… gli stili delle composizioni erano fissati da un canone predefinito e la musica quasi sempre volta a glorificare i Re… Il diritto a stampare spartiti veniva dato in licenza esclusiva ad un’impresa… Il compositore Lully fu nominato a capo dell’ AMF nel 1672 stroncava sul nascere i lavori non conformi al suo gusto e sussidiava i suoi e quelli dei suoi accoliti…

Morale: laddove a Venezia si davano una dozzina di opere  nuove all’anno, a Parigi se ne dava una. Di Lully, naturalmente.

La stampa degli spartiti trasformò il mercato musicale del 700…

… ma la complicata notazione musicale era difficile da riprodurre e richiedeva tipi costosi… ciò fu la causa del lag tra diffusione di libri e di spartiti… all’inizio la pubblicazione era solo un modo per omaggiare il mecenate più che per rendere disponibilea terzi la composizione…

Telemann e C.P.E. Bach furono i primi a vendere spartiti in modo importante..

… la musica veniva poi eseguita a casa degli acquirenti… i compositori scrivevano per voce e tastiera avendo in mente questi fruitori… i temi principali erano semplici da comprendere… Telemann fece uscire anche una rivista che offriva in allegato spartiti destinati alle famiglie dietro sottoscrizione…

La nascita della classe borghese fu una manna per i musicisti…

… i membri della famiglia borghese suonavano musica dopo cena impiegando tastiere, voci e anche ridotte formazioni di archi… furono costoro ad alimentare il mercato degli spartiti… ma anche il mercato dei pianoforti… a metà 700 la maggior parte degli ordini veniva da questa utenza…

L’ Hausmusik fu una tradizione particolarmente viva in Germania…

… l’intenso legame familiare rafforzava la sfera privata e intima in cui si realizzava al meglio l’apprendimento del linguaggio musicale… non a caso molti prominenti compositori del futuro mossero i primi e decisivi passi in questo ambiente… Bach, Mozart, Beethoven, Schubert, Brahms…

***********************************

Con Mozart e Haydn la commissione privata rimpiazza definitivamente il mecenatismo…

… la domanda riguardava festival, firme di trattati, insediamenti di governi, matrimoni, funerali…

Haydn

… servì presso la corte del principe Esterhazy… doveva procurare musiche secondo un piano prefissato… ma gli obblighi complementari erano asfissianti e andavano dall’abbigliamento alla capigliatura… a Haydn fu persino proibito di sposarsi e di viaggiare… la creatività del genio ne usciva frustrata… il Principe insisteva perchè il maestro moderasse la sua musica… la voleva meno tragica…. ma per molti era così anche meno interessante… il desiderio del principe di partecipare all’esecuzione spiega poi la mole di musica per baritono o viola… alla domanda “perchè nessun quintetto?” Haydn era solito replicare “perchè nessuno me l’ha ordinato”… ma nel 1779 Haydn svoltò diventando un compositore commerciale… lasciò Esterhazy per spostarsi a Londra… al suo ritorno a Vienna ebbero altri mecenati ma contrattò con loro da posizioni di forza… quando Nicolaus II criticò il suo modo di condurre il maestro poteva permettere di far notare che quelli erano affari suoi…

Wolfang Amadeus Mozart…

… come Haydn operò a Vienna, probabilmente la più ricca e commerciale tra le città della Germania… teatri, corti, chiese, ristoranti, bande… i committenti potenziali erano molti… inoltre era una città cattolica, quindi dall’atteggiamento positivo e aperto alla vita… dal 1772 al 1781 Mozart era Konzertmeister a Salisburgo ma le commissioni private ricevute erano molte… alla fine lasciò le sicurezze del posto pubblico per  perseguire attività più lucrative sul mercato delle commissioni a tempo pieno… a queste affiancava concerti pianistici e lezioni private… oltre a pubblicare e vendere la sua musica…

Il tenore di vita di Mozart…

… apparteneva alla classe medio alta… il classico caso che sfata il mito del musicista affamato… le crisi finanziarie di Mozart si manifestarono nella vecchiaia quando cadde malato e l’economia viennese fu colpita dalla sciagurata guerra con la Turchia che fece fuggire molta alta borghesia dalla città… ovvero molta potenziale clientela… nelle sue lettere Mozart esagerò non poco la sua povertà… negli anni di maggiore miseria il maestro guadagnava comunque tre volte il primario dell’ospedale viennese… e non rinunciò mai alla servitù… parliamo comunque di un soggetto spesso dedito a spese irresponsabili… quando nel 1791 morì aveva ordini da Londra, dalla Russia, da Amsterdam e dall’ Ungheria… non fu mai seppellito nella fossa dei poveri, ricevette invece la sepoltura d’ordinanza imposta a tutti dall’ imperatore Giuseppe…

Chiusura: Requiem e Flauto Magico erano commissioni private, meglio ricordarlo…

… se Mozart non divenne più celermente un musicista commerciale la causa fu soprattutto il padre la cui mentalità apparteneva ad un’ era diversa… ma nel 1780 ci fu la svolta e la musica mozartiana cominciò a circolare nei canali di mercato… fu da allora che emerse la figura del musicista serio…. prima ad essere noto era soprattutto il bambino prodigio e il concertista…

******************

Diciassettesimo e Diciottesimo secolo non conoscevano la distinzione tra musica alte e musica bassa…

… le composizioni disponibili mescolavano tra loro un lato semplice e uno profondo… la cultura del volgo e quella delle élites non era separata… la tradizione dell’ Hausmusik forniva un background comune a pubblico e musicisti… la centralità del concerto pubblico imponeva una certa semplicità musicale… il pezzo doveva catturare al primo ascolto, massimo al secondo… un terzo ascolto non era disponibile…

C’era poi il mercato della musica su carta…

… l’ acquisto degli spartiti era demandato ai  membri più anziani della famiglia, spesso della generazione del compositore… in questi secoli non è alle viste alcun conflitto generazionale…

Quando si realizza allora lo split tra “alto” e “basso”?…

… gli ultimi lavori di Beethoven… sonate pianistiche e quartetti d’archi… segnano uno spartiacque… si tratta di opere molto interessanti ma che il pubblico ascoltò con sconcerto e rifiuto… poichè Beethoven era un musicista benestante tirò dritto per la sua strada…

Nell’ ottocento il mercato della musica si sviluppò ulteriormente…

… da un lato il classicismo tedesco divenne romanticismo e la pratica dei concerti si dilatò ulteriormente… dall’altro in Italia l’ opera “capitalistica” di Rossini, Bellini, Donizetti e Verdi impazzava… personalità come List divennero simili a eroi della cultura europea creando carriere che preannunciavano quelle delle grandi rockstar del novecento…

La sempre maggior diversità degli approcci fece emergere alcune mode originali, per esempio quella del revival

… Mendelssohn e Zelter recuperarono la musica del passato – fino ad allora si ascoltava solo musica dei contemporanei- mettendo in scena un Bach riveduto e corretto… portato fuori dalle Chiese e fatto approdare nei concerti pubblici…

Un altro punto di svolta fu costituito da Bramhs…

… molte sue opere erano troppo complesse per essere suonate in casa… le rimostranze dei suoi produttori si fecero sentire… la produzione bramhsiana andò così dividendosi in due filoni ben distinti…ma non rinunciò alla sua ricerca…  tant’è che Schoenberg lo inserisce tra i suoi precursori…

La visione  di un Wagner si scostava dalla norma, la sua grandiosità abbisognava di copiosi finanziamenti per essere realizzata…

… il principe Ludwig contribuì a finanziare l’opera wagneriana… la sua musica richiedeva interpreti specialisti e veniva creata per una singola rappresentazione da tenersi in un luogo deputato come Bayereuth… il massimo dell’anticommerciale… la sua era una nuova religione estranea a quella tradizionale, al mercato e alla famiglia…

Sravinsky e Schoenberg capovolsero i canoni della musica…

… il primo  stravolse i ritmi, il secondo le armonie…

Nel caso del tedesco il timore per l’inquinamento del mercato affiorò in forme allora originali ma che oggi sono quelle standard…

… Schoenberg non vendette mai la sua musica… lavorò prima in banca poi come direttore d’orchestra… ma la sua attività principale fu quella di insegnante… ricevette assistenza da molte fondazioni… la sua visione era elitaria, dava concerti senza pubblicità per un pubblico selezionato all’ingresso… era irritato sia dal mercato che dai sussidi governativi… vedeva intromissioni ovunque…

Ma il disprezzo per il pubblico è un tratto comune anche nelle avanguardie successive. Queste parole di  John Cage sono sintomatiche…

… ” se il pubblico accetta la mia musica significa che devo andare oltre fino al punto in cui la rifiuterà”…

****************************

Fu a cavallo tra 8/900 che arrivò la rivoluzione tecnologica che trasformò la musica…

… la musica registrata fu disponibile dai tardi anni 70 dell’ottocento… e il fonografo fu disponibile dal 1910… negli anni 20 la radio era un elettrodomestico disponibile in molte case e destinato a proliferare…

La rivoluzione aiutò a finanziare e a far conoscere nuove musiche. L’alto e il basso si separarono ulteriormente e la musica colta prese la via delle avanguardie esoteriche. Ma il cambiamento decisivo delle innovazioni tecnologiche fu un altro…

… registrazione e radio esaltarono l’esibizione originale dell’artista relegando in secondo piano l’aspetto compositivo… fiorirono una miriade di generi come il rock and roll o il country che trasmettevano la loro visione estetica grazie alla personalità e al talento di un artista specifico che entrava a pieno titolo a far parte dell’ “opera”… l’interpretazione specifica era tutto…

La registrazione è come una foto che eterna il qui ed ora…

… si tratta di performance che non possono essere replicate a casa o codificate sulla carta… molti lavori registrati nemmeno possono essere riprodotti dal vivo… i Beatles a un certo punto trovarono insensato proseguire la loro attività concertistica e la cosa è perfettamente comprensibile…

La musica classica fino all’800 non disponeva di radio e registratori

… i compositori affinarono le loro abilità in ciò che poteva essere accolto sulla carta…

Ma “la carta” si estingueva rimpiazzata dall’elettricità che esaltava la personalità riconoscibile di un artista specifico raccontando di disco in disco la sua parabola. Era questa storia a divenire spettacolo…

… il musicista intrattiene il pubblico con la sua performance e la sua personalità che il circuito radio o dei dischi provvede a recapitare a basso costo in tutte le case…

Altro effetto della riproducibilità: musiche sconosciute affiorano

… il blues è una musica già esistente nell’800 ma viene conosciuta dai più dopo l’avvento dei dischi…

La musica classica tradizionale venne oscurata dall’avvento del performer

… i consumatori sembrano prediligere chi riesce ad esprimersi con minori mediazioni mettendo in luce una personalità carismatica…

La riproducibiltà dell’opera creò abbondanza facendo nascere la doppia esigenza 1) di distinguersi (originalità) e 2) di sfruttare i nuovi suoni (sound).

Alcuni protagonisti della classica “annusarono” la crisi irreversibile del modello tradizionale cercando una terza via

… un violinista come Nigel Kennedy esprime bene il dilemma dei musicisti classici…la  voglia di rendere il proprio genere più appetibile attraverso vestiti appariscenti e trovate inattese… il tentativo di rendere protagonista un interprete… tuttavia in pochi riuscirebbero a distinguere Kennedy da Perlman o Zukerman… mentre tutti distinguono i Rolling Stones dai Led Zeppelin… il rock offre dei sound più originali proprio perché nasce specificatamente in funzione delle tecnologie che esaltano il suono e la sua diffusione artificiale…

Dagli anni sessanta cominciò ad estendersi la gamma degli effetti sonori

overdubs, riverberi, multi tracce, campionamenti, elettronica, manipolazioni varie… Sgt Pepper richiese 700 ore di mixaggio e 40.000 sferline di costi di registrazione… il più importante strumento musicale degli ultimi 70 anni è stato senza dubbio lo studio di registrazione… molti eroi del rock hannomun viso scomosciuto ai più, si tratta di virtuosi dello studio di registrazione..i creatori del giusto “sound”… per esempio Phil Spector…

La registrazione dei suoni e la loro riproduzione cambia la natura del genio musicale…

… nessun artista rock può competere con la vastità della produzione di un Bach o di un Beethoven… una canzone di tre minuti e mezzo come “Good Vibration” cc dei Beach Boys ha richiesto sei mesi di studio di registrazione e novanta ore di registrazioni per essere ultimata… i primi 4 album di Brian Eno – non più di un’ora l’uno – sono bastati a consacrarlo come un’icona rock…

Ma c’è un altro motivo che giustifica la produzione ridotta dei musicisti nell’era dell’elettricità…

… la musica espressa nella performance registrata si fondano sull’ispirazione più che sulle abilità compositive… mentre le seconde permangono nel capitale umano, la prima spesso si estingue… sono pochi i rocker che danno il loro meglio in età avanzata… il caso di Paul Simon è eccezionale… di solito si peggiora…

In molti c’è la percezione che la qualità musicale sia peggiorata

… non bisogna giudicare con parametri vecchi la musica del nostro tempo… la musica moderna, per esempio, ha molte più figure di spicco… una volta una manciata di grandi figure bastava a riempire secoli di storia della musica… negli ultimi 50 anni le personalità musicali sono innumerevoli e agiscono in campi diversissimi… non basterebbe una vita per conoscerne una piccola frazione…

Forse il jazz media bene tra musica prima maniera e seconda maniera…

… il jazz si avvalse delle moderne registrazioni ma allo stesso tempo si limitava a riportare le performance live… i suoi autori erano prolifici quanto i classici ma allo sfesso tempo esprimevano personalità seducenti a tutto tondo come John Coltrane o Charlie Parker…

Registrazione e radio influirono anche sull’educazione musicale

… quando Beethoven studiava Bach doveva basarsi solo sulle partiture… Mozart ebbe accesso solo a un limitatissimo numero di generi musicali… un’educazione musicale così ristretta contribuì a preservare un senso di purezza incontaminata che più che una scelta era un esito obbligato… Bix Beiderbecke e Benny Goodman… al contrario… ascoltarono le registrazioni dei loro precursori e costruirono su quelle il loro stile… i Rolling Stones studiarono il loro suono  ispirandosi al blues del delta del Mississippi, una tradizione tra le molte a cui potevano avere accesso dal loro quartiere londinese…

Beethoven poteva studiare giusto Mozart e Bach e giocoforza continuava su quella strada, ma oggi…

… i compositori di oggi possono ascoltare dai dischi un’enorme varietà di stili… gente  come Philip Glass e Steve Reich prendono spunto dal rock and roll, dal jazz, dalla musica indiana, dalla musica dei Pigmei come dalla tradizione Congolese… le sperimentazioni nello studio di registrazione dei Beatles erano insite nel lavoro di Stockhausen… La Monte Young è stata una musa per i Velvet Underground… la produzione alternativa dei Sonic Youth deve molto a Glenn Branca e Harry Pratch… mondi diversi si toccavano e ciò che succede è sempre meno prevedibile…

Lo studio di registrazione ha cambiato i metodi compositivi

… Brian Wilson compose il suo “Pet Sound” direttamente su nastro riversando poi il lavoro così ottenuto su disco…

Interessanti musicisti contemporanei come Christian Marclay, Bob Ostertag, Otomo Yoshide, Martin Tetrault, David Shea, Tristan Perich e altri compongono direttamente partendo da fonti sonore preregistrate (cd, nastri, giradischi…)… la carta è praticamente sparita dal loro lavoro di musicisti.

*****************************

La musica classica ha perso il suo posto centrale ma non è certo morta

… autori come Bach, Mozart e Beethoven non sono mai stati tanto accessibili… mai hanno avuto un pubblico vasto come quelll di oggi…

Oggi la musica di ieri può essere fruita in condizione ideali

… le sale da concerto oggi hanno tutte le comodità… prima si giungeva al concerto dopo ore di viaggio… anche per ottimizzare i costi gli eventi musicali duravano fino a  5/6 ore con tutti i relativi cali di attenzione… i pisolini… ascoltatori e animali andavano e venivano nel bel mezzo delle sinfonie… i sedili mancavano spesso della minima comodità… cibo, bevande e conversazione venivano spartite nel corso dell’esecuzione… il direttore assiemava singoli movimenti, meadley o anche solo melodie famose e decontestualizzate… quasi mai un lavoro veniva eseguito nella sua interezza… il direttore si limitava a segnare il tempo…

Ma è la facile accessibilità alla musica del passato a rendere il nostro tempo speciale…

… anche brani del passato di importanza del tutto secondaria sono disponibili in diverse versioni… i concerti brandenburghesi sono disponbili in più di dodici interpretazioni differenti…  i maggiori distributori  propongono oltre hai  22.000 titoli di classica… un cd da riascoltare per tutta la vita costa spesso come un panino… con il web poi questo conteggio diventa vano: tutto o quasi è a portata di click…

Ma anche la diversità ci guadagna…

… nella periferia di qualsiasi città trovi facilmente l’opera integrale di oscuri autori come Aho, Pousser o Scelsi…

La classica cerca anch’essa di recuperare il terreno perduto puntando sull’ innovazione…

… abbiamo assistito al fenomeno della terza sinfonia di Gorecki… del CD Chant… personaggi eccentrici come il violinista Nigel Kennedy o l’organista CamEron Carpenter… la crescente frequenza con cui i dischi di classica ospitano pezzi contemporanei… di questa “nuova” classica fa parte la presentazione di nuovi strumenti…  si punta su un sound originale, proprio come il rock… la registrazione con strumenti originali testimonia come l’estetica della performance abbia contagiato il mondo della classica… Chi ascolta trova soddisfacente  identificare un Gardiner, un Herreweghe, un Harnoncourt… gente che punta molto sul sound… in epoche precedenti invece, i compositori non esitavano a stravolgere la strumentazione originale… quando Bach suonava Palestrina aggiungeva fiati, organi e altro ancora  senza pensarci due volte…

Ma c’è anche una classica contemporanea, non dimentichiamola…

… le opere contemporanee forniscono una ricca varietà di stili ed estetiche… e chi le stronca spesso è solo perchè le giudica con i criteri del passato… poche opere del passato sono altrettanto drammatiche che “Einstein on the Beach” di Glass… Robert Ashley  in “Privates Lives” sostituisce il canto con il parlato dando un quadro dell’America degno di Whitman e Faulkner, recuperando stilemi del jazz, del boogie, del piano bar e lasciandoci con un senso di bellezza e trascendenza verso gli oggetti quotidiani… Stockhausen e Xenakis usano le percussioni per esplorare le potenzialità del rumore… mentre Cage spesso mira ad un sognante esotismo… Reich e Feldman esplorano la viariazione microscopica e progressiva per creare un senso di appagamento e calma nell’ascoltatore…

Secondo il pessimista culturale, ai compositori contemporanei mancano molte doti che in passato erano moneta corrente…

… perchè meravigliarsene?… Mozart non possedeva l’abilità contrappuntistica di Bach e Beethoven non aveva la naturalezza seducente di Mozart… se Elliott Carter non ha la capacità di costruire melodie che aveva Schubert, possiede pur sempre un superiore senso dell’orchestrazione e della tessitura… Stockhausen comprende i principi organizzativi dell’opera meglio di un Tchaicowsky anche se la potenza passionale di quest’ultimo non sarà mai alla sua portata…

Il pessimista culturale insiste che la musica contemporanea ha solo una dimensione negativa… è distruttiva, nichilista

… in realtà non mancano nemmeno oggi approcci celebrativi verso la vita… energia e ottimismo sono presenti in dosi massicce, per esempio, in Harry Pratch, certo Luciano Berio,  Conlon Nancarrow, John Cage…  il pessimista culturale parla di musica contemporanea e pensa solo al serialismo dei post-weberniani… a lui manca quindi la conoscenza adeguata della materia, ma non è una lacuna bensì una necessità… una conoscenza adeguata manca a tutti noi proprio per l’enorme varietà dell’offerta… senza dire che anche nel serialismo non mancano composizioni divertenti da ascoltare… molte di Stockhausen… Pli selon Pli di Boulez…

Ma la classica contemporanea non sfonda sul mercato… non piace… è artefatta…

… vero…  il 90% della musica classica che si ascolta appartiene al passato…

Perchè?

… la formazione non avviene più in famiglia ma nei conservatori e nelle università… in famiglia la musica ha ceduto il passo ad altri intrattenimenti… la tv…  cosicchè si scrive per il professore, per i critici, per il piccolo gruppo di fans, per i colleghi… inoltre, nel mondo ricco e globalizzato si può facilmente raggruppare su scala planetaria un gruppo disperso di appassionati molto particolari e scrivere per loro… in generale diciamo che si produce per gli specialisti…

Lo specialista trionfa ovunque nel mondo del lavoro delle società ricche, non  si vede perché la stessa sorte non debba verificarsi nel mondo della musica. E infatti si verifica…

… Il seminale articolo di Milton Babbitt  “The Composer as Specialist” è un manifesto del nuovo mondo musicale…

Se dispiace questa distanza dal pubblico un primo rimedio è quello di non finanziare l’avanguardia; molte astrusità nascono anche dal fatto che ci si può permettere a priori di non pensare ad un pubblico: in forma estrema anche questo atteggiamento può essere nocivo…

***********

Un pessimista culturale come Allan Bloom vede la musica di oggi come depravata e disordinata, ma spesso accuse del genere tradiscono una mancanza di familiarità…

… la musica contemporanea  offre una straordinaria varietà di indirizzi… ma se proprio volessimo estrarne un messaggio omogeneo potremmo dire che incoraggia la libertà,  l’individualismo,  il non conformismo e un’attitudine scettica verso l’autorità…

Nazisti e Sovietici concedevano senza problemi l’ascolto illimitato di Bach e Mozart ma ebbero chiare difficoltà a sdoganare il jazz o il blues. In un certo senso i regimi autoritari centrarono il bersaglio meglio di molti critici musicali… E non si tratta di un’eccezione…

… un censore come Savonarola fu uno dei più perspicaci interpreti dell’arte fiorentina rinascimentale… allo stesso modo l’ apparatchicks sovietico fu una raffinata analista del rock and roll… compresero presto che il rock è una musica capitalista, individualista, consumista… e quindi una minaccia del totalitarismo… in Cecoslovacchia  il punk rock venne visto come un tentativo di infiltrazione manipolativa dei capitalisti… John Lennon – comunista confesso – fu uno dei propagandisti più efficaci del capitalismo nel mondo… è corretto tutt’altro che ironico che il suo supposto inno comunista “Imagine” venga suonato in forma di Muzak nei magazzini Nordstrom per accompagnare al meglio gli acquisti dei consumatori a passeggio tra le merci patinate…

Il pessimista culturale vede la musica classica come segno di salute sociale e il rock come segno di degrado…

non esiste alcuna correlazione empirica tra supporto alla musica classica e sviluppo sociale e culturale di un paese… Gran Bretagna e USA, per contro, hanno fornito terreno fertile sia alla musica commerciale che alle libertà individuali… un caso?… la musica classica è fiorita specialmente in quelle terre che ci hanno poi dato i totalitarismi più sanguinosi… le abilità musicali coltivate in Germania nel privato della famiglia… hausmusik… erano impiegate con meno successo in generi popolari che chiedevano invece personalità spiccata…la Germania non ebbe tradizione di music hall o vaudeville… o cabaret… terreno fertili per umorismo e avanguardie sarcastiche… i totalitarismi non amano il burlesco e l’umoristico e in alcune lande i loro nemici erano meno numerosi che in altre…

Il pessimista culturale vede la musica contemporanea come una serie di canzonette destinate al macero

… dovremmo tenere a mente che molte di queste canzonette hanno già passato il test del tempo, un indicatore significativo di profondità e qualità… ormai i classici del rock hanno mezzo secolo e oltre… eppure Chuck Berry, James Brown, i Beatles… attraggono ancora un gran numero di ascoltatori intelligenti…

L’espressione “musica popolare” è doppiamente ingannevole…

… Mozart e Beethoven erano a loro volta molto popolari presso i contemporanei, e orgogliosi di esserlo… allo stesso tempo molte band rock ritenute importanti come Velvet Underground o My Bloody Valentine non sono mai state molto popolari…

Il pessimista culturale denuncia la rozza semplicità della musica commerciale…

…  con questo modo di procedere bisognerebbe allora prendere sul serio il partigiano della classica hindustana quando dice che le creazioni musicali dell’occidente sono meno complesse e meno profonde dei suoi amati raga, anche se l’affermazione ha alcuni fondamenti musicologici qualora ci concentrassimo unicamente sui parametri che lui reputa degni di essere presi in considerazione…

Dipende allora tutto dai parametri che si considerano…

… l’affermazione che la musica del passato sia più complessa è dubbia… almeno quanto quella che indica nei raga una musica più complessa e profonda della nostra classica… la musica commerciale del XX secolo ha una sua originale complessità nei ritmi, nella produzione sonora, nel montaggio in studio, nella strumentazione, nei timbri (“sound”) e in una quantità di caratteristiche che nella musica passata si presentano in modo uniforme, meno variato o inesistente… ma anche in senso strettamente musicologico le canzoni di Jerome Kern… Duke Ellington, Thelonious Monk, Beatles… non sono meno “complesse” di un lieder di Schubert… ne scrisse 700 molti dei quali  mai ascoltati in quanto mere variazioni su formule precostituite… “Bill”, “Take the A Train”, “Crepuscule with Nellie”, “A day in a life”… sono davvero creazioni inferiori?… non direi…

Facciamo un parallelo con la letteratura: la struttura di un racconto breve puo’ essere molto semplice, persino scheletrica rispetto a quella di un vasto romanzo. Nel racconto c’è ben poco, quasi niente; in certi romanzi c’è di tutto. Eppure, nessuno dubita che esistano scrittori notevoli che hanno dato il meglio di se stessi nell’arte del racconto.

C’è infine, a complemento, un’ultima considerazione in tema: la complessità in fondo non è altro che una somma di semplicità assemblate tra loro. Un tempo avevamo pochi “pezzi” disponibili per questo Lego e l’assemblaggio era demandato all’artista (a cui si chiedeva un capolavoro onnicomprensivo). Oggi, anche per lo specialismo dilagante di cui sopra,  i pezzi del Lego sono reperibili ovunque nelle forme più impensabili ed è il consumatore che se li cerca e se li monta come crede: è lui a creare complessità facendo convivere semplicità differenti. “Cultura come playlist“, potremmo chiamarla…

Keith_Moon_of_The_Who

In cosa crede il “credente”?

Quanti sono i “credenti” che credono in Dio?

Secondo Georges Rey pochi, pochissimi. È quanto sostiene nel saggio “Meta-atheism: Reasons to Think that Few People Actually Believe in God”.

Per molti credenti gli argomenti pro o contro l’esistenza di Dio sembrano poco rilevanti. La cosa è piuttosto imbarazzante, un simile disinteresse è accettabile nel caso di un agnostico ma non nel caso di un credente…

… I find it hard to believe that anyone really buys the “ontological argument,” or any of Aquinas’ “five ways.” Existence may or may not be a predicate, and there may or may not be unmoved movers, uncaused causers, and undesigned teleological systems, but these arguments don’t remotely establish their intended conclusion… I began to wonder whether the arguments were ever really intended seriously; and this led me to wonder whether anyone actually believed their conclusion….

La materia teologica, oltretutto, è sdrucciolevole ed è facile finire con il credere quel che si desidera, cosicché, anche quando l’analisi non è banale, l’auto-inganno è sempre dietro l’angolo…

… For starters, there are the formidable difficulties of expressing oneself clearly in language… there is the familiar phenomenon of adjusting what one says… there’s also the phenomenon of self-deception…

I “credenti” che non credono in Dio potrebbero essere definiti  meta-atei. L’ipotesi del meta-ateismo è la seguente…

… Despite appearances, not many people -particularly, not many adults who’ve been exposed to standard Western science- seriously believe in God; most of those who sincerely claim to do so are self-deceived….

In poche parole: la credenza religiosa non è quasi mai autentica.

Attenzione, non confondiamo ateismo e meta-ateismo: l’ipotesi meta-atea non dice nulla circa l’esistenza di Dio

… meta-atheism doesn’t entail atheism: it’s a view not about God and whether He exists, but about whether people actually believe that He does…

Per testare l’ipotesi andando oltre le sensazioni epidermiche è il caso di  precisare cosa si intende per Dio

…. God is a psychological being, i.e., a being capable of some or other mental state, such as knowing, caring, loving, disapproving…

Da questa definizione scopriamo che alcuni candidati al meta-ateismo sono in realtà atei veri e propri, quindi irrilevanti per l’analisi…

… If you think of God as something other than a psychological being of this sort, or that talk of God is simply a metaphorical or “symbolic” way of talking about love, the possibility of goodness, or the Big Bang, then much of what I say may not apply…

Si badi bene che il meta-ateismo non è un’etichetta infamante, non è una forma di schizofrenia: l’autoinganno fa parte della normalità…

… Now, of course, I don’t think that most religious people are in fact schizophrenic. Nor do I think all religious people are being insincere. Rather, the meta-atheism I want to defend is the view that many people who sincerely claim to believe in God are self-deceived, which, as some of the other cases I’ve already mentioned show, can be entirely “normal,” and even morally benign (nothing like a little self-deception to keep an otherwise querulous family together!)…

Ma veniamo ai maggiori indizi circa la presenza di metateismo. Innanzitutto, in materia religiosa si tollerano affermazioni che in altri contesti ci lascerebbero perplessi…

… were the claims about a supernatural entity who loves, commands, scolds, forgives, etc., to be encountered in a fashion removed from the rich, “respectable” aesthetic and cultural traditions in which they are standardly presented, they would be widely regarded as psychotic… think about what you would make of someone -again in any other context- who said they could really change wine into blood, or bread into flesh,…

Inoltre, in materia religiosa diamo troppa importanza a certi testi. In nessun altro ambito della conoscenza facciamo lo stesso…

… Many of these otherwise outlandish religious claims derive an air of legitimacy, of course, from their reliance on a specific set of usually archaic texts, whose claims are presented dogmatically… The texts standardly serves as the sole basis for various claims…

Scienza e senso comune procedono altrimenti.

Il ruolo dell’evidenza, poi, sembrerebbe marginale in simili questioni…

… absence of evidence, especially when you look for it, becomes evidence of absence, and most people know this, which is one good reason they have for not believing in fairies or little green men controlling us from Mars…

La fede non sembra interagire all’emergere di dettagli differenti nella ricerca, quasi che le due cose  siano scollegate…

… religious claims are oddly detail-resistant. Perhaps the most dramatic cases are the claims about creation…

Persino i teologi più raffinati  non sembrano molto interessati al mondo e ai suoi dettagli. Magari fanno leva su alcuni di essi ma non seguono passo passo la ricerca ritarando di volta in volta la loro fede…

… Of course, theologians do discuss details. As I mentioned, I’m not a scholar of theology, however, I’m willing to wager that few of the details they discuss are of the evidential sort that we ordinarily expect of ordinary claims about the world, i.e. claims that link the theological to crucial data…

Reazioni comuni all’evidenza scomoda: 1) passare a significati simbolici 2) appellarsi al mistero e 3) minimizzare (la religione si occupa d’altro)…

… Indeed, I find there are three standard reactions: either the claims are not to be understood literally (in which case, fine: they are not literally believed); or they appeal to “mystery” (to which I will return shortly); but more often they simply giggle or make some other indication that I can’t possibly be asking these questions seriously. The questions are regarded as somehow inappropriate….

Il disinteresse per i dettagli instituisce un parallelo imbarazzante con la fiction

… this resistence to detail is strikingly similar to the same resistence one encounters in dealing with fiction. It seems as silly to ask the kind of detailed questions about God as it does for someone to ask for details about fictional characters, e.g.: What did Hamlet have for breakfast?…

Si rinvia troppo spesso alla dimensione simbolica del linguaggio, una dimensione dove la vaghezza spande nebbia ovunque. Il caso dell’espiazione dei nostri peccati da parte di Gesù…

… Take for example the tremendously moving story of the betrayal and crucifixion of Jesus, and ask yourself whether, were we actually trying to achieve justice in the world, his “dying for our sins” would be even remotely appropriate… supposing that this kind of proxy atonement did make sense, the question should certainly arise in the specific case of Jesus whether He the actually did suffer enough! I don’t mean to say that His betrayal and crucifixion weren’t pretty awful; but can they really “balance” all the horror of Ghenghis Kahn, WWII, the Gulag, or what death squads routinely do to their victims in Latin America? These are crucifixions multiplied tens of millions fold… Mere symbols, after all, needn’t share the magnitudes of what they symbolize….

Troppo frequenti, poi, gli appelli al mistero

… Confronted with many of the above oddities, many theists claim God is a “mystery” –indeed, I once heard a famous convert, Malcolm Muggeridge, claim “mystery” as his reason for believing!…

Nella vita comune il mistero non ci induce a molti atti di fede…

… Imagine the police arresting you merely because it’s a “mystery” how you could have murdered Smith! Just so…

Poi ci sono i comportamenti: perché tanto dolore per la morte di un figlio o di un amico se si crede seriamente nell’al di là?…

… People’s reactions and behavior –for example, grief, mourning at a friend’s death– do not seem seriously affected by the claimed prospects of a Hereafter….

Oppure: perché ci si oppone ad un controllo scientifico sull’efficacia delle preghiere petitorie quando si crede fermamente che esista?…

… Or consider petitionary prayer: why aren’t people who believe in it disposed to have the National Institute of Health do a controlled study (say, of the different sorts of prayer) as they would were they interested in the claim whether soy beans cure cancer (5) And, in any case, why do none of them expect prayer to cure wooden legs?…

A volte i teisti eludono le questioni fondamentali limitandosi a considerare la credenza religiosa come una credenza di base lecita da un punto di vista epistemologico: del resto non possiamo nemmeno sapere se la vita sia sogno o meno!? Una credenza è necessaria…

… There is a small industry of efforts in certain philosophical circles to show that religious belief is no worse off than our beliefs about the existence of the external world or other minds….

Ma laddove c’è un disaccordo ci vuole ben altro…

… Any defense of religious knowledge would need to present a theory that meets both of these demands, and, for some of the reasons I’ve sketched, it is difficult to see how it could do so, whether or not it’s “foundational.” In particular, the question is not whether there are or aren’t “basic” or foundational beliefs, but why on earth anyone should think that belief in the existence of anything with the extravagant implications of God should figure among them…

L’appello alla fede nello stile di Tertulliano e Kirkegaard non può essere visto che come una forma di resa da parte di chi intende discutere nel merito…

… Indeed, most religious people readily recognize the failure of evidence but then go on to claim that religious beliefs are matters of “faith,”…

COMMENTO PERSONALE

Molti di questi “indizi” di meta-ateismo mi appaiono poco convincenti (inutile qui offrire la replica). Altri, colpiscono più nel segno, come il cattivo rapporto tra l’uomo di  fede e le evidenze naturali. Sia come sia, quella che trovo convincente è la tesi di fondo: molti “credenti” non credono. Certo, anche per quanto appena detto, l’avrei supportata diversamente, puntando più su una base esperienziale. Esempio: molti credenti ricercano “comunità” più che “verità”, dopodiché, autoingannarsi sulla verità diventa molto più  facile.

Ma forse l’essere dei “meta-non-credenti” è vero per  tutte le sfere del sapere sull’uomo, si tratta di una dinamica naturale: l’80% della popolazione è conformista e la vera lotta sulle idee la fanno i pochi non conformisti. Se prevalgono i “bianchi”,  l’80% formato dai conformisti andrà con i “bianchi”; se prevalgono i “neri”, andrà con i “neri”. Ammettiamo che i non conformisti “bianchi” abbiano la meglio e siano il 10% della popolazione: ebbene,  i “bianchi” di domani saranno il 90% della popolazione, un gran successo. Ma i “falsi bianchi” (o “meta-neri”) saranno quasi il 90% dei “bianchi”!

A “bianco” e “nero” si può sostituire: religioso, ateo, fascista, comunista, liberale, scientista, vegano, reazionario, progressista, ecologista, femminista, materialista, spiritualista… praticamente tutto.

philistines

Bella senz’aura

Nelle società commerciali la bellezza a volte diventa una vera e propria ossessione, tutti sembrano ricercarla con una tenacia che non ha confronto. Lo sostiene in punta di fatto la brillante Virginia Postrel nel suo libro “The Substance of Style”.

Il mondo non è mai stato tanto ricco, possiamo comprare di tutto e quando si tratta di scegliere, sempre più spesso, è il lato estetico della merce  a fare la differenza…

… “Aesthetics, or styling, has become an accepted unique selling point—on a global basis,” explains the head of the division’s global aesthetics program. Functionality still matters, of course. But competition has pushed quality so high and prices so low that many manufacturers can no longer distinguish themselves with price and performance, as traditionally defined…

Il XXI secolo si preannuncia così come il secolo della bellezza

… The twenty-first century isn’t what the old movies imagined. We citizens of the future don’t wear conformist jumpsuits, live in utilitarian high-rises, or get our food in pills. To the contrary, we are demanding and creating an enticing, stimulating, diverse, and beautiful world…

La merce è anche un trionfo dei sensi, siamo creature tattili che non possono rinunciare al bello per lasciarlo agli esteti…

… We want our vacuum cleaners and mobile phones to sparkle, our bathroom faucets and desk accessories to express our personalities. We expect every strip mall and city block to offer designer coffee, several different cuisines, a copy shop with do-it-yourself graphics workstations, and a nail salon for manicures on demand. We demand trees in our parking lots, peaked roofs and decorative façades on our supermarkets, auto dealerships as swoopy and stylish as the cars they sell. Aesthetics has become too important to be left to the aesthetes…We are by nature—by deep, biological nature—visual, tactile creatures… Our sensory side is as valid a part of our nature as the capacity to speak or reason, and it is essential to both…

Tutto ciò, sia chiaro, non fa del XXI secolo un momento necessariamente più creativo, piuttosto un periodo in cui una fetta più ampia della popolazione si occupa di creatività…

… This trend doesn’t mean that a particular style has triumphed or that we’re necessarily living in a period of unprecedented creativity. It doesn’t mean everyone or everything is now beautiful, or that people agree on some absolute standard of taste. The issue is not what style is used but rather that style is used, consciously and conscientiously, even in areas where function used to stand alone…

L’estetica per molti è come l’ossigeno. Grazie all’estetica noi istituiamo relazioni senza parole, una grande opportunità per la merce di moltiplicare le sue funzioni..

… Aesthetics is the way we communicate through the senses. It is the art of creating reactions without words, through the look and feel of people, places, and things…

I significati dell’oggetto estetico sono subliminali…

… Aesthetics conjures meaning in a subliminal, associational way, as our direct sensory experience reminds us of something that is absent, a memory or an idea…

I significati sprigionati dall’ oggetto estetico dipendono da un ben preciso contesto culturale…

… Aesthetic effects begin with universal reactions, but these effects always operate in a personal and cultural context…

Oggi siamo più sensibili che mai alla superficie (superficiali)…

… Psychologists tell us that human beings perceive changes in sensory inputs—movement, new visual elements, louder or softer sounds, novel smells—more than sustained levels…

Quello che molti chiamano superfluo, e che in effetti non appartiene ai canonici bisogni primari, è in realtà parte integrante della nostra natura…

… Theorist Ellen Dissanayake defines art as “making special,” a behavior designed to be “sensorily and emotionally gratifying and more than strictly necessary.”…

È in gioco la nostra identità

… Good Design is not about the perfect thing anymore, but about helping a lot of different people build their own personal identities…

L’emozione ha soppiantato la funzionalità…

… “form follows emotion” has supplanted “form follows function”…

Estetica, piacere e significato procedono in modo congiunto…

… Aesthetics offers pleasure, and it signals meaning. It allows personal expression and social communication. It does not provide consensus, coherence, or truth…

Le gerarchie saltano e il gusto personale spadroneggia…

… The once-rigid aesthetic hierarchy has broken down. Individuals do not simply imitate their social betters or seek to differentiate themselves from those below them. Personal taste, not an elite imprimatur, is what matters…

Personalizzazione e merce “su misura” spuntano ovunque…

… The French interiors magazine Maison Française touts customization as the “reaction to the homogenization of styles and tastes…

La globalizzazione mischia ulteriormente gli stili aumentando il  caos…

… Some of these subcultural styles begin with an ethnic base—Indian mehndi (temporary henna tattoos), African-American hip-hop styles, New England WASP preppy clothing, Chinese feng shui, the vivid colors of Mexico and the Caribbean, the pervasively influential lines of Japanese art and interiors…

L’estetica è anche un modo di raggrupparsi attorno a dei valori

… Others indicate value-related, voluntary associations, “differences with depth,” in the words of cultural anthropologist Grant McCracken… goths, punks, and skaters…

Il nostro è un mondo pluralista dove convivono estetiche differenti e, quindi, valori differenti…

… Value-laden aesthetics, such as punk or goth, spill over into mainstream culture as people outside their subcultures adopt purely aesthetic elements, usually in a less-extreme form… Ours is a pluralist age, in which styles coexist to please the individuals who choose them…

E il funzionalismo modernista? Non è morto, semplicemente convive col resto…

… The “return to beauty” classicists confuse today’s aesthetic pluralism, which overthrows modernist ideology, with the banishment of modernist aesthetics. But modernism is not dead…

Una cosa è certa: non dobbiamo più nascondere il piacere per il bello in sè,  almeno per questo risultato dobbiamo dire grazie al postmodernismo…

… the breakdown of modernist ideology means that it’s no longer necessary to hide aesthetic pleasure behind postmodern irony and camp…

Ricordiamoci da dove veniamo: gente come Adolf Loose equiparava l’ornamento a un crimine…

… puritanical doctrines of Adolf Loos—“one crabby Modernist”—whose influential 1908 essay “Ornament and Crime” proclaimed decoration degenerate, the amoral indulgence of children and barbarians…

Apple: l’estetica in primo piano nell’oggetto più funzionale che esista…

… Apple’s iMac turns the personal computer from a utilitarian, putty-colored box into curvy, translucent eye candy—blueberry, strawberry, tangerine, grape…

Altri esempi…

… Few Target customers have heard of Graves, but his playful toaster quickly becomes the chain’s most popular, and most expensive, model…. Volkswagen reinvents the Beetle. Karim Rashid reinvents the trash can… Oxo reinvents the potato peeler. People will pay an extra five bucks… Nordstrom issues shiny holographic credit cards to spice up its brand… PayPal, the online payments service, entices customers with see-through Visa cards in five different colors… Design schools are so full of students they can hardly find faculty to staff the courses….

Anni 90: l’era del design

… Business Week was wrong to declare the 1990s the age of design. “The nineties were clearly the age of distribution, and Wal-Mart coming to the fore,” he says. High-style products like the iMac and Beetle didn’t appear until the very end of the decade. “I see 2000 to 2010 as the decade of design.”…

Scarpe da tennis e chitarre finiscono al museo

… The San Francisco Museum of Modern Art opens an exhibit of sneakers. Guitars are art in Boston; motorcycles are art in New York. Museums in Miami and La Jolla display household objects, from chairs to salad bowls. To the consternation of critics, an exhibit of Armani couture draws swarms of visitors to the Guggenheim in New York…

Moda e stile, considerato il loro portato identitario, prosperano nel conflitto. L’esempio dell’ hip hop…

… The hip-hop movement has nothing to do with rebellion…. As central as fashion is to life here, all it really says is that the person wearing it loves fashion.”…

La casa è diventato un luogo d’elezione per lo “stilista”…

… Real estate agents hire “stagers” to redecorate homes for sale…

Altro luogo dove esprimersi esteticamente: la cucina

… Busy professional couples hire chefs to come in and make dinner, providing not only good food but the textures and smells of home cooking…

La figura del manager, quintessenza dell’efficientismo, è attentissima al look…

… Business executives enlist Hollywood stylists to dress them…

Testimonianza di Zappacosta

… consider the change observed by Pierluigi Zappacosta, a founder of Logitech, the computer peripherals company best known for its mice. Zappacosta has his own place in design history; by hiring Hartmut Esslinger’s design firm, frog, to create Logitech’s product and packaging designs, he injected a playful, distinctive style into the dull world of computer peripherals…

La cura per l’ambiente è un altro indicatore della nostra sensibilità per il bello…

… a better indicator of our aesthetic age than the splashily designed objects on store shelves is the evolution of the environments that surround them, and us…

Bar e design, un’accoppiata prima impensabile. L’esempio di Sturbucks…

… With its carefully conceived mix of colors and textures, aromas and music, Starbucks is more indicative of our era than the iMac. It is to the age of aesthetics what McDonald’s was to the age of convenience or Ford was to the age of mass production…

Tutti sono alla ricerca dell’esperienza straordinaria, del brivido estetico…

… Curmudgeons may grouse about the price of its coffee, but Starbucks isn’t just selling beverages. It’s delivering a multisensory aesthetic experience…

Un caso estremo: il design dei bagni negli hotel di lusso

… Designer bathrooms have become de rigueur in upscale restaurants. Once windowless boxes, new self-storage centers look like antebellum plantation homes or luxury hotels…

Anche la “musica da tappezzeria” è sempre più curata…

… Muzak has dumped its infamous elevator music in favor of recordings by original artists, with programs crafted to produce just the right atmosphere for a customer’s environment…

La composizione delle vetrine è diventata un’arte a sè…

… Trade show booths today emulate theme parks and World’s Fairs, striving to be “immersive environments” rather than mere product displays…

La decorazione d’interni è a livelli mai visti…

… People have always decorated their homes. But the aesthetic quality and variety of home interiors have increased dramatically… In the early 1990s, when Pottery Barn launched its interiors-oriented catalog, American home owners could not buy a wrought-iron curtain rod without hiring an interior designer….

Arte e arredamento hanno rinforzato il loro legame…

… Home-improvement shows are booming on television, offering not just do-it-yourself handyman advice but designers’ aesthetic expertise. Seventy million U.S. households get Home & Garden Television, “the CNN of its niche,”…

La vendita degli oggetti d’arte non ha più luoghi deputati, i venditori stessi si accorgono di avere come clienti meno collezionisti e sempre più gente comune alla ricerca di un brivido estetico…

… Many of the featured artists are well-known modern or contemporary names. Eyestorm, which started as a specialized Web site and branched out into stores, offers limited-edition prints by Damien Hirst at $3,000 each, and a photo of Andy Warhol by Dennis Hopper for $500… Crate and Barrel sells framed reproductions of Mark Rothko paintings for $499…. Customers are “buying for aesthetics, not collecting,” says an Eyestorm executive….

Molti hotel offrono vere e proprie esperienze estetiche…

… Starwood Hotels & Resorts has adopted a strategy of “winning by design.” Its upscale W chain gets the most attention, but the big news is in the midmarket….

Lo stesso dicasi per certi aeroporti

… Airport terminals are remodeling with skylights, panoramic views, art galleys, custom carpeting or terrazzo floors, and high-end shops…

Lo stesso dicasi per alcuni centri commerciali

…  Shopping malls, once designed to be functional and convenient, with little attention to atmosphere, are turning to aesthetics to try to hold customers who might otherwise prefer drive-up “lifestyle centers.”… At the Beverly Center, a twenty-year-old mall in Los Angeles, the new central court features a backlit, three-story “shoji screen” with panels in subtle blues and yellows representing the colors of the California…

Poi  c’è la cura per il look personale. Sul lavoro può fare la differenza…

… research group writes that employees’ looks are no longer simply an advantage to their personal careers but “a highly marketable asset for employers.” The importance of “aesthetic skills” has grown along with lifestyle-oriented service businesses…

In certi casi si assumono solo i belli

… A British boutique hotel chain, for instance, hires only attractive employees (with good personalities)…

Ai poveri si offrono servizi per migliorare il proprio aspetto

… StyleWorks, a New York–based nonprofit group, uses volunteer hairstylists, makeup artists, and image consultants to provide “a fresh new look for a fresh new start” to women moving from welfare to work…

Look e politica

… Good hair, by contrast, is a political asset. Japanese prime minister Junichiro Koizumi’s permed “Lion King” mane boosted his popularity and helped reinforce his image as an iconoclastic reformer…

La bellezza è alla portata di tutti: più che il “belloccio” va il “tipo”…

… While only the genetically blessed can be extraordinary beauties, more and more of us qualify as what historian Arthur Marwick calls “personable”—generally good-looking if we care to be…

Perfino fra gli scrittori conta l’aspetto estetico…

.. Those judgments extend to areas where personal appearance was once considered irrelevant, even unseemly, to call attention to. Authors on both sides of the Atlantic are starting to notice, and sometimes complain, that their looks are almost as important as their writing… Acclaimed young novelist Zadie Smith, author of White Teeth, even underwent a publisher-pleasing makeover, changing her hairstyle and getting rid of her glasses…

Una buna notizia: la definizione di persona bella  si è comunque ampliata.

La cura delle unghie è al suo picco…

… The number of nail salons in the United States has nearly doubled in a decade, while the number of manicurists has tripled…

Ma molti investono anche sulla pelle

… The market for skin-care “beauty therapists”…

I tatuaggi sono tornati alla grande e i con i capelli colorati sono molto diffusi.

Il maschio è coinvolto in pieno nella rivoluzione estetica…

… Since the 1980s, we’ve also experienced what cultural critic Jonathan Rauch dubs the “Buff Revolution.” For the first time in centuries, it has become respectable for people in Anglo-American countries to pay attention to men’s bodies….

Sfuma il confine tra medicina e bellezza

… For both men and women, the boundary between health and beauty, medicine and cosmetics, is melting away…

Il dentista come esteta…

… “The dental profession’s traditional domain, centered around the eradication of disease, now finds itself on the threshold of uncharted territory: the enhancement of appearance,”…

I dermatologi sono in prima linea…

… Dermatologists zap age spots with lasers and prevent acne with drugs….

Dietro ciò che chiamiamo materialismo c’è un’istanza espressiva…

… what Grant McCracken calls “the long-standing anthropological conviction that material culture makes culture material, i.e., that the expressions of a lifestyle are more than mere reflections of it;…

L’ortodossia che identificava l’ornamento con superficialità e decadenza è sfidata a pieno titolo…

… challenging the twentieth-century dogmas that declared ornamentation inherently decadent, corrupt, or manipulative, and markets inherently exploitive…

Nei musei finisce di tutto, dalle stoviglie ai sacchetti della spesa… tutto è stile e segno di un’epoca…

… Academic presses publish works on the history and meaning of dress and of dishes. Art museums are beefing up their design and clothes collections, and scholars are analyzing the culture and history of fashion. Books on the evolution of shopping and store environments, pro and con, are increasingly common…

Nel frattempo la scienza vuole andare all’origine del piacere estetico

… Many natural and social scientists, meanwhile, are increasingly interested in the nature of aesthetic universals… researchers want to understand the biological origins of aesthetic pleasure… Their scholarship challenges the received academic wisdom that tastes are as different as languages…

Intanto, le culture si contagiano, il bello pratico si trasferisce da un contesto all’altro e si trasforma, diventa fuggevole e sconcerta i teoreti…

… As a result, aesthetic elements can spread relatively easily from culture to culture…

C’è chi ancora  parla di simmetria e proporzione

… Psychologists have found patterns of symmetry and proportion, consistency and surprise, that cross cultures and age… Even infants, they’ve discovered, distinguish between attractive and unattractive faces…. good-looking people earn more, report economists, and good looks are at least as important economically for men as for women….

Altri, specie nella musica, segnalano l’importanza dell’alternarsi tra sorpresa e familiarità

… “Musics cross-culturally are very different from one another,” says Denis Dutton, a professor of aesthetics with a particular interest in the relation between biology and art. “But musics depend on sounds, on pitch, on harmonies, on iterations—getting tired of something, being surprised…

Non poteva mancare chi enfatizza il legame tra bellezza e successo riproduttivo

… “Our response to beauty is hard-wired—governed by circuits in the brain shaped by natural selection,” writes psychologist Nancy Etcoff. “We love smooth skin, symmetrical bodies, thick shiny hair, a woman’s curved waist and a man’s sculpted pectorals, because in the course of evolution the people who noticed these signals had more reproductive success…

In poche parole: la società commerciale doveva essere l’epoca dell‘omologazione ed è invece il trionfo della varietà…

… The prophets who forecast a sterile, uniform future were wrong, because they imagined a society shaped by impersonal laws of history and technology, divorced from individuality, pleasure, and imagination…

 

*****

Puntare sul bello è oggi anche un modo di fare affari

… Earnest Elmo Calkins published an article in The Atlantic Monthly titled “Beauty the New Business Tool.”…

Prima si era molto più prudenti in questo ramo: la migliore sorpresa per il cliente è non sorprenderlo…

“The best surprise is no surprise,” the slogan Holiday Inn adopted in 1975, summed up several decades of economic progress. Americans were more concerned with avoiding below-par experiences than achieving unique or extraordinary ones…. Even in the stylistically exuberant period that Hine dubs the decade of “Populuxe,” from 1954 to 1964, aesthetics was most important for textile-based fashions…

Il bello non è un lusso: non di solo pane vive l’uomo…

… Aesthetics is not a luxury, but a universal human desire. Those anticapitalists who criticize markets for luring consumers into wanting more than their basic needs, and those capitalists who scoff at aesthetics for detracting from serious work, are missing a fundamental fact of human nature…

Ma soprattutto: non esiste uno standard a cui adeguarsi, viviamo in un’estetica fluida

************************

Ma quanto vale il bello in termini economici? Difficile dirlo…

… it’s hard to measure the value of aesthetics, even in a straightforward business context….

Però delle indicazioni ci sono, prendiamo il caso di Motorola

… Organisms can influence the trajectory of evolution through their active choices… We know that people generally don’t want something that’s otherwise worthless just because it comes in a pretty package and, conversely, that valuable goods and services are worth even more in attractive wrappings… In the early 1990s, Motorola came out with an updated version of its most popular pager. The new version had enhanced features, but what really made it special was the pager’s colorful face… squirt-gun green plastic, which actually cost us nothing, could get us fifteen bucks extra per unit.”… Paying more for green plastic is stupid, and only a dupe would do it. Function, not form, creates legitimate value…

Insomma: il pubblico paga anche per un pezzo di plastica inutile che costa pochissimo.

Per i critici il bello seduce nel senso deteriore del termine, e facilita l’opera agli avidi venditori…

… To such critics, form is dangerously seductive, because it allows the sensory to override the rational. An appealing package can make you believe that Nazis are good, or that colas are distinguishable. The very power of aesthetics makes its value suspect. “In advertising, packaging, product design, and corporate identity, the power of provocative surfaces speaks to the eye’s mind, overshadowing matters of quality or substance,” writes Stuart Ewen…

L’enfasi sulla cosmesi denuncia la falsità del capitalismo. Daniel Bell…

… Sociologist Daniel Bell, in the twentieth-anniversary edition of his influential book The Cultural Contradictions of Capitalism, points to the prominence of cosmetic… the pervasive falsehood oiling “the machinery of gratification and instant desire” that is contemporary capitalism. Women’s fashion and fashion photography exemplify for Bell the same falsehood as advertising: “this task of selling illusions, the persuasions of the witches’ craft,”…

Se il capitalismo nasce da una mentalità puritana, mai come oggi la contraddice…

… contradictions that will ultimately bring down capitalism by eroding its Puritan foundation…

Qualcuno ricorderà l’espressione “edonismo reaganiano“…

… “The world of hedonism,” he writes, “is the world of fashion, photography, advertising, television, travel. It is a world of make-believe.”…

Già per Adorno e compagni, tanto per spostarci sul fronte opposto dello spettro politico, l’arte capitalista è essenzialmente arte dell’inganno

… Frankfurt School Marxists Theodor Adorno and Max Horkheimer put it in an influential 1944 essay. In commercial products at least, such critics see ornament and variety not as goods that we value for their own sakes but as tools for creating false desire. Where the gullible public finds pleasure and meaning, the expert observer perceives deception… “That the difference between the Chrysler range and General Motors products is basically illusory strikes every child with a keen interest in varieties,” declare Adorno and Horkheimer….

Ma Francoforte e Adorno sono la solita miniera di ipotesi inverificabili…

… The claim is unfalsifiable, since the more we try to proclaim the real value we attach to look and feel, the more we demonstrate just how duped we are…

La polemica sulle presentazioni in Powerpoint

… Scott McNealy of Sun Microsystems, who declared PowerPoint presentations wasteful because they consume more computer memory than handwritten slides…

Nei critici della società commerciale due idee si uniscono in matrimonio: 1) piramide di Maslov (esiste una gradualità dei bisogni) 2) puritanesimo (il lusso è spreco)…

… This reasoning combines the oversimplified Maslovian idea, “aesthetics is a luxury,” with a puritanical conviction that luxury is waste…

Lo squallore estetico delle Chiese Evangeliche è proverbiale…

… A conservative minister worries that evangelical churches, in their efforts to attract and hold members, have sacrificed the substance of preaching and prayer for mere spectacle… There is a sensory feast but a famine of hearing…

Una mentalità del genere è incompatibile con il bello…

… This critique reflects the widespread fear that surface and substance cannot coexist, that artifice inevitably detracts from truth…

Spostiamoci sul cinema: per molti critici austeri l’effetto speciale è di per sè  incompatibile con la ricerca estetica…

… One sign of the “age of falsification,” writes a critic, is “the blockbuster movie in which story line and plausibility are sacrificed to digital effects and Dolby Sound.”…

Persino il semplice trucco della persona mette a repentaglio la nostra identità…

… Even worse, we fear, the aesthetic imperative is disguising who we really are. From Loos to Bell, and for centuries before them, critics of ornament have aimed some of their sharpest attacks at bodily decoration…

Il culto dell’ “acqua e sapone”  ha le medesime radici…

… In the seventeenth century, writers and preachers warned against women’s makeup, which “takes the pencill out of God’s hand,” defying nature and divine will. “What a contempt of God is this, to preferre the worke of thine owne finger to the worke of God?” exclaimed one writer condemning cosmetics….

La battaglia per i diritti della bruttezza è da sempre una prerogativa del femminismo radicale

… In The Beauty Myth, Naomi Wolf advocates “civil rights for women that will entitle a woman to say that she’d rather look like herself than some ‘beautiful’ young stranger.” Wolf praises the “female identity” affirmed by women who refuse to alter their appearance with makeup, hair dye, or cosmetic surgery: “a woman’s determination to show her loyalty—in the face of a beauty myth as powerful as myths about white supremacy—to her age, her shape, her self, her life.” Except those born with exceptional natural beauty, authenticity and aesthetics are, in this vision, inevitably at odds. Remaining true to oneself means eschewing artifice…

Ma il nostro istinto ci dice altro: il bello è importante ed è giusto ricercarlo, non dobbiamo sentirci in colpa quando lo facciamo…

… Viscerally, if not intellectually, we’re convinced that style does matter, that look and feel add something important to our lives. We ignore the preachers and behave as if aesthetics does have real value. We cherish streamlined artifacts, unconcerned that they do not really move through space. We find spiritual uplift in pageantry and music. We prefer PowerPoint typefaces and color to plain, handwritten transparencies. We define our real selves as the ones wearing makeup and high heels…

Ma lo stile è anche un segnale importante: “se non sai vestirti, allora…”…

… English professor who advises aspiring humanities scholars on their appearance and manners. Still, she warns that the wrong clothes can be catastrophic: “If you don’t know how to dress, then what else don’t you know? Do you know how to advise students or grade papers? The clothes are part of the judgment of the mind.”…

Hillary Rodham Clinton scoprì ben presto quanto contava la sua pettinatura per le persone comuni…

… “The most important thing that I have to say today is that hair matters,” she said. “This is a life lesson my family did not teach me, Wellesley and Yale failed to instill in me: the importance of your hair. Your hair will send very important messages to those around you… Beneath the humor is a sense of betrayal. Why are you so obsessed with my hair? Why won’t you take me seriously? It wasn’t supposed to be this way, not for ambitious public women. Hair is just surface stuff…. The joke simultaneously expresses three contradictory beliefs: that appearance matters and should be given due attention (the unironic reading); that appearance shouldn’t matter (the ironic reading); and that appearance matters for its own aesthetic pleasures rather than for any message it sends (“what hopes and dreams you have for your hair”)….

Anche quando l’importanza del bello è riconosciuta, come in questo caso, non è mai riconosciuta in quanto tale: per molti la bellezza e lo stile non sono altro che segnali dello status. Il caso di Robert Frank è esemplare…

… What is the substance of surface?   When they aren’t denouncing surfaces as lies and illusion, cultural critics typically have one explanation for why we devote time, attention, and, most of all, money to aesthetics: It’s all about status… When they aren’t denouncing surfaces as lies and illusion, cultural critics typically have one explanation for why we devote time, attention, and, most of all, money to aesthetics: It’s all about status… In Luxury Fever, a self-described “book about waste,” economist Robert Frank treats the aesthetic ratchet effect as entirely status-driven. We want ever-more appealing things because our neighbors have them

È solo un altro modo per degradare il bisogno estetico. Ricerca del bello = spreco di risorse.

Nel mondo di Frank il piacere estetico non esiste, come in fondo non esiste la prosperità: una volta soddisfatti i bisogni primari tutto il resto è spreco, inganno, o strumento per altri fini…

… in Frank’s world, finding out that our neighbors are enjoying some new luxury functions only as a competitive spur, not as information about what’s possible. We aren’t happy for the neighbors. We don’t want to share the same pleasures… Larger, better appointed homes are not, in this view, an enjoyable effect of prosperity but the outcome of a race…

Per Frank il nostro interesse per la bellezza è falso

… The argument depends on the conviction that we do not want those expensive shoes or large homes because of any intrinsic qualities. Frank assumes that we do not value the luxuries themselves—the soft leather of the shoes, the smooth granite countertop, the sculptural lines of the car, the drape and fit of the jacket—but just want to stand out, or at least not look bad, compared to other people. He also imagines only rivalry, not identification… Not surprisingly, he sees aesthetic competition as almost entirely wasteful…

Chi pensa come Frank arriva ad una conclusione obbligatoria: tutti in divisa e staremo meglio.

Per Frank e compagnia conta solo prezzo e utilità

… Frank thinks it’s just a matter of status-oriented one-upmanship, focused almost entirely on how much things cost…

La sovietizzazione delle forme esistenti è l’esito naturale di chi pensa in questo paradigma. Basta un esperimento mentale per scoprire che è così…

… What if every product came in a plain black-and-white box—but one company invested in graphics and color? What if everyone wore drab Mao suits—but one person dressed with color, tailoring, and flair? People would, of course, be drawn to the aesthetic deviant, even though that nonconformity might well offend the reigning status hierarchy. This thought experiment suggests something at work besides status and one-upmanship…

L’alternativa consiste nell’attribuire un valore intrinseco al piacere estetico…

… Sensory pleasure works to commercial and personal advantage because aesthetics has intrinsic value… Sensory pleasure works to commercial and personal advantage because aesthetics has intrinsic value…. If you show up for an interview in a custom-tailored suit only to find your prospective boss wearing khakis and a polo shirt, the mismatch in aesthetic identities will cancel out any imagined status gains… Status competition is part of human life, of course. But cultural analysts like Frank are so determined to see status as the only possible value, and money as the only source of status, that they often ignore the very evidence they cite….

Naturalmente le conclusioni ciniche di Frank cozzano con le dichiarazioni dei protagonisti, ma fa niente. Il caso delle stufe di lusso

… Frank writes that “the status symbol of the 1990s has been the restaurant stove.”…To bolster his argument, he quotes a woman who owns a $7,000 stove, despite rarely cooking at home… Does she say she wanted to stand out from the crowd? No, she describes the stove as a work of art… work of art… quotation demonstrates the opposite of what Frank maintains…

Altri autori seguono altre strade pur di non dare dignità al piacere per il bello: noi ci circonderemmo di oggetti belli per sentirci ricchi

… Even analysts who do not view luxury goods as waste do not necessarily credit the goods’ intrinsic sensory appeal. In Living It Up, a mostly sympathetic analysis of what he calls “opuluxe,” James Twitchell examines the spread of luxury goods, which he describes as “objects as rich in meaning as they are low in utility.”… Anyone can buy into the signs of wealth, so “making it” is no longer a matter of joining a socially exclusive club…

Per questi autori contano solo funzione e significato del bello, il bello in sè non esiste…

… The status critique does not actually say luxury is meaningless… The status critique sees only two possible sources of value: function and meaning; and it reduces meaning to a single idea: “I’m better than you.” It denies the existence or importance of aesthetic pleasure and the many meanings and associations that can flow from that pleasure…

La moda diventa un demone, anzi, la dimostrazione incarnata delle  teorie sul trionfo della vanità…

… If surfaces are “trivial stuff,” surfaces that change for no good reason are even less worthy. Hence, those who see aesthetics as “illusion” and “make-believe” are particularly vitriolic toward fashion….

Se i telefoni non sono ancora tutti grigi è perchè sotto c’è una frode…

… “Typewriters and telephones came out in a wide range of colors in 1956, presumably to make owners dissatisfied with their plain old black models,” sniffed the influential social critic Vance Packard in his 1957 book The Hidden Persuaders. Nearly a half century later, many people still imagine that the world works the way Packard portrayed it…

Il concetto è quello di obsolescenza calcolata

… Today an engineer similarly condemns the latest iMac for using behind-the-curve chips and mocks buyers who’ve “been seduced by the case plastic”…

Ma forse la moda esiste perchè il piacere per il bello è reale e varia nel tempo.

Del resto la moda è imprevedibile anche per i protagonisti stessi, se presi individualmente…

… The fashion process is not mechanical but contingent; which changes will fit the moment depends on a host of unarticulated desires and unnoticed influences, making shifts hard to predict. A fashion writer refers to “fashion’s X-factor, the unknown quantity that makes an item seem hot to a consumer…

I fallimenti di chi vorrebbe imporre una moda, poi, sono innumerevoli…

… The sales racks are full of aesthetic experiments that failed to capture the public imagination, and every such item is an argument against the notion that authorities can dictate style…

La moda, del resto, esisteva anche 800 anni fa, e riguarda anche beni non commerciabili come i nomi di persona

… We find fashion patterns in goods for which there is no commercial market. Historian Anne Hollander notes that fashion in clothing has existed for eight hundred years, centuries longer than the apparel business. “The shifty character of what looks right is not new, and was never a thing deliberately created to impose male will on females, or capitalist will on the population, or designers’ will on public taste,” she writes. “Long before the days of industrialized fashion, stylistic motion in Western dress was enjoying a profound emotional importance, giving a dynamically poetic visual cast to people’s lives, and making Western fashion hugely compelling all over the world.” Pleasure, not manipulation, drives changes in look and feel… Sociologist Stanley Lieberson has studied how tastes in children’s names change over time. Nobody runs ads to convince parents to choose Emily or Joshua for their newborns. No magazine editors authoritatively dictate that “Ryan is the new Michael.” But names still shift according to fashion. Name choices, like clothing choices, are influenced by the desire to be different but not too different…

Forse è il caso di approfondire come si sceglie un nome di persona per il proprio figlio appena nato…

… Contrary to common assumptions about how fashion works, Lieberson finds that names don’t trickle down in a simple way from high-income, well-educated parents to lower-income, less-educated parents. Newly popular names tend to catch on with everyone at about the same time. External influences, such as the names of celebrities or fictional characters, do play a role in what’s popular. But cause and effect are complicated. Fictional characters don’t just publicize possible names; their creators, like new parents, select those names from the current milieu… And whether a famous name spreads partly depends on internal, purely aesthetic factors…. Harrison Ford, Arnold Schwarzenegger, and Wesley Snipes are all action stars, but their stardom hasn’t translated into millions of little Harrisons, Arnolds, or Wesleys—in part because their names just don’t sound all that appealing… Whether for names or clothes, fashion reflects the primacy of individual taste over inherited custom. The freer people feel to choose names they like, rather than, say, names of relatives or saints, the more rapidly baby names go through fashion cycles. As Hollander observes, “Fashion has its own manifest virtue, not unconnected with the virtues of individual freedom and uncensored imagination that still underlie democratic ideals.”…

Molto istruttivo: la bellezza pura sembrerebbe avere un ruolo primario.

Ma per alcuni critici la bellezza non può mutare: solo ciò che si presenta come statico è autentico…

… This dynamic perturbs critics. Static, customary forms, they suggest, are more authentic. Thus Daniel Bell worries about the rise of syncretism, “the jumbling of styles in modern art… Ewen, again equating style with illusion, writes that “modern style speaks to a world where change is the rule of the day, where one’s place in the social order is a matter of perception, the product of diligently assembled illusions.”… The old “symbols of perpetuity” were in fact products of a traditional, fairly static social order….

Chi vede le cose in questo modo trascura il dinamismo che una ricerca implica

… This analysis scorns the search for individual satisfaction and self-definition…

Si badi bene che la differenza non è tra relativismo e oggettivismo ma tra ricerca del bello (che puó essere concepito come oggettivo) e possesso del bello. Dinamismo e oggettivismo possono convivere.

Ma chi si concentra su una visione del bello come possesso, come valore eterno che non muta nei tempi? Ovviamente chi crede di possederlo. Facciamo il caso della famiglia di alto lignaggio

… These goods demonstrated inherited social position; only a family that had maintained wealth and rank over generations would possess homes, portraits, furnishings, or silverware with the patina of age. You could show off your grandfather’s portrait or your great-grandmother’s silver only if your family was in fact one of long-standing status…

L’aura è essenziale per chi crede nella bellezza immutabile e ben identificata…

… Surface patina demonstrated social substance. As anthropologist Grant McCracken notes, “The patina of an object allows it to serve as the medium for a vitally important status message…

La società commerciale, pur non impedendo ai tradizionalisti di seguire la loro strada, guarda anche alla persona qualsiasi, dà una chance a tutti…

… ephemeral nineteenth-century merchandise that Ewen condemns spread new aesthetic pleasures to people of limited means…

Del resto l’ossessione per la moda è quasi sempre esagerata in funzione di una condanna…

… Such critics exaggerated both year-to-year fashion shifts and the response of consumers; as we know from survey data, families with moderate incomes did not own large or frequently changing wardrobes…

Se in passato il fenomeno era meno appariscente lo dobbiamo alla povertà di mezzi per soddisfare certi desideri. Il caso di Cenerentola è sintomatico…

… We do not know, of course, that traditional peasant women experienced no such pangs. Folktales like “Cinderella” suggest that they did…

La moda è anche e soprattutto un modo per esprimere la nostra interiorità…

… How we deal with fashion’s flux suggests something about our inner life. Can we enjoy its pleasures, using them to create an aesthetic identity that reflects who we are, including what we enjoy?…

Ma noi continuiamo a bollare tutto questo come superficialità (la Sara in questo senso è una povera vittima)…

… From well-intended mothers to scathing social commentators, authorities tell us that surfaces are “meaningless.” That might be true if they meant that the value of aesthetics lies in its own pleasures, not in what it says about something else. But that’s not at all what they intend. Authorities call aesthetics “meaningless” to suggest that it is worthless and unimportant, that it doesn’t matter…

Accettare l’esistenza del “bello per il bello” manderebbe a posto molte tessere del puzzle…

… The challenge is to learn to accept that aesthetic pleasure is an autonomous good, not the highest or the best but one of many plural, sometimes conflicting, and frequently unconnected sources of value…

Ma bello e buono vanno insieme? Abbiamo mille evidenze che non sempre è così…

… A bad person can be beautiful or create beautiful things. A good person can be ugly or make bad art. Goodness does not create or equal beauty. The problem with Leni Riefenstahl’s films is not that they’re aesthetically powerful—that achievement is, considered in isolation, valuable…  Beauty is not a moral defense, merely an autonomous value…

Esempio famoso…

Riefenstahl’s artistic achievements, and her images, are permanently polluted by the cause she served… Aesthetics is not a psychological superweapon…

C’è persino chi ha fatto notare la bellezza dell’attentato alle due torri

…  When terrorists slammed two passenger jets into the World Trade Center on September 11, 2001, Michael Bierut had his own moment of Nazis-to-Pepsi self-doubt. He was in London and returned home to Manhattan a few days after the attack. “As a designer,” he wrote me, “I am still reeling from the images of 9/11.” The act had been horrifying, but the images it created could not have been better designed…

Se tra i due valori c’è un legame è molto tenue, meglio non affidargli funzioni che non potrebbe svolgere…

… If an event so awful could look so vivid, even beautiful in a purely formal sense, how could we trust aesthetic pleasure?…

Altre volte accade il contrario: ci sono pubblicità meravigliose di prodotti insignificanti…

… The attack, wrote Bierut, “makes me think about all the times I’ve worked on purposeless assignments and put meaningless content into beautiful packages… Bierut had forgotten the meaning and value of his work, falling into the puritanical mind-set that denies the value of aesthetic pleasure and seeks always to link it with evil….

Anche qui: basterebbe svincolare il bello dal buono e molti conti tornerebbero.

Come se non bastasse, totalitarismo e bello sembrano avere un rapporto privilegiato…

… “One of the signatures of any repressive regime,” he wrote the following day, “is their need to control not just meaningful differences—the voices of dissent, for instance—but ostensibly ‘meaningless’ ones as well, like dress. It will take some time for people to realize that creating the difference between Coke and Pepsi is not just an empty pastime but one of many signs of life in a free society.” The Afghan women who risked the Taliban’s prisons to paint their faces and style their hair in underground beauty shops, and who celebrated the liberation of Kabul by coloring their nails with once-forbidden polish, would agree…

 

****

Siamo creature sociali e il nostro aspetto ci serve per comunicare la nostra identità in un contesto culturale…

… or the many South Asian immigrants in this high-tech suburb, the clothes convey an added meaning: I am one of us, not one of them. Human beings are not only visual, tactile creatures. We are also social, cognitive … We use form to communicate, and we infer meaning from familiar aesthetic elements.

Il piacere estetico ha un ancoraggio biologico ma il significato culturale che esprime no…

… aesthetic pleasure generally operates within a range of responses set by biological universals. Meaning has no such anchor… To a Christian in the late Middle Ages, blue was the color of the Virgin Mary… Nowadays, the sight of Gothic revival buildings suggests higher education, with no particular reference to medieval ideals… Something similar is happening with the revival and spread of dreadlocks…

Con il nostro look ci distinguiamo, ci diamo un’identità…

… Identity is the meaning of surface. Before we say anything with words, we declare ourselves through look and feel: Here I am. I’m like this. I’m not like that. I associate with these others. I don’t associate with those… Here I am. I’m like this. I’m not like that. I associate with these others. I don’t…

La scelta estetica soddisfa sia un’esigenza sociale che una personale: identificarsi e realizzarsi sono tutt’uno…

… Aesthetic identity is both personal and social, an expression both of who we are and with whom we want, or expect, to be grouped… you’ll tend to attract the like-minded while alienating those who disagree… The job of graphic design “is to make something that distinguishes itself when you see it in context,” says Stephen Doyle… A graphic identity, says Doyle, “is like a personality…

********

In quest’epoca, dove per la prima volta a tutti è concessa l’esperienza del bello, l’intolleranza estetica è cresciuta. Lo vediamo nei piani regolatori trasformati in liste di divieti che riguardano forme e colori “poco rispettosi” delle facciate delle case. La soluzione: rimpicciolire l’area regolamentata in modo da avere più varietà. Ma soprattutto una considerazione: è proprio questa accresciuta sensibilità che dovrebbe rassicurarci sui potenziali danni estetici.

kip-6

Di cosa parliamo quando parliamo di rischio?

Il contrario del coraggio non è la codardia ma il conformismo

Rollo May

L’epigrafe di questo post è anche l’ epigrafe del libro di Eric Falkenstein: “The Missing Risk Premium: Why Low Volatility Investing Works”.

La nostra nozione di rischio – e non parlo della vulgata ma di quella che si insegna all’università – è sbagliata…

… This book outlines an important flaw in finance and the academic notion of risk. It gets into how the original asset pricing model went wrong, why it is empirically bankrupt…

Sarà anche per questo che per la gestione di un fondo d’investimento un fisico o un informatico valgono quanto e forse più di un laureato in economia finanziaria…

… In practical finance, a computer science or physics PhD is generally more attractive than an economics or finance PhD mainly because that person knows more programming, which is useful…

La teoria sulla valutazione dei titoli che si insegna nell’accademia (Capital Asset Pricing Model, o CAPM) è la classica teoria continuamente confutata dai fatti che sopravvive nonostante tutto, un caso di scuola. Chi agisce sui mercati borsistici conosce bene questa falla e sa che deve inventarsi qualcosa…

… If you want to teach and publish academic papers, modern asset pricing theory is very useful, but it has about as much relevance as Das Kapital to any practitioner… the main ideas from modern asset pricing theory are the following: the quantity of risk is measured by a covariance with priced risk factors which are as-yet unidentified time series like the stock market, and there’s a linear relation between this risk metric and expected returns…

L’ idea di fondo del CAPM…

… the main ideas from modern asset pricing theory are the following: the quantity of risk is measured by a covariance with priced risk factors which are as-yet unidentified time series like the stock market, and there’s a linear relation between this risk metric and expected returns…

In altri termini: esiste un rischio eliminabile attraverso la diversificazione di portafoglio e uno ineliminabile legato all’ intero sistema. Chi si assume il secondo riscuote un premio di mercato, chi si assume il primo no. Ma questo premio non esiste nella realtà…

… The risk premium emphasis of modern finance is not helpful to someone trying to truly understand this field…

Se il CAPM non serve, come rimpiazzarlo? Per esempio con la conoscenza della storia. La storia delle bolle finanziarie…

… That is, the first key to investing is an understanding of history that comes from reading various accounts of the internet bubble…

Servono poi le relazioni personali che ci consentano di sentire chi sta sul campo in prima linea…

… Secondly, I would emphasize that finance is as much about personal relationships …

Intuito e informazioni riservate non guastano…

… Thirdly, that investing is like any other endeavor, where above average performance depends on some kind of edge, so if you have no reason to presume you have an edge assume it is negative and invest in assets where this hurts you the least…

Prendiamo un episodio noto alle cronache: il fallimento del fondo LTCM. È passato alla storia come un fallimento dell’accademia poichè si trattava di un fondo sponsorizzato da ben due eminenti premi Nobel. In realtà, a guardar bene, è stato il simbolo dello scollamento tra accademia e pratica poichè i gestori hanno ben presto abbandonato le strategie elaborate nelle università dai loro prestigiosi sponsor e il fallimento ha ben poco a che fare con le ragioni a cui deve la sua notorietà…

… A good example of the contrast between theory and practice comes from Long Term Capital Management (LTCM), the famed hedge fund that imploded in 1998. In theory, when it was working, outsiders thought they were using computer models to implement highfalutin theoretical insights from their two eminent financial theorists, Nobel Laureates Robert Merton and Myron Scholes. In practice, they put on some simple trades that were neither clever nor subtle, as they failed primarily due to a failed interest rate bet and a bet on volatility. Merton and Scholes were irrelevant to the investment decisions throughout, yet they were disingenuously presented for marketing the fund. That is the essence of modern finance: a rigorous, disingenuous façade, and a seat-of-the-pants practical side…

L’economia finanziaria è una materia ostica, un luogo di elezione di “uso intimidatorio della matematica…

… discussion of mathematics, as applied to finance, does tend to become excessively pretentious, pedantic, and irrelevant, and is primarily used, like Merton and Scholes for the failed LTCM, for impressing and intimidating the many mediocre people who can be intimidated by credentials and math…

Oggi il concetto di rischio è talmente pasticciato che di solito lo usano con sicumera solo due categorie di persone: imbonitori e confusi

… Risk has become a concept like diversity or the Trinity, words that are either used by confused people of good faith certain that any inconsistency comes from insufficient understanding, or simple hucksters who use it as a red herring…

Sia chiara una cosa: criticare l’ortodossia CAPM non significa rigettare l’ipotesi dell’ efficienza dei mercati (Efficient Market Hipothesys, EMH). E’ bene dirlo poiché spesso le due cose procedono insieme pur non essendo in relazione…

… Though I am a critic of standard approaches, I find myself generally agreeing with economists who represent these approaches more than their critics. That is, the most common criticisms of modern financial theory are based on the argument that markets are irrational or inefficient, with reference to behavioral finance and systematic biases. This highlights that it is not sufficient to note the current status quo is wrong but in precisely what way because this matters…

La finanza ci dimostra come non siamo genericamente avversi al rischio: dipende da quale rischio. La qualità è tutto. A volte il rischio lo cerchiamo, ci realizza dal punto di vista esistenziale…

… it’s as though a conspiracy were acting to keep everyone from noticing that the riskiest investments are not those with the highest expected returns but rather like lottery tickets catering to the deluded…

Nella teoria tradizionale, invece, si postula l’avversione a prescindere, e quindi un premio a chi è disposto a sopportare un rischio…

… The risk premium is an unobserved variable that connects the expected future payoff to the current price, and so price movements are often explained in terms of changes in risk…

I fondatori della teoria tradizionale e l’idea base che la sostiene…

… Seminal work by Markowitz, Tobin, and Sharpe created modern portfolio theory and the capital asset pricing model (CAPM) with its “betas.”…The basic idea of how the risk premium works is the following. An asset’s price is the present value of future payoffs, where the discount rate is the risk factor… The keys are risk aversion over aggregate wealth, risk measured as the covariance of the asset with the risk factors, and a linear price for risk (twice the risk generates twice the excess return)…

La teoria del CAPM ha letteralmente trionfato nelle università, i Nobel sono fioccati già da subito…

… The academic history of risk is usually presented as the crowning success story of the social sciences, with its cannon of heroes from Nobelists Harry Markowitz to Danny Kahneman… Peter Bernstein titled Against the Odds: The Remarkable Story of Risk… Like Prometheus, they defied the gods and probed the darkness in search of the light…

Ma oggi, anche nei cantori più entusiasti spunta qualche dubbio

… As Mark Rubinstein said about the CAPM and its extensions, “More empirical effort may have been put into testing the CAPM equation than any other result in finance. The results are quite mixed and in many ways discouraging.”11 Eugene Fama and Kenneth French called the CAPM “empirically vacuous,”…

Si potrebbe istituire un’analogia con l’etere

… It’s a bit like nineteenth-century physicists who assumed the luminiferous aether was present and kept coming up with more fanciful explanations for why it couldn’t be measured…

Fin da subito i fatti dicevano altro, ma la teoria era tanto bella, elegante, di buon senso e sofisticata allo stesso tempo…

… Although many have emphasized that empirical failure is caused by the subtlety of risk and expected return, consider beauty, which like risk in that it is omnipresent and subjective…

Una vicenda che ricorda tanto la psicanalisi

… In contrast, risk has devolved into something like Freud’s Oedipal complex, where a young boy presumably wishes to have sex with his mother and fears castration from his father, and this causes all sorts of issues. Most people find this absurd, but if you have ever met someone who invested in psychoanalysis, that person will just tell you the theory is much more subtle, so much so it is clearly nonfalsifiable…

Il rischio è “brutto” e sembra naturale che se lo carica sulle spalle vada pagato bene. Ma anche lavorare in miniera è brutto, tuttavia non viene pagato affatto bene. Nella teoria qualcosa non girava…

… In contrast, risk has devolved into something like Freud’s Oedipal complex, where a young boy presumably wishes to have sex with his mother and fears castration from his father, and this causes all sorts of issues. Most people find this absurd, but if you have ever met someone who invested in psychoanalysis, that person will just tell you the theory is much more subtle, so much so it is clearly nonfalsifiable…

Il principio “chi non risica non rosica” è coerente con la teoria ma non con la realtà: i giocatori avventati difficilmente si arricchiscono. Il giocatore non “investe”…

…The idea that to get rich you need to take risk seems to imply that risk begets higher returns, but this is just a logical fallacy, like using successful gamblers as role models for investing…

I giocatori avventati non si arricchiscono mediamente più degli altri perché, nei fatti, non esiste alcun premio di rischio, diversamente da quanto postula la teoria ortodossa…

… investing is much less rigorous, but much more difficult…

Guadagno e rischi presi: nessuna correlazione. Questo dicono i fatti, bisogna farci i conti, per quanto elegante sia la teoria che afferma il contrario.

L’accademia corse ai ripari: “il rischio è più complesso e multidimensionale di cio’ che sembra”…

… the academy has been quick to amend its previous theory with a simple addendum: risk is really subtle, multidimensional, and sometimes people are risk loving…

Voler mantenere a tutti i costi il CAPM ha comportato un degrado dell’ economia finanziaria e discipline connesse…

… The effect of a good theory is to make an accurate view of the world less complicated, not more, but instead modern researchers focus on the framework’s potential and its usefulness for post hoc rationalization…

L’assunto più problematico del CAPM: l’egoismo…

… There is just one necessary and sufficient condition for the existence of a risk premium: standard utility functions, which assume that our happiness is solely dependent on our individual wealth and increases at a decreasing rate…

Sostituendo l’invidia con l’egoismo molti tasselli andrebbero a posto…

… If people are primarily envious, as opposed to greedy, the same logic that generates a positive risk premium generates a zero risk premium… if your benchmark is the average return of your peers, then the risk-minimizing strategy is to do what everyone else is doing… Although most of us don’t like to think we are driven by envy, most admit benchmarking against the consensus which is really just a semantic difference…

L’egoista misura il rischio sui rendimenti assoluti, l’invidioso sui rendimenti relativi: sarebbe la rivoluzione cambiare paradigma.

… Replacing “greed” with “envy” explains a lot more of the data…

Un crollo di sistema non implica grandi rischi poichè “relativamente” non subisco danni. Il pauroso, più che titoli solidi, cerca di “stare sulla stessa barca” degli altri.

L’invidia spiega anche il paradosso di Easterline: ci arricchiamo ma non diventiamo con questo molto più felici…

… This assumption is more consistent with a variety of other facts, such as that happiness does not increase as societies get wealthier…

Consiglio strategico: non rischiare, punta sui titoli a bassa volatilità

… The effect is for really high-risk investments to have the most delusional investors, the most opportunistic sellers, and pathetic returns. This would be a mere curiosity if the indexes did not indiscriminately weight equities regardless of this attribute. By ridding your asset classes of these objectively bad assets, you can improve your returns rather simply, and this has been demonstrated in real time via the dominance of low-volatility investing…

La gente in molti casi ama rischiare, di conseguenza paga poco chi si offre di rischiare al suo posto. La borsa non è diversa dalla vita, anche lì è bello rischiare. Si rischia perché ci si innamora di un titolo, oppure per hubris, o per non essere da meno (invidia), o perché si crede di sapere

… risk taking in investments is no different than risk taking in other dimensions of your life, something you apply in concert with your comparative advantage and in the right context. To the extent you take a risk without any specialized knowledge, expect to pay a price for the chutzpah of expecting to be rewarded for your hubris…

Ora vediamo meglio perché l’invidia è un’ipotesi preferibile rispetto a quella dell’egoismo….

…a relative utility function can explain the general absence of a risk premium…

L’ipotesi dell’ invidia è anche più coerente dal punto di vista evoluzionistico

… evolution favors a relative utility function as opposed to the standard absolute utility function, and the evidence for this is found in psychology, ethology, anthropology, and neurology…

Vediamo meglio quali sono i motivi che ci inducono a prendere rischi.

Il rischio in astratto non piace a nessuno…

…If risk taking did not pay off, presumably no one would do it because, by definition, risk is something we do not like…

Per i rischi presi in astratto chiediamo un compenso. Ma in che forma?…

… Risk taking, however, is unavoidable, and it does pay off, just not in the way implied by the standard model, where incremental amounts of risk taking, which is the same for everyone, pays off…

Facciamo il caso standard della riproduzione sessuale

…Consider the optimal stopping problem… assume you are looking to get married and have kids, and your lifetime and fertility are finite… the question is about the optimal strategy (stopping rule) to maximize the probability of selecting the best mate… your choice relative to the optimal choice seen by an omniscient deity is invariably inferior…Both choosing to move on or staying with what you have involves risk; risk cannot be avoided…

Una lotta del genere riguarda  i maschi che, che potenzialmente possono avere migliaia di figli. Non per nulla sono loro i più propensi al rischio: per loro la posta in palio è più elevata…

… Males have to beat out other males to get access to females. Thus men built ships and traveled to far-off lands because those were the guys who had more children, whereas a bunch of women could bear children just as easily staying put….Everyone’s male ancestors have been disproportionately risk takers…

In altri termini, “non essere invidiosi” sarebbe un suicidio genetico. Noi discendiamo tutti da individui invidiosi propensi al rischio, gli altri si sono presumibilmente estinti…

… Risk takers dominate our lives via their disproportionate effect on our genes and their influence on our technology and culture…

Si dirà: ma la borsa – e l’economia in genere – non è la lotta per la riproduzione dove chi prende non lascia agli altri…

… One might say this is not relevant to markets where rational traders at the margin determine prices and returns….

Questo è vero ma di solito la nostra specie è razionale sulle regole più che sugli atti, il caso dell’ altruismo è esemplare: essere generosi rafforza il gruppo (regola)ma è irrazionale da un punto di vista del singolo (atto). In altri termini: un mosaico di comportamenti (atti) irrazionali, si compone in poi in una società che funziona in modo razionale…

…given the multidimensional complexity of any asset class, where different trading tactics and complementary positions generate very different returns,… The economist Robert Aumann discussed the difference between rule and act optimality and gave the following example.148 In the ultimatum game… Most people reject an offer less than 20 percent of the pool. Economists see this as irrational because there is no upside… but Aumann sees it as rational in the general sense that one does not want to appear a chump, even if the appearance is just to oneself. The chump rule overrides our act rationality… humans have evolved to follow rules, as it is simply too costly to go through life without such heuristics…

L’altruista è un cardine fondamentale della società ma il suo comportamento implica l’assunzione di un extra-rischio: se il gruppo non lo gratifica è spacciato.

Tipico dell’uomo è l‘innovazione, e innovare richiede rischio: se il progresso fosse solo “duro lavoro” sarebbe banale. Fallimento e rischio sono un acomponente della ricetta: l’umanità ha i suoi precursori a cui rende omaggio…

… People should see risk taking as a process of self-discovery… If some risk taking demands nothing of you other than willingness, it is surely foolhardy because such willingness is hardly in short supply, so these types of risks do not generate higher-than-average-returns as a general rule…

Quando prendiamo un rischio nella vita, per esempio in borsa, non è come tirare un dado, ci sentiamo ansiosi, ci sentiamo giudicati come persona anche se la componente fortuna è notevole…

… Yet it is precisely because real risk taking is quite different, making different decisions than the consensus based on a radically different interpretation of the objective odds implicit in the investment, that we experience anxiety….In practice, financial risk taking involves a great deal of anxiety, not about the realization of objective odds but rather sensing whether or not one has correctly ascertained the correct odds, what is called “ambiguity aversion….

È la distinzione tra giocare e investire: il primo atto implica distacco, il secondo ci coinvolge e ha implicazioni sulla nostra identità. Il tifoso e lo scommettitore sono persone radicalmente diverse anche se entrambe puntano su una squadra…

… Classic investors like J.P. Morgan and Benjamin Graham distinguished between gambling and investing, the former being simple exposure to randomness, the latter something amenable to special insight and intuition….

Ma perchè non diversifichiamo i nostri investimenti, come ci chiede CAPM?…

… Economists have long known the behavioral implications of the CAPM were incorrect. Investors are underdiversified…

È un po’ come chiedere a un tifoso perchè non diversifica il suo rischio di sconfitta.

In borsa non è molto differente: il 25% degli investitori possiede una sola azione

… 25 percent of investors have only one stock, and more than 50 percent owned fewer than three stocks… In practice, no one, not even the high priests of this view, act as if their theory were true whenever they discover a higher-than-average returning strategy….

Certo, potremmo concludere che siamo irrazionali, ma forse c’è dell’altro.

… Of course such person could be making an error himself, which is why these choices produce anxiety;…Below are the several reasons that could explain this preference for highly risky assets…

Altri fenomeni distorcono le previsioni da CAPM: vediamo un fenomeno che va sollo il nome di “maledizione del vincitore”.

Di solito si ritiene che ci sia una saggezza della folla: la massa sbaglia in tutte le direzioni ma mediamente va molto vicina alla realtà. Ma in borsa, come nelle aste, il valore di un titolo lo determina chi offre di più, non l’offerta media. E qui entra in campo il teorema della “rovina del vincitore d’asta”…

… In the 1950s, they came up with the term “winner’s curse” to describe the fact that for auctions of offshore oil fields, winners were generally cursed by winning… If we assume that the average bid is accurate, then the highest bidder overestimates the item’s value. Thus the auction’s winner is likely to overpay….

Un’ altro fenomeno distorsivo: l’ errore per eccesso di fiducia in se stessi. Il 93%  degli autisti ritiene di guidare meglio della media…

… Perhaps the most celebrated overconfidence anecdote is Svenson’s (1981) finding that 93 percent of American drivers rate themselves as better than the median…

Ma gli esempi si moltiplicano…

… 90 percent of entrepreneurs think that their new business will be a success; 98 percent of students who take the SAT say they have average or above-average leadership skills…

La fiducia in noi stessi ci fa commerciare di più

… Barber and Odean (1999) used overconfidence to explain why men, who psychological studies show are more overconfident than women, trade too much…

L’ eccesso di fiducia spinge verso il rischio

… People who think they are better than average at stock picking or picking mutual funds, will necessarily focus on the highly volatile stocks that generate better rewards for their prescience:…

La gente si sbaglia, e quanto più è intelligente, tanto più inganna se stessa

… This involves constantly inflating our achievements and abilities and rationalizing our mistakes. For example, he noted that children not only lie, but lie more the higher their IQ…

Ma anche da questo eccesso di ottimismo è funzionale al gruppo: buttarsi è un po’ come sacrificare se stessi per la conoscenza generale

… Economist and Psychologist Danny Kahneman states this is the one bias he most wants his children to have because of its myriad benefits…

Perchè la gente si assicura e poi gioca al casino? Il suo rapporto col rischio sembra schizofrenico a volte. Anche questo fatto contribuisce a spiegare la disconferma di CAPM…

… Friedman and Savage (1948) were the first to really apply utility functions to financial decision making, and, interestingly, it was not the concept risk aversion that they concentrated upon but rather the paradox that people liked to gamble and buy insurance…

Altra spiegazione: l’evento raro fa notizia. Le cose di cui si parla vengono approfondite e generano una conoscenza che però è fatalmente incompleta.

… Stocks with higher volatility generate more news than less volatile firms…Stocks that are in the news generate lots of information that fiduciaries can use to sell their ideas to clients…generating lots of commentary and analysis…

Altra spiegazione: chi è troppo prudente segnala di non avere molte informazioni, di non essere introdotto, di essere uno sfigato. E questo è chiaramente un costo…

… to see if an investor is able to generate a superior return. That is, does she have alpha? Many people believe they have an ability to pick stocks successfully… if people believe that their short-run performance signals alpha, that information would be considered valuable regardless…

C’è infine un errore nel campione immaginario che abbiamo nelle nostre teste: le storie ad alto rischio ci restano impresse, da qui il “chi non risica non rosica”. Questa convinzione ci spinge ad agire in modo distorto.

…some anecdotes are recalled… Almost by definition, any stock that rose tenfold was highly volatile over much of its meteoric rise… This is implied in the saying, “To get rich, you have to take risk….

C’è infine lo schema compensativo dei gestori di fondi: più il fondo guadagna, più si alza l’aliquota della commissione. Una convessità che rende conveniente una certa struttura di portafoglio. Anche la fama dipende dai picchi più che dalla media…

… The flow of investor funds is a highly convex function of fund performance: really high for the top decile but then evening out to almost indifference below the 50th percentile, rather like a call option…Bloomberg Magazine actually highlights analysts by their most profitable picks,…

Conclusione? Col rischio abbiamo un rapporto molto personalizzato, e la cosa non è certo limitata alla borsa…

… Those uncertain choices we make with incomplete information are not confined to finance, and indeed surveys show that the most prominent regrets in people’s lives are not portfolio choices but choices about careers, romance, and parenting….

**********************

Ma perchè una teoria tanto cattiva è tanto popolare? Perchè l’invidia non rimpiazza l’egoismo? Un’alternativa che spiega meglio i fatti esiste!…

… the fact that low-volatility stocks outperform the basic indices…. the fact that low-volatility stocks outperform the basic indices…

Qui giova introdurre il concetto di fallacia moralistica: ciò che deve succedere, succede…

… While the naturalistic fallacy presumes that nature is what ought to be, the moralistic fallacy is the reverse: what ought to be, is…

Postulare l’egoismo semplifica i modelli e fa giungere a conclusioni chiare. L’invidia è una relazione riflessiva che rende instabili e imprevedibili i sistemi…

… If everyone’s utility is relative, it is difficult to talk about what societies should do. Economics loses a lot of its ability to objectively determine what to do…

Un’idea come quella di welfare rischierebbe di essere una difesa degli invidiosi…

… With relative utility, aggregate wealth has no obvious implication for general welfare….

Anche il mercato potrebbe essere visto come uno spreco: il lavoro di Robert Frank è incentrato su questa idea.

Riabilitare l’invidia è difficile, con l’egoismo c’è più speranza. L‘egoismo evoca cinismo ma sia Smith che Hayek hanno lavorato per riabilitarlo e farne un motore virtuoso della società…

… The assumption of individual optimizers was initially seen as a cynical assumption, but Adam Smith and Friedrich Hayek highlighted how such narrow self interest can aggregate to counterintuitive socially beneficial outcomes…

Altri autori hanno poi sottolineato la compatibilità tra altruismo ed egoismo

… Robert Axelrod and evolutionary biologists such as Robert Trivers showed that altruism is consistent with self-interest in repeated interactions…

L’economista ambisce ad essere scienziato ma mettere al centro dei suoi modelli una variabile riflessiva rischiava di renderli inutilizzabili e quindi di rinviare tutto al buon senso…

La persistenza del CAPM fa di questa teoria un caso per gli studiosi della storia della scienza. Un caso che ha comunque dei precedenti…

… Phlogiston, aether, Skinner’s behaviorism, psychoanalysis, and Marxism are all wrong,… you can never conclusively disprove a social theory…

Le teorie sbagliate ma inconfutabili abbondano nella storia delle scienze sociali.

Ci sono assunti che cementano una comunità e che allo stesso tempo l’accecano: l’aspetto della coesione comunitaria prevale su quello epistemologico. Lo si può dire della religione, della politica e anche della scienza…

… As Jonathan Haidt notes about politics, there’s a tendency to build a motivated ring of ignorance around sacred assumptions, those assumptions that simultaneously bind and blind…

Le persone molto dotate sono anche molto migliori nel razionalizzare

… We are very good at rationalizing our prejudices… we see what we believe, and it is more important to have the correct biases than an objective and meticulous methodolog… Everyone knows that a little inaccuracy can save a lot of explanation,…

Eppure basterebbe tanto poco…

… Yet all it took was a simple cross-tabbing of beta with size, presented by credible insiders, to convince most people the standard CAPM model was untenable….

Forse il guaio è che occorre “troppo” poco…

… the data I present here is a good example of evidence that is too unwieldy for a refereed journal. Academics like rigorous tests using a small set of econometric tests on single asset classes, so the error structure needs to be very particular… Some facts—like… stocks—are so simple, extended analysis would only obscure them…

Ci sono intere carriere costruite su CAPM…

… A major problem is that as most of the active and esteemed researchers have built their careers extending or modifying the current framework, it would be very costly to classify work built on bad assumptions as irrelevant,…

Un altro guaio sta nel fatto che CAPM non è rettificabile: le sue lacune lo rendono irriformabile…

… Yet the problem in asset pricing theory is not some second-order refinement, some inconsistency that occurs at extremes; rather, the entire framework is based on a profound mistake…

Ma tutte queste considerazioni hanno effetti pratici per un gestore di fondi?…

… My 1994 dissertation centered on the low returns to highly volatile equities, which then I argued was related to the incentives and preferences individuals had toward buying highly volatile stocks…. I received zero job offers from academia… Naively, I thought it was better that academia did not appreciate the insight because I could then apply my insight as a fund manager… I took a job as an economist with a regional bank in Cleveland mainly because it offered the potential to collaborate with the bank’s asset…when I approached several funds for some real capital, there was no interest… Every year or so I would send an academic version of my papers highlighting the low return to high-risk stocks to well-known academics, and the usual response was silence… I was arguing the world is flat…. Eventually, I did become an equity long-short portfolio manager at a hedge fund… The bottom line is that this insight has generated successful out-of-sample results to me personally…

La vicenda del CAPM costituisce una confutazione in piena regola dell’opera di Karl Popper

… I have seen first-hand how data and theory are treated differently the model of science proffered by Karl Popper,… The truth will eventually be accepted for a variety of reasons, but it takes a while…

risk

Io confesso

La confessione dei peccati è stata a lungo esecrato come una forma di controllo sociale esercitato dalla Chiesa sulla comunità, oggi direi che questo pericolo si è dissolto cosicché possiamo accostarci al Sacramento con una ritrovata serenità, d’ altronde, nella mia esperienza è una delle poche forme di protagonismo lasciate al fedele, tanto è vero che non appena il ricorso alla confessione è andato scemando il narcisismo è dilagato altrove: psicoanalisi, “opinionismo” spiccio (telefonate in radio, lettere ai giornali…), social network, eccetera. Tutti hanno trovato forme di protagonismo alternative (e quasi sempre più degradanti).

In confessione, bisognerebbe confessare peccati specifici anziché tenersi sulle generali, tuttavia per setacciarli meglio potrebbe essere utile avere una lista di categorie sulle quali concentrarsi. Quella che segue è la mia personale ma scommetto che si adatta facilmente a qualsiasi persona che viva nel mondo di oggi.

  1. Bolla/Spreco/Misantropia. Indulgere nella propria “bolla”: crogiolarsi oltremisura  in una realtà virtuale costruita su misura per isolarci dal contatto urticante con il reale. Ti accorgi di avere molte energie ma non intendi indirizzarle all’esterno. In fondo, anche l’ intelletto è un muscolo e se lo eserciti per certi lavori poi è stanco per svolgerne altri. Più ci si isola, più ci si rende sensibili, più cresce l’idiosincrasia per il prossimo. L’ altro è un nemico da evitare finché si puo’.
  2. Giudizio/Narcisismo/Temperanza. Il giudizio seriale è un vizio diffuso, di solito prende due forme. C’ è la componente legata allo scarico di responsabilità: per gestire l’ imprevisto abbiamo bisogno di scaricarci la coscienza assegnando delle colpe. Poi c’ è la forma del giudizio gratuito: il pettegolezzo con giudizio annesso ci seduce. Infine c’ è la dimensione virtuale: abbiamo bisogno di attribuire colpe su scala mondiale sistemando le cose in quattro e quattr’otto, la nostra ignoranza su certi problemi che ci trascendono ci dovrebbe consigliare il silenzio ma non siamo disposti a prestarle ascolto. Qui c’ è una chiara componente narcisistica, la voglia di essere protagonisti e di spiccare per arguzia.
  3. Rassegnazione/Pigrizia/fatalismo. Accettarsi per come si è con i propri pregi e i propri difetti rinunciando ad ogni forma di progresso spirituale. Ti viene da dire “son fatto così” e finché non accade un evento traumatico non rifletti mai sulla possibilità che hai di cambiare. In questo modo sfuggono tutti i benefici del “puntare in alto”: chi ci crede, dà sempre di più (si chiama growth mindset).
  4. Status/Umiltà. A mente fredda  ti accorgi quanto conti per te coltivare la tua immagine e quanto tutto questo incida sulle tue decisioni. Le cose si svolgono al riparo della coscienza e comportano un costo elevato che di fatto è uno spreco. Possiamo parlare di  “spreco” ma anche di mancanza di coraggio: oggi più che mai il contrario del coraggio non è la codardia ma il conformismo.
  5. Cerebralismo. Nel rapporto con la fede capita di privilegiare l’ aspetto razionale – magari impegnandosi nella difesa di talune cause – o nell’ edificare un’ identità formale piuttosto che ricercare una vera e propria esperienza religiosa.
  6. Autocontrollo/Collera. A volte si fanno gesti, anche violenti, di cui ci si pente subito, e forse anche per questo si tende a sottovalutarne la gravità. Provare il pentimento basta a sentirsi scusati. Non inganniamoci, specie se la pratica si rinnova, si tratta di difetti incancreniti e di peccati mortali. Lavorare sull’autocontrollo prescinde dal pentimento.

Continua.

tumblr_ls9bjsV6ik1qbhp9xo1_1280

Il divorzio tra scienza e fede

Abbiamo visto che probabilmente esiste un Dio, che probabilmente coincide con il Dio cristiano e che, anche se parliamo di un Dio d’amore, la presenza del male sulla terra è giustificato. Un Dio del genere probabilmente ci starà vicino facendosi uomo, allevierà la nostra condizione, ci indicherà un modello di perfezione conservandolo intatto nel tempo e rendendolo vivo. Ma l’uomo contemporaneo sarà in grado di intenderlo utilizzando la sua ragione?

A quanto pare le difficoltà non mancano.

Il divorzio fede/ragione si è consumato secoli fa patrocinato da spiriti illustri come Hume e Kant.

Oggi la frattura resta di fatto insanabile anche se gli argomenti originari si presentano a noi come vetusti, almeno secondo il Richard Swinburne di “Why Hume and Kant were mistaken in rejecting natural theology”.

Ma cos’è esattamente la teologia naturale, ovvero la base razionale della fede?…

… arguments from evident features of the natural world to the existence and nature of God…

Non è indispensabile padroneggiarla per vivere a fondo la fede ma è uno strumento a disposizione del dubbioso. Oggi che viviamo tra i dubbi sarebbe doppiamente preziosa ma su quella tradizione è stato gettato un discredito che perdura…

… this whole tradition became discredited among philosophers as a result of the similar arguments put forward by Hume and Kant about the bounds to what humans could understand and know…

L‘intelletto secondo Hume…

… all our ‘ideas’ are compounded of simple ideas, and that all simple ideas are derived from ‘impressions’…

Tutto il nostro sapere nascerebbe da impressioni meramente sensoriali…

… since, he assumes, humans have impressions only of certain sensible kinds, we can have ideas only of certain kinds…

Poichè le impressioni sono di un certo tipo, le idee sensate che possiamo concepire sono solo di un certo tipo. Esiste quindi un chiaro limite a ciò che possiamo conoscere.

Oltre ad avere un’idea delle cose materiali, possiamo concepire dei concetti che costruiamo combinando le idee di base…

… since, he assumes, humans have impressions only of certain sensible kinds, we can have ideas only of certain kinds…

Il motto di Hume ha un’ origine medievale…

… nil in intellectu quod non prius in sensu…

L’approccio di Hume nega gli universali, il che crea situazioni piuttosto problematiche visto che noi ci serviamo continuamente di universali…

… Suppose Hume has impressions of what are in fact eighteenth- century European humans. These impressions can give rise to an idea applicable to and only to eighteenth-century European humans. But they could also give rise to an idea applicable to and only to humans of any time and culture, and also to an idea applicable to and only to persons (i.e. any rational beings, including for example Martians)…

Ogni conoscenza legittima è specifica.

Ma vediamo in concreto come Hume tratta, per esempio, il concetto di “causa“…

… Hume claimed that we derive our idea of ‘cause’ from impressions of ‘constant conjunction’…

Noi costruiamo i concetti grazie alla logica induttiva, e la cosa è evidente nella costruzione del concetto di “causa”.

È un concetto rilevante per la teologia naturale poichè Dio è causa dell’universo.

Ma Dio è unico e inosservabile. Se conosciamo attraverso l’induzione come sarà mai possibile conoscere l’esistenza di un Dio unico e inosservabile? Cosa ci vorrebbe secondo Hume?…

… It would seem to follow that we would have to have observed many acts of will of many gods…

Il fatto è che nella filosofia di Hume tutto è unico e la conoscenza solo specifica. In questo senso non potremmo mai conoscere nulla: anche due atomi sono fondamentalmente diversi se considerati nello specifico: per assimilarli al fine di applicare l’induzione noi istituiamo necessariamente delle analogie…

… we can certainly speculate about states of atoms causing other states of atoms, even if we cannot learn much about causation at the atomic scale…

Di fatto Hume ricorre all’analogia per costruire il concetto di causa poichè accomuna realtà che giudica analoghe (esempio due atomi distinti)…

… But if the concept of causation is a concept of regular succession, it is plausible to suppose that it is meaningless even to speculate about single causes, causes which caused effects even though no similar objects causes similar effects…

A questo punto è bene aggiungere che noi sperimentiamo la causa anche in altro modo trascurato da Hume: osservando noi stessi.

Se alzo la mano so di aver causato io questo gesto, almeno fino a prova contraria (principio di credulità).

… Our primary awareness of causation is then an awareness of an agent (oneself)…

Ora è chiaro che se istituiamo un’analogia (operazione che a parole Hume non consente ma che di fatto fa per non ricadere nel nichilismo) tra uomo e Dio, noi possiamo elaborare poi su quest’ultimo concetto.

Magari l’analogia tra uomo e Dio non è fedele come quella tra due atomi ma poco conta: la cosa si riflette sulle probabilità non sulla possibilità di conoscere.

*****************************************************************

Molti errori di Hume sono stati ereditati da Kant, anche se in questo caso parliamo di un filosofo più sofisticato.

L’intelletto concepito da Kant è fatto di intuizioni e categorie, la conoscenza con una fonte interiore non è quindi negata…

… inputs to our mental life are ‘intuitions’ and that these are interpreted by concepts… categories yield knowledge only insofar as they can be applied to such intuitions…

Il sapere dell’uomo nasce dall’applicazione delle categorie interiori all’intuizione che ci forniscono le esperienze possibili.

Dio non rientra tra le “esperienze possibili”, quindi non possiamo farne oggetto di ragionamento applicando ad esso il concetto di causa.

Prima domanda: cosa sono le “esperienze possibili”, ovvero gli “oggetti logicamente possibili”?

Domanda lecita visto che l’esempio fatto da Kant stesso è palesemente errato. Parla infatti di spazio “spazio unico”…

… we can represent to ourselves only one space…

Ha in mente lo spazio della geometria euclidea. Eppure i matematici hanno concepito come possibili e hanno ragionato a lungo su spazi non-euclidei. O si tratta di vaneggiamenti o Kant ha torto.

Ma aver sbagliato esempio non confuta di per sè la tesi gnoseologica di fondo. Vediamo una formulazione alternativa…

…  claim that since only the conditioned could be an object of possible experience, we can have no knowledge of the ‘unconditioned’… various attempts to acquire knowledge of the unconditioned land us in irresoluble conflicts…

Poiché non possiamo esperire l’incondizionato, quindi non possiamo parlarne. Segue elenco delle antinomie.

E qui arriviamo alla sostanza: quando Kant dice che “non possiamo conoscere” afferma di fatto che non possiamo conoscere con certezza. Ma oggi noi sappiamo che tutta la conoscenza è probabilistica.

Elencando le antinomie della ragione pura si afferma che ad ogni tesi emerge un’antitesi plausibile. Vero, tuttavia è possibile attribuire probabilità diverse a tesi ed antitesi.

Il Big Bang è un evento che non osserveremo mai ma che possiamo ipotizzare in modo plausibile. Anche un universo infinito è un’ipotesi possibile ma date certe leggi che osserviamo nell’universo la prima ipotesi resta più probabile.

Non sappiamo cosa abbia causato il Big Bang, tuttavia possiamo conoscere la sua realtà dagli effetti che ha prodotto….

… We do not have to suppose that every event of which we have knowledge has a cause

Kant sottovaluta il concetto di probabilità

… not have a clear idea of what are the criteria for observed data making probable a theory about the unobservable…

Si tratta di un concetto che combinato con l’analogia ci consente di conoscere cio’ che non possiamo osservare.

Kant morì nel 1804, peccato. Peccato perché con la teoria atomica di Dalton anche la scienza cominciò a postulare enti inosservabili attribuendo loro certi effetti… .

It was only in 1803 that the first version of an atomic theory of chemistry was proposed by Dalton which gave –by the criteria I expounded – a very probable explanation of the details of observed data (such as the fixed ratios by weight in which substances combined to form new substances). Before Dalton theories about the unobservable were simply unevidenced speculations. Since Dalton, scientists have produced evidence making probable detailed theories not merely about things too small, but about things too big, too old, and too strange to be observed. Kant had great respect for the physical sciences; if he had known of their subsequent history, he might have acknowledged great scope for human reason to acquire probably true beliefs about matters far beyond the observable…

Siccome Kant ammirava le scienze fisiche, questa loro evoluzione lo avrebbe portato a rivedere la sua filosofia della conoscenza. Una revisione che probabilmente avrebbe riabilitato la teologia naturale.

ragione

Dio dialoga con noi: miracoli e preghiere

Abbiamo visto che probabilmente esiste un Dio, che probabilmente coincide con il Dio cristiano e che, anche se parliamo di un Dio d’amore, la presenza del male sulla terra è giustificato. Un Dio del genere probabilmente ci starà vicino facendosi uomo, allevierà la nostra condizione, ci indicherà un modello di perfezione conservandolo intatto nel tempo. Ma come renderà viva la sua presenza?

In altri termini, Dio interagisce con noi?

Sembrerebbe di sì, altrimenti che senso avrebbero preghiere e miracoli?

… if there is a God, who, being perfectly good, will love his creatures, one would expect him to interact with us occasionally more directly on a personal basis, rather than merely through the natural order…

La risposta divine alle nostre preghiere è parsimoniosa; ecco perché…

… answer our prayers and to meet our needs. He will not, however, intervene in the natural order at all often, for, if he did, we would not be able to predict the consequences of our actions…

Dio non vuole disturbare la conoscenza umana dell’ordine naturale attraverso interventi miracolosi frequenti che lo turbino.

Dio interviene nel mondo attraverso i miracoli. Definizione…

…A miracle is a violation or suspension of natural laws, brought about by God…

Quando siamo di fronte ad un miracolo? Ci sono dei parametri per capirlo, la conoscenza pregressa è essenziale. Facciamo un esempio…

… we ourselves might have apparently seen someone levitate (that is, rise in the air, not as a result of strings or magnets or any other known force for which we have checked). Many witnesses, proved totally trustworthy on other occasions where they would have had no reason to lie, might report having observed such a thing. There might even be traces in the form of physical effects which such an event would have caused… But against all this there will still be the background knowledge of what are the laws of nature, in this case the laws of gravity…

Fa parte della conoscenza pregressa anche ritenere che probabilmente esiste un Dio e che ha ragioni per intervenire nel mondo.

Scoprire un miracolo richiede un’opera investigativa che coinvolge conoscenza dei fatti e delle anime…

… Note that in all such cases what we are doing is to seek the simplest theory of what happened in the past which leads us to account for the data (what I have here called the detailed historical evidence), and which fits in best with our background knowledge…

Molto probabilmente dei miracoli reali sono davvero accaduti…

… I am, however, inclined to think that we do have enough historical evidence of events occurring contrary to natural laws of a kind which God would have reason to bring out to show that probably some of them (we do not know which) are genuine miracles… (See for example, the cure of the Glasgow man from cancer described in D. Hickey and G. Smith, Miracle (1978), or some of the cases discussed in Rex Gardiner, Healing Miracles, (1986)… Or, rather, we have enough detailed historical evidence in some such cases given that we have a certain amount of background evidence to support the claim that there is a God, able and willing to intervene in history…

Forse domani saremo smentiti, tuttavia, un investigatore razionale deve puntare sull’opzione più probabile al momento…

… It is so often said in such cases that we ‘may be mistaken’. New scientific evidence may show that the event as reported was not contrary to natural laws… Maybe. But the rational enquirer in these matters, as in all matters, must go on the evidence available…

Gli storici dicono di lavorare senza assunzioni religiose, e nel dire questo si vedono come neutrali: sbagliato! Fare come se i miracoli non ci fossero significa di fatto assumere una posizione anti-religiosa…

… Historians often affirm that, when they are investigating particular claims about past events important to religious traditions—for example, about what Jesus did and what happened to him—they do so without making any religious or anti-religious assumptions. In practice most of them do not live up to such affirmations. Either they heavily discount such biblical claims as that Jesus cured the blind on the grounds that such things do not happen…

La conoscenza pregressa, e quindi anche tutto l’apparato di argomenti del catechismo, deve essere assunto anche dall’investigatore

… But what needs to be appreciated is that background evidence ought to influence the investigator—as it does in all other areas of enquiry. Not to allow it to do so is irrational…

Attenzione: la presenza probabile di miracoli è un’ ulteriore indizio della presenza divina…

… The existence of detailed historical evidence for the occurrence of violations of natural laws of a kind which God, if there is a God, would have had reason to bring about is itself evidence for the existence of God…

Di solito, a questo punto, di grida all’argomento circolare: si indaga sui miracoli assumendo Dio e si rinforza la fede in Dio assumendo il miracolo.

Non è così, questa analogia lo dimostra…

… Consider, by analogy, a detective investigating a crime and considering the hypothesis that Jones committed the crime. Some of his clues will be evidence for the occurrence of some event, an event which, if it occurred, would provide evidence in its turn for the hypothesis that Jones committed the crime. The former might, for example, be the evidence of witnesses who claim to have seen Jones near the scene of the crime. Even if Jones was near the scene of the crime, that is in its turn on its own fairly weak evidence that he committed the crime. Much more evidence is needed. But because the testimony of witnesses is evidence for Jones having been near the scene of the crime, and Jones having been near the scene is some evidence that he committed it, the testimony of the witnesses is nevertheless some (indirect) evidence for his having committed the crime. Likewise, evidence of witnesses who claim to observe a violation of natural laws is indirect evidence for the existence of God, because the occurrence of such violations would be itself more direct evidence for the existence of God. If the total evidence becomes strong enough, then it will justify asserting that God exists…

Una ragione per l’intervento divino nella storia: fornire una rilevazione più completa.

Dio guarda l’uomo, lo vede più debole di quanto credeva e lo aiuta.

Cio’ comporta un Dio diverso rispetto a quello della scolastica, un Dio che vede la sua onniscienza limitata dalla libertà umana; in altre parole, la libertà radicale dell’uomo sorprende Dio che modifica i suoi piani.

Questo genere di intervento riguarda un po’ tutte le religioni monoteiste.

Come giudicare le diverse rivelazioni?…

… How are we to judge between these competing claims? In two ways. First, by the plausibility on other grounds of what they claim to be the central revealed doctrines…

Una rivelazione è più attendibile se si presenta con la firma di Dio. Il miracolo è una firma divina…

… The point of revelation is to tell things too deep for our unaided reason to discover. What we need also is some guarantee of a different kind that what is claimed to be revealed really comes from God. To take an analogy, non-scientists cannot test for themselves what physicists tell them about the constitution of the atom… In the case of a purported revelation from God, that guarantee must take the form of a violation of natural laws which culminates and forwards the proclamation of the purported revelation… God’s signature…

La rivelazione cristiana è quella più intimamente legata al miracolo. Prendiamo la rivelazione induista, cosa manca?…

… Eastern religions (e.g. Hinduism) sometimes claim divine interventions, but not ones in historical periods for which they can produce many witnesses or writers who have talked to the witnesses…

Ebrei

… Judaism claims divine interventions connected especially with Moses and the Exodus from Egypt, our information about them was written down long after the events…

Rivelazione cristiana e resurrezione di un uomo…

… The Christian religion, by contrast, was founded on the purported miracle of the Resurrection of Jesus. If this event happened in anything like the way the New Testament books record it as the coming to life of a man dead by crucifixion thirty-six hours earlier, it clearly involved the suspension of natural laws, and so, if there is a God, was brought about by him, and so was a miracle… Here we have a serious historical claim of a great miracle for which there is a substantial evidence…

Per calcolare le probabilità di questo miracolo bisogna tenere a mente alcuni punti cardine, innanzitutto la conoscenza pregressa… 

… The first point is that it is a mark of rationality to take background knowledge—other evidence about whether there is a God able and willing to intervene in history—into account…

In altri termini: non ha nessun senso chiedersi se il sig. Gesù è risorto senza prima essersi chiesti se esiste Dio eccetera, eccetera. L’indagine va fatta con ordine!

Secondo punto: la plausibilità. Avrebbe senso il miracolo la cui esistenza stiamo valutando?…

… The second is that, given that God does have reason to intervene in history, partly in order to reveal truths about himself, evidence for the truth of the Resurrection must include the plausibility…

Per esempio, l’incarnazione di Dio ha senso: un Dio buono vuole stare il più vicino possibile a chi soffre…

… the sort of reason I have in mind may be illustrated very briefly in the case of the Incarnation… A good parent who has to make his child endure hardship for the sake of some greater good will often choose voluntarily to endure such hardship along with the child in order to express solidarity with him and to show him how to live in difficult circumstances. For example, if the child needs to have a plain diet for the sake of his health, the parent may voluntarily share such a diet…

Terzo punto: bisogna valutare le alternative. Possiamo anche essere insoddisfatti della nostra ipotesi ma se è la migliore che passa il convento va presa per buona…

… Thirdly, the claims of the Christian revelation must be compared with those of other religions. If there is reason (of intrinsic plausibility, or historical evidence for a foundation miracle) to suppose that God has revealed contrary things in the context of another religion, that again is reason to suppose that the Christian revelation is not true, and so that its founding event did not occur…

Prendiamo ad esempio la dottrina del Paradiso

… My own view—to repeat—is that none of the great religions can make any serious claim on the basis of particular historical evidence for the truth of their purported revelations, apart from the Christian religion… One item of purported revelation common to Western religions (though not taught by all branches of Judaism) is the doctrine of life after death… This doctrine seems to me intrinsically plausible—a perfectly good God might be expected in the end to respect our choice as to the sort of person we choose to be and the sort of life we choose to lead…

Ma Dio non interagisce solo con “gli uomini” in generale, lo fa anche con i singoli. Prendiamo il caso delle preghiere

… He has reason, as we have seen, to interact in the public world—occasionally making a difference to it in response to our prayers for particular needs…

Anche la libertà radicale del singolo rende l’uomo sorprendente e Dio voglioso di rispondere a certe preghiere.

Prendiamo poi il fenomeno delle apparizioni.

Alcune sono verosimili ma altre volte, specie se si presentano in massa, lasciano dei dubbi. Ricordiamoci allora che l’apparizione puo’ essere anche un fenomeno interiore: reale, miracolosa ma interiore. Questa sua dimensione non ne diminuisce l’importanza…

… We may describe our experiences (perceptions) of things either in terms of what they are of; or—being careful in case we may be mistaken—in terms of what they seem or appear (general words)… An apparent experience (apparent in the epistemic sense) is a real experience… My apparent perception of the desk is a real perception if the desk causes (by reflecting them) light rays to land on my eyes… Now it is evident that, rightly or wrongly, it has seemed (in the epistemic sense) to millions and millions of humans that at any rate once or twice in their lives they have been aware of God and his guidance…

Un libro con il giusto approccio su un tema tanto delicato…

… David Hay, Religious Experience Today (1990)…

Ricordiamo il già citato principio di credulità: quel che sembra, è, fino a prova contraria…

… They may be mistaken, but that is the way it has seemed to them. Now it is a basic principle of rationality, which I call the principle of credulity, that we ought to believe that things are as they seem to be…

Senza il principio di credulità non potremmo stare al mondo, e non parlo solo delle persone religiose: è un principio razionale a tutti gli effetti…

…  it is important to realize that the rational person applies the principle of credulity before he knows what other people experience…

E’ vero, alcune persone sono scettiche per natura. Ma ricordiamo che ci sono anche persone daltoniche per natura: ognuno parte da com’è e deve poi indagare in buona fede: il daltonico si metterà gli occhiali e lo scettico pure…

… If some people do not have these experiences, that suggests that they are blind to religious realities—just as someone’s inability to see colours…

Sintesi…

… So in summary in the case of religious experiences, as in the case of all other experiences, the onus is on the sceptic to give reason for not believing what seems to be the case. The only way to defeat the claims of religious experience will be to show that the strong balance of evidence is that there is no God…

Dubbio: ma solo i religiosi hanno esperienze religiose.

Non è del tutto vero. In ogni caso: solo chi sa cos’è un telefono vede il telefono nella stanza.

Esempio

… a famous story of someone who could not recognize an experience of God for what it was until he was told something about God, see the story of the child Samuel in the Temple…

Tesi:

… I suggest that the overwhelming testimony of so many millions of people to occasional experiences of God must, in the absence of counter-evidence of the kind analysed, be taken as tipping the balance of evidence decisively in favour of the existence of God

 miracoli

richard swinburne: is jesus god?

Dio ci parla: Chiesa e Bibbia

Abbiamo visto che probabilmente esiste un Dio, che probabilmente coincide con il Dio cristiano e che, anche se parliamo di un Dio d’amore, la presenza del male sulla terra è giustificato. Un Dio del genere probabilmente ci starà vicino facendosi uomo, allevierà la nostra condizione e ci indicherà un modello di perfezione. Ma dopo la morte di Gesù dove reperiremo le indicazioni del Dio vivente?

Risposta: nella sua Chiesa.

Cos’é la Chiesa? Come si legge la Bibbia? Nel libro Was Jesus God?. Richard Swinburne dà risposte che giudico convincenti.

La Chiesa di Cristo prolunga l’ autorità del Figlio incarnato in terra…

… Only when the work of Jesus on earth was finished could there be any authoritative statement about the whole of his life and its significance; and this would have to be provided by the Apostolic Church…

Ma come riconoscere di essere in presenza della Chiesa autentica fondata da Gesù attraverso i suoi apostoli (Chiesa apostolica)?…

… we need evidence that the Apostolic Church founded by Jesus has continued until today and that it provides a plausible account of his actions and teaching and that of the Apostolic Church, and plausible interpretations thereof which are plausibly true….

La Chiesa ha subito molte divisioni al suo interno, ma in molti casi questo non ha pregiudicato la formazione di un corpo unico…

… Ever since its foundation the Church has been subject to divisions about the content of Christian doctrine and about the way the Church should be organized; and these divisions have often led to formal separations, ‘schisms’, resulting in the creation of two or more separately organized ‘churches’ which I’ll call ‘ecclesial bodies’…

Il criterio fondamentale per riconoscere la Chiesa di Gesù è la continuità con una tradizione che discende da un insegnamento originario mai tradito…

… What makes a society (a club or a university, for example) at one time the same society as some society at an earlier time?… continuity of aim…

Facciamo un parallelo con una società di calcio

… Suppose that a football club was founded in 1850; it ceased to play football in 1900, but its members continued to meet and formed themselves into a political party. That party would not be the same society as the original football club because the society no longer had to any extent the same aim. But if it continued to play football but with somewhat different rules…

La continuità si verifica su due elementi: 1. oggetto sociale (dottrina) e 2. organizzazione.

La continuità organizzativa nella società di calcio…

… New members have to be admitted, new officers elected with similar powers in accord with procedures similar to the original procedures…

Esempio di discontinuità nella dottrina

… Some body which advocated polygamy or taught pantheism (that everything was divine) would have doctrines evidently quite contrary to the teaching not merely of Jesus…

Purtroppo,  i casi ambigui sulla dottrina abbondano, per questo giova un criterio di riserva…

… But sometimes, as I shall emphasize shortly, it is not obvious which of two conflicting doctrines follows most plausibly from the teaching of Jesus..  it is important to have also the other criterion: the criterion of continuity of organization…

Tuttavia, i due criteri possono entrare in conflitto…

… When a society splits into two societies, it is sometimes the case that each of the subsequent societies has greater continuity with the original society in a different respect. Suppose a football club votes in accord with its constitution in future to play rugby football instead of soccer, but a minority breaks away and continues to play soccer. The majority may claim greater continuity of organization with the original club, while the minority may claim greater continuity of aim…

Gli scismi possono essere classificati secondo i criteri accennati…

… Schisms are produced both by disagreements about the interpretation of doctrine, and by disagreements about whether Church officers have been properly commissioned and about what their powers are…

Lo scisma ariano è essenzialmente dottrinario…

…  The fourth-century schism between the Catholics (a term used then in a much wider sense than the later Roman Catholics), who claimed that the Son (Jesus) was ‘of the same substance’ as the Father (that is, fully divine), and the Arians, who claimed that the Son was ‘of similar substance’ to the Father (that is, almost divine), was a division solely about doctrine…

Lo scisma ortodosso essenzialmente organizzativo…

… The eleventh-century schism between Roman Catholics and Orthodox was largely concerned with organization. Both agreed that bishops were the Church leaders and they had to be ordained by other bishops. Roman Catholics, however, insisted that the Pope, the bishop of Rome, had great authority over all Christians, while the Orthodox denied this…

Tipico dei cattolici

… Roman Catholics came to insist that, while the natural method of resolving doctrinal differences was by a vote of an ‘Ecumenical Council’ of bishops (who recognized the Pope’s authority) from all parts of the Church, the Pope acting alone had authority to resolve these differences…

L’ infallibilità papale…

… Later Roman Catholics came to insist that a Pope acting alone could issue a doctrinal definition which (unlike most of his doctrinal pronouncements) was infallible (that is, necessarily true, quite incapable of being amended by later decisions)…

La posizione ortodossa

… The Orthodox, however, claimed that only an Ecumenical Council of bishops (and not only ones who recognized the Pope’s authority) could decide issues of doctrine infallibly…

C’è poi lo scisma protestante da intendersi su due fronti: sia dottrinario che organizzativo…

… The sixteenth-century schism between Roman Catholics and Protestants (and Anglicans) turned both on issues of doctrine and on issues of organization…

La posizione protestante su peccato originale e natura umana

… Protestants emphasized (to varying degrees) the depths of original sin and our guilt for it, and the inability of humans to reform themselves, asserting that we could only be saved by a faith in God given to us by God…

Cattolici e libertà dell’uomo…

… Roman Catholics claimed that human free will was not totally damaged by original sin, and that humans need to do more than just believe in God in order to achieve salvation…

La particolare organizzazione protestante

…. the Protestant bodies (but not the Anglicans) claimed that the Church leaders need not be bishops ordained by earlier bishops; they might be ordained by priests or simply by congregations of the baptized. And all Protestants (and most Anglicans) claimed that the only way to resolve doctrinal differences was by deriving doctrines directly from the Bible…

Descritti gli scismi si presentano due alternative: la Chiesa di Cristo presenta nonostante tutto una sua continuità complessiva di fondo

… Despite these differences between Protestants and other Christians, for the past thousand years almost all ecclesial bodies (at least until the last fifty years) satisfied the criterion of continuity of doctrine to a very large extent…. almost all ecclesial bodies had continuity of organization with the Apostolic Church in that (with the exception of a few Protestant groups) they had the same procedure for admitting Church members—baptism—and celebrated the central Christian service of the eucharist…

… oppure la Chiesa di Cristo è fondamentalmente divisa ed occorre approfondire l’analisi…

… But maybe we must say that the Church is divided; and that it can only function properly if reunited…

***************************************************************

Nel corso dei millenni la Chiesa ha messo appunto delle pratiche per derivare e aggiornare la giusta dottrina…

… From at least the second century onwards the Church had a generally recognized procedure (part of what constituted its organization) about the proper way of deriving doctrines…

Un concetto  entrale è quello di Deposito della Fede

… Doctrines should be derived from the record of that teaching contained in ‘the deposit of faith’. The deposit of faith consisted of the Bible (Old Testament and New Testament), often called ‘Holy Scripture’, and perhaps also, many claimed, of some unwritten traditions (the teaching of Jesus and his Apostles not yet committed to writing). (The second Ecumenical Council of Nicaea in AD 787 put the ‘unwritten’ traditions of the Church on a level with the ‘written’ ones—that is, with the Bible—when it declared anyone who rejected either tradition to be heretical…

La Bibbia (vecchio e nuovo testamento) è il centro della testimonianza scritta…

… Doctrines should be derived from the record of that teaching contained in ‘the deposit of faith’. The deposit of faith consisted of the Bible (Old Testament and New Testament), often called ‘Holy Scripture’, and perhaps also, many claimed, of some unwritten traditions (the teaching of Jesus and his Apostles not yet committed to writing). (The second Ecumenical Council of Nicaea in AD 787 put the ‘unwritten’ traditions of the Church on a level with the ‘written’ ones—that is, with the Bible—when it declared anyone who rejected either tradition to be heretical… Old Testament was regarded as containing the record of God’s gradual earlier revelation, and to be interpreted in the light of the New Testament…

Il primo Canone risale al 367…

… The first time that anyone listed as canonical (that is, as proper parts of the Bible) exactly the books contained in our present New Testament was in AD 367…

I criteri seguiti per la formazione del canone sono essenzialmente tre…

… In his book The Canon of the New Testament Bruce Metzger analyses three criteria which led Church bodies to recognize some book as New Testament Scripture: its conformity with basic Christian tradition, its apostolicity (being written by an Apostle, or someone closely connected with an Apostle), and its widespread acceptance by the Church at large… the first two of Metzger’s criteria are criteria of continuity with the original revelation…

In caso di controversie il ricorso ai Padri è abitudine consolidata…

…  There were, however, often different equally plausible interpretations of biblical passages, and different interpretations led to different theological doctrines. In that case, the Church held, what ‘the Fathers’ said about these interpretations should carry significant weight… the Fathers’ were the Christian theologians of the early centuries…

Il Papa e il Concilio dei Vescovi restano comunque le istituzioni più autorevoli…

… But councils of bishops of the Church were recognized as having greater authority, and, as mentioned above, Ecumenical Councils of the Church were recognized (by virtually all the Church, from the beginning until the sixteenth century) as having the final say in determining the truth of a disputed doctrine….that decisions of such councils require the approval of a Pope… Pope can pronounce infallibly on doctrine without needing prior council approval.)…

Talune tradizioni sono talmente consolidate da non richiedere per la loro validità alcuna approvazione…

… But where there was a virtually unanimous tradition of doctrine on some matter, clearly there was no need for any council decision… Such doctrines I will call central doctrines…

Il libro fondamentale dei cristiani è la Bibbia, ma la Bibbia è un libro difficile da leggere…

… given that doctrines about the teaching and actions of Jesus and the Apostolic Church must be derivable from the Bible (or perhaps from ‘unwritten traditions’), the only justification for this would seem to be that everything in the Bible is true. The Bible was often described as ‘inspired’ by God, but no Ecumenical Council ever said anything as precise as that every sentence in it was true…. bible was often difficult to understand—both because it seemed to contain sentences which contradicted other sentences, and also because it seemed to conflict with secular knowledge in the form of Greek science… we need to examine the rules for interpreting this ‘tricky’ text,…

*****************************************************************

Il primo problema della Bibbia è che su molti punti dice il falso

… For, objectors claim, scientists and historians have shown that so much in the Bible is false. The world was not created in six days (as Genesis 1 seems to claim); nor was it created in approximately 4000 BC (which is the conclusion you reach if you take literally all the assertions in the Bible about who was who’s father and how long they lived); there was no flood which covered the whole earth in 3000 BC (as follows from Genesis 7, given the method of dating just mentioned); and so on…

Poiché così non puo’ essere, s’impone una lettura particolare.

Iniziamo col dire che a comporre la Bibbia sono libri di genere letterario diverso…

… These books belong to different genres. By the ‘genre’ of a book I mean whether it is a work of history (purporting to tell us exactly and literally what happened), a moral fable, a philosophical discussion between imagined participants, or whatever…

La lettura puo’ essere letterale, allegorica o metaforica a seconda del genere. La prima è adeguata per la cronaca e la storia…

… In a modern newspaper report of a battle, or a larger work of history, each sentence is (normally) to be understood in a literal sense and can be assessed as ‘true’ or ‘false’… history, each sentence is (normally) to be understood in a literal sense…

Un altro fattore di cui tenere conto è la traslazione temporale della narrazione: il contesto culturale conta e va soppesato dal lettore moderno…

… we should judge a sentence of an ancient work of history as true in so far as it satisfied the contemporary standards…

Esempi di libri storici

… The Bible contains some works of history, which we can assess for overall truth (if we bear this point in mind). For example, the books of Kings, St Mark’s Gospel, and the Acts of the Apostles belong to this genre…

Un altro genere è quello della “storia romanzata”, chi ha in mente i “docudrama” della TV sa di cosa parlo…

… the Bible contains a lot of books which I shall call ‘historical fables’. What I mean by a historical fable is a work of literature purportedly based on some main events which happened to real people, but filled out by all sorts of conversations and incidents which the author has imagined and which he is not intending us to take as literally true history. Examples of historical fables include recent television ‘docudramas’…

In questi casi se il libro dica il vero lo si giudica dalla verità del messaggio centrale…

… If that message is true, it seems appropriate to call the whole work ‘true’, but its truth does not depend on the truth of most of its individual sentences, which will in fact be false…

Esempi

… Many biblical books belong to this genre, for example the book of Judges, the first and second books of Samuel, and (as I suggested in Chapter 7) St John’s Gospel…

C’è poi il genere della fiaba morale

… Then there are moral fables, which are fictional stories with a moral message. In my view the books of Daniel and Jonah are moral fables… the book is ‘true’ is that its moral message is a true one… The book of Daniel is true if it is good to confess faith in God despite persecution…

Qui conta la verità del precetto morale veicolato.

Poi ci sono le fiabe metafisiche… 

… Then the Bible may contain one or more books or parts of books which are what I call ‘metaphysical fables’. These are fictional stories to be understood as metaphors telling us something very important about the human condition…

Esempi…

… We saw possible examples of such stories in the Gospels (pp. 95–6). The opening chapters of the book of Genesis may also be like this. Genesis 1 may simply be a hymn expressing the dependence of all things on God by means of a story of God creating this on the first day, that on the second day, and so on. But it is disputed whether the author or authors of Genesis 1–3 were attempting to write a historical work or a metaphysical fable… it is true if the human condition is the way that the story, read metaphorically, is claiming…

Ci sono generi residuali e di contorno…

… The Bible also contains hymns (the book of Psalms), personal letters (Paul’s Letter to Philemon), moral instruction (the book of Proverbs), theological dialogues (the book of Job)…

Detto questo, come possiamo giudicare la verità della Bibbia?

Criterio: la Bibbia è vera se ciascun libro che la compone, giudicato a seconda del suo genere, è vero.

Problema insormontabile…

… The first difficulty is that we do not know the genre of some biblical books (and some of them may belong to genres so unfamiliar to us that we do not know what would constitute a book of that genre being ‘true’)…

Si potrebbe ricorrere alle intenzioni dell’autore, ma troppo spesso sono sconosciute…

… I have implicitly and naturally assumed that the genre of a biblical book is determined by the intentions of its original human author… So whether chapters 1–3 of Genesis are a work of history or a metaphysical fable depends on what the author of these chapters thought…we simply do not know that…

Una difficoltà è l’incoerenza di molti passaggi…

… two substantial difficulties remain. The first is that there are passages inconsistent with each other, and so with any Christian doctrine based on one of these passages…

L’altra è il contrasto con il nostro sapere scientifico…

… there remain many passages inconsistent with the results of modern science and history…

Si tratta di un problema che già i Padri dovettero affrontare: come doveva essere interpretato quel Dio vendicativo che sfracellava il cranio dei bimbi babilonesi sulla roccia?

Origene considerava “da stupidi” prendere alla lettera il mito dell’Eden…

… Who is so silly as to believe that God, after the manner of a farmer ‘planted a paradise eastward in Eden’, and set in it a visible and palpable ‘tree of life’ of such a sort that anyone who tasted its fruit with his bodily teeth would gain life?…

Presto la Chiesa si rese conto che Dottrina e Tradizione dovevano prevalere sull’apparente guazzabuglio della Bibbia, anche se Dottrina e tradizione originavano proprio da quei libri…

… The need to interpret the Bible in a way compatible with Christian doctrine came to be recognized very widely in the early days of the Church… Just as which books were to form part of the Bible, so how those books were to be interpreted, was to be determined by a prior understanding of Christian doctrine…

La Chiesa ha un ruolo ordinatore

… Irenaeus wrote that ‘every word’ of Scripture ‘shall seem consistent’ to someone ‘if he for his part diligently read the Scriptures, in company with those who are presbyters [elders or priests] in the Church, among whom is the apostolic doctrine’…

E’ vano quindi l’appello alla Scrittura, prevale sempre la Chiesa…

… disputes between orthodox and heretics could not be settled by appeal to Scripture… Scripture belongs to the Church. The Church’s teaching must first be identified and that will determine how Scripture is to be interpreted…

Il cristianesimo non è religione del libro ma religione viva.

Il metodo di Origene, ovvero il metodo delle metafore è quello più usato per armonizzare l’insegnamento di Dio…

… sometimes and to varying degrees all the Fathers dealt with incompatibilities with Christian doctrine adopting by a radical metaphorical interpretation of the text… Origen’s way of treating the Bible was adopted by Gregory of Nyssa in the next century, and also (rather more cautiously) by Augustine at the beginning of the fifth century; and it became one standard approach to the Bible…

Ma come veniva giustificato questo metodo? Per i Padri la Bibbia era un libro ispirato da Dio a persone che lo trascrivevano con tutti i loro limiti di comprensione del mondo.

La lettura del libro è difficile ma possibile: Dio tiene conto delle nostre culture e della nostra intelligenza. Un’analogia

… Suppose I say to you about someone that ‘he has a sharp brain’. Since I know and I know that you know that brains are not the sort of thing that have sharp edges, what I say cannot be understood as saying that ‘he’ has a brain with a sharp edge. So I must be understood to be saying something else which the sentence could mean… If I describe some person John, whom we all know to be human, as a ‘dinosaur’, that cannot be understood literally…

ma la lettura completa richiede molti saperi e molte culture che non possono stare in una testa: la lettura della Bibbia non puo’ che essere comunitaria e questa comunità si chiama Chiesa di Dio. Il significato “emerge” in una dialettica, non viene registrato in seguito ad una normale lettura.

In questo senso nemmeno l’autore materiale della Bibbia sa cio’ che scrive, inutile interpellarlo…

… from which it follows that the human authors of biblical books (who were often described as ‘prophets’) did not always understand how their works were to be understood…

Un concetto simile a quello della fallacia intenzionale in campo artistico: nemmeno l’artista conosce la sua arte, inutile chiedere a lui.

Rispettare allora le precedenze

… Jesus did not write a book but founded a Church with the task of interpreting doctrines…

La Bibbia nel Credo non è un libro inerte ma un libro detto dai Profeti…

… The Nicene Creed’s doctrine that God the Holy Spirit ‘spake by the prophets’ clearly entailed the doctrine that God ‘inspired’ the writing of the Old Testament; and it soon naturally enough came to be understood as the doctrine that God inspired the writing of the whole of the Bible…

La comprensione della bibbia è di tipo evolutivo

… It is plausible to suppose that God inspired the writing of a book some parts of which have a highly inadequate morality which is capable of being understood as time progressed in a far deeper way…

Possibile conclusione

… I suggest that it is plausible to suppose that… God inspired the writing of the Bible, to convey both the very limited message comprehensible at the time a passage was written and the deeper message comprehensible later… These principles of biblical interpretation allowed the Fathers to interpret quite a lot of the Bible without needing to know the genre of the biblical book… if we are to follow Church tradition in using the Bible as the authoritative source of doctrine, we must also follow Church tradition in the method by which we interpret it

L’elemento vivo prevale su quello libresco, è anche il motivo per cui il sapere scientifico deve prevalere e informare la lettura dei testi.

La visione dei protestanti si oppone a questa tradizione: per loro la Bibbia dirime le questioni, è tribunale di ultima istanza e la lettura solitaria viene praticata e consigliata.

chiesa

Dio è un modello (e ci insegna a vivere)

Abbiamo visto che probabilmente esiste un Dio, che probabilmente coincide con il Dio cristiano e che, anche se parliamo di un Dio d’amore, la presenza del male sulla terra è giustificato. Un Dio del genere probabilmente ci starà vicino facendosi uomo e allevierà la nostra condizione. Ma noi cosa possiamo fare per lui? Risponde Richard Swinburne in GOD TEACHES US HOW TO LIVE.

Noi abbiamo un unico problema: per risarcire Dio dei nostri peccati siamo tenuti a vivere una vita perfetta.

Non ci riusciremo mai – e infatti Gesù l’ha fatto per noi – tuttavia dobbiamo pagare il nostro debito per quanto possiamo, dobbiamo mostrare di fare quanto in nostro potere.

Per vivere una vita perfetta il primo problema è informativo: dobbiamo sapere molte cose. Possiamo arrivare a comprendere cio’ che è dovuto, in fondo la morale di base è comune a tutti gli uomini dotati di ragione, ma ci sfugge necessariamente tutto cio’ che è lodevole, la conoscenza dei particolari non è alla nostra portata.

… We need to be reminded of … necessary moral truths, and we need to be told how they apply in detail. For example, we may recognize that (with the possible exceptions considered above) it is wrong to kill people, but need to be told whether a foetus or an old man in a coma is or is not a person…

Il secondo problema è quello di piegare la nostra natura alle esigenze della giustizia.

Ma perché non basta pagare il “giusto”? Perché si rende necessario il “lodevole”? Perché insomma Dio ci impone degli obblighi ulteriori rispetto a quelli della morale di base?

Ci sono essenzialmente due motivi: uno esistenziale e uno comunitario.

Motivo comunitario: condividere dei valori realizza un coordinamento. Se non vi fidate della dottrina cattolica consultate pure la teoria dei giochi.

Imponendo un giorno comune per la festa, per esempio, si coordinano le relazioni comunitarie.

Da quanto detto si scorge la natura politica della religione cristiana.

Per fare un parallelo: comprendiamo bene che un governo politico bandisca l’omicidio ma perché mai dovrebbe imporci di guidare tenendo la destra? Non ha nessun contenuto morale un comando del genere, eppure è imposto in modo coercitivo. La risposta in questo caso è evidente: per realizzare un coordinamento, funzione primaria dei governi politici.

Motivo esistenziale: puntare in alto ci realizza. Se non vi fidate della dottrina cattolica consultate pure la scienza psicologica.

Se l’impegno che ci viene richiesto richiede un investimento non banale, la nostra personalità fiorisce. Difficile sentirsi realizzati limitandosi a non uccidere il fratello, molto più facile esserlo aiutando lo sconosciuto o compiendo un gesto eroico.

Ogni buon genitore, d’altra parte, impone ai figli doveri che oltrepassano la comune morale. Fare l’elemosina in favore dei bambini africani non è un dovere in senso stretto ma il buon genitore abitua così il figlio alla magnanimità d’animo e a perseguire mete elevate che vanno al di là dello stretto indispensabile e danno un senso più compiuto alla propria esistenza…

… Even if it is not otherwise obligatory to care for the poor in distant lands, God could make it our duty and thus oblige us to live better lives than we would live otherwise. And there are more specific matters, for example, matters concerned with sex or the sanctity of life, about which God might impose obligations which are more demanding than the very general necessary truths of morality…… Parents may tell children to do the shopping for a sick neighbour… because parents want their children to get into the habit of doing what is good beyond obligation… Likewise God wants humans to be naturally good people, to get much of our happiness from making other people happy…

Si noti che molte azioni di coordinamento sono pressoché arbitrarie: tenere la destra equivale a tenere la sinistra, cambia poco. Questa arbitrarietà fa sì che la ragione umana stenti ad individuarle. Anche per questo diventa decisivo che a fissare la regola sia una voce autorevole, in modo da realizzare “conoscenza comune”. In poche parole, si rende necessaria una rivelazione divina. Noi sappiamo che rubare è sbagliato ma non sappiamo il giorno in cui andare a messa o fare digiuno.

Nella religione cristiana Dio ha parlato all’uomo (si è rivelato) più volte.

… The Creed acknowledges this by the claim that God (the Holy Spirit) ‘spoke through the prophets’, the prophets being those who taught ancient Israel about God…

Questa rivelazione assume la sua pienezza con la vita di Gesù. Nell’insegnamento di Cristo e nell’ insegnamento della Chiesa di Cristo i doveri del buon cristiano si sono estesi a dismisura

… Christianity, is that we should show love to God and to other humans in ways far more extensive than those contained in the Ten Commandments or elsewhere in the Old Testament… Jesus and his Church clearly taught that many actions previously supererogatory were now obligatory. We should worship and pray much, for that will make us aware of God… Christian tradition has taught that there are certain further specific actions which are wrong, mainly actions concerned with sexual conduct (e.g. sexual intercourse outside marriage), family stability (e.g. divorce), and the preservation of life (e.g. abortion and euthanasia)… While, I pointed out earlier, it is a necessary moral truth that adultery is wrong, traditional Christianity also teaches that sexual intercourse outside marriage and divorce (or at least divorce from a faithful spouse), are also wrong… Both of these prohibitions presuppose an understanding of marriage as lifelong…

Molti di questi doveri hanno un contenuto razionale alla nostra portata, pensiamo solo agli obblighi familiari. Tuttavia, per avere chiarezza nei dettagli la rivelazione è essenziale.

L’ universalità del comando divino fa sì che molte situazioni speciali non saranno disciplinate al meglio, cionondimeno l’azione complessiva di questi comandi renderà la comunità più prospera.

… even if all the attempts of some couples to make their marriages work fail, the persistence of these couples in this task will encourage other couples to try harder to make their marriages work; and these other couples may succeed in this task… if separated spouses do not remarry, that will bring home to others considering marriage the seriousness of the marriage commitment and deter them from entering into marriage too lightly…

Non si puo’ negare che sul punto ci siano approcci differenti, in particolare se si confrontano cattolici e protestanti

… The “Catholic” approach has extremely high moral standards (e.g. Be celibate; give everything you have to the poor; love everyone), but enforces them loosely…. The “Protestant” approach has moderate moral standards (e.g. Don’t commit adultery; prudently give to the deserving poor; don’t hate people who’ve never done you wrong), but enforces them strictly…

Sappiamo che il miglior modo di insegnare consiste nel farlo attraverso l’esempio, cosicché il più grande insegnamento divino ci viene impartito fornendoci un esempio vivente: Cristo…

… God could certainly provide propositional revelation in words without himself becoming incarnate, and other religions (e.g. Islam) claim that this has happened. It is, however, I argued earlier, necessary if we are to understand such fundamental moral concepts as ‘good’ and ‘obligation’ that we should be shown, or at least have described to us, examples of ‘good’ actions and ‘obligations’ by means of which we can then recognize other examples of these… It would be a lot easier to understand how to live a perfectly good life if we have an example of someone doing this… So God has good reason not merely to provide us with revealed teaching on how to live, but to show us how to live and to encourage us to live in that way by himself becoming incarnate…

Ma ogni comunità ha i suoi costumi e le sue tradizioni, cosicché ogni insegnamento deve essere rimodulato in conformità a quei costumi e a quelle tradizioni. E’ a questo che serve una Chiesa, ovvero il corpo di Cristo che vive sempre nella contemporaneità del credente. La Chiesa reinterpreta continuamente la rivelazione divina mantenendo l’unità dell’insegnamento originario…

… But if the revelation is to be available to future generations and cultures, God must ensure that in the end, perhaps after much controversy, the correct interpretation of the original revelation emerges… the correct interpretation… The Nicene Creed claims that God has provided ‘one holy catholic and Apostolic Church’…  ‘catholic’ means ‘universal’, and ‘Apostolic’ means ‘deriving from the Church of the Apostles’.)…

Ma c’è un’altra funzione della Chiesa. Noi siamo deboli. A volte conosciamo cio’ che è giusto ma non riusciamo a realizzarlo. Per esempio, sappiamo che lo zainetto di marca non è necessario per nostro figlio, che è meglio investire altrove per lui e che è giusto respingere i suoi capricci; ma poi ci ritroviamo in un contesto in cui tutti hanno lo zainetto di marca e cediamo. Ecco, la Chiesa è anche un luogo di reciproco aiuto, una comunità dove si puo’ crescere al meglio sempre esposti agli esempi più elevati. Chi ha detto che per crescere non occorre un insegnante ma un villaggio?… La Chiesa è quel villaggio…

… an obvious further task for a Church (additional to being a source of revealed truth) is as a society in which those who seek atonement for the past, and to learn what is the good way to live in the present, also help each other to form a naturally good character—help each other to become saints. The Church should be a community of encouragement…

  Una versione alternativa del messaggio contenuto in questo post si trova  qui.

immag