fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Dio è amore (e quindi una trinità)

Nel libro “Is Jesus God?”, Richard Swinburne esplora il perché esistano tre persone divine. A prima vista la cosa appare controintuitiva.

Rendere conto del Dio-Padre è semplice, tanto è vero che ad esso credono anche ebrei e musulmani.

… But Christianity claims that there are three divine persons who depend totally on each other and act together as one ‘personal being’…

Cerchiamo di ragionare in astratto immaginandoci Dio-Padre da solo, e ricordiamoci che dalla sua definizione discende che è un amante perfetto:

… A loving person needs someone to love; and perfect love is love of an equal, totally mutual love, which is what is involved in a perfect marriage

A questo scopo

… Father will bring into existence another divine person with whom to share his rule of the universe. Following tradition, let us call that other person ‘God the Son’… if the Father only began to cause the existence of the Son at some moment of time, say a trillion trillion years ago, that would be too late… At each moment of everlasting time the Father must always cause the Son to exist, and so always keep the Son in being… Although the Father is the (eternal) cause of the Son’s existence, and the Son is not the cause of the Father’s existence, they will in a certain sense be mutually dependent on each other… Hence the Father would not exist at all unless he caused the Son to exist…

Veniamo ora alla ratio della terza persona

… A twosome can be selfish. A marriage in which husband and wife are interested only in each other and do not seek to spread the love they have for each other is a deficient marriage… The love of the Father for the Son must include a wish to cooperate with the Son in further total sharing with an equal; and hence the need for a third member of the Trinity, whom, following tradition, we may call the Holy Spirit… A universe in which there was only sharing and not cooperation in further sharing would have been a deficient universe… anyone who really loves someone will seek the good of that person by finding some third person for him to love and be loved by… Hence the Trinity must have always existed…Although the Father and the Son caused the Spirit to exist, and not vice versa, all are (in a sense) mutually dependent for the same reason as before…

Dal fatto che non possano esistere tre esseri onnipotenti discende la perfezione del loro coordinamento, pur nelle diverse sfere di competenza.

E’ grazie al perfetto coordinamento delle tre persone che diventa possibile parlare di un unico essere articolato su tre persone:

… But how could there be more than one divine person? Clearly there could be three persons who are each essentially omniscient, perfectly free (and so perfectly good), and eternal. But how could all of them be essentially omnipotent as well?… The only way in which conflict can be avoided is if each of the three persons see themselves as having at any one time different spheres of activity, because it would be bad for them to act outside their sphere of activity. Then each could be omnipotent, but there would be no conflict because in virtue of their perfect goodness…But what could determine which divine person had which sphere of activity? Persons caused to exist by another person have obligations to the person who caused them. So the Father, being perfectly good, will seek to avoid any conflict by laying down for each divine person his sphere of activity… But what could determine which divine person had which sphere of activity? Persons caused to exist by another person have obligations to the person who caused them. So the Father, being perfectly good, will seek to avoid any conflict by laying down for each divine person his sphere of activity… he is not caused to exist by anything else… But since the perfect goodness of the Father requires the other two divine persons to exist just as inevitably as the Father exists, they are what I will call ‘metaphysically necessary’… All three members of the Trinity are metaphysically necessary persons, but the Father alone is ontologically necessary…

Cosa distingue le tre persone?

… If the Son and Spirit are to be beings of the same kind as the Father, they must also lack thisness. So what makes each of them the particular divine person he is must be some further property; and there are obvious relational properties which will do this job. The Father is the Father because he has the essential property of not being caused to exist by anything else (that is, being ontologically necessary). The Son is the Son because he has the essential property of being caused to exist by an uncaused divine person acting alone. The Spirit is the Spirit because he is caused to exist by an uncaused divine person in cooperation with a divine person who is caused to exist by the uncaused divine person acting alone…

Perché solo tre?

… adding a fourth would not provide a new kind of good state… But then any fourth divine person would not exist necessarily, even in the sense of metaphysical necessity…

Notare che la dottrina, per quanto complicata, non pregiudica la semplicità dell’ipotesi teista poiché tutto discende senza ulteriori assunti rispetto a quelli semplici di partenza:

… the hypothesis that there is a Trinity is not more complicated than the hypothesis of theism for the great simplicity of which I argued in Chapter 1. A simple hypothesis is no less simple for having complicated consequences… They form a totally integrated divine society, the Trinity, which acts as one coordinated whole. This can itself be said to be…

Perché di fronte a tre persone divine non parliamo di politeismo?

… because in the way described it is a society rather than one person, I shall call it a ‘personal being’, and for the rest of this book I shall use the word ‘God’ as the name of this being… In this sense there is ‘one God’. So (in a derivative sense) whatever any divine person is and does, God is and does…

La dottrina della Trinità puo’ essere raccontata in modo semplice: 1) una persona che ama veramente, ama nel modo più nobile 2) l’amore più nobile è quello tra eguali, 3) un amore vero diffonde amore intorno a sé.

In fondo il matrimonio sintetizza abbastanza bene i concetti sottostanti alla Trinità: suggella l’amore più nobile, quello tra eguali (troppo facile amare la mamma, o il figlio). Un matrimonio riuscito desta ammirazione e voglia di imitare amando a nostra volta. Senza dire dei figli: un frutto dell’amore che produce altro amore.

Ma adesso che abbiamo speculato a tavolino, andiamo a vedere cosa dice la dottrina cristiana nel “Credo” niceano in merito alla natura di Dio. Dice forse qualcosa che si avvicina alle nostre conclusioni teoriche?

Il Dio cristiano è effettivamente trinitario e ogni persona ha la sua sfera di competenza

… The Creed also indicates, as I have suggested that we should expect, that the three members of the Trinity have at any time different spheres of activity. It speaks of God the Father who is ‘maker of Heaven and earth, and of all things both seen and unseen’…

Al figlio spetta l’esecuzione delle opere…

… He made everything ‘through the Son’; that is, the way in which he causes things to exist is by directing the Son to cause them to exist…

E’ questo aspetto del Dio (il Figlio) che si incarna e si fa uomo…

… The Son ‘became incarnate’ and lived on earth, and will ‘come again in glory to judge the living and the dead’…

Registriamo quindi una corrispondenza tra teoria e dottrina.

Ricapitolando, la teoria della Trinità sembra complicata ma in fondo si basa su due intuizioni abbastanza semplici e facili da sottoscrivere: 1) l’amore più nobile è quello tra eguali e 2) l’amore autentico si effonde nell’ambiente in cui è presente…

… The argument which I have given in this chapter for the necessity of God being a Trinity may seem a very sophisticated one. But it depends on two very simple moral intuitions: that perfect love requires total sharing with an equal and requires cooperating in spreading that love further, so that anyone you love has someone else to love and be loved by…

14a293a0f59b6798f2a688462da6d9ad

Disastri innaturali

Che lezione trarre da eventi atmosferici estremi sempre più devastanti che colpiscono così di frequente la “città dell’uomo”?

Per molti la risposta è scontata: sono le avvisaglie del “riscaldamento globale”. Corriamo ai ripari!

Greg Ip propone un’ipotesi alternativa nel suo saggio “Unnatural Disaster: The High Cost of Taming Mother Nature”.

****************************************************************

Quando la tempesta “Sandy” si è abbattuta su New York, i giornali commentavano all’incirca così…

… “Our climate is changing [which] should compel all elected leaders to take immediate action.” Bloomberg acknowledged that Sandy could not be definitively pinned on global warming, but he seemed pretty convinced of a connection, as was the public: two-thirds of voters linked Sandy to climate change…

Tra uragani e politica c’è sempre stata un’attrazione fatale.

E la scienza sembra favorire il flirt…

… Science is relatively unequivocal that climate change should intensify hurricanes…

Ma il riscaldamento globale non spiega la distruzione causata da “Sandy”, che nemmeno merita il nome di “uragano”.

Le ragioni stanno altrove…

… The principal reason for Sandy’s devastating impact is that millions of productive, affluent people live and work in a place that is inherently dangerous

Nicholas Coch, un geologo alla “City University of New York’s Queens College”, è forse il massimo esperto in materia di tempeste sulla east coast…

… The first he could find hit in 1635 but left barely a trace, striking mostly Indian villages and uninhabited forest. More impressive was the Midnight Storm, a Category 2 storm that struck in August 1893 and, as Coch later documented, literally wiped a community off the map. Hog Island, a barrier island close to what is now JFK airport that hosted pleasure seekers and swimmers during the summer, was pushed beneath the sea and largely forgotten by New Yorkers until Coch rediscovered it. The Midnight Storm paled in comparison to the Category 3 Great New England Hurricane of 1938, at the time one of the most destructive storms in American history. Nicknamed the Long Island Express, it carved out ten new inlets between Fire Island and East Hampton, lashed New York City, and destroyed or inundated towns throughout Rhode Island and Connecticut. Yet even that storm did “just” $5 billion worth of damage (in 2014 dollars)…

Nonostante i pericoli, l’insediamento umano nella zona è talmente ipertrofico che una tempesta di categoria 2 produce i danni tipici di una tempesta di categoria 4. Potremmo definire la regione di NY in questi termini…

… the most developed and populated hurricane-prone…

Queste semplici osservazioni ci chiariscono le idee

… the main reason Sandy was so much more costly than its predecessors is that in the years since 1938, the New York region became significantly more populated… Global investment banks have built towering high-tech headquarters throughout Manhattan…

La gente nemmeno sa del pericolo che corre stando lì, si sente sicura.

La prossima tempesta farà ancora più danni proprio perché la sicurezza è stata migliorata e la gente si sentirà ancora più garantita. Il parere degli esperti…

… To those academics and risk experts who study natural disasters, neither Sandy nor its price tag was especially surprising. Just four years earlier a team led by Roger Pielke, Jr., a political scientist, calculated that another storm just like the Long Island Express would inflict $39 billion worth of damage. Karen Clark, a prominent catastrophe modeling expert, predicted damages of up to $100 billion. Importantly, this price tag didn’t require that the storm be as intense as Katrina (a Category 5, the most powerful, when it was in the Gulf of Mexico). Sandy is an example of a phenomenon routinely ignored in the barrage of news coverage of hurricanes, floods, wildfires, and other natural disasters…

Il riscaldamento globale c’entra molto poco in queste dinamiche. Magari domani giocherà un ruolo anche lui ma per ora non è un fattore critico. Bisogna guardare altrove per isolare le vere cause di tanta distruttività…

… main reason they are getting more destructive is because much more economic wealth stands in their way

Quando l’uragano colpisce il giorno dopo la figura dell’ “Ingegnere” assurge a eroe nazionale: tutte le orecchie (a cominciare da quelle dei politici) sono per lui…

… their success at protecting us from nature with ever more elaborate defenses often means that the destruction will be that much more devastating when those defenses fail…

Ma le sue elaborate difese sono la premessa dei disastri futuri, quando colpiranno uragani più potenti degli ultimi.

*********************************************************

Roger Pielke e Chris Landsea si incontrarono quasi per caso al National Center for Atmospheric Research presso Boulder, in Colorado. Entrambi studiavano gli uragani, ma con conclusioni antitetiche…

… Landsea had just published a paper documenting a steady decline in the frequency of intense hurricanes in the North Atlantic; the years 1991 to 1994 were the quietest on record. Pielke, meanwhile, was doing postdoctoral research on hurricane intensity at the request of the National Science Foundation. Hurricane Andrew in 1992 had smashed all records for the most expensive hurricane in U.S. history, just a few years after Florida had been told that its worst-case scenario was two storms costing half of what Andrew ultimately did…

Il periodo di quiete (1991-1994) fu anche il periodo in cui si produssero i maggiori danni. Pielke:

… “the reason it was the most expensive period had nothing to do with it being the most active.”…

Occorreva un’impostazione alternativa per studiare il fenomeno senza incorrere in paradossi, i due si dettero da fare…

… They would study some long-ago storm, then examine how the population, wealth, and settlement patterns of the affected counties had changed since, to estimate how much damage an identical storm would cause today… Their findings were striking. The Great Miami Hurricane struck in 1926 when Miami and its surrounding county had just started to boom and the area’s population had topped one hundred thousand. Today, it is the center of a sprawling metropolitan region of more than five million, with pockets of extraordinary wealth and valuable property. Houses, condominiums, and glass-walled hotels now stand on the beaches that buffered people from the storms. The 1926 hurricane cost $1 billion (in 2011 dollars). Today, the bill would be more like $188 billion… In February 2009 the Australian state of Victoria was sweltering through an intense heat wave when a series of bushfires, probably started by downed power lines, erupted. Driven by gale-force winds, the Black Saturday fires burned across a wide front with terrifying speed, eventually destroying 2,300 homes in the northern suburbs of Melbourne and nearby towns, and killing 173 people…

Quello che accade a New York, accade ovunque nel mondo. Prendiamo Bangkok

… Similar circumstances help explain other disasters. Bangkok has flooded so often that it was known as “the Venice of the East.” Beginning in the 1960s Thailand rapidly industrialized and became a center for automotive assembly and computer parts production for multinationals from Japan, Europe, and America. The rice paddies that lined the Chao Phraya River were drained for industrial estates that were then ringed by dikes. In 2011 heavy monsoon rains overfilled the upstream reservoirs and caused the river to flood, topping the dikes and provoking battles in Bangkok, since protecting one neighborhood by stacking sandbags or breaching dikes would simply shift the water to another area. The 2011 Thai floods became the ninth-costliest natural disaster since 1970 in terms of insured losses…

***************************************************************

Le diatribe sul cambiamento globale sono infuocate, anche se non tutti sanno localizzarle…

… While the vast majority of physical and social scientists agree that man-made climate change is happening (A), they are split on the best way to respond (B)…

I partiti sono due: da un lato i “mitigatori”…

… doing whatever is necessary to reduce the level of greenhouse…

… dall’altro i resilienti o “adattatori”…

… accepting that climate change is going to happen and minimize the damage…

I mitigatori non sembrano molto pazienti

… Al Gore has compared adaptation to Nazi appeasement…

Chi non è d’accordo con loro sulla soluzione al problema B, spesso riceve l’etichetta di “negazionista”, quasi che rifiutasse la soluzione del problema A .

La triste sorte è capitata anche a Pielke jr, nonostante il pedigree dello studioso…

… his father, Roger Pielke, Sr., is a meteorologist who, back in 1984, wrote an entry for the Encyclopædia Britannica predicting that steadily rising emissions of carbon dioxide would lead to a warmer planet. As the planet warms, floods should become more destructive…

Pielke non discute del problema A

… What he does dispute is that climate change can explain past disasters like Sandy…

Al momento il riscaldamento globale non incide sugli eventi metereologici estremi

… number of hurricanes and droughts shows no long-term trend…

Di conseguenze bisogna cercare spiegazioni altrove.

… toll of natural disasters is going up primarily because of human development…

E guada caso le spiegazioni più ragionevoli mandano in crisi il paradigma del “mitigatore”…

… it is more practical to deal with climate change by making cities and settlements more resilient rather than simply trying to reverse the buildup of carbon dioxide in the air… storm damage, relative to GDP, isn’t rising… human behavior explains the toll of natural disasters…

Per questo e solo per questo Pielke è mal visto dai “mitigatori” e bollato a torto come “negazionista”.

Ora però resta una cosa da capire:

… why we put ourselves in harm’s way…

Perchè si fanno investimenti immobiliari a New York ben sapendo che la zona è soggetta a tempeste? Perché, insomma, si costruisce sotto l’argine di un fiume?

***************************************************************

Spostiamoci un po’ a sud: un buon posto per discutere la questione è il fiume Mississippi: li è da secoli che “mitigatori” e “adattatori” si scornano. Il dilemma è sempre quello: adattarsi o domare?

… The river has regularly flooded since long before Europeans settled its basin and caused the river and its delta to change shape and direction. But because it is so vital to transportation, commerce, and agriculture, Americans have been fighting to tame it…

Dal 1700 si costruiscono argini che regolarmente vengono oltrepassati dalla piena successiva. E’ una questione di probabilità, non di riscaldamento globale: prima o poi i record vengono battuti, non c’è niente da fare.

Non solo: più l’intervallo tra un disastro e l’altro si allunga, più i danni del disastro successivo sono ingenti.

Mark Twain incarna la saggezza popolare che si oppone allo sforzo pur meritorio dell’ “Ingegnere”…

… Man cannot tame that lawless stream…

E infatti…

… That’s not the way the Army Corps of Engineers saw it…

Esempio di una classica battaglia tra esperti…

… Charles Ellet, Jr., a civil engineer, linked the flood problem to the growth of settlement… and… recommended enlarged river outlets… Andrew Humphreys, an army captain, recommended building only levees… The Corps went with Humphreys’s plan…

Alla vittoria degli “Ingegneri Innalzatori di Argini” contribuì in modo decisivo un altro fattore…

… After the Civil War, the demand for civil works to accelerate the commercial and industrial development of the country led to a frenzy of federally financed levee… canals were built to protect low-lying New Orleans…

Il Governo aveva voglia di spendere. Una voglia matta.

Come sempre l’operazione fu un successo

… Until 1927, no levee built to the standard and grade of the Mississippi River Commission had failed…

E come sempre dopo un po’ fallì

… in 1927… massive floods burst the levees from Cairo in southern Illinois to the Gulf of Mexico, spreading out in a vast, yellow sea up to one hundred miles across. More than two hundred people died and seven hundred thousand — 80 percent of them black — lost their homes…

Grazie agli ingegneri si era potuto vivere un momento di pace: quanto più si allunga quel momento, tanto più sarà catastrofico il disastro che seguirà.

E cosa successe dopo? Niente di particolare: il ciclo riprende con forza raddoppiata…

… Edgar Jadwin… prompted Congress to make flood control an explicitly federal responsibility… marriage of engineering and economics… cost-benefit analysis…

L’analisi costi-benefici sembra il gold standard della razionalità, ma così non è: non tiene conto dei comportamenti compensativi. Non lo fa perchè sono imprevedibili e spesso annullano completamente i benefici della sicurezza.

Gilbert White, nel 1942, lui teneva in gran conto i “comportamenti compensativi” fino a formulare il cosiddetto “effetto argine”…

… White came up with what became known as the “levee effect” to describe the tendency of humanity to feel protected by levees and so build up more property in their shadows… a tendency the federal government actively reinforced…

*************************************************************

La gente assume che la piena non eccederà mai i massimi storici ma questo assunto è altamente improbabile. Il fenomeno “un piede in più” è la norma. Qualche esempio…

… An electrical generating station in Cincinnati was “constructed to operate at a flood stage one foot above the highest recorded flood of 1884, but in 1937 it was forced to halt operations by a crest that reached seven feet higher.”…

Altri esempi, fino a Katrina…

… In Brady, Texas, a masonry wall built to protect the business district after a 1930 flood was overtopped in 1935. The town built an earth levee three feet higher, which was overtopped in 1938. After Hurricane Betsy ravaged New Orleans in 1965, the Army Corps strengthened and expanded the region’s levees, which led to more development, which was then exposed to Katrina forty years later…

Quanto più le autorità politiche “proteggono”, tanto più si accumula ricchezza nelle zone pericolose creando le premesse per un disastro sempre più ingente. E’ un circolo vizioso…

… levee project in Dallas completed in the 1930s led to property values more than quadrupling… The self-reinforcing cycle of flood protection and development assures that natural disasters will keep growing in scale…

Una storia istruttiva (sempre la stessa): l’argine a protezione dell’aeroporto di St. Louis…

… We figured this would be high enough,” Melvin Fick, a farmer who was president of the Monarch Levee District, told the St. Louis Post-Dispatch. “It held real well in 1973 and 1986,” when record floods swelled the Missouri River. But in 1993, raging storms caused the Missouri River to crest six feet above the record reached in 1973, smashing a seven-hundred-foot-wide breach in the levee. The airport ended up under water…

Con l’aiuto federale la città è stata ricostruita e il nuovo argine alzato per ben 5 metri. Cio’ ha consentito di edificare anche uno dei centri commerciali più imponenti d’America.

Ma la teoria del “circolo vizioso” non ha insegnato niente? Al contrario, i protagonisti della ricostruzione parlano di “circolo virtuoso”…

… The designer of the protection system called it a virtuous circle, where more levees lead to more development, which leads to more levees…

Ma…

… Levees are not a fail-safe; 70 percent of the levees under stress in 1993 failed, and extreme events can always overtop them…

Ci sono poi delle esternalità: si è parlato di “guerra degli argini”…

… Chesterfield’s increased protection will raise water levels in neighboring communities in the next flood…

****************************************************************

I giapponesi conoscono la parola tsunami almeno dal 1600.

Noi dal 1986

… the 1896 story “A Living God,” in which a quick-thinking village headman saves his village from being destroyed by an approaching wave. The story has helped shape Japanese thinking, reflecting the mentality that although they live in an inherently dangerous place, they can protect themselves by taking enough precautions…

La retorica dell’eroe Ingegnere veicolata dal film ha colpito anche il Giappone…

… Japanese government embarked on an extensive project of building seawalls… A third of Japan’s coast was ultimately protected… As a result, Japanese citizens felt safe living next to the water… business felt confident enough to construct the Fukushima Daiichi and Daini nuclear power plants…

L’assunto del massimo storico è stato adottato acriticamente…

… The Daiichi plant was originally designed to withstand a tsunami of up to ten feet high, because that was the size of the tsunami triggered by an earthquake off the coast of Chile in 1960… though.. much more powerful earthquakes and larger tsunamis had struck more than a thousand years earlier…

Le premesse c’erano tutte, cosicchè…

… the plants didn’t stand a chance against the powerful 2011 Tohoku earthquake… The thirty-three-foot-tall wave of black water washed through towns and swamped the seawalls protecting the power plants, disabling the low-lying diesel generators that maintained power for the reactors’ cooling systems while they were shut down…

Un esempio ancora più estremo è quello degli olandesi

… Dutch farmers first began building dikes around land reclaimed from the North Sea to create “polders” in the twelfth century… 60 percent of the country is either below sea… In 1953, a combination of a high spring tide and a severe storm over the North Sea overwhelmed dikes, flooding 9 percent of the country’s farmland and killing eighteen hundred people…

La reazione olandese: un programma di infrastrutture per il contenimento delle acquee ancora più imponente (“Delta Works”)…

.. now… from Amsterdam to Rotterdam has been heavily industrialized and now provides most of the country’s economic output…

Esperti che si sbottonano in camera caritatis…

… Piet Dircke of Arcadis, a Dutch engineering firm… He painted a grim portrait of the outcome if the dikes were to fail… Half of Holland would be submerged… “We’d have to rebuild our complete country,”…

****************************************************************

Problema: come riconciliare il progresso economico con i disastri naturali?

C’è una soluzione di mercato facile facile:

… removing government subsidies for living in such places… charging insurance rates…

La lista delle politiche che incoraggiano i perversi comportamenti compensativi è lunga…

… America’s federal government spends billions building and maintaining dams, levees… The number of federal disaster declarations — which trigger federal aid equal to 75 to 100 percent of the cleanup costs — have been rising steadily…For a long time federal flood insurance plans charged people living on floodplains premiums that were lower than the true risk associated… Florida forbid insurers from charging homeowners premiums that actually reflect the risks of living there…

Basta con i sussidi e assicurazioni private: se il premio è troppo alto si trasloca altrove.

Non che il mercato sia esente da fallimenti… 

Natural barriers such as sand dunes and mangrove swamps provide protection to everybody, but those benefits aren’t easily priced or captured by private property… By contrast, the economic benefit of building mansions, condominiums, and hotels with unobstructed views of the ocean are large and readily quantified…

Ma forse tutto questo non sarebbe sufficiente: le persone non hanno una percezione di pericolo in assenza di un’esperienza personale

… people would still choose to live in the path of floods, earthquakes… they simply don’t expect to need the protection…

Non che questo sia sempre irrazionale, in ogni caso è verosimile pensare ad una miopia del disastro naturale…

… Howard Kunreuther, a risk expert at the Wharton School, calls this “disaster myopia,” and his colleague Robert Meyer has documented a remarkable case study. In 1969, Hurricane Camille swept the Gulf Coast and slammed into the Mississippi resort town of Pass Christian. At least eight died when the Richelieu apartment complex collapsed (although they were not, as one oft-told story had it, celebrating at a hurricane party)… When I asked the mayor of Pass Christian why people would rebuild where structures and lives had been destroyed twice in the past forty-four years, he responded: “It’s not like it comes every year. There ain’t no guarantee that tomorrow we won’t have the end of the world. Should people live in California when there’s danger of an earthquake, in the east with blizzards? You tell me where the safe place is. Life is a chance. And let me tell you something else: Water sells. Water attracts more people than it will ever [scare] off.” His observation illustrates why it is so hard to break the interacting spiral between disasters and economic development…

*****************************************************************

Sembra uno scherzo della natura: i posti più pericolosi sono anche i più belli e i più pratici…

… Rivers, coasts, and natural harbors facilitate trade and commerce… cities such as New York, Amsterdam, and London… Holland became the world’s first economic superpower because its major cities… The plate tectonics that produce earthquakes also produce natural harbors such as San Francisco’s…

Wallace J. Nichols – un biologo marino – sostiene che la vicinanza all’acqua renda l’uomo più felice.

Forse anche per questo non esiste cura contro i disastri della natura e che i danni aumenteranno. Qualche stima per il futuro…

… The World Bank estimates that between 2000 and 2050, the number of people in large cities exposed to tropical cyclones will rise from 310 million to 680 million, i.e., from 11 to 16 percent of the world’s population. Economic exposure will grow even more, because of rising sea levels, economic growth, and urbanization. In 2005, all ten of the world’s cities most economically exposed to coastal flooding were in the rich world, led by Miami, New York, New Orleans, Osaka-Kobe, and Tokyo. Those ten accounted for 5 percent of world GDP. By the 2070s, Guangzhou, Calcutta, Shanghai, Mumbai, Tianjin, Hong Kong, and Bangkok will join the list, and exposure will equal 9 percent of world GDP…

Ma perché gli uomini si stipano in grandi città costruite nei punti più pericolosi del pianeta?

Ci sono motivazioni psicologiche: essere in tanti ci dà sicurezza. Un po’ l’effetto del “tutti sulla stessa barca”, un po’ l’effetto incredulità: “non puo’ essere che tutti rischino”.

Ma ci sono anche motivazioni storiche… 

… historian Lewis Mumford wrote of the origins of European cities… Five centuries of violence, paralysis, and uncertainty had created in the European heart a profound desire for security,”… “Sheer necessity led to the rediscovery of an important fact … the strength and security of a fortified stronghold, perched on some impregnable rock, could be secured even for the relatively helpless people of the lowlands provided they built a wooden palisade or a stone wall around their village.”…

E anche motivazioni razionali

… disasters are also deadlier in the countryside… rescuers have more trouble reaching…  In India, far more people in rural areas die in periods of extreme heat…

La città attira: sia i poveri che i ricchi. E’ l’ “effetto rete”…

… The economic logic that draws poor peasants to cities in India does the same for highly educated professionals in the rich world…Much of the value of cities comes from “network effects,” the increased productivity that each worker, manager, and professional derives from living, working, and interacting with others in close proximity… difficult to dislodge a city from a position of economic strength…

Le città sorgono e risorgono sempre nella stessa posizione, ci sono tristissimi esperimenti naturali…

… Allied bombing during the Second World War destroyed more than half the buildings in the sixty-six targeted cities. While the atomic bombings of Nagasaki and Hiroshima are best known, a single raid on Tokyo created an inferno that killed eighty thousand people in one night, more than Britain suffered during the entire war… most of the bombed cities had fully recovered their relative size rankings within fifteen years…

Manhattan è un buon esempio: il suo cuore è là dove sorgeva l’antico accampamento indiano…

… Compare lower Manhattan in 1609 to a present-day map and the first thing you notice is how much larger it is. Most of the buildings along the perimeter, from the World Trade Center to South Street Seaport, stand on land that has been reclaimed from the sea over the past four centuries. Not coincidentally, the areas inundated by Sandy correspond almost exactly to those parts of New York that are on reclaimed land. Thus, in some sense New Yorkers have been courting disaster virtually since the founding of the city…

Un posto pericoloso finché si vuole ma da lì non ci si sposta.

La cosa migliore da fare è rassegnarsi: rassegniamoci al futuro disastro, cerchiamo di minimizzare i danni e ripartire…

… each passing year, New York plops more precious infrastructure in the path of destruction… Jeroen Aerts and Wouter Botzen, have calculated that in the past century, the value of buildings in New York’s hundred-year flood zone has risen from less than $1 billion to $18 billion (in constant 2009 dollars)…

Bloomberg chiese a Seth Pinsky di fissare un piano in caso di tsunami su New York.

Una prima ipotesi – poi rigettata – fu quella di “scudare” la città…

… One option Pinsky’s group considered, and rejected, was to protect the entire city with gigantic, movable surge protection… That wouldn’t have been cheap: Jeroen Aerts reckons four barriers, at Arthur Kill, the Verrazano Narrows, the East River, and Jamaica Bay, would cost up to $17 billion. Nor would it have been foolproof: for one thing, the water the barriers would deflect has to go somewhere, and thus unprotected neighborhoods just outside the barriers would be even harder hit. Protecting those areas would cost another $12 billion, and even then some regions would be left unprotected…

L’opzione di liberare il territorio prospiciente al mare dagli insediamenti umani non fu neanche presa in considerazione. Anzi…

… apartment buildings have gone up near the water in Brooklyn and Queens…

Pinsky “fuori onda” ammette…

… “No matter how good our defenses are, from time to time nature is always going to overcome them… we have to make the city more resilient…”

Insomma, New York è indifendibile, inutile perdere tempo con piani astrusi, rassegniamoci al disastro e minimizziamo le perdite. Se il disastro sarà immane prepariamoci ad abbandonare per sempre il sito o a ricostruire tutto da zero in attesa del prossimo evento. Ecco le poche misure credibili…

… Thus, some neighborhoods will have beaches and sand dunes replenished to create natural storm-surge barriers, while buildings will be reinforced to withstand floodwater and their electrical and mechanical systems will be moved from the basement to an upper floor. Increased bus and bicycle right-of-ways will be implemented when the subways are flooded. Cities everywhere are coming to the same conclusion: rather than build ever higher defenses against inevitable flooding, they are finding ways to let the water in with as little damage as possible…

La messa in sicurezza delle città non sembra certo in cima ai pensieri degli uomini… 

… The frenzy of real estate development in Miami might seem crazy given the city’s vulnerability to a rising sea level…

Per Robert Meyer un simile stato di cose è razionale: puntiamo ad arricchirci e la ricchezza ci consentirà di rispondere meglio al disastro. La prevenzione di certo impoverisce e molto probabilmente fallisce.

La città ricca è un magnete. Facciamo ancora il caso di New York…

… If you had predicted in 2000 that New York would, in the coming twelve years, suffer a terrorist attack that killed three thousand and brought down its tallest skyscrapers, a financial crisis that toppled some of Wall Street’s most powerful firms, and then a hurricane that put huge sections of the city under water, what would you have predicted would happen to the city’s population? Probably not that it would grow by 5 percent, or nearly four hundred thousand people…

Il prevedibile destino della grande mela racconta una storia universale:

… Someday, New York is going to be hit by another Sandy, and chances are, it will be far more costly than the last — not because the city failed, but because it succeeded at making even more people feel safe long enough to prosper…

tornado-1

 

 

Quanta poesia c’è nella scienza?

Cultura umanistica o scientifica?

Da noi, in passato, forse c’è stato un abuso della prima, ma altrove è successo il contrario e sarebbe bene non cadere dalla padella alla brace.

Quale delle due privilegiare per affrontare meglio il futuro? David Gelenrter è un tipo interessante da ascoltare sul tema.

Prima di decidere come “coltivare” la nostra mente sarebbe buona cosa capire come funziona. DG, in quanto  protagonista degli studi sull’intelligenza artificiale, è tra i più titolati a parlarci della soggettività, cosa che prova a fare nel libro “The Tides of Mind”.

Considerata la natura emulativa implicita nella costruzione della mente di un robot – il futuro passa da lì è bene comprendere al meglio la nostra.

Sia la cultura umanistica che quella scientifica hanno qualcosa da dire: chi dobbiamo ascoltare con più attenzione? Chi è più affidabile?

Difficile rispondere, di certo lo sforzo scientifico è stato sopravvalutato guadagnandosi un monopolio che non merita.

Molti di noi pensano alla mente come ad un reperto dissotterrato circondato da scienziati in camice bianco intenti a mapparlo palmo a palmo per isolarne le singole funzioni: non è così. La mente umana è un organismo che si muove, cambia e vive parallelamente al corpo….

… The role of emotion in thought, our use of memory, the nature of understanding, the quality of consciousness—all change continuously throughout the day…

Il cielo fornisce una buona analogia…

… If you understand the nighttime sky, you understand how the stars’ positions change. Not to understand those patterns of change is not to understand the sky…

La nostra mente che lavora su un problema matematico è molto diversa dalla mente che si dibatte nel corso di un incubo. Eppure noi usiamo la parola “mente” in entrambi i casi. Questo puo’ portarci fuori strada.

I nostri pensieri sono soggetti ad un ciclo quotidiano…

… our thought processes differ when we are fresh and wide-awake, when we are at a comfortable midday midpoint, and when we are drifting off to sleep…

E’ qualcosa che il senso comune coglie ma che spesso la scienza trascura.

La mente è un’isola che la marea scopre e sommerge ciclicamente. Conoscere la terra emersa senza conoscere la sua vita subacquea è velleitario…

… As we descend from the top, our gift for abstraction and reasoning fades while sensation and emotion begin to bloom cautiously and then grow lusher and brighter…

Scindere le due condizioni risulta deleterio, ma lo facciamo tutti quando tendiamo a dimenticarci la “vita sommersa”…

… That night I was startled awake by a dream,” writes the psychoanalyst Stephen Grosz, “which began to dissolve as soon as I woke.”)…

Abbiamo stili di pensiero diversi a seconda se è mattina o sera. E questo concetto si applica anche alla società nel suo complesso. Eliot su Dante

… “Dante’s is a visual imagination. It is visual in the sense that he lived in an age in which men still saw visions” (“Dante”). Ancient literature drifts farther and farther out of focus to modern minds—not just because old literature is written in old language, not just (by no means!) because it uses unfamiliar assumptions about society and each person’s status and value, but also, most important by far, because it uses different thought styles from those of today…

Noi privilegiamo il pensiero analitico mentre il medioevo dava un posto d’onore al pensiero visionario.

Leggere la letteratura del passato senza scontare lo stile di pensiero è come vedere un film accelerato o rallentato: la cifra estetica si perde completamente…

… Trying to read ancient literature (such as the older strata of the Hebrew Bible) without retuning our minds to lower-spectrum settings is a plain mistake…

I cervelli non cambiano nei secoli ma la mente sì.

Perché la nostra infanzia è così importante per noi? L’infanzia è la nostra mente “subacquea”, ha mille connessioni con la mente emersa.

La mente-organismo, la mente-fluttuante, la convivenza di più menti nella nostra persona è un fatto chiave quasi sempre ignorato. Ma questo porta ad ignorare domande non da poco…

… What are the mind’s dynamics? How do relations between thinking and memory change over a day? How does the role of memory itself change, between its duty as mainly an information source up-spectrum (where did I put it, what do I do next, who is that?) and its chattier, storyteller role down-spectrum, supplying remembered incidents, anecdotes, and eventually the whole rich ambience of dreams?…

Quando cala la sera la nostra mente muta e quando chiudiamo gli occhi i nostri pensieri diventano delle realtà concrete che incontriamo faccia a faccia.

Perché ci siamo persi questo fatto chiave? Il problema è la soggettività. La soggettività è un concetto che mina alla base la scienza, ovvero la religione del nostro tempo.

Kant riusciva ancora a dare un ruolo alla soggettività ma già il paradigma di Monod la espelleva completamente dal nostro orizzonte: solo caso e necessità avevano diritto di cittadinanza.

La soggettività è sospetta, paradossale, poco scientifica. La mentalità contemporanea la detesta, ne è infastidita. Ma lei si ripresenta a tutti noi ogni mattina quando ci svegliamo.

E’ difficile studiare le maree stando immersi nell’acqua…

… As we descend the spectrum into the circus din of vivid, sometimes bizarre hallucination, our attention grows overstrained, sensation and emotion fill our mind to the edges—and we are less and less able to create sound new memories…

La mente è una stanza con una finestra: noi parliamo sempre della finestra (e del panorama che vediamo) e mai della stanza in cui abitiamo…

… The mind is a room with a view: from inside, we observe the external world and our own private, inner worlds. Mentally, we are stuck inside our rooms as we are stuck, physically, within our bodies…

John Searle

… “The history of philosophy of mind over the past one hundred years,” writes the philosopher John Searle, “has been in large part an attempt to get rid of the mental by showing that no mental phenomena exist over and above physical phenomena.”…

Focalizzarsi sulla materia sembra tanto “scientifico”, in realtà così facendo noi trascuriamo delle evidenze: l’evidenza della soggettività. E cosa c’è di più anti-scientifico che trascurare le evidenze?

Gli studi sull’ IA hanno incoraggiato questa tendenza. Ma oggi la soggettività ha più difensori che in passato: ho citato John Searle ma avrei potuto citare anche Thomas Nagel.

Le nuove attenzioni che riceve il soggettivismo rivalutano la fenomenologia e Freud.

La nuova scienza della mente non potrà più trascurare il soggetto, sarà scienza della soggettività…

… We want neurobiology to explain the phenomena we’ve discovered, but first we must discover them…

Ma cos’è la soggettività (ad alcuni nota come anima)?

Ciascuno di noi ha una dimensione soggettiva e lo sappiamo perché “è evidente”, almeno per quanto riguarda noi stessi. Per quanto riguarda gli altri lo inferiamo osservando i corpi. Wittgenstein:

… “The human body, is the best picture of the human soul”…

Si arriva al punto che, a volte, la consapevolezza dell’anima altrui è notevole. La moglie conosce la soggettività del marito meglio di lui…

… Jack is a middle-aged man I know who takes a battery of medications for chronic pain. None relieves the pain absolutely, and the medications take hold and wear off gradually. On certain occasions his wife will ask, “Are you sure you took your meds this evening?” “Of course I did; I feel fine!” Jack will snarl. Then he will march back into the bedroom to establish that she is wrong—and discover, usually, that she is right. The pills will be laid out on the pill shelf, untaken. His wife knows his pain level better than he does…

La “simpatia” tra esseri umani puo’ raggiungere livelli molto elevati, in questi casi giungiamo a sentire quel che sente l’altro, è come se le rispettive “soggettività” vibrassero in simpatia tra loro, come se entrassimo in un comune spazio di risonanza emotiva.

Tuttavia, dice qualcuno, restiamo fondamentalmente isolati: c’è un giochetto filosofico per far comprendere il concetto di “solipsismo”…

… what you call red, I might experience as blue, while I see “blue” as red. Our subjective experiences of color might be radically different, and neither of us would ever know…

Ma se il giochetto funziona con i colori, con le emozioni funziona meno. Non a caso descriviamo di continuo quel che proviamo fiduciosi che l’altro possa capirci…

… Colorful clichés—butterflies in the stomach, insides twisted in knots, jumping for joy, bored to tears, bursting with news—help us to be understood. “My heart aches, and a drowsy numbness pains / My sense . . .” (John Keats, “Ode to a Nightingale”)…

Inoltre, pensiamo di conoscere quel che prova l’altro: nella vita quotidiana il paradosso solipsista non c’impensierisce più di tanto, i sentimenti sembrano colmare il gap dell’incomunicabilità radicale.

Per studiare la mente dobbiamo partire da cio’ che sappiamo della mente, ovvero dalla nostra soggettività, la prima legge primaria della psicologia (ma di qualsiasi scienza) è: conosci quel che vuoi spiegare.

Giova ripeterla poiché studiosi illustri, come per esempio Daniel Dennett, la dimenticano platealmente. Nelle parole di Dilman

… “In his commitment to find a scientific explanation of consciousness he shows very little understanding of ‘folk psychology,’ treating its contents in a very cavalier fashion.” (“Folk psychology” is commonsense, intuitive psychology.) Dilman continues: “What he needs is a clarification of the concept of consciousness, instead of an explanation of it along scientific lines.”…

Per studiare la coscienza noi dobbiamo prima descriverla e per descriverla dobbiamo osservarla. Solo grazie all’introspezione possiamo portare a termine un simile compito. Tutto parte da lì. Shaun Gallagher

… from “a methodologically controlled reflective introspection.”… One must (methodically) introspect

Ma psicologi e filosofi odiano l’ introspezione.

La loro fregola è l’esperimento, sentono il brivido della “scientificità” solo se maneggiano cavie… e quand’anche la loro coscienza si appalesi ad un palmo dal naso, si girano dall’altra parte con grandi sforzi pur di non vederla.

Ci sono altre fonti preziose a cui attingere, sta di fatto che non si puo’ studiare un problema essenzialmente legato alla nostra soggettività senza utilizzare l’introspezione.

Tuttavia, è tremendamente facile equivocare sull’introspezione…

… “Until a person is able to fill up those concepts with their manifestations in his own life,” writes Jonathan Lear, “his understanding of those concepts will be hollow.”…

Abbinare certi concetti astratti alla nostra esperienza personale è operazione preziosa ma difficile. Si rischia di personalizzare troppo e restare vittime di un solipsismo che ci isola…

… “I live inside a skin inside a house. There is no act I know of that will liberate me into the world. There is no act I know of that will bring the world into me” (J. M. Coetzee, In the Heart of the Country)… V. S. Naipaul describes his proper topic: “The worlds I contained within myself, the worlds I lived in” (Enigma of Arrival)…

Sperimentare la nostra coscienza è qualcosa di estremamente intimo e difficile da comunicare, ma è anche qualcosa che la mente tocca tutti i giorni, che ci sta addosso, l’uomo onesto non puo’ eluderla. David Chalmers scrive:

… Conscious experiences range from vivid color sensations to experience of the faintest background aromas; from hard-edged pains to the elusive experience of thoughts on the tip of one’s tongue. . . . All these have a distinct experienced quality. . . . To put it another way, we can say that a mental state is conscious if it has a qualitative feel—an associated quality of experience…

Charles Siewert è ancora più diretto…

…  ‘That noise sounded louder to me than the previous one’; ‘I was visualizing the front door of my house’; ‘it looks to me as if there is an X there.’…

Ma cosa dobbiamo intendere per “qualità della coscienza”?

La qualità varia a seconda che siamo svegli o che siamo addormentati mentre sogniamo

…  “The first task of the science of mind,” writes Hobson, “—to describe, define and measure polar states of consciousness such as waking and dreaming—has only recently assumed a serious status.”…

Diventa essenziale descrivere i vari stati di coscienza: sveglio, addormentato con sogni, sogni ad occhi aperti, dormiveglia… Tutti questi stati si spalmano su un continum poiché tra la veglia e il sonno non c’è una netta rottura. Il libero fluire delle associazioni nel dormiveglia è solo una delle tante forme assunte dalla nostra coscienza.

Di fatto la nostra persona contiene una moltitudine di personalità…

… You have one personality, refracted into many states of consciousness by the prism of mental focus…

Il legame tra memoria ed esperienza è cruciale: non esiste esperienza senza memoria…

… we don’t experience an event merely by living through it. To experience an event, we must live through and remember it… Surgeons will tell you that sometimes a patient is awakened briefly on the operating table when the procedure is almost finished, to make sure everything has been put back in place. But modern anesthetics and associated drugs ensure that no memories are laid down; the patient will never recall this little scene…

L’esperienza è una memoria. D’altro canto ci sono esperienze paradossali fatte con un grado di coscienza che non incide sulla memoria. Si tratta di esperienze che si auto-cancellano. La nostra mente archivia una serie di esperienze a cui non abbiamo accesso.

Persone differenti hanno modelli mentali differenti, è difficile uniformare. Le parti nascoste della mente rendono più difficile la conoscenza di se stessi e quindi l’introspezione.

Una cosa è certa: le cose più importanti sono le cose che ci stanno più vicine, cominciamo da quelle…

… Seeing things that are too close instead of too distant to make out clearly is one definition of philosophy and the philosophical method… “How hard I find it,” writes Wittgenstein, “to see what is right in front of my eyes!”…

Per vedere le cose più vicine la cultura umanistica è più preziosa di quella scientifica. Ralph Waldo Emerson…

… In silence, in steadiness, in severe abstraction, let him hold by himself; add observation to observation, patient of neglect, patient of reproach, and bide his own time,—happy enough if he can satisfy himself alone that this day he has seen something truly. . . . For the instinct is sure, that prompts him to tell his brother what he thinks. He then learns that in going down into the secrets of his own mind he has descended into the secrets of all minds…

Per un’introspezione adeguata la cultura umanistica offre guide più affidabili rispetto alla scienza. Per cogliere in modo nitido l’intuizione trascendentale meglio affidarsi alla cultura umanistica. Le guide migliori…

… Shakespeare, Blake, Keats, De Quincey, Racine, Rimbaud, Hugo, Hölderlin, Büchner, Rilke, Kafka, Chateaubriand, Flaubert, Dostoyevsky, Proust, Jane Austen, Charlotte Brontë, Henry James, Ernest Hemingway, Vladimir Nabokov, Karen Blixen, Cynthia Ozick, J. M. Coetzee, V. S. Naipaul, Wordsworth… Freud… Hebrew Bible, Donne, Sterne and Jane Austen, Coleridge and Wordsworth, Proust and Kafka, Dostoyevsky and Tolstoy… Philip Roth and Martin Amis, Cynthia Ozick, Jenny Erpenbeck, John Banville…

Ma perché i romanzieri battono gli scienziati: non hanno teorie da difendere, non hanno interessi in gioco. Sono i migliori accompagnatori per chi visita il regno della soggettività. Hanno un eccellente intuito e non disprezzano mai il senso comune…

… what Shakespeare thought about the mind is not folk anything. It goes as deep as psychology can…

Un’altra fonte per indagare la mente è il linguaggio, ovvero il distillato secolare della saggezza umana. E cosa esalta il linguaggio più di una cultura umanistica?…

… Language is our handbook of common knowledge and common sense. Language is knowledge distilled…

book-52

È sbagliato dar da mangiare dei gattini a un boa constrictor?

Hal Herzog è l’uomo più adatto a rispondere, e per la verità nel suo saggio “Perché è così difficile essere coerenti con gli animali?” ci prova.

Conclusione: non lo sa

Ma lo sforzo ha comunque prodotto una tesi generale: nelle relazioni uomo/animale la bizzarria è la regola, non l’eccezione. Il che moltiplica il valore della tolleranza, almeno in questo campo.

****************************************************************

Judith Black già a dodici anni aveva deciso che era sbagliato uccidere gli animali per il loro sapore. Solo che non aveva un’idea chiara di cosa fosse un “animale”. I pesci per lei non lo erano, ne mangiava in quantità ritenendosi vegetariana.

Poi conobbe Joseph

… Questa tassonomia morale svisata ha funzionato bene finché Judith non ha conosciuto Joseph Weldon, un laureato in biologia. Al loro primo incontro, Joseph, che la carne la mangiava, cercò di convincere Judith del fatto che non c’è la minima differenza morale tra il cibarsi di una gallina della Cornovaglia o di una spigola cilena… sia gli uccelli che i pesci sono vertebrati, posseggono un cervello e hanno una vita sociale…

Anche se non riuscì mai a convincere Judith i due si sposarono e lo scontro pinnati/pennuti si riproponeva regolarmente a tavola.

Dopo tre anni

… Dopo tre anni di dispute filosofiche, una sera Judith con un sospiro si arrese: «Ok, hai ragione, i pesci sono animali». Ora però le toccava affrontare un’ardua scelta: doveva cessare di mangiare pesce o cessare di considerarsi vegetariana?…

Un fatto decise per lei:

… Joseph fu invitato da alcuni amici a una caccia al gallo cedrone. Benché non avesse alcuna esperienza con le armi, riuscì non si sa come a centrare un uccello in volo e, secondo la prode tradizione del cavernicolo, si presentò a casa con un cadavere d’animale fra le mani. Quindi spennò e fece cuocere la sua preda, e orgogliosamente la servì alla moglie con accompagnamento di riso selvatico e di una squisita salsa di lamponi…

Quindici anni di elevata moralità buttati al vento, il sapore del gallo cedrone arrosto segnò un punto di non ritorno…

… si era unita alle fila degli ex vegetariani…un nutrito gruppo che attualmente negli Stati Uniti supera i vegetariani in un rapporto di tre a uno…

***************************************************************

La storia di Jim Thompson è diversa: aveva lavorato presso un laboratorio di ricerca in avicoltura di Lexington, nel Kentucky e il suo compito era sopprimere i pulcini dopo gli esperimenti. Un giorno gli capitò tra le mani la rivista “The Animal’s Agenda”…

… da allora in avanti non mangiò mai più carne… Nei due mesi seguenti, Jim smise di indossare scarpe in cuoio e cercò di convincere la sua ragazza a diventare anche lei vegetariana. Cominciò persino a interrogarsi se fosse o meno etico tenere animali da compagnia, tra i quali rientrava il suo adorato cacatua bianco. Un pomeriggio, guardando l’uccello svolazzare nella gabbia in salotto, sentì nella propria mente una vocina sussurrargli: «È una cosa sbagliata»… la liberò nei cieli grigi di Raleigh, nel North Carolina. Fu una bellissima sensazione, mi disse poi. «Una cosa incredibile!». Anche se poco dopo, con grande imbarazzo, aggiunse: «Sapevo che non sarebbe sopravvissuta, che sarebbe probabilmente morta di fame. Presumo di averlo fatto più per me stesso che per lei»…

****************************************************************

E che dire di Carolyn che, vent’anni fa, si innamorò pazzamente di un lamantino del peso di 500 kg?…

… Sulla scala filogenetica, Snooty si situa in un qualche punto tra il Mostro della laguna nera e Yoda di Guerre stellari. Quando Carolyn me lo presentò, l’animale si agganciò con le pinne al bordo della sua vasca, sollevò la testa di mezzo metro sul pelo dell’acqua e mi guardò dritto negli occhi, come se mi stesse ispezionando. Benché il suo cervello sia più piccolo di una palla da softball,2 sembrava stranamente consapevole. Trovai l’esperienza inquietante…Per oltre due decenni, l’esistenza di Carolyn ruotò intorno a Snooty… lo nutriva con le proprie mani: ogni giorno 55 kg di vegetali…quando capitava che lei si prendesse una o due settimane di vacanza con il marito, il lamantino era depresso e non mangiava…

Alla fine rinunciò a qualsiasi vacanza. Il marito l’accusò di non avere le giuste priorità e saltò in aria anche il loro matrimonio.

***************************************************************

Tesi: il bizzarro modo di considerare gli animali che ritroviamo in Judith, Jim e Carolyn non è l’eccezione bensì la regola.

Un giorno lo stesso Herzog ricevette una telefonata dalla sua collega Sandy, scienziata e animalista… 

… «Hal, ho sentito dire che hai preso dei gattini dal rifugio per animali della Jackson County e li hai dati da mangiare a un serpente. È vero?». Fui totalmente colto alla sprovvista. «Ma di che parli? Abbiamo un serpente, è vero, ma è solo un cucciolo. Non potrebbe nemmeno inghiottirlo, un gattino…

Un’accusa del genere suonava infamante ma spinge anche a riflettere, d’altronde i serpenti non mangiano carote o asparagi. Ma forse proprio per questo non è morale detenere un boa.

Certo che a pensarci bene anche i gatti consumano carne: di vitello, di cavallo, di tacchino, di pesce….

… se ogni gatto consuma quotidianamente circa 60 grammi di carne, tutti insieme questi felini ne consumano circa 5500 tonnellate… l’equivalente di tre milioni di polli…

Inoltre, a differenza dei serpenti i gatti uccidono per divertimento

… molti possessori di gatti paiono incuranti della devastazione che i loro amici… distruttivi effetti dei gatti sulle circostanti popolazioni di uccelli canori…

Ironia della sorte, a molti possessori di gatti piace anche nutrire gli uccellini nel prato dietro casa…

… È verosimile che, come risultato del nostro amore per i gatti, ogni anno vengano uccisi volatili e piccoli animali con pelo in misura almeno dieci volte maggiore di quelli usati negli esperimenti biomedici…

Il serpente consuma pochissimo: un boa adulto giusto una mezza dozzina di topi l’anno. Due kg di carne, vuoi mettere…

… l’onere morale prodotto dal fruire della compagnia di un gatto è dieci volte più alto rispetto all’avere un serpente…

**************************************************************

Proposta:

… ogni anno negli Stati Uniti vengono soppressi nei «rifugi» animali circa due milioni di gatti abbandonati che vengono poi cremati… Non sarebbe più sensato mettere queste carcasse a disposizione degli amanti dei serpenti?… si potrebbe sacrificare un numero inferiore di topi…

Una cosa è certa: con la parte razionale del nostro cervello possiamo giungere a molte conclusioni che stanno in piedi ma che la nostra parte emotiva respinge. Questo è doppiamente vero quando si parla di animali.

****************************************************************

Ma paradossi più sorprendenti escono fuori quando parliamo di animali di compagnia.

Prendiamo il caso di Ron

… Ron Neibor studiava in che modo il cervello riorganizza se stesso dopo una lesione, e i gatti, per loro sfortuna, erano il modello migliore per i meccanismi neurali che stava analizzando. Ron impiegava una tecnica classica delle neuroscienze: rimuovere chirurgicamente specifiche parti del cervello degli animali per osservare poi in che modo le loro abilità si ripristinassero nelle settimane e nei mesi seguenti…

Ron amava i suoi gatti, andava da loro persino nel week end per liberarli e giocare sul pavimento del laboratorio. Eppure, l’esperimento che si apprestava a compiere senza tentennamenti era inquietante…

… la testa dell’animale viene recisa dal corpo… affinché il cervello possa essere estratto…

Nei giorni cruciali Ron appariva strano

… Il suo umore si trasformò… divenne teso, introverso, intrattabile… Sopprimerli gli richiese un prezzo da pagare, a volte aveva gli occhi arrossati e teneva lo sguardo basso mentre percorrevamo i corridoi…

***************************************************************

Sammy Hensley era un agricoltore…

… Le sue due grandi passioni erano i cani e la caccia ai procioni. Quest’ultima era per lui non tanto uno sport, quanto uno stile di vita. Non mangiava i procioni che uccideva, li spellava e ne inchiodava le pelli e le zampe sul fianco del granaio, per esibire al vicinato le sue prodezze di cacciatore…

C’erano due generi di cani nella vita di Sammy – cani da compagnia e cani per la caccia al procione – e conducevano esistenze molto diverse.

Sammy amava i suoi segugi ma erano pur sempre cani da lavoro: se non erano più abili venivano dati via o soppressi. Sarebbe stato sconvolgente per Sammy pensare in questi termini di un suo cane da compagnia…

… Sammy e sua moglie, Betty Sue, possedevano anche dei cani da compagnia. Mentre i segugi non vedevano mai l’interno della casa, gli altri – di solito cani piccolotti tipo i Boston terrier – ci scorrazzavano a piacimento. A differenza dei segugi, questi cani facevano parte della famiglia. Venivano coccolati, intrattenuti giocando e avevano il permesso di chiedere bocconi di cibo durante i pasti della coppia…

Per la famiglia Hensley, i cani da caccia e i cani da compagnia sarebbero benissimo potuti essere specie diverse di animali.

***************************************************************

Più della metà dei proprietari di cani considera i loro animali membri della famiglia, eppure l’interazione con loro rivela un lato oscuro che getta un’ombra su tanto amore: innanzitutto quella che chiamiamo “compagnia” a rigore resta pur sempre una forma di schiavitù a cui non sottoporremmo mai un “membro della famiglia”. Poi…

… Uno su dieci fra gli statunitensi adulti ha paura dei cani, e i cani sono secondi solo ai rumori molesti notturni come fonte di litigi tra vicini di casa (il mio amico Ross ha dovuto vendere casa e traslocare perché i latrati del cane di un vicino avevano trasformato la sua vita in un incubo). Mediamente, in un anno quattro milioni e mezzo di americani subiscono morsi di cani, e una ventina di persone, per lo più bambini, vengono uccise da questi animali… nei rifugi i cani abbandonati a cui si pratica l’eutanasia vanno dai due ai tre milioni…

Ci sono poi i tremendi problemi genetici che abbiamo causato loro (per amore)…

… il bulldog inglese, una razza che l’esperto di comportamento dei cani James Serpell ha definito un disastro ferroviario canino.8 I bulldog hanno delle teste così mostruosamente grandi che il 90 per cento dei cuccioli deve essere partorito mediante taglio cesareo. Il loro muso deformato e i passaggi nasali alterati rendono faticosa la respirazione, anche durante il sonno, e inoltre questi cani soffrono di disturbi delle articolazioni, problemi dentari cronici, sordità e numerose malattie dermatologiche causate dalle grinze della pelle. Come se tutto questo non bastasse, i bulldog inglesi si surriscaldano facilmente e hanno la tendenza a sbavare, russare, scoreggiare e morire di colpo per arresto cardiaco…

In Corea un cucciolo può diventare tanto un compagno di giochi che una voce del menù. Ma si va oltre: lo stesso cucciolo puo’ essere prima una tenera compagnia per anni  e poi trasformarsi senza traumi in un gustosissimo secondo piatto…

… I cani da carne, che sono tipicamente a pelo corto, grossi animali dall’aspetto malandato tipo Zanna Gialla, vengono allevati in condizioni orribili prima di essere macellati, in genere mediante elettrocuzione…

Insomma, una sequela di contraddizioni all’apparenza difficili da risolvere, almeno finché non si scopre che è impossibile.

***************************************************************

I casi studiati per sostenere la tesi dell’impossibilità sono veramente molti…

… lo studente di veterinaria che tenta di non piangere quando pratica l’eutanasia a un cucciolo, l’attivista per i diritti degli animali che non trova nessuno da frequentare perché «il solo fatto di uscire a cena diventa una prova impossibile», l’addestratore di circo la cui esistenza ruota interamente intorno agli orsi giganti che si trascina per tutto il paese nei claustrofobici confini di un autotreno a diciotto ruote, il veterano dei combattimenti di galli che diventa raggiante quando gli propongo di scattare una foto al suo adorato pennuto sfregiato negli scontri da cui è uscito ben sette volte vincitore. Ho preso parte a manifestazioni di protesta per i diritti degli animali, a servizi religiosi che impiegano serpenti e a combattimenti clandestini di galli. Ho intervistato tecnici di laboratori animali, organizzatori di grandi competizioni canine e addestratori di piccoli circhi con animali. Ho osservato studenti delle superiori mentre dissezionavano il loro primo feto di maiale e ho aiutato il personale di un’azienda agricola a macellare il bestiame… donne cacciatrici, soccorritori di cani, ex vegetariani e gente che ama i ratti come animali da compagnia. Abbiamo intervistato migliaia di persone in merito alle loro opinioni sui rodei, sull’allevamento industriale e sulla sperimentazione animale…

Il tentativo di trovare un terreno di dialogo comune su questo tema puo’ dirsi non riuscito.

Il filosofo Strachan Donnelley chiama questo insidioso territorio etico “il punto mediano travagliato”.

Lo stesso Herzog si confessa uno “smidollato etico”, sempre pronto a negoziare e a cambiare idea…

… Io mangio carne, ma non tanta come facevo un tempo, e non di vitello. Sono contrario a testare sugli animali la tossicità di un cosmetico o di un prodotto per pulire il forno, ma sacrificherei moltissimi topi pur di trovare una cura per il cancro. E, benché certe posizioni filosofiche espresse dai fautori della liberazione animale mi sembrino convincenti, credo però che la nostra capacità, enormemente maggiore, di produrre linguaggio simbolico, cultura e giudizi etici ponga gli esseri umani su un piano morale diverso da quello degli altri animali… oggi vedo questo mondo in sfumature di grigio anziché nel bianco e nero senza macchia degli animalisti e dei loro altrettanto vociferanti avversari… questo anche se c’è chi dice che siamo degli attendisti, degli smidollati morali…

Come può del resto il 60 per cento degli americani ritenere, allo stesso tempo, che gli animali abbiano il diritto di vivere e che la gente abbia il diritto di mangiarli?

Puo’, puo’ tranquillamente se l’unica coerenza che vige è l’incoerenza.

mice

Le sorprendenti virtù dello spreco

Ultimamente lo spreco non gode di buona stampa, da quando un “opinion leader” del peso di Papa Francesco lo ha additato al pubblico ludibrio la sua sorte sembra segnata.

Peccato.

Peccato perché ci sono sprechi costruttivi che tutelano l’ambiente, altro settore che sta molto a cuore al Papa.

Prendiamo la questione del riscaldamento globale: quanti problemi! E’ difficile difendersi da una minaccia del genere poiché occorrerebbe un accordo generale tra tutti i paesi. Evento alquanto improbabile. E nel frattempo?

In mancanza di questo pre-requisito c’è chi ritiene di agire unilateralmente contenendo gli sprechi nella propria vita quotidiana. Una lezioncina che si insegna anche ai bambini delle elementari con una tenacia degna di miglior causa.

Purtroppo questo modo di agire è inutile se non controproducente, proviamo a ragionare: la persona attenta a non sprecare risorse cerca di limitare i suoi consumi energetici. Giusto? Sì.

Tuttavia, gli effetti di una simile condotta non sono tutti commendevoli, anzi… Il principale è quello di abbassare i prezzi e rendere quindi più appetibili i consumi energetici altrui.

Oltretutto, è molto prevedibile che gli altri ne approfittino in massa visto che viviamo in un mondo che non chiudendo accordi generali contro il global warming si dimostra poco sensibile al problema.

Conclusione: chi non spreca incentiva gli altri ad inquinare.

E’ la via giusta da percorrere? No se a voi sta a cuore l’ambiente, sì se volete solo tacitare la vostra coscienza compiendo cio’ che una mentalità miope considera “una buona azione”.

Mettetevi invece nei panni di un ambientalista genuino e pragmatico. Come potrebbe agire in modo coerente per la causa?

Semplice: “comprare e non usare”, ovvero sprecare.

Questa pratica ha un nome: stockpiling.

Esempio: compro 10 taniche di benzina e le butto nel pozzo (che spreco!).

In questo modo alzo i prezzi giocando un brutto scherzetto ai consumatori di benzina (inquinatori), i quali si daranno una regolata nei consumi.

Se da soli non si puo’ sprecare più di tanto, uniti in un movimento di massa lo spreco benefico comincerà ad assumere dimensioni ragguardevoli.

Lo spreco come politica nazionale, poi, inciderebbe parecchio e non sarebbe male se fosse il cuore delle nostre politiche ambientali

Anziché offrire sussidi per montare i pannelli solari potremmo utilizzare quelle risorse per acquistare carbone e petrolio da lasciare inutilizzato nei magazzini.

Bard Harstad, nel saggio “Buy Coal! A Case for Supply-Side Environmental Policy”, mette a punto un possibile piano.

Ma la premessa per agire razionalmente è smetterla di condannare stoltamente lo spreco, specie se ci si professa ambientalisti. Lo spreco giusto salverà il pianeta, o comunque darà una mano.

p.s. il carbone “sprecato” nei magazzini potrebbe essere dirottato verso la cultura… L’ arte povera di Jannis Kounellis, per esempio, lo impiega regolarmente in fascinose quanto inerti  installazioni… 

4455_4

Musica di merda

Come nasce il gusto musicale?

Domanda sibillina: se ne occupa Carl Wilson nel libro “Musica di merda”.

Già dal titolo, comunque, si rinvia ad un’ ipotesi suscettibile di verifiche: il gusto nasce da un disgusto.

Ci si rifà al motto del musicista di culto Momus: «L’inferno è la musica degli altri».

Ciascuno di noi odia alcune canzoni, e ci sono canzoni che sembrano fatte apposta per essere odiate. Senonché, a mente fredda, ci si accorge che milioni di persone le adorano, e che con questa realtà non si riesce a patteggiare.

Il caso studiato è quello di “My Heart Will Go On”, Céline Dion, del resto, è un’epitome della star odiata/osannata. Wilson su Titanic (il film che ospita il pezzo)…

… Non avevo visto il film e non possedevo un televisore, ma le riviste e i siti web che leggevo rafforzavano la mia certezza che quel prodotto di cassetta fosse una ruffiana patacca, un film d’azione al femminile, calibrato a puntino attraverso proiezioni di prova per essere dato in pasto a un pubblico di coppie…

Così Suck.com parlava di Titanic…

… «un vaudeville cinematografico lungo quattordici ore, che possiede la dote più importante per un film: una trama chiara e capace di insegnare cose nuove e importanti, per esempio che se sei incredibilmente bello ti innamorerai»…

Fare sarcasmi sulla Dion era la normalità nel mondo della critica, prendere in giro la 14esima canzone più popolare di tutti i tempi era doverosa routine tra chi voleva segnalare un gusto sofisticato…

… Schivare My Heart Will Go On nel 1997-98 avrebbe richiesto di ritirarsi dalla civiltà del suono alla maniera di Unabomber…

Cerchiamo di capire qual è il mondo dove vive ed opera lo “schifatore” tipico?…

… Mi battevo a favore degli sperimentatori e degli autori di certe canzoni impopolari che mi piaceva definire «colte»… Non mi sarei mai degnato di ascoltare un intero album di Céline Dion… una conoscenza dei suoi successi sufficiente per potersene burlare con cognizione di causa…

Robert Christgau, paragonò la popolarità di quella canzone a una “prova da sopportare”.

La rivista britannica Q elesse Dion tra le tre peggiori cantanti pop di tutti i tempi.

Cintra Wilson sulla Dion:

… «la donna più repellente che abbia mai cantato canzoni d’amore… il suo untuoso miagolare in chiassosi colori primari… Penso che la maggior parte delle persone preferirebbe essere digerita nell’intestino di un anaconda piuttosto che essere Céline Dion per un giorno…

Il catalogo degli insulti si arricchiva di mese in mese. Andava formandosi anche un divertente barzellettiere…

… «Perché la bambola gonfiabile con la faccia di Céline Dion è stata ritirata dal mercato? Perché non teneva mai la bocca chiusa»…

Nella notte degli Oscar per molti prese corpo l’apogeo dell’odio.

Titanic vinse tutto e la Dion aveva un improbabile rivale, Elliott Smith, l’eroe di molti “odiatori” provenienti dalla sotto-cultura indie…

… uno di quei cantautori «colti» che registravano canzoni in camera da letto…

Timido e butterato, con un passato di violenze subite…

… melodie sospirose… testi venati di rabbia…

Ex bambino vittima di bullismo

… Smith affrontava inoltre in modo franco, secondo me, uno dei principali paradossi dei partigiani della cultura «alternativa»: dare l’impressione di voler affermare la propria superiorità rispetto alle masse… Se il rispetto o la semplice correttezza ti sono stati negati, ti costruisci una gran vita (la miglior vendetta) con ciò che riesci a scroccare fuori dall’orbita altrui, libero dalla sete di approvazione da parte della maggioranza. Questa dinamica viene reiterata spesso nelle canzoni di Smith… Se lamentazioni e genitori che ti rinnegano sono tutto ciò che ti è dato in sorte, allora lucidi la merda che hai fino a farla splendere… trovi sostegno e compassione in un volontario esilio…

Anni prima Smith aveva incontrato il regista indipendente Gus Van Sant cosicché scrisse canzoni per il suo primo film importante “Will Hunting”.

E’ così che si ritrovò catapultato a sorpresa nella notte losangelina degli Oscar…

… in uno dei cartelloni più bizzarri da quando Jimi Hendrix aprì per i Monkees…

Smith arrivò sul palco strascicando i piedi, la canzone sembrò piccola (e incantevole). E cosa avvenne dopo?…

… Céline Dion sbucò fuori da nuvole di finta nebbia… portò tutto il suo repertorio di mimiche e smorfie… oltre alle note tonsille ululanti…

La pop star vinse a mani basse e Madonna – sogghignando verso Smith – aprì la busta con il verdetto definendolo ironicamente una “sorpresona”.

Quella notte il risentimento degli odiatori di Dion toccò un picco, questo è poco ma sicuro.

Oltretutto, Elliott Smith reagì negativamente alla propria dose di fama: sbalzi d’umore, droghe e poi, il 21 ottobre 2003 a soli 34 anni…

Il culto di Smith crebbe parallelamente alla denigrazione della Dion: nella prima metà del secolo scorso il poeta Paul Valery aveva già inquadrato gli eventi…

… «Il gusto è composto da mille disgusti»…

E proprio il mistero del gusto merita di essere indagato in questa vicenda: cosa tiene separati il popolo di Titanic e quello di Smith?

Perché, a fronte di una folla adorante, per i critici musicali le canzoni della Dion erano solo…

… blanda monotonia gonfiata fino a fastidiosi livelli di magniloquenza… un brodino di pollo per anime consumiste… sordo al contesto e al conflitto sociale… la solita, noiosa brava ragazza… sposata con un pigmalione col doppio dei suoi anni

Chi odia Céline Dion vive in un mondo dove non incontra nessuno a cui piaccia Céline Dion, questo è poco ma sicuro.

Negli anni 90 successe poi qualcosa di interessante e sintomatico, la fascinazione per gli imperativi culturali “underground” si indebolì, anche gli ascoltatori più sofisticati divennero più indulgenti con la musica pop…

… Internet mise in ombra l’ascolto intensivo degli album a favore di una modalità scarica-mordi-fuggi, che dava alle novità pop maggiori possibilità di splendere… Per di più, si dà il caso che stesse uscendo del pop fantastico…

Cominciarono forme di revisionismo… 

… spesso uno dei modi in cui un critico si fa notare è sostenendo che una musica che chiunque ha disprezzato è invece geniale… i Monkees oggi sono criticamente rispettabili quanto Jimi Hendrix…

L’epidemia di ripensamenti incrinò alcune certezze… 

… se i critici negli anni settanta erano così in torto sulla disco, perché non oggi su Britney Spears?…

Perché ascoltare certa musica doveva essere un piacere colpevole? Oppure, perché non limitarsi semplicemente a seguire ciò che ci piace?

Attenti a esagerare, nonostante questo, giudizio critico e giudizio popolare non collimarono mai… eppure…

… spesso si dice che è solo questione di educazione estetica… ciò sembra implicare che i giudizi critici siano più obiettivi e durevoli degli altri, mentre la storia ci mostra il contrario…

Qual è la vera sostanza del giudizio negativo che molti commentatori rockettari davano su Céline Dion?

Ecco l’accusa di Deena Weinstein ai critici musicali…

… l’autorità dei critici dipende dal potere di escludere, non solo di canonizzare; sfrutta la trasformazione dei propri lettori in un circolo esclusivo, più intelligente rispetto a un pubblico dotato di minore discernimento. Sicché, quando un genere come l’heavy metal o una band come gli ABBA vengono resuscitati, tutti fingono di non essere mai stati tra coloro che li guardavano dall’alto in basso. La facile conclusione sarebbe che i gusti dei critici sono opportunisti…

Per trarre qualche osservazione, giova condurre un’introspezione sui propri gusti musicali, una specie di “biografia del gusto”. Ecco un esempio…

… ricordo che a dodici anni dicevo alla gente che mi piaceva «ogni tipo di musica, tranne la disco e il country», due generi che oggi adoro. La mia città natale era molto bianca, un centro in grave declino nella Rust Belt dell’Ontario. Ero un topo di biblioteca e appartenevo alla classe media, avevo iniziato con i Beatles della collezione dei miei genitori ma presto arrivai a materiale più hard, preparandomi alla grande esplorazione dell’avanguardia. Cominciai a comprendere che le mie lacune dipendevano da pregiudizi regionali e culturali. I miei gusti furono rimodellati da esperienze sociali: ballare nei club gay di Montréal, in cui le martellate della techno venivano mixate senza soluzione di continuità con i classici della disco; fare amicizia con gente del Texas o delle Province marittime del Canada, dove il country è di casa; visitare il Sud degli Stati Uniti. I miei gusti furono anche alterati dal diventare musicalmente informato – dal rendermi conto di quanti campionamenti dell’hip hop provenissero dalla disco, per esempio, o dal ripercorrere i collegamenti da Bob Dylan a Hank Williams a Johnny Cash al Nashville Sound degli anni sessanta, e poi tornare indietro fino al country contemporaneo. Mi resi conto che il mio facile disprezzo tradiva l’ignoranza di intere comunità e modi di vita, pregiudizi con cui non volevo continuare a vivere. L’epifania fu di tipo etico, ma portò a piaceri di natura musicale. I discorsi di oggi sul gusto pop, sul piacere non colpevole, tendono invece a percorrere la strada in senso contrario, se mai arrivano a toccare l’etica…

Il disprezzo che nutriamo per certe musiche non ci appare a prima vista di natura sociale ma ci sembra invece una reazione meramente musicale.

Forse qui c’è un punto chiave.

Così come l’autenticità della fede desta sospetti in chi crede nel “Dio di famiglia”, la natura meramente musicale dei nostri gusti desta sospetti quando si apprezza – guarda caso – la musica verso cui siamo stati educati. Forse c’è dell’altro.

Alla Dion spesso viene chiesto come mai è tanto odiata. La sua replica standard

… «Facciamo il tutto esaurito da quattro anni. Il pubblico è la mia risposta»…

Non è una risposta banale. Bisogna riflettere. Una generazione di critici determinata a ripudiare ogni pregiudizio elitario è chiamata in causa: devono avere trascurato qualcosa.

Ma continuiamo con l’introspezione: a cosa assomiglia la sofferenza di un cervello educato all’ascolto quando sente cantare l’intonatissima Dion? Ecco un’ottima analogia…

… La mia avversione per Dion somiglia più alla delusione che provo quando qualcuno si dichiara antiabortista o repubblicano: intellettualmente sono consapevole di quanto personali e complicate possano essere simili appartenenze, ma la mia reazione di pancia è molto più rozzamente tribale…

Tribù e musica, un connubio inestricabile. Certi tipi di musica sono certi tipi di persone…

… La cosa è particolarmente palese nelle guerre identitarie che si combattono al liceo, ma la musica non smette mai di essere un’etichetta di riconoscimento… la sbrigativa retorica del rifiuto – «lagne per ragazzine sceme», «una band che piace solo agli hippy», «sembra musica per stupratori»…

Uno psicoanalista direbbe che noi odiamo cio’ che vorremmo essere.

Nel 1999 un articolo dell’ Independent on Sunday tradiva la natura sociale dell’odio per la Dion…

… «Incuneato tra chi la trova vomitevole e gli indifferenti, ci deve essere uno zoccolo di appassionati: una Media Inghilterra di mediocri, invisibile al resto di noi. Nonnette, gente in abito da sera, bambini sovrappeso, venditori di telefonini e frequentatori di centri commerciali, probabilmente»…

Da quella notte degli Oscar molta acqua è passata sotto i ponti, e oggi viene voglia di parteggiare per i “diffamati”.

La redenzione critica della musica considerata abietta tende ad avvenire molti anni dopo. Come mai?

Non è un caso, non è un caso se “la musica è cultura”: il contesto deve cambiare, il rischio di essere scambiati per “persone di un certo tipo” deve essere scongiurato…

… la lounge exotica smette di somigliare alla colonna sonora di una patetica seduzione proveniente dallo stereo di un viscido assicuratore, e comincia a suonare incantevolmente strana, governata da regole musicali perdute e perciò affascinanti…

Il gusto musicale fa a rimpiattino con le affinità e i rancori sociali, e ciò che l’arte e la sua fruizione possono fare per mediarli o esacerbarli.

Perché ad alcuni piace la musica “difficile” alla Smith e ad altri quella “facile” alla Dion? Simon Frith nel suo libro Performing Rites

… l’ascolto difficile porta con sé le tracce di un «impulso utopistico, la negazione della vita di tutti i giorni»…

Da qui il dubbio tipico dell’ex odiatore

… ho cominciato a chiedermi se la musica più «facile» potesse contenere indizi di una riconciliazione con il mondo… problemi che non richiedono lampi di immaginazione ma sforzi di altro tipo, come la pazienza o il compromesso…

Ma se non esistono un buono e un cattivo gusto, una buona e una cattiva arte, ci infiliamo necessariamente nel tunnel relativista?

Non è detto. Ad ogni modo, tanto per alimentare ancora i dubbi degli ex odiatori, sentite questa storiella venuta fuori dalle confidenze di Smith al suo biografo…

… intervistato dalla rivista musicale Comes with a Smile, Elliott Smith aveva ammesso di essere arrivato quella notte «preparato a mantenermi a grande distanza da Céline Dion. Pensavo che avrebbe fatto irruzione accompagnata dalle sue guardie del corpo e si sarebbe comportata con tutti come una superstar pazzoide» aveva dichiarato. «Ma non è stata affatto così.» «È stata davvero gentile» ha aggiunto in un’altra intervista «il che mi ha reso impossibile provare ancora antipatia per Céline Dion. Anche se non posso sopportare la sua musica – con tutto il rispetto, non mi piace per niente – lei di persona è stata molto, molto gentile. Mi ha chiesto se ero nervoso, le ho risposto “Sì”, e lei: “Va benissimo, perché ti farà entrare in circolo adrenalina che renderà migliore la tua canzone. È una bella canzone”. Poi mi ha dato un grande abbraccio. È stato troppo. È stata troppo umana per disprezzarla solo perché la sua musica mi sembra banale.»…

“È stata troppo umana per disprezzarla”… se vale per la Céline dietro le quinte forse puo’ valere anche per la sua canzone davanti le quinte. Mettersi in caccia di questa umanità non è tempo perso.

COMMENTO PERSONALE

Difficile non riconoscersi nel ritrattino che Wilson fa dell’ascoltatore “intensivo” di dischi: l’inizio di tutto è l’odio (adolescenziale). Dopodiché, quando s’incontra il bello faccia a faccia, quando i nostri sensi sono finalmente pacificati, è tutta una serie di gesti e ascolti per farsi in qualche modo perdonare. Una lunga ricerca di perdono ed ecumenismo.

Ci si accorge che la musica è soprattutto cultura, il disgusto quasi sempre mancanza di cultura. Non è relativismo affermare che nella cultura dell’altro c’è del buono da valorizzare. Non significa affermare che tutto è uguale. Naturalmente, non lo si puo’ fare quando sei in guerra con l’altro. Lo devi fare dopo, in tempo di pace. Naturalmente, non potrai mai farlo a dovere poiché il tuo periodo di “impregnamento” è già passato: se l’inglese lo impari a 30 anni zoppicherai sempre. Però senti che devi farlo comunque in qualche modo, che il tuo tempo è meglio speso in questa ricerca che nell’inane (e trombonesco) sforzo di stilare una classifica tra civiltà differenti, così,  tanto per sentirsi dalla parte giusta.

Fingo per tutta la giornata
con l aiuto di un Johnny Walker Red
mando il cervello avvelenato giù attraverso lo scarico
con tutti i brutti pensieri che ho nella testa
strappo i tuoi due biglietti a metà (non servono più)
non ho più niente da fare
mi manchi Miss Misery,
ti piace che io lo dica?

Un uomo nel parco legge le linee nella mia mano,
mi dice che sono forte, che non ho mai fatto errori

Avevi dei programmi per noi due
c’era in ballo una gita fuori città
in un posto scovato in una rivista
che hai lasciato in giro
non sei più qui con me,
ma il mio umore è ancora quello giusto
mi manchi miss misery
ti piace che lo dica?

So che preferiresti vedermi andar via
e dopo osservare come mi riduco
ma vivo comunque

Accanto alla porta il televisore lampeggia
cornici blu su tutto il muro
è una commedia degli errori
si tratta di cadere
e di svanire nell’ oblio
è cosi facile da fare
e io ci provo, ma mi conosci
torno sempre quando hai bisogno di me
mi manchi miss Misery
ti piace che lo dica?

Dove stanno i poteri forti?

John Cochrane ha le idee chiare: oggi il vero potere forte è la burocrazia.

Lo afferma nel saggio “Rule of Law in the Regulatory State” concepito in occasione dell’800 anniversario della Magna Charta.

Il burocrate puo’ rovinare la tua vita, i tuoi affari, puo’ farlo in qualsiasi momento, puo’ farlo in un giorno.

Questo strapotere è dannoso per l’economia ma anche e soprattutto per la libertà.

Avete notato che nessuno dei presunti “poteri forti” critica i burocrati? La risposta è semplice: perché li teme. Li teme perché sono loro il vero potere forte… 

… What banker dares to speak out against the Fed, or trader against the SEC? What hospital or health insurer dares to speak out against HHS or Obamacare? What business needing environmental approval for a project dares to speak out against the EPA? What drug company dares to challenge the FDA?…

Cosa chiede il burocrate (vero potere forte) ai soggetti (presunti poteri forti) su cui esercita la sua influenza? Supporto per la sua agenda politica.

Le agenzie governative (entrate, ambiente, sicurezza, commercio, professioni…) sono un po’ come i baroni al tempo della monarchia.

La “rule of law” è in pericolo, il pericolo non viene più dalla tirannia dei re ma dal potere dei regolatori chiamati ad applicare la legge.

Viviamo in un mondo sommerso dalla carta su cui sono vergate mille leggi vaghe quanto contorte, quindi soggette ad applicazione discrezionale.

Il titolare di questa discrezione è il burocrate.

Il trend sembra destinato ad esacerbarsi: più astrusità, più vaghezza, più discrezionalità, più potere ai burocrati che, “traducendole” via circolare, riscriveranno di fatto la legge premiando gli amici e punendo i nemici.

Una legge generica trasferisce il potere dal primo anello della catena governativa all’ultimo.

Una giustizia lenta trasferisce potere a chi puo’ accusare.

La cosa è vera soprattutto in ambito economico dove perdere l’attimo ti rovina, dove la sentenza finale conta poco. Senonché, è proprio l’ambito economico quello che ospita i presunti poteri forti, che divengono così facilmente ricattabili.

Franklin Roosevelt con il suo New Deal è il grande precursore in questo attacco alla “rule of law” tramite voto di scambio: le mille regole introdotte lo consentivano.

Il New Deal fu un fallimento economico ma un grande successo politico, per questo gode di buona stampa… 

… The New Deal may not have been an economic success [an example], and likely prolonged the Great Depression. But it was above all a dramatic political success, enshrining Democratic power for a generation…

Nixon mandava l’Agenzia entrate ai suoi nemici politici, un’ arma spuntata in presenza di bassa tassazione e regole chiare. 

Ma come chiamare questo fenomeno?

Non è socialismo perché lo stato non detiene i mezzi di produzione. Da noi il business privato esiste eccome anche se molto regolamentato.

L’Obamacare è una vasta burocrazia che controlla poche grandissime imprese in cartello tra loro.

Non è “il controllore che cattura il controllato” che aveva in mente George Stiegler. Qui il coltello dalla parte del manico appartiene al controllore…

… “capture” does not describe how national political forces use regulatory power to extract political support…

Non è capitalismo di relazione. Certo, i “ben connessi” ottengono favori ma si sorvola sui favori legati al supporto politico che i “ben connessi” devono concedere pena estromissione dal “giro giusto”.

Nei settori altamente regolamentati dominano poche e grandissime aziende: quelle che il regolatore decide di fatto di tenere in piedi: poche banche, pochissime assicurazioni sanitarie.

L’esiguità del numero facilità anche una statuizione di patti più o meno impliciti in cui il dominus è il burocrate.

Il prezzo della sopravvivenza è la disponibilità a collaborare alle riforme politiche senza criticare troppo.

Charles Murray ha conteggiato 4450 crimini federali. 175000 sono invece le pagine di regolamentazione federale che deve leggersi chi non vuole essere disturbato. Lui propone forme di disobbedienza civile.

Sembra non colga il pericolo: una visita dell’Agenzia Entrate o dell’Agenzia dell’Ambiente puo’ farti chiudere per sempre baracca e burattini. Un dilazionato (ad arte) rilascio di permessi puo’ non farti aprire mai. Che te ne fai di una sentenza favorevole dopo 3 anni?

Le regole sono stupide ma i regolatori sono intelligenti.

Con l’avvento di internet e dell’informazione capillare a basso costo molte regole non servono più…

… Uber stars are far more effective than the Taxi Commission…

Eppure le regole non diminuiscono, aumentano. Il desiderio di avere un supporto politico nel mondo degli affari non diminuisce affatto e le regole servono anche a quello.

L’espressione “rule of law” è piuttosto vaga: anche Enrico VIII ebbe un processo prima della testa tagliata.

Per precisarla si propone questa formula: esiste “rule of law” se da posizioni importanti si puo’ criticare il governo senza ripercussioni.

Se critichi Castro andavi in prigione. Se criticavi Hoover no. Ma se ti opponi ai progetti di Obama magari da posizioni di vertice in una grande impresa sanitaria? Puoi continuare tranquillo i tuoi affari?

La cosa è dubbia, molto dubbia. La risposta più plausibile è no. Riceverai presumibilmente la visita di burocrati che si limiteranno ad “applicare la legge”. Atti dovuti, per carità.

Se critichi il sovrintendente riceverai poi i permessi di cui hai bisogno?

Non è chiaro, e questo è il pericolo in cui siamo immersi.

La “rule of law” non ha a che fare solo con l’esistenza di una legge. Il burocrate sa che esiste una legge, la “traduce” e ti nega il permesso e ti fa chiudere. Oppure ti sommerge con mille richieste basate all’apparenza su una legge scritta.

La “rule of la” non ha a che fare tanto con l’esistenza di una legge quanto con i criteri utilizzati per scriverla.

Una regola deve essere precisa, non discrezionale…

… discretion comes in the application of a rule book thousands of pages long with multiple contradictory and vague rules…

Deve essere semplice, non contorta e vaga…

… the regulation can be long, vague and complex. “The firm shall not engage in abusive practices.”… hundreds of pages…

Deve essere ben conoscibile alla prima lettura e non dopo n processi in cui viene applicata…

Insider trading rules are, at present, a good example… The definition of “insider” varies over time, and there is really little hope for a firm to read a coherent rule book to know what is and is not allowed…

Deve essere chiara al fine di evitare la richiesta di permessi… 

… In much regulation, however, you have to ask for permission from the regulator, and that permission includes a lot of discretion. Environmental review is a good example…

Deve essere comprensibile fin da subito senza bisogno di documenti interpretativi.

Ci sono tre livelli di comprensibilità: quella del cittadino comune; quella dello specialista; quello dello specialista previo chiarimenti del burocrate. Noi siamo fissi da decenni sulla terza, ovvero sull’astrusità. Dobbiamo tornare alla prima… 

… Can a normal person read the plain text of the rule, and understand what action is allowed or not? Or is the rule so complex that specialists are required to understand the rule, and the regulatory agency’s current interpretation of the rule? In particular, are specialists with internal agency contacts necessary, or specialists who used to work at the agency?…

Non deve lasciar spazio ad arbitrii nell’applicazione…

… Regulations that are seldom enforced, but then used occasionally to impose enormous penalties are clearly more open to political abuse…

L’ideale sono quelle regole che consentono controlli a tappeto: i controlli spot sono linfa vitale per la tirannia.

Deve essere trasparente

… Do you have the right to know how a regulatory agency decided your case?… For example, the Wall Street Journal’s coverage of Met Life’s “systemic” designation reports The feds .. still refuse to say exactly which [threats] make MetLife a systemic risk or what specific changes the company could make to avoid presenting such a risk. and continues…MetLife says that.. the government’s decision is based on mere speculation and “undisclosed evidentiary material.”…

Deve poter essere sempre contestata presso un giudice estraneo al regolatore…

… right to appeal is often only to appeal to the same agency that made the decision… As an example, continuing the above MetLife coverage, The… stability council “lacks any separation in its legislative, investigative, prosecutorial, and adjudicative functions.” That combined with MetLife’s inability to see the full record on which the decision was based made it “impossible” to get a fair hearing…

A volte il regolatore è un’istituzione indipendente ma questo puo’ essere anche peggio: la miscela indipendenza più arbitrio puo’ essere esplosiva…

… There are many structures in place to try to ensure the “independence” of independent agencies… These important structures try to limit explicit party politics’ use of the regulatory state. They are less successful at limiting the bureaucracy’s use of its regulatory power to prop up its own separate fiefdom…

L’applicazione della regola deve essere rapida: non è necessario proibire quando basta dilazionare…

… The regulatory process can take years, and a canny regulator need not explicitly rule against a political foe. Delay is enough. Lois Lerner herself didn’t deny applications. She just endlessly delayed them…

Nell’interpretazione delle norme sarebbe bene dare un ruolo alla società civile

… The agencies undertake their own process for rule writing. They usually invite comment from interested parties, but are typically free to ignore it when they wish… As exemplified by the EPA’s decision to brand carbon dioxide a pollutant (coverage here), to extend the definition of “navigable waters” to pretty much every puddle, HHS’ many reinterpretations of the ACA, and the Education Department’s “Dear Colleague” letters, even the barely-constrained rule-making process now proceeds beyond its previous mild legal and consultative constraints…

Ma tutte queste paure sono giustificate? Esistono dei casi concreti che ci fanno temere?

Partiamo dal settore finanziario, notoriamente in preda al “liberismo selvaggio”.

La legge Dodd-Frank sono 2,300 pagine. Il concetto cardine è quello di “rischio sistematico”. Peccato non venga mai definito.

La “Volker rule” è meno ambiziosa: solo 1000 pagine. Chiamarla “talmudica” (come qualcuno ha fatto) è un isulto alla chiarezza del Talmud.

Esito di tanta minuzia: discrezionalità gigantesca del regolatore che fa e disfa come vuole.

In ogni grande banca lavorano ormai in servizio permanente effettivo un centinaio di “regolatori” che devono dare l’ “ok” ad ogni decisione importante.

Gli “stress test” sono un caso tipico: si costruiscono vari scenari ipotetici e si applicano i modelli del regolatore per verificare se la banca è solida.

Se la banca conosce in anticipo gli scenari “essere solidi” è facilissimo.

Se la banca conosce in anticipo i modelli “essere solidi” è abbastanza facile.

Da qui il problema

… Fed staffers playing this game, at least those that I have talked to, are honest and a-political. For now. But how long can that last?…

Chi non riga dritto (e parlo di politiche) ha già la testa nel cappio, basta tirare.

Secondo voi, le grandi banche sono libere di criticare l’operato della FED? Diciamo solo che la “rule of law” è in leggerissimo pericolo.

Molto più strategico assumere qualcuno dello staff degli stress-tester quando si licenzia. Questo non è “catturare” ma difendersi da uno strapotere.

Facciamo il caso della “potentissima” Standard & Poor

… Is it a coincidence that S& P, who embarrassed the Administration by downgrading U.S. debt, faced a $ 1.4 billion dollar settlement…

Paga, taci e scamperai i tuoi guai.

Le parole di John J. Mack della Morgan Stanley sono illuminanti: “ricordatevi sempre che il nostro cliente numero 1 è l’Amministrazione”.

Il Dipartimento per la difesa del Consumatore ha accusato Ally Bank di “discriminare” nella concessione dei mutui.

Con una strana analisi statistica (mai resa disponibile) basata sui CAP e sui cognomi, sembra si sia concluso che ai neri venissero addebitate maggiori commissioni: 100 milioni di multa.

In ossequio alla formula “paga, taci e forse starai fuori dai guai” Ally ha pagato: nessuno desidera l’etichetta di “razzista”….

… Agency… can disapprove any retail financial arrangement it deems “abusive,” and put Ally out of business… in this case, there was no charge or evidence of discriminatory practice or intent…

A che serve difendersi da un’accusa infondata quando l’accusatore ha solo l’imbarazzo della scelta per metterti sotto processo? Meglio tenerselo buono.

Cos’è un abuso? Cos’è una pratica discriminatoria? Ecco casi lampanti in cui c’è la legge ma non c’è la “rule of law”.

In epoca di matrimoni gay e femminicidi è un attimo uscire dagli affari con l’etichetta di “sessisti” o “discriminatori”, basta un programmino statistico che passi al setaccio la tua clientela: troppe poche donne! troppi pochi gay!

Altro esempio di discrezionalità: insider trading. Con l’ IT la SEC va a nozze, ogni potenziale nemico politico è tacitabile.

Non esiste una definizione giuridica cosicché la caccia alle streghe è sempre aperta.

Si procede a suon di grandi accuse e grandi transazioni. Un sistema in cui la SEC puo’ rovinare chiunque quando vuole.

Certo, dopo 5 anni un tribunale potrebbe anche darvi ragione. E allora? C’è ampio margine per un’azione politica.

A scanso di equivoci, comunque, al momento bisogna appellarsi alla SEC per un provvedimento emanato dalla SEC.

Altro esempio, piccolo ma concreto: sembra che i moduli compilati da alcune banche in occasione della “disclosure” non fossero piaciuti molto alla SEC, risultato: “unsafe and unsound processes and practices”.

La strategia del “paga e taci” qui è dominante: 25 bilioni di dollari.

E’ un processo epocale: basta con il comando e controllo. La strategia è cambiate: ora c’è la norma astrusa, l’interpretazione discrezionale e il controllo limitato (e mirato). Gli altri sono “perdonati”. L’etica cattolica ha vinto su quella protestante.

Vale per i controlli ambientali, per esempio…

… EPA “described a strategy of pursuing larger, more complicated enforcement cases, albeit fewer in number.”…

Opportuno anche uno spostamento dei controlli dove le regole sono più vaghe…

… Larry Parkinson, another former federal prosecutor who runs FERC’s [Federal Energy Regulatory Commission] investigations, described it as an outgrowth of shifting resources to more serious matters— like market manipulation— and away from more traditional violations…

La lotta alla “manipolazione del mercato” rende molto, è logico: nessuno sa cosa sia e quindi tutti sono potenzialmente colpevoli, basta una definizione ad hoc.

L’ Obamacare sono 2700 pagine. Il mondo delle circolari relative è talmente articolato che il dibattito sul numero di pagine prodotte è ancora in corso.

Antonin Scalia ha invocato l’ottavo emendamento contro la crudeltà di dover leggere tanta roba per poi giudicare.

L’Heritage Foundation ha contato 1327 esenzioni. Si ha come il sentore che chi ambisca ad un’esenzione non si ponga come grande critico della riforma sanitaria. Voi che ne dite?

Le assicurazioni sanitarie sono ormai pochissime e, riunite in cartello, si incontrano quotidianamente con l’Amministrazione: anche loro sembrano d’accordo con la riforma di Obama. Strano? No: c’è chi garantisce il cartello e chi dà supporto politico evitando critiche o sabotaggi. Tutti vivono contenti.

Mark Bertolini, CEO di Atena…

… “So there is a relationship you need to figure out there if you’re going to have a sustained positive relationship with your biggest customer…

Recentemente, la Daughters of Charity Health (organizzazione no profit) voleva vendere a Prime (organizzazione profit) i suoi ospedali in deficit.

Il procuratore Kamala Harris deve approvare l’affare valutando la conformità alle regole. A quale regola? Una sola (bene!): conformità all’interesse nazionale (male!). E’ un po’ come chiedere a Harris: ti stanno simpatici quelli di Prime?

Siccome gli ospedali di Prime non erano tutti sindacalizzati (quanto quello fallito), Prime risultò poco simpatica a Harris, che decise di stoppare il tutto, anche in presenza di un report positivo del suop staff.

Passiamo alla protezione della sicurezza alimentare. Conoscete la vicenda del salmone Aquadvantage?…

…Consider what they [FDA] have inflicted on a genetically engineered Atlantic salmon, which differs from its wild cohorts only by reaching maturity about 40 percent faster, as the result of the addition to its genome of a growth hormone gene from the Chinook salmon… It took FDA more than a decade just to decide how they would regulate the AquAdvantage salmon. Characteristically, they decided on the most onerous pathway, regulating the new construct in genetically engineered animals as though it were a veterinary drug, similar to a flea medicine or pain reliever. After several years of deliberation, regulators concluded as early as 2012 that the AquAdvantage Atlantic salmon has no detectable differences and that it “is as safe as food from conventional Atlantic salmon.”… When the FDA completed its Environmental Assessment in April 2012 and was ready to publish it— the last necessary hurdle before approving the salmon for marketing— the White House mysteriously intervened. The review process vanished from sight until December of that year, when the FDA was finally permitted to publish the EA (the unsurprising verdict: “no significant impact”), which should then have gone out for a brief period of public comment prior to approval. The reason for the delay in the FDA’s publishing the needed Environmental Assessment was exposed by science writer Jon Entine. He related that the White House interference “came after discussions [in the spring of 2012] between Health and Human Services Secretary Kathleen Sebelius’ office and officials linked to Valerie Jarrett at the Executive Office [of the President], who were debating the political implications of approving the [genetically modified] salmon. Genetically modified plants and animals are controversial among the president’s political base, which was thought critical to his reelection efforts during a low point in the president’s popularity.”…

Dilazionare per 20 anni un progetto commerciale significa renderlo un pochino meno conveniente. Voi che ne dite?

E la vicenda dell’ EPA con la “Pebble Mine”? Aprire uno scavo non è affare da poco, per questo l’EPA emette sempre un veto a prescindere, tutto sommato si puo’ accettare. Ma la collusione accertata tra burocrati e attivisti verdi, quella non è molto normale.

La vicenda della Keystone pipeline è un altro caso di dilazioni politicizzate. Rinviare e proibire sono sinonimi in certi casi.

Al Armendariz era il direttore dell’ EPA alla sesta giurisdizione. La sua strategia per il controllo delle compagnie petrolifere: crocifiggerne uno per tenere in pugno tutti… Da una intercettazione:

… The Romans used to conquer little villages in the Mediterranean. They’d go into a little Turkish town somewhere, they’d find the first five guys they saw and they would crucify them. And then you know that town was really easy to manage for the next few years.…we do have some pretty effective enforcement tools. Compliance can get very high, very, very quickly….

Beati tempi in cui per sentire queste parole bisognava ricorrere alle intercettazioni! Oggi sono moneta corrente nei convegni.

Ma non sono solo parole: Armendariz chiuse di fatto la Range Resources, una delle prime compagnie di fracking.

E internet? Per ora ci si scrive senza il permesso del burocrate (cosa più unica che rara). Ma quanto durerà? I poteri forti scalpitano.

Il concetto su cui far leva per un controllo sembra quello di “net neutrality”. Alcune ditte pagavano un extra per spedizioni più veloci.

Un bel giorno del novembre 2014 Obama si mostrò turbato da queste discriminazioni e chiese al suo burocrate di intervenire. Esito: multa a chi viola la net neutrality? No, applicazione integrale del codice delle telecomunicazioni (1935) al mondo di internet. Cosa lo vieta?….

… This includes Title II rate regulation, in which the FCC (agenzia burocratica) has full power to determine what rates of regulation are “reasonable…

Al momento il burocrate ci rassicura 8bontà sua): non è mia intenzione optare per un’applicazione integrale. Sotto testo: ma posso farlo quando cazzo voglio e con chi voglio. Intesi?

Anche la dottrina del “comportamento corretto su internet” lascia un leggerissimo spazio alla discrezionalità del regolatore.

Risultato: chi intende investire su internet meglio che prima investa in buoni rapporti con i poteri forti, ovvero la FCC.

Sarà un caso ma da quel giorno i giganti di Internet hanno cominciato ad aprire uffici a Washington

… Uber hired, straight from the Administration, well known tech wizard, David Pflouffe. Given Uber’s troubles with labor law— a California court recently ruling that its contractors are employees— and taxi regulation throughout the U.S., investing in politics is good business for Uber…

Veniamo al finanziamento delle campagne elettorali.

Poiché qui si stabilisce chi vince le elezioni a nessuno parrà strano che si faccia un uso politico di queste regole.

Disclosure? E chi puo’ essere contro la trasparenza dei finanziamenti? La lotta per la trasparenza aveva però un triste precedente… 

Lois Lerner, director of the IRS Exempt Organizations Unit, famously derailed applications for nonprofit status from conservative groups, ahead of the 2012 Presidential election. Her main tactic was endless delay. All you need is for the election to pass…

Si tenga conto di una cosa: tutte le tirannie iniziano facendo liste.

L’affare Snowden insegna…

… NSA collected phone call “metadata.”… who called who and not the content… Suppose you called three cancer doctors, alcoholics anonymous, and two divorce lawyers. And you want to run for the senate… John Oliver’s hilarious Snowden interview contained an interesting revelation. The internet is an amazing thing. What do Americans do with it? They send around pictures of their private parts. And NSA employees regularly pass the pictures around to great hilarity…

Intanto le e-mail della Clinton sono andate perdute. Che strano! Alcune e-mail vanno perdute ed altre no. Chi lo decide? I poteri forti, ovviamente.

Con l’e-verify ogni persona deve essere autorizzata dai poteri forti per poter lavorare. Al momento serve per verificare se si tratta di clandestini, ma…

… People must have the right licenses, the right background checks, union memberships and so on. Are you guilty in the latest SEC which hunt?… a conviction for violating the endangered species act keeps you out of the work force…

Ogni tirannia controlla i suoi cittadini consentendogli o meno di lavorare.

Esiste il diritto di guadagnarsi da vivere anche se il governo non ci va a genio? A volte sembra di no…

…  As a recent political example, Dennis Hastert was recently indicted for violating the spirit of the $ 10,000 limit on bank withdrawals, by withdrawing amounts just shy of the limit. Hastert wanted the money, apparently, to pay blackmail to someone with an embarrassing personal secret. Hastert is retired…

Nel campo dell’istruzione la fumosa e paralizzante normativa sugli abusi sessuali spiana la strada ai poteri forti…

…historians of the new system will cite the Education Department’s Office for Civil Rights’ 2011 “Dear Colleague” letter on sexual harassment as the watershed event. This letter— not even a formal regulation— forced creation of quasi-judicial systems of sexual-abuse surveillance on every campus in America. The universities complied for fear of lawsuits from enforcers at the Departments of Education and Justice. The Justice Department’s Special Litigation Section and Housing and Civil Enforcement Section have forced numerous settlements from police departments, school districts, jails and housing agencies. Whatever the merits, the locals know the price of resisting Justice is too high…

Laura Kipinis ha osato criticare la normativa parlando di “sexual paranoia” ricevendo a stretto giro di posta le attenzione del burocrate. Magari la cosa finirà in nulla, di certo Laura Kipinis e chiunque altro ci penerà due volte a criticare le politiche dell’Amministrazione.

Intanto i dipartimenti universitari si sono tutti uniformati istituendo costosi e praticamente inutili uffici contro gli abusi sessuali, proprio come chiesto dal regolatore. Possibile che non ci sia dibattito su norme tanto strane quanto poco efficaci? Ci sarebbe, forse, ma questo ennesimo “paga e taci” ci fa ben capire dove si annidino i poteri forti.

TheRedKing

 

Riformare la legge disubbidendo

In “By the People: Rebuilding Liberty Without Permission, Charles Murray ha come obbiettivo quello di combattere l’oppressione demo-burocratica, un concetto chiarito una volta per tutte in epoca moderna da Tocqueville:  

I think that the species of oppression by which democratic nations are menaced is unlike anything that ever before existed in the world.… The supreme power then extends its arm over the whole community. It covers the surface of society with a network of small, complicated rules, minute and uniform, through which the most original minds and the most energetic characters cannot penetrate to rise above the crowd. The will of man is not shattered, but softened, bent, and guided; men are seldom forced by it to act, but they are constantly restrained from acting. Such a power does not destroy, but it prevents existence; it does not tyrannize, but it compresses, enervates, extinguishes, and stupefies a people, till each nation is reduced to be nothing better than a flock of timid and industrious animals, of which the government is the shepherd.

Finora gli Stati Uniti avevano tutto sommato sventato la minaccia ma oggi il “Grande Progetto” su cui si fondavano ha il fiato corto. Anzi, possiamo ben dire che è giunto al termine. Gli USA si stanno lentamente “europeizzando”:   

The twin propositions of this book are that we are at the end of the American project as the founders intended it, but that opportunities are opening for preserving the best qualities of the American project in a new incarnation…

Ma cosa deve intendersi per “Grande Progetto”?         

By the American project I mean the continuing effort, begun with the founding, to demonstrate that human beings can be left free as individuals, families, and communities to live their lives as they see fit as long as they accord the same freedom to everyone else, with government safeguarding a peaceful setting for those endeavors but otherwise standing aside… What made America unique first blurred, then faded, and is now almost

Come reagire? Opzione numero uno: disubbidire alla legge.

Il Leviatano ha un punto debole: sfornando una regolamentazione ipertrofica, neanche lui riesce ad applicarla concretamente. Spesso si riduce a fare il Mago di Oz: voce grossa senza seguito.  

The federal government is genuinely powerful, as it should be, when it comes to tasks such as defending the nation. But when it comes to micromanaging the lives of more than 300 million people, government is the Wizard of Oz: fearsome when its booming voice is directed against any single target, but, when the curtain is pulled aside, revealed as impotent to impose its will in the face of widespread refusal to comply with its rules. Part II describes practical strategies for taking advantage of this weakness, using the resources of the private sector to nullify rules that arbitrarily and capriciously interfere with ordinary people trying to live their lives as they see fit…

A metà del secolo – negli USA – la prima crisi colpì duro, molti liberali ormai disperavano dei regimi democratici considerandoli oppressivi: un nemico da colpire in qualche modo:  

THE MIDDLE of the twentieth century, the concept of limited government seemed moribund. Americans still called their nation the “land of the free,” but hardly anything was said about the dream of the founders, in which “the sum of good government,” as Thomas Jefferson expressed it in his first inaugural address, is one that “shall restrain men from injuring one another [and] shall leave them otherwise free to regulate their own pursuits of industry and improvement.”…

Ma poi accadde qualcosa, personaggi riaccesero il “pensiero madisoniano” (dei Padri Fondatori: prima Goldwater, poi Reagan)..

Just four years later, the Republican Party nominated Barry Goldwater… In terms of excitement and optimism, the Reagan years from 1981 through 1988 saw the apogee of the limited-government movement…

Anche l’accademia recepì il messaggio esaltando studiosi di chiara impronta liberale:  

Milton Friedman and George Stigler… The venerable American Enterprise Institute, Hoover Institution, and Foundation for Economic Education were joined by the Heritage Foundation in 1973 (Joseph Coors provided the seed money), the Cato Institute in 1976 (marking Charles Koch’s entry into the policy world), the Manhattan Institute in 1978 (Antony Fisher and William Casey), and the Pacific Research Institute in 1979 (Antony Fisher and James North)…. Robert Nozick’s dazzling philosophical treatise… Irving Kristol’s The Public Interest and Norman Podhoretz’s Commentary…

Nel frattempo la sinistra screditava se stessa infilandosi nel ginepraio delle astruse filosofie  post-moderne:   

… Meanwhile, the intellectual wing of liberalism was digging itself into the humorless and impossibly abstruse schools of postmodernism and semiotics, explaining every conceivable topic with the new holy trinity of the left: race, class, and gender…

Oggi si registra un paradosso: in termini intellettuali il pensiero libertario sembra aver vinto la sua guerra culturale

Today, rigorous Madisonian policy analysis is prominent in almost any important policy debate. The nation’s leading law faculties include Madisonian constitutional scholars. Free-market economists are represented in the economics departments of the nation’s elite universities. In the popular culture, talk radio and the Fox television network abound in spokespersons for Madisonian ideas. By objective measures, the last fifty years have seen Madisonian thought emerge from obscurity to prominence and influence…

D’altro canto, il governo espande i suoi compiti, la montagna delle regole cresce a dismisura e la burocrazia prospera come non mai.  

Government Metastasized The resurgence of Madisonian thought also coincided with unprecedented—actually, previously unimaginable—growth in the size and reach of government… In 1963, the number of pages in the Code of Federal Regulations was about the same as it had been at the end of World War II. From 1963 through 1968, the code increased by an average of 5,537 pages per year…

Cio’ non significa che il pensiero libertario non abbia fatto sentire il suo influsso

The government’s continuing expansion doesn’t mean that the resurgence in Madisonian thought had no effects. On the contrary, the resurgence made a big difference in terms of discrete policy issues. Crime is no longer a national issue, as it was during the 1970s and 1980s, in large part because of scholars and activists on the right whose work revolutionized policing and imprisonment policy… Such scholars and activists were instrumental in producing the welfare reform act of 1996 and the large drop in the welfare rolls that followed… Scholars and activists on the right energized the school-choice and deregulatory movements… Free-market economists have over the last half century established the superiority of capitalism in generating wealth, with immeasurable effects on sustaining capitalism (which had been losing ground before the Madisonian resurgence) and reducing poverty throughout the world… Similar observations could be made about the positive effects of efforts from the right that dealt with taxes

Ma mentre si sono vinte delle battaglie si rischia di perdere la guerra. Come evitarlo?

Murray propone un piano di disobbedienza civile sistematica volta a resistere contro la regolamentazione più invasiva e finanziato da un fondo privato destinato a patrocinare le cause legali.

Il piano ha tre obiettivi: 1) difendere i cittadini vessati 2) rendere buona parte delle regole inapplicabili 3) stimolare in sede giudiziaria una revisione interpretativa della regolamentazione.  

This program’s first objective is to defend ordinary individuals against government overreach, even if it accomplishes nothing else. Its secondary objective is to make large portions of the Code of Federal Regulations de facto unenforceable. Its tertiary objective is to provoke specific, plausible Supreme Court interpretations of existing law that could transform the way that regulations are created and enforced…

Il piano ha una premessa: gran parte delle regole-laccio è fuffa senza la supina adesione dei cittadini… 

… cases for concluding that the federal government has lost its authority to command voluntary compliance with its vast edifice of laws…

Ma perché la disubbidienza civile è giustificata?  

American government does not command our blind allegiance to the law. It is part of our national catechism that government is instituted to protect our unalienable rights, and that when it becomes destructive of those rights, the reason for our allegiance is gone… The Chinese used to call it the mandate of heaven… medieval kings were thought to rule through God’s will… It was grounded in John Locke’s argument that, in a state of nature, all political authority resides in individuals… That transfer must be voluntary; otherwise, the political authority is not legitimate. “We hold these truths to be self-evident,” is a restatement of that Lockean position…

In Europa la legittimazione politica ha basi diverse:   

… in Europe has rested on ties of ethnicity and culture, faith in the rulers, loyalty to the rule of law, or combinations of the above…

Il patriottismo americano è ben diverso da quello europeo:   

American patriotism was quite unlike patriotism in other countries. “It is not an instinctive attachment to scenes with which they are acquainted from childhood, or to men to whose familiar converse they are accustomed… It consists in the love of principles, for which they are ready to make every sacrifice, and which in the outset they preferred to their homes.” By principles…  meant the principles of liberty… Tocqueville made a similar point about Americans’ passionate belief that their liberty to pursue their own interests without hindrance was the key to making America work—the principle that he labeled “self-interest rightly understood.”

La differenza si condensa tutta nel discorso in cui il presidente Grover Cleveland si oppose all’istituzione di un (misero) fondo per i terremotati texani: non esiste né un diritto né un dovere del governo a spendere i soldi di tutti a favore di chi soffre.  

… I can find no warrant for such an appropriation in the Constitution, and I do not believe that the power and duty of the general government ought to be extended to the relief of individual suffering.… The lesson should be constantly enforced that, though the people support the government, the government should not support the people. The friendliness and charity of our countrymen can always be relied upon to relieve their fellow citizens in misfortune. This has been repeatedly and quite lately demonstrated. Federal aid in such cases encourages the expectation of paternal care on the part of the government and weakens the sturdiness of our national character, while it prevents the indulgence among our people of that kindly sentiment and conduct which strengthens the bonds of a common brotherhood…

Se questo è lo standard, possiamo ben concludere che il governo americano non ha più alcuna legittimità.

Ma ci sono altre ragioni più pragmatiche per giungere alla medesima conclusione: gli americano stessi si esprimono in tal senso, cosa che non sognavano di fare in passato. 

… Since 1958, pollsters have periodically asked exactly the same question of representative samples of Americans: “How much of the time do you think you can trust government in Washington to do what is right: Just about always, most of the time, or only some of the time?”… The secular trend has been down…  disturbed by laws that are so complicated, they are impossible to obey;… American government isn’t supposed to work this way… Washington looks like a sophisticated kleptocracy… government are systemically corrupt…

Prima si era contenti perché non ci si aspettava nulla dai governi.

…Kennedy administration still had no significant role in K–12 education, local law enforcement, or health care

Inoltre il governo – girando al largo dai  moralismi – non divideva la platea. 

… This was exemplified by the dispute over slavery, … the most divisive of all American moral disputes… By imposing federal policies on abortion, affirmative action, drug use, education, employment, expressions of religious faith, marriage, and welfare, the federal government has alienated large numbers of Americans from all points on the political spectrum…

Oggi il governo ha molti compiti e quindi molte colpe.

… When the government creates a Federal Emergency Management Agency—slow and inept, as so many government agencies are—it gets blamed for the catastrophe in New Orleans after Hurricane Katrina. That New Orleans was built below the level of the Mississippi River…

E’ ovvio che il risentimento esplode se mi chiedi di pagare parte dello stipendio di Santoro! Non ci vuole Thomas Jefferson per capirlo: 

… “to compel a man to furnish contributions of money for the propagation of opinions which he disbelieves, is sinful and tyrannical…

Un governo del genere merita la disobbedienza ma soprattutto contro un governo talmente screditato è possibile disobbedire, i tempi sono maturi.

La disobbedienza che ha in mente Murray è di gruppo, ben coordinata, ben diversa dall’obiezione di coscienza individuale, e anche da quella realizzata in caso di necessità:

I need to define the specific way in which the concept of civil disobedience is used here, to wit: when a group of people agrees to ignore a law or regulation. This is distinct from following one’s individual conscience and acting individually, as Henry David Thoreau advocated in Resistance to Civil Government (1849)… My use of the phrase civil disobedience is also distinct from decisions to break the law because of overriding circumstances…

Tra le regole a cui non ha senso disubbidire ci sono quelle che proibiscono la realizzazione di un male in sè:  

… Laws prohibiting acts that are bad in themselves—malum in se—are exempt from systematic civil disobedience… murder, manslaughter, rape, assault, robbery, burglary, larceny, fraud, arson, destruction of another’s property, and kidnapping…

Anche le tasse sono escluse: qui “la bestia” è particolarmente sensibile e si rivolterebbe con una tale violenza da annientare l’obbiettore. Inoltre, molte tasse verrebbero giustificate con la nozione di bene pubblico che per quanto ambigua è fondata e gode di un certo credito:  

… The tax code is exempt from systematic civil disobedience… taxation is one of the legitimate functions of even a Madisonian state. In particular, the income tax… There is also a practical problem. Principled civil disobedience to the tax code would be indistinguishable in appearance from cheating on your taxes… Regulations that foster public goods classically defined are exempt from systematic civil disobedience… National defense is one classic example; protection of the environment is another…

Una possibile disobbedienza puo’ riguardare il godimento della proprietà: perché non posso verniciare la mia casa di rosso, per esempio? 

… Regulations that prohibit owners of land from doing whatever they wish with it are subject to strict scrutiny…. the proper limits on the right to use one’s own land as one sees fit trace back to an ancient precept of the common law, “Use what is yours so as not to harm what belongs to others.” No property owner has the right to pollute his neighbor’s water, for example.

Molte leggi sull’ambiente meritano la disobbedienza: perché non uccidere un lupo che minaccia le greggi? Perché dovremmo “tutelare” certi territori paludosi paralizzando in questo modo il godimento dei legittimi proprietari? E l’attribuzione a parco di certi terreni?

… regulations putatively justified by the protection of the environment or endangered species have resulted in egregious infringements on property rights… The “wetlands” provisions of the Clean Water Act have been the source of some of the most well-publicized government overreach (you will get an example at the end of chapter 10), as the EPA and the Army Corps of Engineers have applied absurdly wide definitions of “wetland” and thereby stripped private property of its value.6 Any farmer or rancher can give you other examples of regulations imposed by the Bureau of Land Management, the Fish and Wildlife Service, and state agencies that prevent them from engaging in innocuous maintenance or improvement of their property…

Il mondo delle professioni e dell’artigianato è una miniera per il “disubbidiente”: scrivanie pericolose dotate di angoli acuti, armadi da chiudere col catenaccio, combinazioni e lucchetti ai cassetti per la privacy, imbragature da indossare in caso di lavori in ufficio o officina… Perché non disubbidire platealmente a norme tanto assurde?… 

Regulations that prescribe best practice in a craft or profession are subject to strict scrutiny… Most of us are happy that many agencies regulate the health industry, that the Federal Aviation Administration regulates the airline industry, and that the Securities and Exchange Commission regulates the financial industry. But talk to any physician, pilot, or financial executive about those regulations, and you will get a sense of how different things look from their side of the street. They will agree that certain rules need to be in place—but the necessary rules are a small subset of all the ways in which regulators have made it more difficult for them to do their jobs as they should be done…

Ma l’abusivsmo stesso puo’ essere oggetto di disobbedienza. Se in alcune professioni l’albo ha senso, ormai un lavoratore su tre lavora con licenza:

… One may argue that the government has a compelling reason to pass licensing laws when the profession is one that involves life and death. But licensing now affects about 1 out of 3 workers… Should people really be required to get a license to work as an interior designer? Shampooer? Florist? Coffin maker?…

La regolamentazione sui rischi volontari è un ambito in cui la disubbidienza plateale potrebbe trovare terreno fertile.

Regulations that prevent people from taking voluntary risks are subject to strict scrutiny… They should be free to ski down dangerous slopes, scuba-dive in hazardous waters, climb sheer cliffs, and engage in all the other recreations that can easily break bones or even end lives… People should also be free to make informed and voluntary decisions about their health care, even if those decisions put them at risk. Regulations that prohibit access to a nontraditional treatment or to a drug that shows promise but hasn’t completed the FDA’s tortuous approval process are subject to strict scrutiny.

La strategia è quella di innescare processi improbabili e convogliare l’attenzione su tali processi:

… it is essential that people reading or watching news reports about the trial are overwhelmingly on the side of the defendant, even though everyone knows that the defendant is technically guilty….

Anche per questo meglio evitare gli ambiti in cui aleggia una cappa di sacralità, per quanto la regola sottostante tenda ad essere assurda. Ambiente, rischio, discriminazione… sono ambiti in cui la gente si schiera ideologicamente, meglio lasciar perdere se si mira al consenso:  

… Avoid choosing regulations with halo effectsProtection of the environment is the leading example. Even people who are not active environmentalists reflexively think that violating a regulation intended to protect the environment is wrong. Sometimes environmental regulations are so egregiously stupid that the halo effect can be overcome and systematic civil disobedience is appropriate… Many safety regulations also carry a halo effect, so we should avoid arguing that “ignoring this regulation increases the risk of injury only for people who are complete idiots.” Sometimes that argument will get support (the woman who sued McDonald’s because her coffee was too hot was widely derided), but we live in a world in which a substantial part of the population has become amazingly risk-averse… Employment regulations involving discrimination carry a halo effect. Affirmative action is a divisive issue in American life. In that context, disobeying regulations that are supposed to prevent discrimination will seldom get the overwhelming popular support that is needed for successful civil disobedience….

L’idea è quella di ribadire un principio: “niente danni, niente proibizioni”. E’ poco? Ma sapete quanta regolamentazione diverrebbe irrilevante se solo il principio fosse messo in atto? Nello sport si chiama “regola del vantaggio”: se non danneggi il tuo avversario la tua violazione è irrilevante. Avete presente i limiti di velocità?

A good way to think about my strategy is that it will force regulators to confront the same reality that faces state troopers on America’s interstate highways. Typically, the flow of traffic on an interstate is above the stated speed limit. A majority of drivers on America’s interstates are engaged in civil disobedience just about all the time. The state troopers could stop any one of them and fine them. But normal practice is to stop only those people who are driving significantly faster than the flow of traffic or driving erratically. The state troopers are forced by circumstances into limiting enforcement of the lawIn sports, this enforcement philosophy is called “no harm, no foul.” If a violation of a rule has occurred but it has no effect on the action of the game, the officials ignore it and the game goes on, to the greater enjoyment of both players and spectators.

Murray fa affidamento sul fatto che lo stato non sia in grado di fronteggiare un nugolo di violazioni, non è nemmeno conveniente farlo:  

… The government can throw huge resources into a case against a Microsoft or Morgan Stanley, where the stakes are also huge …

Facciamo il caso di quella che in Italia è l’ Ispettorato del Lavoro:   

… Consider OSHA. By its own estimate, OSHA is responsible for overseeing 8 million worksites around the nation, and it has issued regulations that all of them are supposed to observe. But OSHA’s staff for enforcing all those regulations amounts to about 200 inspectors who actually work for OSHA and another 2,000 who work for state agencies… What are the odds that an OSHA inspector is going to show up at a given workplace that is not inherently hazardous? Close to zero

Lo stesso dicasi per l’agenzia ambientale:  

… Or consider the EPA. In fiscal year 2013, the EPA’s civil enforcement included 18,000 inspections, 1,440 Final Administrative Penalty Orders, and 873 Administrative Compliance Orders.4 In a sense, the number of actual penalty and compliance orders is just the tip of the iceberg. In uncounted other instances, the EPA threatened action for regulatory violations and got compliance just by making the threat…

Cio’ significa che un fondo per la difesa dei disobbedienti è fattibile, non serve accumulare somme esorbitanti. Il fondo (Madison Fund) avrebbe tre funzioni:     

Specifically, the Madison Fund would have three goals: 1. To defend people who are innocent of the regulatory charges against them. 2. To defend people who are technically guilty of violating regulations that should not exist, drawing out that litigation as long as possible, making enforcement of the regulations more expensive to the regulatory agency than they’re worth, and reimbursing fines that are levied. 3. To generate as much publicity as possible, both to raise the public’s awareness of the government’s harassment of people like them, and to bring the pressure of public opinion to bear on elected politicians and staffs of regulatory agencies…

Per istituirlo sarebbe buona cosa affidarsi ai multimiliardari che simpatizzano con le idee liberali, ce ne sono parecchi in america:

The emergence of many billion-dollar-plus private fortunes over the last three decades has enabled the private sector to take on ambitious national or even international tasks… It could get started the way the Tea Party got started, as a popular movement. Money isn’t going to be a problem if the strategy can be shown to be workable…

Sarebbe il caso di trasferire le risorse dalle attività di lobbying a quelle di disubbidienza:  

I propose that professional associations shift some of their money from lobbying to insuring their members against mischief from the regulatory state, and then reflect upon the possible consequences when government is seen as just another insurable hazard, like fires or floods…

Il clima di disubbidienza diffusa e di lotta legale in processi dove il buon senso si schiera facilmente la speranza è che nasca una nuova consapevolezza tesa a influenzare la giurisprudenza costituzionale orientandola verso un principio come “niente danno, niente colpe” che farebbe perdere di valore a gran parte della regolamentazione.

COMMENTO PERSONALE

Charles Murray è tipo da prendere sul serio, già in passato i suoi libri sono stati alla base di riforme politiche epocali (penso alla riforma sul welfare USA) ma questa volta non vedo una facile applicazione del programma qui formulato: forse che la diffusa violazione del limite di velocità ha condotto i politici a desistere adottando per la strada un generico principio del “comportamento pericoloso”? Tutt’altro. Il burocrate lascia correre dove non conviene intervenire ma colpisce duro quando vuole farlo, quando si sente preso in giro (o per fare cassa) e quando colpisce sono lacrime e sangue: un controllore fiscale o previdenziale che ti prende di mira, in pochi giorni puo’ far saltare in aria l’opera di generazioni, la legge è talmente vaga da consentire ogni ricatto. Si parla tanto di “controllori catturati” dai controllati, quasi che il burocrate sia la parte debole, la verità più diffusa è esattamente quella contraria: sono i politici e i controllori che con minacce velate manovrano l’azione delle imprese. Per stare negli USA, chiedetevi come mai nessuna delle grandi assicurazioni sanitarie si è espressa contro la riforma Obama: solo una casuale coincidenza di opinioni? Come mai nessun banchiere critica la regolamentazione finanziaria? Solo una coincidenza di idee? No: se non collabori con la politica e le riforme da lei proposte sei fuori, se non coltivi le tue relazioni sei fuori. Bene, adesso chiedetevi cosa rischiano realmente quei “multimiliardari” che contribuiscono sostanzialmente al “Madison Fund”. Avranno anche delle loro idee ma difficilmente sono meri idealisti, più probabilmente si tratta di persone che alimentano oligopoli intrecciati profondamente con la politica e che la politica puo’ affondare con un decreto legge concepito in una notte: il loro primo cliente è il governo. Il coltello dalla parte del manico ce l’ha la politica, o si combatte sul serio e frontalmente o si cerca il cambiamento per altre vie.

57e97f54cd00671c8e485306212e773f

 

 

L’esplosione dell’intelligenza

Siamo più intelligenti dei nostri nonni?

I nostri nipoti sono/saranno più intelligenti di noi?

Sembrerebbe di sì poiché i test legati al quoziente intellettivo mostrano punteggi crescenti lungo tutto il XX secolo.

Strano: la pubblicità ci rende idioti, i persuasori occulti ci manipolano, i videogiochi rincoglioniscono, scopriamo ogni giorno un bias cognitivo diverso… e nel frattempo l’intelligenza del popolo cresce a dismisura.

Strano. Talmente strano che Linda Gottfredson si sente in dovere di seminare qualche dubbio nel saggio “Shattering Logic to Explain the Flynn Effect”.

L’effetto-Flynn (l’aumento di intelligenza di generazione in generazione) per molti è consolante: significa che l’intelligenza è flessibile e su di essa possiamo intervenire. Anche per questo viene accolto un po’ troppo acriticamente.

Tuttavia, uno studioso scrupoloso non dovrebbe prendere alla lettera un test IQ, o per lo meno confrontare banalmente dei test somministrati in tempi diversi. Chi lo fa forse non ha compreso bene la relazione tra un concetto come quello dell’intelligenza generale (G) e lo strumento che la misura (IQ test).

G è la facoltà che ci consente di ragionare ed imparare indipendentemente dal contesto in cui siamo calati. La si misura con giochini (subtest) sulle analogie, sulle associazioni, sulla logica, sull’aritmetica e sulla comprensione di testi scritti eccetera. Il test dell’IQ misura G abbastanza bene. Ma… ma è solo uno strumento, non è la “sostanza”.

James Flynn ha potuto rivoluzionare il campo mettendo da parte G e identificando l’IQ con l’intelligenza. L’IQ cresce molto di generazione in generazione, quindi l’intelligenza cresce, quindi l’intelligenza è duttile e scarsamente ereditaria….

recent generations do little better on IQ subtests such as Vocabulary, Arithmetic Reasoning, and General Information, mankind’s donning of “scientific spectacles” has enabled it to answer many more Raven’s Matrices and Similarities items than did earlier generation…

I possibili miglioramenti così ben documentati chiamano – secondo Flynn e i suoi accoliti – ad un massiccio intervento esterno

… “Interventions that may enhance IQ include the efforts of parents, programs that afford an enriched environment to children at risk, adoption, and university study.”…

Ma come puo’ un tratto ereditario come l’intelligenza mutare così da nonno a nipote?

Qui sta l’errore di Flynn: non c’è nessuna evidenza che il fattore G sia mutato. Un errore dal quale Flynn si divincola affermando a volte implicitamente che G non esiste o comunque non è importante, e questo nonostante l’evidenza scientifica affermi da sempre il contrario.

Forse a questo punto meglio dire più chiaramente cosa sia G. G è il fattore che correla le varie abilità cognitive. Metricamente correla i  vari punteggi nei subtest utilizzati per conteggiare l’IQ.

Cio’ significa che se in un subtest ho un punteggio molto più elevato della media, probabilmente la buona performance in quel test non è dovuta alla mia intelligenza: l’intelligenza, infatti, eleva contemporaneamente il punteggio di TUTTI i subtest poiché appunto ha la funzione di correlare, tenere insieme, le varie abilità.

Mentre G è rigido, IQ puo’ essere flessibile: il teaching-to-test, per esempio, migliora molto l’IQ senza toccare assolutamente G.

Forse l’IQ dei nipoti è più elevato rispetto a quello dei nonni perchè vivono in un contesto culturale dove certe abilità sono molto più sollecitate, cosicché, implicitamente, arrivano al test più preparati. Imparare l’utilizzo del telefonino ti prepara indirettamente al test che affronterai mentre scendere in miniera no. Questo, ovviamente, non significa che lo G dei nipoti sia aumentato rispetto a quello dei nonni, è intervenuto un fattore esterno.

Questo è confermato dal fatto che l’effetto-Flynn si manifesta solo per alcune abilità (subtest) e non per altre. Poiché G correla tutte le abilità, evidentemente il punteggio IQ aumenta senza che si possa inferire alcunché su G, ovvero sull’intelligenza dei soggetti coinvolti nel confronto…

… an historical shift from pre- to post-scientific thinking caused an advance from concrete to formal thinking…

La reazione di Flynn…

… An “imperialistic” g  must be restricted to its “proper kingdom” by maintaining a “separation of powers” between the physiological, individual differences, and social levels of intelligence…

G puo’ e deve essere “smontato”, e l’operazione viene radicalizzata dall’assumere implicitamente che G nemmeno esista, esistono solo le sue componenti. Una volta oscurato G, l’aumento di IQ dovuto solo all’esito di alcuni subtest puo’ essere chiamato “aumento dell’intelligenza”, o per lo meno di una intelligenza particolare.

Tuttavia, l’operazione di Flynn ha evidenti lacune: innanzitutto, confonde correlazioni con medie.

Facciamo un esempio: in media le persone più alte pesano di più. Tradotto: esiste una correlazione tra altezza e peso. Ebbene, se tutti prendiamo cinque chili la correlazione resta intatta anche se il peso medio della popolazione è aumentato notevolmente…

… the fact that average scores on the Similarities subtest have risen over time but average scores on Vocabulary and Arithmetic Reasoning have not says nothing about whether the correlation between them has changed…

Nel nostro caso, alcune abilità sono aumentate ma questo non ha influito in nulla  sulla robusta correlazione tra le diverse abilità, ovvero sulla fondata ipotesi dell’esistenza di G. Dire che l’ipotesi di G è stata spazzata via dall’effetto Flynn significa incappare in questa confusione…

… The g factor is derived, via factor analysis from the correlations among subtests. Averages do not affect the calculation of correlations… g constitutes the core of all mental abilities…

Un’altra confusione: abilità relative e abilità assolute.

Il test IQ misura bene le abilità relative di chi si sottopone al test

… The best we can do, which Flynn does admirably, is to plug cross-generation differences in raw scores into the formula for calculating deviation IQs for the current generation…

Ma i confronti su generazioni diverse dicono poco sui mutamenti di G poiché i contesti cambiano e noi non sappiamo a cosa sia dovuto l’eventuale aumento di prestazione in certi subtest.

L’ultima confusione riguarda l’oggetto e la sua misurazione. E’ grave confondere la febbre con il termometro ma chi interpreta in un certo modo l’effetto Flynn lo fa continuamente.

Il dogma di Flynn è che ciascun test misuri un’abilità separata dalle altre…

… For example, it was once received wisdom (but mistaken) that tests of verbal ability would predict reading but not math achievement, whereas tests of arithmetic reasoning would do the reverse…but… specificity theory was falsified decades ago

Per sostenere l’ idipendenza di molte facoltà cognitive (e quindi la presenza di più intelligenze) Flynn deve fare assunti problematici, che evita di supportare con evidenze. Infatti, quelle disponibili sono di segno opposto…

… Professor Flynn may believe that the Similarities subtest measures the ability “to classify” and that Vocabulary assays a different cognitive “skill,” but he needs to provide evidence and not mere belief. Belief did not smash the atom. Belief cannot explain the Flynn Effect…

 

La negazione o il ridimensionamento di G spesso ha basi morali più che scientifiche. Se esiste un G, se è misurabile e se è ereditario potremmo fare scoperte spiacevoli che incoraggerebbero, per esempio, il razzismo o il sessismo.

Il fatto spiacevole è che usando i comuni standard scientifici dobbiamo concludere che molto probabilmente G esiste, che è misurabile, che è ereditario, che influisce nella vita pratica e che varia, per esempio, tra neri e bianchi.

Da più parti si invocano “standard scientifici più elevati” (rispetto a quelli comuni), questo perché l’ipotesi è offensiva e pericolosa, oltre a procurare un disgusto morale. Spesso, l’intero campo di studi è considerato “riprovevole” e liquidato brutalmente. Gli studiosi sono guardati con sdegno. I loro critici mietono allori accademici evitando un impegno serio nel merito, oppure avanzando qualche dubbio su una porzione trascurabile della mole di lavori prodotti.

Spesso il dibattito confonde i fatti e le cause

… Public commentary on black-white IQ differences generally confuses these two questions: whether blacks and whites differ in average developed intelligence level, and, if so, why…

Ma la prima questione è risolta da tempo: i neri mostrano mediamente IQ inferiori. Così l’ American Psychological Association già nel 1996…

… “The differential between the mean intelligence test scores of [Western] Blacks and Whites… does not result from any obvious biases in test construction and administration” (Neisser et al., 1996)…

Il gap nelle abilità è reale, persistente e ha conseguenze pratiche importanti…

… Racial-ethnic differences in phenotypic intelligence are the rule, not the exception, worldwide…

Veniamo allora alla questione legata alle cause: esistono cause genetiche? Lo stato dell’arte…

… Some have written that current evidence makes the black-white gap more plausibly 80% genetic than 0% genetic and others that 50% genetic is more plausible than 0% genetic, and yet others have argued that the available evidence is equally consistent with 0% genetic or is not yet sufficient to venture an opinion. I suspect that most experts on the topic now believe that the gap is at least somewhat genetic, because that was the plurality judgment when solicited confidentially twenty years ago (Snyderman & Rothman, 1988). My view is that the current weight of evidence favors a 50-80 percent rather than a zero percent genetic component (Gottfredson, 2005b)…

L’ipotesi genetica resta tremendamente plausibile perché…

… The longer and stronger this chain of evidence for both blacks and whites, the more scientifically plausible a genetic component to their average IQ difference becomes…

Se gli avi sono intelligenti lo sono anche i nipoti, il che supporterebbe l’ipotesi genetica. Anche le classifiche stilate in tenera età vengono confermate da quelle stilate per gli stessi soggetti in tarda età, un altro supporto non da poco, specie in una società potenzialmente mobile come quella contemporanea.

Gli assunti dell’ipotesi genetica sono almeno cinque

… the existence of intelligence (g), its fair measurement, practical importance, stability (lack of malleability), and high heritability…

Si tratta di assunti testati molto spesso e ritenuti robusti, tuttavia basterebbe spezzare un anello della catena per romperla.

Alcuni culturalisti negano G o comunque la sua importanza

… The first, Non-Existence gambit is to concede racial differences in scores on IQ tests but then to assert that IQ tests do not measure intelligence because, for instance, “intelligence” is only that which a particular culture chooses to value

Per costoro l’intelligenza è legata ai valori. I nostri test non possono misurare l’intelligenza dei neri poiché la loro cultura è differente.

Il gap nell’IQ non sarebbe da prendere quindi sul serio e i test andrebbero aboliti poiché umiliano una fetta della popolazione.

Altri negano l’esistenza delle razze, e quindi la possibilità di dividere sensatamente la popolazione in gruppi…

… Where once they could seem to discredit the reports of racial differences in intelligence simply by asserting that intelligence (or fair measurement or genetic influence within race) does not exist, they now frequently assert that the existence of biological races has been disproved…

Le razze sarebbero solo un costrutto sociale senza una base biologica.

Altri ancora preferiscono uscire dal terreno scientifico per avanzare l’obiezione morale: non tutto quel che possiamo studiare merita di essere studiato, su certi temi esiste un dovere di censura…

… Unthinkable gambit. It gains popularity when the empirical evidence starts to seem incontestable…

Una versione debole dell’argomento censorio è l’argomento del doppio standard: certe verità vanno provate oltre gli standard comuni. Purtroppo si sfocia troppo spesso negli “standard impossibili”…

… In the court of moral judgment, defending the scientific validity of an unwelcome conclusion amounts to confessing moral guilt…

La forza scientifica di certi argomenti si trasforma in una debolezza morale. L’oggettività diventa insensibilità, la dedizione feticismo e la libertà accademica subisce una deroga…

… Scientific conclusions on what “is” (racial differences in IQ) are construed as personal preferences for what “ought to be.”…

Ho come l’impressione che l’ipotesi genetica tragga gran parte della sua forza dalla debolezza delle critiche che riceve, anche se in questa sede non c’è spazio per soffermarsi nel dettaglio.

Riassumendo, l’ipotesi genetica segue un sillogismo che andrebbe negato in almeno una delle sue premesse…

… syllogism:” An underlying ability (called g) is needed for all forms of cognitive performance g is manifest in any broad cognitive battery such as IQ g is related to many types of biological markers and is highly heritable Large individual and group differences exist in g Variation in g predicts differential life outcomes Therefore, variation in life outcomes is at least partly rooted in biological differences in g…

Il sillogismo è corroborato da osservazioni nei più svariati campi. Prendiamo il mondo del lavoro

… Level of education, occupation, and income are themselves moderately heritable (60-70%, 50% and 40-50%, respectively), and these heritabilities overlap that for g by at least half (yielding 40%, 25%, and 20% of the phenotypic variation in the three life outcomes being jointly heritable with g: e.g., Rowe, Vesterdal, & Rodgers, 1998)…

James Flynn ci ha mostrato che l’IQ fluttua nel tempo e questo per molti vale una confutazione dell’ipotesi genetica, ma abbiamo visto che così non è: l’IQ puo’ aumentare senza che aumenti G, per esempio quando aumenta solo grazie all’esito di alcuni subtest.

C’è chi sulla scorta di Flynn vorrebbe incaricare la scuola di renderci più intelligenti. ma qui si presenta un paradosso: i subtest con esiti sempre migliori sono quelli meno collegati con la scuola…

… patterns of change in IQ subtest scores are opposite of what one would expect if school instruction…

Le evidenze portate dagli “ottimisti” sono a dir poco sospette…

… they must turn away from the large body of contrary evidence in the US from standard educational… they bring… bits of research from odd corners of the globe (rural Kharwar Indian and Brazilian children) or forms of “natural stimulation” during childhood (herding, running errands, playing videogames or Legos)…

Uno studioso accreditato come Turkheimer dubita dell’esistenza di G in sé e propone un esperimento mentale…

… he construct a universe in which abilities are independent… that factor analysis will extract a g factor nonetheless… g is therefore an “illusion.”…

Ma

… His other-worldly demonstration does nothing, however, to invalidate the independent bodies of evidence showing that this “illusion” exists beyond factor analysis as a biological (Jensen, 1998) and cross-species phenomenon (Chabris, 2007), and that it has more predictive substance in the real world than does any other cognitive ability. In any case, Humphreys (1986) and others put his hypothesis to the test half a century ago when they earnestly tried, but failed, to build useful ability tests that did not also measure general intelligence…

I Flynniani più recenti non negano né G né la sua ereditarietà ma ritengono tutto cio’ irrilevante poiche IQ è malleabile grazie alla cultura. Purtroppo, abbiamo visto che il potere predittivo sulle sorti di una persona appartiene a G più che a specifiche abilità cognitive.

William Dickens propone di elevare con la cultura adatta tutte le abilità cognitive – così come la cultura contemporanea ne ha elevate alcune – ottenendo così un potenziamento delle “intelligenze” dall’esterno, senza intervenire sul fattore G…

… “intelligence” is not only made malleable, but made amenable to change via “cultural priorities”… The problem with his explanation, however, is that IQ (g) remains highly heritable… Dickens’ proposed environmental “multipliers.”… environmental reinforcement of all our abilities….The result is to reconstitute g from the outside in… The resulting g is highly heritable because of the single, genetically-influenced ability that happened to recruit a very powerful environment…

Come minimo possiamo definirlo un progetto ambizioso, anche se per lo meno non del tutto incoerente.

Tornando al problema razziale, l’ipotesi G sembra in imbarazzante armonia con i fatti: bianchi e neri hanno un G diverso, il che spiega le diverse performance, e poiché G è ereditario si spiega bene il persistere del gap. Una verità imbarazzante che obbliga alcuni a considerare G un’illusione: se G non esiste, non esistono nemmeno G diversi per neri e bianchi.

L’ipotesi G spiega anche perché decenni di esperimenti scolastici non hanno chiuso il gap. A chi scarta l’ipotesi-G non resta che insistere su esperimenti che hanno già fallito. A costoro non resta che una ricetta…

… “impose” such interventions on individuals more vigorously and into their adult years…

Ma a chi serve fare dell’ipotesi G un tabù?…

… Proponents of the taboo on discussing race and IQ assume that the taboo is all for the common good, but whose good, exactly, is served? It is most certainly not individuals of below-average intelligence, who face a tremendous uphill battle in modern, literate societies where life becomes increasingly complex by the day…

Soprattutto, non serve ai soggetti più deboli che arrancano in una società sempre più “intelligente” e quindi non fatta per loro. Ecco un esempio tratto dalla sanità

… Take, for example, health care… Individuals of lower health literacy, or IQ, are less likely to seek preventive care even when it is free…They have worse health, more accidental injuries, higher health costs, and die sooner— regardless of income, insurance coverage, or quality of health care… It overstates only slightly to say that health care providers currently pay no attention to patient differences in the ability to learn and understand. As health literacy researchers have shown, however, a sizeable fraction of patients in urban hospital outpatient clinics are unable to understand an appointment slip (when to come back), a label indicating how to take four pills a day, or, among their insulin-dependent diabetic patients, the signs of low (or high) sugar and what action to take to bring their blood sugar back under control. Do proportionately more blacks have such problems? Yes, many more. Is that a reason to continue ignoring or disputing individual and group differences in g?…

testona

 

La femmina competitiva

Studiate in laboratorio, le donne si rivelano puntualmente meno competitive degli uomini. Ma qual è la causa? E’ innata? E’ acquisita?

Se lo chiedono John List e Uri Gneezy nel loro saggio “What Can a Matrilineal Society Teach Us About Women and Competition?”.

Per rispondere a dovere con un esperimento sul campo i due hanno fatto visita ad una delle poche società matriarcali esistenti, quella dei Khasi in India orientale, un mondo in cui vige un rigoroso sessismo rovesciato.

L’accoglienza fu particolarmente cordiale rispetto a quella riservata loro qualche anno prima dai guerrieri Masai, una società fieramente patriarcale…

… In stead of being greeted by suspicious, red-robed Masai warriors who stood squinting at us, we met warm, welcoming, smiling people. We discovered that life is considerably better for Khasi women than it is for their Masai counterparts…

Presso la famiglia Kashi la donna è l’unica proprietaria di beni e il 100% dell’eredità spetta alla primogenita femmina. Insomma, il potere economico è un’esclusiva femminile.

Gli esperimenti messi in campo dai due studiosi consistevano in giochi dal premi in denaro basati su una competizione esplicita tra concorrenti ai quali era data facoltà di ritirarsi senza rischiare. Esito:

… The percentage of men and women who chose competition, per society, tells the culture story. In competitive games, Khasi women chose to compete not only more often than US and Masai women, but even more often than Masai warriors… 54 percent of the Khasi women chose to compete, whereas only 39 percent of the Khasi men did…

A quanto pare, una volta levata di mezzo l’influenza del patriarcato, la donna compete. Evidentemente, la cultura ha un suo peso e l’inclinazione competitiva non è solo un portato evoluzionistico.

In un’altra prova si puntava ad osservare quanto le donne Khasi fossero aggressive nelle negoziazioni sul mercato…

… we visited an open-air market in Shillong, where Khasi and non-Khasi people live side by side… To see how culture affects negotiation style, we gave Khasi and non-Khasi men and women money to buy two kilos of tomatoes in the market. Prices ranged between 20 and 40 rupees per kilo, depending on how well they haggled; our participants earned more if they negotiated a lower price…

Bè, le donne Khasi possedevano fiducia in sè stesse e autostima dimostrando di essere ottime negoziatrici, almeno quanto gli uomini non-Khasi.

Ma si è notato anche un altro aspetto non meno rilevante: i mercati non-Khasi erano organizzati diversamente da quelli Khasi…

… When the Khasi women entered a section of the market in which non-Khasi people set the price, men and women sold goods and haggled side by side, and the Khasi women proved themselves to be forces of nature… when Shaihun and her peers entered a section of the market in which only the Khasi set the price and only women bought and sold goods, we noticed that there was not much haggling. The shopping prices appeared, as it is in the West, to be more set than negotiated… given the option, Khasi women set the incentives in their part of the market differently than men… By setting standard prices, they simply made the environment less competitive and aggressive…

Insomma, se c’è da competere in una serrata trattativa le donne Khasi sanno farlo ma se possono evitarlo lo evitano volentieri. In questo sono simili alle donne delle società patriarcali.

Quando le donne sono al potere tutti sembrano godersela, la società khasi è molto rilassata. Anche la società dei bonobo è matrilineare e per i maschi è una pacchia. Lo stress da competizione sembra scongiurato, si punta di più sul consenso e sull’armonia. Potremmo dire sui… “beni comuni”.

Garrett Hardin nel suo “The Tragedy of the Commons” chiarì bene il concetto di bene comune…

… In the article, he described a situation in medieval Europe in which herders shared a common parcel of land on which everyone was allowed to graze cattle. As long as herders didn’t allow too many cattle on the land at once, everything was fine. But if one greedy herder brought additional cows to graze, the damage to the pasture increased, eventually depleting the parcel so much that none of the cattle could graze at all… overfishing…

Ecco, la società matriarcale cercherà meno la competizione ma avrà più possibilità di risolvere il problema legati allo sfruttamento dei beni comuni.

La cosa è stata verificata confrontando i Khasi (matriarcale) e gli Assamese (patriarcale) nel gioco del “public good”…

… We gave each group the same set of instructions: “In this game, you can choose to invest in the community, or to invest in yourself.” We told some of the participants the following: “Every rupee you invest in yourself will yield you a return of one. Every rupee invested in the group exchange will yield a return of one-half for every member of the group, not just the person who invested it.”… … Khasi men and women invested more in the group… fewer selfish people, regardless of gender, among the Khasi…

Questo spiegherebbe anche perché tutte le società umane sono patriarcali: nella storia dell’uomo la tecnologia – a cominciare dall’agricoltura – ha consentito di privatizzare le risorse mitigando il problema dei beni comuni ed esaltando i benefici della competizione.

Le differenze nell’attitudine a competere spiegano anche parte del nostro ben noto wage gap: i maschi sono più grintosi nel negoziare il loro salario. Le donne – che potrebbero fare altrettanto – si tirano indietro: è nove volte più probabile che a chiedere l’aumento sia un ragazzo.

Anche questa inclinazione è stata verificata con esperimenti sul campo…

…Between November 2011 and February 2012, we placed eighteen online “help wanted” postings for administrative assistants in nine major metropolitan areas in the United States. The jobs were either for a gender-neutral position in fundraising, or for positions in a sports environment, a situation that again prompted more male applicants. One ad said that that the job paid $17.60 and that the salary was negotiable. The other noted that the job paid a flat $17.60.4 We received interest from 2,422 people. What happened? First, we discovered that when there was no explicit statement that wages were negotiable—the ambiguous case—men were much more likely to negotiate for a higher wage than women. However, when we explicitly mentioned the possibility that wages were negotiable, this difference disappeared, and even tended to reverse—in this case, women bargained slightly more than men…

Quando il salario è negoziabile in modo esplicito anche le donne si fanno avanti, quando invece non è tale è solo l’uomo che si butta.

Nell’ambiguità e nel non detto l’indole conflittuale dell’uomo prevale, per lui è più facile “buttarsi”. Se le regole del gioco sono invece chiare la donna osa e sfodera i suoi talenti, altrimenti prende e porta a casa quel che viene offerto.

Queste considerazioni informano alcune politiche di imprese che hanno a cuore il gender gap, per esempio la Deloitte

… One example to follow is the consulting firm Deloitte, which tries to ensure that female employees get considered for top assignments, and where at least 23 percent of senior management personnel are female.6 Firms like Deloitte will soon find themselves better off for doing so, because they will be able to uncover the true top talent in their organization, a move that will positively affect their bottom line… at Campbell Soup Company (where a woman, Denise Morrison, is CEO), gender diversity is part and parcel of the company’s selling proposition because most of the people who buy its products are women. For that reason, the firm made a conscious decision to make sure that its leadership reflected people who looked like their customers…

Oppure la Honda

… auto companies like Honda…  have tried to follow an idea first put forward by General Motors’ Saturn division, making no-haggle pricing part of its sales pitch. Though the Saturn division is gone, during its time its cars became very popular with women, who amounted to 63 percent of Saturn owners…

Se buona parte del problema è culturale, di sicuro intervenire sui giovani paga di più. Ma come? Esponendo le bambine a situazioni più competitive, per esempio.

Oppure eliminando le classi miste.

Nelle classi miste l’irruenza dei maschietti intimidisce le bambine che andrebbero introdotte alla competitività in modo più graduale.

Inoltre, i maschietti presentano i casi più problematici, cosicché l’attenzione degli insegnanti è prevalentemente su di loro.

Ci si ricordi sempre di una cosa, però: saper competere non è certo la chiave della felicità

… Peace isn’t found in what we own or in our titles, but in the life we live as citizens, parents, and neighbors. It is our personal hope, above all, that our girls (and everyone) learn this lesson…

femmen