Quell’idiota di Imre Lakatos

Imre Lakatos: Eulogized in England, Unforgiven in Hungary – When Reason Goes on Holiday: Philosophers in Politics – Neven Sesardic

***

Punti chiave: Non certo un “resistente” per la patria – Contributo per una scuola dottrinaria – Marxista dogmatico fuori tempo massimi –  Informatore per i regime –  Un pericolo pubblico dalla disumanità esemplare, praticamente uno psicopatico – Marxista da barzelletta – Il doppio standard crispetto al caso Heidegger – 

***

Yellow highlight | Page: 107
Imre Lakatos is one of the most important philosophers of science of the twentieth century…Currently, the greatest recognition in the philosophy of science bears his name: the Lakatos Award….

Note:CHI È

LSE: Economical with the Truth?

Yellow highlight | Page: 109
he in fact firmly rejected a suggestion that members of his secret seminars should engage in anti-fascist resistance (Long 2002, 265).

Note:RIFIUTO DELLA RESISTENZA

Yellow highlight | Page: 109
Lakatos worked for the Ministry of Education between 1945 and 1948, and was an active writer supporting the hard Party line against the liberal factions to be demolished by [Hungarian Prime Minister Matyas] Rakosi. During the 1947–1948 academic year, Lakatos dedicated himself to helping destroy the distinguished Eötvös College, targeted by the Communists because of its resistance to transforming itself into an indoctrination tool like the recently established Györffy College. .

Note:IL RIFORMATORE EDUCATIVO?

Yellow highlight | Page: 110
Before his destructive actions at Eötvös College, Lakatos was one of the leaders of a student group, Debrecen University Circle, which not only demanded the dismissal of “reactionary” professors but also established a “screening committee” aiming to “cleanse the student body of fascists and reactionaries who had wormed their way into the ranks” (Bandy 2009, 59–61).

Note:UNO STUDENTE CASINISTA E INDOTTRINATO

Yellow highlight | Page: 110
A secret police document kept in the Historical Archives of the State Security Services says that Gábor Kovács (Lakatos’s codename as an informer) “gave us valuable information about [György Lukács’ circle]” (Bandy undated, 5). According to the philosopher Agnes Heller, Lukács was aware that Lakatos was helping the Party build an ideological case against him

Note:INFORMATORE

Yellow highlight | Page: 111
he was a political prisoner simply because he was more Stalinist than many of the leaders of the Hungarian Communist Party.

Note:SUPERSTALINISTA

Murder by Suicide

Yellow highlight | Page: 112
his role in the suicide in 1944 of a young woman named Éva Izsák…During World War II Lakatos joined the Communist Party and became the unofficial leader of a small underground cell in Nagyvárad. One of the cell members was a nineteen-year-old Jewish woman, Éva Izsák. She, like many other members, was in hiding and had false papers. It was feared she was a particular security risk for the whole group—…This problem had to be addressed and there was no doubt about who should be in charge: Imre Lipsitz (Lakatos’s original surname)…The best way out was for Éva Izsák to commit suicide. The proposal was supported by an argument couched by the future LSE professor in terms of Marxist dialectics which the other members found so compelling that they all immediately voted for it—including Éva’s own boyfriend!…Lakatos was such a dominating influence on the minds of other group members that they were ready to obey all his instructions unconditionally. In some respects the atmosphere resembled that of a sect like Jim Jones’s infamous People’s Temple community in Jonestown….

Note:OMBRA

ellow highlight | Page: 115
Lakatos’s extreme manipulativeness, unscrupulousness, lack of concern for other people, and rigid loyalty to a totalitarian ideology make a combination that is, if not unique, certainly quite rare.

Note:UN PERICOLO PUBBLICO

Yellow highlight | Page: 115
it was actually Bernard Williams, the preeminent British moral philosopher, who once described Lakatos as “a kind of a thug.”

Note:UN TEPPISTA

Yellow highlight | Page: 115
he was “evil” (Joseph Agassi, philosopher and colleague), that he was “an impossible infantile monster, completely unable to understand other people” (a former girlfriend), that he was “not fully human,” that “his drives and his mind are in place, but the rest missing” (a mathematician colleague), that “people did not matter to him,” that he was “a truly Satanic figure” and that “it was scary to see him in action” (a historian colleague), that he was “diabolic” (philosopher Agnes Heller), that he was seen as “an evil spirit” and “demonic” (Endre Ságvári a Communist activist), that he was “diabolic” in his “total disregard for people” (István Márkus, a journal editor), that he was “like the devil . . . absolutely inhuman . . . that he had no human feelings for anyone . . . and that he would trample on anyone to get ahead” (András Nagy, professor of economics), that he was “a Satanic figure” (an editor Zoltán Zsámboki), that he was “unbelievably unscrupulous” (Péter Németh, a literary historian), that he “met the criteria for Antisocial Personality Disorder in the current DSM IV” (Long 2002, 294). All in all, a lot of the evidence points to the possibility that Lakatos was a psychopath, which is indeed how he was described by Dr. Klára Majerszky

Note:ACCUSE UNANIMI… PSICOPATICO

Sticking with the Superego

Yellow highlight | Page: 116
he kept the true Stalinist faith until 1956

Note:FEDELE ALLA LINEA

Yellow highlight | Page: 117
in a 1971 letter to the psychologist Paul Meehl, Lakatos says that the Communist Party was his last superego and that it was only in 1956 that he finally got rid of that superego…This is embarrassingly late…

Note:1956

Yellow highlight | Page: 117
as Solzhenitsyn said, Marxism in the Soviet Union “has fallen to such a low point that it has become a joke, an object of contempt . . . and that no serious person, not even university and high-school students, can talk about Marxism without a smile or a sneer”

Note:MARXISTA QUANDO IL MARXISMO ERA UNA BARZELLETTA

Yellow highlight | Page: 118
Lakatos, who was then already a lecturer at the London School of Economics, was still collaborating with the Hungarian secret police (see Bandy 2009, 304).

Note:1962

Yellow highlight | Page: 119
A striking contrast: Lakatos’s real-life actions that caused loss of life and immense human suffering have barely produced a yawn among philosophers; meanwhile, in another case, top scholars in the profession have issued strident condemnations and repeatedly expressed disbelief and shock over what one old and disillusioned man had written in the last year of his life in his private diary, which was published seventy years after his death (see pp. 188–193).

LAKATOS E HEDEGGER… UNO STRANO CONTRASTO

 

Grammatica universale

Parlo dunque sono: Diciasette istantanee sul linguaggio (Biblioteca minima) (Italian Edition)
Andrea Moro

***

Punti chiave: Il linguaggio è un fatto di natura – nel linguaggio è incorporata la nostra logica – nel linguaggio è già incorporata la nostra filosofia – la sintassi come cuore del linguaggio – la ricorsività (o nidificazione) come cuore del linguaggio – scimpanzé e bambini imparano a parlare – i misteri del verbo essere –

***

uomo/animale… differenze? solo u. possiede un linguaggio governato da una grammatica generativagg: consente di produrre infiniti concetti grazie all ordine di disposizione dei trrminilimiti di babele: non tutte le disposizioni sono corrette esistonp dei limiti sintassi: i limiti sono sintattici non semantici… il collante che tiene unite le frasi è la sintassibiologia: la sintassi ha un correlato biologico… l uomo possiede una gg e qs si riflette nella sua boologia che è unica

Yellow highlight | Location: 35
LA SCELTA, POI L’ORDINE, POI IL CASO E ALLA FINE È SOLO LUCE

Yellow highlight | Location: 45
Una scienza che non ci dice niente di noi è inutile, come un album sbagliato. Se poi quella scienza studia il linguaggio, è impossibile che non ci dica qualcosa di noi

Note:UNA SCIENZA CHE PARLI DI NOI

Yellow highlight | Location: 47
Le costellazioni e le sinfonie ci sono solo perché ci siamo noi a guardare e ascoltare. Così è per le frasi

Note:SOGGETTIVISMO

DIO

Yellow highlight | Location: 58
il linguaggio, la caratteristica che ci definisce più di ogni altra, è nel primo libro dell’Antico Testamento un dono che conferma senza margine di dubbio la nostra libertà e la nostra creatività.

Note:GIÀ IN GENESI IL NOSTRO MARCHIO

Yellow highlight | Location: 61
questa somiglianza si percepisce nel riconoscerci capaci di dare dei nomi.

Note:A SUA IMMAGINE E SOMIGLIANZA

Yellow highlight | Location: 72
Fortunatamente, non sentiamo il bisogno di nomi per tutte le combinazioni di parti del mondo: talvolta conviene inventarne qualcuno per comodità, ma non per tutte… A noi serve invece un catalogo, capiente e parzialmente elastico, ma non infinito: un dizionario insomma…

Note:UN NOME PER OGNI COMBINAZIONE?

Yellow highlight | Location: 85
nell’altra tradizione alla base della nostra cultura, la tradizione greca, il nome (del ruolo) che si dà a Dio non è padre, ma logos

Note:DIO NELLA TRADIZIONE GRECA

Yellow highlight | Location: 86
Noi lo traduciamo di volta in volta in modi diversi, salvo quando non lo traduciamo affatto: ora usiamo la semplice parola parola, ora la parola per antonomasia, cioè verbo, ora la parola numero, ora la parola ragione.

Note:TRADUZIONE DI LOGOS

Yellow highlight | Location: 92
Siamo dunque fatti della stessa sostanza di cui son fatte le parole, e come noi Dio, che in questo ci ha generati simili a lui: liberi, liberi di dare nomi alle cose. Noi siamo tutti parole incarnate.

Note:SIAMO PAROLE INCARNATE. CONTENUTI DELLA RAGIONE

PLATONE

Yellow highlight | Location: 101
non si tratta più infatti solo di atomi in isolamento – di liste di nomi, come nel caso della Genesi –, si tratta di combinazioni tra atomi, cioè della nascita, o meglio del riconoscimento delle più importanti molecole di parole – le frasi. E al contempo del fatto che non tutte le combinazioni di parole funzionano.

Note:SINTASSI MISTERIOSA

Yellow highlight | Location: 107
Incastrarsi, ovvero avere due forme non solo compatibili, ma anche complementari: due pezzi diversi, cioè, che uniti fanno una cosa nuova, che sta in piedi da sola. Questo significa riconoscere che il linguaggio è fatto di un’armonia, di un incastro di parti che non può essere casuale.

Note:L’ INCASTRO

Yellow highlight | Location: 112
queste combinazioni manifestino proprietà matematiche speciali che non possono essere né derivate dall’esperienza né costruite dal caso

Note:INNATISMO DELLA SINTASSI

Yellow highlight | Location: 123
la madre di tutte le armonie linguistiche è quella del nome che si accorda con il verbo.

Note:LA MADRE DELLE ARMONIE

Yellow highlight | Location: 129
Platone non ci spiega che cosa crei quest’armonia, ma la dà per intuitivamente evidente, ed è difficile dargli torto.

Note:EVIDENZA PRIMARIA

Yellow highlight | Location: 131
non facciamo alcuna fatica a riconoscere subito la differenza tra sequenze di due parole come Pietro corsa e Pietro corre:

 

ARISTOTELE

Yellow highlight | Location: 144
un aspetto fondamentale del significato di una frase quale tutti i lettori di questo libro sono delle rondini si rappresenta come la relazione tra due insiemi, quello dei lettori di questo libro e quello delle rondini – una relazione in cui l’insieme dei lettori di questo libro è contenuto nell’insieme delle rondini…Aristotele aggancia la nozione di verità – e quindi quella di falsità – al linguaggio…

Note:VERITÀ E LINGUAGGIO

Yellow highlight | Location: 162
Quel qualcosa cui viene attribuita una proprietà è la cosa che esiste sotto tutte le proprietà che le si addicono: è «la cosa che sta sotto», cioè «la sostanza» o, in termini linguistici, il «soggetto».

Note:SOGGETTO E SOSTANZA

Yellow highlight | Location: 166
Soggetto e predicato, dunque, sono le due colonne portanti del pensiero linguistico, logico, ontologico (e matematico): senza di essi non esisterebbe il pensiero razionale.

Note | Location: 167
SOGETTO/SOSTANZA…PREDICATO/PROPRIETÀ

Yellow highlight | Location: 169
I verbi non sono predicati? No: Aristotele si accorge che nella sua lingua (e nella nostra, ad esempio) non tutti i verbi sono predicati, o meglio che esiste un verbo che non è predicato di niente, che non esprime cioè alcuna proprietà: il verbo essere, appunto.

Note:VERBO ESSERE

MARCO TERENZIO VARRONE

Yellow highlight | Location: 185
Si sa: il gulco gianigeva le brale. Se però si parla di più di un gulco, non dobbiamo chiedere a nessuno come si dice. Sappiamo benissimo che si dice che i gulchi gianigevano le brale.

Note:I GLUCHI

Yellow highlight | Location: 187
se un bambino, dopo aver sentito per caso che qualcuno ha venduto qualcosa, ci dice che qualcun altro ha piangiuto tanto, dovremmo dargli un premio, perché è stato capace da solo di costruire una proporzione perfetta

Note:PIANGIUTO

Yellow highlight | Location: 190
Varrone ci sta dicendo esplicitamente che parte della nostra conoscenza del linguaggio non ci viene insegnata: è un fatto di natura.

Note:VARRONE E L‘INNATISMO

Yellow highlight | Location: 211
sulla base dei lavori di Noam Chomsky si è per la prima volta affermata una teoria sull’acquisizione del linguaggio opposta a quella tradizionale.10 L’ipotesi che le regole sintattiche della lingua madre (intesa in tutte le sue sottocomponenti, tra le quali la sintassi) si costruiscano progressivamente sul nulla è stata sostituita con l’ipotesi che gli esseri umani nascano con un cervello che (in potenza) contiene già tutte le sintassi… L’apprendimento non sarebbe dunque un fenomeno di costruzione, ma di selezione…

Note:RIVOLUZIONE DI CHOMSKY

Yellow highlight | Location: 223
non sappiamo dare nuova sostanza di tipo neurobiologico alla contrapposizione fra anomalia e analogia: di fatto, che l’apprendimento corrisponda alla formazione e alla stabilizzazione di alcune connessioni sinaptiche in un labirinto di circuiti caotici o che si tratti della chiusura di alcuni circuiti in presenza di un reticolo simmetrico, il problema di fondo rimane irrisolto – anche se i contorni possibili iniziano ad affiorare dalla nebbia del mito.

Note:IL MISTERO RESTA

RUGGERO BACONE

Yellow highlight | Location: 230
La grammatica è una e una sola in tutte le lingue secondo la sua sostanza, anche se accidentalmente possono esserci delle variazioni.

Note:UNA SOLA GRAMMATICA

Yellow highlight | Location: 246
siccome i modi nei quali le cose esistono sono universali, malgrado il variare delle lingue, ne deriva che lo sono anche i modi nei quali si organizza la grammatica: le differenze possono solo essere accidenti.

Note:LA GRAMMATICA DELL‘UNIVERSO

Yellow highlight | Location: 253
è difficile negare che il plurale sia un modo con il quale incorporiamo qualcosa (della nostra percezione) del mondo nella grammatica.

Note:PLURALE

6. CARTESIO

Yellow highlight | Location: 291
Non esistono persone […] che non siano capaci di disporre insieme delle parole e con esse comporre un discorso con il quale far intendere il loro pensiero. E al contrario non esiste un altro animale tanto perfetto o posto in una condizione tanto favorevole da poter fare una cosa simile.

Note:UNIVERSALITÀ E UNICITÀ

Yellow highlight | Location: 297
Stephen Anderson: «I sistemi di comunicazione di tutti gli altri animali si basano su un numero limitato e fisso di insiemi di messaggi discreti, quasi esclusivamente circoscritti al qui e ora.

Note:L’ANIMALE

Yellow highlight | Location: 300
confondere la capacità di comunicazione con la struttura del codice che si usa per comunicare. Tutti gli animali sicuramente comunicano: colibrì con colibrì, formiche con formiche, cani con cani, gatti con gatti, cani con gatti, colibrì con gatti e tanti altri.

Note:CONFONDERE CAPACITÀ E STRUTTURA

Yellow highlight | Location: 312
all’inizio, il percorso linguistico dello scimpanzé e quello del bambino furono sostanzialmente paralleli…poi, all’improvviso, il bambino iniziò a utilizzare l’ordine delle parole per veicolare significati diversi…

Note:ESPERIMENTO: SCIMPAMZÈ E BAMBINO

Yellow highlight | Location: 322
Oggi si dà dunque per assodato che la sintassi sia lo spartiacque tra il codice di comunicazione dell’uomo e quello di tutti gli altri animali.

Note:SINTASSI E SIGNIFICATO

SIR WILLIAM JONES

Yellow highlight | Location: 404
Nessun filologo potrebbe indagare [sanscrito, greco e latino], senza credere che queste lingue siano sorte da qualche fonte comune, la quale, forse, non esiste più.

Note:LINGUA MADRE

BERTRAND RUSSELL

Yellow highlight | Location: 529
È una disgrazia per il genere umano che si sia scelto di usare la stessa parola «è» per due idee completamente differenti.

Note:LA MALEDIZIONE DELL’ESSERE

Yellow highlight | Location: 553
Le due idee che secondo Russell vengono espresse nello stesso verbo sono da una parte l’attribuzione di una proprietà a un soggetto (la predicazione, cioè), dall’altra l’identità tra due individui. Russell illustra questa disgrazia con due esempi: in Socrate è umano – dice – il verbo essere segnala predicazione; in Socrate è un uomo, invece, identità tra due individui (Socrate e un uomo).

Note:ATTRIBUZIONE E IDENTITÀ

Yellow highlight | Location: 849
Il linguaggio è più simile a un fiocco di neve che al collo di una giraffa. Le sue proprietà specifiche nascono dalle leggi di natura, non sono qualcosa che si sviluppa come accumulo di fatti storici casuali.

IL LINGUAGGIO È UN FATTO DI NATURA

 

Uomo e animale

Parlo dunque sono: Diciasette istantanee sul linguaggio (Biblioteca minima) (Italian Edition)
Andrea Moro

Cosa discrimina uomo e animale?

Il linguaggio.

Non la capacità linguistica ma la struttura linguistica. Anche gli animali, infatti posseggono un linguaggio, ovviamente.

Solo gli uomini, però, possiedono una grammatica “generativa”.

Una grammatica generativa consente di formulare infinite frasi sulla base dell’ ordine in cui disponiamo i termini finiti. In teoria la ricchezza del linguaggio umano, e solo del linguaggio umano, è inesauribile poiché l’ ordine di cui sopra è ricorsivo.

La ricorsività (o nidificazione) consente di prendere il frutto di un’ elaborazione e rielaborarlo, magari anche attraverso l’ algoritmo da cui è scaturito quello stesso frutto.

E’ facile vedere come un concetto come “io”, oppure “coscienza” sia facilmente rappresentabile attraverso la “nidificazione”.

Non tutte le disposizioni sono lecite però, esistono regole (matematiche!) che governano gli incastri e ci dicono quando un incastro è “corretto”, e questo al di là se il suo significato sia vero o falso.

Possiamo chiamare queste regole “sintassi“.

Ebbene, queste regole sintattiche hanno un correlato nel nostro cervello, si riflettono nella biologia umana che è unica e consente per l’ appunto di sviluppare la grammatica generativa di cui sopra.

Oltretutto, l’ origine del linguaggio così compreso è misteriosa, i tentativi di darne conto in termini evoluzionistici sono finora falliti http://www.disf.it/files/palmarini-chomsky-origine-linguaggio.pdf

http://journal.frontiersin.org/Journal/10.3389/fpsyg.2014.00401/full

Per approfondire questi temi vedi i libri di Andrea Moro.

Il senso della vita

Maps of Meaning: The Architecture of Belief by JORDAN B. PETERSON

Guardo mia figlia e penso a quanto la amo.

 

Questo amore “dà senso” alla mia vita.

 

Non solo: per vivere io ho bisogno di senso, non è un ornamento, è l’essenziale.

E oserei generalizzare: per vivere l’uomo ha bisogno di senso.

 

Ma cosa significa “dare senso”, oppure “avere senso”?

 

Significa che posso “affermare“.

 

Che posso “affermare con sicurezza“.

 

Che posso “affermare con sicurezza” qualcosa di originale e importante.

 

Il dubbio sarà anche necessario ma non dà senso alla mia vita poiché manca l’elemento della certezza. Dubbio e incertezza, quando sono autentici e non un manierismo, mi lasciano sconvolto, senza equilibrio.

 

Affermare una banalità – per quanto certa – non dà senso alla mia vita, perché una banalità non è mai originale. Una banalità non mi illumina su chi sono.

Le affermazioni gratuite non danno senso alla mia vita. Devo avere una scala di valori in cui alcuni si collocano sopra, altri sotto. Per i primi sono disposto a pagare un prezzo.

 

Affermare qualcosa di originale con certezza e che ritengo importante conferisce “senso” alla mia vita perché mi conferisce identità.

Senso e identità vanno insieme.

 

***

 

Problema 1: per affermare con certezza devo rimuovere i dubbi. Come posso fare?

 

Problema 2: per affermare qualcosa di originale e importante ho bisogno di una controparte che si distingua da me e dal mio gruppo.

 

Problema 1+2: controparte e dubbio si fondono nella figura del Nemico. Oppure nella figura del Male.

 

Il Male, con la sua alterità, instilla dubbi e al contempo si pone come come controparte. Il Male, da un lato mi serve (come controparte), dall’altro va annichilito (in quanto portatore di dubbio).

 

Il senso porta con sé il Male e la Guerra. Ma il senso è per noi come l’ossigeno, non possiamo rinunciarvi. Che fare?

 

C’è la soluzione liberale: moltiplicare i nemici in modo da depotenziarli. Fare tante piccole guerre – magari abituandosi – è meno disastroso che ingaggiare una grande guerra.

 

Le società libere sono questo: tanti nemici in libera circolazione che mi lanciano le loro piccole sfide ogni giorno.

 

La società tirannica è il contrario: protezione garantita a tutti e formazione di un unico grande nemico esterno.

 

***

 

Se c’è un modo inefficace per difendere la religione è dire che dà senso alla vita.

 

E’ inefficace poiché non c’è certo scarsità di senso. Basta un figlio per dare un senso alla vita.

 

Non c’è certo scarsità di dei. Jung dice: il valore che metti in cima a tutti è il tuo Dio. Solo il nichilista assoluto non ha un Dio…

 

… Jung’s propositions was that whatever a person values most highly is their god. If people think they are atheistic, it means is they are unconscious of their gods…

***

 

Jordan Peterson non pensa che l’uomo sia razionaleovvero che aggiorni le sue credenze sulla base delle anomalie in cui s’imbatte. Tende piuttosto a preservare il suo equilibrio reinterpretando le anomalie che disturbano il suo sistema di credenze in modo da “assorbirle”.

 

Per il benessere dell’ uomo l’equilibrio delle credenze è essenziale. Detto questo, quando le anomalie si accumulano e si fanno ineludibili, subentra una crisi che sposta l’equilibrio su un punto differente. E’ un processo doloroso e spesso fatale, si preferisce morire tenendosi strette le vecchie mappe di senso.

 

Il paradigma non è allora quello della razionalità bayesiana ma quello degli “equilibri punteggiati“.

 

***

 

Così come abbiamo bisogno di senso, abbiamo bisogno di protezioni contro il non-senso…

 

… Something we cannot see protects us from something we do not understand. The thing we cannot see is culture… The thing we do not understand is the chaos that gave rise to culture…

Nella nostra testa ci facciamo delle mappe mentali di senso. A volte servono per vivere nel mondo, altre volte per descriverlo

 

… The world can be validly construed as forum for action, or as place of things….

La cultura umanistica si concentra sulle prime…

 

… The former manner of interpretation-more primordial, and less clearly understood-finds its expression in the arts or humanities, in ritual, drama, literature and mythology…

La cultura scientifica sulla seconda…

 

… The latter manner of interpretation-the world as place of things-finds its formal expression in the methods and theories of science…

In realtà ciò che si realizza in concreto è un mix

… No complete world-picture can be generated without use of both modes of construal. The fact that one mode is generally set at odds with the other means only that the nature of their respective domains remains insufficiently discriminated….

Ma soprattutto si realizza un doppio inganno: chi costruisce per vivere pensa di descrivere. Chi vorrebbe descrivere si sta creando una comoda casa in cui vivere…

… Adherents of the mythological worldview tend to regard the statements of their creeds as indistinguishable from empirical “fact,” even though such statements were generally formulated long before the notion of objective reality emerged. Those who, by contrast, accept the scientific perspective—who assume that it is, or might become, complete-forget that an impassable gulf currently divides what is from what should be…

La scienza è la nostra religione contemporanea. Al ruolo conoscitivo si affianca quello terapeutico. Senza le sicurezze della scienza la salute mentale di molti è in pericolo. Per questo a volte è difesa tanto rabbiosamente.

***

La mappa mentale ci regala senso e identità, va difesa con i denti. Le dissonanze cognitive ci rendono impermeabili a molte fastidiose evidenze, e questo costituisce una forma di protezione della mappa…

… Human beings are prepared, biologically, to respond to anomalous information—to novelty. This instinctive response includes redirection of attention, generation of emotion (fear first, generally speaking, then curiosity), and behavioral compulsion (cessation of ongoing activity first, generally speaking, then active approach and exploration)…

***

 

Mito, religione, ideologia, scienza… tutto è mappa di senso che va difeso dal male, ovvero da evidenze anomalie.

 

E non pensiate che per gli scienziati sia diverso: per cambiare paradigma spesso occorre attendere le generazioni successive.

 

La censura è una forma di protezione sociale. Proibire l’eresia, proibire l’hate speech, ridurre il pluralismo nelle università… la mappa di senso va preservata…

… The philosophy attributing individual evil to the pathology of social force constitutes one such partial story… Although society, the Great Father, has a tyrannical aspect… the also shelters, protects, trains and disciplines the developing individual…

La legalità è per l’adulto ciò che la mamma è per il bambino…

… Subjugation to lawful authority might more reasonably be considered in light of the metaphor of the apprenticeship. Childhood dependency must be replaced by group membership…

Si realizza uno scambio: io società proteggo la tua mappa e tu membro aderisci alla mia contribuendo così a rafforzarla. E’ uno scambio proficuo per tutti… 

… membership provides society with another individual to utilize as a “tool,” and provides the maturing but still vulnerable individual with necessary protection (with a group-fostered “identity”)…

Il ruolo del conformismo consiste nel realizzare questo scambio cruciale…

… The capacity to abide by social rules, regardless of the specifics of the discipline, can therefore be regarded as a necessary transitional stage in the movement from childhood to adulthood…

La disciplina è un altro fattore implicato…

… Discipline should therefore be regarded as a skill that may be developed through adherence to strict ritual, or by immersion within a strict belief system or hierarchy of values…

Relativismo e tirannia possono felicemente convivere: un ordine purchessia ma rigoroso!…

… Adoption of this analytic standpoint allows for a certain moral relativism, conjoined with an absolutist higher-order morality. The particulars of a disciplinary system may be somewhat unimportant. The fact that adherence to such a system is necessary, however, cannot be disregarded…

Quante volte abbiamo notato sbigottiti la furia del relativista? Altro che nichilismo! Se c’è qualcuno che difende con i denti la sua verità è il relativista.

***

Per quanto genitori, dissonanze cognitive, censura, politically correct, legalità ci proteggano, prima o poi l’incontro con il diverso, con l’anomalia con il nonsense arriva…

… integrated morality lends predictability to behavior, constitutes the basis for the stable state, and helps ensure that emotion remains under control. The emergence of anomaly constitutes a threat to the integrity of the moral tradition governing behavior and evaluation. Strange things or situations can pose a challenge…

A volte arriva per un mutato contesto: una siccità, un cambiamento climatico, un mercato del lavoro che richiede donne, una rivoluzione sessuale, clonazione. Fenomeni epocali che spingono per una revisione della mappa, la pressione delle anomalie si fa irresistibile…

… A prolonged drought, for example, destructive at the social level—or the occurrence of a serious illness or disability, destructive at the personal—can force the reconstruction of behavior and the reanalysis of the beliefs that accompany, follow, or underlie such behavior…

I bambini da oggi si possono fabbricare in laboratorio? Ecco lo straniero (il nonsense) che bussa alla nostra porta…

… The appearance of a stranger—or, more commonly, a group of strangers—may produce a similar effect…

Lo straniero puo’ sorgere anche all’interno, nella forma di “strane idee” o di eresia…

… Cultures may be upset internally, as well, as a consequence of the “strange idea”—or, similarly, by the actions of the revolutionary…

L’astrazione facilita questo processo.

Il pensiero “lontano” spaventa a prescindere, è oltraggioso anche quando si limita a descrivere. Ipotizzare, per esempio, un mondo in cui gli uomini verranno costruiti in laboratorio spaventa già di per sé. Parlare di un mondo di cloni è provocatorio. L’immortalità realizzata è un pensiero stupido. Chi possiede la capacità di ragionare per astrazioni e insiste nel farlo è un nemico della società, le sue ipotesi iperboliche ci tolgono terreno da sotto i piedi, ci portano sull’orlo della vertigine, ci ricordano la nostra fragilità…

… the capacity to abstract has also undermined the stability of moral tradition. Once a procedure has been encapsulated in image—and, particularly, in word—it becomes easier to modify, “experimentally”; but also easier to casually criticize and discard… Our capacity for abstraction is capable of disrupting our “unconscious”—that…

L’ipotesi astratta, l’esperimento mentalelascia un vuoto in chi ascolta assumendo che il qui ed ora sia praticamente tutto…

… Such disruption leaves us vulnerable to possession by simplistic ideologies, and susceptible to cynicism, existential despair, and weakness in the face of threat…

Il sapere contemporaneo ci fa comprendere la fragilità delle istituzioni passate: la danza della pioggia! (ah ah ah…). Ma ci lascia nell’ignoranza sulla loro fondamentale funzione protettiva. Poi è chiaro che – azzoppati da questa ignoranza – anziché pensare alla scienza come scienza la pensiamo né più né meno come una moderna danza della pioggia…

… We are conscious enough to destabilize our beliefs and our traditional patterns of action, but not conscious enough to understand them. If the reasons for the existence of our traditions were rendered more explicit, however, perhaps we could develop greater intrapsychic and social integrity. The capacity to develop such understanding might help us use our capacity for reason to support, rather than destroy, the moral systems that discipline and protect us…

***

In questa morsa la società umana elabora due modelli: il primo è quello dell’eroe esploratore…

… He faces the unknown with the presumption of its benevolence—with the (unprovable) attitude that confrontation with the unknown will bring renewal and redemption…

L’eroe accetta la sfida e si confronta con lo straniero.

Il secondo è il fascista, che si arrocca e respinge il Nemico ad oltranza…

… This “spirit of unbridled rationality,” horrified by his limited apprehension of the conditions of existence, shrinks from contact with everything he does not understand. This shrinking weakens his personality, no longer nourished by the “water of life,” and makes him rigid and authoritarian, as he clings desperately to the familiar, “rational,” and stable. Every deceitful retreat increases his fear; every new “protective law” increases his frustration… The fascist wants to crush everything different, and then everything…

Due personalità, una curiosa…

… Anomalies manifest themselves on the border between chaos and order, so to speak, and have a threatening and promising aspect. The promising aspect dominates, when the contact is voluntary, when the exploring agent is up-to-date—when the individual has explored all previous anomalies, released the “information” they contained, and built a strong personality…

Una paurosa

… The threatening aspect dominates, when the contact is involuntary, when the exploring agent is not up-to-date—when the individual has run away from evidence of his previous errors, failed to extract the information lurking behind his mistakes…

Come educatori dobbiamo puntare su una gioventù eroica…

… Pursuit of individual interest means hearkening to this spirit’s call, journeying outside the protective walls of childhood dependence and adolescent group identification, and returning to rejuvenate society. This means that pursuit of individual interest—development of true individuality—is equivalent to identification with the hero…

I benefici dell’eroismo…

… Such identification renders the world bearable, despite its tragedies, and reduces neurotic suffering, which destroys faith, to an absolute minimum…

Messaggio: rischia la sicurezza, affronta lo sconosciuto.

***

Cosa c’è di più diseducativo del politically correct o del trigger warning? Nulla, sono l’emblema della fascistizzazione educativa.

Ma il peggio è la battaglia sulla parità di genere linguistica che in alcuni stati assurge a legge.

I giornali andrebbero classificati in due categorie: quelli che usano la parola sindaca e quelli che la evitano.

Un’altra retorica fascistoide è quella intorno alla Misericordia.

Chi è contro le donne? Nessuno. Chi è contro i neri? Nessuno. Chi è contro la compassione? Nessuno.

Solo lo Straniero, solo il Mostro puo’ opporsi a donne, neri e bisognosi.

Dal momento che io sto con le donne, neri e bisognosi… chi è contro di me non puo’ che essere un Mostro che va annichilito poiché minaccia non me ma l’intero ordine sociale.

Chi non vede chiaro sulla retorica della Misericordia è un intrallazzone in combutta con il lato oscuro dello Ior.

E’ questo il paradigma che politically correct, trigger warning, linguaggio di genere e retorica della misericordia instaurano nella società. Evitano una partizione che dia dignità a tutte le squadre in campo per fascistizzare una parte e mostrificare l’altra.

Chi si appella alla Misericordia e alla Giustizia Sociale sta accumulando armamenti. Attenzione!

***

Jordan Peterson lancia l’allarme avendo studiato Germana nazista e Unione Sovietica: come mai cittadini normalissimi hanno costruito un mondo degli orrori?…

… I concentrated on Nazi Germany and the Soviet Union. I was particularly interested in what led people to commit atrocities in service of their belief…

Perché? Perché?

Prima di un giorno della memoria andrebbe istituito un giorno della comprensione…

… The motto of the Holocaust Museum in Washington is “we must never forget.”… People don’t understand the Holocaust, and they don’t understand what happened in Russia…

Tu che mi stai leggendo saresti stato un nazista. Ti è chiaro? Se non ti è chiaro è del tutto inutile per te “ricordare” qualcosa che non hai “capito”…

… One of the things that I’m trying to convince my students of is that if they had been in Germany in the 1930s, they would have been Nazis. Everyone thinks “Not me,” and that’s not right…

Come inizia l’orrore? Come è iniziato il Nazismo, come è iniziato il Comunismo? Con la purezza linguistica. Con l’ossessione di domare cio’ che è spontaneo per natura. Con la visione per cui la “cultura giusta” si costruisce dalla cabina di regia. Chi si batte per un linguaggio asessuato dovrebbe ricordarlo…

… Part of the reason I got embroiled in this [gender identity] controversy was because of what I know about how things went wrong in the Soviet Union. Many of the doctrines that underlie the legislation that I’ve been objecting to share structural similarities with the Marxist ideas that drove Soviet Communism. The thing I object to the most was the insistence that people use these made up words like ‘xe’ and ‘xer’ that are the construction of authoritarians. There isn’t a hope in hell that I’m going to use their language, because I know where that leads…

Cosa c’è di più ingovernabile e di più spontaneo del linguaggio? Nulla.

Ebbene, chi è pronto a governare il linguaggio è pronto a governare tutto, dettagli compresi.

Chi poi vorrebbe annullare il senso profondo di maschi e femmina, chi vorrebbe fare tabula rasa di cio’ che è radicato nella nostra biologia, allora è davvero temibile nella sua ingenuità…

… Social constructionism is the doctrine that all human roles are socially constructed. They’re detached from the underlying biology and from the underlying objective world…

La libertà di espressione garantisce chi parla ma anche chi ascolta. La censura è una spada che uccide da ambo i lati…

… compelled speech is unacceptable for two reasons. One is to protect the rights of the speaker, the other is to protect the rights of the listener. The listener has the right to be informed and instructed without being unduly influenced by hidden sources. If your speech is compelled, it isn’t YOU who is talking, it’s some other entity that’s compelling your speech…

Passare dall’offesa intenzionale a quella oggettiva è il salto del fosso: nel momento in cui posso proibire cio’ che mi offende soggettivamente – anche quando non c’è nessuna intenzione offensiva – il gioco è fatto, l’intera società è nelle mie mani. Il sogno di un duce…

… They say ‘what you said hurt my feelings’ – and this is part of the assault on the objective world – your intent is irrelevant. My subjective response is the determining factor…

Mi hai offeso perché non mi hai chiamato “Sua Maestà”…

… So we shouldn’t call someone ‘your majesty’ just because they ask for it?…

***

Il senso porta identità ma l’identità è impoverita se frutto di mera immaginazione: l’identità si contratta nel mondo, si scende a patti, il mondo non puo’ essere abolito a suon di censure linguistiche…

… They say that your identity is nothing more than your subjective feeling of what you are. Well, that’s also a staggeringly impoverished idea of what constitutes identity. It’s like the claim of an egocentric two-year old, and I mean that technically…

L’identità è negoziazione

… Your identity isn’t just how you feel about yourself. It’s also how you think about yourself, it’s what you know about yourself, it’s your educated judgement about yourself. It’s negotiated with other people if you’re even vaguely civilized because otherwise no one can stand you. If your identity isn’t a hybrid of what you are and what other people expect, then you’re like the kid on the playground with whom no one can play…

Dire “Misericordia” è rifiutarsi di negoziare il proprio posto nel mondo. Quando si ha sempre ragione, la ragione non puo’ venire negoziata…

… The social justice people are always on the side of compassion and ‘victim’s rights,’ so objecting to anything they do makes you instantly a perpetrator. There’s no place you can stand without being vilified, and that’s why it keeps creeping forward…

Se poi sostituisci la Misericordia al Risentimento, ottieni il Comunismo. La mentalità è la medesima: fascisti (che hanno sempre ragione) contro Mostri…

… The thing is if you replace compassion with resentment, then you understand the authoritarian left…

***

La premessa dei costruzionisti sociali: il linguaggio è eterodiretto, dobbiamo scardinarlo e sostituirlo mettendo le mani sulla cabina di regia…

… Assigned identity is oppression. Assigned identity is the identity that’s assigned to you by the power structure – the patriarchy. The only reason the patriarchy assigns you a status is to oppress you. And so the language that frees you from that status is revolutionary language…

La libertà di espressione è importante poiché consente una lotta accettabile, un nemico accettabile, un confronto accettabile. Ci fa crescere poiché ci dice che il mondo de-fascistizzato è pieno di stranieri e di anomalie con cui fare i conti. Ci evita una lotta mortale, un nemico letale, un confronto abrasivo…

… This is why free speech is so important. You can struggle to formulate some argument, but when you throw it out into the public, there’s a collective attempt to modify and improve that. So with the hate speech issue – say someone’s a Holocaust denier, because that’s the standard routine – we want those people out there in the public so you can tell them why they’re historically ignorant, and why their views are unfounded and dangerous…

La discussione è curativa. Ma la discussione è difficile. Tuttavia, diventa sempre più difficile per chi cresce nella bambagia del trigger warning

… The conversations that are the most curative are simultaneously the ones that are most difficult and most dangerous. Most normal people will not have those conversations…

A volte si divorzia perché non si è mai discusso, perché non si è mai visto che per neutralizzare una battaglia letale bisogna combatterne mille a basso potenziale…

… That’s why so many marriages dissolve. People don’t like to have those conversations…

Giudica un uomo dalla verità che tollera…

… Nietzsche say: ‘you can judge a man’s spirit by the amount of truth he can tolerate.’…

E i violenti? Tacitarli peggiora le cose…

… What happens when that truth actually does contribute to violence against groups? You pick your poison, and free speech is the right poison. There are groups that advocate for hate, but that’s not the issue. The issue is whether repressing them makes it better or worse. I would say that [repressing them] just makes it worse….

***

Eric Falkenberg ha visto nelle mappe di senso di Peterson un paradigma per le crisi economiche.

Cos’è una crisi economica? Essenzialmente un evento imprevisto che spiazza i nostri piani.

Spiazza le nostre mappe di senso.

Un’anomalia ineludibile.

Gli operatori spiazzati si paralizzano, le loro mappe vanno revisionate. L’attività economica langue.

Come se ne esce: esplorando il mondo nuovo, incontrando la Straniero che ci viene incontro, ricostruendo nuove mappe di senso.

L’esplorazione. L’avventura. Missione improba per una società di bamboccioni che si offende a morte se non dici “sindaca”.

Dimenticare Auschwitz

Il male naturale – Mozzi Giulio

non toglierci la voce che è rimasta adesso che si spanano le viti del corpo e il senso della religione si disaffila che gli anni che slargano la mente sono andati

Note:EXIT

Yellow highlight | Location: 38
Ha preso le medicine e ha fatto gli impacchi, come fosse stato davvero convinto che gli sarebbero serviti. L’ho perfino sentito dire a uno di loro che dopo gli impacchi si sentiva meglio.

Note:UN ATTIMO PRIMA DI MORIRE

Yellow highlight | Location: 42
una volta mi disse che gli piacevano i tentativi inutili. Diceva che i tentativi inutili sono quelli che rivelano il nostro limite e ci danno il senso della nostra umanità.

Note:TENTATIVI INUTILI

Yellow highlight | Location: 63
Sono settimane che sono pronto, che mi dico che sono pronto. Poi succede all’improvviso, sembra che succeda sempre all’improvviso.

Note:ALL’IMPROVVISO

Yellow highlight | Location: 325
Se ci ricorderemo per caso di quando ci amavamo e ci odiavamo senza schermi penseremo: oh, che stupide: eravamo bambine, e proseguiremo immutate, ormai immutabili.

Note:ADULTITÀ

Yellow highlight | Location: 370
uscendo dal portone del condominio nell’umido della sera e andando verso il ragazzo che aspettava lei, di uscire da una vita calda e sicura e di trovarsi in una vita esterna, non protetta e rischiosa, dalla quale non le sarebbe stato forse più possibile tirarsi indietro:

Note:PRIMA USCITA SERALE

Yellow highlight | Location: 376
La piccola paura era che l’indugio fosse stato rotto troppo presto, per fretta

Note:PICCOLE PAURE

Yellow highlight | Location: 391
La lista delle pizze è lunga e Ruota la scorre senza riuscire a leggerla e senza riuscire a capire quale cosa, in quel luogo di delizie, in quella lista di piaceri, sia la cosa buona per lei.

Note:MENU

Yellow highlight | Location: 432
trasformare tutto in parole poco importanti. È questa l’adultità… Si sta con una persona per fare conversazione, per dirsi delle cose che non fanno succedere niente…

Note:FARE CONVERSAZIONE

Yellow highlight | Location: 438
Poi all’improvviso sente l’odore, un po’ acido, acuto. Non è l’odore di un cibo: è l’odore di Mario.

Note:MARIO

Yellow highlight | Location: 788
La morte mi ripugna e credo che non esista una sofferenza più forte del sentirla avvicinare.

Note:SPLATTER

Yellow highlight | Location: 869
L’aria condizionata è diventata accettabile, appena entrato Mario aveva sentito la camicia incollarsi gelida alla schiena; ora si sta bene, un gradevole fresco, Mario pensa alla vampata che lo aspetta fuori.

Note:LUGLIO

Yellow highlight | Location: 872
un bar così semplice e pulito, intonaco bianco e tavoli di legno chiaro, musica a volume bassissimo (sembra David Bromberg), un piacere per il viaggiatore stanco. Sulle pareti due grandi riproduzioni di Walasse Ting: una balena azzurra che si inarca contro un’onda, un ramo fitto di pappagalli multicolori.

Note:VIA EMILIA

Yellow highlight | Location: 1,095
se voleva andare a scucire qualcosa al parroco o all’assistente sociale per prima cosa faceva a meno di lavarsi per un po’ di giorni, in modo da puzzare bene, e poi era capace di rovinare apposta la roba per sembrare peggio di quel che era.

Note:IL LAVORO DEL PROFUGO

Yellow highlight | Location: 1,104
teneva lo sguardo orizzontale, all’altezza delle nostre pance

Note:ASSENTE

Yellow highlight | Location: 1,126
C’erano dei dischi volanti assurdi che facevano un rumore stridente e, alla fin fine, non si capiva che cosa volessero e che male facessero; e c’era un capo della difesa anti-ufo con i capelli bianchissimi.

Note:TELEFILM ORRIBILI

Yellow highlight | Location: 1,129
Parlava un italiano con più dialetto nella sintassi che nel lessico.

Note:INTEGRAZIONE

Yellow highlight | Location: 1,193
A casa avevo ricevuta un’educazione tanto minuziosamente sessuofobica che a volte mi sembra di non aver ricevuta alcuna educazione sessuale, e altre volte mi sembra di aver avuta un’educazione esclusivamente sessuale.

Note:EDUCAZIONE SESSUALE

Yellow highlight | Location: 2,001
pensò furiosamente, aspettò che fosse passato un po’ di silenzio, poi disse

Note:SCENA MADRE

Yellow highlight | Location: 2,015
Le prime volte io riuscivo solo a sentirmi il paradenti in bocca. Non vedevo niente, non capivo niente, avevo solo questo fastidio in bocca.

Note:PRIMO ROUND

Yellow highlight | Location: 2,061
l’eleganza quasi invisibile del percorso più breve, della fatica minore, del gesto più contenuto.

Note:LA GRAZIA DELL’ ECONOMIA

Yellow highlight | Location: 2,258
oggi sembra che quasi nessuno muoia perché si muore, voglio dire muoia perché è mortale, come noi tutti siamo, invece sembra che si muoia sempre per una ragione specifica, una malattia, un incidente, un caso, qualcosa che non abbiamo dentro di noi e che non è la nostra mortalità, la nostra natura di morire, ma è qualcosa che viene da fuori e ci colpisce a tradimento

Note:COMBATTERE LA MORTE

Yellow highlight | Location: 2,275
tutti vedevamo gli occhi dei bambini del Piccolo coro e dei solisti che guardavano tutti da una parte sola, dove evidentemente c’era Mariele Ventre che li dirigeva invisibile

Note:MARIELE VENTRE

Yellow highlight | Location: 2,289
ho amato Mariele Ventre, posso dirlo, nello stesso modo in cui ho amati Pippi Calzelunghe e padre Tobia, Febo Conti, Andrea e l’Oracolo dei biscotti Doria, oppure Guido Pancaldi e Gennaro Olivieri i nostri arbitri internazionali (internazionali perché svizzeri e in quanto svizzeri cronometrici e neutrali) di Giochi senza frontiere, così come ho amati i bambini fatti di carta di giornale della sigla della Tv dei ragazzi o i personaggi delle trasmissioni scolastiche del primo pomeriggio, lingua inglese e lingua francese, Slim John alias Robot Five o Monsieur Dupont e Monsieur Dulac: si la girouette tourne vers le sud, le vent vient du nord; si la girouette tourne vers le nord, le vent vient du sud

Note:AMORE NECROFILO

Yellow highlight | Location: 2,323
Quegli schifosi del “manifesto” domenica parlavano già di santificazione di Mariele Ventre, naturalmente facendo dell’ironia, anche dell’ironia pesante, facevano addirittura il paragone con la pretesa santificazione di Moana Pozzi, può controllare chiunque sul “manifesto” di domenica 17 dicembre 1995

Note:QUEGLI SCHIFOSI DEL MANIFESTO

Yellow highlight | Location: 2,337
mi viene in mente Walter Carbone, quello che vende mobili sulle tv private; oggi lavora per Semeraro ma una volta lavorava per Aiazzone, quando Aiazzone morì, precipitato nel mare tra la Corsica e la Liguria con tutto il suo aeroplano personale e la segretaria; all’epoca io lavoravo a Venezia e nel pomeriggio qualcuno mi aveva detto che Aiazzone era morto, poi quella sera avevo finito di lavorare tardissimo, ero tornato a casa che erano le dieci passate e mi ero precipitato subito a guardare Rete A per vedere che cosa avrebbero fatto, allora Rete A alla sera non trasmetteva altro che le trasmissioni di Aiazzone, non si erano ancora buttati sui telefoni osceni; su Rete A c’era Walter Carbone che piangeva e parlava di Aiazzone e dei suoi grandi meriti industriali e umani, anche industriali ma soprattutto umani naturalmente; e mentre Walter Carbone parlava sfilavano davanti a lui le camere da letto, gli armadi, le cucine, i divani, e Walter Carbone parlava, stava seduto sopra una poltrona girevole e piangeva e parlava, e io rimasi affascinato a guardare, a sentire Walter Carbone che parlava di quest’uomo che aveva dato lavoro a tante persone, che a tante giovani coppie aveva dato l’opportunità di metter su casa senza spendere cifre impossibili

Note:UNA STORIA VERA DEGLI ANNI OTTANTA

Yellow highlight | Location: 2,381
la stessa televisione che ci parla dei bambini che vengono ammazzati in quella che era la Iugoslavia, e ce li fa vedere, e ci fa vedere le strade deserte con le rare donne che strisciano contro i muri, sono sempre le donne che vengono mandate fuori, e i colpi isolati dei cecchini, e cinque minuti dopo la stessa televisione ci dà, Carramba che sorpresa, Raffaella Carrà, oplà, coronate il sogno della vostra vita… c’era Fabrizio Frizzi che parlava e straparlava, stava facendo un gioco con i proverbi, annunciava per la sera un gioco che chiamava il gioco della zingara, e io senza guardarla ma soltanto ascoltandola ho pensato, ecco, la televisione è nichilista, Fabrizio Frizzi è nichilista, quello che fanno è trascinarci verso il nihil, verso il niente, tutti allegri ci faranno diventare niente, ci annichiliranno; a che cosa serve questo orrore, mi sono domandato, a che cosa serve negli scopi di chi lo produce, di chi investe soldi per produrlo, questo orrore che ci viene fornito con la lieta faccia dell’intrattenimento e il compìto volto dell’informazione; a che cosa serve questo orrore quotidiano, meticoloso, porta a porta, che si concretizza, che si incarna quasi, ormai, in questo oggetto-feticcio del quale tutti siamo preda, nella televisione? Allora all’improvviso ho pensato, mentre Fabrizio Frizzi continuava a dire scemenze: la televisione serve a far dimenticare Auschwitz. A cos’altro può servire, ho pensato, questa miscela di divertimento osceno e sguaiato e di informazione orroristica, se non serve a far dimenticare Auschwitz….

Note:DIMENTICARE AUSCHWITZ

Yellow highlight | Location: 2,925
Scrivendo e pubblicando il racconto Amore ho consapevolmente violato un certo numero di tabù. Non l’ho fatto per épater le bourgeois, per fare scandalo in piazza. Ci sono miei coetanei scrittori molto più bravi di me a fare scandalo in piazza. Scrivono libri pieni di scelleratezze, molto più violenti e molto più “pornografici” (uso una parola di Oreste Rossi) dei miei: libri pubblicati da Mondadori ed Einaudi, cioè dai miei stessi editori. Sono stati chiamati, questi miei colleghi, scrittori “pulp”, “splatter”, “cannibali”, e così via. Nessuno dei loro libri, tuttavia, per quel che ne so – ho chiesto in giro – ha procurato all’editore denunce o interrogazioni parlamentari. Credo di sapere il perché. Questi miei coetanei – non parlo qui del valore letterario del loro lavoro – hanno rinunciato a un desiderio che invece io provo fortissimamente: il desiderio di tentar di parlare del mondo così com’è (per quel che possiamo saperne: aggiungere sempre la precisazione). È ciò che tecnicamente si chiama l’istanza realistica. Le efferatezze raccontate nei loro libri – alcune francamente disgustose, almeno per me – sono tuttavia come le efferatezze del cinema: non sangue, ma sugo di pomodoro; sono come i cartoni animati di South Park, dove un ragazzino in ogni puntata muore, ma nella successiva è ancora bel vivo.

SUL RACCONTO “AMORE”

 

Il procastinatore

Procrastination – You are Not So Smart – David McRaney

***

Punti chiave: Il procastinatore non è un pigro, semplicemente non sa come funziona la mente umana – La spiegazione evoluzionista dello sconto iperbolico –  Meglio scadenze scaglionate che la scadenza unica – Inutile programmare, piuttosto “conosci te stesso”, impara a pensare il tuo pensiero –

***

Yellow highlight | Location: 685
THE MISCONCEPTION: You procrastinate because you are lazy and can’t manage your time well. THE TRUTH: Procrastination is fueled by weakness in the face of impulse and a failure to think about thinking.

Note:DESCRIZIONE BIAS

Yellow highlight | Location: 688
If you have Sky+, you tend to gradually accumulate a cache of hundreds of films you think you’ll watch one day.

Note:COMPRARE E ACCUMULARE LIBRI SENZA LEGGERLI

Yellow highlight | Location: 703
The researchers had a hunch people would go for the junk food first, but plan healthy meals in the future.

Note:SCEGLIAMO LA QUALITÀ MA POI CONSUMIAMO (PRIMA) LA SPAZZATURA

Yellow highlight | Location: 704
Many studies over the years have shown you tend to have time-inconsistent preferences.

Note:PREFERENZE INCOERENTI

Yellow highlight | Location: 706
With Sky+, the choice of what to watch right now and what to watch later is like chocolate versus carrot sticks.

Note:SKY PLANNER

Yellow highlight | Location: 717
You wait until the last minute to buy Christmas presents. You put off seeing the dentist, or getting that thing checked out by the doctor,

Note:REGALI DI NATALE

Yellow highlight | Location: 722
There’s a growing list of books you will read one day. Before you do though, maybe you should check your e-mail. You should head over to Facebook too, just to get it out of the way.

Note:C’È SEMPRE QUALCOSA DA FARE PRIMA

Yellow highlight | Location: 724
You can buy a daily planner… but these tools alone will not help, because the problem isn’t you are a bad manager of your time—you are a bad tactician in the war inside your brain….

Note:NON È UNA QUESTIONE DI ORGANIZZAZIONE

Yellow highlight | Location: 729
Walter Mischel conducted experiments at Stanford University throughout the late 1960s and early 1970s in which he and his researchers offered a bargain to children. The kids sat at a table in front of a bell and some treats. They could pick a pretzel, a cookie, or a giant marshmallow.,,Some made no attempt at self-control and just ate right away…. kids who were able to overcome their desire for short-term reward in favor of a better outcome later weren’t smarter than the other kids, nor were they less gluttonous…. The ones who could hold out ended up with SAT scores that were on average two hundred points higher than scores for the ones who ate the marshmallow….

Note:MARSHMALLOW E SELFCONTROL

Yellow highlight | Location: 744
Thinking about thinking—this is the key. In the struggle between should versus want, some people have figured out something crucial: Want never goes away.

Note:IL SEGRETO: PENSARE IL PENSIERO

Yellow highlight | Location: 746
You are really bad at predicting your future mental states…Later is a murky place where anything could go wrong…

IL FUTURO CI E’ ESTRANEO

Yellow highlight | Location: 747
If I were to offer you £50 now or £100 in a year, which would you take?…A being of pure logic would think, more is more, and pick the higher amount every time, but you aren’t a being of pure logic….

Note:50 OGGI O 100 DOMANI

Yellow highlight | Location: 755
The tendency to get more rational when you are forced to wait is called hyperbolic discounting, because your dismissal of the better payoff later diminishes over time and makes a nice slope on a graph.

Note:SCONTO IPERBOLICO

Yellow highlight | Location: 756
Evolutionarily it makes sense to always go for the sure bet now; your ancestors didn’t have to think about retirement or heart disease. Your brain evolved in a world where you probably wouldn’t live to meet your grandchildren.

Note:SPIEGAZIONE EVOLUZIONISTA

Yellow highlight | Location: 761
One of the best ways to see how bad you are at coping with procrastination is to notice how you deal with deadlines.

Note:SCADENZE

Yellow highlight | Location: 768
Klaus Wertenbroch and Dan Ariely. They set up three classes, and each had three weeks to finish three papers. Class A had to turn in all three papers on the last day of class, Class B had to pick three different deadlines and stick to them, and Class C had to turn in one paper a week. Which class had the better grades? Class C, the one with three specific deadlines, did the best. Class B, which had to pick deadlines ahead of time but had complete freedom, did the second best, and the group whose only deadline was the last day, Class A, did the worst.

Note:MEGLIO LE SCADENZE SCAGLIONATE CHE LA SCADENZA UNICA

Yellow highlight | Location: 777
If you fail to believe you will procrastinate or become idealistic about how awesome you are at working hard and managing your time, you never develop a strategy for outmaneuvering your own weakness.

Note:LA CONFIDENZA IN SE STESSI PEGGIORA IL PROBLEMA

Yellow highlight | Location: 780
You must be adept at thinking about thinking to defeat yourself at procrastination.

Note:LA SOLUZIONE: PENSARE IL PENSIERO

Yellow highlight | Location: 789
Capable psychonauts who think about thinking, about states of mind, about set and setting, can get things done not because they have more willpower or drive, but because they know productivity is a game played against a childish primal human predilection

Note | Location: 790
OVERCOMING BIAS

 

Catarsi immaginaria

Catharsis – You are Not So Smart – David McRaney

***

Punti chiave: Lo sfogo violento non ci libera dalla rabbia ma crea piuttosto dipendenza – Strategia alternativa per liberarsi dalla rabbia: imparare a contare fini a dieci – La rieducazione dei carcerati-

***

THE MISCONCEPTION: Venting your anger is an effective way to reduce stress and prevent lashing out at friends and family. THE TRUTH: Venting increases aggressive behavior over time.

DESCRIZIONE DEL BIAS

Yellow highlight | Location: 2,161
Head to the gym and assault a punching bag. Shoot some people in a video game. Scream into a pillow.

Note:SFOGARSI

Yellow highlight | Location: 2,163
The concept of catharsis goes back at least as far as Aristotle and Greek drama.

Note:ARISTOTELE

Yellow highlight | Location: 2,164
was Aristotle’s counterargument to Plato, who felt poetry and drama filled people up with silliness and made them unbalanced.

Note:CONTRO PLATONE

Yellow highlight | Location: 2,170
Balancing the humors—choleric, melancholic, phlegmatic, and sanguine—was the basis of medicine from Hippocrates up to the Old West, and the way you balanced out often meant draining something.

Note:IPPOCRATE

Yellow highlight | Location: 2,177
Thanks to Freud, catharsis theory and psychotherapy became part of psychology…He believed your psyche was poisoned by repressed fears and desires, unresolved arguments, and unhealed wounds….

Note:FREUD

Yellow highlight | Location: 2,183
In the 1990s, psychologist Brad Bushman at Iowa State University decided to study whether or not venting actually worked.

Note:BUSHMAN

Yellow highlight | Location: 2,198
The students could set the volume the other person had to endure, a setting between zero and ten, with ten being 105 decibels. Can you predict what they discovered? On average, the punching bag group set the volume as high as 8.5. The time-out group set it to 2.47. The people who got angry didn’t release their anger on the punching bag—their anger was sustained by it… In subsequent studies where the subjects chose how much chilli sauce the other person had to eat, the punching bag group piled it on….

Note:PIÙ CRUDELE CHI SI SFOGA

Yellow highlight | Location: 2,204
If you think catharsis is good, you are more likely to seek it out when you get pissed. When you vent, you stay angry and are more likely to keep doing aggressive things so you can keep venting.

Note:CONCLUSIONI GENERALI

Yellow highlight | Location: 2,206
you get accustomed to blowing off steam, you become dependent on it. The more effective approach is to just stop.

Note:DIPENDENZA

Yellow highlight | Location: 2,210
Bushman suggests you delay your response, relax or distract yourself with an activity totally incompatible with aggression.

CONTA FINO A DIECI PIUTTOSTO