Filosofi Troll

Le filosofie postmoderne (decostruzionismo, relativismo, pragmatismo…) hanno vissuto un periodo d’oro negli anni novanta ma oggi siamo in pieno riflusso e il saggio di Nicholas Shackel “The Vacuity of Postmodernist Methodology” è una testimonianza di questa fase.

Un arma retorica moto usata dai postmoderni è il “truismo troll”. Ecco definizione ed esempio:

… A Troll’s Truism is a mildly ambiguous statement by which an exciting falsehood may trade on a trivial truth. A typical example of a Troll’s Truism is the statement that anything constructed could be constructed differently….

Il filosofo Troll ama stupire, per farlo adotta un linguaggio sfumato, quasi poetico:

… Social constructivism denies that there is “an external world, whose properties are independent of any human being and indeed of humanity as a whole”…

Non siete forse stupiti da chi nega l’esistenza di un “mondo esteriore”?

All’occorrenza, però, se attaccato dalle obiezioni si puo’ esprimere lo stesso concetto in modo molto più piatto e scontato:

of course the world is real and independent of our observations but that accounts of the world are produced by observers and are therefore relative to their capacities, education, training, etc…

I truismi consentono al filosofo troll di adottare la “strategia del bastione” (detta anche Motte & Bailey), ovvero: spararla grossa per impressionare (avamposto) e poi, in caso di risposta del nemico, ritirarsi attestandosi su posizioni più sicure anche se meno interessanti (retrovie).

… Troll’s Truisms are used to insinuate an exciting falsehood, which is a desired doctrine, yet permit retreat to the trivial truth when pressed by an opponent… A Motte and Bailey castle is a medieval system of defence in which a stone tower on a mound (the Motte) is surrounded by an area of land (the Bailey) which in turn is encompassed by some sort of a barrier such as a ditch… When only lightly pressed, the ditch makes small numbers of attackers easy to defeat as they struggle across it: when heavily pressed the ditch is not defensible and so neither is the Bailey…the Bailey, represents a philosophical doctrine or position with similar properties: desirable to its proponent but only lightly defensible… The Motte is the defensible but undesired position to which one retreats when hard pressed…

Il filosofo troll vacilla continuamente tra il bastione e le retrovie, almeno nel dibattito pubblico. Nei suoi libri, dove il contrddittorio è assente, guadagna invece degli avanposti talmente avanza ti da sembrare surreali.

Una variante della “strategia del bastione” è la modalità Humpy Dumpy. In cosa consiste? In una ridefinizione continua (e non esplicita) dei termini che disorienta il lettore critico. Chi non ricorda questo personaggio di “Alice nel paese delle meraviglie”?

… “When I use a word,” Humpty Dumpty said in rather a scornful tone, “it means just what I choose it to mean— neither more nor less.” “The question is,” said Alice, “whether you can make words mean different things.” “The question is,” said Humpty Dumpty, “which is to be master— that’s all.”…

Il tipico filosofo Humpy Dumpy è Michel Foucault. Questa una sua considerazione eccitata ed eccitante di verità legata al potere:

… It’s not a matter of emancipating truth from every system of power (which would be a chimera, for truth is already power) but of detaching the power of truth from the forms of hegemony, social, economic and cultural, within which it operates at the present time…

Insomma, è il potere (politica, economia…) che genera la verità: niente potere, niente verità.

Cavoli, interessante. Tuttavia, messo sottopressione Foucault fornisce un concetto di verità piuttosto lato:

… “Truth” is to be understood as a system of ordered procedures for the production, regulation, distribution, circulation and operation of statements…

Ma se  sostituiamo questa definizione nella considerazione precedente tutto si fa più banale e meno glamour:

… Suddenly the glamour of paradoxical profundities such as “[ the] regime of truth… is not merely ideological… it was a condition of the…development of capitalism” evaporates and we are left with rather mundane observations about social institutions without gaining any insight… The analysis just given reveals Foucault’s statement “Truth is to be understood as a system of ordered procedures for the production, regulation, distribution, circulation and operation of statements.” to be Trollish. We have an exciting false theory of truth trading on an arbitrary redefinition. When pressed, he can retreat to his Motte and point out that he is using “truth” in this redefined way…

Anche il sociologo Bloor è un buon candidato ad essere un Humpy Dumpy. Vediamo come definisce la “conoscenza”:

… knowledge is defined to be beliefs which 1. people confidently hold to and 2. people live by and 3. are collectively endorsed…

Insomma: conoscenza è cio’ che reputiamo essere conoscenza. Molto “radicale” come posizione.

Senonché, nelle speculazioni che seguono il termine “conoscenza” è usato di volta in volta ora nel suo significato tradizionale ora nel suo significato “radicale”, il che crea un mischione tremendo, molto eccitante però.

Purtroppo paghiamo cara questa voglia di brivido intellettuale:

… this redefinition trivialises one of the really important questions with which the sociology of knowledge should concern itself: namely the analysis of whether and how the institutionalisation of the production of beliefs produces knowledge at all… if by knowledge we mean only Bloorian knowledge we get no further than considering whether and how collectively endorsed beliefs are collectively endorsed… blurring the distinction between the notions referred to creates the frisson available when, not pressed

Man mano che la prosa del filosofo troll procede comincia a ricorrere sempre più spesso un qualche termine strano non ben definito, o comunque con una definizione che diverge leggermente da quella tradizionale o di buon senso: è il fulcro.

… The effect of Humpty Dumptying, when cleverly used, it to create what I shall call an equivocal fulcrum… Equivocal redefinition multiplies mere rhetorical force into argumentative effect, and disguises the direction of argumentative effect by appearing to go toward the truth whilst pushing the reader towards falsehood… Once created by one author, they are picked up and used by many others…

Non si sa mai bene cosa significhi il concetto-fulcro senonché ha il potere di creare su di sé una certa aura e di viaggiare dal libro che lo ha generato ai libri dei discepoli, sempre arricchendosi di nuove ambiguità che diano un senso di profondità.

Ma come si crea un concetto-fulcro?

… Establishing equivocal fulcra by softening up arbitrary redefinitions… The softening up is effected by convincing the audience that the dual meaning is some how an exposition of a profundity… the strategy is, as in Foucault’s “Truth and power”, to first make use of the word in its redefined sense, then present the redefinition as if it had already been established as the deeper content of the concept. Finally, the impression of profundity is sealed by the use of passages which elide both meanings at once…

Il filosofo troll è un “grande equivocatore”, contrabbanda le sfumature ambigue per profondità e il suo nemico numero uno è la chiarezza.

Un buon esempio è il caso di Jean-Francois Loytard e della sua analisi sul fallimento dell’illuminismo. Anche nel suo caso la strategia del mischione è ampiamente utilizzata:

… Talk of legitimating science could be a matter of (a) justifying whether what it produces is knowledge or (b) justifying whether what it produces is desirable… It is characteristic of postmodernism to claim that each of these pairs of legitimisations are inseparable… what he presents as the contemporary failure of legitimation the failure is only a failure insofar as it fails in one or another of these respects. But that could only be diagnosed as a failure of legitimation if all are required together. The way Lyotard is using the word “legitimation” here is equivocal…

Detto chiaramente: se la scienza ci dà notizie spiacevoli allora non è scienza. Oppure: le soluzioni razionali neoliberiste non mi piacciono quindi cessano di essere razionali, oppure “la ragione è in crisi”. Sembra una scemenza ma detto come sa dirlo “il grande equivocatore”… come sa nascondere lui l’assunto altamente problematico dell’inseparabilità tra desiderio e verità non li sa nascondere nessuno. Di solito si distingue nettamente tra epistemologia e filosofia morale:

… He does not give us arguments to the inseparability of these distinct notions, but relentlessly discusses both science and knowledge as if the questions of what they are and whether they are desirable were not separate… epistemology tells us why we should take its truth claims to be knowledge, and political and moral theory tells us whether and why we should practise it…

Il filosofo troll conduce il suo attacco alla razionalità ballando uno strano fox-trot, una danza inaugurata da trollismi di questo tenore:

… “rationality has a history”( Derrida– Oxford Amnesty Lectures), “rationality is merely whatever we take it to be” (Rorty)…

La premessa mai esplicitata è che la filosofia puo’ solo negare (No-Position-position NPP):

… Firstly the meta-philosophical claim is made that philosophy cannot properly be done except negatively: that to occupy a position is already to be mistaken. I am going to refer to this position as the No-Position Position…

E poi tanto ma tanto “costruttivismo”: poiché tutto è costruito possiamo costruircelo come ci pare.

Il gran finale è che si possono assumere delle posizioni, anche risolute, che se sono sbagliate non importa (visto che assumere una posizione è sempre sbagliato):

… The upshot of this pair, the foxy bit, is that the postmodernist can use normative notions of rationality whilst evading accountability to rational standards…

Alla ecco la tipica danza postmoderna:

… dance between using rational vocabulary whilst officially taking the No-Position Position…

Poi ci sono tutti gli “esotismi” del caso, tipo usare il termine “valido” anziché “vero”: il filosofo postmoderno ha una paura fottuta della “verità”.

Oppure sostituire gli argomenti brevi e chiari con ampie e dotte citazioni (necessariamente centrate solo a metà).

Ora ci si puo’ scatenare.

… Once one has a battery of such equivocal concepts, a school of fox-trotting writers making use of them, and an audience flattered to think that in accepting them it has a grasp on the profundities, a field of enquiry has degenerated to what I shall call a rankly relativising field. Participants are relentlessly sucked in by use of the rhetorical effects of first one and then another equivocal concept…

Poi, una volta inchiodato dalle obiezioni, c’è sempre l’uscita di sicurezza: la NPP. Avere torto non è un problema, in fondo chi adotta una posizione ha torto per definizione. La cosa migliore in queste condizioni è allora adottare una posizione che non si capisca, una posizione continuamente in movimento grazie all’incessante ridefinizione dei termini.

Il filosofo troll vuole divertirsi e cerca un parco giochi tutto per lui, dove non ci siano disturbatori. Jacques Derrida lo ha trovato nel “testo”:

“… The text is all and nothing exists outside of it…”

Non vuole che la verità lo disturbi: l’esempio del pragmatista americano Richard Rotry:

… for Rorty “truth is not the sort of thing one should expect to have a philosophically interesting theory about” (Rorty 1982, xiii) so a demonstration that his position on truth is incoherent is ultimately irrelevant, because in such a case he can retreat to the No-Position Position…

Ma si va oltre: l’argomento stringente è una violenza, così come violenza è il concetto di verità e violentatore chi ha ragione.

Ora, i filosofi troll sono la radicalizzazione di posizioni che se espresse senza tanta foga possiedono un grano di verità. Vedi qualche precedente illustre:

… Kierkegaard’s doctrine: that to subscribe to rationality (the rationality which at that time seemed to be refuting Christian belief) is no less a leap of faith than religious belief …

Naturalmente anche il razionalista ha i suoi assunti a cui deve “credere” altrimenti crolla tuto ma cio’ non significa che non possano essere anche condivisi. Molto meglio essere chiari mostrando i propri punti deboli che confusi nel tentativo di nasconderli oppure di ingigantirli in uno scetticismo radicale che non consente di assumere nessuna posizione.

… Certainly, at some point it may come down to what premisses seem self evident, or at least, acceptable. But it is not yet clear that at that point we do come to widely differing premisses… if one subscribes to the No-Position Position one cannot put it forward. Its supporters seem to believe their position coherent so long as they do not overtly advance it, but only allude to it, insinuate it. To me, this seems to be a distinction without a difference… Postmodernists cannot just appeal to the No-Position Position as part of an argument for it. Indeed, it must be incoherent to argue for it. As far as I can see, the only way of establishing such a position is to lead us to a thought, a vision perhaps, which compels assent…

NPP è alquanto sospetta e il filosofo troll non ha molta voglia di chiarire (come al solito):

… Firstly, it looks too convenient… Secondly, to adopt it requires some transcendent vision. Thirdly, it is incoherent…  Postmodernists do not lead us to a transcendent vision and cannot just appeal to their No-Position Position as a self evident premiss, we must reject claims that there can be no meta-philosophical discussion… If all the postmodernist has to say is that he starts from different premisses, but he doesn’t want to talk about it, he hasn’t begun to engage in a philosophical project…

Molto trollismo filosofico nasce da certe simpatie per il naturalismo, una posizione ancora oggi molto alla moda. Bloor, per esempio, si proclama naturalista a tutto tondo. Ma qual è il problema della visione naturalista? Semplice: noi siamo organismi che operano con scopi ben diversi da quello di produrre verità, quindi le nostre teorie (compresa quella naturalista) hanno ben poco a che fare con la verità. Il naturalismo è una teoria “autorimuovente”. Il naturalista contemporaneo vorrebbe essere anche razionale per cui un simile corto-circuito lo annichilisce e preferisce prenderne atto o non parlarne. I filosofi troll naturalisti, al contrario, affrontano il tema tentando di trattarlo con le loro strategie retoriche.

… Bloor is claiming that his strong programme represents natural science applied to knowledge… having feinted at the rationalists he must himself adopt the No-Position Position about rationality… strong programme asks for our acceptance of it on the grounds that it is true, whilst at the same time claiming that such grounds are irrelevant… it cannot account for the normative force of its own truth… he’s not saying that there is no such thing as reasons, only that the truth or falsity of a belief is not part of the explanation for belief in it…

Non si capisce perché bisognerebbe discutere con filosofi attestati su posizioni del genere 8che non sono posizioni). D’altronde nemmeno loro hanno voglia di discutere con gli altri. Non a caso li chiamiamo filosofi troll: non si discute con un troll.

La sostanza delle filosofie postmoderne si risolve nello scetticismo classico con tanta ma tanta retorica intorno. Ma…

… The sceptical arguments are certainly important, but to take them as conclusive rather than a protracted and important stalemate which has also been a fertile source of much good philosophy is a mistake. Some questions just are very difficult and their full resolution may even be beyond our capacities…

Alla fine tutto si risolve nell’imbellettare nelle forme più assurde – non tutti sono Godel – i ben noti paradossi della ragione. Ma… 

… What postmodernists show in their crude use of paradox is a lack of understanding of relevant context. Anyone familiar with the field of work in paradoxes will concede that they are an indication of something amiss, but we take this to be an opportunity for some advancement of understanding…

COMMENTO PERSONALE

Ogni tanto sento dire: “ho il libro di Tizio su Derrida e Deleuze, è talmente chiaro che ho compreso persino io la filosofia di quei due”. Ora, quel che ho capito io leggendo il saggio di Nicholas Shanckel è che non importa tanto capire cosa dicono Jacques Derrida o Gilles Deleuze ma perché lo dicano in quel modo strano. Tutta l’opera dei filosofi, si afferma, è una nota a piè di pagina di Platone, e in questo c’è qualcosa di vero: tutto è letteratura secondaria di una letteratura primaria. Il fatto è che la secondaria di solito spiega e approfondisce la secondaria. Nel caso del postmodernismo la relazione è assurdamente invertita: infatti non è poi così difficile comprendere questa letteratura secondaria ricorrendo alla letteratura primaria (scetticismo e paradossi). In altri termini, il fatto che – oh! sorpresa! – Derrida e Deleuze possano essere compresi non depone necessariamente a loro favore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...