Esoterismo

Nella vita umana la fortuna conta parecchio, ma se lo dite esplicitamente la gente s’impigrisce.

Tra uomo e donna ci sono differenze biologiche importanti, ma se lo dite esplicitamente fomentate il sessismo.

Domanda: cosa privilegiare, la verità di quel che si dice o le sue conseguenze?

Leo Strauss è uno studioso che dà grande valore all’esoterismo: è naturale che  la verità debba restare esoterica (conosciuta a pochi) cosicché siano preservate le conseguenze positive.

Ma tra i moderni Strauss è in minoranza, dopo l’illuminismo la verità doveva essere messa al centro.

In minoranza a parole, ma nei fatti l’esoterismo e Strauss sono ancora tra noi (vedi il politically correct). L’esempio del sessismo non è fatto a caso: certe verità meritano lo stigma.

Sia come sia la scelta di privilegiare (a parole) la verità è recente, nel corso della storia l’esoterismo è stata la regola.

Lo dimostra con dovizia di particolari Arthur M. Melzer nel libro Philosophy Between the Lines: The Lost History of Esoteric Writing.

***

Il linguaggio comune ci svia circa il termine “esoterico”…

… In common parlance, “esoteric” is often used synonymously with “recondite” or “abstruse,”…

Ma c’è una definizione che chiarisce molte cose…

… But in a stricter sense—and the one intended here—it is something difficult to understand because hidden or secret…

L’esoterismo è legato alla presenza di un’ élite e ad un’esigenza di nascondere la verità alle masse…

… An esoteric writer or writing would involve the following characteristics: first, the effort to convey certain truths—the “esoteric” teaching—to a select group of individuals… the effort to propagate for the sake of the latter group a fictional doctrine…

Le scuole esoteriche sono molte…

… forms of mysticism: Theosophy, Gnosticism, Hermeticism, Rosicrucianism, Kabbalah, Neoplatonism, Neo-Pythagoreanism…

Ma non confondiamo misticismo ed esoterismo

… “the phenomenon in question [esotericism] . . . is discussed under the title ‘mysticism’”1—a statement that, despite the efforts of Strauss and others, still remains largely true today…. But the mystical version of esotericism is a very small part of a larger phenomenon…

L’esoterismo vero e proprio è una retorica più che un insieme di verità segrete…

… Here “esoteric” denotes not a particular body of secret or occult knowledge but simply a secretive mode of communication… It is not a philosophical doctrine but a form of rhetoric…

L’esoterismo postula una concezione tragica della vita, dove teoria e prassi sono in conflitto…

… philosophical problem of theory and praxis—especially the question of the relation between philosophic rationalism and political community, or between “the two lives”: the vita contemplativa and the vita activa. Are the two fundamentally harmonious (essentially the Enlightenment view) or antagonistic (the dominant classical view)?…

Per classici e medievali la professione di esoterismo era scontata…

… Classical and medieval thinkers, by contrast, tended to practice a more concealed, more thoroughgoing esotericism—esotericism in the fullest sense—because they were motivated… by the fear that, to the contrary, rationalism, if openly communicated, would inevitably harm that world by subverting its essential myths and traditions…

Perché scrivere un libro? Un tempo la pedagogia era al centro di tutto…

… Their purpose for publishing books of philosophy was rooted not primarily in political schemes, as with the Enlightenment thinkers, but in educational aims… Socratic method—it forces readers to think and discover for themselves…

Tassonomia dell’esoterismo…

… a philosophical writer will purposely endeavor to obscure his or her true meaning either to avoid some evil or to attain some good. The evils to be avoided are essentially two: either some harm that society might do the writer (persecution) or some harm that the writer might do society (“dangerous truths”), or both. The effort to avoid these two dangers gives rise to what I will call defensive and protective esotericism, respectively…

L’oralità si coniugava al meglio con le esigenze esoteriche…

… A philosopher might write nothing at all, for example, and confine himself entirely to oral teaching…

I pochi scritti avevano livelli multipli di lettura…

… Or his writings may contain multiple levels, with an exoteric teaching on the surface…

L’esoterismo varia anche di grado

… Esotericism also varies widely in degree. In some cases, the exoteric doctrine may merely be a popularized or sanitized version of the esoteric doctrine. In others, it will be radically different… not tell “the whole truth,” but they will tell “nothing but the truth.”… conceal the truth and present falsehoods or “noble lies”…

Anche oggi si va dalle fake news al media bias.

L’esoterismo oggi…

… scholars today are willing to admit that, here and there, a philosopher or two can be found who engaged in esoteric writing…

Riassumendo: a parole l’esoterismo è un’eccezione, nei fatti la regola. Un tempo era la regola punto e basta. Si potrebbe dire che oggi si è particolarmente esoterici sull’esoterismo.

***

Perché a pelle l’esoterismo non ci piace?…

… modern culture harbors a powerful resistance to esotericism…

La questione stessa dell’esoterismo non è trattata nel dibattito culturale. Perché?

Tra i moderni, pochi hanno mostrato interesse. Con una grande eccezione

… Leo Strauss and others attempt to revive the understanding of esotericism…

Ma forse non è proprio l’unica…

… these efforts are met with a resistance that seems to go beyond the usual sorts of scholarly disagreement and skepticism. To be fair, there were important exceptions: Alexandre Kojève, Arnaldo Momigliano, Gershom Scholem, Hans-Georg Gadamer, and a few others…

Gli attacchi all’interpretazione esoterica dei classici non sono mancati…

… Gregory Vlastos sadly laments Strauss’s “delusion that the classics of political philosophy were meant to be read as palimpsests… George Sabine fears that esotericism simply amounts to “an invitation to perverse ingenuity.”…

La ripugnanza per l’esoterismo è un fenomeno globale…

… Virtually all societies outside the modern West embrace a “high context” communicative style that emphasizes indirection and speaking between the lines…

Questo anche se il suo abbandono è recente…

… rejection of the reality of esotericism is a thesis unique to late Western modernity… in the two millennia of Western philosophy prior to 1800, not only is the denial of esotericism extremely rare…

***

L’esempio delle parabole di Gesù è spesso portato…

… parables can be used to make things either more clear and concrete or more obscure…

Gesù invitava a non offrire perle ai porci

… Jesus sternly declared: “Give not that which is holy to dogs; neither cast ye your pearls before swine”…

I discepoli si meravigliavano del linguaggio per parabole

… Then the disciples came and said to him, “Why do you speak to [the people] in parables?” And he answered them, “To you it has been given to know the secrets of the kingdom of heaven, but to them it has not been given…

E Gesù invitava a mantenere il segreto della sua missione

… In a similar spirit, Jesus “strictly charged the disciples to tell no one that he was the Christ [i.e., the messiah]”…

Spesso Gesù parlava per indovinelli, e  Tommaso lo giustificava…

… Thomas Aquinas, in an article of the Summa Theologica entitled “Whether Christ Should Have Taught All Things Openly?”…

Calvino parlò a lungo dell’ oscurità di Gesù…

… Calvin, in his Commentaries, remarks: Christ declares that he intentionally spoke obscurely, in order that his discourse might be a riddle to many, and might only strike their ears with a confused and doubtful sound…

Anche Grozio…

… Grotius explains: He spoke to the people through the indirectness of parables, that those who heard Him might not understand…

Agostino…

… Augustine maintains: the Lord’s meaning was therefore purposely clothed in the obscurities of parables…

Locke…

… John Locke, emphasizing the political element, argued that Jesus “perplex[ed]” his meaning to avoid being arrested before he could complete his mission…

Sull’esoterismo di Gesù il dibattito è stato aspro, un tempo. Oggi no…

… Now, for the first time in history, one finds the widespread denial of Jesus’ esotericism—notwithstanding…

Le ambiguità vengono risolte imputandole ai testi manomessi

… Our experts float one loosely grounded philological speculation after another—primarily conjectures concerning the adulteration of the texts…

Frank Kermode:

… For the last century or so there has been something of a consensus among experts that parables of the kind found in the New Testament were always essentially simple, and always had the same kind of point, which would have been instantly taken by all listeners, outsiders included. Appearances to the contrary are explained as consequences of a process of meddling with the originals…

Prendiamo il significato del termine “parabola”…

… When God says he will speak to Moses openly and not in “dark speeches,” the Greek for “dark speeches” means “parables.”… with a vast “expense of learning,” modern experts strive to overturn the obvious…

***

L’esoterismo germina assumendo un conflitto tra teoria e prassi

… The most profound (but least obvious) reason concerns, not the visible characteristics or consequences of esotericism, but its source, its essential premise—the antagonistic view of theory and praxis…

Oggi ci manca questo senso del tragico

… Consider, for a starting point, the oft-repeated observation that modern man lacks a sense of tragedy…

L’ Edipo è un simbolo potente dell’antichità…

… Sophocles’s Oedipus tyrannus, arguably the most powerful and representative of ancient Greek tragedies, was precisely a tragedy of theory and praxis, of the incurable conflict of truth and political life…

Oggi abbiamo ridotto l’edipo a sociologia e psicologia facendo svanire la tragedia…

… for us, “Oedipus” names a classic psychological disorder, present at our imperfect beginnings but more or less curable through the science of psychotherapy, through the life-healing power of truth. This reversal of the tragic tale is typically modern: the very idea that life could have an incurable problem at its core—that the two essential elements of our nature, rationality and sociality, could be permanently at war…

Un neo-idealismo razionalista ha preso il posto del tragico…

… The source of our resistance to tragedy would thus seem to be something new and more complex: a novel kind of idealism that emerges precisely on the basis of modern realism—secular humanism…

Le contraddizioni saranno risolte e il progresso trionferà…

… triumph, sooner or later, over the grave imperfections of his received condition. It is the faith in progress…

Niente tragico, niente Dio…

… if the world is originally well ordered, then God is needed to explain that order. And if it is incurably disordered, then God is needed to save us from that disorder. Only if life is originally bad but fixable through human effort is it the case that God is neither a necessary hypothesis nor a fundamental need… humanist credo that life has no fundamental problems that we cannot cure…

Ce la facciamo da soli, basta parlar chiaro.

Predomina l’ottimismo

… In the realm of natural philosophy, for example, when thinkers like Bacon, Hobbes, and Descartes proclaimed their intention to redirect contemplative philosophy to the practical end of the “relief of man’s estate” (Bacon) by making man “the master and owner of nature” (Descartes), they did so long before the progress of science proved that such far-reaching technological mastery was actually possible…

Razionalizzare la politica è diventato il nuovo imperativo…

… the early Enlightenment thinkers eagerly embarked on their unprecedented effort to enlighten and rationalize the political world…

Ma l’illuminismo ha dei limiti, lo abbiamo visto parlando di sessismo…

… as this enlightening effort proceeded, it soon became clear that, notwithstanding its partial successes, it was indeed dangerous in a variety of ways to social health, as the thinkers of the counter-Enlightenment thunderously proclaimed…

L’esoterismo ha cambiato nome ma esiste ancora: oggi si chiama pragmatismo

… these latter thinkers, obsessed as they were with the dangers of Enlightenment harmonism, were nevertheless not tempted to return to the conflictual view and to classical esotericism. Still driven by the spirit of humanist harmonism, they chose instead to continue the pursuit of unity—only in the reverse manner by subordinating theory to practice…

***

Anche la libertà d’espressione è nemica giurata dell’esoterismo…

… So the second most important source of the forgetting of esotericism, especially in the last two centuries, has been the gradual success of the modern movement, which finally rendered this activist and defensive esotericism unnecessary…

Così come l’egalitarismo è in conflitto con l’élitismo.

L’esoterismo è considerata oggi una forma paternalista e superata di esprimersi…

… to charge philosophers, of all people, with esotericism—with behavior that we find so childish, cowardly, deceitful, elitist, inauthentic, and so forth—strikes us intellectuals as both demeaning and implausible in the extreme…

C’è addirittura una fobia di Strauss…

… exactly what are Strauss and his followers trying to do? Speculation has proliferated, most of it political, some of it rather extravagant and conspiratorial—what Peter Minowitz ventures to call Straussophobia…

Al contempo, per paradosso, la spiegazione della esoterica si fa un certo abuso…

… But esotericism will be abused not only by writers, but by readers and interpreters…

Con la libertà d’espressione fioriscono le tesi complottiste

… The whole theory is, to repeat Sabine’s remark, an open invitation to “perverse ingenuity.”…

Anche la dietrologia vede esoterismi ovunque.

***

Tuttavia, l’esoterismo è una realtà innegabile. Uno non deve essere straussiano per affermarlo, oppure condividere l’ossessione dello studioso per segreti e bugie.

Il progetto di Strauss era ambizioso…

… There is a single, unified purpose—a project—that he pursued throughout his career and in all his farflung researches, from Plato, Thucydides, and Aristophanes, to Alfarabi, Maimonides, and Marsilius, to Spinoza, Burke, and Heidegger…

Fin troppo. Per lui la filosofia stessa aveva uno scopo diverso da quello che noi assumiamo comunemente…

… the highest subject of “political philosophy” is not, as we today would assume, the political life. On the contrary: The highest subject of political philosophy is the philosophic life: philosophy—not as a teaching or as a body of knowledge, but as a way of life—offers, as it were, the solution to the problem that keeps political life in motion…

Politica e filosofia in Strauss…

… my point: the radical subordination of politics to philosophy is one of the most distinctive and defining themes of Strauss’s thought…

Lo scopo di Strauss…

… in his view, the truest purpose of esotericism, which is found in its highest form in Plato, is precisely to separate philosophy and politics, theory and praxis—to insulate each from the other…

L’elogio a Platone…

… Plato composed his writings in such a way as to prevent for all time their use as authoritative texts. . . . His teaching can never become the subject of indoctrination. In the last analysis, his writings cannot be used for any purpose other than for philosophizing…

Opinioni politiche di Strauss…

… Of course, even philosophers have to live in political communities, and thus, as a citizen, Strauss had serious political concerns and opinions—primarily conservative—which he expressed sparingly, but forcefully. But they were not the subject of his guiding intellectual project…

Scrisse 15 libri e nessuno sulla politica o sulla filosofia contemporanea.

Il suo progetto politico

… The starting point of Strauss’s path of thought was the observation that in our time the whole legitimacy of western science, philosophy, and rationalism was being radically challenged—and at the hands of two opposite but mutually reinforcing movements: the “postmodern” force of historicism or cultural relativism and the ancient force of religious orthodoxy, now newly emboldened by reason’s self-destruction…

Esoterismo contro storicismo

… esotericism (in its classical form) argues for the inherent and inescapable tension between reason and society. As such, it constitutes a critique of the historicist assumption of their underlying unity, of the inherent subordination of reason to society and its fundamental commitments…

La difesa della ragione era il primo punto per Strauss: le contraddizioni apparenti dei testi non sono mai reali, questo il suo assunto…

… Strauss is so “obsessed” with esotericism, in sum, because he is engaged in the philosophical project of defending rationalism…

***

Come leggere un testo esoterico? La testimonianza conta più della letteralità…

… by continuing our reliance, where possible, upon the explicit testimony of past writers and readers…

Rischio…

… By freeing readers from the literal meaning of the text, it exposes them to various inevitable temptations and corruptions. It will open the door to Sabine’s “perverse ingenuity.”…

Ma nel precetto della non-letteralità l’esoterismo è in buona compagnia…

… proliferation of nonliteral interpretive approaches: Hegelian, Marxist, Freudian, Jungian, structuralist, poststructuralist, feminist, deconstructive, new historicist, and so forth…

Perché allora preferire l’esoterismo?…

… There is also another important way in which, from the standpoint of these criteria of certainty and scholarly sobriety, the theory of esotericism is superior to its rivals: it is not simply rooted in theory. It—and it alone—is susceptible of empirical proof…

In alcuni casi l’interpretazione esoterica è richiesta dagli autori stessi

… the interpretation of this work of Rousseau’s, the esoteric method is absolutely proper and necessary. This conclusion is not based on abstract literary theory; it is Rousseau’s own explicit assertion…

Se l’interpretazione esoterica sia possibile in fondo è un questione secondaria…

… the question before us is not whether we like the practice of esotericism (still less whether we like Leo Strauss or his students) but simply whether, in fact, it is real…

Analogia

… We abhor slavery but do not deny that it ever existed…

Perché mai l’esoterismo dovrebbe essere sparito solo da noi e solo ora? La cura contro i dubbi richiede una presa di coscienza…

… The cure, then, to the problem of blindness and ethnocentrism is again a greater knowledge of ourselves in our uniqueness…

L’esoterismo ci appare arrogante ma questo di per sé non puo’ deporre contro la sua esistenza, nel mondo le aristocrazie hanno sempre governato…

… We naturally incline to dismiss the whole theory of esotericism as impossibly arrogant and elitist. But of course, only a few short centuries ago, all the world was ruled by monarchs and aristocrats. Most of the philosophers, too, held that the best form of government was some sort of aristocracy…

Le società veramente egalitarie sottostimano quanto siano eccezionali nella storia…

… egalitarian societies incline to misunderstand themselves: they systematically underestimate their own egalitarianism. Thus, they underestimate, in particular, how utterly different all their perceptions and sensibilities have become from those of earlier, nonegalitarian ages…

Il saggio si è sempre staccato dalla massa

… Pierre Charron does not hesitate to assert that a wise man “is as far above the common sort of men as a common man is above the beasts.”…

Guicciardini e la massa…

… “To speak of the people,” remarks Guicciardini, “is really to speak of a mad animal, gorged with a thousand and one errors and confusions, devoid of taste, of pleasure, of stability…

Spinoza e la massa…

… Spinoza speaks of “the masses whose intellect is not capable of perceiving things clearly…

Cicerone e la massa…

… Cicero goes so far as to claim that the very faculty of reason is “disastrous to the many and wholesome to but few.”…

Montaigne e la massa…

… According to Montaigne, “Aristo of Chios had reason to say long ago that philosophers harmed their listeners, inasmuch as most souls are not fit to profit by such instruction…

Galeno e la massa…

… Galen, the Greek physician and philosopher, wrote: “My discourse in this book is not for all people…

Maimonide e la massa…

… Maimonides declares in the introduction to the Guide of the Perplexed that he “could find no other device by which to teach a demonstrated truth other than by giving satisfaction to a single virtuous man…

Orazio e la massa…

… Horace: “I loathe the mob impure and forbid it place. Let tongues be silent!”…

Seneca, Epicuro e la massa…

… Seneca quotes Epicurus as having said: “I have never wished to cater to the people; for what I know they do not approve, and what they approve I do not know.”…

La Mettrie e la massa…

… La Mettrie expresses a similar attitude: Whatever may be my speculation in the quiet of my study, my practice in society is quite different…

Nietzsche e la massa…

… Nietzsche translates these observations into a crucial—but counterintuitive—generalization about writing: On the question of being understandable—One does not only wish to be understood when one writes; one wishes just as surely not to be understood…

Ora, sarà anche arrogante ma che la massa sia considerata alla stregua di un folle ottuso è un fatto. Naturalmente a un folle si parla in un certo modo.

Anche l’egalitarismo, oltretutto, offre motivi di giustificazione dell’esoterismo…

… it should also be pointed out that three of the four motives for esotericism—the desire to escape persecution, promote political change, and teach in a Socratic way—can all be defended in essentially egalitarian terms…

***

Il segreto negli affari pubblici è cosa normale e ubiqua nella storia.

In certe civiltà è un segreto persino il “ti amo”…

… It is almost beyond our capacity to comprehend that in many earlier societies, indeed in much of contemporary India and Japan, husbands and wives, parents and children can pass their whole lives without ever once openly saying: I love you…

Conoscenza e divinità sono legate…

… In a traditional society, after all, the highest knowledge both concerns and derives from the divine, and such sacred knowledge is not to be profaned by being disclosed to the unworthy…

Presso gli indiani Pueblo

…. “one reason often adduced for secrecy by Pueblo leaders is that religious ceremonies lose their power if they are known by the wrong people… “it is in accordance with the dictates of nature that this should be so.” For secrecy “induces reverence for the divine…

Il potere delle informazioni è tale che deve essere in qualche modo tutelato…

… if knowledge is power, then secrecy is the husbanding and maintenance of power….

Socrate non dava mai risposte dirette…

… Socrates. In the Platonic dialogues, he is depicted as renowned throughout Athens for never giving anyone a straight answer…

L’osservatore contemporaneo soffre di un anacronismo quando giudica in questa materia…

… With the issue of secrecy, just as with that of elitism, we have clearly been misled by the anachronistic…

I due massimi pensatori della storia umana…

… Think about it: the two greatest teachers of the Western tradition were Jesus and Socrates. And both were famous for their secrecy and indirect speech…

Chiunque ha ben presente il concetto di “nobile bugia”. E’ davvero tanto insensato?

I grandi pensatori – che lo davano per scontato – sarebbero forse disonesti o vogliosi di seminare dubbi nel prossimo?…

… Is it really believable that the greatest truth seekers of the past were in actuality all bald-faced liars?…

W. E. H Lecky…

… In his classic History of European Morals, W. E. H Lecky argues that “veracity is usually the special virtue of an industrial nation,”…

Hannah Arendt: difficilmente mentire è un peccato di per sé…

… Hannah Arendt, who points out that “except for Zoroastrianism, none of the major religions included lying as such, as distinguished from ‘bearing false witness,’ in their catalogues of grave sins.”…

Solo l’intellettuale moderno demonizza la menzogna…

… This changed only in modern times, she continues, owing largely to the rise of intellectual specialization, that is, “the rise of organized science, whose progress had to be assured on the firm ground of the absolute veracity and reliability of every scientist.”…

La nobile bugia è un concetto invece strenuamente difeso da molti intellettuali del passato…

… It is fairly easy to show that a very large and wide-ranging group of earlier thinkers regarded the use of salutary lies or at least of concealment of some portion of the truth as just or allowable under the right circumstances…

Platone e Socrate…

… the position of Plato and (his) Socrates on the propriety of noble lies is well known…

Plutarco…

… Plutarch quotes Chrysippus as saying: “Often indeed do the wise employ lies against the vulgar.”…

Grozio…

… Grotius writes: “If we may trust Plutarch and Quintillion the Stoics include among the endowments of the wise man the ability to lie in the proper place and manner.”…

Maimonide…

… Maimonides declaring: These matters [of theology] are only for a few solitary individuals of a very special sort, not for the multitude…

Averroé…

… Averroes, in his commentary on Plato’s Republic, writes: The chiefs’ lying to the multitude will be appropriate…

Erasmo…

… Erasmus states: While it can never be lawful to go against the truth, it may sometimes be expedient to conceal it in the circumstances…

Burnet…

… Thomas Burnet writes on the subject at some length: What just or pious man ever scrupled to deceive children or lunaticks, when thereby they contributed to their safety and welfare?…

Diderot…

… in the Encyclopedia itself, there is an article by Diderot entitled “Mensonge officieux”—unofficial or salutary lie—which promotes the “wise maxim that the lie that procures good is worth more than the truth that causes harm.”…

Hume…

… David Hume, pulling no punches, writes: “It is putting too great a Respect on the Vulgar, and on their Superstitions, to pique oneself on Sincerity with regard to them…

Cartesio…

… Descartes’s statement: I would not want to criticize those who allow that through the mouths of the prophets God can produce verbal untruths which, like the lies of doctors who deceive their patients in order to cure them, are free of any malicious intent to deceive…

Agostino…

… Augustine is the one who takes the strongest position against lying.62 Yet since his position does not preclude concealment…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosa fa fiorire l’uomo?

Le grandi conquiste che l’uomo deve al suo genio sono lì da vedere.

Il giudizio su alcune puo’ dividere, lasciamole da parte. Tanto ce ne sono molte che ci vedono più o meno tutti d’accordo nel definirle tali.

Charles Murray ha cercato di inventariarle mediando quanto riportano le enciclopedie più autorevoli.

La quantificazione di Murray è contenuta nel monumentale “Human Accomplishment: The Pursuit of Excellence in the Arts and Sciences, 800 B.C. to 1950” che copre quasi tre millenni della storia umana.  

E’ inevitabile che ci siano delle approssimazioni, cosicché, per prudenza, è buona norma limitarsi a segnalare e commentare solo le tendenze inequivocabili.

Detto questo – una volta compilato l’inventario – è inevitabile porsi le domande chiave. Per esempio: cosa facilità le “conquiste dell’umanità”, cosa accelera il suo avanzamento?

***

Ci si aspetta che la pace debba coniugarsi con la prosperità  e l’avanzamento dell’ uomo…

… Besides being worthy goals in themselves, peace and prosperity might reasonably be expected to promote accomplishment. War and civil unrest disrupt all sorts of human activities…

Eppure la guerra non sembra così distruttiva come sembrerebbe di primo acchito…

… consider how few years it took Germany and Japan to recover from the devastation of World War II…

Si pensi solo al caso anomalo della Grecia di Pericle

… Nowhere was the disruption of daily life greater than in Athens itself, ravaged by both war and a plague in –430 that killed a third of the population. And yet this century and a half of war and devastation embraces the Periclean Age. Skipping over the merely significant figures and listing just the major ones, those were the years that saw Aeschylus, Pindar, Parmenides, Anaxagoras, Sophocles, Herodotus, Protagoras, Euripides, Myron, Polykleitos, Lysippos, Phidias, Thucydides, Socrates, Democritus, Hippocrates, Polygnotus, Aristophanes, Zeuxis, Eudoxus, Praxiteles, Theophrastus, and, of course, Plato and Aristotle. Everyone in that list from Aristophanes to the end did his most important work in the darkest years of Athens’…

O a quello per molti versi simile della Firenze rinascimentale

…Life in Renaissance Florence was not quite as harrowing as in Athens, but it was not tranquil. In the autumn of 1495, the Florentine Renaissance was about to enter its most sublime decades. Leonardo da Vinci, age 43, was beginning work on The Last Supper. Michelangelo, just turned 20, had already completed Madonna of the Stairs and was entering the period that would account for much of his finished sculpture. Raphael had turned 11 and was learning his craft from his father. Also that autumn, Florence had just ousted its ruler, was invaded by a French army under the command of Charles VIII, and was spared destruction only because it paid a large ransom. Florence would spend the next five years as a theocratic republic under the religious radical Savonarola, followed by his ouster and execution. The year 1495 is illustrative, not anomalous. Florence was in a chronic state of civil strife, invasion…

O il periodo d’oro olandese

… The Dutch golden age in the last two-thirds of 17C gathered strength in the middle of the Thirty Years’War and ended in 1648 with its treaty with Spain…

Alla fine diventa eccezione il caso opposto: quello francese, per esempio…

… Of the most famous golden ages, only France’s La Belle Époque, dated in various ways between 1870 to 1914, was a time of peace…

Il senso comune non ne esce confermato ma il test, bisogna dirlo, è povero: la pace è troppo scarsa nella storia dell’uomo per poter testare in modo affidabile il suo influsso…

… Peace cannot explain the trajectory of human accomplishment because there hasn’t been enough peace for a good test. This doesn’t mean that some degree of war and civil unrest are good for human accomplishment, just that they haven’t consistently impeded it…

***

La prosperità economica, invece, fa bene sia alle arti che alle scienze…

… ECONOMIC WEALTH AND GROWTH Accomplishment in the arts and sciences is facilitated by growing national wealth, both through the additional money that can support the arts and sciences and through indirect spillover effects of economic vitality on cultural vitality…

Qui il senso comune è confermato: le società più ricche sono anche quelle che producono più conoscenza, e anche il nesso non è contestabile.

***

Poi ci sono fattori meno ovvi rispetto a pace e prosperità. Per esempio la presenza di modelli esemplari da imitare…

… Streams of accomplishment become self-reinforcing as new artists and scientists build on the models before them… Raphael and Faraday provides inspiration for aspiring young artists and scientists… Aeschylus, Sophocles, and Euripides appeared within a few decades of each other…

L’emulazione conta. Se sia spinta da invidia o ammirazione conta meno…

… Dean Simonton attacked the question anew with an arsenal of quantitative techniques… he demonstrated that the strongest predictors of creativity in a current generation are the number of creative persons and products in the two preceding generations…

Il modello esemplare si forma se il grande genio viene onorato e rispettato nella cultura in cui opera. E’ una questione di dignità e status sociale che scatena la gara benefica verso la “grande conquista”.

***

Serve poi una rete che metta in connessione le élite…

… CRITICAL MASS: ELITE CITIES Streams of accomplishment are fostered by the existence of cities that serve as centers of human capital and supply audiences and patrons for the arts and sciences…

Qui la città è stata decisiva…

… Cities are not only where the significant figures worked, but where they were born and raised. Cities as Nurturers of Talent…

Ma non tutte le città sono uguali. Quelle che propongono una diversità culturale spiccano…

… Dean Simonton discusses this raw material in terms of cultural diversity.10 The literature on creative personalities consistently demonstrates the importance of relativism, complexity, diversity, and richness. Simonton notes that, historically, talented children who grew up in a rich, diverse cultural environment were more likely to develop than those who grew up in a culturally monolithic environment…

***

Altro fattore importante: la libertà…

… FREEDOM OF ACTION Streams of accomplishment are fostered by political regimes that give de facto freedom of action to their potential artists and scholars…

Ma non quella politica

… Political freedom technically defined fails to explain anything about accomplishment in the arts and sciences… most human accomplishment occurred under regimes that had almost no guaranteed political freedoms… Perhaps, given time, political freedom will prove to be a better environment for accomplishment than any other system…

Gli stati totalitari non hanno fatto male nella storia delle grandi conquiste, purché siano stati in grado di creare delle enclave di libertà per pochi fortunati…

… Totalitarian states effectively quash human accomplishment in the arts and philosophy. They are only slightly less stifling in the sciences, and then because they create isolated enclaves within the totalitarian state that mimic to some degree the intellectual incentives and institutions of non-totalitarian states…

URSS…

… Totalitarian states effectively quash human accomplishment in the arts and philosophy. They are only slightly less stifling in the sciences, and then because they create isolated enclaves within the totalitarian state that mimic to some degree the intellectual incentives and institutions of non-totalitarian states… Soviet Union had produced no significant figures in the visual arts who had not made their reputations before the revolution. Only two composers (Kabalevsky and Shostakovich)…

Ma come può formarsi un’oasi di libertà in un regime?…

… Freedom of action in an autocracy or strong monarchy could be the result of liberties established by custom, or it could be the result of a tolerant ruler

Il totalitarismo senza sbocchi è invece la tomba della creatività umana…

… That the Balkans did not produce great art and science under the Ottomans is no mystery… The results are that countries with a history of despotism show sharply reduced levels of accomplishment. Parliamentary monarchies and liberal democracies were generally more productive than tolerant autocracies…

***

Ma l’uomo è fatto per eccellere oppure vive bene nella mediocrità? Qual è la sua natura?…

… Is it  to be drawn to excellence and, given the chance, to pursue it, or is excellence something that must be elicited from human beings who are naturally indifferent to it?…

Secondo Aristotele l’uomo tende a realizzare in pieno tutte le sue potenzialità. Ama farlo, lo desidera. Potremmo chiamare tutto ciò “Principio di Aristotele“…

… Other things equal, human beings enjoy the exercise of their realized capacities (their innate or trained abilities), and this enjoyment increases the more the capacity is realized, or the greater its complexity… The things we enjoy the most deeply are the things at which we are most expert…

In psicologia una simile concezione dell’uomo era vista come ridicola, almeno negli anni sessanta, quando il paradigma dominante era il comportamentismo. Per i comportamentisti non esiste un’ambizione interiore: l’uomo desidera fare cio’ che gli incentivi esterni lo inducono a fare. Punto e basta…

… Until the 1960s, any psychologist who claimed that the Aristotelian principle says something true about the behavior of human beings faced ridicule…The human mind and personality are driven by positive and negative reinforcements, the behaviorists said. A concept such as “enjoyment” is illusory—human beings will enjoy whatever they are trained to enjoy….

Abraham Maslow fu il primo a seminare dubbi…

… Abraham Maslow published an article entitled “A Theory of Human Motivation”(1943)…Humans persistently exhibited tendencies to enjoy the stimulation of new things, complexity, surprises, even in the absence of any perceptible external reinforcement… humans enjoy not just competence but excellence…

La sua visione venne presto sistematizzata dai suoi discepoli…

Csikszentmihalyi published a series of books elaborating the data and the theory that now goes under the label of flow…

Per costoro a noi piace fare quel che sappiamo fare e ci piace farlo al meglio. Fare al meglio cio’ che sappiamo fare ci realizza. Si parla di solito di “teoria del flusso”.

***

Purtroppo è doveroso concludere con una mesta notizia: siamo in declino. Un declino iniziato nel XIX secolo…

… Though the results vary among the inventories, the overall story is one of recent decline, usually starting sometime in 19C…

Ma questi sono solo crudi dati: bisogna interpretarli!

Per comprendere le cause dobbiamo comprendere meglio la dinamica. Sarebbe bene sapere se ci sono meno geni in rapporto alla popolazione oppure meno persone si occupano delle materie che fanno emergere il genio e producono la conquista epocale?…

… When the ratio of significant figures to the total population goes down in literature, to continue with that example, one of two changes (or possibly both in tandem) must have occurred: the proportion of the total population involved with good literature as producers, critics, and audience, has gone down, or the proportion of people who write lasting work has gone down…

Forse la spiegazione del declino è benigna, chi puo’ dirlo? Forse il genio si impegna in campi non tradizionali o comunque non coperti dall’inventario…

… The explanations for a falling accomplishment rate can be benign. The first half of 20C offers an obvious possibility for the case of literature: among all the new talents who might have been engaged in novels and plays, a large portion became engaged in film and, later, television

***

Vediamo più da vicino il caso delle scienze e cerchiamo di interpretarlo in modo benigno.

Oggi, anche se c’è un rallentamento, le conquiste impattano di più sulla vita di tutti i giorni (qualcosa che l’inventario trascura)…

… If the scientific inventories were designed to measure the impact of events on daily life, the rate of accomplishment unquestionably would have gone through the roof. But that’s not what the inventories purport to measure. Rather, they are designed to capture significant advances in knowledge…

L’eliocentrismo ha cambiato la vita a pochi. Ma il caso del motore a scoppio è ben diverso…

… The impact of an invention such as the internal combustion engine was so far-reaching that it is hard to imagine a metric that could express it. But as an increment in human understanding of how the world works, it was similar to many other contemporaneous developments…

Inoltre, nei secoli del declino, la popolazione generale è esplosa mentre la popolazione di scienziati potrebbe non aver tenuto il passo, anche se è aumentata…

… The market for science and technology becomes saturated after a certain point, and the West passed that point in mid 19C…

Queste considerazioni ci portano a ritenere che l’inventario sottostimi il reale avanzamento scientifico.

Forse abbiamo  già raccolto tutti i frutti bassi dell’albero: dal 1800 il lavoro si fa molto più difficile…

… Scientific and technological discoveries after the mid 1800s were more complex than in earlier days, and therefore the increments in knowledge they represent could be undercounted…

L’esempio della radio…

… Consider, for example, the radio—an invention of incalculable importance, but one that depended on many scientific and technological advances. If the inventory of events had invention of the radio as just one entry, it would be vulnerable to charges that it undercounts complex technological accomplishments…

Sarebbe ingiusto incolpare un’epoca se il lavoro che si trova davanti è più duro di quello delle epoche precedenti.

***

Adottiamo ora un’ottica pessimista.

C’è chi ha parlato esplicitamente di fine del progresso

… In 1969, Gunther Stent, a molecular biologist at the University of California’s Berkeley campus, published The Coming of the Golden Age: A View of the End of Progress…

Forse le cose da scoprire sono in numero limitato, almeno in molte materie tradizionali…

… Stent acknowledged that his readers would resist the idea, but he asked them to consider the proposition in its component parts. No one would argue that anatomy or geography were subjects without limits, for example… Everything there is to know about chemical reactions, for example, can be known. Once known, that field will be as closed…

Ultimamente queste posizioni sono state riprese…

… Stent’s argument, widely derided at the time, has been taken more seriously by his colleagues in recent years, as described in John Horgan’s The End of Science (1997)….

Inutile negare che nella storia della scienza ci siano periodi più o meno fortunati: periodi in cui c’è più da scoprire e periodi in cui c’è meno…

… Physicist Richard Feynman had a strong sense of how lucky he was to have come along when he did. “It is like the discovery of America—you only discover it once,”…

***

Per le arti il giudizio è ancora più complesso: il concetto di capolavoro è obsoleto, non si accorda con le nuove tecnologie impiegate nella produzione e nella diffusione artistica. Questo solo fatto invaliderebbe l’utilità di un inventario dei capolavori per giudicare la nostra epoca.

 

 

 

Una politica di carattere

Dal carattere è possibile dedurre l’orientamento politico di una persona.

Ma come definire il carattere di una persona? Di solito lo si fa avvalendosi di cinque parametri:

1) Estroversione, energia, grinta.

2) Empatia.

3) Scrupolosità, capacità di concentrazione.

4) Autocontrollo, stabilità emotiva.

5) Curiosità, apertura mentale.

Come definire lo spettro ideologico? Di solito si delineano due poli:

1) Destra, conservatorismo, tradizionalismo.

2) Sinistra, liberalismo, progressismo.

Ma questa distinzione non funziona e genera contraddizioni. Ce n’è una più soddisfacente che distingue la dimensione economica da quella sociale:

1) Destra economica (liberismo).

2) Destra sociale (conservatorismo).

3) Sinistra economica (socialismo-statalismo).

4) Sinistra sociale (progressismo).

5) Destra economica e sinistra sociale (libertarismo).

6) Destra sociale e sinistra economica (cattolicesimo).

7) Destra economica e destra sociale (fusionismo).

8) Sinistra economica, sinistra sociale (?).

Ammetto che le ultime quattro categorie le ho create io ad hoc 🙂

***

Vediamo ora le correlazioni.

Il progressista è curioso e poco scrupoloso. Il conservatore è chiuso e concentrato.

Il socialista/statalista è fiacco, empatico, curioso, poco scrupoloso ed emotivamente instabile. Il liberista è grintoso, chiuso, scrupoloso e stabile.

I più istruiti sono di sinistra, i più ricchi sono di destra.

Qui c’è una stranezza perché altri studi indicano che  i liberisti siano i più istruiti. Si ribadisce che la distinzione destra/sinistra produce incoerenze.

Altra anomalia: la conoscenza politica sembrerebbe orientare verso posizioni conservatrici, eppure l’uomo di sinistra è mediamente più istruito. Forse qui conta la preparazione specifica.

Un’altra stranezza: la curiosità è il tratto caratteriale più correlato con l’intelligenza, eppure risulta un collegamento tra liberisti e IQ elevato ma non tra liberisti e curiosità elevata.

***

Bibliografia:

Alan GerberGregory HuberShang E. HaConor DowlingDavid Doherty: Personality Traits and the Dimensions of Political Ideology.

Scott L. Althaus: Collective Preferences in Democratic Politics: Opinion Surveys and the Will of the People.

Bruan Caplan: Stigler-Becker versus Myers-Briggs: Why Preference-Based Explanations Are Scientifically Meaningful and Empirically Important.

La città dei Santi

Why Not Capitalism? di Jason F. Brennan

Tesi: il capitalismo è difendibile sul piano etico?

A prima vista si direbbe di no: basta aprire un giornale o accendere la TV ed è tutto un susseguirsi di scandali, malaffare e corruzione.

Poi, quando vai in Chiesa, le accuse si moltiplicano: consumismo, tentazioni, azzardi… Siamo praticamente sulla soglia dell’inferno.

***

Certo, oggi la parola “socialismo” è tabù, tuttavia ce n’è una che la sostituisce in modo subdolo: “democrazia”…

… Michael Moore ends his film Capitalism: A Love Story (2009) with a catechism: “Capitalism is an evil, and you cannot regulate evil. You have to eliminate it and replace it with something that is good for all people, and that something is democracy.” By “democracy,” Moore means collective control of the means of production—that is, socialism… The term “socialism” appears on, but is buried deep within, the Occupy Wall Street (OWS) 1 website, despite its repeated invections against the economic status quo and its vague call for “a new socio-political and economic…

Perché la parolina sia tabù si capisce subito: il socialismo reale è stato un inferno reale in terra…

… countries that tried socialism—the Soviet Union, China, Cuba, Vietnam, Cambodia, and North Korea—were hellholes…

E’ stato per il novecento quello che la peste nera è stata per il trecento…

… Socialist governments murdered about 100 million (and perhaps many more) of their own citizens, making socialism about as lethal as the 14th-century Black Death…

Insomma: se il capitalismo reale ha problemi il socialismo reale è disastroso.

Nonostante questo il capitalismo manca ancora di attrattiva morale: dobbiamo beccarcelo perché “ce lo meritiamo“, è questo che pensano anche molti suoi sostenitori…

… Yet, despite this, many people who oppose socialism and support markets find capitalism morally uninspiring. Sure, capitalism performs better than socialism. But, we worry, that is just because we are so selfish…

Non siamo abbastanza “buoni” per il socialismo…

… But many people worry this just shows we are not altruistic enough for socialism…

La colpa è di Stalin (o di Mao, o di Pol Pot o di Mussolini) non del socialismo…

… Socialism asks us to supply benevolent philosopher-kings, but the best we can come up with is a Stalin, Mao, or Pol Pot. It seems the problem is with us. Since we are selfish, greedy, and fearful, maybe market-based economies are the best we can do…

Il socialismo reale è disastroso? C’è sempre quello utopico, che è meraviglioso.

I socialisti chiacchieroni (ovvero mai saliti al potere), mantengono immutato il loro prestigio, pensiamo solo all’Italia e al santino di Berlinguer.

Molti difensori del capitalismo rafforzano questa visione delle cose. Pensiamo al macellaio di Smith…

… Even capitalism’s greatest defenders seem to agree. Adam Smith tells us, “It is not from the benevolence of the butcher, the brewer, or the baker, that we expect our dinner, but from their regard to their own interest…

Oppure ai vizi privati che diventano virtù pubbliche

… Bernard Mandeville, in his famous poem “The Grumbling Hive,” says capitalism runs on vice much like biodiesel engines run on food waste…

O all’elogio esplicito dell’egoismo…

… Finally, there’s Ayn Rand, “Goddess of the Market,” 7 who defends capitalism by arguing that selfishness is a virtue and altruism is evil…

Opinione comune: del socialismo salviamo l’afflato etico…

… Socialism seems to answer to a higher moral calling. Perhaps the best evidence of this is that socialists so often defend their view in moral terms…

Il problema del socialismo? Ci chiede troppo, non ne siamo all’altezza…

… The problem with socialism thus seems to be that it asks too much of us—it asks us to love our neighbors as ourselves, to share, and to never take advantage of power…

Basta confrontare i motti per farsi un’idea. Dove sta la superiorità morale?…

… Socialism says, “All for one and one for all.” But we’re more comfortable with something like, “Every man for himself.”…

Una teoria meravigliosa per una specie derelitta.

E il mercato? Un triste ma necessario compromesso

… you probably accept the view just described: That markets are a kind of moral compromise, and that if we could harness the best within us, we would dispense with capitalism…

Chi sostiene questa visione nel modo più argomentato?…

… The best spokesperson of this widely shared view is the philosopher G. A. (“Jerry”) Cohen

La sua è una critica morale del capitalismo. L’abbiamo sentita tante volte – ultimamente anche da Papa Francesco – ma con Cohen si fa sul serio.

Qui dimostreremo che è vero il contrario: il capitalismo è moralmente superiore…

… I debate Cohen in order to undermine the widespread belief that socialism is morally superior to capitalism…

Il libro di Jerry Cohen ha un pregio, è semplice e lineare, non si rifugia in gerghi incomprensibili…

… Unlike many Marxists, he doesn’t rely on convoluted dialectics or postmodernist piffle…

La tesi è difesa facendo ricorso ad un semplice esperimento mentale: immaginate una vacanza in campeggio con i vostri amici. Come vi organizzate? Se ci fate caso adotterete i tipici principi socialisti. Quando si è tra amici fidati e rispettosi il socialismo si impone…

… Cohen first has us imagine a camping trip among friends. Everyone wants everyone to have a great time. When the campers bring their equipment to the campsite, they stop asserting ownership rights over their stuff, and instead treat everything as a common bounty… The campers maintain a perfect community of perfect equality… campers are living by socialist principles…

Il campeggio informato ai principi capitalistici sarebbe un disastro…

… Now, Cohen says, imagine what the camping trip would look like if the campers began to act like people do in real-life capitalism. Imagine Harry demands better food because he is good at fishing. He refuses to put his skills to use unless he gets the best fish. Sylvia demands privileges after she finds an apple tree in the woods. She refuses to share unless she gets a break from the communal chores. Leslie demands extra payment for her special knowledge of how to crack nuts. Morgan, whose father left him a well-stocked pond 30 years ago, gloats over having more food than the others…. these repugnant behaviors are just what we see in real-life capitalist societies…

Morale: se fossimo buoni il capitalismo ci ripugnerebbe.

Qui si offre un controesperimento: il Mickey Mouse Clubhouse (MMC). Chi non ha mai visto questo cartone in TV con i propri bambini? È altamente istruttivo e fa il nostro caso.

Topolino, Pippo, Nonna Papera ecc… sono tutti buoni amici con interessi diversificati…

… Mickey Mouse, Minnie Mouse, Donald Duck, Daisy Duck, Goofy, Clarabelle Cow, Pete (defined as a cat), and Professor Ludwig Von Drake, and many other characters, live together in a village. There is no hierarchy among them. 2 They have separate goals and projects, but also share common aims, such as the goal that each of them should have a fulfilling life…

Nel MMC ci sono spazi comuni

… For example, there are communal spaces, such as amphitheaters, racetracks, obstacles courses, and parks…

Ma anche molta proprietà privata: ognuno conduce una sua attività autonoma: Nonna Papera fa le torte e si dedica alla fattoria, Minnie gestisce una palestra, Topolino è impegnato nelle sue indagini…

… There are also privately owned spaces and things. Mickey Mouse owns a clubhouse that he shares with his friends. Minnie owns and runs a “Bowtique,” a hair-bow factory and store. Clarabelle Cow owns and runs a “Moo Mart” sundries store and a “Moo Muffin” factory. Donald Duck and Willie the Giant own farms. Professor Von Drake owns various inventions, including a time machine and a nanotech machine that can manufacture “mouskatools” on command…

Tutti lavorano duro e con passione, ognuno persegue un suo progetto di vita. Tuttavia, tutti sono gentili col prossimo e aiutano chi è nel bisogno.

Massima armonia, nessuna coercizione

… There is no violence or any threats of violence—force is not necessary to maintain social order…

Nel mondo di Topolino non ci si limita a lavorare, ci si diverte anche…

… Village life is not all about work! The villagers spend much of their time having fun. They enjoy lightly competitive or non-competitive games, going on adventures, and producing art and music. Sometimes they do these activities alone, sometimes together in small groups, and sometimes with everyone as a whole…

E quando qualcuno è nei guai ci si aiuta

… When bad luck strikes—e.g., when some baby ducks must be taught to fly, or when a baby dragon is lost, or when the Tick Tock Time Machine accidentally turns half the villagers into babies, or when a Gooey Goo spill creates five copies of Goofy—the villagers happily come together as a team to solve the problem, making use of their different skills and abilities…

I principi che informano la vita del MMC:

… Everyone operates on principles of mutual concern, tolerance, and respect…

Immaginate ora un governo socialista del MMC…

… You could imagine instead a version of the Mickey Mouse Clubhouse Village in which—as in socialism—the collective (or its representative, the socialist government) asserts its rights over all pieces of land or equipment, or over everyone’s bodies, minds, and talents. 3 You could imagine that the collective or the socialist government decides who will be allowed, for example, to use the hot-air balloons, or what color bows Minnie will make…

Nonna Papera sarebbe costretta da un burocrate (e da un soldato) ad andare in palestra e Minnie a fare torte.

Nessuno di noi esporrebbe i propri bambini ad uno spettacolo tanto obbrobrioso…

… Now, most people would hate that. We probably wouldn’t let our children watch that kind of show…

Ora è il capitalismo a sembrare armonioso e desiderabile…

… And this means that most people are drawn to the capitalist ideal, at least in certain restricted settings…

***

Tutti ammettono che il capitalismo funziona meglio quando gli uomini sono cattivi (fa leva sui loro vizi). Ma quando sono buoni? E’ questa la domanda cruciale.

***

Perché il capitalismo è moralmente superiore? Perché in un regime capitalista chi vuole fare il socialista puo’ farlo. Il contrario non è possibile. Israele è un paese capitalista ma chi vive nel kibbutz vive in un mondo socialista…

… The moral principles realized in the Clubhouse Village include the principle of voluntary community, the principle of mutual respect, the principle of reciprocity, the principle of social justice, and the principle of beneficence…

Il rispetto capitalista è fondamentalmente rispetto per la diversità

… Part of what it means to have mutual respect is to believe that every individual matters as an end in herself…

La cooperazione è una gran bella cosa. Tuttavia, la cooperazione coercitiva (socialismo) non puo’ essere messa sullo stesso piano di quella volontaria (capitalismo)…

… In the USSR, Venezuela, or Cuba, cooperation is based largely on greed and fear. A person does not care fundamentally, within socialist interaction, about how well or badly anyone other than herself fares…

***

Obiezione: ma il MMC è pura utopia capitalistica!…

… many others would instead say that while it is all right for the Mickey Mouse Clubhouse Village to be run on capitalist lines, there are features special to the Clubhouse Village that distinguish it from the normal life in a modern society and that consequently cast doubt on the desirability and/or feasibility of realizing Mickey Mouse Clubhouse principles in a modern society…

Vero: se usciamo dalla dimensione del villaggio difficilmente potremo ricreare la medesima situazione idilliaca.

Gli amici di Topolino sono troppo virtuosi…

… The idea is that the Mickey Mouse Clubhouse Village is a small village, inhabited by unusually virtuous characters, removed from the complexities of everyday life…

Forse la natura umana forse è incompatibile con il MMC…

… The first putative reason why capitalism is infeasible is that people, so it is often said, are insufficiently cooperative, generous, tolerant, and respectful to meet its requirements, however cooperative, generous, tolerant, and respectful they might be in contexts as special and limited as the Mickey Mouse Clubhouse Village…

Senza dire che c’è anche un problema organizzativo: come ci si coordina su larga scala?…

… Yet many political scientists say that once we move past the confines of a small village, like the Clubhouse Village, we cannot make do without a powerful central authority, which maintains a powerful police force and military, imposes rules through commands, backs up these commands through violence and threats of violence, and that maintains a monopoly on the use of violence as a method of social control….

Invero alcuni autori hanno avanzato ipotesi realiste di una società pienamente libera in stile MMC.

Per esempio Michael Huemer in “The Problem of Political Authority: An Examination of the Right to Coerce and the Duty to Obey” (2015). Oppure – in misura ridotta (stato minimo) – Robert Nozick in Anarchy, State, and Utopia (1974). O John Tomasi in “Market Fairness” (2008).

L’ anarco-capitalismo del MMC o lo stato minimo sono progetti difficili da realizzare senza un miglioramento etico dell’uomo, restano al momento delle utopie. Cio’ non toglie che domani potrebbero trovare una loro incarnazione…

… Perhaps in the distant future, with advances in human moral motivation and social technology, the principles of the Mickey Mouse Clubhouse Village could be realized…

***

Ma ammettiamo pure che il MMC sia utopia. Rilievo: anche il mondo ridotto ad un campeggio tra amici è mera utopia.

Un confronto omogeneo richiede di fare un parallelo tra utopie.

E’ lo stesso Cohen a decantare le virtù dell’utopia: non si realizza ma funge da bussola…

… G. A. Cohen contends that we should not rest content with what we have. We can envision a better world free of oppression. We should strive to achieve that vision, if we can. I agree…

Ebbene: chi desidera avere un’utopia di riferimento, adotti senza indugio il MMC…

… Capitalism is not just better than socialism from an economic point of view, but inherently better from a moral point of view….

La società dei virtuosi non sarà mai socialista ma capitalista, anzi, anarco-capitalista…

… even if everyone were morally perfect, capitalism would still be preferable to socialism…

Ora vediamo meglio perché.

***

Immaginiamoci una città di Santi: la Gerusalemme Celeste

… Imagine a world much like ours, but with one big difference: in this parallel world, everyone is morally perfect…

Come governarla?

Qui l’utopia è possibile, siamo tutti buoni, il realismo puo’ essere messo da parte…

… Some philosophers think there is no point asking Cohen’s question. They say the answer might provide us with little practical advice about what to do here and now…

L’errore di Cohen è stato comparare il socialismo idealizzato del campeggio tra amici con il capitalismo reale pieno di Wanne Marchi truffaldine

… When I first read Cohen’s Why Not Socialism?, I realized that the essential flaw was that he was not comparing like to like. I recognized that he argued for the inherent moral superiority of socialism by comparing idealized socialism to realistic capitalism…

Cohen ha imbrogliato: ha senso solo comparare socialismo ideale (del campeggio) con capitalismo ideale (del MMC).

Di solito si giunge a preferire il capitalismo per altra via, ovvero comparando socialismo reale e capitalismo reale…

… Arguments for capitalism, private property, and market economies often rely upon the idea that these institutions are a response to human failings, and that under utopian conditions, we would have no need of them…

David Hume, per esempio.

Ma anche, più di recente, un autore come Schmidtz: la proprietà privata risolve “la tragedia dei beni comuni”…

… More recently, Schmidtz has argued, in his “The Institution of Property,” 4 that private property is justified in order to ensure that people maintain rather than destroy resources. Private property prevents what ecologist Garrett Hardin calls the “tragedy of the commons.”…

Sia Schmidtz che Papa Francesco (e Cohen) vedono il capitalismo come una leva per i vizi, il primo fa notare come sia il male minore, il secondo come sia comunque un male…

… And so, again, Cohen concludes that private property and markets are merely useful social technology in light of human vice…

Massima concessione dei critici: per l’uomo vizioso forse è l’unica soluzione, ma non accontentiamoci, andiamo oltre!

Ma cosa c’è oltre? Forse il socialismo?

E qui sta il loro errore: il capitalismo (anzi, l’anarco-capitalismo) è l’ideale anche in un mondo di Santi…

… I noticed that the Mickey Mouse Clubhouse presented the capitalist ideal: a voluntaryist, anarchist, non-violent, respectful, loving, cooperative society…

La proprietà privata esalta la santità. Non solo: la santità garantisce dal cattivo uso della pp…

… The Clubhouse Villagers are close enough to morally perfect (and their society was small enough) that they could dispense entirely with private property. Many of the instrumental justifications for markets and private property do not apply to them. Nevertheless, even though the villagers are even more virtuous than Cohen’s socialist campers, the villagers have private property in the means of production. They have privately owned stores, farms and factories. And, in watching the show, I saw that it makes sense that they would have private property and markets, even if, strictly speaking, they don’t need to do so… Private property makes their lives better. The best way to see that it makes sense is just to watch the show, and see if you have any moral complaint against their capitalist activities…

Ve lo immaginate un burocrate che costringe Madre Teresa, che ne so, a lavorare al tornio anziché ad impegnarsi nei ghetti di Calcutta?: “devi contribuire al pari di tutti, non puoi scegliere la tua via!”.

Anche i Santi sono diversi tra loro: hanno dei propri progetti di vita, delle vie personali per realizzarsi. Nel linguaggio religioso si dice che ognuno possiede un proprio carisma.

Ecco: la pp consente a ciascuno di seguire il proprio carisma

… The philosopher Loren Lomasky points out that people (and by extension people-like mice, ducks, and giants) are project-pursuers. They have ideas and visions that they want to implement. Pursuing projects over the long term is often part (if not the only part) of what gives coherence and meaning to our lives…

Nel MMC questo è immediatamente visibile…

… Willie the Giant wants to farm. In an imaginary ideal socialist economy, the nice socialists would no doubt let Willie plow the collectively owned fields with the collectively owned plow. But that’s not good enough. Willie wants a farm that he can shape according to his vision…

La pp serve anche a qualcos’altro: ad evitare l’umiliazione di chiedere continuamente permesso…

… Another closely related reason for having private property, even in utopia, has to do with the sheer aggravation of always having to ask permission…

Ognuno di noi ha bisogno di una “casa”, di una dimensione privata. E’ nel mix tra privato e relazioni che costruiamo la nostra identità…

… People have a need to feel “at home” in the world… The important point is that most of us need both—we need at times to participate in a larger community, and we need at times to escape to our private ventures and spaces. Without private property, we cannot do the latter… We form relationships with some objects, with some of the things we own, with the books we write, with the artwork our children make us, and so on…

Essere così non è affatto un vizio, anzi, è segno di salute. Appartiene anche ai santi. Ebbene, la pp è al servizio di tutto cio’.

C’è poi un terzo fattore: l’informazione. Posso essere il più buono del mondo ma posso non conoscere le reali esigenze degli altri…

… There is another reason for private property, when we try to practice utopia on a grand scale: The limits of our knowledge. We have imperfect information… I don’t know enough about other people, what their needs and desires are, or how different objects fit into their plans or projects…

Ecco, la pp risolve al meglio anche questo problema.

Morale: la Gerusalemme Celeste – come del resto il Paradiso – è anarco-capitalista, sfido a pensare il contrario.

E ditelo al Papa.

aaa

 

 

 

 

 

A scopo di lucro

La parola stessa “lucro” suscita diffidenza. Evoca forse avidità e grettezza.

L’espressione “non a scopo di lucro” invece ci rassicura. Sentiamo le trombe dell’ “arrivano i nostri”, che noi interpretiamo come “arrivano i buoni”.

Non sono solo sensazioni: sono leggi e decreti. Alle associazioni “senza scopo di lucro” vengono concessi privilegi sensibili per il solo fatto di dirsi ed essere tali.

Il guadagno è lo sterco del diavolo.

Non conta chi fa meglio, conta la motivazione per cui si agisce.

Se un’organizzazione profit fa meglio di una no-profit verrà “punita” a prescindere.

Esempio: se con lo stesso budget una profit salva 100 vite e una no profit ne salva 90, la seconda viene premiata più della prima.

Vi sembra normale? No. Eppure viviamo in questo mondo. Non conta chi fa bene, conta chi usa le parole giuste, quelle che meno ci inquietano.

A chi interessa se chi salva 100 vite poi  distribuisce un utile tra i soci? E a chi interessa se chi salva 90 vite poi non distribuisce nulla?

A una persona normale che vuole salvare più vite possibile dovrebbero interessare le vite salvate a parità di risorse disponibili, non altro. Questo per premiare chi fa meglio e punire chi fa peggio.

E invece la nostra legge premia e punisce solo guardando all’irrilevante.

L’economista Arnold Kling cerca di difendere il profit conto il no profit. Vediamo i punti che mette in evidenza.

***

Il profit è più sostenibile: si mantiene da sé.

Il profit è più trasparente: sappiamo dove reperisce le risorse, deve rendere conto ai soci innanzitutto.

Risultati. La povertà nel mondo è diminuita molto nell’ ultimo quarto di secolo ma le ONG non hanno giocato un ruolo rilevante in questo miglioramento epocale. Tutto o quasi lo dobbiamo al settore profit.

Il no profit è essenzialmente al servizio dei donatori: sono loro a decidere a chi dare, cosa dare, quanto dare. Il mondo profit non puo’ permettersi simili arbitri, deve verificare le preferenze dei potenziali destinatari (sovranità del consumatore).

Ma perché tanti privilegi al no profit? Ipotesi: per segnalare la propria generosità. Dire “non faccio e non prendo utili” suona bene, ci rende degni di ammirazione.

Come cambiare le cose? Proposta: si diano soldi (o i buoni) ai bisognosi e si lasci concorrere i vari soggetti per servirli al meglio. In breve tempo il no profit sarà fuori gioco causa inefficienza.

Un problema tipico del no-profit: il legame patologico con la burocrazia per ottenere accreditamenti e rimborsi adeguati. In questo senso i voucher al pubblico garantiscono una salutare distanza tra  politica e no profit.

Detto questo, la logica del dono (e quindi del no profit) puo’ anche essere difesa, ecco tre punti chiave: 1) fa bene a chi lo riceve (che incassa) 2) fa bene a chi dà (che si realizza) 3) fa bene alla fiducia del gruppo (che sa su chi contare in caso di bisogno). Per sfruttare al meglio 2 e 3 favorire soprattutto il dono di prossimità.

Memento sul falso problema della diseguaglianza

Concetti da tener presente quando si comincia una discussione su questo tema eterno.

  1. Una foto emblematica dello stato delle diseguaglianze scattata da Branko Milanovic, visiting presidential professor alla City University New York, autore di “The Haves and the Have-Nots”: l’ 80 per cento della diseguaglianza si produce a livello globale ed è quindi il risultato di diseguaglianze tra nazioni ricche e nazioni povere. Solo il  20 per cento delle diseguaglianze è prodotto all’ interno delle nazioni. Se le cose stanno in questi termini la globalizzazione è una buona ricetta (diminuisce le diseguaglianze tra nazioni e le aumenta all’interno delle nazioni). Altra conseguenza: favorire l’immigrazione è lo strumento più affidabile per combattere il problema.
  2. Una causa del problema che va per la maggiore: l’istruzione non tiene il passo delle innovazioni tecnologiche e la massa degli acculturati perde terreno rispetto a un’ élite ristretta che lavora sulle nuove tecnologie.
  3. Altra causa: i beni di rete predominano, e quindi anche i mercati cosiddetti win-take-all. Mi spiego meglio, se Google è il miglior motore di ricerca, prevarrà in tutto il mondo visto che le unità marginali necessarie di quel prodotto possono essere fornite a costo zero. Chi si assicura un mercato win-take-all puo’ contare su rendite cospicue.
  4. Altra causa. La leva della globalizzazione moltiplica occasioni e profitti. Specie quelli finanziari, frutto di investimenti che si muovono in tempo reale. Avere un manager efficiente oggi è molto più remunerativo, anche per questo sono strapagati. La globalizzazione fa lievitare i compensi dei manager per almeno due motivi: 1) richiede all’ impresa strategie allocative, un compito demandato ai manager 2) Mercati più ampi (globalizzati), spingono la specializzazione del lavoro, il che aumenta la domanda di “coordinatori”, ovvero di manager.
  5. Ma c’ un altro motivo per cui i manager sono strapagati. Gli incarichi più delicati nelle grandi corporation hanno esiti alquanto aleatori e scarsamente monitorabili (non c’è modo di vedere se un manager dà il massimo). Come è noto, per incentivare al meglio chi è chiamato a compiere una missione incerta e scarsamente controllabile occorre un compenso molto più elevato.
  6. Altra causa. La globalizzazione favorisce l’ immigrazione e l’ immigrazione dei pezzenti che spinge verso l’ alto la diseguaglianza nei paesi dove giungono.
  7. Altra causa. Emerge sempre di più la cosiddetta O-ring production. La logica sottostante è chiara: se due individui iper-produttivi si associano, per non rovinare il loro lavoro, conviene che anche le mansioni di contorno siano svolte dal personale più qualificato in circolazione. In questo modo le elites si concentrano staccandosi dalla massa.
  8. Altra causa. Con la donna al lavoro il matrimonio diventa una relazione in cui dividere i consumi più che il lavoro. Cerchiamo un partner simile a noi e i matrimoni-Cenerentola diminuiscono. Ma i matrimoni-Cenerentola erano anche una via per diminuire le diseguaglianze. Ci si sposa sempre di più tra ricconi. Non sono sottigliezze: metà del nostro reddito dipende dal matrimonio.
  9. La tempra morale della classe medio-bassa è decaduta, e così l’ argine che essa costituiva a comportamenti dispendiosi e inefficienti. Oggi gli idraulici divorziano più delle star di Hollywood, i padri finiscono sotto i ponti e le madri-single tirano la carretta sempre sul filo del rasoio. I ceti privilegiati invece vanno in controtendenza, la loro morale migliora, il calo dei divorzi è sintomatico. In poche parole, oggi divorziare è da “sfigati” ma gli “sfigati” non lo sanno e continuano a farlo.
  10. Difficile coniugare “etica del lavoro” e reddito di cittadinanza: se l’etica del lavoro si sgretola il salvagente per le classi basse si sgonfia. Il lavoro di Charles Murray è esemplare su questo punto.
  11. Per Charles Murray una buona parte delle diseguaglianze è dovuta alla decadenza morale della classe medio bassa. Molti istituti, faccio solo l’esempio del divorzio, erano a disposizione solo delle classi più elevate, poi, da quando sono state rese più accessibili, le classi elevate hanno continuato a farne un parco uso mentre invece sono esplose tra i più poveri contribuendo a corrodere i valori familiari. Un tempo dio, la famiglia, il lavoro duro facevano parte di un bagaglio etico che consentiva a chi è dietro di tenere il passo, oggi questo bagaglio si sta sfaldando.
  12. Conseguenze. Il fenomeno della diseguaglianza genera violenza? Il fenomeno della crescente diseguaglianza di reddito è tipico degli USA anni 80. Quello è anche il periodo in cui la sicurezza è cresciuta di più in America. New York è una delle città più “diseguali” al mondo, ma anche una delle più sicure.
  13. Produttività e diseguaglianza. Greg Mankiw: se la produttività fosse rimasta costante le diseguaglianze non sarebbero certo un problema. Esempio.  The Economic Report of the President was released today.  Table 1-3 on page 34, which presents several historical counterfactuals.  It finds: 1. If productivity growth had not slowed after 1973, the median household would have $30,000 of additional income today. 2. If income inequality had not increased after 1973, the median household would have $9,000 of additional income today. So, which is the bigger problem?
  14. La diseguaglianza che conta non è quella di reddito ma quella nei consumi. Quest’ultima probabilmente si riduce: l’orologio del povero e quello del ricco hanno le medesime funzioni anche se il ricco lo paga mille volte di più.
  15. Oggi il problema più preoccupante è la disgregazione della comunità. Megan McArdle: Non guardiamo alla diseguaglianza per sé ma alle conseguenze negative che implicano in termini di segmentazione sociale.
  16. Il mondo d’ oggi presenta un’ insidia: mentre i vantaggi in termini di qualità della vita sono facili da misurare, gli svantaggi lo sono assai meno: ansia, disagio, stress, invidia, alienazione. Brink Lindsey è un autore che ha approfondito il punto.
  17. Chi secondo una certa scala di valori arriva ultimo, tende a costruirsene una alternativa dove è meglio piazzato. Questo è facile, specie in una società libera. Se nella classifica della ricchezza materiale sono piazzato male, darò più importanza alla religione, o alla gang, o all’ hip hop. Una volta che ho investito il mio capitale morale altrove gli aiuti per piazzarmi meglio su una scala di valori che ho rifiutato sono mero spreco. Le nicchie valoriali contribuiscono al fallimento dello strumento redistributivo quando si affrontano “problemi relativi”. Il povero vive in un quartiere “relativamente” degradato? Ok, tuttavia è lì che ha costruito la sua socialità e il mondo dove esprime al meglio i valori che per lui più contano, è difficile spingerlo a spostarsi concedendo un mutuo agevolato.
  18. On inequality di Harry Frankfurt. La lotta contro le diseguaglianze distrugge il capitalismo più che la povertà. La diseguaglianza in sé non puo’ essere un problema, dimostrazione: imagine a policy wherein all incomes and personal wealth are kept equally below the poverty line. Everybody is now exactly as poor as everybody else. If this does not look like a solution, then inequality, as such, cannot be the problem.
  19. Ma se la diseguaglianza non è un problema perché a noi interessa sanare le diseguaglianze di reddito e ci ripugna invece intervenire sulle altre? Una risposta: la lotta contro le diseguaglianze di reddito è un modo per legittimare una facile rapina: vogliamo arraffare senza sentirci indegni.
  20. I problemi relativi sono difficili da risolvere. Esempio: i quartieri degradati: ci vuole una bella ingegneria sociale per rimischiare in modo più omogeneo la popolazione! Ma soprattutto fanno da ostacolo due rigidità: 1) genetica e 2) valoriale. Il governo puo’ funzionare per risolvere i “problemi assoluti” (es. malnutrizione), molto meno per risolvere i problemi relativi (es. quartieri degradati). Questo perché per i primi spesso basta una redistribuzione mentre i secondi richiedono una società flessibile. Megan McArdle
  21. L’ invidia è un problema? No se miglioriamo la nostra condizione personale, vedi il lavoro Benjamin Friedman. Il guaio di oggi è che il miglioramento non si ha nel reddito ma nella disponibilità di merce, il che crea un effetto illusorio di stagnazione.
  22. Molte differenze sono spiegate, non tanto dalla erendie dei lavoratori più pagati, quanto dalle preferenze dei meno pagati: I would put it this way: very often when workers switch jobs, they take a pay cut, voluntarily, in return for better amenities.  In this regard “true inequality” is lower than measured income inequality would suggest.
  23. Tyler Cowen: non guardare alla diseguaglianza ma alla mobilità (assoluta) dei più poveri. La loro condizioni migliora? Poco sul piano del reddito, di più sul piano delle opportunità di consumo. Immigrazione e liberalizzazioni spingono la mobilità dei più poveri. Se questo è vero il coefficiente Gini non misura il progresso sociale di una nazione.
  24. Il problema filosofico dell’ eguaglianza viene puo’ essere affrontato da un punto di vista assiologico (confronto tra sistemi) o deontologico (confronto tra comportamenti).
  25. Tyler Cowen is asked a good question: are there any goods someone on a median income can afford which are the very best of their kind? The answer, as Tyler shows, is plenty – including some important ones such as books and recorded music. To this we might add that even where the very best goods are unaffordable, the median income earner can afford pretty decent ones, such as cars, TVs and sound systems. Which poses the question: if someone on a median income can afford such a luxurious cornucopia, what can’t he buy? The obvious answer, in the UK, is a decent house. The average house costs over £208,000, equivalent to 7.5 times median annual earnings. Given that the bestschools tend to be in the most expensive areas, this means that our median earner can’t afford the best education for his kids either. However, I suspect that most of the best things that the median income-earner can’t buy are non-material goods. One is financial security. 49% of people, and most 35-44 year-olds live in households with less than £5000 of net financial wealth (pdf). They are only a pay cheque or two away from trouble. Another is status. Our wages are related to our sense of worth – which is one reason why most people would prefer (pdf) a lower but above-average income to a higher but below-average one. A median income, by definition doesn’t provide much status. You might reply that this problem would be solved if we could shake off envy. Not entirely. Status is one mechanism whereby income leads to political power.
  26. Anche se molte diseguaglianze salgono la felicità delle persone sembra decisamente convergere. Possibile spiegazione: in una società ricca ognuno trova un suo ambito dove costruirsi uno status. 
  27. La diseguaglianza percepita si discosta da quella reale e questa discrepanza ha profonde implicazioni: una diseguaglianza non percepita non crea problemi né inconvenienti di sorta
  28. Vuoi più innovazione? Accetta più diseguaglianze. Welfare e innovazione sono in alternativa tra loro. Se la povertà, e non la diseguaglianza, è cio’ che conta, la scelta è obbligata.
  29. Perché non redistribuire. In ordine sparso: Gli incentivi contano, il governo è inefficiente, i costi del risentimento pesano, esiste un effetto dotazione per cui chi perde soffre più di quanto non goda chi guadagna, probabilmente l’utilitarismo è falso e redistribuire rappresenta un rischio etico.
  30. Jeffrey Miron. I 3 metodi d’intervento contro le diseguaglianze: sussidi anti-povertà, progressività fiscale, regolamentazione privilegiata. I sussidi antipovertà sono difficili da contestare eticamente. Il loro costo, inoltre, è modesto. La modalità preferita di erogazione è la “Negative Income Tax”. La progressività nelle imposte non convince: come giustificare per esempio la redistribuzione dai ricchissimi ai ricchi? E poi la tassazione è tanto più distorsiva quanto più la si concentra sui  ricchi poiché per loro è più facile rinunciare al lavoro o agli investimenti produttivi. C’è anche una falla comunicativa: si crea l’idea  per cui il povero sia tale per colpa del ricco. Intervenire con regole ad hoc sui mercati ha effetti ambigui: prendi solo la legge sul salario minimo, tra le sue vittime ci sono proprio i lavoratori a bassa specializzazione, ovvero i più bisognosi.

  31. Gran parte delle diseguaglianze ha un portato genetico, di conseguenza, si sabbia, il welfare è mera “elemosina coercitiva”.

  32. Da un punto di vista etico esistono poveri meritevoli e poveri non meritevoli. Bisogna distinguere quando aiutiamo. Evitare le misure a pioggia.

  33. Il welfare perpetua comportamenti patologici.

  34. Casey Mulligan: i sussidi e il welfare perpetuano le conseguenze delle crisi economiche.

  35. Josh Rau: i megaricchi di oggi sono onesti.

  36. Ma nella storia cosa sana veramente le diseguaglianze? Guerra, carestie ed epidemie. Tutto il resto ha sempre fallito.

  37. I tentativi di sospingere la mobilità sociale si sono sempre rivelati illusori: questa variabile è costante nel corso della storia umana. Perché sprecare ancora energie laddove non si cava un ragno dal buco?

  38. Soluzioni contro la lotta alle diseguaglianze: favorire l’immigrazione, e l’immigrazione qualificata in generale.

  39. Soluzioni contro la lotta alle diseguaglianze: deregolamentare le professioni di alto livello liberando gli accessi.

  40. Soluzioni contro la lotta alle diseguaglianze: deregolamentare le licenze edilizie nei quartieri esclusivi.

Vangelo & Ricchezza

Il messaggio evangelico puo’ convivere con la ricchezza materiale di chi lo pratica e lo diffonde?

Qualcuno risponde: “purché si usi bene quella ricchezza”. Ma cosa significa “usare bene la ricchezza”?

Farla fruttare? Donarla ai poveri? Donarla alla città? Metterla in circolo? Non pensarci in modo ossessivo?

Il problema resta aperto: della ricchezza di solito si giudica provenienza e origine, raramente l’essenza.

Una personalità che si è impegnata a fondo su questo dilemma è Padre Angelo Tosato, molto del suo lavoro si ritrova sintetizzato nel libro “Vangelo e ricchezza: nuove prospettive esegetiche”.

***

L’attacco è brutale, si parte con la constatazione di quanto sia inquietante il progetto sociale di Gesù come emerge dai Vangeli: indifferenza per il proprio sostentamento, astensione dal lavoro, rinuncia al risparmio, rottura dei rapporti familiari, affidamento alla provvidenza e alla speranza del Regno.

E’ stato l’economista Ludwig von Mises ad evidenziare meglio le assurdità dell’economia messianica: una comunità non fa molta strada con questi precetti.

C’è una lettura piuttosto naif di tutto cio’: il vangelo annunzia una ricchezza nuova svalutando così quella terrena e condannandola, insieme a chi la detiene.

Tuttavia, un insegnamento del genere sarebbe 1. dannoso per il vivere sociale e 2 inattendibile.

Perché dannoso? La laboriosità di chi valorizza le cose del mondo diverrebbe un vizio, e tutto cio’ spingerebbe verso una società indigente e mendicante. Un destino disumano.

Perché inattendibile? Perché contraria al buon senso altrove apprezzato nelle Scritture. Contraria all’ insegnamento della tradizione (la Chiesa ha sempre combattuto il pauperismo).

Eppure, nel Nuovo Testamento – inutile negarlo – la ricchezza è condannata in più punti. Come reagire a questo fatto di per sé incontestabile?

Alcuni imbracciano il buon senso: basta non farsi schiavi della ricchezza e i precetti sono assolti.

Altri si attaccano alla storia: nessuno in realtà si fece veramente povero, tranne casi eccezionali.

Altri introducono un doppio standard: certe parole che ci suonano radicali sono rivolte in realtà solo agli adepti più stretti.

Altri vedono nel Cristo Re il nuovo imperatore. Allora uno dei titoli dell’imperatore era “difensore dei poveri”. I poveri sono gli indifesi per eccellenza, e allorché Israele perse il suo re divenne perseguitato e detto “povero” (o umile o soggiogato). Termini interscambiabili. L’esaltazione dei poveri non è che un modo per esaltare la regalità di Cristo.

Altri considerano il desiderio di essere ammirati dagli ellenisti, notoriamente vicini alla perfezione di una società comunista. Tuttavia, certe pratiche sono pompate. Per esempio, la cassa comune non esisteva nella realtà, si trattava di una semplice elemosina residuale. L’ esaltazione di episodi di eccezionale generosità ha catturato l’ attenzione facendo pensare che fossero la norma.

Altri considerano l’insegnamento sulla ricchezza iperbolico: Gesù non puo’ chiedere tanto! E poi gli  insegnamenti iperbolici non mancano: se la tua mano ti scandalizza tagliala.

Qualcuno pensa ai “poveri” come agli israeliti perseguitati.

Per alcuni la povertà evangelica è povertà di spirito, ovvero umiltà.

Per molti, la “ricchezza” di quei tempi va reinterpretata come “disonestà“. Nelle società primitive ci si arricchiva smisuratamente solo tramite rapina e la mentalità corrente identificava la ricchezza diseguale come un segnale di disonestà e prepotenza. Oggi non è più così, occorre prenderne atto aggiornando l’ ermeneutica evangelica.

Infine, c’è chi si lascia andare ad una franca ammissione: stando all’insegnamento di Gesù ricchezza e Vangelo sono incompatibili.

Quest’ultima posizione sembra la più fruttuosa: senza l’ammissione che esiste un problema di base relativo alla compatibilità tra etica dei Vangeli e Capitalismo, non restano che mediazioni elusive e sempre attaccabili.

Il Gesù dei Vangeli sembra allora adoperarsi per distruggere l’ ordine sociale senza costruire un’ alternativa minimamente credibile. Dobbiamo accettarlo.

Ma esiste una via per riabilitare le sue parole?

***

Ricordiamo, del resto, che le Scritture in molti passaggi sembrano non essere poi così ostili alla ricchezza: c’è la parabola dei talenti, quella del fico oltre all’olio di Marta. Gesù stesso è accusato di essere un “mangione e un beone”: ama la compagnia dei ricchi e si accompagna spesso a loro senza ostilità. La cosa sarebbe inspiegabile. Invita spesso a fare festa senza astenersi dai godimenti: “deve forse stare in lutto il festeggiato?”. Non risulta che Gesù abbia venduto i suoi averi o rinunciato ad alcunché, nemmeno lo chiese agli apostoli (si limitò a dire loro “seguitemi”). Non lo chiese ai suoi genitori. Sappiamo invece che vestiva abiti curati: la sua veste venne giocata ai dadi e non divisa equamente tra i centurioni, questo per non deprezzarne il valore che, evidentemente, era notevole.

***

Da una parte condanne inappellabili, dall’altra qualche spiraglio. Come uscirne?

Non ci resta che forzare sul pedale dell’interpretazione! Si ma quale?

Diventano cruciali due passaggi: interpretare ricorrendo a esegesi (interpretazione nel contesto) ed ermeneutica (traduzione in altri contesti).

Altro fatto cruciale di cui tener conto: Gesù è calato in un contesto.

Probabilmente è un profeta apocalittico come molti altri allora, in questo caso le norme che introduceva sono da vedere come transitorie e dettate dall’ emergenza dell’imminente apocalissi.

Altro elemento decisivo: il Regno incombente probabilmente era, secondo la cultura ebraica, un regno materiale. La cultura ebraica e i profeti affini a Gesù avevano una visione molto materialista delle cose, l’ipotesi più plausibile è che Gesù non si distanziasse molto da loro.

In altre parole, la nuova ricchezza annunziata dal Vangelo è terrena, in coerenza con l’ animo israelita. Non si svaluta la ricchezza terrena in sé ma si ritiene che quella attuale sia destinata a rovina per l’ avvento di un nuovo regno. È necessario allora “convertirla” al più presto.

Pensiamo ad un imminente crollo di borsa: “non accumulare tesori perché sono destinati alle tarme”. Sono parole che filano. Investire invece in beni che avranno corso nel nuovo regno di Dio in terra: il nuovo Paradiso Terrestre. la nuova Gerusalemme in Terra. Siamo di fronte quindi ad una oculata consulenza finanziaria o d’ investimento.

Oggi sappiamo che l’ imminenza del regno non esiste, quindi il consiglio di vendere puó essere tralasciato. Quel che resta è la sensibilizzazione all’ investimento oculato.

L’equalizzazione tra Regno dei cieli e Regno di Dio potrebbe metterci in imbarazzo ma è un’ espressione che ricorre solo in Marco. Più diffusi i passaggi riferiti al “venga il tuo regno in terra”, in questo senso molto espliciti e concordanti con la nostra interpretazione.

E l’espressione “il mio regno non è di questo mondo“? Sembrerebbe chiara.

Ma qui c’è un palese errore di traduzione. L’espressione corretta è “il mio regno non è da questo mondo”, che caratterizzerebbe il progetto materiale di Gesù: rigenerare l’ Israele corrotta.

Con l’esegesi abbiamo contestualizzato l’insegnamento di Gesù, con l’ermeneutica possiamo/dobbiamo attualizzarlo. Molta dottrina è mutata grazie all’ermeneutica, il caso più noto è quella intorno all’usura.

Vediamo proprio questo caso. Senso della proibizione: evitare la schiavizzazione del debitore. Oggi sappiamo che la via migliore non è la proibizione (abbandonata) bensì la concorrenza tra prestatori. Da qui il ritiro della condanna del prestito a interesse.

Altro esempio: la condanna della proprietà privata: nell’ Antico Testamento appare ma nella storia della Chiesa è ormai solo un ricordo, specie nella difesa accorata della Rerum Novarum.

Qui occorre ricordare che Gesù è un buon ebreo, non rinuncia alla legge dei Padri, chiede al limite nuove interpretazioni (esempio sul Sabato). Allo stesso modo è lecito supporre che non chieda ai seguaci una rinuncia definitiva al patrimonio ma solo una rinuncia strategica in vista di una distruzione imminente.

Cosa implica un’ipotesi del genere? Semplice: la rinuncia alla ricchezza accumulata in un sistema ingiusto si traduceva in un oculato investimento in vista dell’ avvento di un nuovo ordine più giusto.

Aderire al cristianesimo esponeva ai rischi cosicché non si rinunciava per rinunciare ma per convertire la ricchezza in forme più pratiche di possesso.

Non accumulare poiché con la venuta del regno e la fine dell’ordine presente la ricchezza consueta è in pericolo. Sarebbe questo un insegnamento profetico(contingente) più che sapienziale (permanente).

***

Ma è davvero necessaria un’ esegesi e un ermeneutica tanto radicali?

Probabilmente sì: la condanna della ricchezza fatta dalle scritture appare irredimibile per altra via, è troppo netta.

Ci sono infatti casi molto problematici, per esempio nelle beatitudini: “beati i poveri”. Ancora peggio il “guai ai ricchi”!

In Matteo si precisa poveri di spirito Ma Luca no: “beati i poveri” punto e basta. “Guai ai ricchi” punto e basta.

Altri dicono che Matteo è più attendibile: 1) collima con l’ impostazione ebraica 2) collima col resto dell’ insegnamento: è la fede innanzitutto che salva. Il pauperismo è più di Luca, però, resta insormontabile senza la genesi/ermeneutica proposta.

C’è poi il caso del giovane ricco, ovvero la questione del cammello. Secondo gli ottimisti Gesù esprime la metafora estrema come sfogo di fronte all’ insistita ipocrisia e avarizia di un riccone. Inoltre, la metafora tratta di una difficoltà non di un’impossibilità. Qui ci puo’ anche stare.

Per quanto la si rigiri, comunque, le difficoltà si accavallano e i problemi sembrano insormontabili poiché la ricchezza sembra comunque demonizzata in sé in molti passaggi: 1 nelle tentazioni, 2 nell’alternativa tra Dio e Mammona 3 nella parabola del seminatore… Ci sono poi alcuni punti fissi che si ripetono:

1: la ricchezza ha una provenienza demoniaca,

2: il ricco è condannato per natura a farsi schiavo della sua ricchezza.

Insomma, Gesù sembra condannare i ricchi in quanto tali e li invita caldamente a liberarsi della nuova ricchezza.

Poi ci sono gli Atti degli Apostoli, in cui si predica un’organizzazione comunista dei rapporti sociali.

***

La soluzione deve dunque essere senza compromessi: il rapporto tra Gesù e ricchezza va rivisto in modo radicale.

Ma questo non è possibile!, dirà qualcuno.

No, è possibile, talmente possibile che è già stato fatto.

Prima abbiamo visto il caso dell’usura, ora vediamo quello relativo al rapporto tra i coniugi nel matrimonio. Qui si è realizzata una reinterpretazione che adattato lo spirito con cui certe norme furono scritte alla realtà contemporanea.

Il comando della sottomissione è semplice e inequivoco, unanimemente interpretato da padri pontefici e teologi fino a metà del ‘900, allorché è stato ribaltato. Un caso di scuola per l’ innovazione del magistero e per l’ adozione di criteri empirici induttivi anziché dogmatici e deduttivi.

La tradizione riteneva che ogni società richiedesse un capo (destinato da Dio). Nella famiglia il capo designato era l’ uomo.

Giovanni XXIII mutò l’approccio: ogni società richiede un ordine e per desumerlo non guardiamo tanto alle scritture quanto alla natura umana. Il diritto delle donne viene constatato nella realtà quotidiana come segno dei tempi. La Chiesa DEVE scrutarlo e interpretarlo alla luce delle scritture. La parola di Dio del libro viene letta alla luce della parola di Dio nel mondo.

Per giustificare il cambiamento vengono enfatizzati passi alternativi a quelli prima considerati, per quanto l’operazione sia esegeticamente una forzatura.

La sottomissione diventa così reciproca. Il riferimento ad Efesini è forzato se non palesemente improprio. I passi imbarazzanti del Nuovo Testamento vengono bollati come un residuo dell’ Antico Testamento. Si confonde l’ esegesi con l’ ermeneutica dando luogo ad un’ esegesi scorretta solo perché ossessionati da preoccupazioni ermeneutiche.

***

Parte del Vangelo va allora abbandonata come superata. Il “beati i poveri” va trattato come “stia la donna sottomessa all’ uomo“. La Chiesa Cattolica serve anche a questo, a far vivere il Vangelo nel tempo, ovvero a mutarne gli insegnamenti. Non ci serve a nulla un Corpo Vivo che non vivifica l’insegnamento di cui è depositario.

La dottrina sociale della Chiesa oggi non sembra affrontare il problema della ricchezza in modo adeguato poiché non fa altro che opporsi ad un generico “economicismo” (economia come fine) per promuovere l’ uomo come fine.

Astrazioni.

Percorrendo questa via si è arrivati alla simmetria tra socialismo e capitalismo (senza nulla togliere alla zampata di GPII  con la Centesimus, subito rintuzzata dall’ “economia che uccide” di Francesco).

Non sarebbe meglio allora che la dottrina sociale puntasse su un problema concreto, per esempio la diminuzione della povertà nel mondo?

E il profitto che fine fa? Nell’ottica proposta puo’ essere giustificato in vari modi.

Innanzitutto assolve al comando di fecondare la terra (presente nel Nuovo Testamento nella parabola dei talenti e in quella del fico).

In secondo luogo realizza la solidarietà: la competizione è la più alta forma di cooperazione!

Ma è possibile una solidarietà non intenzionale?

Stando alle beatitudini sì: “avevo fame e mi avete dato da mangiare”, “ma quando mai ti abbiamo visto affamato, Signore?”. Il bene puo’ essere fatto senza intenzione.

Detto questo, sia chiaro, un imprenditore puo’ anche fare il suo lavoro consapevole dei benefici che apporta alla città. Questo consapevolezza aggiunge ma non determina.

Inoltre, bisogna considerare l’ovvio: una società ricca puo’ realizzare più bene. La speranza dei poveri – da sempre – sono i ricchi più che gli altri poveri. Sono i ricchi che possono alleviare le sofferenze dei poveri, non altri.

Da ultimo, chiediamoci la funzione del Giudizio Universale, forse serve proprio perché noi non sappiamo chi ha fatto veramente del bene: Norman Barlaug ha giovato più di Madre Teresa? Il cuore di Madre Teresa era senz’altro più ispirato ma Norman Barlaug ha di fatto salvato più vite e prodotto più sollievo per il mondo in cui viviamo. Non sarebbe bene che entrambi abbiano una chace di primeggiare tra i buoni del genere umano?

***

Molti obbiettano che la ricchezza materiale non è sinonimo di felicità e realizzazione. Vero: ma la ricchezza materiale collegata alla “povertà di spirito” (umiltà) puo’ molto.

La povertà di spirito infatti annienta l’ invidia che – come ci spiegano gli psicologi evoluzionisti – è il fattore principale di infelicità nel mondo materialmente ricco. Noi sappiamo da tempo che la ricchezza non porta automaticamente felicità (paradosso di Easterline), ma sappiamo anche cosa occorra per ristabilire un saldo legame tra le due variabili, serve una maggiore “povertà di spirito”, ovvero: serve più umiltà, ovvero: serve vaccinarsi contro l’ invidia. In questo modo auspicare un mondo più ricco e più umile non solo è compatibile con l’ azione della Chiesa ma è anche la ricetta più razionale per il non credente.