fahreunblog

I migranti di Fahrenheit migrano ancora… (IV inbloggazione)

Il dovere di non rispettare le leggi

In molti concordano che esista un diritto a non rispettare le leggi ingiuste ma esiste anche un dovere etico?

Del caso si occupa con la solita acribia il filosofo Michael Huemer il quale nel saggio “The Duty to Disregard The Law”  riflette sull’istituto giuridico della “Jury Nullification”, ovvero il diritto della giuria di assolvere un imputato che ha violato una legge ritenuta ingiusta.

Anticipo la sua tesi:

… I argue that, pursuant to the general ethical duty to avoid causing unjust harms to others, jurors are often morally obligated to disregard the law…

Viene ricordato il caso Zenger, un commentatore politico che finì sotto processo per aver duramente criticato sul suo giornale un governatore. La sua colpevolezza venne riconosciuta dalla giuria che ritenne però di non punirlo:

…. The prosecutor had argued that the factual accuracy of Zenger’s allegations was irrelevant to the charge of libel; indeed, it was worse to publish accurate criticisms of public officials than false ones, because accurate criticisms were more likely to undermine public confidence in the government. The judge instructed the jury that the prosecutor was correct as to the law: British law did not recognize truth as a defense to a charge of libel. Therefore, the judge all but ordered the jury to find the defendant guilty. But the jury defied the judge and the law and returned a verdict of not guilty. Zenger was freed, and the American tradition of freedom of the press was born… jury chooses to disregard the law and vote on the basis of their conscience. Sometimes, the jury considers the law itself unjust

Per un europeo la cosa è sorprendente poiché da noi ai giudici viene chiesto di applicare le leggi vigenti e non di “fare giustizia”.

Oltretutto il caso Zenger vantava precedenti:

… Before the American Civil War, northern juries frequently voted to acquit defendants who were prosecuted for assisting runaway slaves. During the Prohibition era, juries frequently acquitted defendants for alcohol crimes. More recently, Dr. Jack Kevorkian was acquitted three times of charges of assisted suicide

Diamo allora una definizione di “Jury Nullification”:

…  The kind of jury nullification with which I am concerned occurs when a defendant is prosecuted for an act that was illegal but morally blameless. Almost everyone admits that there are such acts…

Situazioni del genere esistono, ciascuno lo ammette, basta pensare ai cittadini tedeschi che nascondevano gli ebrei, o a chi illegalmente aiutava gli schiavi in fuga o a chi stracciava le cartoline di chiamata alle armi per la guerra in Vietman.

Tuttavia, anche nel mondo anglosassone la “Jury Nullification” è oggi un istituto in discredito presso i giuristi, senonché gli argomenti avanzati non sembrano stringenti.

… Philosophers attempting to defend a general duty to obey the law have found the task extremely difficult, and the most influential traditional account of this duty, the social contract theory, is now widely recognized as untenable…

Anche chi considera doveroso obbedire alla legge sostiene che questo dovere esiste fino a prova contraria:

… even those who defend the notion of a general duty to obey the law defend only a prima facie duty, and not one that appears extremely strong. The duty to obey the law has been said, for example, to arise out of an obligation to avoid free riding, to treat other citizens as equals, or to promote just institutions in one’s society…

Huemer propone l’analogia dell’amico gay e del dovere di dire la verità:

… Imagine that you are walking down a public street with a flamboyantly-dressed friend, when you are accosted by a gang of gaybashing hoodlums. The leader of the gang asks you whether your friend is gay. You have three alternatives: you may answer yes, refuse to answer, or answer no. You are convinced that either of the first two choices will result in a beating for your friend. However, you also know that your friend is in fact gay. Therefore, how should you respond? This is hardly an ethical dilemma. Clearly, you should answer no… The case illustrates a simple and uncontroversial ethical principle: it is prima facie wrong to cause another person to suffer serious undeserved harms… The duty to avoid contributing to serious, unjust harms may perhaps be overridden in extreme cases, but it is not easily overridden…

Una sintesi dell’argomento per il dovere di non rispettare la legge ingiusta:

… there is a simple and obvious argument for jury nullification: 1. It is prima facie wrong to cause unjust harm to others. 2. To convict a defendant for a morally blameless violation of law is to cause unjust harm to that defendant, for: a. To convict a defendant is to cause the defendant to be punished. b. One does not deserve punishment for a morally blameless act. c. Undeserved punishment is an unjust harm. 3. Therefore, it is prima facie wrong to convict a defendant for a morally blameless violation of law. This argument establishes not only an entitlement but a duty of jury nullification in cases of blameless law-violations…

E se si disubbidisce dopo aver giurato di ubbidire?

Ci sono alcuni casi in cui è doveroso violare le proprie promesse:

… To begin with, it is normally permissible to break a promise when necessary to prevent serious and undeserved harms to another person… suppose you have promised to pick a friend up from the airport, but on the way, you encounter an injured accident victim in need of medical assistance. It would be permissible, if not obligatory, to assist the accident victim,

In secondo luogo:

… a promise prompted by a threat of unjust coercion is typically not ethically binding. 10 If a gunman threatens to shoot you unless you promise to pay him $ 1,000, that promise will have no moral force….

In terzo luogo:

… even when a promise is initially valid, it is permissible to break the promise if doing so is necessary to forestall a threat of unjust harm from the person to whom the promise was made… suppose I have voluntarily promised to lend you my rifle next weekend. Before the week-end arrives, you credibly inform me that you intend to use the rifle to murder several people…

Si tratta di tre casi tutti presenti nella fattispecie in oggetto.

Alcuni contestano la disubbidienza perché toglierebbe valore alle leggi in generale creando un’incertezza diffusa:

The most common charge against jury nullification is that the practice is “lawless” or violates “the rule of law.”… Jury nullification decreases the predictability of trial outcomes, and it results in some defendants being treated unequally

Non è semplice comprendere la ratio di questa contestazione:

… When a juror is faced with a defendant prosecuted for blameless lawbreaking, it is very difficult to sympathize with the idea that the juror should vote to inflict unjust harm on this individual in order to ensure uniformity… it is absurd to prefer that all members of some group suffer severe and unjust harms rather than that only some do, merely on the grounds that the uniform imposition of injustice is more predictable or egalitarian than nonuniform injustice….

Basta un’analogia ben scelta per mostrare come la contestazione non stia in piedi:

… Suppose you know from recent newspaper reports that several gay people have already been beaten by homophobic hoodlums. When you encounter the gaybashing gang, should you instruct the gang to beat your friend, so as to ensure uniformity of treatment?…

Bisogna anche accordarsi sulla reale funzione del processo:

… The function of a criminal trial is to do justice by that defendant– that is, to punish the defendant in the case at hand if and only if he has done something that deserves punishment…

Anche qui giova ricorrere ad un’analogia icastica:

… suppose you also believe that, for whatever reason, most other juries, in similar circumstances, would vote to convict the defendant. No one would argue that in such a situation, you should vote to convict the apparently innocent defendant so as to ensure greater predictability or uniformity in the criminal justice system as a whole…

Alcuni si preoccupano del fatto che disubbidire alla legge si presti ad abusi. La storia legittima questa preoccupazione:

… During America’s more racist past, southern juries, out of sympathy for the defendants, sometimes voted to acquit those guilty of hate crimes…

Basta un’analogia per risolvere il problema etico sottostante:

… Consider again the example of the gang of hoodlums. Suppose that you are just about to lie to the gang, when it occurs to you that many people have lied for bad reasons. In fact, surely there have been more cases of corrupt lying in human history than there have of morally justified lying…

Il fatto che ci siano stati abusi non ci autorizza a fare il male.

Altri temono che legittimare la “jury nullification” che assolve sdoganerebbe la “jury nullification” che condanna (magari per antipatia):

… A closely related objection to nullification holds that, if juries may nullify the law to the benefit of the defendant, they may also nullify the law to the detriment of the defendant– for instance, a jury may decide to convict a defendant because of personal antipathy

Ma questa obiezione è priva di logica:

… If one may lie to save a friend from unjust violence, then one may also lie to defraud innocent people of their savings…

Alcuni critici sostengono l’esistenza di vie alternative alla disubbidienza:

… Some critics, while acknowledging that unjust laws exist, argue that the proper remedy is to change the law

L’obiezione è debole: innanzitutto le due vie sono compatibili:

… the recommendation of attempting to change the law through political activism is a non sequitur, since political activism and jury nullification are mutually compatible

Dopodiché, l’alternativa proposta è ostica a dir poco:

… an individual jury member’s probability of successfully changing public policy is approximately zero

Per finire, il rimedio proposto è tardivo:

… even if an individual juror had the option of repealing the law, that repeal would come too late for the particular defendant…

Ci sono critici che battono sulla natura non democratica del giudice che disubbidisce alla legge. Purtroppo, non è detto che un organismo democratico rappresenti le idee di chi lo ha eletto:

… the naive assumption that legislation invariably represents shared values simply in virtue of the existence of democratic elections ignores the extensive literature in public choice theory

Inoltre, non è nemmeno detto che una rappresentanza fedele sia un bene:

… Second, even when the law reflects public opinion in general, the great mass of the public is ignorant of the specifics of any given criminal case…

E poi:

… Third, the requirement of unanimity among twelve individuals all familiar with the facts of a given case provides a far more rigorous check against unjust punishments than a simple principle of majority rule…

Infine, c’è l’argomento più importante: l’ingiusto non diventa giusto per effetto di un parere maggioritario.

… majority will does not make an unjust act just. The historical examples of grave injustices carried out with the imprimatur of the majority are too well-known to require enumeration here… The fact that juries in general may be unreliable at determining what is just, if indeed they are, is likewise irrelevant. What is relevant to the ethical duty of the individual juror is whether this defendant has done wrong for which he deserves to be punished…

Dopo aver affrontato la questione etica, due parole su quella politica:

… I have focused herein on the question of individual ethics, setting aside the political question of to what extent the state ought to encourage or discourage jury nullification. In closing, I want to briefly remark on that political question. It seems to me that, once we recognize the moral duty in certain cases to disregard the law, it is very difficult to maintain that public institutions ought to officially oppose jury nullification….

Uscendo dal caso specifico della “Jury Nullification” ci si potrebbe porre la domanda su come la disubbidienza debba essere esercitata dal cittadino qualsiasi. Conosciamo la versione di Martin Luther King: chi disubbidisce deve farlo apertamente sopportandone le conseguenze:

… One who breaks an unjust law must do so openly, lovingly, and with a willingness to accept the penalty. I submit that an individual who breaks a law that conscience tells him is unjust, and who willingly accepts the penalty of imprisonment in order to arouse the conscience of the community over its injustice, is in reality expressing the highest respect for law…

La visione di King sembra deficitaria: perché mai per evitare un’ingiustizia (l’applicazione di una legge ingiusta) dovremmo consentirne un’altra (la punizione del violatore)?

… If the law is unjust, doesn’t consenting to punishment simplycompound the injustice?…

Forse King ha paura degli abusi: se sdoganiamo la violazione delle leggi verranno violate anche le leggi in realtà giuste. Chiedendo che il violatore si sottoponga a punizione avremo la garanzia di una riflessione approfondita prima di procedere.

Ma questa osservazione è lacunosa:

… it neglects a simple alternative to promoting the Noble Lie that evading or defying unjust laws is wrong.  Namely: Promoting the Noble Truth that people should painstakingly investigate the justice of a law before breaking it…

Oltretutto:

… this story neglects the very existence of moderately virtuous people who are willing to resist unjust laws if and only if the personal cost is low. If such people feel free to evade or defy unjust laws, they’ll break them, making the world more just.  However, if they don’t feel free to evade or defy unjust laws, they’ll obey them, preserving the injustice of the status quo…

COMMENTO PERSONALE

Quando è lecito disobbedire alla legge? Quando è doveroso? In tema mi sembra di capire ci siano tre posizioni: 1) rispettare la legge è un dovere etico forte 2) rispettare la legge è un dovere etico debole e 3) non esiste alcun collegamento tra la legge e i nostri doveri etici. La prima posizione non si accorda con i fatti: noi tutti violiamo la legge cento volte al giorno (dai semafori ai limiti di velocità) senza sentirci eticamente in colpa. La seconda è più in linea con i fatti. La terza è la più rigorosa da un punto di vista filosofico.

law

Salute e malattia

Mi ha sempre incuriosito definire cosa fosse “la malattia”. In passato mi sono cimentato in prima persona nell’impresa di definrla toccando con mano le mille difficoltà e accorgendomi che per avere una qualche possibilità di successo occorreva farsi a grandi linee un’idea di quella che è la storia della medicina.

A tal proposito soccorre l’ultimo libro del compianto Giorgio Israel: “Per una medicina umanistica”.

Oggi la medicina ambisce ad essere una scienza cercando di uniformarsi ai postulati della scienza per eccellenza: la fisica. Il riduzionismo diventa la via maestra:

… La scienza moderna è nata e si è sviluppata attorno allo studio dei problemi del moto dei corpi condotto con il metodo matematico. La giustificazione del ricorso a questo metodo non era pragmatica bensì metafisica. Essa si fondava sull’idea di Galileo Galilei (1564-1642) secondo cui il mondo è strutturato in forma matematica… presto la fisica-matematica, le cui conquiste si accumulavano l’una sull’altra in un progresso inarrestabile, divenne “il” modello di ogni forma di conoscenza oggettiva. Pertanto, essa divenne il modello di ogni forma possibile di scienza, anche di quelle che si occupavano di ambiti della realtà completamente diversi, come i fenomeni vitali e i processi sociali. Di qui nacque quella tendenza che viene chiamata riduzionismo… i fenomeni chimici debbono essere ricondotti a fenomeni fisici, i fenomeni biologici a fenomeni chimici e quindi fisici.

Tuttavia, discipline come la medicina e l’economia vedono frustrata questa loro ambizione dal fatto di avere come oggetto l’uomo:

… Tuttavia, era inevitabile chiedersi come mai nella sfera umana non si manifestasse quell’ordine e quell’armonia che sembravano invece reggere il mondo dei fenomeni inanimati. La risposta fu che il disordine era causato dall’uomo, dalla sua ignoranza delle leggi della natura, dalle sue rozze interferenze…

Ma forse c’è una speranza, forse l’uomo è un “ramo storto che si puo’ raddrizzare”, occorre però una sua chiara definizione:

… Ad esempio, per realizzare la salute individuale o il benessere del corpo sociale, si tratterebbe di comprendere quale sia l’essenza di un individuo sano o che cosa sia un comportamento socialmente corretto…

Il programma di “raddrizzamento” sembra però essere votato al fallimento:

Koyré osserva ancora che questo programma non ebbe il successo sperato, ed anzi diede quasi ovunque cattivi risultati, perché ci si rese conto che «il compito di definire l’uomo era molto più difficile di quello di definire la materia»…

Oggi una cosa sembra certa: se vogliamo avere scienza l’uomo va tolto di mezzo, lo dice chiaramente Monod nel suo “postulato dell’oggettività”:

… Jacques Monod: «La pietra angolare del metodo scientifico – ha scritto Monod – è il postulato dell’oggettività della Natura».[8] Questo significa che la natura è un insieme di fatti aventi realtà indipendente da qualsiasi soggetto e suscettibili di una descrizione univoca e “vera”… l’idea di oggettività ha una conseguenza di grande rilievo: la distruzione di ogni idea di soggettività, di progettualità e di finalismo

La scienza moderna è razionalista, parte cioè da principi astratti e indimostrabili:

… si parte da principi astratti o metafisici, come il principio d’inerzia, per discendere verso il mondo empirico e verso la fisica…

Per una medicina che imita la scienza l’uomo è un meccanismo e la malattia uno squilibrio. In passato, invece, la malattia era una disarmonia:

… Consideriamo, ad esempio, il caso della visione dinamica della malattia che è caratteristica della medicina greca. In questa visione, la malattia è vista come una perturbazione dell’armonia della physis, e non è in alcun modo riducibile all’idea di equilibrio che noi abbiamo ormai assimilato quasi come un luogo comune, e che deriva dal concetto quantitativo di equilibrio meccanico… Per gli antichi la natura… physis «indica ciò che si schiude da sé stesso (come ad esempio lo sbocciare di una rosa)», il dispiegarsi di un processo… In essa si trovano inclusi sia l’essere che il divenire, il fisico e lo psichico, mentre nella visione moderna la natura non include lo psichico… Insomma la physis greca non è un mondo di oggetti bensì un mondo di processi vitali e la sua “normalità” e “salute” non è uno stato di equilibrio caratterizzato dall’assestarsi dell’organismo attorno a determinati parametri quantitativi bensì la coesistenza armoniosa e non conflittuale di quei processi…

Il meccanismo è scomponibile, il processo naturale no, va visto e studiato come un insieme.

La concezione antica stabiliva una differenza qualitativa radicale tra normalità e patologia. Non a caso la caratteristica di questa medicina antica è l’uso sistematico dei prefissi “a” e “dis”, che indicano l’assenza di qualcosa o la negazione di qualcosa.

… Nel corso della modernizzazione della medicina si è assistito ad una progressiva sostituzione dei prefissi “a” e “dis” con i prefissi “iper” e “ipo”…

La medicina moderna non pone una linea di confine chiara tra normalità e patologia: i parametri della salute hanno mere soglie convenzionali (tutti conoscono intervalli e asterischi delle analisi ordinate dal medico).

Non che questa concezione abbia subito delle incrinature:

… L’unificazione concettuale tra normalità e patologia non poteva non essere un obbiettivo necessario anche nei confronti delle teorie ontologiche della malattia, come la teoria microbica di Pasteur e tutte le teorie delle malattie intese come provocate da fattori esterni, da oggetti reali e visibili che “entrano” nell’organismo… Per quanto gli enti esogeni che attaccano l’organismo dall’esterno (microbi, virus) siano oggetti reali ed osservabili, e non “influssi”, “agenti”, “miasmi” o “forze”, essi non si conciliano facilmente con una visione puramente quantitativa della medicina…

Ricapitolando: se vogliamo fare della medicina una scienza dobbiamo “quantificarla” e per quantificarla dobbiamo considerare la malattia un mero squilibrio (quantitativo) e quindi annullare la differenza qualitativa con lo stato di salute:

… esiste l’assoluta necessità, per introdurre l’approccio quantitativo esatto, di affermare l’omogeneità tra normale e patologico, e di definire gli stati patologici come variazioni quantitative…

Così come la malattia è uno squilibrio del meccanismo, il paziente diventa una “macchina da riparare”:

… Secondo Changeux, dopo Shannon, Weaver e Wiener, gli esseri viventi sono considerati come «organizzatori di segnali, di messaggi codificati contenenti  un’“informazione” misurabile. L’organismo vivente è divenuto una macchina cibernetica che conserva, propaga e scambia informazione»…

Il fondatore della medicina moderna è Claude Bernard:

… Bernard ha enunciato con radicale chiarezza l’idea che normalità e patologia debbono essere considerate soltanto come stati quantitativamente diversi ma qualitativamente omogenei. Egli ha definito la normalità come un “tipo ideale” sotto condizioni sperimentali determinate, il quale è identificato da una serie di intervalli di valori di certi parametri… si è introdotta l’idea di omeostasi, intesa come la tendenza dell’organismo a riassestarsi spontaneamente attorno al sistema di valori dei parametri che definiscono lo stato di normalità…

Il determinismo è l’approccio di Bernard:

…  Bernard occupa una posizione centrale nella storia della scienza e dell’epistemologia scientifica per aver codificato i principi del metodo sperimentale e per aver formulato in termini generali il cosiddetto principio del determinismo…

La visione del paziente come macchina da riparare apre alla concezione industriale dell’ospedale e all’identificazione della medicina con farmaci e chirurgia:

… Tra i fattori sociali va annoverata la visione della medicina come impresa collettiva… la trasformazione degli ospedali in strutture organizzate di cura… Forse il processo più rilevante in questa direzione fu la progressiva unificazione della medicina clinica con la chirurgia…

La visione del cervello:

… Jean-Georges Cabanis (1757-1808) che, nel suo celebre Rapport du physique et du moral de l’homme,[23] sosteneva che il cervello digerisce le sensazioni corporee come lo stomaco digerisce il cibo…

la fine del “capezzale”:

… si chiuse un’era millenaria, durante la quale la medicina era stata esercitata nelle biblioteche e al capezzale dei malati, scrutati isolatamente, a uno a uno…

La nuova medicina non è empirica, è sperimentale! A volte sul punto si fa confusione:

… “Sperimentale” si oppone a “empirico” e la parola “metodo” sottolinea il senso di questa contrapposizione. Difatti l’approccio sperimentale rinnega il valore della mera osservazione fattuale di tipo baconiano e valorizza il punto di vista sistematico, in cui le osservazioni sono inquadrate in un preciso contesto teorico… L’esperimento è molto di più della mera osservazione perché mira a riprodurre i fenomeni in un contesto controllato… L’evoluzione della medicina è ben rappresentata dalla trasformazione che subisce l’insegnamento della medicina in quello che può esserne considerato uno dei massimi santuari, il Collège de France di Parigi…

Tanto per dirla tutta: Claude Bernard, forse il più grande medico della storia moderna, è un terapeuta che non ha mai visto un malato.

… ci troviamo davanti a un uomo di genio che ha iniziato col fare grandi scoperte e che si è chiesto poi come bisognava procedere per farle… una figura assolutamente peculiare: per dirla con Grmek… un dottore… che in vita sua non ha mai curato un malato.

Il metodo-Bernard: 1) osservazione 2) ipotesi 3) esperienza:

… La prassi dello scienziato consiste nei seguenti passi: (a) egli constata un fatto e concentra la sua attenzione su di esso; (b) questa constatazione fa nascere un’idea o ipotesi nella sua mente, la quale sostanzialmente coincide con una legge scientifica la cui verità deve essere verificata; (c) sulla base di questa idea o ipotesi egli ragiona, istituisce esperienze, ne immagina e ne realizza le condizioni materiali e verifica la validità dell’ipotesi; (d) le esperienze suggeriscono nuove osservazioni e permettono di identificare e isolare nuovi fenomeni da osservare. E così via… egli pone al centro del metodo la verifica sperimentale, ma non ammette che dalla nuda osservazione possa discendere alcuna conoscenza. Tutto nasce dall’osservazione ma l’osservazione senza ipotesi è impotente… Bernard non fa che introdurre nella medicina l’approccio razionalistico, sperimentale e quantitativo che caratterizza la scienza fisico-matematica da Galileo in poi…

La medicina moderna è debitrice verso Cartesio più che verso Bacone:

… Koyré ha osservato: «Mentre Bacone conclude che l’intelligenza deve limitarsi alla registrazione, alla classificazione e al riordino dei fatti del senso comune, e che la scienza (Bacone non ha mai capito nulla della scienza) non è o non deve essere altro che un riassunto, una generalizzazione o un prolungamento del sapere acquisito nella pratica, Descartes perviene a una conclusione esattamente opposta, cioé quella della possibilità di far penetrare la teoria nell’azione, cioé della possibilità della conversione dell’intelligenza teorica al reale, della possibilità coesistente di una tecnologia e di una fisica».[31] Ebbene, se Bernard prende le distanze dagli eccessi del deduttivismo cartesiano, che finisce per svilire l’osservazione empirica, egli è assai più vicino a Cartesio che non a Bacone, come del resto tutta la scienza moderna…

Un simile approccio si presta allo sfruttamento di una tecnologia medica:

… Come ben dice Koyré, l’efficacia di questa visione sta nel rendere possibile accanto alla conoscenza dei fatti fisici, una tecnologia, ovvero qualcosa di molto più potente ed efficace di una tecnica: tecnica fondata sulla scienza e quindi dotata di valore oggettivo e di procedure replicabili…

La parentela malattia/salute si riflette nella parentela veleno/medicina:

… Proprio di qui Bernard è partito: da una serie di osservazioni che gli hanno suggerito un’ipotesi contraria alla tradizione consolidata: e cioé che non esiste una frontiera qualitativa che separa veleni e alimenti, sostanze tossiche e medicamenti e che gli effetti delle sostanze dipendono esclusivamente dalla loro concentrazione al livello dei recettori… Nelle sue lezioni Bernard partiva dall’analisi delle difficoltà di dare una definizione qualitativa esatta dei termini “alimento”, veleno” e “medicamento” e mirava a demolire la concezione classica secondo cui l’alimento è quella sostanza che intrattiene la vita, il veleno è quella sostanza che tende a distruggerla, mentre il medicamento tende a ristabilire la salute…

Autoregolazione, omeostasi e feedback diventano concetti centrali che imparentano l’organismo con gli oggetti della cibernetica:

… la capacità di moltissimi sistemi biologici, e anche di singoli organi, di ripristinare il proprio stato quando fosse perturbato, insomma una capacità di autoregolazione.[35] Tale è la capacità di molti animali di mantenere invariata la temperatura corporea ottimale, al variare della temperatura esterna e del calore prodotto dai processi metabolici… Fu un altro fisiologo, lo statunitense Walter B. Cannon (1871-1945), a porsi esplicitamente sulle orme di Bernard e a sviluppare le sue idee, formulando in termini precisi il concetto di omeostasi, che enunciò nel 1926 e poi sviluppò in un celebre libro sulla “saggezza del corpo”… Wiener si spinse ad attribuirgli un valore universale in quanto rappresentativo del concetto di identità e di soggettività: «il modello preservato dall’omeostasi è la pietra di paragone della nostra identità personale».[39] Quindi, l’omeostasi diviene chiave esplicativa dell’identità soggettiva sia di un uomo che una macchina…

Se si sfumano i confini tra salute e malattia si sfumano anche quelli  tra vita e morte. Bernard percepì il pericolo:

… la prova più evidente del suo dualismo filosofico e del suo oscillare tra vitalismo e meccanicismo rifiutando entrambi per non cadere nel monismo,[41] è rappresentata dal rifiuto di giungere fino alla estrema e coerente conseguenza del suo approccio quantitativo: considerare lo stato di morte non come qualitativamente diverso dallo stato vitale, ma come un particolare stato parametrico della macchina umana… una visione “scientifica” della medicina comporta il principio della completa omogeneità qualitativa fra morte e vita…

Com’era considerata la morte dai medici dell’antichità?

… Nelle concezioni tradizionali la determinazione dello stato di morte era affidato a una valutazione qualitativa e intuitiva che faceva riferimento alla persona come una totalità…

Oggi l’approccio meccanicistico vede in molti casi la malattia come un errore di programmazione genetica:

… Ancora diverso è il punto di vista più recente, quello dell’“errore” in patologia e cioè della spiegazione di una serie di malattie come dovute a errori di programmazione genetica…

Un effetto collaterale della medicina trasformata in scienza: il biologo ormai è un chimico:

…  François Jacob, la «biologia moderna ha l’ambizione d’interpretare le proprietà dell’organismo a partire dalla struttura delle molecole che lo costituiscono» e «non si studia più la vita nei nostri laboratori»…

Il progetto di identificare l’uomo con la macchina culmina finalmente nella svolta cibernetica, che prende ancor più forza con la rivoluzione genetica.

Il cervello visto da Jean-Pierre Changeux:

… L’organizzazione anatomica e chimica di questa macchina è di temibile complessità, ma il semplice fatto che questa macchina possa decomporsi in “rotelle-neuroni” di cui si possano cogliere i “moti-pulsioni” giustifica l’impegno temerario dei meccanicisti del diciottesimo secolo»…

Su queste basi è possibile definire in modo preciso l’identità dell’uomo-macchina? Essa consiste nella capacità di autoregolarsi e di assestarsi attorno a uno stato ideale di equilibrio. E la patologia cosa diventa?

… Quando si verifica uno scarto, una perturbazione da questo stato ideale e l’organismo non appare più in grado di correggere da solo questa perturbazione si va incontro a una patologia del sistema che deve essere corretta con un intervento esterno…

Cosa differenzia un ascensore da un corpo?

… cosa differenzia un ascensore da una carcassa metallica priva di funzione, nel momento in cui la macchina non fornisca più la garanzia di arrestarsi ordinatamente ai piani? Nulla. L’ascensore in quanto tale è “morto”. La “malattia” dell’ascensore è un disturbo della capacità di autoregolazione che, se non è riparabile, implica la morte del medesimo…

E qui cominciano le lacune del paradigma scientista: dichiariamo rotto (malato) un ascensore allorché non è adotta al fine per cui è stato costruito. Ma il medico/scienziato ha eliminato ogni finalismo per l’uomo. L’analogia corpo/macchina presenta delle crepe evidenti: 

… La macchina è un aggregato di parti e nel caso in cui una di queste si rompa si può provvedere con una semplice sostituzione. In linea di principio, una macchina è immortale e soltanto delle considerazioni di convenienza economica o il semplice desiderio di sostituirla con un’altra possono impedire di procedere a una illimitata sostituzione di pezzi che la mantenga sempre in vita. L’uomo non è un aggregato semplice di parti… Insomma, qualsiasi cosa si dica, la macchina resta un oggetto la cui totalità è somma delle parti, mentre nel caso dell’uomo non vi è ragione né modo di concepirlo in questa forma riduzionistica… Normale e patologico sono concetti che perdono qualsiasi significato se l’organismo è concepito in modo puramente oggettivo come un insieme di componenti fisico-chimiche

Alla biennale di Venezia lo scultore Michelangelo Pistoletto ha presentato un’opera che consisteva in un auto con le ruote bucate. E’ evidente che per me un auto del genere necessita una riparazione (una cura) per lui no, questo perché attribuiamo finalità diverse all’oggetto.

Tradotto: se seguiamo l’analogia corpo/macchina fino in fondo la malattia recupera una dimensione soggettiva radicale, cosicché lo spirito espulso dalla porta rientra dalla finestra.

… Normale e patologico sono concetti che perdono qualsiasi significato se l’organismo è concepito in modo puramente oggettivo come un insieme di componenti fisico-chimiche…

I medici, per alzata di mano, hanno deciso che l’omosessualità non era più una malattia, questo senza che si fosse in presenza di novità sperimentali particolarmente rilevanti. Da questo semplice fatto emerge chiaramente un contenuto soggettivo e sociale del concetto di malattia.

In campo medico l’ideale delle scienze fisiche si fa piuttosto lontano:

… nella fisica moderna non esiste nulla che corrisponda alla fisiologia ed alla patologia, e contenga un senso qualitativo analogo a quello che questi concetti hanno nella sfera biologica. Le norme in fisica – nella fisica da Galileo in poi, beninteso – sono le leggi cui obbedisce il comportamento dei corpi e che non vengono mai violate. Non esiste alcuna patologia in fisica… una macchina che funziona male o si è rotta non viola in alcun modo le “norme” fisiche”… Pertanto, l’unica infrazione è quella già messa in luce: l’infrazione alle “norma” da noi conferita alla macchina quando le abbiamo attribuito degli scopi… la normalità in medicina non è un concetto totalmente oggettivabile, anche se possiede certamente delle basi oggettive: ma ad esse non è completamente riducibile. La norma biologica è indubbiamente un fatto ma, altrettanto indubbiamente, è anche un valore…

Detto questo va sventato un equivoco:

… Non sarebbe serio confutare quel che vi è di indiscutibilmente vero nella concezione quantitativa e negare che gli stati di normalità e di patologia siano sistematicamente associati ad alterazioni quantitative determinabili…

Detto questo possiamo inferire qualcosa in merito alla “salute” dell’uomo, che assume anche connotazioni individuali:

… Quindi, in un essere umano la normalità si colloca in modo fortemente fluttuante all’interno di determinati intervalli. Su di essa influisce l’idea che il paziente si fa del “sentirsi in salute”… spesso la persona esce da una malattia grave e menomante assestandosi attorno ad un nuovo “equilibrio” – che, in precedenza, lui stesso avrebbe considerato patologico – individuandolo come una nuova condizione di vita soddisfacente e persino capace di aprire nuove prospettive ed esperienze positive… il medico tedesco Kurt Goldstein (delle cui teorie diremo qualcosa in seguito) è giunto ad asserire che in patologia ogni norma ha un carattere individuale… Vivere è preferire e scegliere. Nel mondo fisico inanimato non esiste il concetto di preferenza e di scelta… l’idea di salute non possa essere concepita come il conformarsi a un ideale esterno, ma si definisca nella relazione tra la coscienza del soggetto e il suo organismo…

Si pensi solo alla vecchiaia: il fisico si deteriora, perde molte delle sue proprietà, eppure nessuno parlerebbe dell’invecchiamento come di una malattia. Perché? Perché, evidentemente, il concetto di malattia non puo’ prescindere da una dimensione più ampia che vada oltre il riduzionismo della fisica.

… è banale osservare che quel che è perfettamente normale per un individuo, per esempio all’età di sessant’anni, e che gli fa ritenere di essere in una condizione normale, sarebbe stato anormale, anzi sarebbe stato addirittura una condizione menomante all’età di vent’anni… il processo di invecchiamento si accompagna alla modificazione di certe costanti che corrisponde all’adattamento dell’idea di salute a un contesto mutato che impone nuovi livelli di responsività…

Come si trasforma il ruolo del medico di fronte ad una visione più coerente della malattia?:

… Il medico-clinico non può rinunciare, senza menomare la propria professione, alla considerazione della specifica idea del vissuto, della salute e delle finalità della persona che ha di fronte…  inseguendo l’illusoria speranza di una soluzione finale delle patologie si getti alle ortiche il problema della cura del singolo e del rapporto col malato, rischia di essere prima ancora che una scelta antiumana, un errore concettuale e “scientifico”. Compiere una scelta del genere significa accantonare la clinica, ed è di fatto quel che sta accadendo nella medicina contemporanea: la pratica clinica sta progressivamente contraendosi fino a sparire. E talora un simile esito viene auspicato, immaginando diagnosi a distanza, via computer, in cui il rapporto medico-paziente viene completamente dissolto… Non vi sono soltanto dati oggettivi da rilevare: temperatura corporea, pressione sanguigna, tasso di glucosio, di azoto o di colesterolo nel sangue, o anche informazioni genetiche. C’è da considerare il modo con cui il paziente vive il suo stato, e questo modo di viverlo non è soltanto importante per determinare che cosa egli considera come condizione di salute… È bene ricordare che il medico deve anche essere uno psicologo, ovvero deve interessarsi alla psicologia della persona che ha di fronte e saperne valutare l’interazione con i fattori meramente corporei… È sorprendente la leggerezza con cui, proprio in un’epoca in cui non si fa altro che riempirsi la bocca – a proposito e a sproposito – di “complessità”[62] si introduca attraverso un processo di specializzazione sempre più marcata e frammentata un approccio riduzionista estremo…

L’elemento individualistico della salute rende difficile ragionare per gruppi:

… è evidente e facilmente dimostrabile che la frontiera tra normalità e patologia diventa tanto più imprecisa e fluttuante quanto più è applicata a gruppi di individui e a collettività numerose…. la medicina è tanto più “scientifica” – utilizzando qui questo termine nell’accezione valutativa del senso comune, ovvero “seria”, “rigorosa”, “attendibile” – quanto più aderisce alla considerazione del soggetto particolare, e tanto meno è “scientifica” quando si occupa di collettività…

Questa difficoltà manda in crisi l’idea di ospedale/industria, imprescindibile nei progetti di welfare sanitario.

Parole profetiche:

… Georges Canguilhem: la medicina esiste perché gli uomini si sentono malati e non soltanto perché qualcuno (il medico) li dichiara tali… Grmek ricorda che gli autori anglofoni hanno distinto queste due visioni rispettivamente con i due termini “illness” e “sickness”… La visione “prescientifica” della malattia e della normalità si riduceva in larga misura al “sentirsi malato”, ovvero alla dichiarazione del paziente di non sentirsi in stato di salute e alla descrizione delle sue esperienze e dei suoi sintomi… la sostanziale inesistenza di strutture centralizzate per la cura accentuava il rapporto personale tra medico e paziente…

Una prerogativa della contemporaneità:

… il medico può svelare al paziente che egli è malato anche quando questi pensa di non esserlo affatto, ovvero non si sente malato… Sotto questo profilo l’immagine emblematica della nuova tendenza è ancora una volta Claude Bernard: un medico che in vita sua non ha curato un solo malato…  il paziente può essere dichiarato malato inconsapevole, ma anche potenziale malato inconsapevole… Sulla scena non è più presente alcun malato, bensì soltanto la malattia…

Se la definizione di “malattia” ci sfugge, possiamo consolarci pensando al fatto che le uniche discipline don definizioni esaustive sono quelle senza contenuto:

… l’unica scienza capace di offrire definizioni al di sopra di ogni contestazione è la matematica astratta moderna. Sarebbe auspicabile mettere da parte questa ossessione definitoria. Sembra tuttavia che questo non sia possibile se non al prezzo di passare per un nemico della scienza…

D’altronde, osservando chi tenta una definizione, incorriamo in “casi penosi”:

Le menti dell’OMS non hanno saputo far di meglio che produrre la seguente definizione, che rappresenta un classico esempio dell’approccio detto “idealistico”, ovvero mirante a definire lo stato “ideale” di una persona: «La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non consiste soltanto in un’assenza di malattia o di infermità. Il possesso del massimo stato di salute che è capace di raggiungere costituisce uno dei diritti fondamentali di ogni essere umano». A parte la retorica dei diritti, trattasi di una definizione tautologica. Essa rinvia alla definizione di cosa sia “benessere”, per giunta “completo”… Come ha osservato Grmek, questa definizione è uno slogan politico più che un prodotto della moderna epistemologia medica…

La cosa migliore è attenersi ad un’idea informale ed intuitiva di “malattia”:

… Grmek: «Tutti gli sforzi storici per definire tale concetto sono falliti. Spesso le definizioni della malattia rimangono prigioniere del circolo vizioso che consiste nell’affermare che essa è il contrario della salute. I due termini sono solidali, ed è impossibile definire il primo senza sottintendere il secondo; e, sfortunatamente, definire la salute non è affatto più semplice che definire la malattia»… Tuttavia, nessuno può seriamente impedire di ragionare attorno alle idee di salute e di malattie. Quel che sarebbe assai opportuno (diciamo, “sano”) è di ragionare su di esse in termini informali… sarebbe sufficiente non dimenticare mai che, nel definire cosa sia salute, intervengono fattori soggettivi e personali…

E’ auspicabile che la saggezza, in taluni casi, prenda il posto delle “tabelle”:

… la rappresentazione quantitativa si risolverebbe in una impotente complicazione, povera e inefficace al confronto con la ricchezza che può derivare dalla considerazione saggia di un clinico esperto capace di valutare lo stato fisico e psicologico del paziente…

Un libro chiave sul tema:

… “La struttura dell’organismo” di Kurt Goldstein (1878-1965).[67] L’autore fu direttore dell’ospedale militare dei feriti al cervello di Francoforte e trasse da questa sua esperienza sul campo una spinta a motivare in modo teorico il ruolo essenziale della clinica nella medicina e a criticare in modo radicale il punto di vista oggettivista. Per Goldstein occorre affermare una visione olistica e integrata della malattia, anziché disperderla nella considerazione di una moltitudine di sintomi… La salute è quindi vista come «la corrispondenza delle manifestazioni esteriori della vita in un individuo con le sue proprie necessità biologiche quali risultano dal confronto tra la sua situazione di vita esterna e la sua capacità funzionale fisiologica».[69] Questa corrispondenza, quando esiste, è qualificata come una responsività corretta. La malattia sarebbe allora una forma di responsività difettosa, che considerata soggettivamente, è sofferenza… dopo una malattia, «la salute nuovamente acquisita non è quella di prima»: «ritornare sano malgrado l’esistenza di una menomazione funzionale non va mai senza una perdita di essenza dell’organismo e senza una riapparizione simultanea di un ordine, cui corrisponde una nuova norma individuale…

Sul concetto di vita degna:

… Occorrerebbe rendersi conto che il tentativo inquietante e profondamente antiumano di dare una definizione di cosa sia una “vita degna di essere vissuta” – con il corteo di conseguenze tra cui primeggia l’ammissibilità dell’eutanasia – è possibile se e soltanto se si ammette la possibilità di dare definizioni del genere in termini sovrapersonali e astratti, che prescindono dal soggetto…

Eutanasia ed eugenetica alla luce di quando discusso:

… Eutanasia ed eugenetica negativa – ovvero la soppressione degli individui “difettosi” – sono conseguenza di una definizione di salute, di “vita accettabile”, date in termini oggettivi assoluti e quantitativamente definiti… sono avvilenti le discussioni che si sono sviluppate attorno alla definizione (impossibile) di un’idea (insensata) come quella di livello minimo di coscienza. Esistono metodi analitici precisi per determinare l’azotemia o la pressione arteriosa. Non esistono né esisteranno mai apparecchi che determinino lo stato minimo di coscienza

Una medicina che pretenda di farsi scienza degenera nell’irrazionalismo:

… la spersonalizzazione e la mera quantificazione, l’abolizione del vissuto del malato, rappresentano un approccio riduttivo dal punto di vista della razionalità e concettualmente sbagliato… L’unico modo di realizzare la scientificità della medicina è di tener conto che il suo oggetto sono dei soggetti, e dei soggetti considerati nella loro individualità e particolarità, portatori di una storia personale situata in modo irripetibile nello spazio e nel tempo…

Cosa nasconde la pulsione riduzionista? Pigrizia intellettuale e soggezione alle “scienze dure”.

… il desiderio di ridurre la medicina a una scienza meramente oggettivista in analogia con le scienze “esatte” è spesso dettato da due fattori: dalla pigrizia – è molto più semplice esaminare quanto più possibile meccanicamente dei risultati analitici che non farsi carico di un esame complessivo e complesso della persona che ci sta di fronte – e dalla soggezione esercitata dalle scienze “esatte”…

La medicina dovrebbe tornare ad essere un’arte:

… “Arte” qui sta per “tecnica”, ovvero per un complesso di capacità pratiche sostenute dalla conoscenza, ma non identificabili come mera conoscenza teorica…

Il sogno scientista possiede aspetti inquietanti, difficile negarlo:

… perché non sognare una caccia ai geni eterodossi, un’inquisizione genetica? E, nell’attesa, perché non privare i genitori sospetti della libertà di seminare senza limiti? Questi sogni, lo sappiamo, per alcuni biologi […] non sono soltanto dei sogni. Ma sognando questi sogni, si entra in un altro mondo, limitrofo del migliore dei mondi di Aldous Huxley… All’origine di questo sogno, vi è l’ambizione generosa di risparmiare a dei vivi innocenti e impotenti la colpa atroce di rappresentare gli errori della vita. All’arrivo del sogno, troviamo la polizia dei geni, coperta dalla scienza dei genetisti…

COMMENTO PERSONALE

Interessanti le conseguenze pratiche di una visione umanistica della medicina. Penso, per esempio, al fine vita: perché normarlo nel dettaglio se le definizioni di vita e di morte non sono oggettivabili? Solo nella relazione medico/paziente emergerà l’evento della morte e solo il medico potrà testimoniare – affidandosi ad un’intuizione sostenuta dai dati e dalla conoscenza – l’avvenuto decesso alla comunità. Ma tutto cio’ è insensato nella dimensione industriale del welfare sanitario contemporaneo: chi sostiene soluzioni di questo tipo deve ridursi ad accantonare ogni seria riflessione su salute/malattia e morte/vita.

dr-house

 

 

In attesa di un nuovo Berlusconi

La politica italiana si è nutrita a lungo di molti nefasti tabù in tema fiscale, alcuni sono stati spazzati via da Berlusconi, altri restano lì ancora intatti.

E’ un peccato che sia così perché per avere qualche speranza di ridurre il debito sarebbe bene far piazza pulita. Lo sostiene Roberto Perotti che nel suo libro “Status quo” affronta di petto la questione.

Nella prima repubblica il politico italiano medio aveva in grande considerazione “le tasse”. Sembra un’epoca lontana ma un’eco di quell’atteggiamento lo possiamo rinvenire nella sciagurata uscita di Padoa-Schioppa che molti ancora ricordano:

… “La polemica antitasse è irresponsabile. […] Le tasse sono una cosa bellissima.” Tommaso Padoa-Schioppa, ministro dell’Economia dell’ultimo governo Prodi, non c’è più e non può difendersi, e questa sua famosa frase dell’ottobre 2007 è estrapolata da un contesto più articolato e meno odioso. Ma resta il fatto che è difficile immaginare una frase più insensibile e altezzosamente distaccata dalla realtà di decine di milioni di italiani…

Ecco ora il classico ministro delle finanze di allora al suo tavolo da lavoro:

… L’occupazione principale dei ministri  era estendere una detrazione dello 0,01 per cento alle persone nate nella seconda metà di giugno degli anni bisestili residenti in comuni il cui nome iniziava con la “f” o la “m”, compensarla con un aumento dell’Iva dello 0,02 per cento sulle macchine fotografiche di un certo peso e di un certo colore, e inventarsi qualche motivo per cui una tale manovra avrebbe dovuto stimolare l’economia…

Poi venne Berlusconi:

… che per primo pose la questione, allora apparentemente rivoluzionaria, della riduzione delle tasse, e mostrò ai guru allibiti che si possono addirittura guadagnare voti con questa bandiera. Nella realtà combinò poco, perché si affidò soprattutto ad annunci a effetto e si scontrò con la dura realtà dei mercati nella tempesta perfetta del 2011…

E infine, finalmente, la “berlusconizzazione” della sinistra:

… È stato un enorme merito di Renzi avere fatto piazza pulita di un atteggiamento perverso della sinistra e centro-sinistra italiani (almeno la maggioranza di essi, perché molti continuano a nutrirsi della vecchia retorica e dei vecchi slogan), e aver riconosciuto apertamente che in Italia le tasse sono troppo alte, la gente le detesta, e qualcosa va fatto…

Esiste però ancora un tabù: tagliare la spesa pubblica (alias: “fare macelleria sociale”).

Qui il messia si fa attendere e cominciamo a disperare.

… Molti di coloro che non vogliono o non sanno tagliare la spesa pubblica sostengono invece che ridurre la spesa non è desiderabile, e nemmeno necessario per diminuire le tasse. Addirittura, per alcuni il metodo migliore per ridurre le tasse è aumentare la spesa pubblica…

Il politico italiano invoca la crescita ed è aperto a molte ricette ma nessuna contempla il taglio della spesa:

… Le diverse versioni si differenziano nel modo di attuare una politica di bilancio espansiva: per alcune aumentando la spesa pubblica, per altre riducendo le tasse. Ma per tutte, ridurre la spesa non è nell’agenda…

Particolarmente avversi sono i “keynesiani”, specie nella loro variante “sudamericana”. A chi mi riferisco? Più che ai loro nomi meglio riferirsi alla loro visione con un’esempio:

… Supponiamo inizialmente che il moltiplicatore della spesa pubblica sia positivo e pari a 1, ciò significa che, se aumento la spesa pubblica di 10 euro, il Pil aumenta di 10 euro. Con un’aliquota media del 50 per cento, le entrate dello stato aumentano di 5 euro, meno della spesa. Il disavanzo e il debito pubblico quindi aumentano. L’aumento della spesa pubblica porta dunque a un aumento del Pil, al prezzo di un lieve deterioramento dei rapporti disavanzo/Pil e debito/Pil. Questa è la posizione che possiamo chiamare “keynesiana della spesa”. Supponiamo ora che il moltiplicatore della spesa sia molto più alto, pari a 3. Il Pil aumenta quindi di 30 euro, e le entrate dello stato di 15 euro, più della spesa; il disavanzo dunque scende. L’aumento della spesa pubblica porta quindi a un aumento del Pil, ma anche a una riduzione dei rapporti disavanzo/Pil e debito/Pil, e persino a una riduzione del disavanzo in termini assoluti. Questa è la posizione che possiamo chiamare “sudamericana”, perché alla base, fra gli altri, degli esperimenti populisti degli anni ottanta e novanta in Sud America…

Il keynesiano/sudamericano prosperava nel parlamento della prima repubblica:

… Non è sorprendente che questo argomento sia stato utilizzato centinaia di volte negli anni settanta e ottanta per far passare aumenti di spesa in Parlamento. Quando si voleva costruire un’autostrada inutile che finiva nella città di origine di qualche politico al governo, il Parlamento fingeva di credere che le coperture sarebbero venute dalle maggiori entrate generate dal maggiore reddito creato dall’autostrada in questione. Sappiamo tutti cosa è successo al disavanzo e al debito pubblico in quegli anni…

Avete visto com’era semplice aggirare il vincolo costituzionale delle “coperture”. Sì, perché la nostra “costituzione-più-bella-del-mondo-che-ha-consentito-il debito-più-alto-del mondo” prevede che ogni spesa sia coperta da un’entrata. A parole. 

Oggi, visto che il messia tarda, la (brutta) storia si ripete:

Graziano Delrio, una persona sensata ed equilibrata, nel discutere un piano di investimenti pubblici di 20 miliardi dichiarava nell’estate del 2015: “Far ripartire i cantieri significa proprio aumentare il gettito fiscale, dare nuove risorse per consentire l’abbassamento delle tasse. Fare manutenzione del territorio, far ripartire grandi e piccole opere consente quindi di diminuire le tasse”.9 Se fosse veramente così, perché limitarsi a 20 miliardi?…

Beninteso, anche i “tagliatori di tasse” tendono un trappolone agli elettori facendo finta di credere che i loro tagli saranno coperti da un’esplosione del PIL e quindi da maggiori entrate fiscali. In questo modo accantonano l’argomento scottante del taglio della spesa. Il trucchetto è noto come vodoo economics.

Ma oggi qual è l’atteggiamento più comune? Forse è meno radicale, senonché il taglio della spesa resta tabù:

… La maggior parte dei politici, degli economisti e dei commentatori probabilmente non sottoscriverebbe le posizioni estreme, “sudamericana” o “lafferiana”. Moltissimi però sostengono una posizione “keynesiana della spesa” o “keynesiana delle tasse”. L’idea è di dare “una scossa” all’economia attraverso una manovra di bilancio espansiva: accettare un lieve aumento dei rapporti debito/Pil e disavanzo/Pil in cambio di un miglioramento della crescita, e poi eventualmente ridurre il disavanzo e il debito tra qualche anno mediante tagli di spesa, quando la ripresa si sarà consolidata…

In poche parole, il taglio viene “rinviato”:

… Inevitabilmente, quando si parla di ridurre la spesa tra qualche anno, si tende a essere vaghi… con indicazioni generiche, quali “si razionalizzerà la spesa per acquisti di beni e servizi”…

Banca d’Italia su questo terreno non è da meno:

… Ogni anno, alla fine di maggio, si compie uno dei riti più inutili e pomposi della vita istituzionale italiana: le Considerazioni finali del governatore della Banca d’Italia. Via Nazionale si riempie delle auto blu di industriali, banchieri, politici, economisti, venuti da ogni parte del paese ad ascoltare una serie di banalità sull’economia italiana che potrebbero benissimo leggere in quindici minuti sul sito web della Banca d’Italia: ma essere lì quel giorno è uno status symbol irrinunciabile per chi vuole contare. Nell’ultima edizione di questo rito, il 31 maggio 2016, il governatore Ignazio Visco ha invocato per l’ennesima volta una riduzione del cuneo fiscale (cioè di tasse e contributi sul lavoro) e un aumento degli investimenti pubblici, il tutto ovviamente senza far salire il debito pubblico. Su come ottenere questo ambizioso risultato, però, anche in questo caso nessun suggerimento concreto…

Persino chi prova in buona fede a fare di meglio non è credibile:

… Un programma … ambizioso propone il mio amico e collega Francesco Giavazzi… Per rassicurare i mercati, Giavazzi suggerisce di ridurre la spesa pubblica in futuro, e avanza due proposte concrete: l’attuazione di un piano di diminuzione del numero delle partecipate pubbliche, e un aumento delle rette universitarie per gli studenti benestanti. Ma anche qui bisogna fare i conti con i numeri. Come vedremo, la riforma delle partecipate, per quanto anch’essa molto auspicabile, può portare al più risparmi minimi, di poche centinaia di milioni, e probabilmente neanche quelli. Far pagare una parte del costo dell’università alle famiglie che possono permetterselo, per finanziare borse di studio o prestiti d’onore per gli studenti meno abbienti, è un’ottima idea, che avanzai anch’io nel mio libro L’università truccata. Ma bisogna essere realisti: non succederà. In Italia, come in tutti gli altri paesi, le famiglie, gli studenti (anche quelli meno abbienti, che avrebbero tutto da guadagnare da questa proposta), i media si sono fatti abbindolare dalla retorica del “diritto allo studio”

Sul fronte opposto a quello politico, quasi a provocare, ci sono alcuni accademici che – al riparo nelle loro università – parlano di “austerità espansiva”:

… Ma cosa succede se il moltiplicatore della spesa è negativo? In questo caso, per aumentare il Pil bisogna ridurre la spesa pubblica. Questo è esattamente ciò che sostiene la teoria dell’“austerità espansiva”….

A molti questa teoria appare controintuitiva. Dopotutto, la spesa pubblica è una componente del Pil, come è possibile che, riducendola, quest’ultimo aumenti?

… Primo, non tutta la spesa pubblica fa parte del Pil, ma solo la componente “consumi e investimenti pubblici”. Questa componente vale 330 miliardi, il 40 per cento della spesa pubblica totale. Il resto sono pensioni, sussidi alle imprese, assegni di disoccupazione, interessi sul debito ecc., tutti trasferimenti (intermediati dallo stato) da certi cittadini ad altri. Come tali, non fanno parte del Pil. Il secondo errore è che anche ridurre consumi e investimenti pubblici non riduce necessariamente il Pil. È vero che se lo stato riduce la spesa per auto della polizia di un milione, la componente consumi pubblici del Pil scende di un milione, ma in conseguenza di questa decisione si crea lo spazio per ridurre anche le tasse di un milione senza aumentare disavanzo e debito; la riduzione delle tasse, a sua volta, stimola i consumi o gli investimenti privati. È questo il nocciolo della teoria dell’“austerità espansiva”…

Il dibattito è aperto ma se qualcuno pensa di poter risolverlo guardando ai dati, è meglio si ricreda subito: come quasi sempre accade in economia, gli stessi dati possono essere interpretati in maniera opposta.

A questo punto è utile osservare che per rompere il tabù dei tagli non è necessario abbracciare la posizione estrema dell’austerità espansiva: revisione della spesa e austerità, infatti, non sono sinonimi. Si può fare la prima senza imporre la seconda. Come? Basta ridurre le tasse più di quanto si riduca la spesa: il disavanzo di bilancio aumenta, e la politica di bilancio è espansiva.

Lasciamo pure che il bilancio sia espansivo in senso keynesiano, purché si tagli in modo consistente la spesa (insieme alle tasse)! Farlo  è fondamentale per almeno cinque motivi:

…  1) È condizione necessaria per smantellare il sottobosco in cui si nutre la commistione tra politica ed economia che ammorba e soffoca la nostra società. Le partecipazioni statali e locali, le posizioni dirigenziali inutili o iperpagate, i sussidi alle imprese, una larga parte dei fondi europei sono per lo più inutili e alimentano appetiti, scambi di favori, affarismi, e pura e semplice corruzione. 2) Molti programmi di spesa sono lievitati in modo casuale, disordinato, per accrescimento legislativo progressivo, senza una ratio, senza un approccio organico. Ci sono, per esempio, tantissimi programmi per gli indigenti che si sovrappongono e non riescono a raggiungere le persone veramente bisognose, mentre spesso vengono erogati a famiglie che non ne hanno necessità. 3) Avrebbe un alto valore simbolico. I compensi scandalosi di politici, ex politici e alcuni dirigenti pubblici, per quanto nel loro complesso non enormi da un punto di vista macroeconomico (ma neanche piccoli, come vedremo), generano cinismo, distacco e risentimento tra i cittadini. 4) Anche se non si vuole applicare una politica di rigore adesso, è importante segnalare ai mercati, agli altri paesi e ai cittadini che il processo è partito. Altrimenti, siamo alle solite: “Ora non è il momento, lo faremo tra due anni”. Ma tra due anni saremo di nuovo allo stesso punto. 5) Infine, bisogna creare spazio per ridurre le tasse il più possibile, ora.

Ultimamente però la politica italiana sembra aver fatto un passo in avanti anche su questo punto: si è passati dal “la spesa non si tocca” al “l’abbiamo già tagliata”.

… “Abbiamo fatto 25 miliardi di tagli,” dichiarava il presidente del Consiglio Matteo Renzi nel febbraio 2016… Pier Carlo Padoan: “La spesa pubblica è stata tagliata di 25 miliardi, abbiamo tagliato molto, tanto che è difficile andare oltre”…

Perché i conti mostrano 4 miliardi (un taglio minimo) e la propaganda parla di 25 miliardi (un taglio buono, almeno per per iniziare)?

… apprendiamo che venticinque miliardi è la riduzione di spesa lorda per il 2016, cioè il totale dei capitoli di spesa che sono diminuiti. Ma ovviamente ciò che permette di creare spazio per tagli di tasse è la riduzione della spesa netta, non di quella lorda. Dalla riga 3, il totale dei capitoli di spesa che sono aumentati è di 20 miliardi. Il netto è appunto 4,5 miliardi. Se faccio una dieta in cui abolisco i dolci ma in compenso mangio solo hamburger e patatine, il mio peso aumenterà, anche se posso sempre vantarmi con gli amici di seguire una dieta ferrea senza dolci…

E purtroppo anche quei miseri 4 miliardi destano preoccupazione, almeno in chi bada alla sostanza:

… inoltre, i risparmi di spesa, sia lordi sia netti, restano comunque sovrastimati, perché ben 5 miliardi sono dovuti a minori trasferimenti dallo stato agli enti locali (regioni, province, comuni). Non c’è alcuna garanzia che questo si traduca in tagli di spesa effettivi: sappiamo già che in alcuni casi sono aumentate le addizionali Irpef comunali e regionali…

Insomma, possiamo con ragione affermare che all’alba del 2016 il tabù del taglio della spesa pubblica è ancora tra noi più vivo che mai.

vignetta-benny-berlusconi-159414

L’ipotesi di Dio

Sul mercato delle idee contemporanee la teologia naturale di Richard Swinburne merita un posto di primo piano. Qui ne parlo seguendo come bussola il suo libro divulgativo “Is There a God?”, un testo di base che si limita ai concetti generali.

In sintesi, RS sostiene che l’ipotesi teista prevale come spiegazione migliore della realtà, almeno se utilizziamo i comuni criteri con cui selezioniamo le ipotesi scientifiche. Una tesi ardita, specie se calata in un mondo accademico che tollera la fede purché non abbia pretese razionali.

Per procedere con ordine, nel suo libro RS dapprima definisce cosa intende per “Dio”, poi cosa intende per “spiegazione”. Poi riassume i tre motivi fondamentali per cui la spiegazione teistica si fa preferire: 1) perché è la spiegazione più semplice 2) perché è l’unica spiegazione che dà conto di un ordine del mondo senza postulare coincidenze inverosimili 3) perché è l’unica spiegazione che dà conto dell’uomo, ovvero della sua coscienza e della sua libertà. Infine, viene proposta una teodicea e una giustificazione dei miracoli.

1 

Secondo Edoardo Lombardi Vallauri Dio non si potrebbe nemmeno definire. Certo, non lo si puo’ definire in modo completo, ma questa lacuna interessa tutte le realtà concrete. Se vogliamo definizioni esaustive, allora dobbiamo ripiegare sulla matematica, ovvero su una scienza priva di contenuti. Non mi sembra un bell’affare. Per quanto riguarda Dio, la definizione di cui disponiamo è più che sufficiente per condurre ragionamenti sensati.

Innanzitutto, il Dio dei credenti è una persona che possiede poteri infiniti:

… Theism claims that God is a personal being—that is, in some sense a person. By a person I mean an individual with basic powers (to act intentionally), purposes, and beliefs… God’s basic powers are supposed to be infinite

Come si vede una definizione semplice che anche un bambino puo’ afferrare.

Ma vediamoli questi poteri: dio è onnipotente:

… God is not limited by the laws of nature; he makes them and he can change or suspend them—if he chooses. To use the technical term, God is omnipotent: he can do anything

E’ onnisciente:

… God is supposed to be omniscient—that is, he knows everything. In other words, whatever is true, God knows that it is true…

Dio è perfettamente libero (non condizionato da alcunché nelle sue scelte):

… Human persons are influenced in forming their purposes by their desires, their in-built inclinations… We are, it seems to us (I believe, correctly), free to some extent to fight against our desires and do some action other than one which we are naturally inclined to do, but it requires effort. Human beings have limited free will. But God is supposed to be not thus limited. He is perfectly free

Anche questa descrizione è facilmente afferrabile da un bambino, basta che pensi ad un Supereroe e il più è fatto.

Certo, andrebbe fatta qualche precisazione sull’onnipotenza divina: dio puo’ fare “tutto quello che si puo’ fare” e, quindi, non puo’ fare “quel che non si puo’ fare”, In questo senso anche l’onnipotenza divina è limitata dalla logica:

… An omnipotent being can do anything. But does that mean that he can make the universe exist and not exist at the same time, make 2 + 2 to equal 5, make a shape square and round at the same time, or change the past? The majority religious tradition has claimed that God cannot do these things; not because God is weak, but because the words—for example, ‘make a shape square and round at the same time’—do not describe anything which makes sense… God cannot do what is logically impossible (what involves a self-contradiction)…

Lo stesso deve dirsi della sua onniscienza:

… God cannot be required to do what is logically impossible to do, so God cannot be required to know what is logically impossible to know. It seems to me that it is logically impossible to know (without the possibility of mistake) what someone will do freely tomorrow… So no one (not even God) can know today (without the possibility of mistake) what I will choose to do tomorrow. So I suggest that we understand God being omniscient as God knowing at any time all that is logically possible to know at that time…

Dio è anche eterno, nel senso che il suo essere non ha nè un inizio nè una fine:

… God—the omnipotent, omniscient, and perfectly free person—is, according to theism, eternal. But there are two different ways of understanding ‘eternal’. We can understand it, as clearly the biblical writers did, as everlasting

Ma c’è un altro modo di intendere “eterno”:

… Alternatively, we can understand ‘eternal’ as ‘timeless’: God is eternal in the sense that he exists outside time. This latter is how all the great philosophical theologians from the fourth to the fourteenth century AD (Augustine, Boethius, and St Thomas Aquinas, for example) understood God’s eternity….

Anche se molti insigni teologi hanno abbracciato questo secondo significato, Swinburne preferisce accantonarlo, proprio perché difficile se non impossibile da comprendere per la mente umana. E non solo quella dei bambini! Come immaginare, infatti, un’azione fuori dal tempo? Impossibile. Un Dio fuori dal tempo è necessariamente impossibile, come un triangolo.

… For myself I cannot make much sense of this suggestion—for many reasons. For example, I cannot see that anything can be meant by saying that God knows (as they happen) the events of AD 1995 unless it means that he exists in 1995 and knows in 1995 what is happening then… Hence I prefer the understanding of God being eternal as his being everlasting rather than as his being timeless. He exists at each moment of unending time…

Dio, poi, non ha un corpo:

… Thus God is supposed to be bodiless…  he does not depend on matter to affect and learn about the world…

Il concetto, facile per un adulto, non è poi così difficile nemmeno per un bambino che comunque possiede un’idea di spirito. Del resto, l’esperienza di svegliarsi in una stanza buia senza sentire il proprio corpo (se non la si è fatta la si puo’ immaginare) ci fa comprendere molto bene cosa significa “solo spirito”.

Dio è onnipresente. Un concetto in sè difficile se la presenza è intesa come estensione spaziale. Tuttavia, tutto diviene più semplice se riconduciamo l’onnipresenza all’onnipotenza: dio puo’ fare tutto, ovunque e in ogni momento:

…  It follows too from his omnipotence that God is omnipresent (i.e. present everywhere), in the sense that he can make a difference to things everywhere… But, although he is everywhere present, he is not spatially extended; he does not take up a volume of space—for he has no body

L’esistenza di una simile persona ha delle conseguenze logiche:

… God being omnipotent could have prevented the universe from existing, if he had so chosen. So it exists only because he allows it to exist… In this sense, therefore, he is the creator of the universe, and, being—by the same argument—equally responsible for its continued existence, he is the sustainer of the universe…

Il fatto che dio oltre a creare l’universo lo sostenga (lo renda esistente in ogni momento) rende superflua la teoria del Big Bang come prova di un inizio e quindi come indizio di presenza divina:

… That may be a finite time—the universe may have begun to exist a certain number of years ago; current scientific evidence suggests that the universe began to exist with the ‘Big Bang’ some 15,000 million years ago. Or the universe may have existed forever. The theist as such is not committed to one or other of these positions…

Anche di fronte ad un universo eterno noi dovremmo comunque rispondere alla domanda: “perché qualcosa anziché il nulla?”.

Altre conseguenze: le leggi di natura.

… God is supposed to be responsible, not merely for the existence of all other objects, but for their having the powers and liabilities they do…

Dio è anche il creatore dell’uomo:

… And God is also responsible for the existence of humans. He could cause us to act of physical necessity. But, given that we have limited free will, God does not cause us to form the purposes we do…

Dio interviene nella sua creazione attraverso dei miracoli. Ma perché lo fa? Rinvio la risposta all’ultima sezione, ora interezza dare solo un resoconto dell’azione divina:

… He occasionally intervenes in the natural world to produce effects directly—for example, curing someone of cancer

Dio è perfettamente buono. Ma perché? Un Dio perfettamente libero e che puo’ tutto fa sempre la cosa giusta, e essere buoni è giusto.

… God is supposed to be perfectly good. His being perfectly good follows from his being perfectly free and omniscient. A perfectly free person will inevitably do what he believes to be (overall) the best action

Dio e le leggi morali:

… Now, if there are moral truths—truths about what is morally good and bad—an omniscient person will know what they are…

Tuttavia, le leggi morali fondamentali possano essere colte dalla ragione umana indipendentemente dalle indicazioni divine. Cio’ non toglie che Dio ponga alcuni doveri strettamente legati alla Rivelazione:

…God, being omniscient, will have true beliefs about what is morally good, and, being perfectly free, he will do what he believes is (overall) the best… Some moral truths are clearly moral truths, whether or not there is a God: it is surely wrong to torture children for fun whether or not there is a God…  God is a generous benefactor. One of the most fundamental human obligations (i.e. duties) is (within limits) to please our major benefactors—to do in return for them some small favour which they request in return for the great things they have given…

Ma perché a volte Dio ci chiede questo surplus di obbedienza? Un’analogia lo spiega bene:

… God tells us to do certain things, it becomes our duty to do them. Just as (within narrow limits) it becomes our duty to do certain things if our parents (when we are children) tell us to do… it would not be a duty to worship God especially on Sundays if God did not tell us to do so…

Anche in tema di doveri morali l’onnipotenza di Dio soffre alcuni limiti:

… God is thus a source of moral obligation—his commands create moral obligations. But God clearly cannot make things which are our duty no longer our duty: he cannot make it right to torture children for fun… it is wrong to command what is wrong… It may surprise some modern readers to suppose that a theist can allow that some moral truths are moral truths quite independent of the will of God. This is, however, an issue on which the Christian philosophical tradition has been split right down the middle; and I side with two of its greatest representatives—St Thomas Aquinas and the fourteenth-century Scottish philosopher Duns Scotus… But, if there are moral truths such as ‘it is wrong to torture children for fun’ which hold independently of the will of God, they will be like ‘no shape can be both round and square at the same time’…

Ci sono poi alcune azioni particolarmente meritevoli che meritano l’elogio, anche se chi si astiene non merita condanna:

… There are obligations (i.e. duties), and there are good actions beyond obligation—called supererogatory good actions… no blame attaches to us if we fail to do some supererogatory good act, but we are praiseworthy if we do it… I have no obligation to throw myself on a grenade which is about to explode in order to save the life of a friend who is standing close. But if I do the action, I deserve the highest praise… I have no obligation to marry and have children; but, if I do have children, I have an obligation to feed and educate them. This suggests that God before he creates any other persons has no obligations, though it is a supererogatory good act for him to create many other persons including humans… So what does God’s perfect goodness amount to? Not that he does all possible good acts—that is not logically possible. Presumably that he fulfils his obligations, does no bad acts, and performs very many good acts…

E’ appena il caso di aggiungere che Dio è unico, ma una conseguenza del genere, dopo la descrizione data, è palesemente necessaria.

Queste, dunque, sono le caratteristiche di Dio, non basta sapere che esistano, bisogna pensarle come proprietà necessarie.

2.

Ora che abbiamo visto cos’è “Dio” (anzi, “chi è”), vediamo ora cosa deve intendersi col termine “spiegazione”.

Una teoria del tutto deve spiegare la realtà nella sua totalità. La realtà è fatta da “oggetti” sostenuti da “sostanze” e interconnessi da “relazioni”. Gli eventi da spiegare sono quelle specifiche relazioni tra oggetti che osserviamo.

… The world consists of objects… Desks and trees, stars and galaxies, atoms and electrons, animals and human beings are all substances… Substances have properties: they are square or have such and such a mass or electric charge; and they have relations to other substances… Events are caused by substances. The dynamite caused the explosion, one billiard ball caused another to move away, and the marksman caused the motion of the gun trigger… Human beings have always sought the true explanations of all the events…

Le spiegazioni disponibili sono di due tipi:

… We find two different kinds of explanations of events, two different ways in which objects cause events. There is inanimate causation, and there is intentional causation… Here we have two kinds of explanation. The first, in terms of powers and liabilities, is inanimate explanation. The second, in terms of powers, beliefs, and purposes, is intentional…

Eventi diversi hanno spiegazioni di natura diversa anche se alcuni filosofi ritengono che le spiegazioni del primo tipo siano sufficienti alla bisogna:

… Some thinkers have claimed that persons and their purposes really make no difference to what happens; brain events cause and are caused by other nerve events and bring about bodily movements without persons and purposes making any difference. But no one can think consistently in that way. To form a purpose (in the sense which I have described) to move one’s hand or whatever involves trying to move the hand… These generalizations about when things exercise their powers are called laws of nature, or natural laws, or scientific laws… I shall find it more convenient for much of the rest of this chapter to summarize inanimate explanation simply as initial conditions plus law of nature causing event… Laws of nature may be universal ones (e.g. ‘all particles of light travel with a velocity of 300,000 km/sec.’) or statistical ones (‘all atoms of radium have a probability of ½ of decaying within 1,620 years’)…

Per valutare la bontà di una spiegazione si fanno quattro considerazioni:

… A claim that some proposed law is really a law of nature, is justified (i.e. likely to be true, rendered probable) to the extent to which: (1) it leads us to expect (with accuracy) many and varied events which we observe (and we do not observe any events whose non-occurrence it leads us to expect), (2) what is proposed is simple, (3) it fits well with our background knowledge, (4)  there is no rival law which leads us to expect these events which satisfies criteria (1–3) as well as does our proposed law…

Esempio:

… Newton’s three laws of motion and his law of gravitational attraction are simple (criterion 2)—in comparison with wild alternatives which could be constructed… The ‘simplicity’ of a scientific theory is a matter of it having few component laws, each of which relates few variables by mathematically simple formulae…

Il criterio della semplicità merita di essere approfondito:

… If a theory postulates objects or properties beyond those which we can observe (such as atoms and electrons, quarks or quasars), the criterion of simplicity tells us to postulate few new objects, few new kinds of objects, few new properties, and few new kinds of property—and the fewer the better… The rule that you should postulate no more new objects than you need to explain your observations is often called ‘Ockham’s razor’. But how you apply it depends on what you understand by ‘need’… The simplest theory for some area which satisfies criterion 1 may not be very simple, but it may still be far simpler than an infinite number of possible theories which satisfy criterion 1 equally well…

E’ appena il caso di precisare che non tutte le ipotesi sono sempre falsificabili, e – qualora non esistano alternative – il fatto di non esserlo non le priva della necessaria scientificità:

… someone says that theories can always be constructed to fit observations, whereas theories do not always predict accurately… An example to illustrate the irrelevance to theory-support of when the observations are made is provided by Newton’s theory of motion. This was judged by many (surely correctly) to be highly probable on the evidence available to scientists of the early eighteenth century, even though it made no predictions… it is often claimed that theism and fuller theological theories do not make ‘predictions’ which can readily be tested. (They may make predictions about life after death, for example, but those cannot readily be tested now.)

I quattro criteri con cui giudichiamo un’ipotesi valgono anche per le spiegazioni personali.

… The same four criteria are at work in judging the worth of personal explanations. In explaining some phenomena as caused by persons, we seek a hypothesis which leads us to expect the phenomena which we would not otherwise expect to find, as simple a hypothesis as possible, and one which fits in with background knowledge… The four criteria are at work to determine which of all our many claims about the world beyond observation are most likely to be true. In all fields we seek the simplest hypothesis which leads us to expect the phenomena we find (and which, if there is background knowledge, fits best with it)…

3.

Ora vediamo perché l’ipotesi teista è più ragionevole delle concorrenti quando si tratta di fornire una spiegazione ultimativa delle cose.

A volte spiegazioni inanimate e personali si intrecciano:

… Physical science explains why a ball dropped from a tower 64 feet above the ground takes two seconds to reach the ground. But we may require a personal explanation of why the ball was dropped at all…

La spiegazione ultima è quella che conta nel nostro caso:

… The human quest for explanation inevitably and rightly seeks for the ultimate explanation of everything observable—that object or objects on which everything else depends for its existence and properties…

Le spiegazioni in concorrenza sono tre:

… We will have to acknowledge something as ultimate—the great metaphysical issue is what that is. There seem to be three possible ultimate explanations available. One is materialism… a full inanimate explanation… One alternative to materialism is a mixed theory—that the existence and operation of the factors involved in personal explanation cannot be explained fully in inanimate terms; and, conversely, that the existence and operation of the factors involved in inanimate explanation cannot be explained fully in personal terms. Let us call this theory humanism… The third possibility is that the existence and operation of the factors involved in inanimate explanation are themselves to be explained in personal terms, where persons include, not just human persons, but a personal being of a quite different kind, God… These three rivals for providing the ultimate explanation of all observable phenomena must be assessed by the four criteria for assessing proposed…

Una delle tesi del libro:

… The thesis of this book is that theism provides by far the simplest explanation of all phenomena. Materialism is not, I shall argue, a simple hypothesis, and there is a range of phenomena which it is most unlikely ever to be able to explain. Humanism is an even less simple hypothesis than materialism…

La spiegazione materialista è estremamente complessa, vediamo perché:

… the great complexity of materialism arises from this, that it postulates that the ultimate explanation of things behaving as they do now is provided by the powers and liabilities of an immense (possibly infinite) number of material objects… All bits of copper, as we have noted, have exactly the same powers to expand or melt or convey electricity, and the liabilities to exercise these powers under the same circumstances. For each event, the ultimate explanation of why it happened is to be found in the powers and liabilities of the particular objects involved in it… The ultimate explanation of this stone falling to the ground in two seconds lies in the powers and liabilities of the stone and the earth… And the ultimate explanation of this piece of copper expanding when heated lies in the powers and liabilities of this bit of copper… According to materialism, ultimate explanation stops at innumerable different stopping points, many of them—according to materialism, coincidentally—having exactly the same powers and liabilities as each other…

Ecco, il materialismo non puo’ generalizzare (e quindi semplificare): se un pezzo di rame ha le stesse proprietà di un altro pezzo di rame questa è una coincidenza da registrare come tale. La coincidenza di certe proprietà è un “fatto bruto” che la teoria deve postulare e poiché le proprietà coincidenti sono innumerevoli, sono tali anche i postulati necessari. Le cause ultime si moltiplicano in una spiegazione del genere:

… Whatever happened in the beginning, it is only because electrons and bits of copper and all other material objects have the same powers in the twentieth century as they did in the nineteenth century that things are as they are now. The present powers of objects may have been brought about by a past cause, but their present continuing in existence is—on the materialist hypothesis—an ultimate brute fact…

Facciamo un’analogia:

My parents may have caused my coming into existence, but my continuing existence has nothing to do with their past act; it is in virtue of myself, my own powers, that I continue to exist… So the complexity of materialism cannot be explained away by the universe coming into being from a ‘singularity’ in the past. It remains a very complicated hypothesis—in postulating that the complete causes of things now are innumerable separate objects…

Nell’ambito dell’ipotesi materialista ogni proprietà richiede una spiegazione ad hoc: perché infatti il rame fondeva ad una certa temperatura 2000 anni fa e fonde alla stessa temperatura anche oggi? Non c’è risposta, va postulato che sia così: ogni proprietà è specifica e va postulata. Ma così facendo gli assunti si moltiplicano e la complessità esplode.

E’ appena il caso di ricordare che una spiegazione è tanto più complessa quanto più numerosi e complicati sono gli assunti che richiede.

Il teismo non ha questa necessità poiché basta assumere la presenza di Dio per spiegare tutto.

Detto con altre parole: perché un certo atomo ha certe caratteristiche oggi che permangono anche domani? Il materialista risponde “boh, è così punto e basta”, che tradotto significa che “postula” che sia così: questa operazione richiede DUE postulati: uno per le caratteristiche dell’atomo oggi, un altro per le caratteristiche dell’atomo di domani. E il discorso che abbiamo fatto nel tempo possiamo ripeterlo nello spazio: perché questo atomo ha le stesse caratteristiche di quello? Anche qui segue il “boh” materialista e il doppio postulato. Al teista, in un caso del genere, basta invece un unico postulato: Dio. Con quello spiega tutto. Puo’ fare a meno del postulato 1, del postulato 2 e di tutti gli altri. Ora, poiché il numero di premesse incide sulla complessità di una teoria, questa considerazione depone decisamente a favore del teismo:

… Theism, I shall be arguing, can do a lot better. In this chapter I shall argue that theism is a very simple hypothesis… Theism claims that every other object which exists is caused to exist and kept in existence by just one substance, God… It is a hallmark of a simple explanation to postulate few causes… There could in this respect be no simpler explanation than one which postulated only one cause. Theism is simpler than polytheism…

Certo, il teista, rispetto al materialista, deve postulare l’esistenza di Dio. Ma Dio è un “oggetto” semplicissimo poiché le sue proprietà – come abbiamo visto nella definizione – sono presenti senza limiti (infinito):

… The hypothesis that there is an infinitely powerful, knowledgeable and free person is the hypothesis that there is a person with zero limits (apart from those of logic) to his power, knowledge, and freedom. Scientists have always seen postulating infinite degrees of some quantity as simpler than postulating some very large finite degree of that quantity, and have always done the former when it predicted observations equally well…

Un esempio concreto illustra bene perché il concetto di “infinito” è più semplice rispetto a quello di “limite”:

Newton’s theory of gravity postulated that the gravitational force travelled with infinite velocity, rather than with some very large finite velocity… Likewise in the Middle Ages people believed that light travelled with an infinite velocity rather than with some large finite velocity equally compatible with observations. Only when observations were made by Römer in the seventeenth century incompatible with the infinite-velocity theory was it accepted that light had a finite velocity…  It is a simpler hypothesis to postulate that his power is infinite rather than just very large… Hence, theism provides the simplest kind of personal explanation of the universe there could be…

Del limite vanno descritti i confini, un operazione complessa. Nel caso di quantificazione infinità questa necessità viene a cadere.

4.

E’ abbastanza sorprendente che il nostro mondo sia tanto ordinato. Ma la sorpresa riguarda il materialista più che il teista.

Diamo un’occhiata all’universo e alle straordinarie coincidenze che propone:

… There is a physical universe consisting of innumerable differently sized chunks of matter… It is extraordinary that there should exist anything at all. Surely the most natural state of affairs is simply nothing: no universe, no God, nothing. But there is something. And so many things… the whole progress of science and all other intellectual enquiry demands that we postulate the smallest number of brute facts. If we can explain the many bits of the universe by one simple being which keeps them in existence, we should do so… every object, however distant in time and space from ourselves, has the same powers and the same liabilities… If there is no cause of this, it would be a most extraordinary coincidence

Quella che cerchiamo è una Teoria del Tutto:

… Suppose we stop with Grand Unified Theory. Then every atom and every electron in the universe has just the same powers and liabilities—those described by Grand Unified Theory. And that, if you allow yourself only scientific explanations, is where you stop. That, says the materialist, is just how things are. But that sort of stopping place is just where no rational enquirer will stop. If all the coins found on an archaeological site have the same markings, or all the documents in a room are written with the same characteristic handwriting, we look for an explanation in terms of a common source. The apparently coincidental cries out for explanation… each other electron in repelling every other electron with the same electrical force… Oak trees behave like other oak trees, and tigers like other tigers…

Perché tanta inattesa regolarità?

… if material objects behaved totally erratically, we would never be able to choose to control the world or our own lives in any way. So, in seeking an explanation of why all material objects have the same simple powers and liabilities as each other, we should seek one which explains why they are such that the approximate powers and liabilities of medium-sized material objects (including those of importance for human life) which follow therefrom are readily detectable by humans…

L’ipotesi teista ha delle risposte lineari:

… The simple hypothesis of theism leads us to expect all the phenomena which I have been describing with some reasonable degree of probability. God being omnipotent is able to produce a world orderly in these respects. And he has good reason to choose to do so: a world containing human persons is a good thing. Persons have experiences, and thoughts, and can make choices, and their choices can make big differences to themselves, to others, and to the inanimate world. God, being perfectly good, is generous. He wants to share. And there is a particular kind of goodness in human persons with bodies in a law-governed universe… we can choose to learn how the world works and so learn which bodily actions will have more remote effects. We can learn quickly when rocks are likely to fall, predators to pounce, and plants to grow… Like a good parent, a generous God has reason for not foisting on us a certain fixed measure of knowledge and control, but rather for giving us a choice of whether to grow in knowledge and control… The suitability of the world as a theatre for humans is not the only reason for God to make an orderly world. The higher animals too are conscious, learn, and plan—and the predictability of things in their most easily detectable aspects enables them to do so… But beyond that an orderly world is a beautiful world. Beauty consists in patterns of order. Total chaos is ugly… God has reason to make an orderly world, because beauty is a good thing—in my view whether or not anyone ever observes it, but certainly if only one person ever observes it… Humans see the comprehensibility of the world as evidence of a comprehending creator…

Già Tommaso vedeva nell’ordine del mondo l’innesco delle sua quinta via:

… The orderly behaviour of material bodies, which he describes as their tendency to move towards a goal (e.g. the falling body tending towards the ground, the air bubbling up through water), was the basis of the fifth of St Thomas Aquinas’s ‘five ways’ to prove the existence of God…

Riassumendo:

… The argument from the existence and regular behaviour of material objects to a God who keeps them in existence with the same powers and liabilities as each other is an argument which satisfies very well the criteria set out in Chapter 2. The hypothesis of theism is a simple hypothesis which leads us to expect these observable phenomena, when no other hypothesis will do so. On the materialist hypothesis it is a mere coincidence that material objects have the same powers as each other, and not a simple stopping point for explanation…

C’è anche un ordine nei nostri corpi:

… There is also the marvellous order of human and animal bodies. They are like very very complicated machines… Very many eighteenth-century writers argued that there was no reason to suppose that chance would throw up such beautiful organization, whereas God was able to do so… God is able to bring about the existence of such bodies. That he does so… is a simple hypothesis. Hence there is good reason to believe that God is the creator of human and animal bodies… The best-known presentation of this argument was by William Paley in his Natural Theology… The argument does not, however, give any reason to suppose that God made humans and animals as a basic act on one particular day in history… Darwin’s Origin of Species (1859) taught us the outlines of the story, and biologists have been filling in the details ever since. The clear simple modern presentation in Richard Dawkins’s The Blind Watchmaker (1986) is deservedly popular… This explanation of the existence of complex organisms is surely a correct explanation, but it is not an ultimate explanation of that fact. For an ultimate explanation we need an explanation at the highest level…

Ma la spiegazione materialista non sembra in grado di fornire una spiegazione ultima di come stanno le cose:

… So, even given that there are laws of nature (i.e. that material objects have the same powers and liabilities as each other), why just those laws? The materialist says that there is no explanation. The theist claims that God has a reason for bringing about those laws because those laws have the consequence that eventually animals and humans evolve… Some soups different in chemical constitution from that from which the earth actually began would also, given the actual laws of physics, have given rise to animals. But most soups of chemical elements made from differently arranged fundamental particles would not have given rise to animals… The primitive soup existed because the earth was formed in the way it was; and the earth was formed in the way it was because the galaxy was formed in the way it was, and so on … until we come right back to the Big Bang, the explosion 15,000 million years ago with which apparently the universe began. Recent scientific work has drawn attention to the fact that the universe is ‘fine tuned’… Of course, the universe may not have had a beginning with a Big Bang, but may have lasted forever. Even so, its matter must have had certain general features if at any time there was to be a state of the universe suited to produce animals and humans… Again the materialist will have to leave it as an ultimate brute fact that an everlasting universe and its laws had those characteristics, whereas the theist has a simple ultimate explanation… Darwin showed that the universe is a machine for making animals and humans. But it is misleading to gloss that correct point in the way that Richard Dawkins does: ‘our own existence once presented the greatest of all mysteries, but … it is a mystery no longer … Darwin and Wallace solved it… It is misleading because it ignores the interesting question of whether the existence and operation of that machine, the factors which Darwin (and Wallace) cited to explain ‘our own existence’, themselves have a further explanation

Il principio antropico afferma che se noi esistiamo e siamo qui questa sorprendente vicenda andrebbe spiegata. E’ chiaro come le implicazioni del principio antropico siano favorevoli all’ipotesi teista. Ma qualcuno dice che “tutti coloro che vincono la lotteria sono oggetto di una sorprendente coincidenza che non va spiegata affatto”. Senonché, una simile obiezione equivoca l’argomento:

… An objector may invoke a form of what is known as the anthropic principle to urge that, unless the universe exhibited order of the kinds which I have described (simple laws operating on matter in such a way as to lead to the evolution of animals and humans), there would not be any humans alive to comment on the fact. (If there were no natural laws, there would be no regularly functioning organisms, and so no humans.) Hence there is nothing surprising in the fact that we find order—we could not possibly find anything else… Suppose that a madman kidnaps a victim and shuts him in a room with a card-shuffling machine. The machine shuffles ten packs of cards simultaneously and then draws a card from each pack and exhibits simultaneously the ten cards. The kidnapper tells the victim that he will shortly set the machine to work and it will exhibit its first draw, but that, unless the draw consists of an ace of hearts from each pack, the machine will simultaneously set off an explosion which will kill the victim, in consequence of which he will not see which cards the machine drew. The machine is then set to work, and to the amazement and relief of the victim the machine exhibits an ace of hearts drawn from each pack. The victim thinks that this extraordinary fact needs an explanation in terms of the machine having been rigged in some way. But the kidnapper, who now reappears, casts doubt on this suggestion. ‘It is hardly surprising’, he says, ‘that the machine draws only aces of hearts. You could not possibly see anything else. For you would not be here to see anything at all, if any other cards had been drawn.’ But, of course, the victim is right and the kidnapper is wrong. There is indeed something extraordinary in need of explanation in ten aces of hearts being drawn… The theist’s starting-point is not that we perceive order rather than disorder, but that order rather than disorder is there. Maybe only if order is there can we know what is there, but that makes what is there no less extraordinary and in need of explanation…

Alla luce del principio antropico, la vera ipotesi rivale del teismo è quella dei mondi infiniti:

… Another objector may advocate what is called the many-worlds theory. He may say that, if there are trillions and trillions of universes, exhibiting between them all the possible kinds of order and disorder there can be, it is inevitable that there will be one governed by simple comprehensible laws which give rise to animals and humans. True. But there is no reason to suppose that there are any universes other than our own…

Si noti che il Dio del teismo non ha niente a che vedere col “dio tappabuchi” di certe teologie:

… Note that I am not postulating a ‘God of the gaps’, a god merely to explain the things which science has not yet explained. I am postulating a God to explain what science explains; I do not deny that science explains, but I postulate God to explain why science explains…

5.

L’ipotesi teista spiega bene il libero arbitrio dell’uomo e la sua coscienza, evidenze che il materialismo, senza alcuna dimostrazione, non puo’ che definire illusorie.

I corpi non sono l’unica chiara evidenza che ci sta davanti in questo mondo:

… there is more to humans than their bodies. Humans (and the higher animals) are conscious beings. They have thoughts and feelings; atoms do not have thoughts and feelings. But consciousness, I shall be arguing, cannot be the property of a mere body, a material object. It must be a property of something else connected to a body; and to that something else I shall give the traditional name of soul… something utterly beyond the power of science to explain. But theism can explain this…

Il dualismo (esistenza di anima e corpo) sembra la necessaria posizione di partenza per un approccio ragionevole e fedele alle evidenze:

… I need to describe the phenomena, and to bring out that humans (and the higher animals) consist of two parts—a body which is a material substance, and a soul which is an immaterial substance… as well as material substances, substances which occupy volumes of space, there may be immaterial ones as well, which do not occupy space… I am going to argue in this chapter that the essential part of each one of us is a soul which is an immaterial substance… Physical events are public; there is no privileged access to them…  Mental events, by contrast, are ones which just one person has a special way of finding out about… Evidently—more evidently than anything else—there really are mental events, as we know from our own experience…

Mente e cervello ci appaiono come entità ben distinte anche se senz’altro collegate: 

… I could study my brain—via a system of mirrors and microscopes—just as well as anyone else could. But, of course, I have a way of knowing about pains, thoughts, and suchlike other than those available to the best other student of my behaviour or brain: I actually experience them. Consequently, they must be distinct from brain events, or any other bodily events. A neurophysiologist cannot observe the quality of the colour in my visual field… I emphasize my definition of the mental as that to which the subject has privileged access. There are many properties which we attribute to people, which we might sometimes call ‘mental’ but which are not mental in my sense but are merely properties of public behaviour. When we say that someone is generous or irritable… That mental life itself, I now argue, is the state of an immaterial substance, a soul, which is connected to the body. That humans consist of two connected substances—body and soul—is the view known as substance dualism… The alternative is to say that humans are just bodies (I am the same thing as what we loosely call my body). In that case, my mental properties, such as being in pain or having an after-image, would be properties of my body. Let us call this view about humans substance monism… If monism were correct, then there would be nothing more to the history of the world than the succession of those events which involve material substances, their coming into existence or ceasing to exist and having properties and relations (physical or mental)…

Il monismo puo’ essere confutato con l’esperimento mentale dei trapianti di cervello:

… Let me illustrate this with the example of brain transplants. The brain consists of two hemispheres and a brain-stem. There is good evidence that humans can survive and behave as conscious beings if much of one hemisphere is destroyed… imagine my brain (hemispheres plus brain-stem) divided into two, and each half-brain taken out of my skull and transplanted into the empty skull of a body from which a brain has just been removed; and there to be added to each half-brain from some other brain (e.g. the brain of my identical twin)…  —if this operation were done and we then had two living persons, both with lives of conscious experiences, which would be me? Probably both would to some extent behave like me and claim to be me and to remember having done what I did… But both persons would not be me… we cannot be certain which holds. It follows that that mere knowledge of what happens to brains or bodies or anything else material does not tell you what happens to persons… if we imagine that I have been captured by a mad surgeon who is about to perform the split-brain operation on me. He tells me (and I have every reason to believe him) that the person to be formed from my left half-brain is to have an enjoyable life and the person to be formed from my right half-brain is to be subjected to a life of torture. Whether my future life will be happy or very painful, or whether I shall survive an operation at all, are clearly factual questions… I am in no position to know the answer…

E’ chiaro che l’imprescindibile concetto di identità richieda di andare oltre la materia dei corpi:

… Reflection on this thought experiment shows that, however much we know about what has happened to my brain—we may know exactly what has happened to every atom in it—and to every other material part of me, we do not necessarily know what has happened to me. From that it follows that there must be more to me than the matter of which my body and brain are made… I give the traditional name of ‘soul’…

Conclusione:

… Dualism is not a popular philosophical position today, but I find these arguments (of an entirely non-theological kind) in its favour inescapable

Quel che si è detto per l’uomo vale in parte anche per gli animali superiori:

… These arguments which show that humans have two parts—body and soul—will show that any creature which has a mental life will also have two parts. The same issues will arise for a chimpanzee or a cat as for a human… So we must postulate a cat-soul which is the essential part of the cat, and whose continuation makes for the continuation of the cat. Only when we come to animals without thought or feeling does such a question not arise, and then there is no need to postulate an immaterial part of the animal…

Il chiaro collegamento tra corpo e anima rende accettabile anche una posizione immanentista:

… I do not necessarily wish to deny that events in the brain play a role in causing the existence of souls. At some stage of animal evolution, an animal brain became so complex that that caused the existence of a soul… It is events in this particular brain which cause events in this particular soul, and events in this particular soul which cause events in this particular brain…

Ma quale combinazione materiale fa emergere un’anima? Difficile stabilirlo con esattezza.

… My view is that all the vertebrates have a mental life, because they all have a brain similar to the human brain, which, we know, causes a mental life in us, and their behaviour, too, is best explained in terms of their having feelings and beliefs… But there is no reason at all to attribute a mental life to viruses and bacteria, nor in my view to ants and beetles…

L’irrazionalità del filosofo materialista sta nel negare l’esistenza reale di una cosa che sta davanti a lui nella speranza un domani di poterlo fare in modo argomentato. Ma questa allergia all’evidenza segnala solo una mentalità anti-scientifica.

… The reluctance of so many philosophers and scientists to admit that at a particular moment of evolutionary history there came into existence, connected to animal bodies, souls with mental properties seems to me to be due in part to the fact that, if such a thing happened, they are utterly lost for an explanation of how it came to happen. But it is highly irrational to say that something is not there, just because you cannot explain how it came to be there…We should accept the evident fact… the theist does have an explanation…

I tentativi di studiare il cervello per capire il fenomeno della coscienza hanno ben poche speranze di risolvere il problema: si puo’ al limite scoprire una grammatica ma non una traduzione, si puo’ scoprire una correlazione ma non un nesso casuale certo. le diversità qualitative tra fenomeno fisico e fenomeno mentale sembrano irriducibili tra loro.

… The list would state that brain events of a certain kind cause blue images, and brain events of a different kind cause red images; brain events of one kind cause a belief that 36 × 2 = 72, and brain events of another kind cause a strong desire to drink tea… Also, just possibly, scientists could list which primitive brains give rise to consciousness… But let us waive difficulties about how we could establish such things, and suppose that we have lists of causal connections between brain events and mental events… The problem is to explain them. Why does the formation of a brain of a complexity as great as or greater than that of a certain animal (perhaps an early vertebrate) give rise to consciousness—that is, to a soul with mental states? And why do brain events give rise to the particular mental events they do? Why does a brain event of this kind cause a blue image, and one of that kind cause a red image, and not vice versa? Why does eating chocolate cause the brain events which cause the taste we call chocolatey… A mere list of correlations would be like a list of sentences of a foreign language which translate sentences of English, without any grammar or word dictionary to explain why those sentences are correct translations. And, in the absence of a grammar and dictionary, you are in no position to translate any new sentence… To provide an inanimate explanation of these phenomena we would need a scientific soul… The theory would then enable us to predict which brain events of a new kind would give rise to which mental events of a new kind… Now what makes a theory of mechanics able to explain a diverse set of mechanical phenomena is that the laws of mechanics all deal with the same sort of thing—material objects, their mass, shape, size, and position… mass and velocity, and electrical and other physical properties, of material objects are utterly different from the mental (private) properties of thought and feeling which pertain to souls… thoughts do not differ from each other along measurable scales. One thought does not have twice as much of some sort of meaning as another one… A desire for roast beef is not distinguished from a desire for chocolate by having twice as much of something… Having a soul is all-or-nothing…

Ma la scienza non potrebbe sorprenderci? Già in passato abbiamo avuto riduzioni inattese.

… es: Thermodynamics dealing with heat was reduced to statistical mechanics dealing with velocities of large groups of particles of matter and collisions between them… Optics was reduced to electromagnetism… but… There is a crucial difference… There is a crucial difference between these cases. Every earlier integration into a super-science, of sciences dealing with entities and properties apparently qualitatively very distinct, was achieved by saying that really some of these entities and properties were not as they appeared to be… The felt hotness of a hot body is indeed qualitatively distinct from particle velocities and collisions. The reduction to statistical mechanics was achieved by distinguishing between the underlying cause of the hotness (the motion of molecules) and the sensations which the motion of molecules cause in observers, and saying that really the former was what temperature was, the latter was just the effect of temperature on observers such as us… molecules are particles; the entities and properties are not now of distinct kinds… the reduction was achieved at the price of separating off the felt hotness from its causes, and only explaining the latter… when you come to face the problem of the mental events themselves, you cannot do this…success of science in producing an integrated physico-chemistry has been achieved at the expense of separating off from the physical world colours, smells, and tastes…history of science shows is that the way to achieve integration of sciences is to ignore the mental…

Con queste premesse è normale che la spiegazione darwiniana della coscienza sia fallimentare:

… Darwinian explanation would explain equally well the evolution of inanimate robots. Could not Darwinism also tell us something about how the bodies came to be connected with consciousness… It may well be that certain primitive brain states cause the existence of souls—as the foetal brain reaches a certain state of development it gives rise to a soul connected with it. But what it could not cause is—which soul is connected with it…

Al contrario, il teismo è a suo agio nello spiegare simili fenomeni:

… God, being omnipotent, is able to join souls to bodies… He has good reason to cause the existence of souls… have enjoyable sensations, satisfy their desires, have their beliefs about what the world is like, and form their own purposes in the light of these beliefs which make a difference to the world… He may also have a reason to join this soul to this particular body… he has a special reason for producing human beings. Human beings differ from the higher animals in the kinds of beliefs and purposes they have. For instance, we have moral beliefs, beliefs about the origin of our existence or fundamental theories of mathematics. We can reason from this to that, and our beliefs are consciously… Humans also, I believe, and I suggested in Chapter 1, have free will—that is, our purposes are not fully determined by our brain states or anything else…

La libertà è cosa buona e certamente l’uomo ne puo’ godere, almeno in parte:

… Is not the brain an ordinary material object in which normal scientific laws operate? How, then, can a human freely choose to move his arm or not, or perform any piece of public behaviour, without violating scientific laws?… if humans have free will, would they not then be able to prevent normal scientific laws operating in the brain?… One answer to this is that quite obviously the brain is not an ordinary material object, since—unlike ordinary material objects—it gives rise to souls and their mental lives. Hence we would not necessarily expect it to be governed totally by the normal laws of physics… second answer… Quantum Theory, shows that the physical world on the small scale is not fully deterministic… This unpredictability is not just a limit to human ability to predict effects, but, if Quantum Theory is true, a limit to the extent to which material objects have precise effects, a limit to the extent to which the physical world is deterministic… These two answers suggest that there is no reason from physics for supposing that things are not as they seem to be with respect to free human choice… In so many different ways we can choose between good and evil, and our choices make a big difference. A generous God has reason to create such beings…

Su questo fronte l’ipotesi teista sembra distaccare le sue rivali:

… The existence of God, a simple hypothesis which leads us with some probability to expect the phenomena discussed … also leads us to expect these phenomena… Hence they constitute further evidence for his existence… God’s action also provides the ultimate explanation of there being a soul…

6.

Molti non riescono a credere per la presenza del male nel mondo: come puo’ un Dio buono aver creato un mondo con tanto male?

… An omnipotent God could have prevented this evil, and surely a perfectly good and omnipotent God would have done so. So why is there this evil?… what good things would a generous and everlasting God give to human beings in the course of a short earthly life…

Evidentemente Dio ha barattato la libertà dell’uomo con la presenza del male:

… He will seek to give us great responsibility for ourselves, each other, and the world, and thus a share in his own creative activity of determining what sort of world it is to be… The problem is that God cannot give us these goods in full measure without allowing much evil on the way…

Qui bisogna distinguere tra male etico e male naturale:

… there are plenty of evils, positive bad states, which God could if he chose remove. I divide these into moral evils and natural evils… I understand by ‘natural evil’ all evil which is not deliberately produced by human beings and which is not allowed by human beings to occur as a result of their negligence…

Nel primo caso il baratto male/libertà è evidente: Dio concede libertà di scelta all’uomo limitando la sua onnipotenza.

… The free-will defence claims that it is a great good that humans have a certain sort of free will which I shall call free and responsible choice, but that, if they do, then necessarily there will be the natural possibility of moral evil… A God who gives humans such free will necessarily brings about the possibility, and puts outside his own control whether or not that evil occurs. It is not logically possible—that is, it would be self-contradictory to suppose—that God could give us such free will and yet ensure that we always use it in the right way…

La libertà che Dio ci concede è qualcosa di serio, non uno scherzetto:

… God would have reserved for himself the all-important choice of the kind of world it was to be, while simply allowing humans the minor choice of filling in the details. He would be like a father asking his elder son to look after the younger son, and adding that he would be watching the elder son’s every move and would intervene the moment the elder son did a thing wrong. The elder son might justly retort that, while he would be happy to share his father’s work, he could really do so only if he were left to make his own judgements…A good God, like a good father, will delegate responsibility. In order to allow creatures a share in creation, he will allow them the choice of hurting and maiming, of frustrating the divine plan…

Teniamo presente il fatto che il male non è mai una perdita pura: dal male viene il bene e dal bene viene il male:

… Note further and crucially that, if I suffer in consequence of your freely chosen bad action, that is not by any means pure loss for me. In a certain respect it is a good for me. My suffering would be pure loss for me if the only good thing in life was sensory pleasure, and the only bad thing sensory pain; and it is because the modern world tends to think in those terms that the problem of evil seems so acute… Recall the words of Christ, ‘it is more blessed to give than to receive’…

Il sacrificio ci nobilita, difficile far passare questo concetto in una società ossessionata dal male fisico:

…  Being allowed to suffer to make possible a great good is a privilege, even if the privilege is forced upon you. Those who are allowed to die for their country and thereby save their country from foreign oppression are privileged. Cultures less obsessed than our own by the evil of purely physical pain have always recognized that…

La mia sofferenza nobilita anche il mio persecutore:

… I am fortunate if the natural possibility of my suffering if you choose to hurt me is the vehicle which makes your choice really matter. My vulnerability, my openness to suffering (which necessarily involves my actually suffering if you make the wrong choice), means that you are not just like a pilot in a simulator, where it does not matter if mistakes are made…

Chiediamoci quale sia il mondo migliore: quello piacevole ma senza responsabilità o quello pieno di inconvenienti ma con la responsabilità umana?

… So then God, without asking humans, has to choose for them between the kinds of world in which they can live—basically either a world in which there is very little opportunity for humans to benefit or harm each other, or a world in which there is considerable opportunity… There are clearly reasons for both choices. But it seems to me (just, on balance) that his choosing to create the world in which we have considerable opportunity to benefit or harm each other is to bring about a good at least as great as the evil which he thereby allows to occur…

Veniamo al male naturale: qual è il suo ruolo? E’ un banco di prova che saggia l’uso che l’uomo fa della sua libertà:

… Its main role rather, I suggest, is to make it possible for humans to have the kind of choice which the freewill defence extols, and to make available to humans specially worthwhile kinds of choice…  natural evil operates to give humans their freedom is that it makes possible certain kinds of action towards it between which agents can choose. It increases the range of significant choice… A particular natural evil, such as physical pain, gives to the sufferer a choice—whether to endure it with patience, or to bemoan his lot… I have then the opportunity to show gratitude for the sympathy; or to be so self-involved that I ignore it. If you are callous, I can choose whether to ignore this or to resent it for life…

Ma non basta il male morale come banco di prova?

… It may, however, be suggested that adequate opportunity for these great good actions would be provided by the occurrence of moral evil without any need for suffering to be caused by natural processes. You can show courage when threatened by a gunman…

Niente male naturale, niente eroi, niente coraggio.

… But just imagine all the suffering of mind and body caused by disease, earthquake, and accident unpreventable by humans removed at a stroke from our society… Many of us would then have such an easy life that we simply would not have much opportunity to show courage… God has the right to allow natural evils to occur (for the same reason as he has the right to allow moral evils to occur)—up to a limit…

Cerchiamo di immaginare due mondi possibili:

… You can have either a few minutes of very considerable pleasure, of the kind produced by some drug such as heroin, which you will experience by yourself and which will have no effects at all in the world (for example, no one else will know about it); or you can have a few minutes of considerable pain, such as the pain of childbirth, which will have (unknown to you at the time of pain) considerable good effects on others over a few years. You are told that, if you do not make the second choice, those others will never exist—and so you are under no moral obligation to make the second choice. But you seek to make the choice which will make your own life the best life for you to have led. How will you choose? The choice is, I hope, obvious. You should choose the second alternative…

Dio, di regola, non sospende le leggi naturali per evitare un male, questo per facilitare la conoscenza umana dell’universo.

Ma perché non renderci edotti a minor prezzo? Imparare non è un pic nic:

But could not God give us the requisite knowledge (of how to bring about good or evil) which we need in order to have free and responsible choice by a less costly means?… That knowledge would greatly inhibit his freedom of choice, would make it very difficult for him to choose to do evil… Natural processes alone give humans knowledge of the effects of their actions without inhibiting their freedom…

Riassunto:

… Natural evils give to us the knowledge to make a range of choices between good and evil, and the opportunity to perform actions of especially valuable kinds…

E la sofferenza animale? Esiste una teodicea anche per loro? Secondo RS sì: per l’animale vale tutto quanto detto per l’uomo anche se in misura minore:

… while the higher animals, at any rate the vertebrates, suffer, it is most unlikely that they suffer nearly as much as humans do. Given that suffering depends directly on brain events (in turn caused by events in other parts of the body), then, since the lower animals do not suffer at all and humans suffer a lot, animals of intermediate complexity (it is reasonable to suppose) suffer only a moderate amount… one does not need as powerful a theodicy as one does in respect of humans… That said, there is, I believe, available for animals parts of the theodicy which I have outlined above for humans. The good of animals, like that of humans, does not consist solely in thrills of pleasure. For animals, too, there are more worthwhile things, and in particular intentional actions, and among them serious significant intentional actions… Animals do not choose freely to do such actions, but the actions are nevertheless worthwhile. It is great that animals feed their young, not just themselves…

Non dimentichiamo poi che esiste il Paradiso:

… While believing that God does provide at any rate for many humans such life after death, I have expounded a theodicy without relying on this assumption. But I can understand someone thinking that the assumption is needed, especially when we are considering the worst evils…

7.

Come giustificare la presenza in questo mondo dei miracoli e di esperienze religiose quali le apparizioni?

Un Dio che ama la sua creatura dovrebbe interagire con lei senza occultarsi:

… if there is a God, who, being perfectly good, will love his creatures, one would expect him to interact with us occasionally more directly on a personal basis, rather than merely through the natural order…

Senonché, un intervento divino nel mondo troppo frequente rischierebbe – attraverso la sospensione delle leggi naturali – di minare la formazione della conoscenza umana:

…. He will not, however, intervene in the natural order at all often, for, if he did, we would not be able to predict the consequences of our actions…

Il miracolo – magari in risposta ad una preghiera –  è infatti una sospensione delle leggi della fisica. 

Qualora ci trovassimo di fronte ad un evento apparentemente miracoloso, la conoscenza pregressa razionale si farebbe sentire in due forme: 1) la nostra conoscenza scientifica del mondo che afferma l’esistenza di talune leggi naturali 2) l’ipotesi teista la quale afferma che esistono ragioni per cui Dio potrebbe intervenire nella storia con un miracolo.

Da buoni investigatori si tratterebbe di raccogliere elementi e di soppesarli alla luce della conoscenza pregressa.

… what we are doing is to seek the simplest theory of what happened in the past which leads us to account for the data (what I have here called the detailed historical evidence), and which fits in best with our background knowledge… I am inclined to think that we do have enough historical evidence of events occurring contrary to natural laws of a kind which God would have reason to bring out to show that probably some of them (we do not know which) are genuine miracles… Or, rather, we have enough detailed historical evidence in some such cases given that we have a certain amount of background evidence to support the claim that there is a God, able and willing to intervene in history…

L’osservatore razionale deve dare un peso alla conoscenza di fondo, l’approccio di molti storici, in questo senso, sembra scorretto nell’assegnare le probabilità ad un evento miracolistico.

… It is so often said in such cases that we ‘may be mistaken’. New scientific evidence may show that the event as reported was not contrary to natural laws… Maybe. But the rational enquirer in these matters, as in all matters, must go on the evidence available… Historians often affirm that, when they are investigating particular claims about past events important to religious traditions—for example, about what Jesus did and what happened to him—they do so without making any religious or anti-religious assumptions. In practice most of them do not live up to such affirmations. Either they heavily discount such biblical claims as that Jesus cured the blind on the grounds that such things do not happen… But what needs to be appreciated is that background evidence ought to influence the investigator—as it does in all other areas of enquiry. Not to allow it to do so is irrational… The existence of detailed historical evidence for the occurrence of violations of natural laws of a kind which God, if there is a God, would have had reason to bring about is itself evidence for the existence of God…

Alcuni pensano che presupporre l’esistenza di Dio per capire se l’evento storico della Resurrezione si areale e poi utilizzare questa conclusione per supportare l’esistenza di Dio sia un argomento circolare. Sbagliato. Un’analogia mette in luce la natura erronea dell’obiezione:

… Consider, by analogy, a detective investigating a crime and considering the hypothesis that Jones committed the crime. Some of his clues will be evidence for the occurrence of some event, an event which, if it occurred, would provide evidence in its turn for the hypothesis that Jones committed the crime. The former might, for example, be the evidence of witnesses who claim to have seen Jones near the scene of the crime. Even if Jones was near the scene of the crime, that is in its turn on its own fairly weak evidence that he committed the crime. Much more evidence is needed. But because the testimony of witnesses is evidence for Jones having been near the scene of the crime, and Jones having been near the scene is some evidence that he committed it, the testimony of the witnesses is nevertheless some (indirect) evidence for his having committed the crime. Likewise, evidence of witnesses who claim to observe a violation of natural laws is indirect evidence for the existence of God, because the occurrence of such violations would be itself more direct evidence for the existence of God. If the total evidence becomes strong enough, then it will justify asserting that God exists…

Ma perché i miracoli? Una prima ragione:

… One reason which God may have for intervening in history is to inform us of things, to reveal truths to us…

Il caso della Rivelazione rientra in questa categoria.

Noi siamo creature limitate, soggette a bias, cosicché un aiutino è comprensibile. Anche il buon genitore che insegna al figlio ogni tanto interviene con alcune facilitazioni.

Tutti i grandi monoteismi, del resto, reclamano un intervento divino informativo. Come possiamo discernere tra le diverse Rivelazioni? Palusibilità dei contenuti e firma autentica (miracolo) sono la guida.

… How are we to judge between these competing claims? In two ways. First, by the plausibility on other grounds of what they claim to be the central revealed doctrines… The point of revelation is to tell things too deep for our unaided reason to discover. What we need also is some guarantee of a different kind that what is claimed to be revealed really comes from God. To take an analogy, non-scientists cannot test for themselves what physicists tell them about the constitution of the atom… In the case of a purported revelation from God, that guarantee must take the form of a violation of natural laws which culminates and forwards the proclamation of the purported revelation..

Perché la Rivelazione cristiana è da preferire?

… in my view only one of the world’s major religions can make any serious claim, on the grounds of detailed historical evidence, to be founded on a miracle, and that is the Christian religion… Eastern religions (e.g. Hinduism) sometimes claim divine interventions, but not ones in historical periods for which they can produce many witnesses or writers who have talked to the witnesses… Judaism claims divine interventions connected especially with Moses and the Exodus from Egypt, our information about them was written down long after the events… natural causes may easily account for the East wind which caused the parting of the Red Sea… The Christian religion, by contrast, was founded on the purported miracle of the Resurrection of Jesus. If this event happened in anything like the way the New Testament books record it as the coming to life of a man dead by crucifixion thirty-six hours earlier, it clearly involved the suspension of natural laws, and so, if there is a God, was brought about by him, and so was a miracle… Here we have a serious historical claim of a great miracle for which there is a substantial evidence…

A volte sfugge che le probabilità del miracolo sono influenzate anche dalla plausibilità del messaggio veicolato. In altri termini, se l’ipotesi teistica è la più razionale nello spiegare il nostro mondo, dobbiamo chiederci se il messaggio cristiano si conforma a tale ipotesi. Esempio: un Dio che ama la sua creatura (il Dio dell’ipotesi teistica) cerca di stargli vicino, specie nella sofferenza: ecco che la dottrina cristiana dell’Incarnazione ci appare come estremamente plausibile. Così come quella del Paradiso.

… The first point is that it is a mark of rationality to take background knowledge—other evidence about whether there is a God able and willing to intervene in history—into account… The second is that, given that God does have reason to intervene in history, partly in order to reveal truths about himself, evidence for the truth of the Resurrection must include the plausibility… the sort of reason I have in mind may be illustrated very briefly in the case of the Incarnation… A good parent who has to make his child endure hardship for the sake of some greater good will often choose voluntarily to endure such hardship along with the child in order to express solidarity with him and to show him how to live in difficult circumstances. For example, if the child needs to have a plain diet for the sake of his health, the parent may voluntarily share such a diet… One item of purported revelation common to Western religions (though not taught by all branches of Judaism) is the doctrine of life after death… We humans will live again, and the kind of life we have will depend on how we live in this world… This doctrine seems to me intrinsically plausible—a perfectly good God might be expected in the end to respect our choice as to the sort of person we choose to be and the sort of life we choose to lead…

Il giudizio deve essere sempre comparato:

… the claims of the Christian revelation must be compared with those of other religions. If there is reason (of intrinsic plausibility, or historical evidence for a foundation miracle) to suppose that God has revealed contrary things in the context of another religion, that again is reason to suppose that the Christian revelation is not true, and so that its founding event did not occur… My own view—to repeat—is that none of the great religions can make any serious claim on the basis of particular historical evidence for the truth of their purported revelations, apart from the Christian religion…

Alcune persone necessitano di un’ esperienza personale per fortificare la propria fede. In casi del genere, difficile pensare ad un Dio impassibile.

… An omnipotent and perfectly good creator will seek to interact with his creatures… He has reason, as we have seen, to interact in the public world—occasionally making a difference to it in response to our prayers for particular needs…

Un’apparizione puo’ essere descritta sia in termini fattuali che in termini fenomenici:

We may describe our experiences (perceptions) of things either in terms of what they are of; or—being careful in case we may be mistaken—in terms of what they seem or appear (general words)… Note two very different uses of such verbs as ‘seems’, ‘appears’, and ‘looks’. When I look at a round coin from an angle I may say that ‘it looks round’ or I may say that ‘it looks elliptical’, but I mean very different things by the ‘looks’ in the two cases. By ‘it looks round’ in this context I mean that—on the basis of the way it looks—I am inclined to believe that it is round. By ‘it looks elliptical’ in this context I mean that it looks the way elliptical things normally (that is, when viewed from above) look. The former sense in philosophical terminology is the epistemic sense; the latter sense the comparative sense

Per assolvere alla sua funzione basta l’aspetto fenomenico dell’esperienza religiosa. Del resto, in mancanza di prova contraria fenomeno e fatto coincidono (principio di credulità):

An apparent experience (apparent in the epistemic sense) is a real experience… My apparent perception of the desk is a real perception if the desk causes (by reflecting them) light rays to land on my eyes… Now it is evident that, rightly or wrongly, it has seemed (in the epistemic sense) to millions and millions of humans that at any rate once or twice in their lives they have been aware of God and his guidance… They may be mistaken, but that is the way it has seemed to them. Now it is a basic principle of rationality, which I call the principle of credulity, that we ought to believe that things are as they seem to be… Just as you must trust your five ordinary senses, so it is equally rational to trust your religious sense… An opponent may say that you trust your ordinary senses (e.g. your sense of sight) because they agree with the senses of other people…  However, it is important to realize that the rational person applies the principle of credulity before he knows what other people experience… Anyway, religious experiences often do coincide with those of so many others… If some people do not have these experiences, that suggests that they are blind to religious realities—just as someone’s inability to see colours

Onere della prova:

… So in summary in the case of religious experiences, as in the case of all other experiences, the onus is on the sceptic to give reason for not believing what seems to be the case. The only way to defeat the claims of religious experience will be to show that the strong balance of evidence is that there is no God…

Un’obiezione comune:

… It might be said that only the religious have religious experiences. That is not always so… Only someone who knew what a telephone was could seem to see a telephone… a famous story of someone who could not recognize an experience of God for what it was until he was told something about God, see the story of the child Samuel in the Temple…

Tesi:

… I suggest that the overwhelming testimony of so many millions of people to occasional experiences of God must, in the absence of counter-evidence of the kind analysed, be taken as tipping the balance of evidence decisively in favour of the existence of God…

COMMENTO PERSONALE

La teologia generale proposta da Richard Swinburne mi sembra la più valida sul mercato delle idee. Certo, richiede di rinunciare alla scolastica accantonando l’ipotesi di un Dio fuori dal tempo in quanto figura incompatibile con l’interazione uomo/Dio nella storia. Avrei però due integrazioni da fare. La prima riguarda la teodicea, che lascia irrisolta una questione importante: se il male naturale costituisce un banco di prova, perché persone diverse hanno “banchi di prova” diversi? Perché alcuni sono vittime del terremoto e altri no? Risposta possibile: la causa è la nostra diversità è radicale che richiede prove su misura per emettere un giudizio. Da questa osservazione nasce anche il “non giudicare” cristiano: come posso giudicare dall’esito se i punti di partenza sono diversi per ciascuno di noi? Poi, trattando dei miracoli, c’è il problema non affrontato delle risposte di Dio alle nostre preghiere: perché un Dio onnipotente e onnisciente dovrebbe intervenire (miracolosamente) per rispondere alle nostre preghiere? Non poteva prevedere in anticipo la soluzione migliore anziché modificare a “lavori in corso”? Risposta plausibile: no, non poteva prevedere poiché la previsione perfetta dei comportamenti umani è difficilmente compatibile con la libertà dell’uomo: una preghiera particolarmente sentita puo’ sorprendere anche Dio che valuta certi desideri espressi con una tale intensità da meritare soddisfazione. In conclusione vorrei dissipare un equivoco: vivere la fede non significa aderire all’ipotesi più razionale sul mercato delle idee. Tale ipotesi è infatti di tipo probabilistico mentre la fede vissuta ha natura esistenziale. La fede è una scelta che potremmo definire pragmatica: una volta calcolata l’ipotesi più probabile cercare di crederci fino e farne una scelta di vita, salvo dedicarsi ad una verifica di tanto in tanto.

1082084950

Ultras: un eccitante mondo di calci, pugni e testate.

Nel suo saggio “Hooligans” Peter Leeson tenta di decifrare il fenomeno ultras osservandolo da un’angolazione originale.

Ecco la sua tesi di fondo:

… We model hooligans as persons who derive utility from conflict. Legal penalties for conflicting with non-hooligans drive hooligans to form a kind of “fight club” where they fight only one another…

I vero nemico del divertimento ultras è il sadico:

… it attracts ultra-violent persons we call “sadists.” If the proportion of fight-club members who are sadists grows sufficiently high, the fight club self-destructs…

L’arma che gli ultras utilizzano per emarginare i sadici sono i “codici d’onore”:

Rules that regulate the form club conflict can take, but don’t eliminate conflict, can prevent the club from self-destructing even when populated exclusively by sadists…

Agli ultras piacciono le botte e le risse. La violenza non è per loro uno strumento ma l’oggetto del divertimento in sé.

… With hooligans things are different. Hooligans don’t conflict to get more of a contested resource. They conflict to conflict. For hooligans, fighting is a source of utility…

SOCC

C’è una differenza non da poco tra l’essere tifosi e l’essere ultras, per questi ultimi la partita è poco più che un pretesto:

… Hooligans are distinct from “ordinary” football fans who might occasionally drink too much and find themselves in altercations with the fans of opposing teams. The former persons see conflict with likeminded rival fans as one of their primary ends…

Nelle parole di un protagonista:

… “I go to a match for one reason only: the aggro [i.e., fighting] . . . . I get so much pleasure when I’m having aggro that I nearly wet my pants . . . I go all over the country looking for it . . . every night during the week we go around town looking for trouble”…

Gli ultras amano le risse ma hanno cura di evitare ferimenti gravi (cesserebbe il divertimento):

… However, they’re similar to most other people in that they don’t enjoy being seriously injured. Hooligans aren’t masochists. Hooligans are willing to subject themselves to a reasonably small probability of serious injury, which naturally attends any altercation…

Le curve hanno nomi pittoreschi e legati alla battaglia:

… hooligan firms include “The Red Army” (Manchester United), the “Headhunters” (Chelsea), “The Gooners” (Aresnal), the “United Service Crew” (Leed), the “Bushwhackers”… (Millwall), the “Blades Business Crew” (Sheffield United), and the “Inter City Firm” (West Ham United)…

A volte la rissa è pre-ordinata:

… to avoid legal trouble, rival hooligan firms sometimes prearrange meeting times and places to fight outside of football-related events…

I rituali sono centrali nel conflitto fisico tra ultras e a volte arrivano addirittura a sostituirlo:

… many hooligan fights are ritualistic and non-violent (Marsh 1978a; Marsh et al. 1978). They involve verbal conflicts, such as taunting, name calling, and chasing. Even physically violent hooligan conflicts, which may involve punching, kicking, and weapons, rarely result in serious injuries…

SOCCER

Il rischio di tutto questo è quello di attrarre i sadici:

… Hooliganism is an activity known for violent conflict. It threatens to attract sadistic personspersons who enjoy seriously injuring others in violent conflicts. Thus we would expect hooliganism to suffer from uncontrolled conflict and generate rampant serious injuries…

Queste persone sono una vera minaccia per il divertimento ultras:

… Sadists spoil the fight club and put all hooligans back “in the wild” where they’re unable to realize the gains from trade available from fighting one another. This reduces brawlers’ welfare. But it reduces sadists’ welfare too. Sadists prefer to seriously injure their opponents when they can. But short of that, they would rather fight persons who won’t prosecute them for assault than be unable to fight at all…

Per isolare i sadici si insiste su rituali e codici d’onore. Per esempio, si evita ogni aggressione ai tifosi ordinari:

… hooligans seek to fight other hooligans— not ordinary football fans or other members of the non-hooligan public, who are likely to bring them legal trouble…

Ci si posiziona solo in curva e si delimitano con cura le zone pericolose:

… hooligans have historically seated themselves in particular areas of football stadiums known to be inhabited by hooligans… seating areas immediately behind the goals… pubs… train station

Gli ultras hanno una loro uniformi al fine da non coinvolgere terzi nelle loro risse:

… Traditionally, hooligans have worn scarves around their wrists and shirts in their team’s colors and Doc Marten boots… members of the Chelsea Headhunters became known for wearing “Armani pullovers and other designer clothes” (Haley 2001). Other hooligans sport gear from CP Company, Paul & Shark, Ralph Lauren, Stone Island, and Versace (Thornton 2003)…

Se degli estranei entrano sul campo di battaglia si è tenuti ad arrestare il tafferuglio.

… When non-hooligans come into the danger area amidst a “fight-club” foray, hooligans may even cease fighting to avoid the legal repercussions…

Ci sono dei modi ben precisi per innescare un conflitto. Bisogna innanzitutto lanciare la sfida nelle forme previste. Un attacco proditorio sarebbe da codardi:

… Once a fellow “fight-club” member has been identified, to initiate a fight the hooligan code requires a clear challenge to be made and accepted by the rival hooligan( s)… Fight initiation may involve behavior as simple as staring intently at a rival hooligan without diverting one’s eyes, to name calling, chanting or singing threats or boasts, or, at matches, the invasion of rival hooligans’ seating area… rules of fight initiation prevent unanticipated physical attacks, such as “sucker punching,”

Esiste un diritto a declinare la sfida:

… hooligan rules for initiating fights permit hooligans who on a particular occasion aren’t up to a fight, perhaps because they’re severely outnumbered, physically weak, or suffering from some other circumstance that would render them less capable of more evenly defending themselves, to decline physical conflict

Si combatte a calci, pugni e testate, al massimo vengono ammessi solo oggetti reperiti casualmente sul posto durante lo scontro. No coltelli e altre armi.

… Most physical fights between hooligans are with fists and feet. However, certain weapons are also permitted… “Glasses and bottles are acceptable . . . anything you can get hold of, you know, a bar stool, ashtray, bottle, because they’ve got the same chance; but knives are out of order”… Everyday objects lying about in the space where a physical fight occurs are available to both adversaries…

Esistono convenzioni anche per dichiarare la fine dello scontro:

A final rule of fighting is that a fight may be ended at any time by either fighter. According to the hooligan code, when a hooligan indicates that he’s had enough, the conflict must cease… segni di resa:  refraining from action, keeping quiet, looking down at the floor, and running…

SOCCERRR

Le regole si applicano mediante il meccanismo della reputazione (personale e della curva).

Chi non rispetta il codice è bollato come codardo e allontanato dai suoi stessi compagni poiché scredita tutto il gruppo.

… For example, the “Blades Business Crew” not only didn’t carry knives. They considered anyone who did carry them weak and cowardly and so ostracized them… “Bringing a Knife . . . by your own supporters sometimes it’s looked down on as being a form of, you know, cowardice”…

Per anticipare gli inconvenienti molte curve hanno complesse procedure di ammissione al gruppo:

… Indeed, to protect their reputations, hooligan firms are unlikely to admit simply anyone expressing an interest to join them. Rather, membership is restricted, requiring a lengthy process through which a would-be firm member must demonstrate his character to existing firm members…

Un altro mezzo per esaltare la reputazione è quello di dotarsi di una ferrea gerarchia: solo i migliori e i più corretti vanno avanti.

A cosa servono i compiti a casa?

Nel suo saggio “Homework is wrecking our kids: The research is clear, let’s ban elementary homework” la tesi sostenuta da Heather Shumaker è chiara:

… There is no evidence that any amount of homework improves the academic performance of elementary students…

C’è chi legge il giornale e fa di questo tema il fatto del giorno e c’è chi invece ha dedicato una vita alla questione. Forse è meglio sentire quest’ultimo, si chiama Harris Cooper, conduce le sue ricerche presso la Duke University. Ecco cosa pensa in merito: 

… Homework has benefits, but its benefits are age dependent

Per le elementari:

… For elementary-aged children, research suggests that studying in class gets superior learning results, while extra schoolwork at home is just . . . extra work

Una precisazione sulle evidenze disponibili:

… let’s dispel the myth that these research results are due to a handful of poorly constructed studies. In fact, it’s the opposite. Cooper compiled 120 studies in 1989 and another 60 studies in 2006. This comprehensive analysis of multiple research studies found no evidence of academic benefit…

Ma perché i compiti fanno più male che bene? C’è l’ipotesi della motivazione:

… A child just beginning school deserves the chance to develop a love of learning. Instead, homework at a young age causes many kids to turn against school, future homework and academic learning…

Poi c’è un’ipotesi legata ai rapporti familiari:

… Then there’s the damage to personal relationships. In thousands of homes across the country, families battle over homework nightly. Parents nag and cajole. Overtired children protest and cry. Instead of connecting and supporting each other at the end of the day, too many families find themselves locked in the “did you do your homework?”…

Poi c’è la questione della dipendenza:

… When homework comes prematurely, it’s hard for children to cope with assignments independently— they need adult help to remember assignments and figure out how to do the work. Kids slide into the habit of relying on adults to help with homework or, in many cases, do their homework…

peiretti

La medicina che uccide

Il web è pieno di medici che si divertono a giocare allo “scienziato” occupandosi di questioni marginali come l’inefficacia delle terapie alternative (che ben pochi adottano). Mai nessuno di loro che denunci la questione centrale: la medicina ufficiale (quella utilizzata da tutti) uccide. No, non parlo di quegli episodi di “malasanità” con i quali fanno festa ogni tanto i giornali, parlo del fatto che la sanità presa nel suo complesso nuoce alla nostra salute producendo più morti che guarigioni.

In “Cut Medicine an Half” Robin Hanson è attratto dal mancato collegamento tra spesa sanitaria e salute.

Per il profano è una verità straordinaria, per l’esperto una verità nota. Tuttavia, nessuno dei due – sia l’ignorante che il sapiente – ha il coraggio di pronunciarla in modo chiaro e netto. E’ a questo che serve Robin Hanson, per riferire verità imbarazzanti quanto consolidate.

Per mettere in chiaro lo spreco di risorse sottostante Hanson propone una limpida analogia:

Car inspections and repairs take a small fraction of our total spending on cars, gas, roads, and parking. But imagine that we were so terrified of accidents due to faulty cars that we spent most of our automotive budget having our cars inspected and adjusted every week by Ph.D. car experts. Obsessed by the fear of not finding a defect that might cause an accident, imagine we made sure inspections were heavily regulated and subsidized by government… Then let me speak plainly: our main problem in health policy is a huge overemphasis on medicine… But health policy experts know that we see at best only weak aggregate relations between health and medicine, in contrast to apparently strong aggregate relations between health and many other factors, such as exercise, diet, sleep, smoking, pollution, climate, and social status

Il mito e la verità sulle sorti della nostra salute:

Children are told that medicine is the reason we live longer than our ancestors, and our media tell us constantly of promising medical advances… In contrast, few doctors know that historians think medicine has played at best a minor role in our increased lifespans over the centuries. And only a few health policy experts now know about the dozens of studies of the aggregate health effects of medicine. Worse, these studies can seem muddled, with some showing positive, some showing negative, and some showing neutral effects of medicine on health…

Insomma, il punto di partenza – per quanto disturbante – non è un’eresia sostenuta da un tipo originale ma l’ortodossia ammessa (a denti stretti) da tutti gli esperti:

In the aggregate, variations in medical spending usually show no statistically significant medical effect on health…

Precisiamo cosa intendere per “variazione” e “aggregato”, chi è spiazzato da questa verità spesso fatica a cogliere i concetti di fondo:

By “variations” I mean the large changes in medical spending often induced by observable disturbances, such as changing culture or prices, and by “aggregate” I mean studies of the health effect on an entire population of disturbances that affect a broad range of medical treatments…

Una cosa è certa: la nostra salute è migliorata in modo strepitoso nel tempo, senonché – per quanto ne sappiamo – i progressi sanitari non hanno contribuito all’impresa, l’intero miglioramento è da attribuire a fattori diversi. La “speranza di vita” sintetizza bene anche gli altri indicatori della nostra salute:

… large and significant lifespan effects: a three year loss for smoking, a six year gain for rural living, a ten year loss for being underweight, and about fifteen year losses each for low income and low physical activity (in addition to the usual effects of age and gender)…

Persino professare una religione incide sulla salute  più di quanto spendi per il medico.

Riassunto:

Let us now summarize and interpret these results. Medicine is composed of a great many specific activities. Presumably some of these activities help patients, some hurt patients, and some are neutral. (Don’t believe medicine can hurt? Consider the high rate of medical errors, and see the Fisher & Welch Journal of American Medical Association 1999 theory article.)…

Tesi:

I thus claim: we could cut U.S. medical spending in half without substantial net health costs…

In realtà Hanson non chiede riforme, chiede solo  che gli esperti parlino chiaro quanto lui:

… Yes, I know, these are not politically realistic proposals. But at least health policy experts should publicly contradict those who overemphasize medicine…

O che perlomeno parte dei fondi vengano dirottati su studi di vasta scala che tentino di replicare ulteriormente quelli ora a nostra disposizione:

If health policy experts hesitate on my proposals due to doubts about how much we can rely on the RAND experiment and correlation studies, then they should at the very least immediately and fully support channeling available funding into repeating the RAND experiment today

C’è poi un consiglio personale: meno dottori e meno medicine:

Do you have little voice in health policy or research? Then at least you can change your own medical behavior: if you would not pay for medicine out of your own pocket, then don’t bother to go when others offer to pay; the RAND experiment strongly suggests that on average such medicine is as likely to hurt as to help…

Ma la verità più inquietante è  che molte cure mediche fanno indubitabilmente bene:

What about studies suggesting larger benefits in particular areas, e.g., immunization, infant care, and emergency care? Yes, there are categories of medicine where larger benefits seem plausible, and… empirical studies support such claims…

Parlo di “verità inquietante” perché – visto che molta sanità giova – cio’ significa che molta sanità uccide di brutto (l’effetto aggregato è zero). Gli errori medici sono i maggiori indiziati, anche perché nessuno conosce la loro entità (è di pochi giorni fa la sentenza che rende illegittimo installare una telecamera in sala operatoria). Molti medici ci uccidono, dobbiamo prendere atto di questa elementare verità.

Si tratta di uno spreco che riguarda i nostri tempi? Tutt’altro a parere degli storici.

… What if everything has changed recently? Overreliance on medicine seems to be quite ancient and widespread; historians suggest that until recently our ancestors would have been better off avoiding doctors…

Questa osservazione ci fa capire che una notizia tanto sgradevole vale probabilmente anche per l’ Europa, sebbene mediamente la spesa sanitaria europea sia inferiore (anche in epoche passate – infatti – si spendeva di meno).

Come mai nei test mirati di solito si registra una certa efficienza delle pratiche mediche mentre l’effetto aggregato è zero? Risposta: Publication bias, data minimg, leaky placebo effect… Nel caso della sperimentazione specifica esistono interessi mirati che si fanno sentire sfruttando i molti bias a disposizione (sopra cito i tre più notevoli), mentre negli studi sull’effetto aggregato gli interessi in campo pesano molto meno avendo un problema di free riding.

… How could we be this wrong about medicine? If you wonder how the usual medical literature could give such a misleading impression of aggregate medical effects on health, I will point to funding and publication selection biases, statistical tests ignoring data mining, leaky placebo effects, differences between lab and field environments, and the fact that most treatments today have no studies

Ma perché il consumatore dovrebbe buttare i suoi soldi in cure che non lo beneficiano? Qui Hanson favorisce un’ipotesi evoluzionista: siamo abituati ad usare la sanità per ostentare la nostra cura verso le persone a cui teniamo (“faccio di tutto per il mio piccolo…”). Dal punto di vista evoluzionistico la cura sanitaria prestata all’altro era un modo per stabilire preziose alleanze ed iniziare o rinsaldare una cooperazione: in questo senso l’efficacia delle cure è secondario rispetto al gesto.

… I’ll point you to my forthcoming Medical Hypotheses article, wherein I suggest humans long ago evolved a tendency to use medicine to “show that we care,” rather than just to get healthy. Briefly, the idea is that our ancestors showed loyalty by taking care of sick allies, and that, for such signals, how much one spends matters more than how effective is the care, and commonly-observed clues of quality matter more than private clues…

COMMENTO PERSONALE

Accolgo in toto l’analisi di Hanson. Sarà perché i “miei” due ultimi morti hanno avuto probabilmente la vita accorciata dal sistema sanitario, ovviamente non ne ho la certezza ma la cosa è plausibile, naturalmente non ho né voglia né tempo di approfondire (del resto cosa potrei fare?) ma sta di fatto che i dati aggregati non mi sorprendano. Non credo però che un taglio del 50% della spesa sanitaria (ammettiamo per un momento che sia politicamente fattibile) riduca il problema. Dove tagliare? Il timore di fare errori frenerebbe la mano a chiunque; e anche qui sono con Hanson nella sua visione evoluzionista del problema: tagliare sarebbe una dichiarazione di guerra più che una riforma razionale. L’aspetto simbolico della cura sanitaria domina sul contenuto reale. C’è un’ultima cosa: se in medicina l’aspetto simbolico è tanto importante sarei prudente nella condanna della medicina alternativa, si rischia di prendere lucciole per lanterne ostentando tanta sicumera.

STUDI E META-STUDI CITATI 

Fuchs, Health Affairs, 2004 –

Hadley, Medical Care Research and Review, 2003 –

Auster, Leveson, & Sarachek, Journal of Human Resources, in 1969 –

Byrne, Pietz, Woodard, & Petersen Health Economics 2007 –

Fisher, et al. Annals of Internal Medicine 2003 –

Fisher et. al. Health Services Research 2000 –

Skinner and Wennberg 1998 –

Lantz, et al. study in the Journal of the American Medical Association 1998 –

RAND health insurance experiment –

Fisher & Welch Journal of American Medical Association 1999 –

Filmer & Pritchett Social Science and Medicine 1999 – Joseph Doyle 2007 –

 

medici

Identikit del terrorista kamikaze

Chi è il terrorista kamikaze?

Potremmo definirlo un altruista radicale.

Un altruista che attinge a quelle stesse forze attraverso le quali abbiamo posto le fondamenta delle più nobili e più potenti civiltà umane.

E la religione c’entra?

Certo che c’entra, la religione è il mattone fondamentale per costruire la civiltà umana.

Ecco, in estrema sintesi queste sono le risposte che fornisce Scott Atran dopo aver a lungo parlato con loro in Talking to the Enemy: Faith, Brotherhood, and the (Un)Making of Terrorists. In realtà dietro c’è uno studio antropologico e psicologico decennale.

Ecco una riga tratta dal testamento spirituale di un martire, mi sempra esemplare di un comune sentire:

I and thousands like me have forsaken everything for what we believe. MOHAMMAD SI DI QUE KHAN, ELDEST OF THE JULY 7, 2005, LONDON UNDERGROUND SUICIDE BOMBERS

Tra i terroristi la voglia di martirio è sincera, la fede è integerrima e la dedizione assoluta:

I noticed tears welling up in the eyes of my traveling companion and bodyguard, Farhin. He had just heard of a young man who had recently been killed in a skirmish with Christian fighters, and the experiment seemed to bring the youth’s death even closer to home. “Farhin,” I asked, “did you know the boy?” “No,” he said, “but he was only in the jihad a few weeks. I’ve been fighting since Afghanistan [the late 1980s] and I’m still not a martyr.” I tried consoling him: “But you love your wife and children.” “Yes.” He nodded sadly. “God has given this, and I must have faith in the way He sets out for me.” “What way, Farhin?” “The way of the mujahid, the holy warrior.”

Il terrorista non è un nichilista ma un credente a tutto tondo:

The terrorists aren’t nihilists, starkly or ambiguously, but often deeply moral souls with a horribly misplaced sense of justice.

L’obiettivo dello studioso è quello di comprendere questo altruismo estremo che conduce a sacrificare la propria vita per cause solo all’apparenza astratte:

… understand and convey what makes humans willing to kill and die for others…

L’istituzione privilegiata per vedere all’opera l’altruismo radicale dell’uomo è la tribù, ma intesa in senso lato:

It is the larger family, or “tribe,” and not the mostly ordinary individuals in it, that increasingly has seemed to me the key to understanding the extraordinary violence of mass killing and the murder of innocents… There is an extended sense of tribe similar to philosopher Jonathan Glover’s outlook in Humanity, his very disturbing chronicle of twentieth-century atrocities. This broader idea of tribe refers to a group of interlinked communities that largely share a common cultural sense of themselves, and which imagine and believe themselves to be part of one big family and home…

La tribù “allargata” puo’ diventare una comunità immaginaria i cui membri mancano spesso di una relazione  personale tra loro:

the “imagined community,” as political scientist Benedict Anderson once referred to the notion of the nation,6 extends from city neighborhoods to cyberspace…

La cosa non è nuova, già le ideologie novecentesche (vere religioni) avevano realizzato un legame tribale tra estranei:

Nazi Germany imagined itself in terms of a tribe, the fatherland, and pushed the Soviet Union away from pretensions of universal brotherhood and back to a Mother Russia, which, with the Stalin priesthood, in fact mobilized tribal passions for sacrifice in the Great Patriotic War…

Ormai sappiamo che esiste un legame solido tra altruismo e guerra. Niente altruisti, niente guerre. Non a caso rinveniamo spesso un’esaltazione della guerra tra gli altruisti radicali:

War is noble in a true cause that is worth more than life. Fighting for that is a strong feeling, strong.”…

La metafora più sfruttata in questi casi è quella familare:

… It’s no accident that nearly all religious and political movements express allegiance through the idiom of the family—brothers and sisters, children of God, fatherland, motherland, homeland…

I terroristi non sono razzisti: per loro l’uomo è una creta sempre modellabile e la cultura è tutto, un bambino sionista puo’ sempre diventare un eccellente mujahedin:

whether the children of Zionist Jews raised by mujahedin families since birth would become good Muslims and mujahedin or remain Zionist Jews. Nearly all mujahedin, leaders and foot soldiers alike, answered that the children would grow up to be good Muslims and mujahedin. They usually said that everyone’s fitrah (nature) is the same and that social surroundings and teaching make a person good or bad…

Il bene più ambito dai terroristi è la gloria:

Glory is the promise to take life and surrender it in the hope of giving greater life to some group of genetically bound strangers who believe they share an imagined community under God (or under His modern secular manifestations, such as the nation and humanity)…

Difficile non sentire l’afflato religioso spirare da questi sentimenti sinceri.

Nelle parole dei martiri la causa (religiosa) è sempre accostata alla fratellanza, ovvero alla comunità di appartenenza.

“My son didn’t die just for the sake of a cause, he died also for his cousins and friends. He died for the people he loved.” And my puzzling over that sentiment then became an overarching theme of study for this book…

Ma, almeno nell’uomo moderno, la scienza puo’ rimpiazzare fede e altruismo radicale? No. E non deve quindi meravigliare che molti terroristi non siano affatto estranei al mondo della scienza, o per lo meno della tecnologia (è nota tra loro la preponderanza di ingegneri). La scienza fallisce invariabilmente nel momento in cui vuole proporsi come base morale per una vita appagata:

Some of my fellow nonreligious scientists believe that science is better able than religion to constitute or justify a moral system that regulates selfishness and makes social life possible. In fact, there doesn’t seem to be the slightest bit of historical or experimental evidence to support such faith in science… Neither do I think scientists are particularly well suited to provide moral guidance to society… As Noam Chomsky put it in response to my criticism of “new atheists” who claim to replace faith-based morality with science-based morality: “On the ordinary problems of human life, science tells us very little, and scientists as people are surely no guide. In fact they are often the worst guide, because they often tend to focus, laser-like, on their professional interests and know very little about the world.”…

Dai tempi di Dukheim sappiamo che la religione e solo la religione fonda la convivenza umana (la laicità nasconde quasi sempre una religione moderna che si oppone a quelle passate, ricordiamoci che lo statista laico per eccellenza fu Hitler):

“God and society are one and the same…” French sociologist Émile Durkheim famously conjectured…

In nome della religione e dell’altruismo noi compiamo sia i gesti più nobili che quelli più infimi. L’empatia è alla base dell’ecatombe come della umanità. I genocidi più efferati sono stati compiuti spesso da chi ha sacrificato la propria vita e la propria famiglia alla causa e non certo da avidi egoisti in cerca di un sordido tornaconto personale:

…religions sanctify and incite fear (which is the father of cruelty) but also hope (which is the friend of happiness). Between the Hecatomb and Humanity, religion’s polar products, the destinies of civilizations continue to evolve…

L’idea religiosa regala all’uomo “senso” e “socializzazione”, due beni primari:

Humans and other primates have two preoccupations in life: health and social relations. Actually, they’re often the same: socialize to survive… This belief that our world was intended for the committed community is what I call the Cause. It is a mystical thing, a product of our biological evolution and history that gives spiritual purpose to our lives…

Con la socializzazione e il “senso” del proprio agire arrivano le motivazioni e  arriva presto anche  la civiltà:

… this illusion [Atran è un ateo convinto] came to drive humanity and make itself real in the creation of cultures and the religious rise of civilizations..

Il libro risulta disturbante proprio per il sottile legame che istituisce tra terrorismo e civiltà. Ecco lo scopo dell’autore dietro questa mossa ardita:

It’s about attempting to demystify terrorism, lessen our fears, and reduce the dangers of violent overreaction…

Jihadisti e umanitari hanno molto in comune, quasi ci si confonde:

jihad fights with the most primitive and elementary forms of human cooperation, tribal kinship and friendship, in the cause of the most advanced and sophisticated form of cultural cooperation ever created: the moral salvation of humanity…

Dal punto di vista psicologico e antropologico il terrorista è un tipo normale:

Anthropologically and psychologically, terrorists usually are not remarkably different from the rest of the population. There are a few cruel kooks and some very bright individuals who go in for violent jihad, but most terrorists fall in between. Small-group dynamics can trump individual personality to produce horrific behavior in ordinary people…

Ecco un profilo:

demographic and social tendencies exist: in age (usually early twenties), where they grew up and where they hang out (neighborhood is often key), in schooling (mostly nonreligious and often science oriented), in socioeconomic status (middle-class and married, though increasingly marginalized), in family relationships (friends tend to marry one another’s sisters and cousins)…

Il concetto centrale che il libro vuol far passare: non ci si sacrifica solo per una causa ma per una comunità. Gruppo e sopravvivenza vanno a braccetto cosicché la psicologia evoluzionista viene chiamata direttamente in causa:

These are tales and studies in the wild about how and why people come naturally to die and kill for the Cause—people almost never kill and die just for the Cause, but also for each other: for their group, whose cause makes their imagined family of genetic strangers—their brotherhood, fatherland, motherland, homeland, totem, or tribe… Now I see that friendship and other aspects of small-group dynamics, such as raising families or playing on a team together, trump most everything else in moving people through life. But I also see religion, and quasi-religious nationalist or internationalist devotion such as patriotism and love of humanity, as framing and mobilizing that movement with purpose and direction….But I think I’ve come to understand that without groups, and without sincere love of them by some, our species probably wouldn’t have survived… A person alone can analyze history but can’t make it without others…

Ricordiamoci sempre qual è la chiave del nostro successo evoluzionistico:

The key to this astounding and bewildering development, it appears, is mushrooming cultural cooperation and creativity within groups, in order to better compete against other groups…

E naturalmente la religione è l’ingrediente fondamentale di questa ricetta:

The story of humanity has been the religious rise of civilizations, however secular in appearance the recent chapters of the story appear…

In particolare i monoteismi, che hanno dato vita alle civiltà più estese (grandi dei, grandi civiltà):

The formation of large-scale cooperative societies is an evolutionary problem, because evolutionary theories of reciprocity based on kin relations or quid pro quo (scratch my back and I’ll scratch yours) cannot account for the fact that people frequently cooperate with strangers of unknown reputation whom they will never meet again and whose loyalties they cannot control. But religious beliefs and obligations can reinforce cooperative norms by conferring on them sacredness, and with supernatural punishment or divine retribution for breaking with those cooperative norms. Supernaturals are the unimpeachable authors of what is sacred in society… Sociologists and anthropologists argue that sacred beliefs and values authenticate society as having existence beyond the mere aggregation of its individuals and institutions… A reason for these divine beings: to make large-scale cooperation possible between anonymous strangers. Historical and cross-cultural analyses indicate that the larger a society’s population, the more likely it is to have deities who are concerned with managing morality and mitigating selfishness.

Forse la religiosità non è un istinto innato ma di sicuro emerge direttamente da istinti innati:

Religion, for example, is neither a naturally selected adaptation of our species nor innate in us. But we are biologically primed by evolution to be on the lookout for potential predators, and especially guard against intelligent and cunning agents like ourselves. So hair-trigger is this survival sensibility that we see enemies in clouds or hear them in the wind. It’s only a short step from imagining invisible agents to believing in their supernatural existence—a step motivated by fears of death and deception, and hopes of success and salvation. I’ll show evidence that this tricking and tweaking of our species’ innate and universal sensibilities is what creates religion from cognition…

Un parallelo (provocatorio, esagerato ma eloquente) potrebbe essere fatto tra pornografia e altruismo radicale:

From an evolutionary standpoint, imagined kinship isn’t all that different from pornography: It too involves manipulation of naturally selected proclivities for passionate ends that may be very far removed from evolutionary needs but create a cultural reality of their own….

Atran ha studiato a lungo l’origine della religione. Per lui, questo istinto naturale di far gruppo tra parenti ha isolato alcuni strumenti particolarmente efficaci a fungere da collante, tra questi il più affidabile è appunto il pensiero religioso (la religione emergerebbe così come effetto collaterale di questa esigenza):

When imagined kinship combines with team spirit, amazing things are possible: like winning battles against all odds, achieving civil rights, or you and your buddies blowing yourselves—and your perceived enemies—to bits…

Il concetto di Nazione è essenzialmente un concetto religioso:

In Imagined Communities, Benedict Anderson describes the birth of the concept of the nation as basically a reformulation of religion and the imagined kinship of ethnicity…

Ci sono una miriade di religioni moderne che noi non siamo abituati a considerare tali:

Secularized by the European Enlightenment, the great quasi-religious isms of modern history, as political philosopher John Gray calls them—colonialism, socialism, anarchism, fascism, communism, democratic liberalism—harnessed industry and science to continue on a global scale the human imperative of cooperate to compete… Even the idea of human rights is an outgrowth of monotheism, brought down from heaven to everyone on earth (in principle) by Europe’s Enlightenment.

Oggi le comunità sono virtuali e spesso staccate dai territori. Difficile allora pensare ai conflitti come a “scontri di civiltà” perché questa deterritorializzazione segna una crisi delle civiltà tradizionali – essenzialmente territoriali – e l’emersione di nuove civiltà:

As French political scientist Olivier Roy astutely notes, religion and politics are becoming increasingly detached from their cultures of origin, not so much because of the movement of peoples (only about 3 percent of the world’s population migrates),18 but through the worldwide traffic of media-friendly information and ideas…contrary to those who see global conflicts along long-standing “fault lines” and a “clash of civilizations,” these conflicts represent a crisis, even collapse, of traditional territorial cultures, not their resurgence… Many made giddy by globalization—the ever faster and deeper integration of individuals, corporations, markets, nations, technologies, and knowledge—believe that a connected world inexorably shrinks differences and divisions, making everyone safer and more secure in one great big happy family…

Molti giovani sono in cerca di “senso” e lo rinvengono in queste comunità virtuali che pur veicolando valori tradizionali sono spesso staccate dalla tradizione vera e propria e nel contesto contemporaneo offrono qualcosa di originale e in grado di marcare l’identità:

Many, especially the young, are increasingly independent yet interactive, in the search for respect and meaning in life, in their visions of economic advancement and environmental awareness. These youth form their identities in terms of global political cultures through exposure to the media…

Ora ci appare chiaro l’errore preoccupante che si annida nelle analisi più superficiali:

Politicians and pundits assure us that jihadism is nihilistic and amoral, with no real program or humanity. Yet charges of nihilism against an adversary usually reflect willful ignorance regarding the adversary’s moral framework

COMMENTO PERSONALE

Al netto dell’ateismo dell’autore – fatto emergere anche laddove del tutto irrilevante – le tesi del libro sembrano convincenti. D’altronde, una certa sovraesposizione ideologica è giustificata: l’autore vorrebbe forse rassicurare della sua fede di fondo i “quattro cavalieri” dell’ateismo militante (Harris, Dawkins, Hitchens e Dennett) visti i duri scontri precedenti. Ricordo solo che i “quattro” sostenevano come al fanatismo islamico andasse contrapposto un non meglio precisato “pensiero scientifico”. Il commento di Atran: “barzellette”. E da lì sono state legnate pesanti come solo tra atei puo’ succedere.

Shaykh Abu 'Uthman Ibrahim   

 

Beneficienza autistica

Aiutare il prossimo è qualcosa di sopravvalutato perché si sottovaluta quanto sia difficile farlo. Troppo speso le buone intenzioni si trasformano in uno spreco di energie che danneggia tutti.

Quando il filosofo William MacAskill aiuta il suo prossimo la cosa che desidera più ardentemente è aiutarlo. Non crediate che sia facile perché la tentazione di limitarsi ad “agire in modo edificante”, a fare qualcosa che si presti al racconto incombe sempre. Bisogna allora ricorrere a mille trucchi, eseguire molti calcoli, fare parecchi confronti per non cascare nella trappola. Tutte fredde operazioni con esiti imprevedibili che potrebbero raffreddare il vostro entusiasmo di benefattori. Tutte operazioni spiegate nel suo libro Doing Good Better: Effective Altruism and a Radical New Way to Make a Difference”. Sappiate allora che il più grande nemico sono le “buone intenzioni”: che lo si ammetta o meno a molti di noi basta sentirle nel cuore per pacificare la propria coscienza. Oltretutto, se siete generosi col vostro prossimo la cosa si noterà, se fallite nell’aiutarlo concretamente ben pochi saranno interessati a sottolinearlo.

Ecco la storia di un gigantesco fallimento a lungo silenziato, quello delle Playpump:

Until 1989, Trevor Field was a typical middle-aged South African man… he had watched the women of a rural village wait for hours next to a windmill-powered water pump. There had been no wind that day but the women, who had trekked for miles, still needed to bring water… There simply must be a better way to do this, he’d thought. Now he was witnessing a potential solution… The PlayPump, as it was called, utilised the power of children at play to provide a sustainable water supply for the community… In 1995 he secured his first sponsor, Colgate Palmolive, installed the first PlayPump, and quit his job in order to focus full-time on the project,… His first major breakthrough came in 2000, when he beat 3,000 other applicants to win a World Bank Development Marketplace Award, given to ‘innovative, early stage development projects… That award attracted funding and attention, which culminated in a site visit from Steve Case, CEO of internet service provider AOL, and his wife Jean… Steve Case used his internet expertise to pioneer new forms of online fundraising… The PlayPump became the darling of the international media, who leapt at the opportunity to come up with punning headlines like ‘Pumping water is child’s play’ and ‘The magic roundabout’… In an article for Time magazine in 2006, Bill Clinton called the PlayPump a ‘wonderful innovation’… Rapper Jay-Z raised tens of thousands of dollars through his ‘Water for Life’ concert tour in 2006… First Lady Laura Bush, launching a campaign designed to raise $60 million to fund 4,000 PlayPumps across Africa by 2010… Trevor Field was at the centre of it all – a rock star of the charity world… By 2009 his charity had installed 1,800 PlayPumps across South Africa, Mozambique, Swaziland and Zambia… despite the hype and the awards and the millions of dollars spent, no one had really considered the practicalities of the PlayPump… Most playground roundabouts spin freely once they’ve gained sufficient momentum – that’s what makes them fun. But in order to pump water, PlayPumps need constant force, and children playing on them would quickly become exhausted… In one village local children were paid to ‘play’ on the pump… women of the village ended up pushing the roundabout themselves – a task they found tiring, undignified and demeaning… What’s more, no one had asked the local communities if they wanted a PlayPump in the first place… many said they preferred the hand pumps that were previously installed…. hand pump of the same cylinder size as a PlayPump provided 1,300 litres of water per hour – five times the amount of the PlayPump…. The old hand pump was much easier.’… Even when communities welcomed the pumps, they didn’t do so for long. The pumps often broke down within months, but, unlike the Zimbabwe Bush Pump, the mechanism was encased in a metal shell and could not be repaired by the community… The billboards on the storage tanks lay bare: the rural communities were too poor for companies to be interested in paying for advertising… at $14,000 per unit, it cost four times as much… PBS ran a documentary exposing the PlayPump’s many shortcomings…

Da notare: nonostante il loro fallimento acclarato le PlayPump continuano ad essere installate poiché descrivere il loro funzionamento suona talmente bene che la reputazione di chi le sponsorizza non è intaccata nemmeno ora che sappiamo come sono andate le cose.

Yet, despite its fall from grace, the PlayPump lives on. Under the name Roundabout Water Solutions, Field’s non-profit organisation continues to install the same model of PlayPumps across South Africa, with backing from corporations including Ford Motor Company and Colgate Palmolive… good intentions can all too easily lead to bad outcomes…

Michael Kremer e Rachel Glennerster insistono che la cosa migliore da fare per migliorare la nostra beneficienza è studiare i fallimenti. Uno esemplare:

Turkana people are basically nomadic, and various development projects had hoped to improve their quality of life by settling them on the lake, so they built a big factory for fish. They managed to get them to settle and fish in the lake, but then the lake got overfished, and the fish stock collapsed … It was depressing.’…

Kremer e Glennester si sono imbattuti nel caso singolare delle adozioni a distanza: costruire scuole nei paesi poveri, fare volontariato nelle medesime, donare testi scolastici sempre più aggiornati, pagare insegnanti sempre più preparati, comprare lavagne e altri sussidi didattici… si tratta di progetti che destano la nostra ammirazione. Sverminare i bambini invece è un’operazione che non gode di altrettanta aurea. Eppure Kremer scoprì che in certi contesti è di gran lunga la miglior strategia in campo educativo (abbatte il gigantesco assenteismo):

Kremer spoke to Paul Lipeyah, a friend who worked for the Dutch charity International Christian Support (now called Investing in Children and Their Societies, or ICS). ICS’s main programme was child sponsorship, in which a donor paid a regular amount to help an individual child or a small community. ICS had been trying to improve school attendance and test scoresnew textbooks, additional teachers, school uniforms and so on… Kremer urged Lipeyah to test his programme using a method known as a randomised controlled trial… Randomised controlled trials are the gold-standard method of testing ideas in other sciences, and for decades pharmaceutical companies have used them… But before Kremer suggested it, the idea was almost unheard of in the development arena… it seemed obvious that providing more textbooks would help students learn. However, when Kremer tested this theory by comparing test scores between schools that received books and those that didn’t, he found no effect… Next, Kremer looked at providing flipcharts. The schoolchildren couldn’t understand the textbooks, but having flipcharts would allow teachers to tailor lessons to the specific needs of the students. Perhaps these would work better? Again, however, no effect…. increasing the number of teachers would? After all, most schools had only one teacher, catering to a large class. But, again, he found no discernible improvement from decreasing class sizes… At that point a friend at the World Bank suggested he test deworming… They aren’t as dramatic as AIDS or cancer or malaria because they don’t kill nearly as many people as those other conditions. But they do make children sick, and can be cured for pennies: off-patent drugs, developed in the fifties, can be distributed through schools and administered by teachers, and will cure children of intestinal worms for a year… The results were striking. ‘We didn’t expect deworming to be as effective as it was,’… Absenteeism is a chronic problem in schools in Kenya, and deworming reduced it by 25%….What’s more, deworming didn’t merely have educational benefits. It had health and economic benefits, too…. when Kremer’s colleagues followed up with the children ten years later, those who had been dewormed were working on average an extra 3.4…

Morale: senza calcoli accurati si è inefficienti. L’emozione ci frega, il cuore è un ostacolo.

… being unreflective often means being ineffective… Trevor Field and everyone who supported him were driven by emotions – the appeal of seeing happy children provide their communities with clean water through the simple act of playing… The Case Foundation, Laura Bush and the Clinton Global Initiative supported the PlayPump not because there was good evidence…

Molti, per esempio, si sono scagliati contro contro i RCT (Random Control Trial): fare confronti implica che fornisci, per esempio, più insegnanti ad un villaggio rispetto ad un altro pur avendo le risorse per non discriminare: molti ritengono tutto cio’ immorale anche se operare in questo modo  accrescere  in la nostra conoscenza e ci fa  programmare più razionalmente l’aiuto futuro.

Quando “aiutiamo noi stessi” la nostra mentalità è molto diversa rispetto a quando “aiutiamo gli altri”: difficile, per esempio, che investiamo i nostri risparmi dando retta a imbonitori incontrati per strada, eppure buona parte della nostra beneficienza la facciamo in questo modo.

Imagine, for example, that you’re walking down your local high street. An attractive and frighteningly enthusiastic young woman leaps in front of you, barring your way. She clasps a tablet and wears a T-shirt that says ‘Dazzling Cosmetics’. You agree to speak to her and she explains that she represents a beauty products company that is looking for investment. She tells you how big the market for beauty products is, and how wonderful the products they sell are, and how, because the company spends over 90% of its money on making the products, and less than 10% on staff, distribution and marketing, the company is extremely efficient and therefore able to generate an impressive return on investment. Would you invest? Of course you wouldn’t…. If you wanted to invest in a company, you would consult experts or investigate different companies and compare… almost no one is foolish enough to invest in a company that is pitched to them on the street…

Quando aiutiamo gli altri ci disinteressiamo poi della loro sorte, dell’utilità del nostro aiuto, cosa che ci guardiamo bene dal fare quando “aiutiamo noi stessi”:

…Because we don’t get useful feedback when we try to help others, we often don’t get a meaningful sense of whether we’re really making a difference… Kremer and Glennerster succeeded in part because they didn’t assume they knew what the most effective way of helping people was… ‘deworming is probably the least sexy development programme there is’…

Il benefattore razionale deve essere onesto e imparziale ma soprattutto deve sapere che almeno il 50% del suo sacrificio consiste nel calcolare le forme del suo aiuto: scoprire il deworming è stato più faticoso che realizzarlo. La mistica del sacrificio potrebbe essere addirittura controproducente.

Kremer and Glennerster exemplify a way of thinking I call effective altruism. Effective altruism is about asking ‘How can I make the biggest difference I can?’… effective altruism consists of the honest and impartial attempt to work out what’s best for the world, and a commitment to do what’s best, whatever that turns out to be…Many people believe that altruism should necessarily denote sacrifice, but if you can do good while maintaining a comfortable life for yourself, that’s a bonus…

Ci sono organizzazioni filantropiche cento volte più efficienti di altre:

We discovered that the best charities are hundreds of times more effective at improving lives than merely ‘good’ charities…

Forse il miglior modo per far beneficienza è finanziare quelle organizzazioni che valutano l’efficienza delle organizzazioni filantropiche:

… two New York hedge-fund analysts, Holden Karnofsky and Elie Hassenfeld, quit their jobs to start GiveWell, an organisation that conducts extraordinarily in-depth research to calculate which charities do the most good with every dollar they receive…

Ecco le domande che bisogna porsi quando si fa del bene “senza cuore”:

How many people benefit, and by how much? Is this the most effective thing you can do? Is this area neglected? What would have happened otherwise? What are the chances of success, and how good would success be?…

Perché sono domande importanti?

Question 1 helps us to think concretely about how different actions improve people’s lives, so that we don’t squander our time or money on activities that don’t, ultimately, make people better off. Question 2  ensures we try to spend our efforts not on ‘merely good’ activities, but on the very best activities. Question 3 directs us to focus on those areas which receive comparatively little attention, and for which others haven’t taken the outstanding opportunities to make a difference. Question 4 helps us to ensure that we’re not trying to do good works that would happen with or without our involvement. Question 5 helps us to think about uncertainty correctly, so that we can know when to pursue activities that have low odds of success but large potential payoffs instead of activities with guaranteed smaller benefits…

C’ è chi si fa prendere dallo sconforto: ma con il poco che posso donare come farò mai la differenza. Si conclude che in fondo il nostro sforzo è una goccia nell’oceano, e che a questo punto basta il gesto.

Eppure… Eppure bisogna essere consapevoli che la maggioranza di chi leggerà questo libro apparterrà al fatidico 1% della popolazione più ricca del pianeta. Gli altri al 5%. Ora, magari siete anche scesi in strada con i movimenti “occupy…” per gridare il vostro sdegno contro il famigerato 1% di privilegiati multimiliardari. Ma nella questione che trattiamo qui l’ 1% siamo tutti noi! E’ evidente che ci sfuggono i nostri privilegi.  

When the Occupy Wall Street movement gained traction in late 2011, disaffected citizens of the Western world quickly adopted the term ‘the 1%’ to refer to the top 1% of income earners in wealthy nations, primarily the United States…. References to the 1% versus the 99% – i.e. the rest of the population – quickly became shorthand for the income gap in America… These facts can lead those of us who aren’t in that 1% to feel powerless, but this focus on the top income earners in the United States neglects just how much power almost any member of an affluent country has. If people focus exclusively on American inequality, they’re missing an important part of the bigger picture… If you earn above $52,000 (£34,000) per year, then, speaking globally, you are part of the 1%. If you earn at least $28,000 (£18,200) – that’s the typical income for working individuals in the US – you’re in the richest 5% of the world’s population. Even someone living below the US poverty line, earning just $11,000 (£7,000) per year, is still richer than 85% of people in the world…

So già qual è l’obiezione: ma il costo della vita nei paesi poveri è inferiore quindi il nostro privilegio non è ben rappresentato dalla diseguaglianza nei redditi nominali.

Sure,’ you might say, ‘the poor in developing countries might not have much money, but that money can pay for so much more because the cost of living in those places is cheaper.’… When I was in Ethiopia, I ate at one of Addis Ababa’s fanciest restaurants, and the bill came to about $10…

D’altronde, si prosegue, ci sono zone del mondo in cui la gente vive con 5 dollari al giorno, da noi sarebbe impossibile, ergo: il costo della vita è inferiore che da noi: 

You might wonder how anyone can live on so little money. Surely they’d die? And the answer is … they do. At least, they die much more regularly than those of us who live in developed countries…

Ecco, non lasciatevi ingannare dal trucco che c’è dietro: il costo della vita non c’entra (o c’entra relativamente). Chi vive con poco… vive male:  

… In other dimensions, their lives are just as lacking as you’d expect, given their earnings… spending most of their income on food… The majority are underweight and anaemic… Most households own radios but lack electricity, toilets or tap water. Less than 10% of households possess a chair or a table… In the US, because there is no extreme poverty, there is no market for extremely cheap goods. The lowest quality rice you can buy in the US is far better than what you could buy in Ethiopia or India… The room I rented in Ethiopia for $1 a night was far worse than anything I could rent in the US… The very worst housing you can buy in the US is far better than the mud-brick houses typical for those living below the $1.50/day…

Ora dovrebbe essere tutto più chiaro: da noi essere poveri è dura soprattutto perché non ci sono molti poveri e quindi non esiste un mercato dei poveri. E’ vero, In Etiopia potete dormire in albergo pagando 1 euro ma nel letto troverete gli scarafaggi. Da noi prezzi tanto bassi non ci sono non tanto perché il costo della vita è più alto ma per il semplice fatto che siamo tutti abbastanza ricchi da poterci permettere di rifiutare condizioni del genere: se un albergatore le proponesse fallirebbe!

Bene, ora che abbiamo visto che i poveri del mondo sono veramente poveri (e non “finti poveri” con redditi bassi bilanciati da un costo della vita inferiore), ci si para davanti agli occhi “la grande occasione”: le diseguaglianze sono talmente forti che la nostra azione di benefattori puo’ davvero fare molto: 

Because we are comparatively so rich, the amount by which we can benefit others is vastly greater than the amount by which we can benefit ourselves. We can therefore do a huge amount of good at relatively little real cost… we make ourselves $1 poorer and thereby make an Indian farmer living in extreme poverty $1 richer. How much more would that $1 benefit the poor Indian farmer than ourselves? It’s a basic rule of economics that money is less valuable to you the more you have of it…

Pensate solo all’utilità marginale del denaro! E’ vero che i soldi non fanno la felicità ma vi contribuiscono:

Figure 3, which shows the relationship between income and subjective wellbeing both within a country and across countries… Source: Stevenson and Justin Wolfers, ‘Subjective well-being and income’… For someone earning $1,000 per year, a $1,000 pay rise generates the same increase in happiness as a $2,000 pay rise for someone earning $2,000 per year, or an $80,000 pay rise for someone already earning $80,000 per year… Imagine if your boss called you in and told you your salary would double for the next year. You’d be pretty pleased, right?…

Per noi il mondo della beneficienza è un moltiplicatore della felicità, un colossale Happy Hour:

… Imagine a happy hour where you could either buy yourself a beer for $5 or buy someone else a beer for 5¢. If that were the case, we’d probably be pretty… This idea is important enough that I’ve given it a name. I call it The 100x Multiplier…

Non è sempre stato così, per 200.000 anni (fino a 250 anni fa) l’uomo di ogni paese ha avuto un reddito medio giornaliero di 2 dollari al giorno:   

… from the evolution of Homo sapiens 200,000 years ago until the Industrial Revolution 250 years ago – the average income across all countries was the equivalent of $2 per day or less… Even now, over half of the world still lives on $4 per day or less…

Conclusione: una goccia nel mare? No. 

… Sometimes we look at the size of the problems in the world and think, ‘Anything I do would be just a drop in the bucket. So why bother?’ But, in light of the research shown in these graphs, that reasoning doesn’t make any sense…

COMMENTI PERSONALI

Un libro pieno di stimoli che finora su di me ha avuto un solo effetto concreto: non donare nulla per il recente terremoto (ho seguito il principio: “nella tua beneficienza trascura senza sensi di colpa gli eventi che compaiono sui media nelle prime 25 pagine”). Mi chiedo se la beneficienza che non crea comunità abbia un valore così totalizzante: forse il senso di soddisfazione che crea in noi la “generosità tradizionale” non è solo narcisismo o irrazionalismo, forse qualcosa di quel sentimento va salvato, forse non va completamente raschiato via come fa invece la beneficienza spietata di William MacAskill.

doing

 

 

 

 

Il mito della matematica

A cosa mi serve conoscere i sette Re di Roma? E sapere dov’ è sul mappamondo Timor Est? E dominare le preposizioni articolate del francese? E coniugare alla terza persona plurale del passato remoto il verbo “cuocere”?

In generale, questi quesiti si condensano retoricamente in uno che li assorbe tutti: “ma a cosa diavolo serve il latino”?

Con una certa regolarità il “latino” sale sul banco degli imputati: è giusto perderci tempo a scuola? A che cosa serve nella vita concreta? Sono in molti a ritenerlo superfluo (personalmente ho parecchie incertezze), e ormai una sentenza di condanna non suona più nemmeno provocatoria.

Facile però prendersela con i deboli, molto più interessante prendersela con i forti e chiedersi, per esempio: ma a cosa serve la matematica, siamo poi così sicuri che serva a qualcosa?

MATH

Ok, se vado a far la spesa molto meglio saper far di conto, ma nel pormi la domanda ho in mente quelle nozioni matematiche che vanno un pochino oltre l’aritmetica o l’algebra elementare (che un papà geometra motivato potrebbe trasmettere al figlio senza tanto dispendio di energie). Diciamo quelle nozioni che vanno un pochino oltre la matematica che si insegna fino alle scuole medie e che ammorba lo studente nel decennio successivo.

Altra precisazione dovuta: è chiaro che uno “storico del cinema” o un “intendente alle belle arti” possa fare a meno della matematica nel suo mestiere, ma qui considero i professionisti del comparto tecnico/scientifico.

David Edwards è un professore di matematica alla “University of Georgia” e per lui la matematica è uno dei miti più irrazionali nella società più razionale della storia.

Cosa deve intendersi per “math myth”?

The math myth is the myth that the future of the economy is dependent upon the masses having higher mathematics skills…

In effetti nei media spesso sentiamo che per sostenere la nostra competitività servono più tecnici, più scienziati, più ingegneri, più programmatori…! Questo anche se…

Vivek Wadhwa has described how there’s no shortage of scientists and engineers (primo mito della lista)….

Chissà se anche il Italia le cose stanno come dice Vivek. A giudicare dagli stipendi si direbbe di sì ma la cosa non è decisiva visto che l’america ci precede su una strada a cui siamo comunque destinati.

Dalla frequentazione di “ingegneri, scienziati, esperti di computer…” Edwards nota che alla maggior parte di loro basta e avanza qualche nozione di Excel e la matematica insegnata alle medie, da qui trae la sua congettura:

Math Myth Conjecture: If one restricts one’s attention to the hardest cases, namely, graduates of top engineering schools such as MIT,  RPI,  Cal. Tech., Georgia Tech., etc., then the percent of such individuals holding engineering as opposed to management, financial or other positions, and using more than Excel and eighth grade level mathematics (arithmetic, a little bit of algebra, a little bit of statistics, and a little bit of programming) is less than 25% and possibly less than 10%…

Si noti che l’attenzione è rivolta ad una classe ristretta di professionisti specializzati. Come dire “figuriamoci gli altri…”.

Insomma, a parte chi conosce la matematica perché insegna la matematica, ben pochi tra gli altri lavoratori del comparto tecnico-scientifico più avanzato è tenuto a conoscerla oltre un livello che possiamo definire elementare.

Ad onor del vero, bisogna anche dire che Edward non ha fatto studi sistematici in merito, e infatti parliamo di semplice congettura. Le sue intuizioni si basano solo dalla sua esperienza, che però è un’esperienza molto vicina all’oggetto di cui parliamo. Ecco, a titolo di esempio, un episodio che racconta:

… Accenture, the former consulting part of the now defunct Arthur Anderson, was recruiting at UGA for math and computer science majors. I invited them-one professional recruiter and three consultants-to give their spiel to my classMath for Computer Science. After they finished, I asked the consultants: So, what mathematics do you actually use? They sheepishly responded: None. So, I asked them: What computer science do you actually use? Again the answer was: None. They were only interested in math or computer science majors as a convenient filter!…

La cosa, se presa sul serio, avrebbe parecchie implicazioni:

Acceptance of the conjecture should have revolutionary educational implications . In particular, it undermines the legitimacy of requiring highermathematics of all students. Such mathematics is actually needed by only a minute fraction of the workforce…

Di solito si reagisce affermando che “la matematica aiuta a pensare”. Ci si sente consolati da questa semplice e vaga affermazione evitando di spingersi oltre. Purtroppo, gli psicologi che sono “andati oltre” tentando una verifica non hanno affatto confermato questo pensiero meramente consolatorio: i nostri saperi e le nostre abilità sono molto specifiche, per pensare meglio (più razionalmente) un problema la cosa migliore è cimentarsi con quello specifico problema, non perdere tempo studiando nozioni di logica o di matematica. Questa è anche la sensazione di chi opera sul campo, ecco un’analogia icastica:

Argument against is the one I always hear around the mathematics department: mathematics helps you to think clearly. I have a very low opinion of this self-serving nonsense. In sports there is the concept of the specificity of skills: if you want to improve your racquetball game, don’t practice squash! I believe the same holds true for intellectual skills…

CONCLUSIONI PERSONALI

Certo che se facciamo fare alla “matematica” la fine del “latino” dobbiamo accumunare alla loro sorte l’intero percorso formativo dello studente: è la scuola/università che serve a ben poco. L’alternativa è smettere di chiederci “a cosa serve?” ripiegando su qualche teoria più sofisticata (e quindi anche più cervellotica) dell’istruzione.

PRIMO

7/9/2016 primo giorno di scuola

PRIM

7/9/2016 primo giorno di scuola