Chi compra non si pente, chi non compra sì

Quando cattolici pro-life e atei pro-choice dibattono sull’aborto sembra di assistere ad un dialogo tra sordi, e l’interesse non decolla neanche tra i terzi che assistono.

Nelle orecchie resta solo un grande chiasso, tanto è vero che la Chiesa sembra oggi orientata a osservare un compito silenzio in materia.

Forse un ateo militante come Bryan Caplan riesce a sintonizzarsi meglio con la controparte quando difende la causa pro-life.

L’ anti-abortista canonico definisce l’aborto un assassinio, non nego esistano buoni argomenti per sostenerlo, ma bisogna registrare che l’ interlocutore non è disposto a dialogare in questi termini. Meglio allora spostare il fuoco della discussione.

Ma chi è l’interlocutore dell’anti-abortista?

Spesso un uomo che si vuole “moderno“, al passo con i suoi tempi, brillante, à la page, sensibile alla scienza, lontano dalle superstizioni religiose.

Un uomo del genere fa dell’ utilitarismo la sua filosofia preferita, chiede che le decisioni non vengano prese sulla base di dogmi o “valori non negoziabili” ma soppesando attentamente le conseguenze, valutando con cura costi e benefici per massimizzare il bene concreto della comunità.

Bè, strano che un uomo del genere non sia anti-abortista: gli argomenti utilitaristici contro l’aborto sono molto forti. Non ve ne siete mai accorti?..

… the utilitarian case against abortion seems very strong…

Portare a termine una gravidanza impegna solo nove mesi

… Even if a pregnant woman deeply resents her pregnancy, she is only pregnant for nine months…

Cosa sono nove mesi di fronte ad una vita intera?

Altri elementi possono essere aggiunti a questo fatto centrale.

Primo: tutti noi siamo più o meno grati di vivere…

… Almost everyone is glad to be alive…

Poi: c’è una lunga lista di persone che adotterebbe volentieri il “bambino non voluto”.

Terzo: i “bambini non voluti” diventano quasi sempre “bambini voluti” (come molti genitori che danno in adozione scoprono con dolore).

Quarto: chi ha una gravidanza forzata recupera presto il trauma emotivo…

… Women who just miss the legal cutoff for abortion seem to quickly recover emotionally…

Vediamo come risponde di solito l’utilitarista imbarazzato: l’utilità dei non-nati non conta. Ma…

… the creation of creatures who will feel a lot more pleasure than pain seems like a great good…

Meglio una terra abitata da gente felice o una terra deserta? Chi risponde che è meglio la prima ammette che l’utilità dei non nati conta eccome.

D’altronde, quando ci interessiamo delle “generazioni future”, ci interessiamo dell’ utilità dei non nati. Com’è che lì allora l’utilità dei non-nati conta?

Non penso proprio che tra le soluzioni ragionevoli del global warming rientri anche quella di non fare figli (e magari chi li fa se l’è cercata!).

Altra reazione: qualora i figli non nati nascessero sarebbero una piaga sociale…

… Argue that each unwanted child has large negative social effects, even though people are eager to adopt…

Ma bisogna essere dei malthusiani estremi per sostenerlo: a questa stregua non dovremmo nemmeno aiutare i più deboli e i meno adatti a sopravvivere…

… Once you accept this story, of course, saving any life becomes morally suspect….

Un’ altra risposta comune

… But that implies a further moral duty to have tons of babies.”…

Ovvero: “ma allora sarebbe doveroso figliare come conigli? Assurdo”.

Ad essere assurda è semmai la filosofia utilitarista che piace tanto all’uomo moderno.

Cio’ detto, senza arrivare a certi paradossi, il messaggio centrale può essere conservato nel quadro di un’etica che distingua doveri obbligatori e azioni lodevoli.

***

Chi accetta queste ragioni conclude che l’ aborto è sbagliato e va impedito.

Ma, anche qui, ci sono misure intermedie che possono essere adottate.

Quelle tipiche del “paternalismo libertarioindirizzano la scelta della donna senza conculcare la sua libertà di fondo.

Si parte da due considerazioni fattuali: 1. i figli non voluti diventano presto figli voluti e 2. le persone tendono a pentirsi di non aver fatto (abbastanza) figli.

Il motto in questioni del genere…

… Buyer’s remorse is rare; non-buyer’s remorse is common…

Nessuno dice: “avrei tanto voluto abortire“. Mentre in molti dicono “avrei tanto voluto aver figli“.

Si noti che la seconda espressione non equivale al classico “avrei tanto voluto evitare l’aborto” ma segnala tuttavia una forte asimmetria nello status quo bias.

L’asimmetria ci serve per rispondere alla classica obiezione: “chi non si pente dei figli avuti è soggetto a status quo bias”; a questo punto è facile negare “non è vero poiché lo stesso dovrebbe valere anche per chi invece si pente dei figli non avuti”.

Misure per scoraggiare l’aborto senza vietarlo: Uno, creare un periodo di attesa come per l’eutanasia…

… Waiting periods: Abortions must be scheduled at least a week in advance…

Due: consulenza medica anti-abortista di default (solo l’esplicito rifiuto puo’ esentare)…

… An opt-out rule for counseling. The libertarian paternalist could schedule all women who want an abortion for a pre-procedure session with a psychologist… just volunteer mothers who previously considered abortion…

Tre: rendere più scomoda la logistica di chi vuole abortire (anche agevolando l’obiezione di coscienza)…

… Inconvenient locations: Abortions have to be performed in remote rural hospitals…

Quarto: cessazione del finanziamento pubblico o comunque ticket elevati…

… If the government thinks that a procedure is generally ill-advised, the first step is to refrain from encouraging it…

Il libertario accetterà forse solo quest’ultima misura ma il “paternalista libertario” dovrebbe tener conto anche di delle altre.

Conclusione

… well-crafted nudges would sharply reduce the number of women who abort children they would have eventually come to love…

Nel paniere delle ragioni anti-abortiste non mi sono avvalso del “rimorso di aver abortito” poiché recentemente è stato oggetto di controversie.

Il lavoro di Diana Greene Foster sembra infatti segnalare che la donna sottoposta ad aborto si riprende presto da eventuali disturbi mentali…

… When [researcher Diana Greene Foster] looked at more objective measures of mental health over time — rates of depression and anxiety — she also found no correlation between having an abortion and increased symptoms…

Il fatto è che, sempre nel lavoro della Green Foster, si evince che lo stesso avviene per chi ha una gravidanza non voluta! Con una differenza: questi ultimi soggetti tendono ad impoverirsi e vivono una vita materialmente più grama.

Tutto cio’ esalta un’asimmetria: chi ha una gravidanza forzata recupera meglio di chi abortisce, visto che non fa registrare differenze psicologiche a fronte di una condizione materiale che peggiora… 

… If the women who gave birth were sicker and poorer, why weren’t they more depressed or anxious? Simple: Either sickness and poverty have little effect on depression and anxiety, or having a child actually reduces depression and anxiety holding sickness and finances constant…

1-Nursing-and-peeing

Advertisements

Un pensiero riguardo “Chi compra non si pente, chi non compra sì”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...