Io confesso

La confessione dei peccati è stata a lungo esecrato come forma di controllo sociale esercitato dalla Chiesa Cattolica sulla comunità. Oggi direi che questo pericolo si è dissolto cosicché possiamo accostarci al Sacramento con  ritrovata serenità. D’altronde, nella mia esperienza, è una delle poche forme di “protagonismo” lasciate al fedele, tanto è vero che non appena il ricorso alla confessione è andato scemando il narcisismo è dilagato altrove: psicoanalisi, “opinionismo” spiccio (telefonate in radio, lettere ai giornali…), social network, eccetera. Tutti hanno trovato forme di protagonismo alternative (e quasi sempre più degradanti).

Inoltre, mentre un tempo esporre i propri peccati ci rattristava, oggi lo si fa con un malcelato orgoglio, con due occhietti che dicono: “eh, sì, sono proprio una peste io…”. Naturalmente anche questo è un peccato da confessare, magari come sorpresone finale da riservare al confessore.

Tuttavia, c’è ancora molta gente che teme la confessione, i frequentatori di Chiese hanno ben presente il fenomeno: tutti in fila a far la Comunione (che ci si sgranchisce le gambe dopo quasi un’ora di Messa) e nessuno a confessarsi (nessuno sente più pesi sulla coscienza… “che cavolo gli racconto?”).

Forse si teme un “blocco“, non tutti sono abituati a parlare “a comando”.

In questo caso evitate i preti stranieri: qualche tempo fa un coreano si è limitato a fissarmi con sguardo inquisitorio mentre interpretavo un monologo durato cinque-minuti-cinque. La scarsa dimestichezza con la lingua gli impediva di intervenire, spero. Non so se avete presente, ma parlare per cinque minuti filati, per chi non è abituato a prendere la parola in pubblico, è faticoso come scalare l’Everest.

Per altri motivi, evitate anche i preti anziani: a parte l’alito cattivo, che nel quasi-amplesso del confessionale puo’ risultare letale, hanno sempre fretta e concepiscono solo la Confessione/ciacolatoria. Intervengono praticamente subito (5/6 secondi) e per voi reinserirvi nel discorso sarò dura, riuscirete giusto a intrufolare qua e là qualche monosillabo di assenso. Se poi vi vedono la fede al dito siete spacciati: sulla famiglia il loro repertorio è infinito. Cio’ non toglie che siano dolcissimi.

A proposito di “blocco”, cominciate con il presentarvi, dite chi siete e cosa fate, i vostri peccati maturano in un contesto che deve essere conosciuto. E’ un espediente per rompere il ghiaccio: la sindrome da “blocco” non è uniforme. Ricordando i miei cinque minuti di “assolo”, definirei il primo come “catatonico”, il secondo come “anchilosato”, il terzo come “sgranchito”, il quarto “al trotto sincopato” e il quinto “a velocità di crociera”. Ormai ero lanciato, avrei doppiato agevolmente la soglia dei 10 minuti (la materia prima non mancava). 

C’è poi il terrore della preghiera finale: “e se mi chiede l’atto di dolore senza foglietto?”. Il “Gesù d’amore acceso…” è un conto, ma l’ “Atto di Dolore” no! “Mi pento e mi dolgo dei miei peccati…” e poi? Boh. C’è gente che rinuncia in preda a simili fantasmi, non scherzo. E allora niente paura: confessate candidamente la vostra ignoranza. Ricordatevi che se siete inginocchiati lì dove siete inginocchiati appartenete già solo per questo fatto ad un’élite: dovete inorgoglirvi, non vergognarvi.

In confessione, bisognerebbe confessare peccati specifici anziché tenersi sulle generali, tuttavia, per setacciarli meglio potrebbe essere utile avere perlomeno una lista di categorie sulle quali concentrarsi. Quella che segue è la mia personale ma scommetto che si adatta facilmente a qualsiasi persona calata nella contemporaneità.

  1. Bolla/Spreco/Misantropia. Indulgere nella propria “bolla”: crogiolarsi oltremisura  in una realtà virtuale costruita su misura per isolarci dal contatto urticante con il reale. Ti accorgi di avere molte energie ma non intendi indirizzarle all’esterno. In fondo, anche l’ intelletto è un muscolo e se lo eserciti per certi lavori poi è stanco per svolgerne altri. Più ci si isola, più ci si rende sensibili, più cresce l’idiosincrasia per il prossimo. L’ altro è un nemico da evitare finché si puo’.
  2. Giudizio/Narcisismo/Temperanza. Il giudizio seriale è un vizio diffuso, di solito prende due forme. C’ è la componente legata allo scarico di responsabilità: per gestire l’ imprevisto abbiamo bisogno di scaricarci la coscienza assegnando delle colpe. Poi c’ è la forma del giudizio gratuito: il pettegolezzo con giudizio annesso ci seduce. Infine c’ è la dimensione virtuale: abbiamo bisogno di attribuire colpe su scala mondiale sistemando le cose in quattro e quattr’otto, la nostra ignoranza su certi problemi che ci trascendono ci dovrebbe consigliare il silenzio ma non siamo disposti a prestarle ascolto. Qui c’ è una chiara componente narcisistica, la voglia di essere protagonisti e di spiccare per arguzia.
  3. Rassegnazione/Pigrizia/fatalismo. Accettarsi per come si è con i propri pregi e i propri difetti rinunciando ad ogni forma di progresso spirituale. Ti viene da dire “son fatto così” e finché non accade un evento traumatico non rifletti mai sulla possibilità che hai di cambiare. In questo modo sfuggono tutti i benefici del “puntare in alto”: chi ci crede, dà sempre di più (si chiama growth mindset).
  4. Status/Umiltà. A mente fredda  ti accorgi quanto conti per te coltivare la tua immagine e quanto tutto questo incida sulle tue decisioni. Le cose si svolgono al riparo della coscienza e comportano un costo elevato che di fatto è uno spreco. Possiamo parlare di  “spreco” ma anche di mancanza di coraggio: oggi più che mai il contrario del coraggio non è la codardia ma il conformismo.
  5. Cerebralismo. Nel rapporto con la fede capita di privilegiare l’ aspetto razionale – magari impegnandosi nella difesa di talune cause – o nell’ edificare un’ identità formale piuttosto che ricercare una vera e propria esperienza religiosa.
  6. Autocontrollo/Collera. A volte si fanno gesti, anche violenti, di cui ci si pente subito, e forse anche per questo si tende a sottovalutarne la gravità. Provare il pentimento basta a sentirsi scusati. Non inganniamoci, specie se la pratica si rinnova, si tratta di difetti incancreniti e di peccati mortali. Lavorare sull’autocontrollo prescinde dal pentimento.

Continua.

tumblr_ls9bjsV6ik1qbhp9xo1_1280

Annunci

One thought on “Io confesso”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...